Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Casavecchia di Pontelatone Doc

Loading

Blog

 

Casavecchia di Pontelatone Doc

15.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  "CASAVECCHIA DI PONTELATONE"


Approvato con DM 08.11.2011 G.U. 278 del 29.11.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 del 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazioni e vini
La denominazione di origine controllata “Casavecchia di Pontelatone " è riservata ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione per le
seguenti tipologie:
rosso e riserva.


Articolo 2
Base ampelografica
La denominazione d'origine controllata di cui all'art. 1 è riservata ai vini ottenuti da uve provenienti
da vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione varietale:
“Rosso” e “riserva”: Casavecchia n. minimo 85%; possono concorre altri vitigni a bacca
rossa non aromatici idonei alla coltivazione per la Regione Campania, fino a un massimo del
15%;


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di origine delle uve idonee a produrre il vino DOC “Casavecchia di Pontelatone”
comprende l’intero territorio amministrativo del comune di Liberi e Formicola e parte dei comuni di
Pontelatone, Caiazzo, Castel di Sasso, Castel Campagnano, Piana di Monte Verna e Ruviano, tutti
in provincia di Caserta.
Fisicamente i confini sono così individuati:
Partendo da nord dall’intersezione tra il limite amministrativo del comune di Ruviano e la strada
comunale San Domenico in località Composto, si prosegue in direzione Sud, fino al centro abitato
di Ruviano. Da qui si prosegue con la ex strada statale 87 e successivamente con la Strada
Provinciale Castel Campagnano – Piana di Monte Verna fino all’incrocio con la ex strada Statale
87. Da detto incrocio si prosegue verso Ovest con la Strada Provinciale 264 Piana di Monte Verna –
Trifilisco fino in località Barignano, Taverna Nuova, raggiungendo successivamente il confine
amministrativo dei comuni di Pontelatone, Formicola, di nuovo Pontelatone, Liberi, chiazzo e
Ruviano terminando con il ricongiungimento con la strada comunale San Domenico in località
Composto.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Condizioni naturali dell'ambiente.
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino “Casavecchia di
Pontelatone” devono essere quelle tradizionali della zona e comunque atte a conferire alle uve e al
vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi idonei i vigneti collinari o comunque di giacitura ed esposizioni
adatte, con esclusione di quelli impiantati su terreni di fondovalle e/o umidi e/o non
sufficientemente soleggiati.
Densita' di impianto.
I sesti d’impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere razionali e tal i da
non modificare le caratteristiche peculiari dell’uva e del vino. I nuovi impianti e reimpianti devono
rispondere a moderne tecniche colturali e prevedere un numero di ceppi per ettaro non inferiore a
2.500 ceppi. Per I nuovi impianti e reimpianti è vietata l’adozione di forme di allevamento
orizzontali. E’ vietata ogni pratica di forzatura e altresì consentito effettuare irrigazioni di soccorso,
prevedendo impianti di irrigazione.
Resa a ettaro e gradazione minimale naturale.
La produzione massima di uve ammesse per i vini "Casavecchia di Pontelatone” per ettaro di
coltura specializzata, non deve essere superiore, e il titolo alcolometrico volumico naturale dei
mosti non deve essere inferiore ai sottoelencati limiti:
DENOMINAZIONE
CASAVECCHIA DI
PONTELATONE
PROD. MAX
UVA/HA TON.
TITOLO ALCOL.
MIN. NAT.
(VOL%)
ROSSO 9 11,50
RISERVA 9 12,00
Nelle annate più favorevoli le quantità di uve destinante alla produzione dei vini a denominazione
di origine controllata Casavecchia di Pontelatone devono essere riportate ai limiti massimi di cui
sopra, purchè le resa unitaria non superi per più del 20 % i limiti stessi. Superata la percentuale del
20%, tutta la produzione decade dal diritto alla rivendicazione della denominazione di origine.
La Regione Campania, con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate, prima
della vendemmia può modificare i limiti massimi di resa unitaria ed il titolo alcolometrico volumico
minimo naturale in conformità alle norme di legge.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire al
vino le sue peculiari caratteristiche varietali e territoriali.
Zona di vinificazione.
Le operazioni di vinificazione, di invecchiamento e di imbottigliamento dei vini a denominazione di
origine controllata “Casavecchia di Pontelatone” possono essere effettuate nell’ambito dell’intera
provincia di Caserta e nel territorio amministrativo del comune di Amorosi in provincia di
Benevento.
Conformemente all’art. 8 del Reg. CE n. 607/2009, l’imbottigliamento o il condizionamento deve
aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualità o la reputazione o
garantire l’origine o assicurare l’efficacia dei controlli.
Arricchimento.
L'aumento del titolo alcolometrico è consentito ai sensi delle norme vigenti e solo per la tipologia
rosso.
Resa uva/vino.
La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%. Qualora la resa uva/vino
superi il limite di cui sopra, ma non oltre il 5% del vino totale finito, l’eccedenza non ha diritto alla
denominazione di origine controllata e garantita. Oltre detto limite del 5% sul vino totale finito,
decade il diritto alla denominazione di origine controllata e garantita per tutta la partita.
Invecchiamento.
lì vino a denominazione di origine controllata “Casavecchia di Pontelatone” deve essere sottoposto
a un periodo minimo di invecchiamento obbligatorio di due anni di cui almeno uno in legno. Per la
tipologia “riserva” l’invecchiamento deve essere di non meno di tre anni di cui almeno 18 mesi in
legno. Il periodo di invecchiamento decorre dal primo Novembre dell’anno della vendemmia.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
Il vino a denominazione di origine controllata “Casavecchia di Pontelatone” all’atto
dell’immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
colore: Rosso rubino più o meno intenso, tendente al granato con l’invecchiamento
odore: intenso, persistente, caratteristico
sapore: secco, sapido, giustamente tannico, morbido e di corpo
titolo alcolometrico volumico minimo totale: rosso 12,50% Vol, riserva 13,00%Vol.
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
È facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con proprio decreto, stabilire
limiti minimi diversi per l’acidità totale e l’estratto non riduttore.


Articolo 7
Designazione e presentazione
E’ vietato usare assieme alla denominazione di origine controllata “Casavecchia di Pontelatone”
qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quelle previste nel presente disciplinare di
produzione, ivi compresi gli aggettivi “superiore”, “extra”, “fine”, “selezionato” e similari.
È consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati non
aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l’acquirente.
Le indicazioni tendenti a specificare l’attività agricola dell’imbottigliatore quali “viticoltore”,
“fattoria”, “tenuta”, “podere”, “masseria” ed altri termini similari sono consentite in osservanza
delle disposizioni Comunitarie e Nazionali in materia.
La menzione “vigna” o I suoi sinonimi, seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale può
essere utilizzata nella presentazione e designazione dei vini DOP ottenuti dalla superficie vitata che
corrisponde al toponimo, purchè sia rivendicata nella denuncia annuale di produzione delle uve.
Sulle bottiglie o altri recipienti contenenti il vino Doc “Casavecchia di Pontelatone” deve figurare
obbligatoriamente l’indicazione dell’annata di produzione delle uve.
Nella designazione e presentazione del vino Doc “Casavecchia di Pontelatone” la specificazione di
tipologia “riserva” deve figurare al di sotto della dicitura “denominazione di origine controllata” ed
essere scritta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la denominazione di
origine “Casavecchia di Pontelatone”.


Articolo 8
Confezionamento
Il vino a Doc “Casavecchia di Pontelatone” deve essere immesso al consumo in bottigli a o altri
recipienti di vetro di capacità non superiore a 5 litri. I recipienti devono essere di forma bordolese,
di vetro scuro, chiusi con tappo di sughero e, per quanto riguarda l’abbigliamento, confacenti ai
tradizionali caratteri di un vino di particolare pregio.
E’ ammesso per le bottiglie di contenuto inferiore e/o uguale a 0.200 litri il tappo a vite e/o strappo.


Articolo 9
Legame con l’ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
Fattori storici
La storia popolare, molto diffusa nelle persone del luogo, vuole che il Casavecchia abbia
avuto origine da seme, nei pressi di un antico rudere del quale esistono ancora oggi i muri
perimetrali, sito nei pressi della vecchia masseria denominata “Ciesi”, nel comune di Pontelatone a
pochi passi dal braccio entroterra dell’antichissima via latina che dall’antica Capua portava ad
Alife.
Secondo il detto popolare fu un certo Scirocco Prisco, nato a Pontelatone nel 1875 e ivi
morto nel 1962 (Archivio dell’Interdiocesi di Caiazzo) a rinvenire verso la fine del XIX secolo, nei
pressi del citato rudere (di sua proprietà) la prima vite di Casavecchia. Egli stesso iniziò a riprodurla
per propaggine e da qui si diffuse nei vicini comuni di Castel di Sasso, Formicola e Liberi. Sembra
che la gente del posto iniziò a dire in gergo dialettale “l’uva e chella casa vecchia” da cui derivò il
toponimo Casavecchia.
Da colloqui con i due figli ancora in vita del Prisco Scirocco, Guarino e Giuseppina, nati
rispettivamente nel 1930 e nel 1923 a Pontelatone, sembra che suo padre trovò all’età di circa 25
anni, (quindi intorno al 1900) realmente la prima vite di Casavecchia nel posto indicato dalla
leggenda e che al momento del rinvenimento avesse già un’età consistente (diametro del fusto di
almeno 40 cm). Le testimonianze di Scirocco Giuseppina e di Scirocco Guarino mettono fortemente
in discussione l’attendibilità del detto popolare, proprio perché secondo loro, il padre trovò la prima
vite Casavecchia che aveva già un’età consistente, pertanto non si può essere certi del fatto che sia
nata effettivamente da seme, per la mancanza di documenti storici e di testimonianze attendibili in
merito.
Le ipotesi alternative al detto popolare potrebbero essere diverse, si potrebbe pensare
realmente ad una vite nata da seme molto tempo prima del suo rinvenimento, ma anche all’ipotesi
secondo la quale una popolazione del vitigno Casavecchia già era diffusa nella zona e che nei pressi
del vecchio rudere un unica pianta sia sfuggita all’abbandono e alla successiva estinzione.
La seconda delle suddette ipotesi sembra trovare un importantissimo riscontro con
avvenimenti storici accuratamente documentati. Secondo le ricerche dei geologi, infatti, oltre al
periodo freddo umido del tardo-antico tra V e VIII sec., il bacino del mediterraneo sarebbe stato
interessato da un altro grande ciclo freddo-umido tra il XVI e la metà del XIX sec.; in Campania
questo secondo ciclo si può ritenere concluso dalla epidemia di oidio che nel 1851 colpì la
viticoltura, danneggiando e talvolta distruggendo vigneti ed arbusteti, non solo in una vasta area
intorno al golfo di Napoli, le isole, il Vesuvio e la pianura campana, ma dilagando anche nelle
limitrofe aree regionali (Guadagno G., 1997).
Come recita la relazione presentata alla Reale Accademia delle Scienze nel 1851 dalla
commissione appositamente costituita «... in provincia di terra di lavoro... Il male passava di là dai
monti che circondano la pianura campana alle provincie limitrofe…».
Se si fa riferimento alla predetta relazione che rappresenta l’area interessata dalla epidemia
oidica che nel 1851 colpì la Campania, si nota che la zona in cui oggi è diffuso il vitigno
Casavecchia fu interessata da tali vicende storiche. Valutando le testimonianze dei due figli del
Prisco Scirocco, tra l’altro molto più attendibili del detto popolare, si capisce che le origini di quella
prima vite di Casavecchia sono antecedenti all’infestazione oidica del 1851. Appare chiaro che
esiste una indubbia ed inequivocabile collimazione geografica oltre che temporale tra la
documentata relazione sull’infestazione oidica del 1851 e i fatti emersi dalle testimonianze dei due
figli del Prisco Scirocco, per questo è possibile quanto spontaneo rafforzare l’ipotesi secondo la
quale una popolazione del vitigno Casavecchia già era diffusa nell’area in studio o addirittura in
Terra di lavoro ancor prima del XIX secolo e che il periodo di freddo umido prima e l’infestazione
oidica del 1851 poi, abbiano portato ad una sua estinzione; così la pianta (già vecchia) trovata verso
la fine del XIX secolo sarebbe stata l’unica superstite di quella popolazione per cause ancora tutte
da chiarire.
Fattori naturali
Risalendo il fiume Volturno, appena a nord di Capua, la piatta morfologia della Conca Campana è
interrotta da una serie di rilievi che possono essere raggruppati in due gruppi montuosi, culminanti a
nord nel Monte Maggiore (m 1037 s.l.m.) ed a sud nel Monte Tifata (m 602 s.l.m.). Questi, separati
tra loro dal corso del fiume Volturno, si elevano dalla piana casertana con un contrasto morfologico
che è reso ancor più evidente dall’assenza quasi totale di coltre detritica pedemontana.
I rilievi settentrionali, di grossolana forma quadrangolare, presentano una tettonica plioquaternaria,
caratterizzata da faglie dirette con prevalente orientamento appenninico ed è l’elemento
morfogenetico più importante dell’area.
Il territorio in studio è compreso proprio tra il massiccio del Monte Maggiore e i Monti
tifatini.
I suoli agricoli pianeggianti dei comuni di Pontelatone e di Castel di Sasso (comuni
confinanti), sono chiusi ad ovest da una monoclinale costituita dal Monte Pozzillo (m 535 s.l.m.) e
dal Monte grande (m 367 s.l.m.) che dal M. Maggiore in direzione appenninica raggiunge il M.
Tifata, separata da quest’ultimo solo dal corso del fiume Volturno. A nord-est i suoli in oggetto
sono chiusi da un’altra dorsale, costituita principalmente dal Monte Maiulo (m 430 s.l.m.), dal M.
Fallano (m 318 s.l.m.) e dal M. Friento (m 730 s.l.m.) (foglio n° 172 della carta d’Italia. I.G.M.)
A nord-est dei Monti tifatini, in corrispondenza della zona collinare del comune di Castel di
Sasso, la morfologia si fa più dolce: trattasi di tipi litologici poco coerenti che subiscono
intensamente l’azione erosiva delle acque superficiali (Celico et al., 1977). Sia nel comune di Castel
di Sasso che in quello di Pontelatone, i suoli agricoli presenti possono essere distinti in tre tipi
principali: suoli detritici alluvionali; suoli di natura piroclastica; suoli arenaceo-argillosi. Nei primi,
a ridosso del Fiume Volturno, si ha una disordinata alternanza di terreni ad eterogenea
granulometria, costituiti da sabbie, limi, lenti di ghiaie poligeniche e da minuto detrito calcareo in
vicinanza dei rilievi. Presentano permeabilità per porosità, globalmente bassa, ma puntualmente
variabile in funzione della granulometria (Celico et al., 1977).
I suoli piroclastici, occupano la parte valliva e pianeggiante dei rispettivi comuni di
Pontelatone e di Castel di Sasso, dai terreni alluvionali a ridosso del fiume Volturno si spingono
fino alla parte collinare, occupando così un’area abbastanza estesa. In profondità presentano
Ignimbrite Trachifonolitica, costituita da un compatto ammasso di pomici, scorie e lapilli, in
prevalente matrice cineritica, in superficie piroclastiti sciolte (Celico et al., 1977).
La parte collinare del comune di Pontelatone che abbraccia il Monte Friento con le
comunicanti colline di Castel di Sasso che a partire dalla parte valliva si spingono fino a Piana di
Monte Verna e a Caiazzo, presentano suoli di tipo arenaceo-argillosi, costituiti da argille, arenarie
arcosico-litiche, ricche di frammenti argillosi, lembi di argille varicolori, frequenti e, talvolta
voluminosi, esotici carbonatici. Questi suoli hanno una bassa permeabilità per l’esiguo lume dei
pori; solo nei terreni arenacei sussiste una modesta permeabilità per fratture (Celico et al., 1977).
La temperatura media annua è di 15,6°C, la media annua delle minime è di 10,93°C, mentre
la media annua delle massime è di 20,21°C. I mesi più freddi sono gennaio e febbraio c on
temperature medie delle minime di 4,8°C e di 4,7°C, quello più caldo è agosto con una temperatura
media delle massime di 30,17°C. L’escursione termica diurna è massima nel mese di luglio
(11,45°C), minima nel mese di dicembre (6,28°C).
La precipitazione media annua è di 970 mm; nei mesi autunno-invernali-primaverili si ha la
massima concentrazione delle piogge: da ottobre a marzo ne cadono infatti mediamente ben 736,6
mm sui 970 totali (il 76 %). Il mese più piovoso è novembre con una piovosità media di 148,3 mm,
quello meno piovoso è agosto con una media di 15,9 mm di pioggia caduta.
Per quanto riguarda l’umidità relativa la media annua delle minime mensili è del 52,37 %, la
media annua delle massime mensili è del 91,48 %, la media annua è del 66,11 %. I mesi più umidi
sono novembre e dicembre con le rispettive umidità relative medie del 76,8 % e del 76,3 %, quelli
meno umidi sono giugno e agosto con le rispettive umidità relative medie del 67,57 % e del
67,56%.
Si noti che nel periodo coincidente con la fase finale della maturazione dell’uva
“Casavecchia” (settembre-ottobre), si ha un notevole livello di umidità relativa: del 74,15 % nel
mese di settembre; del 73 % nel mese di ottobre.
Fattori umani
Le diverse etnie e popoli che in esso si sono succedute, hanno avuto sicuramente i loro
effetti sul tipo di viticoltura esistente. L’intera area ha conservato una base ampelografica molto
interessante, come è interessante notare che l’Aglianico pur essendo il vanto della odierna
viticoltura campana, sia poco diffuso. Probabilmente nella zona considerata ci sono sempre stati
antichi vitigni autoctoni della Campania come il Casavecchia o anche il Piedirosso, che hanno
costituito sin dall’antichità la vera base ampelografica locale, alla quale la gente del posto è stata
sempre molto legata. Anche nell’ottica di una modernizzazione e razionalizzazione della viticoltura
esistente, non si deve assolutamente compiere l’errore di stravolgere il quadro ampelografico della
zona, perché frutto di scelte e di esperienze ultrasecolari.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all’articolo 6, che ne
permettono una chiara individuazione e tipicizzazione legata all’ambiente geografico.
In particolare tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le
tipologie, mentre al sapore e all’odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni
prevalentemente autoctoni.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L’orografia del territorio di produzione e l’esposizione prevalente dei vigneti, localizzati in zone
particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono a determinare un ambiente
adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole all’espletamento di tutte le funzioni
vegetoproduttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti
ad una viticoltura di qualità.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato
1), che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare,
conformemente all’articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE
n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli
combinata (sistematica ed a campione) nell’arco dell’intera filiera produttiva (viticoltura,
elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |