Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà Doc

Loading

Blog

 

Cinque Terre e Cinque Terre Sciacchetrà Doc

19.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO D.O.C.
"CINQUE TERRE" E "CINQUE TERRE SCIACCHETRÀ"


Approvato con D.P.R. 29.05.1973 G.U. 217 - 23.08.1973
Modificato con DM 14.10.1989 G.U. 255 - 31.10.1989
Modificato con DM 06.09.1999 G.U. 219 - 17.09.1999
Modificato con DM 07.03.2000 G.U. 76 - 31.03.2000
Modificato con DM 12.10.2007 G.U. 246 - 22.10.2007
Modificato con DM 22.04.2008 G.U. 117 - 20.05.2008
Modificato con DM 20.10.2009 G.U. 252 - 29.10.2009
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazioni e vini
Le denominazioni di origine controllata "Cinque Terre" anche con l'eventuale specificazione delle
seguenti sottozone: "Costa de Sera", "Costa de Campu", "Costa da Posa" e "Cinque Terre
Sciacchetrà" anche nelle tipologie "Passito" e "Riserva" è riservata ai vini bianchi ed ai vini bianchi
passiti, che rispondono alle condizioni e ai requisiti prescritti dal presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini di cui all'art. 1 devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi nell 'ambito
aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Vitigni principali: Bosco per almeno il 40%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini anche le uve provenienti dai vitigni Albarola e
Vermentino presenti nei vigneti, da soli o congiuntamente, fino ad un massimo del 40%.
Vitigni complementari: quelli idonei per la provincia della Spezia fino ad un massimo del 20% ed
iscritti nel Registro Nazionale delle varietà di vite per uve da vino, approvato con D.M. 7 maggio
2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell’allegato 1 del presente disciplinare.
Il vino a denominazione di origine controllata "Cinque Terre" può essere designato con una delle
seguenti sottozone: "Costa de Sera", "Costa da Posa", "Costa de Campu", se esclusivamente ottenuti
da uve prodotte da vigneti situati nelle rispettive zone delimitate nel successivo art. 3.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione d'origine
controllata "Cinque Terre" e "Cinque Terre Sciacchetrà" ricade nella provincia della Spezia e
comprende i terreni vocati alla qualità degli interi comuni di Riomaggiore, Vernazza e Monterosso
nonché parte del territorio del comune di La Spezia, denominato "Tramonti di Biassa" e "Tramonti di
Campiglia", confinante a nord-ovest col territorio del comune di Riomaggiore, a nord-est con la
mulattiera che dal Monte della Madonna (quota 527) va verso sud-est, passa per la chiesa di
S.Antonio (quota 510), tocca le quote 567, 588, 562, l'abitato di Campiglia e S.Caterina (quota 398)
da dove segue la rotabile a fondo naturale fino alla quota 351. Da tale punto la linea di delimitazione
di tale territorio, segue il sentiero che passa per la quota 368 fino ad incontrare la linea di confine del
comune di Portovenere, che segue fino al mare. La sottozona "Costa de Sera" è così delimitata: dalla
strada litoranea La Spezia - Manarola in corrispondenza dell'ingresso della galleria di Lemmen si
scende seguendo la linea di delimitazione del Foglio di mappa n. 30 con i Fogli n. 31 e 32 fino al
mare, costeggiando il quale, in direzione ovest, si raggiunge la foce del Fosso di Val di Serra che si
segue risalendo fino a ritornare alla quota della strada litoranea. Da qui in direzione est ci si
ricongiunge con il punto di origine.La predetta sottozona risulta compresa nel foglio di mappa n. 30
del Comune di Riomaggiore.La sottozona "Costa de Campu" è così delimitata: scendendo lungo la
strada provinciale La Spezia - Manarola nel punto in cui si supera il Canale del Groppo si sale lungo
la linea di separazione del Foglio di mappa n. 16 con il Foglio n. 11 fino ad incontrare la strada
comunale di Fiesse che si segue fino ad incontrare la strada comunale di Campo. Da qui si segue, in
direzione ovest, la linea di separazione del Foglio di mappa n. 15 con il Foglio n. 8 fino ad incontrare
la strada comunale della Callora - Donega che si segue, scendendo, fino ad incrociare la strada
comunale del Luogo seguendo la quale, in direzione est, si raggiunge, in prossimità della Chiesa, il
Canale di Groppo e da qui, risalendo, fino al punto di origine. La predetta sottozona risulta risulta
compresa nei Fogli di mappa n. 16 e 15 del comune di Riomaggiore. La sottozona di produzione
"Costa da Posa" è così delimitata: dalla strada provinciale Groppo - Volastra - Corniglia in
corrispondenza del Rio della Valle Asciutta si scende, seguendo questo, fino al mare costeggiando il
quale, in direzione ovest, si raggiunge la foce del Rio Molinello. Si risale il Rio fino ad incrociare la
strada comunale Vecchia Corniglia - Volastra che si segue, salendo, fino all'intersezione della linea di
separazione del Foglio di Mappa n. 4 con il Foglio n. 1 del Comune di Riomaggiore. Da qui si segue
la linea di delimitazione del Foglio n. 4 con il Fo glio 1 fino a ritornare sulla strada provinciale
Groppo - Volastra - Corniglia e da qui, verso est, si ritorna al punto di origine.La predetta sottozona
risulta compresa nel Foglio di mappa n. 4 del comune di Riomaggiore.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini "Cinque Terre" e
"Cinque Terre Sciacchetrà" e delle relative sottozone devono essere quelle normali della zona e, atte
a conferire alle uve ed ai vini derivati le specifiche caratteristiche di qualità. I vigneti devono trovarsi
unicamente su terreni collinari ritenuti idonei per la produzione della denominazione di origine di cui
si tratta. Sono da escludersi i terreni eccessivamente umidi o insufficientemente soleggiati. Per i
nuovi impianti e i reimpianti la densità dei ceppi per ettaro non può essere inferiore a 6250. I sesti di
impianto e le forme di allevamento consentiti sono quelli già usati nella zona o comunque atti a non
modificare le caratteristiche delle uve e dei vini. E' vietata ogni pratica di forzatura. E' consentita
l'irrigazione di soccorso. Nelle annate favorevole i quantitativi di uve ottenute e da destinare alla
produzione dei vini a DOC "Cinque Terre" e "Ciinque Terre Sciacchetrà" devono essere riportati nei
limiti di cui sopra purchè la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, fermi restando
i limiti resa uva-vino per i quantitativi di cui trattasi. La produzione massima di uva a ettaro ed il
titolo alcolometrico volumico naturale minimo sono le seguenti:
Tipologia e sottozona Prod. Uva Tonn./ha Titolo. alcol. Vol.
Nat. Min. % Vol.
"Cinque Terre Non sup. a 9 Tonn./ha. 10,50%
"Cinque Terre Sciacchetrà" Non sup. a 9 Tonn./ha. 10,50%
"Cinque Terre Costa de Sera" Non sup. a 8,5 Tonn./ha. 11,00%
"Cinque Terre Costa de Campu" Non sup. a 8;5 Tonn./ha. 11,00%
"Cinque Terre Costa da Posa" Non sup. a 8,5 Tonn./ha. 11,00%
La Regione Liguria, con proprio decreto, sentite le organizzazioni du categoria interessate e la
Camera di Commercio della Spezia, ogni anno prima della vendemmia può, in relazione
all'andamento climatico ed alle altre condizioni di coltivazione, stabilire un limite massimo di
produzione inferiore a quello fissato, dandone immediata comunicazione al Ministero delle politiche
agricole - Comitato Nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazione di origine e delle
indicazioni geografiche tipiche dei vini.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione per i vini di cui all'art. 1 devono essere effettuate nell'interno della
zona di produzione delimitata nel precedente articolo 3, comma 1.
All'interno della predetta zona devono anche essere effettuate l'appassimento e l'invecchiamento
obbligatorio per il vino a DOC "Cinque Terre Sciacchetrà". Il vino a DOC "Cinque Terre
Sciacchetrà" deve essere ottenuto da parziale appassimento delle uve dopo la raccolta, in luoghi
idonei, ventilati, fino a raggiungere un tenore zuccherino di almeno 17° alcol potenziali. La
vinificazione delle uve, destinate alla produzione del vino "Cinque Terre Sciacchetrà" non può
avvenire prima del 1° novembre dell'anno della vendemmia. Le rese massime dell'uva in vino,
comprese l'eventuale aggiunta correttiva e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:
Tipologia o sottozone Resa uva/vino Prod. Massima vino/ha.
"Cinque Terre" Max. 70% 63 hl.
"Cinque Terre Costa de Sera Max. 70% 59,5 hl.
"Cinque Terre Costa de Campu Max. 70% 59,5 hl.
"Cinque Terre Costa da Posa" Max. 70% 59,5 hl.
"Cinque Terre Sciacchetrà" Max. 35% 31,5 hl.
Qualora la resa uva/vino superi i limiti di cui sopra, ma non il 75% per i vini "Cinque Terre" con le
sottozone "Costa de Campu", "Costa de Sera", "Costa da Posa" o il 40% per il vino "Cinque Terre
Sciacchetrà", anche se la produzione ad ettaro resta al di sotto del massimo consentito, l'eccedenza
non ha diritto alla denominazione d'origine. Oltre detto limite decade il diritto alla denominazione
d'origine controllata per tutta la partita.Il vino a denominazione di origine controllata "Cinque Terre
Sciacchetrà" non può essere immesso al consumo se non dopo il 1° novembre dell'anno successivo
alla vendemmia. Il vino "Cinque Terre Sciacchetrà" riserva non può essere immesso al consumo
prima del 1° novembre del 3° anno successivo alla vendemmia.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini di cui all'art. 1 devono rispondere, all'atto dell'immissione al consumo, alle seguenti
caratteristiche:
"CINQUE TERRE"
colore: giallo paglierino più o meno intenso, vivo;
profumo: intenso, netto, fine, persistente;
sapore: secco, gradevole, sapido, caratteristico;
gradazione alcoolica minima complessiva: 11,00% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 15,0 g/l.
"CINQUE TERRE COSTA DE SERA"
colore: giallo paglierino più o meno intenso, vivo;
profumo: intenso, netto, fine e persistente, composito;
sapore: secco, sapido, intenso, gradevole
gradazione alcoolica minima complessiva: 11,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 15,0 g/l.
"CINQUE TERRE COSTA DE CAMPU"
colore: giallo paglierino più o meno intenso, vivo;
profumo: intenso, netto, fine e persistente, composito;
sapore: secco, sapido, intenso, gradevole
gradazione alcoolica minima complessiva: 11,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 15,0 g/l.
"CINQUE TERRE COSTA DA POSA"
colore: giallo paglierino più o meno intenso, vivo;
profumo: intenso, netto, fine e persistente, composito;
sapore: secco, sapido, intenso, gradevole
gradazione alcoolica minima complessiva: 11,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto secco netto minimo: 15,0 g/l.
"CINQUE TERRE SCIACCHETRÀ
colore: giallo dorato con riflessi ambrati, di bella vivacità;
profumo: intenso di vino passito, caratteristico profumo di miele, piacevole;
sapore: da dolce ad abboccato, armonico, di buona struttura e di buon corpo, piacevole e lungo in
bocca con retrogusto mandorlato;
gradazione alcoolica minima complessiva: 17,00% vol di cui almeno 13,50% vol svolti;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
acidità volatile massima: 30 meq/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l.
"CINQUE TERRE SCIACCHETRÀ" - RISERVA
colore: da dorato fino ad ambrato;
profumo: intenso di vino passito, piacevole, caratteristico;
sapore: da dolce ad abboccato, armonico, di buona struttura e di buon corpo, piacevole e lungo in
bocca con retrogusto mandorlato, gradevole;
gradazione alcoolica minima complessiva: 17,00% vol di cui almeno 13,50% vol svolti;
acidità totale minima: 5,0 g/l.;
acidità volatile massima: 30 meq/l;
estratto secco netto minimo: 23,0 g/l.
E' in facolta del Ministero per le politiche agricole alimentati e forestali modificare i limiti dell'acidità
totale e dell'estratto secco netto con proprio decreto.
In relazione all'eventuale conservazione in recipienti di legno, ove consentita, il sapore dei vini può
rivelare percezione di legno.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Nella etichettatura, designazione e presentazione dei vini di cui all'art. 1 è vietata l'aggiunta di
qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste dal presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi,
"fine", "scelto", "selezionato" e similari. E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano
riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi privati non aventi significato laudativo e non id onei a
trarre in inganno il consumatore.
Per i vini a denominazione di origine controllata di cui al precedente art. 1 è consentito altresì l'uso di
indicazioni che facciano riferimento a comuni e frazioni comprese nella zona delimitata dal
precedente art. 3, dalle quali effettivamente provengono le uve da cui il vino così qualificato è stato
ottenuto. Le menzioni facoltative esclusi i marchi ed i nomi aziendali possono essere riportate
nell'etichettatura soltanto in caratteri tipografici non più grandi o evidenti di quelli utilizzati per la
denominazione d'origine del vino, salve le norme generali più restrittive.Sulle bottiglie o altri
recipienti contenente i vini a denominazione di origine controllata "Cinque Terre" e "Cinque Terre
Sciacchetrà" è consentito riportare in etichetta l'indicazione dell'annata di produzione delle uve, tale
indicazione è obbligatoria per i vini a denominazione di origine controllata "Cinque Terre" riserva e
"Cinque Terre" con la specificazione delle sottozone.
E' consentito altresì l'uso di indicazione geografiche e toponomastiche aggiuntive che facciano
riferimento a unità amministrative, frazioni, aree, zone, località, fattorie, dalle quali effettivamente
provengono le uva da cui il vino così qualificato è stato ottenuto, purchè comprese nella zona
delimitata nel precedente art. 3, nel rispetto della normativa vigente.


Articolo 8
Confezionamento
I vini di cui al presente disciplinare devono essere immessi al consumo confezionati in bottiglie di
vetro di forma renana, borgognotta e bordolese con capacità da l. 0,250 a l. 0,750.Non sono ammesse
le chiusure con tappi a corona, capsule a strappo od altre chiusure analoghe. E' ammessa la chiusura a
vite per le bottiglie di capacità fino a l. 0,375.


Articolo 9
Legame con l’ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica riferita al territorio della Denominazione di Origine “Cinque Terre” ricade nella
parte orientale della Regione Liguria, in Provincia della Spezia e comprende un territorio
caratterizzato da vigneti situati per la maggior parte in alta collina, terrazzati e di superficie media
ridotta.
Aspetti pedologici:
I terreni coltivati a vite sono di limitata profondità, con tessitura grossolana o franco – grossolana,
ricchi di scheletro e quindi molto permeabili, principalmente a reazione acida – subacida. I substrati
litologici dei rilievi collinari delle Cinque Terre maggiormente rappresentati sono sedimenti marini
(torbiditi).
Aspetti topografici:
L’altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra lo 0 e i 900 m s.l.m. con quota prevalente
compresa tra 600 e 700 m, pendenza tra il 35 e il 50%, esposizione prevalente orientata verso sud –
ovest e distanza dal mare compresa tra 0 e 5 Km.
Aspetti climatici:
La temperatura media dell’area interessata è pari a circa 15°C.
L'indice bioclimatico di Huglin (IH) che descrive l'andamento fenologico e della maturazione è pari a
circa 2240°C con valori compresi tra 2050 e 2370 a seconda delle annate. La somma delle
temperature attive (STA) che dà indicazioni sulle disponibilità termiche della zona è pari a circa
1970°C con valori compresi tra 1830 e 2110. La sommatoria delle escursioni termiche (SET), altro
indice bioclimatico utile per la caratterizzazione di un territorio viticolo, è pari a circa 550°C con
valori compresi tra 490 e 590.
Il massimo della piovosità si verifica nel mese di aprile con una media di circa 220 mm, il minimo di
piovosità nel mese di luglio con 24 mm medi.
Le precipitazioni medie annue risultano essere di circa 1240 mm; i giorni con pioggia tra aprile e
ottobre sono mediamente 47 con un massimo di 11 giorni ad aprile ed un minimo di 3 giorni a luglio.
Fattori umani rilevanti per il legame
Cinque Terre e' il nome di un tratto della Riviera Ligure di Ponente che riunisce i comuni di
Monterosso, Vernazza, Corniglia, Manarola e Riomaggiore. e' una terra in cui vengono coltivati
vitigni tipici e caratteristici quali l'Albarola, il Bosco e il Vermentino. I primi due hanno origini
ignote mentre il Vermentino, introdotto in queste terre solo recentemente, prima era chiamato
Piccabon, e non aveva alcuna relazione con il vino prodotto nelle Cinque Terre.
Le prime notizie certe della presenza di attività viticole nella zona delle Cinque Terre risalgono ai
secoli Vi-V a.C., quando i Greci, abili navigatori e commercianti, approdano sui lidi della Riviera
Ligure, portandosi prima del vino e dopo, dato il minor costo, producendolo in loco.
E' molto probabile che in seguito i vini della zona avessero trovato una via commerciale nel vino
golfo della Spezia, presso il gran porto di Luni, popolosa e commerciante città dell' Etruria.
Plinio proclama i vini di Luna come i migliori d'Etruria (Etruriae palmam Luna habet).
Alla fine del XI secolo, con la formazione dei Comuni, una rete di rapporti commerciali e culturali
favorisce lo sviluppo dell'agricoltura nella zona delle Cinque Terre.
Nel Medioevo si verifica in tutta la Riviera Ligure di Levante una notevole espansione demografica,
che determina una ulteriore espansione delle aree coltivabili. Le coltivazioni principali dell'epoca, la
vite e l'olivo, probabilmente insieme ad altre colture orticole, sfruttano ogni spazio conquistato
nell'acclività del versante, con appezzamenti sostenuti da muretti a secco (fasce terrazzate o terrazze).
Nel XVIII e nel XIX secolo la zona delle Cinque Terre si specializza nella produzione di vino. La
massima espansione dei terrazzamenti coltivati avviene ne l corso dell'800, con l'espansione
demografica.
Molti testi descrivono i vigneti e gli uliveti terrazzati, notando “l'industria dei coltivatori liguri,
superiore a quanto si conosca al mondo in questo genere”.
Riportando una testimonianza della vita contadina dei primi del 1900, tratta da "Straniero
Indesiderabile" di P. Riccobaldi: " Quelli erano tempi veramente duri. La miseria era spaventosa, a
Manarola l'unica risorsa era il vino prodotto da terra avara che richiedeva durissimo lavoro e
sovrumani sacrifici. Emigrare, cercare lavoro fuori era considerato come una dichiarazione di resa.
Perciò quasi tutti rimanevano aggrappati ai loro vigneti, orgogliosi di essere proprietari, di lavorare in
proprio."
Nel 1920 le Cinque Terre furono colpite dalla più grave calamità della loro storia millenaria. In
quell'anno la viticoltura fu colpita dalla filossera, un parassita delle piante, che distrusse
irrimediabilmente tutti i tipi di vigna coltivati. All'inizio degli anni '30 le vigne erano decimate e vasti
spazi incolti. Dopo quella distruzione gli abitanti ricostruirono i vigneti con l'impianto delle
barbatelle di vite americana poi innestate coi i vitigni locali tradizionali.
La nascita nel 1973 della Cantina sociale nonché Cooperativa Agricola, e la messa in opera di
numerose monorotaie con carrelli per il trasporto di materiali e persone, anche su pendenze molto
accentuate,hanno ridato impulso, insieme ad altri interventi, all'attività tradizionale per eccellenza
delle Cinque Terre: l'agricoltura
Nel 1999 è stato istituito il Parco nazionale delle Cinque Terre il cui territorio si estende dalla zona di
Tramonti di Biassa e di Campiglia, nel comune della Spezia al comune di Levanto. Il Parco ha la
particolarità di essere l'unico in Italia finalizzato alla tutela di un ambiente antropizzato, uno degli
scopi è infatti la tutela dei terrazzamenti e dei muri a secco che li sorreggono.
La letteratura sul vino delle Cinque Terre e' vasta, ma non c'e' verso o citazione che possa esprimere
l'emozione profonda che dona la vista dei suoi vigneti inerpicati ai limiti del praticabile per coste
scoscese che, in pochi metri, si trasformano da scogliera in montagna, evocando il concetto di collina
solo per assenza recidiva.
La base ampelografica dei vigneti è caratteristica e riguarda vitigni presenti solo nel territorio
delimitato come il Bosco, il Vermentino e l’Albarola che ne evidenziano originalità e legame con la
tradizione. Le forme di allevamento sono tradizionali e nel tempo non si sono mai discostate da
quelle tradizionalmente utilizzate in passato.
Recentemente le tecniche enologiche, a vent’anni dal riconoscimento DOC nazionale, hanno portato
gli operatori a selezionare maggiormente le caratteristiche peculiari che il fattore ambiente esalta e a
migliorare in cantina un prodotto che, già dalla vigna e dalle caratteristiche delle uve, ha le note del
territorio.
B) Informazioni qualità e caratteristiche prodotto esclusivamente attribuibili all’ambiente
geografico.
La DOC Cinqueterre fa riferimento a varie tipologie di vino (art. 1) che, dal punto di vista chimico e
organolettico, presentano caratteristiche che permettono una chiara individuazione della sua tipicità e
del legame col territorio.
Le peculiarità dei vitigni utilizzati per le varie tipologie, grazie all’influenza dell’ambiente geografico
in cui sono coltivati (clima e pratiche di elaborazione dei vini consolidate in zona e adeguatamente
differenziate per ciascuna delle tipologie), danno luogo a vini con caratteristiche molto riconoscibili.
In particolare i vini si distinguono per il fatto di possedere acidità modeste, colori tenui, profumi fini
e delicati in prevalenza floreali, sapidità al gusto.
La particolarità del territorio è da ricercarsi soprattutto nella natura agricola delle Cinque Terre, e
nell'esigenza di ovviare alla mancanza di spazi adeguati per l'esercizio dell'agricoltura e la
produzione di prodotti che anticamente servivano per il sostentamento delle popolazioni locali, viene
tratteggiata una terra che non è affatto avara di frutti se lavorata con assiduità, grande dispendio di
energie e razionalità. E' piuttosto una terra che non da certezze, per certi versi infida, dove anche un
muretto a secco, smottando improvvisamente, o un sentiero percorso con poca attenzione,
racchiudevano insidie pericolose.
Quello che ha certamente reso famosa questa terra è senz'altro il suo splendido paesaggio, ma
certamente anche il suo frutto, il vino delle Cinque Terre: il famoso "Sciacchetrà" e il bianco secco
DOC.
Il termine "sciachetrà", con cui il rinforzato è commercializzato e ormai ovunque conosciuto, è
attestato soltanto verso la fine dell'Ottocento. Pare che uno dei primi a utilizzarlo sia stato il pittore
macchiaiolo Telemaco Signorini il quale, nel suo scritto di memorie Riomaggiore, ricordando le tante
estati trascorse nel borgo delle Cinque Terre, afferma che «in settembre, dopo la vendemmia, si
stendono le migliori uve al sole per ottenere il rinforzato o lo sciaccatras».
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
Nelle zona delle Cinque Terre la vite si coltiva da secoli cadenzandone la storia di quei territori con
numerosi riferimenti e testimonianze che di fatto ne certificano l’importanza ed il valore.
La produzione del vino è stata la principale, se non unica fonte di sostentamento per la popolazione
per secoli, i contadini per poter coltivare le scoscese colline hanno mirabilmente costruito i
terrazzamenti con muretti a secco, dalle cime delle colline fino a pochi metri dal mare.
Notevole è il contributo delle attività agricole e della viticoltura in particolare allo sviluppo
socioeconomico della zona. Le Cinque Terre hanno tra le loro caratteristiche principali la particolarità del
territorio su cui sorgono.
Particolarmente caratteristiche e suggestive le sistemazioni in terrazzamenti sostenuti da muretti a
secco, opera delle fatica nonché dell’ingegno degli agricoltori del luogo. In tal senso è significativa
l'opera di antropizzazione che l'uomo ha portato avanti nei secoli in perfetta sintonia con l'ambiente e
nel rispetto delle biodiversità.
Il clima tipicamente mediterraneo della inoltre aggiunge al prodotto di quell’uva particolarità
interessanti immediatamente riscontrabili, ad esempio, nella potenzialità alcolica del vino e nelle
caratteristiche aromatiche e di sapidità dello stesso.
In considerazione delle caratteristiche dei luoghi e della particolare sistemazione dei terreni in fasce
terrazzate, le principali operazioni colturali vengono effettuate interamente a mano, con notevole
dispendio in termini di manodopera.
Il risultato del connubio fra gli elementi ambientali ed umani sono l’alta qualità che i prodotti hanno
ottenuto nel corso degli anni, anche con riconoscimenti prestigiosi nei concorsi enologici. La limitata
quantità di produzione porta questi vini ad essere consumati per lo più nel territorio di produzione,
solo alcune realtà aziendali più grandi riescono a commercializzare il prodotto fuori dai confini
regionali.
Il legame fra la tradizione enologica e vitivinicola e le tipologia di vino descritte nel disciplinare
hanno un valore storico e di consuetudine. Infatti ogni operatore, ancora prima del riconoscimento
DOC avvenuto nel 1995, aveva fra le sue caratteristiche produttive la tendenza ad offrire vini prodotti
per un consumo fresco e di breve durata.


Articolo 10
Riferimento alla struttura di Controllo
Nome e Indirizzo: Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di La Spezia
Piazza Europa n. 16
Via Vittorio Veneto n. 28
19124 - La Spezia
Tel. 0187-7281
Fax 0187-777908
Web: www.sp.camcom.it
La CCIAA di La Spezia è l’Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all’articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell’arco dell’intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli, approvato
dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in G.U. n. 150
del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |