Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Disciplinari di produzione vini – Malvasia delle Lipari Doc

Loading

Disciplinari di produzione vini

Disciplinare di produzione dei vini

Denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta

Per denominazione di origine protetta (DOP) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualita' e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all'ambiente naturale ed ai fattori umani. Costituiscono altresi' una denominazione di origine taluni termini usati tradizionalmente, alle condizioni previste dall'articolo 118-ter, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007.

Per indicazione geografica protetta (IGP) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualita', notorieta' e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona.

Classificazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche

1. Le denominazioni di origine protetta (DOP) con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto, si classificano in:
a) denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG);
b) denominazioni di origine controllata (DOC).

2. Le DOCG e le DOC sono le menzioni specifiche tradizionali utilizzate dall'Italia per designare i prodotti vitivinicoli DOP, come regolamentati dalla Comunita' europea. Le menzioni «Kontrollierte Ursprungsbezeichnung» e «Kontrollierte und garantierte Ursprungsbezeichnung» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco. Le menzioni «Appellation d'origine contrôlee» e «Appellation d'origine contrôlee et garantie» possono
essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella regione Valle d'Aosta, di bilinguismo francese. Le menzioni «kontrolirano poreklo» e «kontrolirano in garantirano poreklo» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla legge 23 febbraio 2001, n. 38, recante norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli-Venezia Giulia.

3. Le IGP con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). L'indicazione geografica tipica costituisce la menzione specifica tradizionale utilizzata dall'Italia per designare i vini IGP come regolamentati dalla Comunita' europea. La menzione «Vin de pays» puo' essere utilizzata per i vini IGT prodotti in Val d'Aosta, di bilinguismo francese, la menzione «Landwein» per i vini IGT prodotti in provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco, e la menzione «deželma oznaka» per i vini IGT prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla richiamata legge 23 febbraio 2001, n. 38. 

4. Le menzioni specifiche tradizionali italiane di cui al presente articolo, anche con le relative sigle DOC, DOCG e IGT, possono essere indicate in etichettatura da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea.

 N° DENOMINAZIONE VINO  Espressione comunitaria  Menzione tradizionale art. 112, lett. a) del Reg. (UE) 1308/2013  Numero fascicolo Numero e-Bacchus Regione o Provincia Autonoma


1 Aglianico del Taburno DOP DOCG PDO-IT-A0277 CAMPANIA
2 Aglianico del Vulture Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0527 BASILICATA
3 Alta Langa DOP DOCG PDO-IT-A1252 PIEMONTE
4 Amarone della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0435 VENETO
5 Asti DOP DOCG PDO-IT-A1396 PIEMONTE
Bagnoli Friularo Friularo di Bagnoli DOP DOCG PDO-IT-A0467 VENETO
7 Barbaresco DOP DOCG PDO-IT-A1399 PIEMONTE
8 Barbera d'Asti DOP DOCG PDO-IT-A1398 PIEMONTE
9 Barbera del Monferrato Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1397 PIEMONTE
10 Bardolino Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0437 VENETO
11 Barolo DOP DOCG PDO-IT-A1389 PIEMONTE
12 Brachetto d'Acqui Acqui DOP DOCG PDO-IT-A1382 PIEMONTE
13 Brunello di Montalcino DOP DOCG PDO-IT-A1199 TOSCANA
14 Cannellino di Frascati DOP DOCG PDO-IT-A0678 LAZIO
15 Carmignano DOP DOCG PDO-IT-A1220 TOSCANA
16 Castel del Monte Bombino Nero DOP DOCG PDO-IT-A0537 PUGLIA
17 Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0538 PUGLIA
18 Castel del Monte Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0539 PUGLIA
19 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0483 MARCHE
20 Cerasuolo di Vittoria DOP DOCG PDO-IT-A0773 SICILIA
21 Cesanese del Piglio Piglio DOP DOCG PDO-IT-A0680 LAZIO
22 Chianti DOP DOCG PDO-IT-A1228 TOSCANA
23 Chianti Classico DOP DOCG PDO-IT-A1235 TOSCANA
24 Colli Asolani - Prosecco Asolo - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0514 VENETO
25 Colli Bolognesi Classico Pignoletto DOP DOCG PDO-IT-A0284 EMILIA ROMAGNA
26 Colli di Conegliano DOP DOCG PDO-IT-A0453 VENETO
27 Colli Euganei Fior d'Arancio Fior d'Arancio Colli Euganei DOP DOCG PDO-IT-A0455 VENETO
28 Colli Orientali del Friuli Picolit DOP DOCG PDO-IT-A0938 FRIULI VENEZIA GIULIA
29 Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Conegliano - Prosecco Valdobbiadene - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0515 VENETO
30 Cònero DOP DOCG PDO-IT-A0449 MARCHE
31 Dogliani DOP DOCG PDO-IT-A1330 PIEMONTE
32 Dolcetto di Diano d'Alba Diano d'Alba DOP DOCG PDO-IT-A1324 PIEMONTE
33 Dolcetto di Ovada Superiore Ovada DOP DOCG PDO-IT-A1319 PIEMONTE
34 Elba Aleatico Passito Aleatico Passito dell'Elba DOP DOCG PDO-IT-A1237 TOSCANA
35 Erbaluce di Caluso Caluso DOP DOCG PDO-IT-A1315 PIEMONTE
36 Fiano di Avellino DOP DOCG PDO-IT-A0232 CAMPANIA
37 Franciacorta DOP DOCG PDO-IT-A1034 LOMBARDIA
38 Frascati Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0682 LAZIO
39 Gattinara DOP DOCG PDO-IT-A1311 PIEMONTE
40 Gavi Cortese di Gavi DOP DOCG PDO-IT-A1310 PIEMONTE
41 Ghemme DOP DOCG PDO-IT-A1263 PIEMONTE
42 Greco di Tufo DOP DOCG PDO-IT-A0236 CAMPANIA
43 Lison DOP DOCG PDO-IT-A0457 FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO
44 Montecucco Sangiovese DOP DOCG PDO-IT-A1246 TOSCANA
45 Montefalco Sagrantino DOP DOCG PDO-IT-A0833 UMBRIA
46 Montello rosso Montello DOP DOCG PDO-IT-A0461 VENETO
47 Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOP DOCG PDO-IT-A0876 ABRUZZO
48 Morellino di Scansano DOP DOCG PDO-IT-A1260 TOSCANA
49 Offida DOP DOCG PDO-IT-A0477 MARCHE
50 Oltrepò Pavese metodo classico DOP DOCG PDO-IT-A0958 LOMBARDIA
51 Piave Malanotte Malanotte del Piave DOP DOCG PDO-IT-A0463 VENETO
52 Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOP DOCG PDO-IT-A0535 PUGLIA
53 Ramandolo DOP DOCG PDO-IT-A0939 FRIULI VENEZIA GIULIA
54 Recioto della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0441 VENETO
55 Recioto di Gambellara DOP DOCG PDO-IT-A0470 VENETO
56 Recioto di Soave DOP DOCG PDO-IT-A0465 VENETO
57 Roero DOP DOCG PDO-IT-A1261 PIEMONTE
58 Romagna Albana DOP DOCG PDO-IT-A0285 EMILIA ROMAGNA
59 Rosazzo DOP DOCG PDO-IT-A0367 FRIULI VENEZIA GIULIA
60 Ruchè di Castagnole Monferrato DOP DOCG PDO-IT-A1258 PIEMONTE
61 Scanzo Moscato di Scanzo DOP DOCG PDO-IT-A0949 LOMBARDIA
62 Sforzato di Valtellina Sfursat di Valtellina DOP DOCG PDO-IT-A1035 LOMBARDIA
63 Soave Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0473 VENETO
64 Suvereto DOP DOCG PDO-IT-A1266 TOSCANA
65 Taurasi DOP DOCG PDO-IT-A0237 CAMPANIA
66 Torgiano Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0834 UMBRIA
67 Val di Cornia Rosso Rosso della Val di Cornia DOP DOCG PDO-IT-A1262 TOSCANA
68 Valtellina Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1036 LOMBARDIA
69 Verdicchio di Matelica Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0480 MARCHE
70 Vermentino di Gallura DOP DOCG PDO-IT-A0903 SARDEGNA
71 Vernaccia di San Gimignano DOP DOCG PDO-IT-A1292 TOSCANA
72 Vernaccia di Serrapetrona DOP DOCG PDO-IT-A0445 MARCHE
73 Vino Nobile di Montepulciano DOP DOCG PDO-IT-A1308 TOSCANA

 

Malvasia delle Lipari Doc

05.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  "MALVASIA DELLE LIPARI"


Approvato con D.P.R. 20.09.1973 G.U. 28 – 30.01.1974
Modificato con D.M. 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata "Malvasia delle Lipari" è riservata ai vini bianco, passito e
liquoroso che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di
produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
Il vino "Malvasia delle Lipari" deve essere ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti composti dai
vitigni nella proporzione indicata a fianco di ciascuno di essi: Malvasia di Lipari massimo del 95%,
Corinto nero dal 5 all'8%.


Articolo 3
Zona di produzione
Le uve destinate alla produzione del vino "Malvasia delle Lipari" devono essere prodotte
nell'arcipelago delle isole Eolie (o Lipari) in provincia di Messina.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino "Malvasia delle
Lipari" devono essere quelle tradizionali della zona e comunque atte a conferire alle uve e ai vini
derivati le loro specifiche caratteristiche di qualità.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati o comunque atte a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
E' vietata ogni pratica di forzatura. E' ammessa l'irrigazione di soccorso.
La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino "Malvasia delle Lipari" è stabilita in t
9 per ettaro di coltura specializzata.
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la resa dovrà essere ricondotta
attraverso un'accurata cernita delle uve, purché la produzione non superi del 20% il limite massimo.
Fermo restando il limite sopra indicato, la resa per ettaro di coltura promiscua deve essere calcolata,
rispetto a quella specializzata, in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
La resa massima dell'uva in vino non deve essere superiore al 70%.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell'intero territorio di cui all'articolo 3.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino "Malvasia delle Lipari" un titolo
alcolometrico volumico naturale minimo di 11,00% vol.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti atte a
conferire al vino le sue peculiari caratteristiche.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
Il vino "Malvasia delle Lipari" all'atto dell'immissione al consumo deve rispondere alle seguenti
caratteristiche:
colore: giallo dorato o ambrato;
odore: aromatico, caratteristico;
sapore: dolce-aromatico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol di cui almeno 8,00% vol svolti;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19,0 g/l.
E' in facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentarie forestali dei vini di modificare, con
proprio decreto, i limiti sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.
E' consentita la produzione del "Malvasia delle Lipari" nel tipo "passito", partendo dalle uve di cui
al precedente articolo 2 sottoposte al tradizionale appassimento naturale.
Il vino "Malvasia delle Lipari" passito dovrà essere immesso al consumo non prima del 1° giugno
successivo alla vendemmia con titolo alcolometrico volumico totale minimo di 18,00% vol ed un
residuo in zuccheri naturali non inferiore al 6%.
Il vino di cui al presente articolo può essere qualificato come vino "dolce naturale" e la resa
massima dell'uva in vino non dovrà essere superiore al 45%.
Il vino "Malvasia delle Lipari" prodotto con uve che raggiungono- a seguito anche di un eventuale
lieve appassimento- un titolo alcolometrico volumico naturale di 12,50% vol e con una resa di uva
in vino non superiore al 60%, può essere usato per la preparazione, mediante alcolizzazione, del
tipo "liquoroso".
Il vino "Malvasia delle Lipari" liquoroso all'atto dell'immissione al consumo deve avere un titolo
alcolometrico volumico totale minimo 20,00% vol di cui almeno 16,00% vol svolti ed un contenuto
in zuccheri residui non inferiore al 6% e deve aver subito un periodo di affinamento di mesi 6 a
decorrere dalla data di alcolizzazione.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla denominazione di cui all'art. 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi:
"superiore", "extra", "fine", "scelto", "selezionato" e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi
privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
La denominazione geografica Eolie o Lipari è riservata esclusivamente ai vini che rispondono alle
condizioni di produzione e ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare e quindi non può essere
usata per designare altri tipi di vino.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
1. Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica delimitata comprende tutto il territorio dell'arcipelago delle isole Eolie in
provincia di Messina.
L'arcipelago è costituito da sette isole vere e proprie cui si aggiungono isolotti e scogli affioranti dal
mare.
Le isole sono disposte al largo della Sicilia settentrionale, di fronte la costa tirrenica del messinese
da cui distano circa 40 km.
Le sette isole, tutte di origine vulcanica, sono: Alicudi, Filicudi, Lipari, Panarea, Salina, Stromboli e
Vulcano.
L'arcipelago comprende ben due vulcani attivi (Stromboli e Vulcano), oltre a fenomeni vari di
vulcanismo secondario.
Nel 2000 le Eolie sono state proclamate patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO.
La vite è coltivata soprattutto nell'isola di Salina ed anche in quelle di Lipari e Vulcano.
Lipari ha un estensione di circa 37 Km quadri ed è l'isola più grande dell'arcipelago; Salina è la
seconda con oltre 26 Km quadri ed è una oasi ricca di verde e d'acqua dolce con veri e propri
boschi di castagni, pioppi ed altre specie arboree della macchia mediterranea.
Salina veniva chiamata anticamente "Didyme" dal greco gemelli, in quanto costituita da due vulcani
gemelli; il Monte dei Porri, geologicamente più recente, alto 860 m. e l'antico Fossa delle Felci che,
con i suoi 962 mt., è la vetta più elevata dell'intero arcipelago, oggi Riserva naturale integrata.
I vigneti si trovano dal livello del mare fino ad oltre i 400 metri di altitudine.
I suoli sono di origine vulcanica con prevalente frazione sabbiosa ed a permeabilità elevata.
Si tratta di regosuoli-lito-suoli-andosuoli, formatisi sulle lave e sui materiali di eruzione di diversa
età e, quindi sono suoli in evoluzione, di regola di limitato spessore.
La piovosità media annua varia dai 500 ai 600 mm., ed è concentrata nel periodo autunno-invernale
con i mesi di luglio ed agosto generalmente asciutti.
Il clima dell'arcipelago è caratterizzato da una accentuata ventosità.
2. Fattori umani rilevanti per il legame.
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere i vini a doc "Malvasia delle Lipari".
Le isole furono colonizzate dai Greci, intorno al 580 a.C.; essi chiamarono le isole Eolie poiché
ritenevano che fossero la dimora di Eolo, dio dei venti.
Ritrovamenti a Lipari di monete antiche (V-IV sec. a.C. ) recanti l'immagine di tralci e di grappoli
testimoniano le antiche origini e l'importanza economica della viticoltura in questa zona geografica.
Lo storico Diodoro Siculo parla di una colonia greca, che nel 588-577 a.C. avrebbe importato a
Lipari un vitigno che prese il nome di Malvasia, ma non si è certi che tale vitigno sia l'attuale
Malvasia di Lipari.
Una delle prime testimonianze della produzione vitivinicola delle Eolie è di A. Bacci che nel 1596
afferma che " ...l'isola di Lipari è sparsa di fecondi colli, che per l'interno calore del suolo danno
un vino sincero....."
Si riferiscono a questo vino e alla cultivar diffusa nell'arcipelago il conte Odart (1859) ed il Barone
Mendola di Favara (1868).
Nel 1890 Guy de Maupassant nella sua "La vita errante" descrive l'isola di Salina ed il suo vino
così "mentre tornavo, avevo scoperto dalla barca un'isola nascosta dietro Lipari. Il battelliere la
chiamò Salina. Lì si produce il vino di Malvasia. Volli bere... una bottiglia del celebre vino....E'
proprio il vino dei Vulcani, denso, zuccherato, dorato ..."
Nel 1900 il vino fu presentato all'esposizione di Parigi dove ricevette un premio.
Nel 1933 fu portato alla prima "mostra dei vini tipici di Siena", dove fu definito "d'aroma squisito".
La produzione dell'uva e del vino ha subito negli anni forti oscillazioni; nel 1800 si producevano
circa 10.000 ettolitri; negli anni sessanta del 900 ha raggiunto il minimo storico con una produzione
di circa 200 ettolitri, attualmente se ne producono circa 800-900 ettolitri.
Una prima forte contrazione si ebbe nei primi del '900 a causa dell'invasione fillosserica, poi la
forte emigrazione della popolazione e lo sviluppo del turismo, le difficoltà di una viticoltura
estrema, difficile, basata sul duro lavoro manuale, portarono ad un progressivo abbandono della
agricoltura.
A partire dalla fine degli anni ottanta c'è stata una forte ripresa della viticoltura eoliana sotto la
spinta di alcuni illuminati produttori; la storia recente è caratterizzata da una evoluzione positiva
della denominazione, con l'impianto di nuovi vigneti, la nascita di nuove aziende, la professionalità
degli operatori che hanno contribuito ad accrescere il livello qualitativo e la rinomanza della DOC
"Malvasia delle Lipari", come testimoniano i riconoscimenti in campo nazionale ed internazionale
dei vini a DOC "Malvasia delle Lipari" prodotti dalle aziende della zona geografica di riferimento.
E' stata una delle prime DOC ad essere riconosciuta in Sicilia con Decreto del Presidente della
repubblica (Dpr) del 20 settembre 1973.
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale definizione
dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente disciplinare di
produzione:
-base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino in questione, sono quelli
tradizionalmente coltivati nell'area geografica considerata; la Malvasia di Lipari e il Corinto Nero.
La Malvasia di Lipari è una cultivar appartenente al gruppo delle Malvasie, antichi vitigni di
discussa origine. Il nome deriva dalla città greca del Peloponneso Monembasi, Menemvasia o
Monovaxia (cioè porto con una sola entrata).
Per quanto riguarda l'origine della Malvasia attualmente diffusa nelle isole Eolie, si possono
formulare alcune ipotesi:
-il vitigno potrebbe essere stato introdotto dai Micenei, che nel XVI-XIV sec. a.C. ebbero stretti
rapporti con le popolazioni dell'arcipelago eoliano;
-la cultivar potrebbe essere stata introdotta , insieme ad altre, da Greci Cnidi che nel 1580 a. .C.
colonizzarono le isole Eolie.
Cupani la descrive nel suo Hortus Catholicus con il nome di Malvagia. Notizie della sua
coltivazione ci vengono dal barone Mendola (1868) che ne esalta il vino "color di zecchino,
profumato, soave e gagliardo, che più invecchiando in bottiglia più migliora..."
Il Corinto Nero è un vitigno originario della Grecia, presente in tutto il Mediterraneo.
Cupani lo descrive nel suo Hortus Catholicus e nel Panphyton Siculum e parla di Corinto appassito
al sole indicandolo come "Passulina del nostro regno"
- le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura sono quelli tradizionali della
zona e comunque atti a conferire alle uve ed al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità.
La vite veniva coltivata a pergolato molto basso (50-60 cm dal suolo) ; e la struttura di legno e
canne veniva fatta utilizzando essenze arboree locali tipiche della macchia mediterranea.
Oggi si è diffusa molto anche la controspalliera più o meno bassa con impianti di media fittezza
(5.000-6000 piante per ettaro) per ovviare alla forte ventosità tipica delle isole.
La coltivazione del vitigno Malvasia di Lipari richiede molta diligenza e cura per ottenere un buon
prodotto: una potatura adeguata alle caratteristiche genetiche della cultivar (scarsa fertilità delle
gemme basali).
I vigneti, nelle zone di forte pendenza, vengono coltivati, fin dai tempi più antichi, su caratteristici
terrazzamenti contenuti da muretti a secco di pietra lavica che rendono unico un paesaggio singolare
ed affascinante.
L'importanza della presenza delle terrazze è data dal fatto che la loro funzione e il loro valore si
estende ad aspetti che vanno oltre quello di puro contenimento del terreno per la creazione di nuove
aree coltivabili. Di particolare interesse risulta il ruolo giocato ai fini del rallentamento delle acque
superficiali, nella difesa dagli agenti erosivi del suolo dei terreni denudati della vegetazione naturale
a fini colturali. Il suolo accumulato in una terrazza ha tra l'altro una capacità di ritenzione idrica
elevata, in particolare in prossimità del muro dove l'acqua superficiale rallenta e può penetrare nel
sottosuolo, pur garantendone il drenaggio attraverso il materiale posto 'a secco'. A queste funzioni
altre se ne collegano: conservazione della biodiversità, conservazione e mantenimento del valore
identitario e storico-culturale.
- le pratiche relative all'elaborazione dei vini, sono quelle tradizionalmente consolidate in
zona. La tipologia passito prevede una raccolta dell'uva sovramatura, selezione dei grappoli ed
eliminazione degli acini guasti, appassimento naturale al sole su graticci di listarelle di canne
("canizzi") per 10-15-20 giorni, spremitura dei grappoli appassiti, fermentazioni lunghe a
temperatura controllata in recipienti di piccola capacità.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare presentano, dal punto di vista analitico ed organolettico,
caratteristiche molto evidenti e peculiari, che ne permettono una chiara individuazione e
tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
Si tratta di ottimi vini dolci da dessert e/o da meditazione con un odore aromatico caratteristico, un
sapore dolce-aromatico, vellutato, armonico, morbido, dolce ma non stucchevole con grande
armonia e persistenza. Pastena (1999) insigne studioso della vitivinicoltura siciliana lo ha definito
vino dal "bouquet particolare, raffinato, unico di gran classe". Andrea Gabbrielli (2004) "un vino
prezioso ed unico, di rara fragranza ed intensità".
C) descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
Le particolari condizioni climatico-ambientali, la tessitura e la struttura chimico-fisica dei terreni
interagiscono in maniera determinante con la coltura della vite, contribuendo all'ottenimento delle
peculiari caratteristiche fisico-chimiche ed organolettiche dei vini della DOC "Malvasia delle Lipari".
Si tratta infatti di ambienti particolarmente vocati ad una vitivinicoltura di qualità.
L'uva della Malvasia delle Lipari matura tra la prima e la seconda decade di settembre ma viene
raccolta in avanzato stato di maturazione.
La millenaria storia vitivinicola di questo territorio, dall'epoca greca fino ai giorni nostri è la generale
e fondamentale prova della stretta connessione ed interazione esistente tra i fattori umani e la qualità e
le peculiari caratteristiche dei vini della DOC "Malvasia delle Lipari". Ovvero è la testimonianza di
come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei secoli, tramandato le
tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell'epoca moderna e
contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico e
tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini "Malvasia delle Lipari", le cui peculiari caratteristiche
sono descritte all'articolo 6 del disciplinare.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Istituto Regionale Vini e Oli
Viale della Libertà n° 66
90143 - Palermo
Telefono 091 6278111
Fax 091 347870;
e-mail irvv@vitevino.it
L'Istituto Regionale della Vite e del Vino è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle
politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010
(Allegato 2), che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare,
conformemente all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |