Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Disciplinari di produzione vini – Est!Est!!Est!!! di Montefiascone Doc

Loading

Disciplinari di produzione vini

Disciplinare di produzione dei vini

Denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta

Per denominazione di origine protetta (DOP) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualita' e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all'ambiente naturale ed ai fattori umani. Costituiscono altresi' una denominazione di origine taluni termini usati tradizionalmente, alle condizioni previste dall'articolo 118-ter, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007.

Per indicazione geografica protetta (IGP) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualita', notorieta' e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona.

Classificazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche

1. Le denominazioni di origine protetta (DOP) con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto, si classificano in:
a) denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG);
b) denominazioni di origine controllata (DOC).

2. Le DOCG e le DOC sono le menzioni specifiche tradizionali utilizzate dall'Italia per designare i prodotti vitivinicoli DOP, come regolamentati dalla Comunita' europea. Le menzioni «Kontrollierte Ursprungsbezeichnung» e «Kontrollierte und garantierte Ursprungsbezeichnung» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco. Le menzioni «Appellation d'origine contrôlee» e «Appellation d'origine contrôlee et garantie» possono
essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella regione Valle d'Aosta, di bilinguismo francese. Le menzioni «kontrolirano poreklo» e «kontrolirano in garantirano poreklo» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla legge 23 febbraio 2001, n. 38, recante norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli-Venezia Giulia.

3. Le IGP con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). L'indicazione geografica tipica costituisce la menzione specifica tradizionale utilizzata dall'Italia per designare i vini IGP come regolamentati dalla Comunita' europea. La menzione «Vin de pays» puo' essere utilizzata per i vini IGT prodotti in Val d'Aosta, di bilinguismo francese, la menzione «Landwein» per i vini IGT prodotti in provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco, e la menzione «deželma oznaka» per i vini IGT prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla richiamata legge 23 febbraio 2001, n. 38. 

4. Le menzioni specifiche tradizionali italiane di cui al presente articolo, anche con le relative sigle DOC, DOCG e IGT, possono essere indicate in etichettatura da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea.

 N° DENOMINAZIONE VINO  Espressione comunitaria  Menzione tradizionale art. 112, lett. a) del Reg. (UE) 1308/2013  Numero fascicolo Numero e-Bacchus Regione o Provincia Autonoma


1 Aglianico del Taburno DOP DOCG PDO-IT-A0277 CAMPANIA
2 Aglianico del Vulture Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0527 BASILICATA
3 Alta Langa DOP DOCG PDO-IT-A1252 PIEMONTE
4 Amarone della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0435 VENETO
5 Asti DOP DOCG PDO-IT-A1396 PIEMONTE
Bagnoli Friularo Friularo di Bagnoli DOP DOCG PDO-IT-A0467 VENETO
7 Barbaresco DOP DOCG PDO-IT-A1399 PIEMONTE
8 Barbera d'Asti DOP DOCG PDO-IT-A1398 PIEMONTE
9 Barbera del Monferrato Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1397 PIEMONTE
10 Bardolino Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0437 VENETO
11 Barolo DOP DOCG PDO-IT-A1389 PIEMONTE
12 Brachetto d'Acqui Acqui DOP DOCG PDO-IT-A1382 PIEMONTE
13 Brunello di Montalcino DOP DOCG PDO-IT-A1199 TOSCANA
14 Cannellino di Frascati DOP DOCG PDO-IT-A0678 LAZIO
15 Carmignano DOP DOCG PDO-IT-A1220 TOSCANA
16 Castel del Monte Bombino Nero DOP DOCG PDO-IT-A0537 PUGLIA
17 Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0538 PUGLIA
18 Castel del Monte Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0539 PUGLIA
19 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0483 MARCHE
20 Cerasuolo di Vittoria DOP DOCG PDO-IT-A0773 SICILIA
21 Cesanese del Piglio Piglio DOP DOCG PDO-IT-A0680 LAZIO
22 Chianti DOP DOCG PDO-IT-A1228 TOSCANA
23 Chianti Classico DOP DOCG PDO-IT-A1235 TOSCANA
24 Colli Asolani - Prosecco Asolo - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0514 VENETO
25 Colli Bolognesi Classico Pignoletto DOP DOCG PDO-IT-A0284 EMILIA ROMAGNA
26 Colli di Conegliano DOP DOCG PDO-IT-A0453 VENETO
27 Colli Euganei Fior d'Arancio Fior d'Arancio Colli Euganei DOP DOCG PDO-IT-A0455 VENETO
28 Colli Orientali del Friuli Picolit DOP DOCG PDO-IT-A0938 FRIULI VENEZIA GIULIA
29 Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Conegliano - Prosecco Valdobbiadene - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0515 VENETO
30 Cònero DOP DOCG PDO-IT-A0449 MARCHE
31 Dogliani DOP DOCG PDO-IT-A1330 PIEMONTE
32 Dolcetto di Diano d'Alba Diano d'Alba DOP DOCG PDO-IT-A1324 PIEMONTE
33 Dolcetto di Ovada Superiore Ovada DOP DOCG PDO-IT-A1319 PIEMONTE
34 Elba Aleatico Passito Aleatico Passito dell'Elba DOP DOCG PDO-IT-A1237 TOSCANA
35 Erbaluce di Caluso Caluso DOP DOCG PDO-IT-A1315 PIEMONTE
36 Fiano di Avellino DOP DOCG PDO-IT-A0232 CAMPANIA
37 Franciacorta DOP DOCG PDO-IT-A1034 LOMBARDIA
38 Frascati Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0682 LAZIO
39 Gattinara DOP DOCG PDO-IT-A1311 PIEMONTE
40 Gavi Cortese di Gavi DOP DOCG PDO-IT-A1310 PIEMONTE
41 Ghemme DOP DOCG PDO-IT-A1263 PIEMONTE
42 Greco di Tufo DOP DOCG PDO-IT-A0236 CAMPANIA
43 Lison DOP DOCG PDO-IT-A0457 FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO
44 Montecucco Sangiovese DOP DOCG PDO-IT-A1246 TOSCANA
45 Montefalco Sagrantino DOP DOCG PDO-IT-A0833 UMBRIA
46 Montello rosso Montello DOP DOCG PDO-IT-A0461 VENETO
47 Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOP DOCG PDO-IT-A0876 ABRUZZO
48 Morellino di Scansano DOP DOCG PDO-IT-A1260 TOSCANA
49 Offida DOP DOCG PDO-IT-A0477 MARCHE
50 Oltrepò Pavese metodo classico DOP DOCG PDO-IT-A0958 LOMBARDIA
51 Piave Malanotte Malanotte del Piave DOP DOCG PDO-IT-A0463 VENETO
52 Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOP DOCG PDO-IT-A0535 PUGLIA
53 Ramandolo DOP DOCG PDO-IT-A0939 FRIULI VENEZIA GIULIA
54 Recioto della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0441 VENETO
55 Recioto di Gambellara DOP DOCG PDO-IT-A0470 VENETO
56 Recioto di Soave DOP DOCG PDO-IT-A0465 VENETO
57 Roero DOP DOCG PDO-IT-A1261 PIEMONTE
58 Romagna Albana DOP DOCG PDO-IT-A0285 EMILIA ROMAGNA
59 Rosazzo DOP DOCG PDO-IT-A0367 FRIULI VENEZIA GIULIA
60 Ruchè di Castagnole Monferrato DOP DOCG PDO-IT-A1258 PIEMONTE
61 Scanzo Moscato di Scanzo DOP DOCG PDO-IT-A0949 LOMBARDIA
62 Sforzato di Valtellina Sfursat di Valtellina DOP DOCG PDO-IT-A1035 LOMBARDIA
63 Soave Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0473 VENETO
64 Suvereto DOP DOCG PDO-IT-A1266 TOSCANA
65 Taurasi DOP DOCG PDO-IT-A0237 CAMPANIA
66 Torgiano Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0834 UMBRIA
67 Val di Cornia Rosso Rosso della Val di Cornia DOP DOCG PDO-IT-A1262 TOSCANA
68 Valtellina Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1036 LOMBARDIA
69 Verdicchio di Matelica Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0480 MARCHE
70 Vermentino di Gallura DOP DOCG PDO-IT-A0903 SARDEGNA
71 Vernaccia di San Gimignano DOP DOCG PDO-IT-A1292 TOSCANA
72 Vernaccia di Serrapetrona DOP DOCG PDO-IT-A0445 MARCHE
73 Vino Nobile di Montepulciano DOP DOCG PDO-IT-A1308 TOSCANA

 

Est!Est!!Est!!! di Montefiascone Doc

29.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA «EST!EST!!EST!!! DI MONTEFIASCONE»


Approvato con D.P.R. 03.03.1966 G.U. 111 - 07.05.1966
Modificato con D.P.R. 26.11.1969 G.U. 58 - 05.03.1970
Modificato con D.P.R. 03.05.1989 G.U. 258 - 04.11.1989
Modificato con D.M. 15.06.2009 G.U. 148 - 29.06.2009
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata «Est! Est!! Est!!! di Montefiascone» è riservata ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti prescritti dal presente disciplinare di produzione per le
seguenti tipologie:
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone;
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Classico;
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Spumante.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini a denominazione di origine controllata «Est! Est!! Est!!! di Montefiascone» devono essere
ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione
ampelografica:
Trebbiano toscano, localmente detto Procanico dal 50% al 65%;
Trebbiano giallo, localmente detto Rossetto dal 25 al 40 %;
Malvasia bianca lunga e/o Malvasia del Lazio dal 10 al 20%;
Possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni di colore analogo, non aromatici,
idonei alla coltivazione per la Regione Lazio, da soli o congiuntamente, nella misura massima del
15%.
La base ampelografica dei vigneti, già iscritti allo schedario viticolo della denominazione di origine
controllata «Est! Est!! Est!!! di Montefiascone», deve essere adeguata entro la decima vendemmia
successiva alla data di pubblicazione del presente disciplinare di produzione.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata
«Est!Est!!Est!!! di Montefiascone» ricade nella Provincia di Viterbo e comprende il territorio
amministrativo dei comuni di Montefiascone, Bolsena, San Lorenzo Nuovo, Grotte di Castro,
Gradoli, Capodimonte e Marta.
La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata
«Est!Est!!Est!!! di Montefiascone» Classico, comprende parte del territorio dei Comuni di
Montefiascone e Bolsena di origine più antica. Essa è così delimitata:
Partendo dal confine tra i comuni di Bolsena e Montefiascone, in località Colle della Guardata si
procede verso sud lungo la Cassia Antica; in località Rosignolo si scende verso Sud, lungo il Fosso
dei Prati, fino ad incontrare la strada vicinale che congiunge la frazione denominata Poggio della
Frusta con la Strada statale n. 71 - Umbro Casentinese. Si prosegue percorrendo la stessa strada
vicinale fino al congiungimento con la S.S. 71 Umbro Casentinese. Si percorre un tratto della S.S.
n. 71 Umbro Casentinese, in direzione dell'abitato di Montefiascone e fino all'incrocio con la strada
vicinale di Capobianco. Si procede percorrendo l'intero tratto della strada comunale di Capobianco
verso Fonte Fetriccia fino all'incrocio dei confini comunali tra Montefiascone e Celleno.
Proseguendo lungo detta linea di confine, verso Sud, incontriamo i confini comunali dei Comuni di
Celleno, Viterbo, Marta. Si costeggia il profilo del lago fino al confine con il Comune di Bolsena
ad incrociare la ex SS2 Cassia. Si segue la ex SS2 Cassia verso Nord fino al km 114+750,
corrispondente all'incrocio con la Strada Vicinale di Barano. Si prosegue lungo la strada Vicinale di
Barano fino ad incontrare la strada Vicinale Madonna dell'Augello. Da detto incrocio si segue la
strada Vicinale della Madonna dell'Augello fino all'incrocio con la strada vicinale della Casetta. In
direzione Nord-Est, si prosegue lungo la strada vicinale della Casetta fino all'incrocio con la strada
vicinale della Pantanesca, percorrendo quest'ultima fino ad incrociare la strada comunale Bolsena
-Castel Giorgio; si scende lungo la stessa fino all'incrocio con la Strada Provinciale Orvietana. Si
prosegue lungo la S.P. Orvietana fino all'altezza della località Ponticello, corrispondente all'incrocio
con la strada interpoderale della Polinarda. Si percorre la strada interpoderale della Polinarda fino
ad incrociare il podere Cicala e successivamente si prosegue fino a raggiungere il confine con il
comune di Bagnoregio. Si segue, in direzione Sud-Est, detto confine fino ad incontrare il confine
con il comune di Montefiascone. Si percorre detto confine del comune di Montefiascone fino ad
incontrare la località ex Mulino Pelecca. Si prosegue lungo detto confine fino ad intersecare la
strada romana Cassia Antica, punto da cui si era partiti.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di origine
controllata «Est! Est!! Est!!! di Montefiascone» devono essere quelle normali della zona e atte a
conferire alle uve le specifiche caratteristiche di qualità.
I vigneti devono trovarsi su terreni ritenuti idonei per le produzioni della denominazione di origine
di cui si tratta.
Sono da escludere i terreni eccessivamente umidi, di fondo valle o insufficientemente soleggiati.
Per i nuovi impianti e i reimpianti, la densità dei ceppi per ettaro non può essere inferiore a 3.000
piante in coltura specializzata.
I sesti di impianto e le forme di allevamento consentiti sono quelli già usati nella zona. È vietato il
tendone come forma di allevamento.
È vietata ogni pratica di forzatura.
È consentita l'irrigazione di soccorso.
La produzione massima di uva ad ettaro e la gradazione minima naturale per tipologia di vino, sono
le seguenti:
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone:
produzione uva tonn/ettaro 13,00;
titolo alcolometrico volumico naturale minimo: 10,00% vol.
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Classico e Spumante:
produzione uva tonnlettaro: 11,00;
titolo alcolometrico volumico naturale minimo: 10,50% vol.
Per i vigneti in coltura promiscua la produzione massima di uva a ettaro deve essere rapportata alla
superficie effettivamente impegnata dalla vite.
Nelle annate particolarmente favorevoli i quantitativi di uve destinate alla produzione dei vini a
denominazione di origine controllata «Est!Est!!Est!!! di Montefiascone» nelle diverse tipologie
previste, devono essere riportati nei limiti di cui sopra, attraverso un'accurata cernita delle uve,
purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, fermi restando i limiti resa
uva/vino per i quantitativi di cui trattasi.
La Regione Lazio, con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate, di anno in
anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni ambientali di coltivazione, può
modificare il limite massimo di produzione di uva per ettaro e il titolo alcolometrico volumico
naturale minimo dandone immediata comunicazione all'organismo di controllo incaricato.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione e spumantizzazione devono essere effettuate all'interno della zona
delimitata dal precedente art. 3.
È consentito l'arricchimento dei mosti e dei vini di cui all'articolo 1, nei limiti stabiliti dalle norme
comunitarie e nazionali con mosti concentrati ottenuti da uve dei vigneti iscritti allo schedario
viticolo della stessa denominazione di origine controllata oppure con mosto concentrato rettificato o
a mezzo concentrazione a freddo o altre tecnologie consentite.
Le diverse tipologie previste dall'art. 1 devono essere elaborate in conformità alle norme
comunitarie e nazionali.
La tipologia spumante deve essere ottenuta con presa di spuma per fermentazione naturale di mosti
o vini che rispondono alle condizioni previste nel presente disciplinare, seguendo le norme generali
di produzione e designazione dei vini spumanti.
La resa massima dell'uva in vino, compresa l'eventuale aggiunta correttiva non deve superare il 70%
per tutte le tipologie.
Qualora la resa uva/vino superi i limiti di cui sopra ma non oltre il 75%, l'eccedenza non ha diritto
alla denominazione di origine; oltre il 75% di resa, decade il diritto alla denominazione di origine
controllata per tutta la partita.
Poiché i vigneti del vino a denominazione di origine controllata «Est!Est!!Est!!! di Montefiascone»
sono compresi nei vigneti iscritti allo schedario viticolo della denominazione di origine controllata
«Colli Etruschi Viterbesi» ricadenti nella zona delimitata dal precedente art. 3, purché posseggano i
requisiti previsti nel presente disciplinare, viene ammessa la scelta vendemmiale e la
riclassificazione di cantina purché siano rispettate le norme vigenti.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini di cui all'art. 1 devono rispondere, all'atto dell'immissione al consumo, alle seguenti
caratteristiche:
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone:
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: fine, caratteristico, leggermente aromatico;
sapore: secco o abboccato o amabile, sapido, armonico, persistente con leggera vena amarognola;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Spumante:
spuma: fine, persistente;
colore: giallo paglierino tenue;
odore: gradevole con caratteristiche di fruttato delicato;
sapore: secco, fruttato, lievemente aromatico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Classico:
colore: giallo paglierino piu' o meno intenso;
odore: fine, caratteristico, leggermente aromatico;
sapore: secco o abboccato o amabile, sapido, armonico, persistente con leggera vena amarognola;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo 15,0 g/l.
E' in facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali modificare i limiti
dell'acidità totale e dell'estratto non riduttore minimo con proprio decreto.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Nella etichettatura, designazione e presentazione dei vini di cui all'art. 1, è vietata l'aggiunta di
qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste dal presente disciplinare, ivi compresi gli
aggettivi «fine», «scelto», «selezionato» e similari. E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che
facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati, non aventi significato laudativo e non
idonei a trarre in inganno il consumatore.
E' consentita la qualificazione «Classico» solo per i vini a denominazione di origine controllata
«Est!Est!!Est!!! di Montefiascone», ad esclusione della tipologia «Spumante», ottenuti con uve
provenienti dalla zona di produzione delimitata all'art. 3 del presente disciplinare.
La menzione «Vigna» seguita dal relativo toponimo è consentita purché le uve provengano
totalmente dai corrispondenti vigneti e siano rivendicate annualmente ed iscritte nell'apposito
schedario viticolo previsto dalla normativa vigente.
Nell'etichettatura dei vini di cui all'art. 1, l'indicazione dell'annata di produzione è obbligatoria nel
caso di recipienti con tappatura raso bocca.


Articolo 8
Confezionamento
I vini di cui all'art 1 possono essere immessi al consumo in recipienti di volume nominale fino a 1,5
litri. E' consentito, solamente per le tipologie Spumante e Classico, l'imbottigliamento in recipienti
di volume nominale di 3 litri.
I vini a denominazione di origine controllata «Est!Est!!Est!!! di Montefiascone» devono essere
confezionati in recipienti di vetro.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
1. Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica delimitata ricade nella parte settentrionale della regione Lazio, in Provincia di
Viterbo, si estende su una superficie di circa 36.500 ettari, e comprende un territorio di media e alta
collina, situato sulle pendici del distretto vulcanico Vulsino.
I terreni sono di origine vulcanica e ricadono nella struttura principale del distretto che a seguito di
una serie di esplosioni, avvenute in più fasi successive, hanno creato un ampio bacino di collasso
dovuto allo sprofondamento della caldera che ha interessato anche le aree circostanti.
L'attività vulcanica ebbe inizio circa 800.000 anni fa con lo sviluppo di colate di lave e con la
formazione di coni di scorie. Successivamente, circa 600.000 mila anni fa, l'attività si sviluppò
maggiormente in corrispondenza di un primitivo centro, oggi non più evidente, in corrispondenza
della conca lacustre. A questa attività si riconducono i materiali vulcanici più antichi presenti sia ad
est che a sud della conca lacustre. Le rocce che appartengono a questo complesso sono
particolarmente ricche in potassio. La natura dei terreni è di conseguenza condizionata dall'attività
del vulcano, per cui è possibile distinguere due tipologie: nella zona nord ed in quella occidentale
dell'area prevalgono materiali dovuti all'attività intercalderica finale quali lave (tefriti fonolitiche e
leucitiche), scorie saldate e stratificate e banchi di lapilli alternati a lenti e strati di cen eri
debolmente cementate; solo in alcune zone si rinvengono tufi leucititici contenenti grossi proietti
lavici; nella zona orientale ed in quella meridionale prevalgono materiali quali i tufi leucititici
grigiastri detti di Montefiascone e, con alternanza di ceneri, sabbie vulcaniche e lapilli (talvolta a
consistenza litoide), con inclusi lavici di dimensione variabile in relazione alla loro distanza dai
centri di emissione. Intercalate a questi si rinvengono colate di lava leucitica, sempre di limitata
estensione. Localmente sono stati rinvenuti strati di pomici e ceneri con livelletti tifatici di
sedimentazione lacustre. La permeabilità di questo tipo di rocce è sempre piuttosto elevata sia per
porosità (tufi, lapilli, sabbie) che per fessurazione (lave).
L'altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra i 220 e i 665 m s.l.m. con pendenza variabile e
l'esposizione generale è orientata verso ovest, sud-ovest e sud.
Il clima dell'area è di tipo temperato di transizione ed è caratterizzato da precipitazioni medie annue
comprese tra i 810 ed i 1214 mm, con aridità estiva presente nei mesi estivi (pioggia 73-123 mm)
più accentuata alle quote più basse. La temperatura media è compresa tra i 13,8 ed i 15,6°C: freddo
prolungato da novembre ad aprile più intenso alle quote più alte, con temperatura media inferiore ai
10°C per 3-4 mesi l'anno e temperatura media minima del mese più freddo dell'anno che oscilla tra
1,9 e 4,0° C.
La combinazione tra natura del terreno e fattori climatici fanno della zona delimitata come DOC
Est!Est!!Est!!! di Montefiascone un territorio altamente vocato alla produzione di vini di pregio.
2. Fattori umani rilevanti per il legame.
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone".
Presso gli Etruschi la coltivazione della vite raggiunse un notevole progresso, favorito anche da
evolute conoscenze tecniche e da materiale ampelografico di varia origine, raccolto attraverso gli
ampi rapporti commerciali di questo popolo.
La nascita e lo sviluppo della viticoltura dell'areale dell' Est! Est!! Est!!! è sicuramente dovuta
all'influenza positiva sul clima del vasto bacino lacustre di Bolsena, sul quale si affacciano la gran
parte dei terreni vitati. A conferma di ciò si riporta il ritrovamento avvenuto nel 1959, di frammenti
di tralci e di vinaccioli di viti selvatiche, risalenti al periodo villanoviano, presso l'insediamento
palafitticolo del Grancaro o Granciaro situato tra Montefiascone e Bolsena.
La coltivazione della vite continuò ed ebbe maggiore espansione ad opera dei Romani, passò
indenne attraverso i secoli bui, e conobbe un nuovo impulso all'epoca degli Stati pontifici, tanto che
gli statuti della città di Montefiascone (1471 e 1584) contengono numerosi Capitoli inerenti il
processo produttivo del vino, dalla coltivazione della vite, alla produzione e conservazione, fino alla
vendita ad grossum o ad minutum del prodotto finito.
Nei corso dei secoli la viticoltura ha mantenuto il ruolo di coltura principe del territorio, fino
all'attualità, come testimonia la Fiera del vino di Montefiascone la cui prima edizione risale al
1950.
Grazie alle loro peculiarità, numerosi sono i riconoscimenti che hanno ricevuto e continuano a
ottenere, i vini a DOC Est! Est!! Est!!! di Montefiascone sia in ambito locale, nazionale che
internazionale; ben figurano inoltre sulle principali guide nazionali.
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale
definizione dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente
disciplinare di produzione:
- base ampelografica dei vigneti: il vitigno idoneo alla produzione del vino in questione, è quello
tradizionalmente coltivata nell'area geografica considerata: il Trebbiano toscano, localmente detto
Procanico, il Trebbiano giallo, localmente detto Rossetto, la Malvasia bianca lunga e la Malvasia
del Lazio;
- le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti,
sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle
viti, sia per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione
della chioma, permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben esposta e di contenere le
rese di produzione di vino entro i limiti fissati dal disciplinare (91 hl/ha per la tipologia Est! Est!!
Est!!! di Montefiascone e 77 hl/ha per le tipologie Est! Est!! Est!!! di Montefiascone Classico e Est!
Est!! Est!!! di Montefiascone spumante);
- le pratiche relative all'elaborazione dei vini, che sono quelle tradizionalmente consolidate in zona
per la vinificazione di vini bianchi complessi ed equilibrati.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
La DOC "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone" è riferita a 3 tipologie di vino bianco ("Est! Est!! Est!!!
di Montefiascone", "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone spumante" e "Est! Est!! Est!!! di
Montefiascone Classico") che dal punto di vista analitico ed organolettico presentano caratteristiche
molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6 del disciplinare, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
Nello specifico le singole tipologie di vino si caratterizzano:
- "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone": vino fresco ed equilibrato, con colore giallo paglierino più o
meno intenso, odore fine, caratteristico, leggermente aromatico, sapore secco o abboccato o
amabile, sapido, armonico, persistente con leggera vena amarognola.
- "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone" spumante: vino fresco ed equilibrato, con colore giallo
paglierino tenue, perlage fine e persistente, odore gradevole con caratteristiche di fruttato delicato,
sapore secco, fruttato e lievemente aromatico.
- "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone" Classico: vino fresco ed equilibrato, con colore giallo
paglierino più o meno intenso, odore fine, caratteristico, leggermente aromatico, sapore secco o
abboccato o amabile, sapido, armonico, persistente con leggera vena amarognola.
Al sapore tutti i vini presentano un'acidità normale, un amaro poco percepibile, poca astringenza e
buona struttura, che contribuiscono al loro equilibrio gustativo.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
L'orografia collinare dell'areale di produzione, in territorio di media e alta collina, situato sulle
pendici del distretto vulcanico Vulsino, e l'esposizione ad ovest, sud-ovest e sud, concorrono a
determinare un ambiente arioso, luminoso e con un suolo naturalmente sgrondante dalle acque reflue,
particolarmente vocato per la coltivazione dei vigneti del "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone". Da tale
area sono peraltro esclusi i terreni ubicati a quote troppo basse non adatti ad una viticoltura di qualità.
Anche la tessitura e la struttura chimico-fisica dei terreni interagiscono in maniera determinante con la
coltura della vite, contribuendo all'ottenimento delle peculiari caratteristiche fisico chimiche ed
organolettiche del "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone".
In particolare, i terreni, riconducibili all'attività intercalderica finale del vulcano Vulsino, sono
costituiti in prevalenza da tufi leucititici grigiastri detti di Montefiascone, con alternanza di ceneri,
sabbie vulcaniche e lapilli e sono caratterizzati da una permeabilità piuttosto elevata sia per p orosità
(tufi, lapilli, sabbie) che per fessurazione (lave), presentano un normale contenuto di elementi
nutritivi e sono idonei ad una vitivinicoltura di qualità, conferendo ai vini particolare vigore e
complessità.
Anche il clima dell'areale di produzione, caratterizzato da precipitazioni abbondanti (mediamente
1012 mm), con scarse piogge estive (120 mm) ed aridità nei mesi estivi, più accentuata alle quote
più basse, da una buona temperatura media annuale (14.6 °C), unita ad una temperatura
relativamente elevata, un'ottima insolazione nei mesi di settembre ed ottobre, ma con una elevata
escursione termica tra notte e giorno, consente alle uve di maturare lentamente e completamente,
contribuendo in maniera significativa alle particolari caratteristiche organolettiche del vino "Est!
Est!! Est!!! di Montefiascone".
In particolare, la combinazione tra le caratteristiche del terreno ed i fattori climatici, determina per i
vini bianchi, la produzione di significative quantità di precursori aromatici che consentono di esaltare
le caratteristiche organolettiche e i sentori tipici dei diversi vitigni.
La millenaria storia vitivinicola riferita alla terra del "Mons Flasconis", dagli Etruschi, all'epoca
romana, al medioevo, fino ai giorni nostri, attestata da numerosi documenti, è la generale e
fondamentale prova della stretta connessione ed interazione esistente tra i fattori umani e la qualità e
le peculiari caratteristiche dell' "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone".
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei
secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell'epoca
moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico
e tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone", le cui peculiari
caratteristiche sono descritte all'articolo 6 del disciplinare.
In particolare la presenza della viticoltura nella zona di "Montefiascone" è attestata fin dall'epoca
degli Etruschi, in molte opere dei georgici latini.
Nel medioevo i contratti agrari ed i documenti di varia natura, conservati presso gli archivi monastici,
confermano la diffusione di tale coltura.
Con la caduta dell'impero romano e la fine delle invasioni barbariche, la viticoltura in queste terre,
nonostante i danni subiti, non perde la sua continuità con il passato e mantiene sempre un ruolo
importante; come testimoniano i numerosi atti notarili, inerenti i terreni vitati, custoditi negli archivi
monastici.
Quasi a dimostrazione dell'ancestrale connessione con la "sacra" bevanda, il primo riferimento alla
città di Montefiascone come mons Flasconis risale all'850, ad un privilegio di papa Leone IV, ove si
trova specificato, vallem episcopii, montem Flasconis. Nel toponimo, vi è, senza dubbio, il
riferimento alla posizione della città, arroccata su un colle, e alla produzione di vino (flascone
inteso come contenitore di vino). Il termine flasco nell'accezione di recipiente per il vino risulta già
usato nel V sec. da Ennodio, si ritrova in Gregorio di Tours nel VI secolo ed in Gregorio Magno nel
VII. Nel XIII secolo: inoltre, fra' Salimbene specifica come il flasco sia un vasculum, quod illi de
Tuscia flasconem dicunt, Lombardi vero botacium, lasciando intendere che proprio nel territorio
della Tuscia, di cui è parte integrante Montefiascone, la parola inizia la sua affermazione come
contenitore da vino o barilotto.
Anche lo stemma della città, assunto verso la metà del XII secolo, riprende questo tema: d'argento
al monte all'italiana di sei cime di verde, sostenente un barilotto di rosso con l'esplicita intenzione
di rappresentare in forma di figura parlante il nome del paese; sovrapponendo un flasco, in forma di
barilotto, al simbolo araldico del monte.
Il celebre vino Est Est Est lega il suo nome ad una leggenda, un misto di realtà e fantasia, che ha
affascinato i viaggiatori di ogni tempo attratti dai "mirabilia". Si racconta che nel 1111 un
personaggio di rango (per alcuni un vescovo o un prelato, per altri un nobile), chiamato dai più
Johannes Defuk, giunto in Italia al seguito dell'Imperatore Enrico V, conservando una grande
predilezione per il buon vino e sapendo di trovarne di ottima qualità in Italia, abbia invitato il suo
servitore Martino a precederlo lungo il tragitto alla ricerca del vino migliore e gli abbia chiesto di
segnare il posto in cui degustava il più buono con il contrassegno Est. Defuk scendeva da cavallo e
gustava il vino ogni volta che si imbatteva in questo segno. Giunto a Montefiascone incontra la
porta di un'osteria non con uno, non con due ma con tre Est come segno di eccellenza. Vinto
dall'amore per l'ottimo vino che beve per due giorni, decide di abbandonare il corteo imperiale
diretto a Roma e di trasferirsi a Montefiascone. Continua a bere quel vino delizioso fino alla morte
avvenuta nel 1113, ma, prima di morire, lascia un testamento in cui dice di voler essere seppellito
nella Chiesa di San Flaviano, dov'è ancora oggi, e su questa chiede che venga versato vino in
abbondanza in occasione di ogni anniversario della sua morte.
A testimonianza dell'importanza che anche allora rivestiva la vitivinicoltura a Montefiascone, negli
Statuti Veteri (1471) si elencano le operazioni che i lavoratori delle vigne locate nella città di
Montefiascone sono tenuti a fare, e negli Statuti Novi (1584) si indicano anche i tempi di ogni
operazione. Con precisione si indica anche il termine entro cui devono essere compiute tutte queste
operazioni, cioè prima della festa di Santa Maria, nel mese di agosto. Sono previste, inoltre, delle
pene per coloro i quali non abbiano terminato i lavori nel tempo indicato: perdano la metà di tutta la
vendemmia o rifondano al padrone della vigna il danno patito.
In Descrittione di tutta l'Italia et isole pertinenti ad essa (1550), Leandro Alberti riporta "dal lago
di Bolsena si traggono buoni pesci, & de' luoghi contorni buoni vini." e ancora "Ha Monte Fiascone
molto ameno & bello territorio, chè di fruttiferi colli ornato; dai quali traggono i famosi e buoni vini
moscatelli.."ed ancora "che Montefiascone era tante volte dai Tedeschi nominato et desiderato per i
soavi et dolci vini moscatelli bianchi et vermigli"
In Difesa del popolo romano sull'abbandono della campagna (1848) De' Giovanni scrive "La vite è
pressochè indigena in tutte le provincie, e vi si fanno distinguere i vini di Orvieto, di
Montefiascone, ..".
Nella Rivista dei più importanti prodotti naturali e manifatturieri dello Stato Pontificio (1857)
Gaetano Nigrisoli parla dei prodotti naturali esistenti nella Delegazione di Viterbo e riporta: " La
cultura delle viti è giunta ad un alto grado di sviluppo, raccogliendosi dai campi, e dalle vigne vini
rossi, e bianchi vigorosi, ed amabili, primeggiando su tutti il moscato detto dei tre est, il cui pregio
viene eziando accresciuto dalla singolare rarità". In Agricoltura e quistioni economiche: che la
riguardano (1860) Vol. 2, Frédéric Passy, scrive "I migliori vigneti son quelli di .., Monteflascone.
Sono in generale vigne a cannette". In Lo stato pontificio ne' suoi rapporti geografici, storici,
politici (1837), Pietro Castellano, riporta "Montefiascone.. Il prezioso vino moscato, che
raccogliesi ne' dintorni, ha dato al paese una fama, che per tutta Europa è diffusa, nè v' ha
oltramontano, ed oltramarino viaggiatore, che nello attraversar la regione gustar non voglia di quel
triplo Est, del quale pagò il gusto assai caro quel beone tedesco, che vi trovò la tomba". Nel 1830
Giuseppe Gioacchino Belli compone un sonetto che può essere considerato un generico inno al
vino, ma specialmente a quello di Montefiascone. Er vino [...] È bbono assciutto, dorce, tonnarello,
/ Solo e ccor pane in zuppa, e, ssi è ssincero, / Te se confà a lo stommico e ar ciarvello. / È bbono
bbianco, è bbono rosso e nnero; / De Ggenzano, d'Orvieti e Vviggnanello: / Ma l'este-este è un
paradiso vero.
Il vino ufficiale usato nella celebrazione delle messe in Vaticano, in occasione dell'ultimo Anno
Santo del 2000 è stato l'Est Est Est di Montefiascone.
La storia recente è caratterizzata da un'evoluzione positiva della denominazione, con l'impianto di
nuovi vigneti, la creazione della Cantina sociale, la nascita di nuove aziende che, unite alla
professionalità degli operatori, hanno contribuito ad accrescere il livello qualitativo e la rinomanza del
vino "Est! Est!! Est!!! di Montefiascone".


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato
1), che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare,
conformemente all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE
n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli
combinata (sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura,
elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |