Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Val Tidone Igt

Loading

Blog

 

Val Tidone Igt

25.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA DEI
VINI "VAL TIDONE"


Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 285 - 06.12.1995
Modificato con DM 10.04.1996 G.U. 100 - 30.04.1996
Modificato con DM 21.07.2010 G.U. 182 - 06.08.2010
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con DM. 10.10.2013 G.U. 252 – 26.10.2013
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con DM. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.11.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e Tipologie
La indicazione geografica tipica "Val Tidone" accompagnata obbligatoriamente dalle menzioni
bianco o rosso, o dal riferimento al nome di uno dei seguenti vitigni: Barbera, Riesling, Fortana,
Marsanne e Muller Thurgau e' riservata ai mosti, ai mosti parzialmente fermentati e ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti in appreso indicati.


Articolo 2
Basi ampelografiche
La indicazione geografica tipica "Val Tidone" e' riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante;
rossi, anche nella tipologia frizzante.
I vini ad indicazione geografica tipica "Val Tidone" bianco devono essere ottenuti da uve
provenienti da vitigni aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Malvasia bianca aromatica e/o Moscato bianco e/o Trebbiano romagnolo per almeno il 70%.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non aromatici, idonei alla coltivazione in Emilia
Romagna, iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino approvato con DM 7
maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare fino ad
un massimo del 30%.
I vini ad indicazione geografica tipica " Val Tidone" rosso devono essere ottenuti da uve
provenienti da vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Barbera e/o Bonarda per almeno il 70%. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla
produzione dei mosti e vini sopra indicati, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non
aromatici, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna, iscritti nel registro nazionale delle varietà di
vite per uve da vino approvato con DM 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati
nell'allegato 1 del presente disciplinare fino ad un massimo del 30%.
La indicazione geografica tipica "Val Tidone" con la specificazione di uno dei vitigni di cui all'art.
1 e' riservata ai vini attenuti, da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per
almeno l'85% dal corrispondente vitigno. Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla
produzione dei mosti e vini sopra indicati, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, non
aromatici, idonei alla coltivazione in Emilia-Romagna fino ad un massimo del 15%.
I vini ad indicazione geografica tipica " Val Tidone" con la specifica dei vitigni di cui all'art. 1
possono essere prodotti anche nella tipologia frizzante.
Per i vini ad indicazione geografica tipica "Val Tidone" tipologia frizzante e' vietata la
gassificazione artificiale.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con
l'indicazione geografica tipica "Val Tidone" rientra nell'ambito del territorio della provincia di
Piacenza e comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di : Borgonovo Val Tidone,
Caminata, Castel San Giovanni, Nibbiano, Pianello Val Tidone, Ziano Piacentino e parte dei
comuni di Agazzano, Gazzola, Piozzano e Travo.
Tale zone di produzione e delimitata dal seguente perimetro: « partendo dal paese di Borgonovo V.
T. segue la strada provinciale Borgonovo - Ziano sino in località Moretta, per la provinciale Ziano
Castel San Giovanni, da località Moretta a località Vigolo, da località Vigolo per S. Marzano su
campestre e strada rotabile a fondo naturale sino all'altezza del rio Cavo che segue verso foce fino
ad incrociare la comunale C.S. Giovanni - Ganaghello per località Perduta CàPradello sino
all'incrocio del rio Gambero che percorre verso la foce sino a località CàLoghetto, indi per
campestre e strada rotabile a fondo naturale per Casa Fornaci dove si immette sulla provinciale cha
da CàFornaci conduce alle località il Poggio, Casanova, CàMerlino, sino al confine con la provincia
di Pavia lungo la strada ordinaria. Segue quindi il confine del comune di Pavia per quanto interessa
tutto il foglio Castel San Giovanni 59 II S.E. - Edizione 2° I.G.M.I. - foglio Pianello V.T. 71 1°
N.E. - Edizione 5° I.G.M.I. - foglio Montalto Pavese 71 1° N.O. - Edizione 5° I.G.M.I. - foglio
Zavattarello 71 1° S.O. sino in località Pian del Poggio indi abbandonando il confine provinciale
per mulattiera quote 756 - 708, località Torrazza, Càdei Follini quota 510 indi per strada a stretto
transito per CàBazzarri, Costalda, Poggio Moresco sino a CàAie di Sotto che corre adiacente la riva
sinistra del torrente Tidoncello all'altezza di CàAie di Sotto per mulattiera Caprile sino a C.
Cucoleto Km 10 per strada permettente il passaggio di un solo convoglio indi al Km 9, Km 8,
medesima strada, località C. Franzedone al ponte sul Tidoncello di Sevizzano quota 452 Km 7,750
si devia su strada a stretto transito per quote 472, 492, 505 CàPozzo indi sempre percorrendo la
medesima strada per Sevizzano, C. Saliceto, Casa Casoni, e con strada che permette il passaggio ad
un solo convoglio l'Ardara sino a quota 605 e risalire C. Morone, C. Bole' , C. Lunga, indi sul foglio
Travo 72 IV S.E., sempre su strada permettente il passaggio di un solo convoglio sino a Casa
Colombani, deviazione per mulattiera quota 563, Sordello, Paviago ed indi per strada a stretto
transito sino in località C. Carre' quota 446 dove per breve tratto si segue il confine di comune
lungo la sponda sinistra a sinistra del Luretta verso la fonte sino alla mulattiera che conduce a
Boschi quota 567 indi sempre per mulattiera per quota 621 sino a quota 554, segue su strada a
stretto transito a scendere sino a Chiesa di Bobbiano, Cascina, indi per mulattiera sino a quota 566,
608 Costa del Grillo e per strada a stretto transito sino all'incrocio con mulattiera per Costa del
Bullo fra le località Pradello e Càdel Bullo, quindi da Costa del Bullo per mulattiera sino a quota
586 incontrando il confine di comune tra Travo e Agazzano che si segue per Zucca d'Uomo,
Lanera, Boffalora, Ongareto, Roccola, Polanina, Terrazza quota 285 del foglio di Travo n. 72 IV
S.E. indi sul foglio Agazzano in prossimità quota 249 si abbandona il confine tra comuni per
scendere per breve tratto mulattiera che conduce a Campo dei Re. Da Campo dei Re con strada a
stretto transito sino Monte Raschio, Càdei Boschi, Boccine di Sopra, e con strada che permette il
passaggio di un solo convoglio: Càdel Dolce, CàMarconi, quota 143, quota 138, dove si passa il rio
Gerosa, Bolletta, quota 130, quota 123, con ponte che supera rio Gandore, quota 134 per la Torre
comune di Gazzola. La Torre, strada provinciale per Gazzola con brevissimo tratto sono a quota
136, per strada a stretto transito per quota 131, che demarca il confine tra il comune di Gazzola ed
Agazzano, quote 128, 125 CàVecchia, e per mulattiera CàNuova quota 122 dove con strada che
permette il passaggio di un solo convoglio si attraversa il torrente Luretta ed indi per C. Amola,
Rivasso, Castelletto, Sarturano, quote 136 e 134, 126, 120, 101 CàNuova sino a quota 99 dove si
imbocca strada stretto transito per Tavernago superando a quota 104 il rio Frate, Tavernago 108,
strada per Mirabello per brevissono tratto sino a quota 110 dove si piega per C. Caffe', quote 107,
106 sino al bivio Osteria Nuova quota 114 e prosegue per Bilegno quota 114 guadando il torrente
Tidone, Bilegno, Bilegno per strada dove passa un solo convoglio sino in località Rio, indi
attraversando il rio Grande quote 129, 131, 140 sino località Castelnuovo dove si percorre la
provinciale Pianello V.T. - Borgonovo per località Borgonovo V.T. sino al raggiungimento del
capoluogo di comune per riallacciarsi al punto di partenza del confine».


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di cultura dei vigneti destinati alla produzione dei mosti e dei vini di cui
all'art. 2 devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in cultura specializzata, nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore per i vini ad indicazione geografica tipica "Val Tidone", anche con la
specificazione del vitigno, a tonnellate 17.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "Val Tidone" devono
assicurare ai vini un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di:
"Val Tidone" bianco 9,5 % vol;
"Val Tidone" Barbera 10% vol;
"Val Tidone" Fortana 9,5% vol;
"Val Tidone" Muller Thurgau 10% vol;
"Val Tidone" rosso 10% vol;
"Val Tidone" Marsanne 1 0% vol;
"Val Tidone" Riesling 9,5% vol.
Nel caso di annate particolarmente sfavorevoli, detti valori possono essere ridotti dello 0,5% vol.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
Le operazioni di vinificazione, dei vini a Indicazione Geografica Tipica "Val Tidone" di cui
all'art.1, debbono essere effettuati in provincia di Piacenza. "Inoltre, tenuto conto delle situazioni
tradizionali di produzione, è consentito, ai sensi dell'articolo 6, comma 4, lettera b, del
Regolamento CE n. 607/2009, che tali operazioni siano effettuate anche nei Comuni di S.Maria
della Versa e Rovescala, confinanti con la zona di produzione delle uve di cui all'articolo 3,
ricadenti nella Provincia di Pavia, limitatamente ad est del Torrente Bardoneggia.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 80%
per tutti i tipi di vino.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini ad indicazione geografica tipica "Val Tidone" all'atto dell'immissione al consumo devono
rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Val Tidone" bianco:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" bianco frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : delicato, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" Bianco mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.
"Val Tidone" barbera:
colore: rosso più o meno intenso
odore : vinoso, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
"Val Tidone" barbera frizzante:
colore: rosso più o meno intenso
odore : vinoso, caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
"Val Tidone" Barbera mosto parzialmente fermentato:
colore: rosso più o meno intenso;
odore: caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l;
Spuma: evanescente.
"Val Tidone" Fortana:
colore: rosso più o meno inetnso
odore : caratteristico, vinoso
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l.
"Val Tidone" Fortana frizzante:
colore: rosso più o meno inetnso
odore: caratteristico, vinoso
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima:4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l.
"Val Tidone" Fortana mosto parzialmente fermentato:
colore: rosso più o meno intenso;
odore: caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l;
Spuma: evanescente.
"Val Tidone" Muller Thurgau:
colore: giallo paglierino
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" Muller Thurgau frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" Müller Thurgau mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.
"Val Tidone" Rosso:
colore: rosso più o meno intenso
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
"Val Tidone" Rosso frizzante:
colore: rosso più o meno intenso
odore : caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l.
"Val Tidone" Rosso mosto parzialmente fermentato:
colore: rosso più o meno intenso;
odore: caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 19 g/l;
Spuma: evanescente.
"Val Tidone" Marsanne:
colore: giallo paglierino
odore : delicato caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,5 % vol
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" Marsanne frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : delicato caratteristico
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo:15 g/l.
"Val Tidone" Marsanne mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.
"Val Tidone" Riesling:
colore: giallo paglierino
odore : fruttato, fine
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo 10 % vol.
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" Riesling frizzante:
colore: giallo paglierino
odore : fruttato, fine
sapore: secco, abboccato, amabile, dolce
Spuma evanescente
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
"Val Tidone" Riesling mosto parzialmente fermentato:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 1% vol massimo 6,3% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
Spuma: evanescente.


Articolo 7
Etichettatura, designazione e presentazione
Alla indicazione geografica tipica "Val Tidone" e' vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi extra,
fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che faccino riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
I vini ad indicazione geografica tipica "Val Tidone" possono essere immessi al consumo nei
contenitori previsti dalla normativa vigente.
Qualora siano confezionati in bottiglie di vetro, possono essere presentati con qualsiasi tipo di
chiusura, compreso il tappo a fungo ancorato a gabbietta metallica tradizionalmente usato in zona di
produzione.
Ai sensi dell'art. 14, comma 4 del dlgs 8 aprile 2010, n. 61 l'indicazione geografica tipica "Val
Tidone" può essere utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da uve prodotte da vigneti coltivati
nell'ambito del territorio delimitato nel precedente art. 3 ed iscritti nello schedario viticolo a
condizione che i vini per i quali si intende utilizzare la indicazione geografica tipica di cui trattasi,
abbiano i requisiti previsti per una o più tipologie di cui al presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) informazioni sulla zona geografica
1) fattori naturali rilevanti per il legame
Vocazionalità ambiente e terreno
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con
l'indicazione geografica tipica "Val Tidone" rientra nell'ambito del territorio della provincia di
Piacenza e comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di : Borgonovo Val Tidone,
Caminata, Castel San Giovanni, Nibbiano, Pianello Val Tidone, Ziano Piacentino e parte dei
comuni di Agazzano, Gazzola, Piozzano e Travo.
Per Piacenza, tradizione enologica e priorità nella cura del vigneto sono due pilastri su cui si fonde
la conoscenza e l'immagine dei vini Doc "Colli Piacentini". Da qui il grande impegno dei
viticoltori, delle proprie associazioni e degli istituti di ricerca verso studi sulla vocazionalità
territoriale alla viticoltura e al vitigno e sul miglioramento delle tecniche e delle operazioni di
elaborazione e vinificazioni dei vini.
Significative le ricerche svolte dall'Istituto di Viticoltura dell'Università Sacro Cuore di Piacenza
dal 1988 al 1991 e dal Consorzio di Tutela in collaborazione con il Ministero delle Politiche
Agricole dal 1993 al 1995.
I metodi di indagine utilizzata presentano degli aspetti innovativi che si basano sull'elevato grado di
interdisciplina dello studio dell'interazione <<genotipo per ambiente>>. Scopo della continua
ricerca è la valutazione dell'effetto del pedotipo (insieme delle caratteristiche geologiche del suolo e
della morfologia del paesaggio ad esso associato) sulle presentazioni vegeto - produttive e
qualitative di alcune varietà di diversa destinazione enologica.
Da un punto di vista climatico ambientale, la zona dei "Colli Piacentini" risulta caratterizzata da
condizioni diversificate in modo significativo anche su distanze relativamente brevi per la presenza
di conformazioni vallive parallele.
Gli allineamenti vallivi, l'esposizione dei pendii, le depressioni orografiche particolarmente protette
dai complessi collinari circostanti, sono fondamentali nel definire tali climi locali. In linea di
massima si può quindi dire che la particolarità dei suoli può dare luogo localmente a sezioni vallive
ben esposte all'insolazione e protette dalle correnti atmosferiche più fredde de umide, oppure a
climi particolarmente ventosi sui contrafforti collinari e nelle valli maggiormente esposte alle masse
d'aria instabili di origine marina. L'attiva ventilazione che caratterizza il comparto è legata alla
circolazione di brezza e interviene sia ostacolando l'accumulo di umidità, sia l'intensità delle gelate.
Le pendenze dei terreni vitati favoriscono la percolazione dell'acqua e la parziale disidratazione del
suolo nel periodo di maturazione delle bacche, facilitando il deposito, negli acini, degli zuccheri e
delle altre sostanze nobili della qualità. Le pendenze sono spesso ragguardevoli, per cui i costi di
produzione risultano generalmente alti.
Si trovano molti terreni calcarei, poveri di potassio perfettamente adatti agli spumanti, che
richiedono uve acide e vini freschi che non <<cascano>> nel tempo.
Ambiente climatico
Il clima dell'area di produzione è quello temperato subcontinentale, con temperatura media annua
compresa tra 10 e 14,5°C; da uno a tre mesi estivi la temperatura media è superiore a 20°C.
La indicazione generale ha consentito nell'arco di 20 anni l'elaborazione di indici climatici, capaci
di determinare i diversi microclimi al fine di definire su basi scientifiche una programmazione
viticolo, i vitigni per ogni sottozona.
La collina rispetto alla pianura è soggetta a minori escursioni termiche giornaliere ed annuali. In
questa fascia altimetrica, soprattutto se ci si colloca nelle esposizioni più meridionali e
relativamente distanti dai fondovalle, la temperatura media dei mesi più freddi risulta di 1 -2°C più
alta di quella della pianura, dando così origine ad inverni più umidi e con minore frequenza di gelo.
Anche la temperatura dei mesi estivi risulta inferiore di 1-2°C a quella della pianura in virtù della
maggior altitudine e del regime delle brezze, quindi l'estate è meno torrida e siccitosa rispetto alla
pianura, con un bilancio idrico conseguentemente meno negativo. Sotto il profilo pluviometrico
l'area viticola del territorio piacentino viene classificata nel regime sublitoraneo appenninico, che si
caratterizza con una distribuzione di frequenza che presenta un massimo principale in autunno ed un
minimo principale in estate, nonché un massimo secondario primaverile.
Le precipitazioni annuali vanno da un minimo di 700-800 mm nella fascia pedo collinare a circa
1.000-1.100 mm al limite dei 500-600 m di altitudine. In conclusione il clima della fascia collinare
si configura meno continentale e più temperato rispetto a quello della pianura e della montagna e,
quindi, particolarmente adatto alla coltura della vite.
La difesa altimetrica della prima e media collina, situata indicativamente tra i 200 e i 500 m. di
altitudine, seppur ricompresa nel territorio a clima temperato sub continentale e a regime
pluviometro sub litoraneo appenninico, presenta una singolarità climatica che la rende
particolarmente vocata ad ospitare la viticoltura di qualità. Questa fascia è collocata al di sopra dello
strato atmosferico interessato nel semestre freddo al fenomeno dell'inversione termica tipico della
pianura (i primi 100-200 m.s.l.m.) ed è pertanto mediamente soggetta a minori escursioni termiche
giornaliere ed annuali.
Poiché inoltre la temperatura media mensile dei mesi più caldi risulta inferiore di 1 -2°C a quella
della pianura in virtù della sua maggiore elevazione e del regime delle bozze, l'estate è mediamente
meno torrida e siccitosa con un bilancio idrico conseguentemente meno negativo.
Bonarda e Barbera, ha portato alla costruzione di curve di maturazione che permettono di osservare
l'evoluzione nel tempo dei componenti acidici e zuccherini della bacca.
Con la continua ricerca, si tenta di affrontare l'argomento spinoso delle differenze comportamentali
che si verificano durante la maturazione in ecosistemi differenti, seguendo un itinerario di studio e
di comportamento il più possibile integrato, pur perseguendo l'obbiettivo di dare risposte pratiche e
convincenti all'ambiente viticolo circa l'individuazione degli abiti ottimali per l'ottenimento di uve
di qualità.
Prese in considerazione alcune zone del'areale di produzione (AVT-BVT-AT-BVA-AVA-AVS),
diversificate altimetricamente e controllando il comportamento di Barbera e Bonarda, si sono
ottenute risposte interessanti. La disposizione termica della fascia dei territorio collinare, utili per la
coltura della vite viene usualmente sintetizzata dagli indici bioclimatici di Winkler e di Huglin;
l'indice di Winkler in questa fascia oscilla tra 1500 e 1800°C con i valori più alti in corrispondenza
dei versanti meridionali e delle altitudini inferiori, mentre l'indice di Huglin risulta compreso tra
1800° e 2000°C circa; questo campo di variabilità degli indici corrisponde sperimentalmente alle
condizioni migliori di produzione di vitigni piacentini a bacca rossa, quali Barbera e Bonarda.
La fascia altitudinale 200-450 m.s.l.m. del territorio centrale/orientale della provincia di Piacenza è
l'area in cui l'indice assume i valori 1600-1700 e risulta centrale nella fascia altitudinale delimitata.
Nell'ambito delle varie ricerche svolte è stato dimostrato infatti che per i vitigni controllati (Barbera
e Bonarda per il vino Gutturnio), a parità degli altri fattori ambientali, esiste un optimum termico
per fertilità delle gemme e per il grado zuccherino attorno a valori dell'indice di Winkler di 1600-
1650 gradi giorno.
Per ottenere prodotti che si distinguono dal punto di vista qualitativo, molto importante è capire e
valutare la reazione che il vitigno ha con l'ecosistema nel quale è inserito.
Determinante diventa l'ottimizzazione del rapporto tra vitigno e ambiente, cioè la scelta delle
condizioni pedoclimatiche e colturali che consentono a quel vitigno di manifestare appieno le
proprie potenzialità genetiche.
L'analisi dei risultati, ottenuti correlando fra loro lo studio dell'evoluzione della maturazione e
l'analisi sensoriale, ha permesso di classificare i diversi ambienti geopedoclimatici sulla base della
interazione vitigno per ambiente a conferma delle capacità intrinseche della varietà di rispondere in
modo differenziato ed estremamente preciso ai condizionamenti ambientali dimostrando di essere
uno strumento di monitoraggio ambientale più sensibile rispetto ad una mera descrizione
dell'ambiente per quanto sofisticata essa sia.
Per quanto riguarda l'aspetto geopedologico il territorio della collina piacentina, vista la presenza di
numerose valli, si presenta con una notevole variabilità.
Infatti i dati riguardanti l'analisi dei terreni evidenziano l'alto contenuto di argilla, con tessitura
fine, nei suoli localizzati in Val Tidone dove, peraltro, si riscontra una maggior ricchezza di K
rispetto ai suoli della Val D'Arda e delle altre valli centrali della provincia.
La forma di allevamento più diffusa è quella a spalliera (Guyot doppio speronato) con
l'introduzione, solamente nell'ultimo decennio, di altre forme d'allevamento a cordone permanente.
Il sesto d'impianto più diffuso è quello di mt. 2.20 – 2.50 tra le file e mt 2.00-2.50 sulla fila.
Nessuna frase di carattere sembra essere stata scritta proprio per la vitivinicoltura piacentina come
<<Bacchus amat colles>>.
Piacenza, nella storia della viticoltura nazionale, rappresenta un caso più unico che raro,
racchiudendo nella sua origine, tradizione e vocazione tutti quegli elementi che ne fanno - senza
presunzione - il simbolo più completo e più vero dell'<<Enotoria tellus>>.
2) fattori umani rilevanti per il legame
Piacenza da sempre produce vini e molti sono gli estimatori dei nostri prodotti. A Piacenza il vino è
coltura e tradizione; Piacenza è <<Terra di vini>> da epoche remote: hanno impiantato viti i
paleoliguri, gli etruschi, i romani; hanno fatto il vino dalle nostre parti i legionari latini, i galli, i
celti.
Cultura Greca Etrusca
Ma l'origine e la tradizione proviene ed è fondata sulle conoscenze greche: i viticoltori piacentini
hanno sempre allevato la vite in forma bassa con le <<carasse>> (<<vinae characatae>> di
Columella) sostenendo che <<è il palo che fa l'uva>>.
L'antica nobiltà dei vini piacentini è suffragata da tanti reperti e testimonianze uniche e
inconfutabili.
E con l'età del ferro, al primo millennio a.C., che gli abitanti delle terre mare palafitticole vicino al
Po emigrarono verso le colline piacentine, fondando l'importante centro culturale e termale di
Veleja e impiantando le prime viti.
Tra il IV e il II sec. a.C. popolazioni galliche scesero in pianura padana (Gallia Cisalpina) e vi
portarono le loro conoscenze vitivinicole, compreso un nuovo modo di conservare il vino e
trasportarlo: la botte di legno assai più forte e robusta della terracotta.
Famoso nel mondo è il Fegato Etrusco: ritrovato nel 1877 a Settima di Gossolengo, datato II sec.
a.C., è un reperto bronzeo che riproduce l'organo anatomico di un bovino e presenta diverse
iscrizioni fra cui quella del dio Fufluns, cioè un' aruspice di abbondanza e di protezione, sia enoica
che salutare.
Gli etruschi erano colti, di carattere mite, il vino nei banchetti, rappresentava un elemento di
amicizia e di convivialità, di uso parco non smodato: l'etrusco Saserna, il più noto agricoltore in
terra piacentina, nel II sec. a.C. racconta che alla sua tavola si beveva il <<Kilkevetra>>, il vino di
bosco dell'Appennino piacentino.

Cultura Latina
Risalendo del buio di ere così remote, troviamo più vaste e più ricche documentazioni: i numerosi
cocci di vasi vinari affiorati in Val Trebbia e in Val Nure, la preziosa patera trovata nel tardo
ottocento sulle colline di Bicchignano; il bel vaso metallico decorato a sbalzo con tralci di vite e
grappoli d'uva, dissepolto a Veleja nel 1760.
I vini piacentini dovevano essere già più che famosi ai tempi dei romani.
Basta sfogliare i classici latini per scoprire, per esempio, che dei nostri vini parlava perfino
Cicerone quando nel Senato di Roma apostrofava il suo avversario e collega piacentino Pisone
(padre di Calpurnia, moglie di Giulio Cesare) accusandolo di bere calici troppo grandi di vino di
Piacenza. E' sicuramente di questo periodo storico, nel massimo splendore dell'Impero Romano, la
ricca forgiatura del primo grande bicchiere <<gutturnium>>.
Invece Licino Sestulo, che preferiva le lodi aperte alle frecciate polemiche, predicava nel Foro che
<<vinum merum placentium laetificat>> cioè che il vino schietto di Piacenza aiuta a rasserenare lo
spirito.
Vino dei Papi
Così come amavano i nostri vini per <<lo gusto, et la prelibatezza>> gli Sforza, il Piccinino ed il
Colleoni.
Beveva vini piacentini anche papa Paolo III Farnese <<et anco ne mandava a pigliare - come scrive
in una sua memoria il dispensiere pontificio Sante Lancerio - anco se fosse a Ferrara et a
Bologna>>.
Tra un capolavoro e l'altro, si ristorava con i vini dei Colli Piacentini addirittura anche il grande
Michelangelo, che li riceveva in botticelle (che poi il grande artista faceva travasare in fiaschi) dal
piacentino Giovanni Durante, un faccendiere al quale Buonarroti aveva affidato la riscossione delle
gabelle (circa 600 scudi d'oro all'anno) per i traghetti e l'uso del porto sul Po a Piacenza.
Il diritto a gabellare, Michelangelo lo aveva avuto da Papa Paolo III Farnese, finalmente nel 1535
come pagamento degli affreschi della Cappella Sistina.
Nella <<De Naturali Vinarum Historia>> di Andrea Bacci, edita esalta la qualità dei nostri vini,
definendoli <<vina valida, synceriora ac multae laudis>>.
Vino dei Re
Il celebre generale piacentino conte Felice Gazzola li fece assaggiare a Carlo III di Spagna che
gustandoli con soddisfazione esclamò:<<Sono vini eccellenti! Mai ne bevvi di migliori in vita
mia>>.
Invece Filippo V quasi li esigeva dal suo primo ministro, il piacentino cardinale Giulio Alberoni, il
quale li faceva giungere in Spagna in speciali fiasche, attraverso le valige diplomatiche in cui erano
stipati anche il formaggio grana ed i prelibati salumi piacentini.
Antichi documenti e cronache del tempo dimostrano che nella seconda metà del '600 i vini
piacentini erano esportati in Francia.
Vino di pregio
Ma arriviamo al presente che fa pienamente onore ad un così illustre passato.
Un vino rosso piacentino di <<pregio>> nel 1911, ottenne un riconoscimento e un premio speciale
all'Esposizione Internazionale di Torino, fra i migliori 18 prodotti nazionali presenti.
Il Ministero dell'Agricoltura, nella stesura del primo elenco di vini <<tipici e di pregio>> nel 1914,
elencava a questo importante rango un <<Rosso>> profumato fruttato, di corpo pieno, nobile,
prodotto nel piacentino, senza ombra di dubbio il capostipite dei vini rossi piacentini, <<Il
Gutturnio>>.
Nel 1987 l'Office Internationale de la Vigne et du Vin ha insignito Piacenza dell'ambito titolo di
"Città Internazionale della Vite e del Vino", un prestigioso blasone che riconosce l'alta qualità e la
nobiltà dei nostri vini.
B) informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico
La Val Tidone è caratterizzata da diverse unità vocazionali descritte nella ricerca pluridisciplinare
per la zonazione viticola caratterizzate da terreni di diversa origine comprendenti suoli fertili
caratterizzati da elevato presenza di argilla o suoli argillo-limosi con diverse capacità di trattenere
l'acqua e quindi di influire sulla vigoria della vita.
L'indice gradi giorno di Winkler è particolarmente idoneo alla coltivazione della vite in val tidone
in particolare per i vitigni per i vitigni barbera, croatina, malvasia e uve bianche in genere
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi della lettera A) e quelli della lettera B)
La variabilità dei suoli e la micro variabilità climatica di fatto non varia in modo significativo la
qualità delle uve e quindi dei vini da esse derivati. La val tidone appare maggiormente vocata alla
produzione di vini rossi e nell'esposizione ad est, anche per le uve bianche. La buona nutrizione
delle viti derivanti dalla fertilità del suolo si evidenzia nella produzione di vini equilibrati,
gradevoli, di pronta beva.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 ROMA
Tel. 0445 313088 Fax. 0445 313080
info@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |