Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Valle d'Itria Igt

Loading

Blog

 

Valle d'Itria Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"VALLE D'ITRIA"


Approvato con DM 12.09.1995 GU n. 237 - 10.10.1995
Modificato con DM 20.07.1996 GU n. 190 - 14.08.1996
Modificato con DM 13.08.1997 GU n. 210 - 09.09.1997
Modificato con DM 03.11.2010 GU n. 267 - 15.11.2010
Modificato con DM 13.01.2011 GU n. 26 - 02.02.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 28.11.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione
L'indicazione geografica tipica "Valle d'Itria", accompagnata o meno dalle specificazioni previste
dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle condizioni
ed ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Tipologie vini e relativa base ampelografia
L'indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" è riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nelle tipologie frizzante, spumante, uve stramature e passito;
rossi, anche nelle tipologie frizzante, uve stramature, passito e novello;
rosati, anche nella tipologia frizzante e novello.
I vini ad indicazione geografica tipica "Valle d'Itria", bianchi, rossi e rosati devono essere ottenuti
da uve provenienti da vigneti, composti nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei alla
coltivazione per le province di Bari, Brindisi e Taranto, a bacca di colore corrispondente iscritti nel
registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004, e
successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare.
L'indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" con la specificazione di uno dei seguenti vitigni o
relativi sinonimi:
Aglianico n.;
Aleatico n.;
Barbera n.,
Bianco di Alessano b.;
Bombino bianco b.;
Bombino nero n.;
Cabernet Franc n.
Cabernet Sauvignon n.;
Chardonnay b.;
Falanghina b.;
Fiano b.;
Greco b.;
Greco bianco b. ;
Incrocio Manzoni 6.0.13 b.;
Lambrusco n. (da Lambrusco Maestri);
Malbech n.;
Malvasia bianca b. (da Malvasia bianca e/o Malvasia bianca di Candia);
Malvasia n. (da Malvasia nera di Brindisi e/o Malvasia nera di Lecce);
Merlot n.;
Montonico b.;
Moscatello selvatico b.;
Moscato bianco b.;
Negroamaro n.;
Pampanuto b.;
Negroamaro precoce cannellino n.;
Notardomenico b.;
Pampanuto b.:
Petit Verdot n.;
Pinot bianco b.;
Pinot grigio g .;
Pinot nero n.;
Primitivo n.;
Refosco dal Peduncolo rosso n.;
Riesling italico b.;
Riesling renano b.;
Sangiovese n.;
Sauvignon b.;
Semillon b.;
Susumaniello n.;
Sylvaner verde b.;
Syrah n.;
Uva di Troia n.;
Verdeca b.;
Verdicchio b.;
Vermentino b.;
è riservata ai mosti e vini ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti dai rispettivi vitigni per
almeno l'85%.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni idonei alla coltivazione, diversi da quello oggetto di specificazione, per le province
Bari, Brindisi e Taranto fino ad un massimo del 15%.
I vini ad indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" con la specificazione di vitigno, possono
essere prodotti anche nelle tipologie frizzante, spumante limitatamente alla specificazione di vitigno
a bacca bianca, passito, e novello.
Detti vini possono essere prodotti anche nella tipologia "vino da uve stramature" rivenienti da
vendemmia tardiva.
I vini qualificati con la specificazione di uno dei vitigni a bacca nera di cui al comma 3 possono
essere prodotti anche nella tipologia rosato.


Articolo 3
Zona di produzione uve
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con la
indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni
di Alberobello e Locorotondo in provincia di Bari; Ceglie Messapico, Cisternino, Fasano e Ostuni
in provincia di Brindisi; Crispiano e Martina Franca in provincia di Taranto.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura di vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 2
devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore per tutte le tipologie dei vini ad indicazione geografica tipica "Valle
d'Itria", con o senza la specificazione del vitigno, a tonnellate 22.
Per quanto concerne la resa per ettaro in coltura promiscua, questa deve essere rapportata a quella
della coltura specializzata tenendo conto della effettiva consistenza numerica delle viti.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "Valle d'Itria", seguita o
meno dal riferimento al nome del vitigno, devono assicurare ai vini un titolo alcolometrico
volumico naturale minimo di:
10,00% vol per i bianchi;
10,50% vol per i rosati;
11,00% vol per i rossi.
Le uve destinate alla produzione della tipologia frizzante e spumante possono, in deroga, assicurare
un titolo alcolometrico volumico naturale minimo inferiore dello 0,5% vol.
Le uve destinate alla produzione di "vino di uve stramature" devono assicurare un titolo
alcolometrico volumico minimo naturale di 15% vol.
Nel caso di annate particolarmente sfavorevoli, detti valori possono essere ridotti dello 0,5% vol.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80%
per tutti i tipi di vino, ad eccezione del passito e/o uve stramature per il quale non deve essere
superiore al 50%.
Per le uve destinate alla produzione della indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" passito e uve
stramature è consentito un leggero appassimento anche sulla pianta.
Le operazioni vinificazione delle uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica
tipica "Valle d'Itria" devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delle uve come
delimitata dall'art. 3.
Tuttavia è consentito che tali operazioni vengano effettuate anche nel territorio della Regione
Puglia.
E' fatta salva la deroga prevista dalla vigente normativa per effettuare le operazioni di vinificazione
al di fuori della zona di produzione fino al 31 dicembre 2012.
Articolo 6
Caratteristiche del vino al consumo
I vini ad indicazione geografica tipica "Valle d'Itria", anche con la specificazione del nome del
vitigno, all'atto dell'immissione al consumo, devono avere le seguenti caratteristiche:
"Valle d'Itria" Bianco
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: gradevole, delicato;
sapore: fresco, da secco ad abboccato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Valle d'Itria" Bianco vino da uve stramature
colore: dal giallo paglierino al dorato;
odore: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: dal secco al dolce, tipico, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15,00% vol di cui almeno 11,00% vol svolto;
acidità totale minima: 4,0 g/1;
estratto non riduttore minimo: 22,0 g/1.
"Valle d'Itria" Bianco Frizzante:
spuma: fine ed evanescente;
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: delicato, fruttato;
sapore: da secco ad amabile, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Valle d'Itria" Bianco passito
colore: dal giallo paglierino al dorato;
odore: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: dal secco al dolce, tipico, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15,00% vol di cui almeno 11,00% vol svolto;
acidità totale minima: 4,0 g/1;
estratto non riduttore minimo: 22,0 g/1
"Valle d'Itria" Bianco Spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: giallo paglierino più o meno intenso con eventuali riflessi dorati;
odore: fragrante, complesso, caratteristico della rifermentazione;
sapore: fresco, sapido, fine, armonico, fino all'amabile;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Valle d'Itria" Rosso
colore: dal rosso rubino al granato;
odore: gradevole,caratteristico;
sapore: da secco ad abboccato, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l;
"Valle d'Itria" Rosso vino da uve stramature
colore: rosso rubino, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: dal dolce al secco, tipico, armonico;
titolo alcolometrico voltimico totale minimo: 15,00% vol di cui almeno 11,00% vol svolto;
acidità totale minima: 4,0 g/1;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/1.
"Valle d'Itria" Rosso Frizzante:
spuma: fine ed evanescente;
colore: rosato più o meno intenso;
odore: delicato, fruttato;
sapore: da secco ad amabile, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Valle d'Itria" Rosso novello
colore: rubino più o meno intenso;
odore: intenso, gradevole, caratteristico;
sapore: da secco ad abboccato, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l.
"Valle d'Itria" Rosso passito
colore: rosso rubino, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: caratteristico, delicato, persistente;
sapore: dal dolce al secco, tipico, armonico;
titolo alcolometrico voltimico totale minimo: 15,00% vol di cui almeno 11,00% vol svolto;
acidità totale minima: 4,0 g/1;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/1.
"Valle d'Itria" Rosato
colore: rosato più o meno intenso;
odore: caratteristico, fruttato;
sapore: da secco ad abboccato, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l.
"Valle d'Itria" Rosato Frizzante:
spuma: fine ed evanescente;
colore: rosato più o meno tenue;
odore: delicato, fruttato;
sapore: da secco ad amabile, armonico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Valle d'Itria" Novello Rosato
colore: rosato più o meno intenso;
odore: caratteristico, fruttato;
sapore: da secco ad abboccato, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l
2. I vini a indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" con la specificazione del nome del vitigno,
all'atto dell'immissione al consumo, oltre alle caratteristiche sopra specificate per i vini del
corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Nella designazione e presentazione dei vini ad indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" è
consentito utilizzare il riferimento al nome di due vitigni indicati nel presente articolo, a condizione
che il vino prodotto derivi al 100% dai vitigni indicati e che il vitigno che concorra in quantità
minore rispetto all'altro, sia presente in percentuale superiore al 15%.
All'indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi extra,
fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
L'indicazione geografica tipica "Valle d'Itria" può essere utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti
da uve prodotte da vigneti, coltivati nell'ambito del territorio delimitato nel precedente art. 3, ed
iscritti negli schedari vitivinicoli dei vini a denominazione di origine, a condizione che i vini per i
quali si intende utilizzare la indicazione geografica tipica di cui trattasi, abbiano i requisiti previsti
per una o più delle tipologie di cui al presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica delimitata dal disciplinare di produzione è denominata "Valle d'Itria" e fa parte
della più ampia area della Murgia, cosiddetta "dei Trulli". Dal punto di vista cartografico la zona è
orientata a sud-est della provincia di Bari.
La pedologia del suolo presenta le classiche terre rosse derivate dalla dissoluzione delle rocce
calcaree, delle quali rappresentano i residui insolubili composti da ossidi e idrossidi di ferro e di
alluminio. Sono terreni che per la loro ricchezza di potassio e la relativa povertà di sostanza
organica costituiscono un privilegiato substrato per la coltivazione di varietà di uve per vini bianchi
di pregio. I terreni, argillosi, argillosi-limosi, hanno elevata presenza di scheletro che raggiunge
circa il 60% dei costituenti totali.
L'altitudine delle aree coltivate a vite è compresa tra 280 e i 418 metri sul livello del mare e con un'
escursione altimetrica, quindi, di 138 metri. Le pendenze sono lievi e le esposizioni prevalenti sono
orientate sud-est.
Il clima è del tipo caldo arido, con andamento pluviometrico molto variabile e precipitazioni che, a
seconda delle annate, vanno dagli 800 mm ai 400 mm di acqua, concentrate per circa il 70% nel
periodo autunno-invernale. Considerato l'andamento riferito al periodo vegetativo della vite, che è
compreso da aprile a settembre, si riscontrano valori di precipitazione molto modesti aggiratesi sui
300 mm. di pioggia. Non sono rare estati senza alcuna precipitazione. L'andamento medio
pluriennale termico è caratterizzato da elevate temperature che raramente superano i 30 C° e
scendono sotto 0 c°. Durante il periodo estivo le temperature minime difficilmente scendono sotto i
18° C.
Fattori umani rilevanti per il legame.
Elementi determinanti per imprimere le peculiarità di un vino sono il vitigno e l'ambiente,
quest'ultimo inteso sia dal punto di vista fisico (clima e terreno) sia sotto l'aspetto antropologico
(tradizioni, tecnica, professionalità). Di fondamentale importanza sono quindi i fattori umani
presenti nel territorio di produzione che hanno inciso sulle caratteristiche del vino.
Il territorio interessato dalla produzione dei vini "Locorotondo" presenta un paesaggio agrario
caratterizzato da residui boschi di querceti e leccio misti a vegetazione spontanea mediterranea che
costituiva la copertura naturale del territorio prima della presenza dell'uomo. Con i primi
insediamenti umani, risalenti in epoca storica alle popolazioni messa piche e peucetiche, il
territorio nel corso dei secoli ha subito profonde trasformazioni. Il paesaggio rurale attualmente è
caratterizzato da tipici, eleganti e lineari muretti a secco che delimitano e sostengono il terreno
agrario lentamente accumulatosi nel tempo e sul quale l'uomo ha impiantato i vigneti che danno i
vini interessati dal presente disciplinare. La pietra, in simbiosi con la vite, è parte integrante della
Valle d'Itria e ne costituisce l'immagine visiva con i famosi "Trulli".
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale
definizione dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente
disciplinare di produzione:
- base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino in questione, sono quelli
tradizionalmente coltivati da sempre nell'area geografica considerata.
- le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura: anche questi elementi sono
quelli tradizionali e comunque sono tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla
superficie delle viti, sia per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la
razionale gestione della chioma, permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben
esposta e di contenere le rese di produzione di vino entro i limiti fissati dal disciplinare. In
particolare le forme di allevamento prevalentemente utilizzate nella zona sono l'Alberello,
l'Alberello modificato a Spalliera e la Controspalliera: la prima forma rappresenta il 20%, la
seconda il 50% e la terza il 30% del totale.
I sistemi di potatura adottati sono: per l'allevamento ad Alberello la potatura corta (al momento
della potatura vengono lasciate 2 speroni con 3-4 gemme per ciascuna delle 2 o 3 branche), per
l'allevamento ad Alberello modificato e per quello a Controspalliera la potatura mista ( sperone e
capo a frutto con circa 8-10 gemme).
- le pratiche relative all'elaborazione dei vini, sono quelle tradizionalmente consolidate in zona per
la vinificazione dei vini tranquilli, adeguatamente differenziate per la tipologia spumante che deve
essere ottenuta per rifermentazione naturale.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
L'IGT "VALLE D'ITRIA", come regolamentato dal presente disciplinare di produzione, presenta,
dal punto di vista analitico ed organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari che ne
permettono una chiara individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In generale tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le tipologie,
mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni.
Si tratta di caratteristiche organolettiche ed analitiche diretta conseguenza della tipologia di terreno
calcareo/argilloso su cui insistono i vigneti e delle condizioni pedoclimatiche particolarmente
favorevoli.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L'orografia collinare e l'esposizione a sud-est concorrono a determinare un ambiente aerato e
luminoso, con un suolo naturalmente sgrondante dalle acque reflue, particolarmente vocato per la
coltivazione dei vigneti idonei a produrre i vini a IGT "VALLE D'ITRIA".
Anche la tessitura e la struttura chimico-fisica dei terreni interagiscono in maniera determinante con la
fisiologia della vite, contribuendo all'ottenimento delle peculiari caratteristiche fisico chimiche ed
organolettiche dei vini "VALLE D'ITRIA". In particolare trattasi di terre che presentano un limitato
contenuto di elementi nutritivi e che mal si prestano ad un'utilizzazione intensiva delle altre colture
agrarie (anche in relazione alla loro giacitura); ma proprio in virtù di tali caratteristiche sono idonei ad
una vitivinicoltura di qualità, con basse rese produttive, conferendo ai vini particolare vigore e
complessità.
Il clima dell'areale di produzione, come già detto. è del tipo caldo-arido, caratterizzato da
precipitazioni non abbondanti, con scarse piogge estive ed aridità nei mesi di luglio e agosto. L'
ancora ottima insolazione nei mesi di settembre ed ottobre, consente alle uve di maturare
lentamente e completamente , contribuendo in maniera significativa alle particolari caratteristiche
organolettiche del vino "VALLE D'ITRIA".
L'intensa attività delle popolazioni rurali ha interagito in maniera determinante sulla formazione delle
caratteristiche vitivinicole della zona. Al tempo della Magna Grecia i vini pugliesi godevano di una
fama commerciale ben al di sopra di quanta ne avesse fino a qualche decennio addietro. In particolare
nell'area centrale della Puglia attorno all'insediamento greco, e poi romano di Egnazia, che
comprendeva anche il territorio della Valle d'Itria, vi era una viticoltura con una propria autonomia
dove era diffuso il vitigno Bianco d'Alessano. Ricerche archeologiche hanno identificato in vari porti
della regione cisterne destinate a contenere vino che poi era caricato in anfore con destinazione su
tutte le rotte mediterranee.
Tuttavia alcuni studiosi sostengono che far coincidere l'inizio della storia del vino in Puglia con la
colonizzazione greca dell'VIII-VI secolo a.C. significa non tener conto di altri mille anni di storia di
storia precedente. La diffusione della viticoltura nell'Italia meridionale ad opera dei greci con il
vitigno "Aglianico" (deformazione del termine "Ellenico"), interessò marginalmente la Puglia per il
semplice fatto che in questa regione era già insediata una propria viticoltura con il "Bianco
d'Alessano" vitigno di origine messapica, introdotto nel periodo delle civiltà micenee e cretesi del
XII-XI secolo a.C. attraverso le leggendarie migrazioni dall'Illiria (le moderne Albania- Kossovo
Macedonia) tra le due sponde del mare Adriatico meridionale.
Di una preesistente civiltà viticola è segno l'uso, esclusivamente in Puglia, del vocabolo dialettale
"mir",tradotto dai latini in " merum" per indicare un vino schietto, vero e sincero, mentre gli stessi
latini riservavano il termine "vinum" ad altri tipi di vino che per contrapposizione non apparivano tali.
Ebbene il termine "mir" era già usato dall'antica popolazione Apula dei Iapigi e dei Messapi
insediatisi nella Puglia meridionale nell'XI secolo a.C.
La plurimillenaria storia vitivinicola della Puglia, riferita alla zona considerata, attestata da numerosi
documenti, è la generale e fondamentale prova della stretta connessione ed interazione esistente tra i
fattori umani e le tipiche caratteristiche qualitative del "VALLE D'ITRIA".
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei
secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell'epoca
moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico
e tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini "VALLE D'ITRIA".


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Taranto
V.le Virgilio, 152
74121 - Taranto
La C.C.I.A.A. di Taranto è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |