Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Disciplinari di produzione vini – Falerno del Massico Doc

Loading

Disciplinari di produzione vini

Disciplinare di produzione dei vini

Denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta

Per denominazione di origine protetta (DOP) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualita' e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all'ambiente naturale ed ai fattori umani. Costituiscono altresi' una denominazione di origine taluni termini usati tradizionalmente, alle condizioni previste dall'articolo 118-ter, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007.

Per indicazione geografica protetta (IGP) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualita', notorieta' e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona.

Classificazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche

1. Le denominazioni di origine protetta (DOP) con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto, si classificano in:
a) denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG);
b) denominazioni di origine controllata (DOC).

2. Le DOCG e le DOC sono le menzioni specifiche tradizionali utilizzate dall'Italia per designare i prodotti vitivinicoli DOP, come regolamentati dalla Comunita' europea. Le menzioni «Kontrollierte Ursprungsbezeichnung» e «Kontrollierte und garantierte Ursprungsbezeichnung» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco. Le menzioni «Appellation d'origine contrôlee» e «Appellation d'origine contrôlee et garantie» possono
essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella regione Valle d'Aosta, di bilinguismo francese. Le menzioni «kontrolirano poreklo» e «kontrolirano in garantirano poreklo» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla legge 23 febbraio 2001, n. 38, recante norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli-Venezia Giulia.

3. Le IGP con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). L'indicazione geografica tipica costituisce la menzione specifica tradizionale utilizzata dall'Italia per designare i vini IGP come regolamentati dalla Comunita' europea. La menzione «Vin de pays» puo' essere utilizzata per i vini IGT prodotti in Val d'Aosta, di bilinguismo francese, la menzione «Landwein» per i vini IGT prodotti in provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco, e la menzione «deželma oznaka» per i vini IGT prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla richiamata legge 23 febbraio 2001, n. 38. 

4. Le menzioni specifiche tradizionali italiane di cui al presente articolo, anche con le relative sigle DOC, DOCG e IGT, possono essere indicate in etichettatura da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea.

 N° DENOMINAZIONE VINO  Espressione comunitaria  Menzione tradizionale art. 112, lett. a) del Reg. (UE) 1308/2013  Numero fascicolo Numero e-Bacchus Regione o Provincia Autonoma


1 Aglianico del Taburno DOP DOCG PDO-IT-A0277 CAMPANIA
2 Aglianico del Vulture Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0527 BASILICATA
3 Alta Langa DOP DOCG PDO-IT-A1252 PIEMONTE
4 Amarone della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0435 VENETO
5 Asti DOP DOCG PDO-IT-A1396 PIEMONTE
Bagnoli Friularo Friularo di Bagnoli DOP DOCG PDO-IT-A0467 VENETO
7 Barbaresco DOP DOCG PDO-IT-A1399 PIEMONTE
8 Barbera d'Asti DOP DOCG PDO-IT-A1398 PIEMONTE
9 Barbera del Monferrato Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1397 PIEMONTE
10 Bardolino Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0437 VENETO
11 Barolo DOP DOCG PDO-IT-A1389 PIEMONTE
12 Brachetto d'Acqui Acqui DOP DOCG PDO-IT-A1382 PIEMONTE
13 Brunello di Montalcino DOP DOCG PDO-IT-A1199 TOSCANA
14 Cannellino di Frascati DOP DOCG PDO-IT-A0678 LAZIO
15 Carmignano DOP DOCG PDO-IT-A1220 TOSCANA
16 Castel del Monte Bombino Nero DOP DOCG PDO-IT-A0537 PUGLIA
17 Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0538 PUGLIA
18 Castel del Monte Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0539 PUGLIA
19 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0483 MARCHE
20 Cerasuolo di Vittoria DOP DOCG PDO-IT-A0773 SICILIA
21 Cesanese del Piglio Piglio DOP DOCG PDO-IT-A0680 LAZIO
22 Chianti DOP DOCG PDO-IT-A1228 TOSCANA
23 Chianti Classico DOP DOCG PDO-IT-A1235 TOSCANA
24 Colli Asolani - Prosecco Asolo - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0514 VENETO
25 Colli Bolognesi Classico Pignoletto DOP DOCG PDO-IT-A0284 EMILIA ROMAGNA
26 Colli di Conegliano DOP DOCG PDO-IT-A0453 VENETO
27 Colli Euganei Fior d'Arancio Fior d'Arancio Colli Euganei DOP DOCG PDO-IT-A0455 VENETO
28 Colli Orientali del Friuli Picolit DOP DOCG PDO-IT-A0938 FRIULI VENEZIA GIULIA
29 Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Conegliano - Prosecco Valdobbiadene - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0515 VENETO
30 Cònero DOP DOCG PDO-IT-A0449 MARCHE
31 Dogliani DOP DOCG PDO-IT-A1330 PIEMONTE
32 Dolcetto di Diano d'Alba Diano d'Alba DOP DOCG PDO-IT-A1324 PIEMONTE
33 Dolcetto di Ovada Superiore Ovada DOP DOCG PDO-IT-A1319 PIEMONTE
34 Elba Aleatico Passito Aleatico Passito dell'Elba DOP DOCG PDO-IT-A1237 TOSCANA
35 Erbaluce di Caluso Caluso DOP DOCG PDO-IT-A1315 PIEMONTE
36 Fiano di Avellino DOP DOCG PDO-IT-A0232 CAMPANIA
37 Franciacorta DOP DOCG PDO-IT-A1034 LOMBARDIA
38 Frascati Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0682 LAZIO
39 Gattinara DOP DOCG PDO-IT-A1311 PIEMONTE
40 Gavi Cortese di Gavi DOP DOCG PDO-IT-A1310 PIEMONTE
41 Ghemme DOP DOCG PDO-IT-A1263 PIEMONTE
42 Greco di Tufo DOP DOCG PDO-IT-A0236 CAMPANIA
43 Lison DOP DOCG PDO-IT-A0457 FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO
44 Montecucco Sangiovese DOP DOCG PDO-IT-A1246 TOSCANA
45 Montefalco Sagrantino DOP DOCG PDO-IT-A0833 UMBRIA
46 Montello rosso Montello DOP DOCG PDO-IT-A0461 VENETO
47 Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOP DOCG PDO-IT-A0876 ABRUZZO
48 Morellino di Scansano DOP DOCG PDO-IT-A1260 TOSCANA
49 Offida DOP DOCG PDO-IT-A0477 MARCHE
50 Oltrepò Pavese metodo classico DOP DOCG PDO-IT-A0958 LOMBARDIA
51 Piave Malanotte Malanotte del Piave DOP DOCG PDO-IT-A0463 VENETO
52 Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOP DOCG PDO-IT-A0535 PUGLIA
53 Ramandolo DOP DOCG PDO-IT-A0939 FRIULI VENEZIA GIULIA
54 Recioto della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0441 VENETO
55 Recioto di Gambellara DOP DOCG PDO-IT-A0470 VENETO
56 Recioto di Soave DOP DOCG PDO-IT-A0465 VENETO
57 Roero DOP DOCG PDO-IT-A1261 PIEMONTE
58 Romagna Albana DOP DOCG PDO-IT-A0285 EMILIA ROMAGNA
59 Rosazzo DOP DOCG PDO-IT-A0367 FRIULI VENEZIA GIULIA
60 Ruchè di Castagnole Monferrato DOP DOCG PDO-IT-A1258 PIEMONTE
61 Scanzo Moscato di Scanzo DOP DOCG PDO-IT-A0949 LOMBARDIA
62 Sforzato di Valtellina Sfursat di Valtellina DOP DOCG PDO-IT-A1035 LOMBARDIA
63 Soave Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0473 VENETO
64 Suvereto DOP DOCG PDO-IT-A1266 TOSCANA
65 Taurasi DOP DOCG PDO-IT-A0237 CAMPANIA
66 Torgiano Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0834 UMBRIA
67 Val di Cornia Rosso Rosso della Val di Cornia DOP DOCG PDO-IT-A1262 TOSCANA
68 Valtellina Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1036 LOMBARDIA
69 Verdicchio di Matelica Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0480 MARCHE
70 Vermentino di Gallura DOP DOCG PDO-IT-A0903 SARDEGNA
71 Vernaccia di San Gimignano DOP DOCG PDO-IT-A1292 TOSCANA
72 Vernaccia di Serrapetrona DOP DOCG PDO-IT-A0445 MARCHE
73 Vino Nobile di Montepulciano DOP DOCG PDO-IT-A1308 TOSCANA

 

Falerno del Massico Doc

29.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  "FALERNO DEL MASSICO"


Approvato con DPR 03.01.1989 G.U. 203 - 31.08.1989
Modificato con DM 13.10.1993 G.U. 255 - 29.10.1993
Modificato con DM 05.08.1997 G.U. 196 - 23.08.1997
Modificato con DM 15.05.2002 G.U. 130 - 2002
Modificato con DM 10.03.2011 G.U. 67 - 23.03.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.11.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
1. La Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" è riservata ai vini che
rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione per le
seguenti tipologie:
Bianco;
Rosso;
Rosso riserva;
Primitivo;
Primitivo riserva o vecchio.


Articolo 2
Base ampelografica
1. La Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Bianco è riservata ai vini
provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, dal vitigno Falangina per almeno l'85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino uve di altri vitigni idonei alla coltivazione per la
regione Campania fino ad un massimo del 15% del totale.
2. La Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Rosso è riservata ai vini
provenienti da vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
- Aglianico: minimo 60%;
- Piedirosso: massimo 40%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino uve di altri vitigni idonei alla coltivazione per la
regione Campania fino ad un massimo del 15% del totale.
3. La Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Primitivo è riservata ai vini
provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, dal vitigno Primitivo per almeno l'85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve del vitigno Aglianico, Piedirosso e Barbera,
da soli o congiuntamente, presenti nei vigneti fino ad un massimo del 15% del totale.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
1. Le uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del
Massico" devono provenire dalla zona di produzione che comprende il territorio amministrativo dei
Comuni di Sessa Aurunca, Cellole, Mondragone, Falciano del Massico e Carinola in Provincia di
Caserta.
Tale zona è così delimitata:
Lato est-sudest:
da Ciamprisco in comune di Carinola si segue il corso del vecchio Savone verso sud sino alla
provinciale che da Cappella Reale va a Falciano del Massico. Si segue questa provinciale verso
nord-nordovest sino a raggiungere il corso del nuovo Savone. Se ne segue l'alveo sino alla ferrovia
Roma-Napoli.
Si segue questa verso sud fino alla stazione di Falciano-Mondragone. Si segue la strada che
congiunge detta stazione con Mondragone sino all'incrocio di questa strada provinciale con il corso
del nuovo Savone.
Procede in direzione sud-ovest lungo la strada di bonifica che affianca la scarpata sinistra del
torrente Savone sino all'incrocio della strada vicinale Savonesi; vi si immette e la segue in direzione
sud, costeggiando il lasto est della masseria Savonesi sino a raggiungere la scarpata destra del
canale Cristallina; segue il corso dello stesso in direzione sud-ovest; passa lungo il fosso Recinto in
direzione sud-est, raggiunge l'idrovora Mezzasette, indi la scarpata destra del canale Agnena e la
segue in direzione ovest, sud-ovest attraversando la strada statale n. 7 quater Domiziana al km.
23,000 fino a raggiungere la strada consortile Foce Morta a m. 260 circa dal mare.
Lato ovest:
percorre la detta strada consortile Foce Morta in direzione nord, nord-ovest per tutta la sua
lunghezza e prosegue, nella stessa direzione, seguendo la congiungente che porta sulla strada
consortile Stercolelle, segue quest'ultima e s'immette sulla strada che costeggia la scarpata sinistra
del torrente Savone a m. 200 circa dal mare; infine risale su questa in direzione est, nord-est sino a
raggiungere la strada statale n. 7 quater Domiziana al km. 19,750.
Si segue poi la statale Domiziana verso nord fino al km. 13,300, quindi il viottolo che dalla
Domiziana si stacca per raggiungere la masseria Santoracco; si procede verso nord e si scavalca il
rio San Limato e si raggiunge il canale d'Auria. Da qui lungo il viottolo che porta alla masseria La
Calce si raggiunge il canale circondariale delle Acque Medie che segue fino alla strada degli
Schiavi in località La Tabaccola; segue con direzione nord, nord-ovest il canale circondariale fino a
raggiungere il canale Trenta Palmi che segue verso nord, fino alla Domiziana al km 1,400. Segue la
Domiziana fino all'innesto con la via Appia.
Lato nord:
dalla via Appia fino al canale delle Acque Basse al km. 160,800. Da qui fino al collettore di Maiano
e fino alla strada di Maiano di Sotto ed all'incrocio con il canale di Minturno. Gira a nord per la
quota 19 in modo da includere le zone di Cardici e della masseria Prete, quindi gira verso sud per
ricongiungersi con la strada nazionale n. 430 per Cassino. Segue quindi questa strada fino al confine
nord-ovest del comune di Sessa Aurunca.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinata alla produzione dei vini a
Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" devono essere quelle atte a conferire
alle uve ed ai vini le specifiche caratteristiche di qualità.
2. Sono pertanto da considerarsi idonei ai fini dell'iscrizione alla Denominazione di Origine
Controllata "Falerno del Massico" i vigneti siti in terreni di buona esposizione, asciutti e permeabili.
3. I sesti di impianto, le forme di allevamento (ad esclusione di forme di allevamento espanse) ed i
sistemi di potatura devono essere quelli generalmente usati e comunque atti a non modificare le
caratteristiche delle uve e dei vini.
4. I nuovi impianti e reimpianti devono prevedere un numero di ceppi per ettaro non inferiore a
3.500 e la forma di allevamento a filare.
5. È vietata ogni pratica di forzatura.
È consentita l'irrigazione di soccorso anche a mezzo di specifici impianti fissi.
6. La resa massima di uva ad Ha in coltura specializzata non deve essere superiore a T. 10.
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la produzione dovrà essere riportata
purché la produzione globale del vigneto non superi del 20% il limite medesimo.
7. La resa massima dell'uva in vino non deve essere superiore al 70% per tutti i vini. Qualora la
resa uva/vino superi i limiti di cui sopra, ma non il 80%, l'eccedenza non ha diritto alla
Denominazione d'Origine. Oltre detto limite invece decade il diritto alla Denominazione d'Origine
Controllata per tutta la partita.
8. Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino a Denominazione di Origine
Controllata "Falerno del Massico" Bianco un titolo alcolometrico volumico minimo naturale di
11,50;
al vino a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Rosso un titolo
alcolometrico volumico minimo naturale di 12,00;
al vino a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Primitivo un titolo
alcolometrico volumico minimo naturale di 12,50.
9. La Regione Campania, con proprio provvedimento, su proposta del Consorzio di tutela, sentite le
Organizzazioni di Categoria interessate, di anno in anno, può stabilire di ridurre i quantitativi di uva
per ettaro rivendicabile rispetto a quelli sopra fissati, dandone immediata comunicazione
all'organismo di controllo.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1. Le operazioni di vinificazione, di invecchiamento obbligatorio e di imbottigliamento devono
essere effettuate nell'ambito dei territori amministrativi dei Comuni anche parzialmente inclusi
nella zona di produzione delle uve delimitate nel precedente articolo 3.
Conformemente all'articolo 8 del Reg. CE n. 607/2009, l'imbottigliamento o il condizionamento
deve aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualità o la
reputazione o garantire l'origine o assicurare l'efficacia dei controlli.
2. Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti della zona atte a
conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche di qualità.
3. I vini a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Rosso e "Falerno del
Massico" Primitivo prima dell'immissione al consumo, debbono essere sottoposti ad un periodo
minimo di invecchiamento di un anno a decorrere dal 1° gennaio successivo all'annata di
produzione delle uve.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" all'atto dell'immissione al
consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Falerno del Massico" Bianco:
colore: bianco paglierino con riflessi verdognoli;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: asciutto, sapido;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 12,00% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 15,0 g/l.
"Falerno del Massico" Rosso e Rosso riserva:
colore: rosso rubino intenso, tendente al granata per invecchiamento;
odore: profumo caratteristico ed intenso;
sapore: asciutto o abboccato, caldo, robusto ed armonico;
per la versione riserva sapore: asciutto, caldo, robusto ed armonico;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 12,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 20,0 g/l.
"Falerno del Massico" Primitivo e Primitivo riserva:
colore: rosso rubino intenso, tendente al granata per invecchiamento;
odore: profumo caratteristico, intenso e persistente;
sapore: asciutto o abboccato, caldo, robusto ed armonico;
per la versione riserva sapore: asciutto, caldo, robusto ed armonico;
titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 13,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l.
2. È facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali modificare, con proprio
Decreto, per i vini di cui sopra, i limiti minimi per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.


Articolo 7
Designazione e presentazione
1. Il vino a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Rosso se sottoposto ad un
invecchiamento non inferiore ad anni due, di cui uno in botti di legno, può fregiarsi della menzione
"riserva".
2. Il vino a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" Primitivo se sottoposto ad
un invecchiamento non inferiore ad anni due di cui uno in botti di legno, può fregiarsi delle
menzioni "riserva" o "vecchio".
3. Alla Denominazione di cui all'articolo 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da
quella prevista nel presente disciplinare di produzione ivi compresi gli aggettivi "extra", "fine",
"scelto", "selezionato" e similari.
4. È consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi o ragioni sociali, marchi privati.
5. È consentito l'uso della menzione "vigna" secondo le disposizioni di legge in materia a
condizione che i relativi toponimi o nomi tradizionali figurino nell'apposito elenco regionale ai
sensi dell'art. 6 comma 8, del decreto legislativo n. 61/2010.
6. È consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati
non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
7. Sulle bottiglie o altri recipienti contenenti il vino a Denominazione di Origine Controllata
"Falerno del Massico" deve figurare l'indicazione dell'annata di produzione delle uve.


Articolo 8
Confezionamento
1. I vini a Denominazione di Origine Controllata "Falerno del Massico" devono essere immessi al
consumo unicamente nelle tradizionali bottiglie di vetro, fino ad una capacità massima di litri 12.
È vietato l'utilizzo del tappo a corona.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
Fattori naturali
Il territorio di produzione della dop Falerno del Massico, ubicato nella zona nord occidentale della
provincia di Caserta già noto come Ager Falernus , si identifica oggi nella zona comprendente i
comuni di Sessa Aurunca, Cellole, Mondragone, Falciano del Massico e Carinola. Avente
coordinate geografiche 41,06-41,14 nord e 1,26-1,31 est è ben nettamente delimitato dal fiume
Garigliano a N - NW, dal monte S. Croce ( Roccamonfina) a N-NE, dal confine dei comuni di
Carinola e Mondragone ad est e sud, dal mar Tirreno ad ovest, copre un a superficie territoriale di
Ha. 35.522.
La rete viaria è fittissima e ottimamente articolata. Infatti, la zona interessata è attraversata da tre
importanti strade nazionali: La Via Appia che attraversa il territorio da Nord -Ovest a Sud-Est; la
Domiziana che corre lungo il Mar Tirreno; La Statale 430 del Garigliano che a ridosso del fiume ha
direzione Nord-Nord Est.
I numerosi i corsi d'acqua, oggi sono tutti sistemati ed inalveati.
Orograficamente la zona prende origine dal massiccio vulcanico di Roccamonfina a NordNordovest,
mentre la struttura calcarea del Monte Massico con direzione Sud ovest-nord est taglia
quasi nettamente in due il territorio, per cui la pianura e la collina di Sessa Aurunca risultano
racchiuse,come in una conchiglia,da questa dorsale e dal Monte S.Croce (Roccamonfina).
La parte di Carinola, Falciano del Massico e Mondragone è protetta dai venti freddi di tramontana e
maestrale dalla stessa catena montuosa. Dal punto di vista geologico il territorio è caratterizzato da
stratificazioni risalenti al Trias superiore, che rappresenta il livello più antico ( Monte Massico) sino
ad arrivare alla epoca più recente , il quaternario alluvionale.
Come già accennato, le rocce più antiche sono quelle del Monte Massico. Questa struttura
appartiene prevalentemente al Trias superiore ed al Giurassico ed è allungata da Sud-Ovest a Nord-
Est con direzione anti appenninica. I piani più antichi sono all'estremità di Nord-est mentre i più
recenti sono all'estremità opposta di Sud-Ovest.
E' una struttura calcareo-dolomitica facente parte della "Piattaforma carbonatica appenninica
.La zona più antica si ritiene che si sia formata 225 milioni di anni fa, mentre la più recente ,cioè i
calcari marmosi e le marne del Miocene avrebbero appena (!) 25 milioni di anni.
In tutta questa struttura è possibile rinvenire fossili di varie specie.
L'apparato vulcanico di Roccamonfina presenta ovviamente caratteristiche tutte diverse. Come
abbiamo già detto all'inizio, esso rappresenta il vero apparato generatore della zona.
Questo Vulcano, ormai spento, con i suoi 450 Kmq è per dimensione il quarto Vulcano italiano
mentre per altitudine è il quinto dopo l'Etna, il Vulture, il Vesuvio ed il monte Amiata.
Esso non presenta rapporti diretti nè con la zona vulcanica Laziale nè con quella dei Campi Flegrei
e del Vesuvio. L'unico elemento che ne stabilisce un collegamento, anche se solo in superficie, è la
coltre di "Tufo grigio Campano" (ignimbrite campana) la cui continuità è interrotta dalla sola valle
del Basso Volturno ed i suoi caratteri petrografici rimangono costanti in tutta la Campania. L'inizio
dell'attività vulcanica si puo' far risalire al quaternario antico (neozoico) a circa 1.070.000 –
1.260.000 anni fa.
Dell'attività del Vulcano, si distinguono le lave della 1^ fase e le lave della 2^ fase. Nella prima
fase di attività, oltre che al condotto eruttivo centrale, vi furono anche bocche eruttive eccentriche
come il Monte Ofelio, nelle vicinanze di Sessa Aurunca ed il Monte Sferracavallo, nonché crateri di
esplosione come il lago di Carinola e la fossa dell'Annunziata, sita tra Carinola ed il lago di
Carinola. Appartengono a questa prima fase, più remota, le seguenti rocce:
Tefrite Leucitica (colorata in rosso);
Colate piroclastiche messe a posto per scorrimento (colore viola)
Complessi piroclastici affioranti nelle zone periferiche del Vulcano non sempre isocroni tra loro e
diversi anche mitologicamente (colore marrone).
Appartiene invece alla seconda fase:
L'ignimbrite Trachio –fonolitica (colore arancione).
Dopo un lungo periodo di quiete ,l'edificio vulcanico è nuovamente interessato da fenomeni
effusivi che determinano la messa a posto di una ignimbrite trachio-fonolitica più comunemente
nota con il nome di "Tufo grigio campano" autoctono.
Nonostante l'uniformità delle caratteristiche litologiche, la giacitura nonché la tessitura di queste
ignimbriti dimostrano che la loro origine non è dovuta ad una unica emissione e ad un unico
apparato vulcanico bensì all'attività più o meno contemporanea di numerosi centri. In altre parole,
solo una piccola parte dei depositi che si estendono sulla pianura campana proviene dal
Roccamonfina e comunque, sempre e molto tempo dopo ed indipendentemente dalla 1^ fase
sopradescritta.
Si hanno infine : terreni del QUATERNARIO RECENTE così composti:
Terreni umiferi scuri e di colmata. Terreni limosi ed argillo - limosi grigi e verdognoli
con sottostanti lapilli pomicei ed intercalazione di torba in lenti allungate, ciottolini .
Argille sabbiose, limi, sabbie scure con lapilli pomici di lavate nonché lenti ciottolose
Terreni umiferi,sabbie grigie e giallastre,ciottoli fluviali e detriti calcarei misti a lapilli
e pomici chiare nella zona circumvulcanica;
Sabbie eoliche rossastre (duna rossa natica, autoctona) con orizzonti lievemente
cementati e prevalentemente quarzosi
La parte acclive delle colline litoranee e del Monte Massico, non presentano pendenze superiori al
20-25% e vengono regolarmente coltivate a vigneti ed oliveti. Mentre tutta l'area pedo collinare e di
pianura è caratterizzata da orografie morbide e perfettamente assolate.
Tracciato il profilo geologico della zona,vediamone ora quello pedologico diviso nei due versanti
del Monte Massico: il versante Sud-Ovest, dove ricadono i Comuni di Sessa Aurunca e Cellole, dal
versante Sud-Est, dove ricadono i Comuni di Falciano del Massico, Carinola e Mondragone.
Versante Sud-Ovest (Sessa Aurunca – Cellole) :
Terreni vulcanici autoctoni sulle alture di Roccamonfina: profondi, silicio-sciolti, a reazione subacida,
con larga disponibilità di potassio e piuttosto scarsi di fosforo assimilabile. Poco Humus.
Le condizioni pedologiche sono ottimali alla coltivazione della vite pur essendo la zona soggetta ad
aridità primaverile-estiva.
Terreni vulcanici autoctoni della zona pedocollinare e della pianura (dove per altro, l'orografia è
spesso caratterizzata da piccoli rilievi): le stesse caratteristiche dei terreni sopradescritti salvo che
sono più profondi, più attivamente capillari e più ricchi di humus. Adatti a tutte le coltivazioni.
Terreni vulcano - alluvionali provenienti dall'erosione collinare e della fascia pedocollinare:
costituiti da prodotti eruttivi rimaneggiati dalle acque. Terreni sciolti, silicei con scarsa
argilla,soffici, permeabili, non costipabili, capillarità buona. Scarso tenore calcareo ma notevole
calcio scambiabile. Reazione neutra. Ricchi di potassio e di fosfati lentamente assimilabili. Struttura
ottima, adatti a tutte le colture.
Terreni autoctoni calcareo-argillosi pedocollinari: provenienti dalla degradazione della roccia
madre, scarsamente profondi, ricchi di scheletro di differente granulometria a reazione sub-alcalina,
presenti, in particolare, lungo la fascia pedocollinare, in prossimità dell'area costiera ad una
altimetria oscillante tra i 100 e i 250 m. s.l.m.
Terreni alluvionali calcarei della sedimentazione del Garigliano: contenuto in calcare notevole, ma
in proporzioni diverse in rapporto alla diversa quantità di materiale vulcanico rimescolatovi. Di
medio impasto , argillo-limo-sabbiosi variamente composti in relazione alla diversa distanza dal
fiume. Reazione lievemente alcalina.
Terreni quaternari sabbiosi: costituiscono la fascia litoranea su cui corre la Domiziana. Sono di tipo
sabbioso –limoso. A volte abbastanza ricchi di potassio, fosforo assimilabile e humus. Risentono
della siccità.
Terreni quaternari sabbiosi-argillosi: variabili dai sabbioso-sciolti all'argillo-sabbiosi pesanti.
Prevale il medio impasto. Privi di calcare. Reazione sub-acida.
Versante Sud-Est (Carinola, Falciano del Massico, Mondragone) :
in questo versante si può vedere innanzitutto che la parte pedocollinare e la parte collinare riguarda
la struttura calcarea del Monte Massico e, che tutta la fascia mediana, è stata originata dall'attività
vulcanica del Roccamonfina, mentre la parte più a Sud è di origine alluvionale.
Struttura del Monte Massico. Caratteristiche simili a quelle del versante di Sessa Aurunca.
Massiccio calcareo-dolomitico già ampiamente descritto, con terreni di una certa profondità nelle
convalli, sulle pendici a dolce declivio e nei coni di deiezione ove però è più facile rinvenire
materiale grossolano.
Circa i terreni della fascia centrale riferibili all'attività del vulcano di Roccamonfina (non
dimentichiamo tra l'altro che qui sono ubicati i due crateri di esplosione del Lago di Falciano e
della fossa dell'Annunziata) possiamo ripetere quanto già detto a proposito dell'analoga zona del
versante Sessano, e cioè che si tratta di terreni vulcanici autoctoni,profondi, capillari, ricchi di
humus, adatti a tutte le coltivazioni.
Terreni alluvionali dei diversi corsi d'acqua con buon contenuto calcareo ma in diverse proporzioni
in rapporto alla diversa quantità di materiale vulcanico rimescolatovi. Terreni di medio impasto,
argillo-limo-sabbiosi con reazione leggermente alcalina.
Terreni di colmata del Volturno, limosi ed argillo-limosi grigi e verdognoli
con sottostanti lapilli pomicei e intercanalazione di torba in lenti allungate.
Sabbie fini grigie e giallastre delle dune litoranee e grigio scure delle dune di
accrescimento del fiume Volturno.
La delimitazione della zona ha tenuto conto di tutti gli elementi geologici e pedologici sopra
elencati nonché dell'altimetria.
Da quanto precedentemente detto, possiamo riassumere le caratteristiche dei terreni dell'area di
produzione del Falerno come segue:
Reazione: Sul versante Sud-Ovest prevalgono i terreni a reazione neutra e sub-alcalina con una
punta di pH 8,1. Sul versante Sud-Est si tende a terreni neutri o leggermente sub-acidi con una
punta di pH minimo di 6,0.
Calcare totale: Sul versante Sud-Ovest si ha in genere un'assenza o debole presenza di calcare in
particolare nei terreni prossimi alle pendici del vulcano di Roccamonfina. Mentre sulla zona
pedocollinare del Monte Massico, prossima al litorale, la presenza di calcare è più marcata con
punte di pH di 7,5-8. Si nota anche una debole presenza di calcare nei terreni sabbioso-limoso
argillosi originati dalle colmate del fiume. Sul versante Sud-Est si ha in genere assenza o tracce di
calcare tranne che sulle colline prossime alle pendici del vulcano.
Humus: generalmente scarso, tranne le punte di 9,2% in località Parco Nuovo e Parco Del Giogo
sul versante Sud-Ovest.
Anidride fosforica assimilabile: poca o scarsa sul versante Sud-Ovest. Più dotata invece la zona
Sud-Est dove si registrano punte di 200-210 Kg. per ettaro, quindi una più che buona dotazione.
Ossido di potassio scambiabile: i terreni ne sono tutti ben forniti.
Per quanto riguarda la natura dei terreni, si può osservare che sono pochi i terreni con alto contenuto
di argilla e calcare, mentre la maggior parte son di natura silicea e franco-sabbiosi.
Va precisato che i risultati delle analisi sono relativi ai terreni compresi nel perimetro di
delimitazione, in quanto si è ritenuto superfluo riportare analisi dei terreni che proprio per loro
natura, composizione, ubicazione ed altimetria sono stati esclusi.
Clima
Anche in questo capitolo distingueremo il versante Sud-Ovest da quello Sud-Est.
Versante Sud-Ovest
Temperature:
Questo versante gode di un clima di notevole dolcezza con estati non eccessivamente calde ed
inverni miti.
Molto rari i casi in cui il termometro scende sotto lo zero
Di numero molto elevato i giorni di sole. Rarissima la neve come le gelate primaverili.
Prolungata anche l'estate tanto che solo alla fine di Ottobre il termometro segna una media diurna
minima di + 16.2°.
Precipitazioni:
Buona la piovosità che di solito nell'arco dell'anno supera, anche se di poco i 1000 mm. Purtroppo,
la distribuzione delle piogge, come d'altronde in tutto il meridione, vede addensare nell'autunno
inverno il 70% delle precipitazioni.
Venti: Per la sua ubicazione litoranea di ponente è proprio il vento di questo quadrante che vi
predomina senza però aver mai provocato o provocare danni per intensità. Piuttosto dannosi invece
i venti di tramontana e maestrale che per intensità e temperatura possono a volte, sul finire
dell'Inverno e in Primavera, compromettere la fioritura.
Versante di Sud-Est
Temperatura:
Protetta dal Monte Massico e dal Roccamonfina che sbarrano i venti freddi di tramontana e di
maestrale, questa zona gode di temperature ancora più miti dell'altro versante sicchè il suo clima è
molto temperato, sia in assoluto che nella sua uniformità nel corso dell'anno, soprattutto sulla fascia
costiera di Mondragone
Precipitazioni:
Buona la piovosità che di solito nell'arco dell'anno supera, anche su questo versante, di poco i 1000
mm. Purtroppo, la distribuzione delle piogge, come d'altronde in tutto il meridione, vede addensare
nell'autunno inverno il 70% delle precipitazioni.
Venti:
Predominano ponente e scirocco mentre la tramontana ed il maestrale, freddi, trovano un grosso
ostacolo nel sistema montuoso che racchiude a Nord questo versante. Anche qui, come sul versante
Sud-Ovest, la presenza costante di brezza impedisce il formarsi della nebbia.
Fattori umani
La coltivazione della vite si perde nella notte dei tempi. Fin dall'epoca di Orazio e di Virgilio (e
certamente ancora prima) quest' area di produzione vitivinicola era già famosa come "Ager
Falernus".
Ma venendo ai giorni nostri analizziamo qualche notizia partendo dal catasto Agrario del 1929. La
forma di allevamento prevalente nel vigneto specializzato, dell'area in questione, era la
controspalliera con potatura a cordone speronato.
La resa in vino si aggirava tra il 68-70% con delle produzioni finali oscillanti tra 140.000 a 150.000
Hl. di vino. Negli anni successivi tali produzioni si sono modificate sempre più a favore della
qualità, aumentando significativamente il numero di viti per ettaro con una rilevante riduzione degli
Hl prodotti. Si è giunti, infatti, ad impianti con una densità oscillante tra le 6000-8000 piante/Ha ed
una resa produttiva tra gli 80-100 ql/Ha.
Relativamente alle forme di allevamento l'obiettivo della qualità, ha indotto i produttori a realizzare
impianti ad alta densità e meccanizzabili. La forma di allevamento è la spalliera bassa, con potature
a guyot e cordone speronato. Il sesto d'impianto più frequentemente utilizzato per i nuovi impianti è
di m. 2.40 x m. 0.80.
Le varietà coltivate sono: Primitivo, Piedirosso e Aglianico, per le uve a bacca rossa; Falanghina
per le uve a bacca bianca; salvo altre varietà minori tipiche dell'area.
Fattori storici
Di fondamentale rilievo sono i fattori storici – antropologici legati al territorio di produzione, che
per consolidata tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino Falerno del Massico.
La viticoltura nell'area di produzione del Falerno del Massico ha origini antichissime che risalgono
ai colonizzatori greco – micenei i quali diedero primo impulso alla millenaria coltivazione della vite
nell'antico Ager Falernus, poi ripresa dagli etruschi ed infine ulteriormente sviluppata in epoca
romana.
Infatti, già nel secondo secolo avanti Cristo gli antichi romani, nuovi colonizzatori dell' area
geografica oggi individuata come Campania settentrionale, iniziarono un'intensiva coltivazione
delle uve nelle zone destinate esclusivamente alla produzione dell'antico Falernum.
Ancora oggi sono visibili nel territorio delimitato dall' attuale perimetrazione della area a dop, resti
archeologici di antiche " Villae rustiche" con annesse cantine ed attrezzature in pietra , destinate
alla vinificazione e conservazione del Falerno, nonché resti di antichi impianti di vigneti organizzati
secondo le tecniche consentite e conosciute nell'epoca.
Tale vino era suddiviso, a seconda dell'altimetria di produzione delle uve, in " Caucinum", "
Faustianum " e " Falerno " contraddistinto quindi a livello organolettico dalle tipologie
"austerum","dulce" e "tenue" e venduto in tutte le provincie dello sterminato impero romano in
anfore di terracotta che erano contrassegnate dai " Pittacium", l'etichetta dell'epoca, nel quale si
specificava il tipo di vino, l'anno di produzione e la zona di provenienza delle uve.
Le navi onerarie deputate al trasporto delle anfore di Falerno, salpavano dai porti di Sinuessa,
Gianola e dalla foce del Garigliano. Da Manchester a Marsiglia da Dusseldorf e Colonia al
Cartagine nel nord Africa o nei fondali di tutto il Mediterraneo, sono state trovate anfore di
Falerno, il vino dei re, il vino più costoso e desiderato dell'impero romano.
Di tale splendore troviamo tracce nei testi storici - letterari già dai tempi di Giulio Cesare, passando
per Orazio, Marziale, Cicerone ,Plinio, Virgilio,Petronio,Giovenale e più recentemente del Tasso,
di Sante Lancerio e tantissimi altri autori che fino ai giorni nostri hanno magnificato le
caratteristiche organolettiche del vino Falerno, riconoscendogli un ruolo assolutamente preminente
nell' ambito della intera viticoltura meridionale.
B)Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
L'orografia collinare del territorio di produzione e l'esposizione prevalente dei vigneti, orientati ad
Sud-Est/Sud-Ovest, e localizzati in zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite,
concorrono a determinare un ambiente adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole
all'espletamento di tutte le funzioni vegeto-produttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità.
La millenaria storia vitivinicola dell'area di produzione del Falerno del Massico, iniziata nei primi
secoli a.C. con l'avvento dell'Impero Romano, attestata da numerosi manoscritti e reperti storici, è
la fondamentale prova della stretta connessione ed interazione esistente tra i fattori umani, la qualità
e le peculiari caratteristiche del vino "Falerno del Massico".
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso
dei secoli, tra mandato le tradizioni tecniche di coltivazione della vite e le competenze enologiche,
le quali nell'epoca moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso
processo scientifico e tecnologico.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
I vini di cui il presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne da una chiara
individuazione e tipizzazione legata all'ambiente pedo-climatico.
In particolare tutti i vini, sia i rossi che il bianco, presentano caratteristiche chimico -fisiche
equilibrate in tutte le tipologie, mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei
vitigni.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |