Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Verona o Provincia di Verona o Veronese Igt

Loading

Blog

 

Verona o Provincia di Verona o Veronese Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE VINI INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"VERONA" O "PROVINCIA DI VERONA" O "VERONESE".


Approvato con DM 21.11.1995 G.U. 297 - 21.12.1995
Modificato con DM 27.02.1996 G.U. 57 - 08.03.1996
Modificato con DM 21.03.1996 G.U. 79 - 03.04.1996
Modificato con DM 13.08.1997 G.U. 210 - 09.09.1997
Modificato con DM 27.06.2008 G.U. 158 - 08.07.2008
Modificato con DM 12.11.2010 G.U. 283 - 03.12.2010 (S.O. n. 264)
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 08.10.2013 G.U. 254 – 29.10.2013
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
L'indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» accompagnata o
meno dalle specificazioni previste dal presente disciplinare di produzione e' riservata ai mosti e ai
vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
La indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» e' riservata ai
seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante;
rossi, anche nelle tipologie frizzante e novello;
rosati, anche nella tipologia frizzante.
I vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» bianchi,
rossi e rosati devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale,
da uno o più' vitigni idonei alla coltivazione per la provincia di Verona. di cui al Registro nazionale
delle varietà di viti approvato con DM 7 maggio 2004 (GU n. 242 del 14 ottobre 2004) e successivi
aggiornamenti di cui all'allegato 1 del presente disciplinare di produzione.
La indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» con la
specificazione di uno dei seguenti vitigni, o del relativo sinonimo il cui uso in etichetta e' consentito
dalla vigente normativa comunitaria e nazionale: Chardonnay, Garganega, Pinot bianco, Pinot
grigio, Riesling, Sauvignon, Tai (da Tocai friulano), Trebbiano (da Trebbiano toscano e/o
Trebbiano di Soave), Cabernet franc, Cabernet Sauvignon, Corvina, Merlot, Pinot nero (anche
vinificato in bianco) Corvinone, Goldtraminer, Gosen, Sennen, Syrah, Oseleta, Carmenere, Rebo,
Rossignola, Petit Verdot e Teroldego e' riservata ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti
composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dai corrispondenti vitigni.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni idonei alla coltivazione per la provincia di Verona fino ad un massimo del 15%.
Nella preparazione del vino Cabernet possono concorrere, disgiuntamente o congiuntamente, le uve
dei vitigni Cabernet franc, Cabernet sauvignon e Carmenere.
I vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» possono
utilizzare la specificazione del nome di due vitigni idonei alla coltivazione per l'area amministrativa
sopra indicata, alle condizioni previste dalla normativa comunitaria.
I vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» con la
specificazione di uno o due dei vitigni di cui al presente articolo, possono essere prodotti anche
nella tipologia frizzante; i soli vini derivanti da vitigni a bacca rossa possono essere prodotti anche
nella tipologia novello.


Articolo 3
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con la
indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» comprende l'intero
territorio amministrativo della provincia di Verona, nella regione Veneto.


Articolo 4
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 2
devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
per i vini a indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» bianco,
rosso e rosato, anche con la specificazione del vitigno, non deve essere superiore a tonnellate 25, ad
eccezione dei vitigni: Chardonnay, Pinot bianco, Pinot grigio, Pinot nero, Riesling, Sauvignon,
Cabernet franc, Goldtraminer, Gosen, Sennen, Oseleta, Carmenere, Rebo, Rossignola e Petit
Verdot, per i quali non deve essere superiore a tonnellate 19 e per Syrah a 15 tonnellate.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di
Verona» o «Veronese», dopo le eventuali operazioni di arricchimento, devono assicurare ai vini il
titolo alcolometrico volumico totale minimo indicato all'art. 6 per le diverse tipologie di prodotto.


Articolo 5
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80%,
per tutti i tipi di vino.
Le operazioni di vinificazione delle uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica
tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» devono essere effettuate all'interno della
zona di produzione delle uve di cui all'articolo 3.
Inoltre, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, è consentito, ai sensi dell'articolo
6, comma 4, lettera b, del Regolamento CE n. 607/2009, che tali operazioni siano effettuate anche
nell'ambito dell'intero territorio amministrativo dei comuni confinanti con la zona di produzione
delle uve, di cui all'articolo 3, ubicati nelle Province di Padova, Vicenza e Rovigo.


Articolo 6
I vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» all'atto
dell'immissione al consumo devono avere le seguenti caratteristiche:
bianco, bianco frizzante, (anche con riferimento al nome di vitigno)
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9.00% vol.;
acidità totale minima: 3.5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 13.0 g/l.
rosso, rosso frizzante, (anche con riferimento al nome di vitigno)
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9.50% vol.;
acidità totale minima: 3.5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17.0 g/l.
rosato, rosato frizzante, (anche con riferimento al nome di vitigno)
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9.00% vol.;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,00 g/l.
novello (anche con riferimento al nome di vitigno)
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11.00% vol.;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17,00 g/l.


Articolo 7
Alla indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» è vietata
l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare di
produzione, ivi compresi gli aggettivi extra, fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
Ai vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» è
consentito utilizzare in etichettatura la menzione «vivace».
L'indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» può essere
utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da uve prodotte da vigneti, coltivati nell'ambito del
territorio delimitato nel precedente art. 3, ed iscritti nello schedario viticolo dei vini a
denominazione di origine, a condizione che i vini per i quali si intende utilizzare la indicazione
geografica tipica di cui trattasi abbiano i requisiti previsti per una o più delle tipologie di cui al
presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
a) Specificità della zona geografica
Fattori naturali
L'area di produzione dei vini IGT «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» si estende
nell'intera provincia di Verona e copre l'intera fascia pedemontana, estendendosi dal lago di Garda
a ovest fino alla provincia di Vicenza a est. Anche se la zona è costituita da una serie di vallate e di
colline che entrano nella pianura, possono individuarsi alcune caratteristiche comuni e proprie della
Provincia di Verona, dove il clima ed il suolo hanno un ruolo fondamentale. Grazie alla protezione
della catena montuosa dei Lessini a nord, alla vicinanza del lago di Garda e all'esposizione a sud dei
terreni collinari e di fondovalle, il clima è complessivamente mite e non troppo piovoso
avvicinandosi soprattutto nella bassa collina e nel fondovalle a quello "Mediterraneo".
La piovosità non eccede se non durante l'inverno e la media annua oscilla fra gli 850 ed i 1000 mm.
I suoli della Provincia di Verona sono costituiti sia dalla disgregazione di formazioni calcareo
dolomitiche, sia da basalti e da depositi morenici e fluviali anche di origine vulcanica che
determinano un diverso apporto idrico alla vite nei vari stadi di sviluppo e crescita dell'apparato
fogliare e durante la fase di maturazione dell'uva.
Fattori umani e storici
Le prime coltivazioni della «Vitis vinifera L. », si attribuiscono alla civiltà paleoveneta o a quella
etrusco-retica che fiorì tra il VII e il V secolo a.C. e che persistette durante la dominazione romana
nell'attuale Provincia di Verona, nel «Pagus Arusnatium».
La tradizione vitivinicola della provincia di Verona, testimoniata anche da illustri DOC e DOCG
che testimoniano la vocazionalità vitivinicola della zona, si conferma anche nei vigneti e nelle
cantine della IGT «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» dove, accanto a vitigni storici e
autoctoni come Garganega e Trebbiano di Soave per i bianchi e Corvina, Corvinone, Oseleta e
Rossignola per i rossi, si coltivano anche quelli internazionali che qui hanno trovato ottime
condizioni di clima e di terreno.
L'indicazione geografica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese», è utilizzata in modo
continuato dai produttori vitivinicoli a partire dal 1977, a seguito del regolamento CEE 816/70 e
delle normative nazionali di recepimento che hanno stabilito le modalità per la dichiarazione,
designazione e presentazione dei vini definiti allora "vini da tavola con indicazione geografica".
Nel 1995, con il decreto del 21 novembre, è stato approvato l'attuale disciplinare di produzione
successivamente modificato al fine di adeguarlo al mercato dei vini a indicazione geografica tipica e
alle normative comunitarie.
b) Specificità del prodotto
I vini ad indicazione geografica tipica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese» d'annata
rossi, sono vini giovani, fini, dal colore rosso rubino, dal profumo vinoso, sottile, con toni fruttati
talvolta di ciliegia e rosa, dal sapore fresco, da secco o amabile e morbido, piacevolmente tannico,
talvolta con sentori amarognoli e vivace.
I vini bianchi si caratterizzano per la complessità dei profumi e presentano un colore dal giallo
paglierino a volte con riflessi verdognoli, al giallo carico a seconda del vitigno.
Questi vini presentano una buona struttura accompagnata da un'eccellente sapidità con un finale
fresco e vivace.
I vini della presente IGT presentano, dal punto di vista analitico ed organolettico una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare i vini risultano nelle diverse tipologie equilibrati con riferimento al quadro chimico
fisico, mentre al sapore e all'odore si riscontrano le caratteristiche prevalenti tipiche dei vitigni.
c) Legame causa effetto fra ambiente e prodotto
Il legame dei vini della Indicazione Geografica «Verona» o «Provincia di Verona» o «Veronese»
con il territorio è dato dalla rinomanza del nome Verona, famoso in tutto il mondo per la qualità dei
vini e la bellezza delle aree vitivinicole.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Siquria Srl
Vicolo A. Mattielli, 11
37038 - Soave (VR) Italy
Tel. 045 4857514
Fax: 045 6190646
e-mail: info@siquria.it
La Società Siquria è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |