Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Montenetto di Brescia Igt

Loading

Blog

 

Montenetto di Brescia Igt

23.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"MONTENETTO DI BRESCIA"


Approvato con D.M. 18.11.1995 G.U. 285 – 6.12.1995
Modificato con D.M. 24.07.2009 G.U. 184 – 10.08.2009
Modificato con D.M. 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 7.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia", accompagnata o meno dalle
specificazioni previste dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
La indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" è riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante;
rossi, anche nella tipologia novello.
I vini bianchi ad indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" devono essere ottenuti da
uve provenienti da vigneti composti nell'ambito aziendale, da uno o più dei seguenti vitigni:
"Chardonnay", "Pinot Bianco", "Trebbiano".
I vini rossi ad indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" devono essere ottenuti da uve
provenienti da vigneti composti nell'ambito aziendale, da uno o più dei seguenti vitigni:
"Marzemino", "Barbera", "Cabernet", "Merlot", "Sangiovese".
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei vini e dei mosti sopra indicati, le
uve dei vitigni a bacca di colore corrispondente, idonei alla coltivazione nella Regione Lombardia,
fino ad un massimo del 15%.
La indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" novello è riservata al vino rosso ottenuto
dalle uve a bacca rossa provenienti dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la presenza di seguenti
vitigni, per almeno il 70%: "Marzemino" e/o "Merlot" e/o "Sangiovese".
Possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni a bacca rossa, idonei alla coltivazione
nella Regione Lombardia fino ad un massimo del 30% ed iscritti nel Registro Nazionale delle
varietà di vite per uve da vino, approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti,
riportati nell'allegato 1 del presente disciplinare.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con la
indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" comprende l'intero territorio dei comuni di
Azzano Mella, Borgosatollo, Capriano del Colle, Castenedolo, Flero, Poncarale, in provincia di
Brescia.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 2
devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto di coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore per i vini ad indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" non
deve essere superiore con o senza la specificazione del vitigno, a tonnellate 13.50, per tutte le
tipologie.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia",
seguita o meno dal riferimento al vitigno devono assicurare ai vini il titolo alcolometrico volumico
naturale minimo di:
10,00% vol per i bianchi;
11,00% vol per i rossi;
10,50% vol per il novello;
10,50% vol con la specificazione dei vitigni sopra indicati, ad eccezione del vitigno "Sangiovese"
per il quale il valore minimo è fissato al 10,00% vol.
Nel caso di annate particolarmente sfavorevoli, detti valori possono essere ridotti dello 0,5% vol.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delle
uve delimitata all'art. 3.
E' fatta salva la deroga prevista all'art.6, comma 4, secondo capoverso, del Regolamento CE n.
607/2009 per effettuare la vinificazione al di fuori della predetta zona delimitata fino al 31
dicembre 2012.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 75%
per tutti i tipi di vino.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini ad indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia", all'atto dell'immissione al
consumo, devono avere le seguenti caratteristiche:
"Montenetto di Brescia" bianco
Colore: giallo paglierino più o meno carico;
Odore: caratteristico, fruttato;
Sapore: fresco, sapido, armonico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 15,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" rosso
Colore: rosso rubino con riflessi granata;
Odore: vinoso, intenso;
Sapore: asciutto, sapido, corposo giustamente tannico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" novello
Colore: rosso rubino brillante con eventuali sfumature violacee;
Odore: fruttato, gradevole, caratteristico;
Sapore: piacevole, armonico, fresco;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00%;
Acidità totale minima: 5,00 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 17,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Chardonnay
Colore: giallo paglierino;
Odore: fine, floreale, fruttato, armonico;
Sapore: asciutto, vellutato, caratteristico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/;l
Estratto non riduttore minimo: 15,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Barbera
Colore: rosso rubino con riflessi granati con l'invecchiamento;
Odore: caratteristico, gradevole;
Sapore: pieno, vinoso, giustamente tannico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
Acidità totale minima: 5,00 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Marzemino
Colore: rosso rubino con sfumature granata;
Odore: gradevole, con sentori di frutta matura;
Sapore: asciutto, pieno, caratteristico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 1 1,00% vol;
Acidità totale minima: 5,00 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Sangiovese
Colore: rosso rubino più o meno intenso;
Odore: vinoso, delicato;
Sapore: armonico, leggermente tannico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Cabernet
Colore: rosso rubino più o meno intenso;
Odore: vinoso, gradevole;
Sapore: armonico, pieno, caratteristico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Merlot
Colore: rosso rubino intenso;
Odore: vinoso, intenso, caratteristico;
Sapore: morbido, armonico, corposo, persistente;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 1 1,00% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Pinot bianco
Colore: giallo paglierino;
Odore: caratteristico, fruttato;
Sapore: fresco, sapido, piacevole;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
Acidità totale minima: 4,50 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 15,00 g/l.
"Montenetto di Brescia" Trebbiano
Colore: giallo paglierino anche intenso;
Odore: fine, delicato;
Sapore: armonico, caratteristico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
Acidità totale minima: 5,00 g/l;
Estratto non riduttore minimo: 16,00 g/l.
I vini a indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia", anche con la specificazione del nome
del vitigno, prodotti nelle tipologie novello e frizzante, all'atto dell'immissione al consumo, devono
avere il seguente titolo alcolometrico volumico totale minimo:
"Montenetto di Brescia" novello 11,00% vol;
"Montenetto di Brescia" frizzante 10,00% vol.
I vini a indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" con la specificazione del nome del
vitigno, all'atto dell'immissione al consumo, , prodotti nelle tipologie novello e frizzante, oltre alle
caratteristiche sopra specificate per i vini del corrispondente colore, devono presentare le
caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia" è vietata l'aggiunta di qualsiasi
qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli
aggettivi extra, fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
È tuttavia consentito l'uso di indicazione che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
L'indicazione geografica tipica "Montenetto di Brescia", ai sensi dell'art. 14 del DLgs 61/2010, può
essere utilizzata come ricaduta per i vini ottenuti da uve prodotte da vigneti coltivati nell'ambito del
territorio delimitato nel precedente articolo 3 e iscritti allo schedario viticolo per le relative
denominazioni di origine, a condizione che i vini per i quali si intende utilizzare l'indicazione
geografica tipica di cui trattasi abbiano i requisiti previsti per una o più delle tipologie di cui al
presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
Fattori naturali rilevanti per il legame
La provincia di Brescia, nella sua estensione da nord verso sud, si divide nettamente in due parti: la
parte nord con le Prealpi Lombarde e la parte sud con la Pianura Padana.
La linea di demarcazione può essere più o meno identificata nella strada ferrata Milano venezia al di
sopra della quale vi è la tipica agricoltura di collina e di montagna e al di sotto, con la zona dei
fontanili lombardi, una fiorente agricoltura cerealitico-zootecnica.
Fa eccezione a ciò, immediatamente a sud della città di Brescia, il Monte Netto che è un
promontorio che si eleva nettamente dalla pianura e che fa capo amministrativamente ai comuni di
Capriano del Colle e Poncarale. Questo Monte, ovviamente senza acqua di irrigazione, presenta un
terreno prevalentemente argilloso e l'agricoltura è quella tipica della collina. La coltivazione più
importante è la vite.
Fattori umani rilevanti per il legame
I due comuni Capriano del Colle e Poncarale hanno radici latine ed in origine venivano denominati
"Capreanus" il primo e "Ponscaralis" il secondo.
In tempi antichi la zona che circondava il Monte Netto era paludosa per le acque affioranti per cui il
Monte costituiva un salubre luogo di insediamento per quelle popolazioni. In seguito anche la zona
limitrofa al Monte, per l'abbassarsi della falda acquifera dovuto alla bonifica del territorio, finì per
risanarsi completamente. In questo lasso di tempo però la vite veniva coltivata quasi come pianta
medicinale in quanto il vino costituiva un valido aiuto nella battaglia contro la pellagra che
costituiva una grave piaga della zona a tal punto che si tendeva ad estendere la vite anche in terreni
non del tutto idonei. Alcuni documenti (L'economia Bresciana – C.C.I.A.A. di Brescia – 1927)
accertano infatti che "la coltivazione di questi vini anche in terreni irrigui, fu provvidenziale nella
lotta sostenuta contro la pellagra. Un'analisi fatta in molti comuni e convalidata da una relazione
ufficiale della Giunta di Carpenedolo, mostra quanta efficacia avesse il vino nel combattere questa
malattia. Nella battaglia per la rivincita del vino che oggi si combatte contro i puritani intransigenti,
è utile accennare a questa sua benemerenza.
Anche questa zona non sfuggì al flagello della fillossera e subì la degradazione del patrimonio
viticolo originale con l'avvento degli ibridi, soprattutto il "Clinton" che in questa zona, per le
favorevoli condizioni pedologiche ed ambientali, dava gradazioni altissime rispetto a produzioni di
altre zone. Comunque la passione per la viticoltura riuscì ad avere ragione di questi vitigni e non
appena la tecnica mise a disposizione dei viticoltori strumenti idonei alla ricostituzione di una
viticoltura di pregio, ritornò fiorente la produzione di questi vini che seppero subito conquistarsi il
favore dei consumatori.
Le pendici del Monte non molto scoscese ed il falso piano della sommità fanno ben sperare nella
continuità di questa viticoltura che potrà senza difficoltà essere meccanizzata sempre di più
permettendo lo sfruttamento di questi terreni che non hanno altra vocazione.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate e tipicamente legate
alle peculiarità del microclima e del territorio, mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi
prevalenti tipici dei vitigni di base. I vini bianchi generalmente presentano una modesto tenore di
acidità, profumi floreali e fruttati. I vini rossi, in tutte le tipologie, presentano caratteristiche
equilibrate un profumo ampio, vinoso, caratteristico, un sapore fresco, sapido, asciutto e armonico,
morbido e di media struttura.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera a) e quelli di cui alla
lettera b)
Le pendici del Monte Netto non molto scoscese ed il falso piano della sommità fanno ben sperare
nella continuità di questa viticoltura che potrà senza difficoltà essere meccanizzata sempre di più
permettendo lo sfruttamento di questi terreni che non hanno altra vocazione. I terreni, generalmente
argillosi e privi di calcare, eccezion fatta per parte della zona del Comune di Poncarale, godono di
un'ottima esposizione e risultano particolarmente adatti alla coltivazione della vite.
In questo quadro si intendono valorizzare le elevate potenzialità espresse dalle varietà autoctone di
tradizionale coltura Marzemino (localmente denominato Berzemino) e Trebbiano di Soave o
Trebbiano di Lugana e/o Trebbiano Toscano. Il Trebbiano, di origine italica, già conosciuto dagli
antichi Romani e distribuito in tutta la penisola; in questa zona è coltivato nelle versioni Trebbiano
di Soave o Trebbiano di Lugana e/o Trebbiano Toscano. Il grande pregio di questo vitigno è dato
dall'estrema capacità di adattarsi a diversi tipi di terreno e di clima; i vini che ne derivano risultano
generalmente gradevoli e caratteristici. Anche la coltivazione della varietà Marzemino (localmente
denominata Berzemino) profonde radici. La prima descrizione del vitigno, nel compendio: "Le dieci
giornate della vera agricoltura e piaceri della villa", è dovuta all'agronomo Agostino Gallo (1499 –
1570), residente nel Borgo di Poncarale dal 1548. Anche non considerando le suggestioni storiche,
la presenza del Marzemino e comunque ben documentata. Infatti i dati del Catasto Vitivinicolo del
1970 (Istituto Centrale di Statistica, Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste, Catasto Vitivinicolo;
"Rilevazione al 25 ottobre 1970; anno 1972, Volume 1, Tomo 1, pag. 354, 355) indicano che su una
superficie totale nazionale a Marzemino in coltura principale di circa 1500 ettari, più della metà
(760) era concentrata nella provincia di Brescia e più di un terzo dei ceppi era composto da viti di
età superiore ai sette anni. Inoltre nella provincia di Brescia vi era una superficie in coltura pura pari
a 207 ettari, la maggiore a livello nazionale (dato nazionale 740 ettari). Questi dati sono tuttora
attestati nella zona del Capriano del Colle dalla presenza di viti centenarie che non appartengono
alle selezioni clonali degli ultimi decenni. Le valutazioni positive da sempre espresse verso le
caratteristiche qualitative delle uve e dei vini di questa tipologia sono state confermate dai recenti
studi citati.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e Indirizzo: ISTITUTO MEDITERRANEO DI CERTIFICAZIONE S.R. L
Sede Centrale: via C. Pisacane, 32 – 60019 Senigallia (AN) – Italia
Tel. (+39) 0717930179 | fax (+39) 0717910043
Unità operativa di Brescia: via Volturno, 31 – 25122 Brescia (BS) – Italia
Tel (+39) 030 3733069 | fax (+39) 030 316132 e-mail: pianocontrolli@imcert.it
L'ISTITUTO MEDITERRANEO DI CERTIFICAZIONE S.R.L Unità operativa di Brescia è
l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, ai
sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che effettua la verifica annuale
del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente all'articolo 25, par. 1, 1°
capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n. 607/2009, per i prodotti
beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |