Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Isola dei Nuraghi Igt

Loading

Blog

 

Isola dei Nuraghi Igt

23.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A IGT
"ISOLA DEI NURAGHI"


Approvato con DM 12.10.1995 G.U. 259 - 06.11.1995
Modificato con DM 04.11.2011 G.U. 270 - 19.11.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
L'Indicazione Geografica Tipica "Isola dei Nuraghi" è riservata ai mosti ed ai vini che rispondono
alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione, nelle seguenti
tipologie:
- "Isola dei Nuraghi" bianco, anche nelle tipologie frizzante, spumante, da uve stramature,
passito;
- "Isola dei Nuraghi" rosso, anche nelle tipologie frizzante, spumante, novello, da uve
stramature, passito;
- "Isola dei Nuraghi" rosato, anche nelle tipologie frizzante e spumante.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini ad indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi" bianchi, rossi e rosati devono essere
ottenuti da uve provenienti dai vigneti composti, in ambito aziendale, da uno o più vitigni, idonei
alla coltivazione nella Regione Sardegna (allegato 1), iscritti nel registro nazionale delle varietà di
vite per uve da vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti.
I vini ad indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi" con la specificazione di uno dei vitigni
idonei alla coltivazione nella Regione Sardegna, ad esclusione dei vitigni Cannonau, Carignano,
Girò, Malvasia, Monica, Moscato, Nasco, Nuragus, Semidano, Vermentino, Vernaccia, è riservata
ai vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dai
corrispondenti vitigni.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni, idonei alla coltivazione nella Regione Sardegna, fino a un massimo del 15%, come
sopra identificati.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con la
indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi" comprende l'intero territorio amministrativo della
Regione Sardegna.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
per i vini ad indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi" accompagnati o meno dal riferimento
al nome del vitigno, non deve essere superiore rispettivamente a tonnellate 18 per le tipologie rosso
e rosato, a tonnellate 19 per la tipologia bianco, a tonnellate 15 per le tipologie passito e da uve
stramature.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi"
accompagnati o meno dal riferimento al nome del vitigno, devono assicurare ai vini un titolo
alcolometrico volumico naturale minimo di:
9,5% per i bianchi;
10% per i rosati;
10% per i rossi;
10% per gli spumanti;
15% per i vini da uve stramature (dopo l'appassimento);
10% per i vini passiti.
Nel caso di annate particolarmente sfavorevoli, la Regione può consentire un titolo alcolometrico
volumico naturale minimo inferiore dello 0,5% ad esclusione dei vini passiti e da uve stramature.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno della zona delimitata nell'articolo
3.
E' fatta salva la deroga prevista dalla vigente normativa per effettuare le operazioni di vinificazione
al di fuori della zona di produzione fino al 31 dicembre 2012.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore all' 80%,
per tutti i tipi di vino, ad eccezione dei vini da uve stramature e dei vini passiti per i quali la resa
massima dell'uva in vino finito, con riferimento all'uva fresca, non deve essere superiore
rispettivamente al 60% e al 50%.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini a Indicazione Geografica Tipica "Isola dei Nuraghi", accompagnati o meno dal
riferimento al nome del vitigno, all'atto dell'immissione al consumo devono le seguenti
caratteristiche:
"Isola dei Nuraghi" bianco:
colore: dal bianco carta al giallo ambrato
odore:caratteristico
sapore:dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 13 g/l
"Isola dei Nuraghi" rosso:
colore: da rosso rubino tenue a rosso granato
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 17 g/l
"Isola dei Nuraghi" rosato:
colore: dal rosa pallido al rosa carico
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" novello:
colore: da rosso con riflessi violacei a rosso rubino
odore: caratteristico
sapore: dal secco all'abboccato
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 16 g/l
"Isola dei Nuraghi" bianco frizzante:
colore: dal bianco carta al giallo
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce, frizzante
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 13 g/l
"Isola dei Nuraghi" rosso frizzante:
colore: dal rosso rubino tenue al rosso rubino
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce, frizzante
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" rosato frizzante:
colore: dal rosa pallido al rosa carico
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce, frizzante
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" spumante bianco:
spuma: fine, persistente
colore: dal bianco carta al giallo
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 4 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" spumante rosato:
spuma: fine, persistente
colore: da rosa pallido a rosa carico
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 4 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" spumante rosso:
spuma: fine, persistente
colore: rosso rubino
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol
acidità totale minima: 4 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" da uve stramature bianco
colore: dal giallo all'ambrato
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15 % vol di cui almeno 12% vol svolti
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" da uve stramature rosso
colore: dal rosso rubino tenue al rosso granato, tendente all'aranciato con l'invecchiamento
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15 % vol di cui almeno 12% vol svolti
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 16 g/l
"Isola dei Nuraghi" passito bianco
colore: dal giallo all'ambrato
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16 % vol di cui almeno 9 % vol svolti
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 14 g/l
"Isola dei Nuraghi" passito rosso
colore: dal rosso rubino tenue al rosso granato, tendente all'aranciato con l'invecchiamento
odore: caratteristico
sapore: dal secco al dolce
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16 % vol di cui almeno 9 % vol svolti
acidità totale minima: 3,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 16 g/l
I vini a indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi" con la specificazione del nome del vitigno,
all'atto dell'immissione al consumo, oltre alle caratteristiche sopra specificate per i vini del
corrispondente colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla Indicazione Geografica Tipica "Isola dei Nuraghi" è vietata l'aggiunta di qualsiasi
qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli
aggettivi extra, fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
L'Indicazione Geografica Tipica "Isola dei Nuraghi" può essere usata come ricaduta per i vini a
denominazione di origine protetta ottenuti da uve prodotte da vigneti iscritti negli schedari viticoli e
coltivati nell'ambito del territorio delimitato nel precedente art. 3, a condizione che i vini per i quali
si intende utilizzare l'indicazione geografica tipica "Isola dei Nuraghi" abbiano i requisiti previsti
dal presente disciplinare.


Articolo 8
Legame con l'ambiente
A) Informazioni sulla zona geografica.
Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona di produzione dell'IGT "Isola dei Nuraghi", coincide geograficamente con l'intero
territorio della Sardegna, che ha una superficie di 24.090 chilometri quadrati, e risulta essere la
seconda isola del Mar Mediterraneo.
La Sardegna, posta al centro del Mediterraneo Occidentale, viene a trovarsi tra la zona temperata
europea e la zona subtropicale africana, in piena area climatica mediterranea.
Il suo clima infatti risente di questa sua posizione con inverni relativamente miti, specie nelle zone
costiere e stabilità del tempo durante la calda estate, con una quasi assoluta mancanza di pioggia;
inoltre l'Isola ha, in tutte le stagioni, una notevole ventosità, infatti essa è sotto il dominio delle
correnti aeree occidentali che, con altissima frequenza, sono richiamate dall'Atlantico sui centri di
bassa pressione mediterranei; il vento pertanto è una delle più importanti componenti naturali del
clima sardo. In base alle osservazioni meteorologiche possiamo affermare che il vento più
frequente che soffia sulla Sardegna è il Maestrale.
Un altro importante aspetto che fa sentire la sua influenza sul clima della Sardegna è la breve
distanza di tutti i punti dell'Isola dal mare. Il punto più interno dista infatti 53 chilometri, e ne
deriva che, in nessuna zona interna, il clima assume carattere continentale; lungo le coste, invece, si
riscontra clima veramente mite per l'elevata temperatura media e per le modeste escursioni
termiche.
Pur se oltre la metà del territorio in questione si trova ad un'altitudine inferiore a 300 metri sul
mare, l'isola è considerata montuosa perché i rilievi, pur non raggiungendo altezze considerevoli,
hanno forme aspre, con declivi ripidi, caratterizzati da forti pendenze che vanno ad influenzare le
loro attitudini alla coltivazione, compresa quella viticola.
L'andamento della temperatura dell'Isola è simile a quello delle altre zone mediterranee. Le acque
del Mediterraneo, in conseguenza della loro evoluzione termica, fanno sentire decisamente la loro
influenza, per cui sia l'inverno che l'estate le temperature sono miti.
Le precipitazioni che si verificano sulla Sardegna sono quasi esclusivamente piogge cicloniche,
dovute alle perturbazioni indotte dalle depressioni barometriche che prendono origine in
conseguenza dell'elevata temperatura delle acque che circondano l'Isola. Tali perturbazioni,
condizionano l'andamento pluviometrico che è caratterizzato di norma da due periodi piovosi: uno
vernino-primaverile ed uno autunnale, con una quantità di piogge che è bassa nelle pianure litoranee
ed aumenta relativamente verso l'interno; la media annuale delle precipitazioni è di 775 millimetri,
quantitativo che sarebbe largamente sufficiente ai fabbisogni della viticoltura isolana se la
distribuzione nello spazio e nel tempo fosse più regolare; infatti, mentre nelle zone interne del
centro-nord dell'Isola si accerta una piovosità media annua di 1000 mm, nelle zone litoranee e nelle
pianure in nessun caso supera i 600 mm per scendere fino a 400 mm nella parte più meridionale
dell'Isola.
In relazione ai vari fattori climatici delle varie zone, in Sardegna si possono riscontrare i seguenti
tipi di clima :
a) Clima sub-tropicale: nelle zone con questo clima , la vite prospera e produce abbastanza
bene dal punto di vista quali-quantitativo.
b) Clima temperato-caldo: area in cui è compresa la maggior parte del territorio dell'Isola; in
quest'area la temperatura media annuale non scende mai al di sotto dei 15°, con delle
precipitazioni, concentrate per lo più nel periodo autunno-vernino che non superano
mediamente gli 800 mm : è il miglior habitat per la vite, che infatti vegeta perfettamente
sino ai 600 m slm.
c) Clima sub-umido ed umido: zone che non interessano la coltura della vite.
La Sardegna è considerata una delle terre più antiche del bacino del Mediterraneo: in essa sono
praticamente presenti tutte le ere geologiche, dalla Paleozoica alla Quaternaria. Le formazioni più
antiche possono essere considerate quelle granitiche che sono caratteristiche della Gallura, mentre
nella parte centrale le stesse sono coperte da rocce metamorfiche, schistose. L'era Mesozoica è
caratterizzata dai calcari dolomitici presenti nella Nurra di Alghero, nei monti del Sarcidano, di
Oliena e Monte Albo ad Orosei. Al Terziario appartengono le rocce effusive, trachiti, andesiti, che
ritroviamo nella parte Nord-occidentale e nel basso Sulcis e le rocce sedimentarie mioceniche
presenti nella Romangia, nella Marmilla e nella Trexenta. Le colate basaltiche quaternarie
caratterizzano la zona centrale dell'Isola, i rilievi della costa orientale del Golfo di Orosei e i
caratteristici profili del Logudoro. Ancora all'era Quaternaria appartengono le sedimentazioni che
hanno coperto la vasta pianura del Campidano e le minori aree alluvionali presenti un po'
dappertutto.
I terreni derivanti hanno logicamente una composizione che rispecchia la formazione rocciosa
d'origine e che possono essere distinti in:
- terreni alluvionali, originatisi appunto dalle alluvioni del quaternario e caratterizzati da strati
profondi, di buona permeabilità, con una composizione simile a quella delle rocce che hanno
contribuito ai depositi alluvionali;
- terreni calcarei, derivati dal disgregamento delle rocce calcaree, ricchi di questo elemento,
ma non molto dotati in elementi nutritivi;
- terreni trachitici, caratterizzati da una limitata profondità, ma discretamente dotati di
potassio, poveri, invece, di fosforo e di azoto, come del resto la maggior parte dei terreni
sardi;
- terreni basaltici, in genere autoctoni e quindi di minima profondità, particolarmente ricchi di
microelementi;
- terreni schistosi, a volte molto profondi, particolarmente ricchi di potassio e con discreta
dotazione di fosforo;
- terreni di disfacimento granitico, sabbiosi, sciolti, acidi o sub-acidi, ricchi di potassio, ma
poveri di fosforo e di azoto.
Fattori umani rilevanti per il legame.
Molteplici campagne di scavi condotte in diversi siti archeologici della Sardegna hanno portato alla
luce vinaccioli carbonizzati risalenti al 1.300 a.C. che testimoniano la presenza di una affermata
cultura enoica in Sardegna anteriore all'ingresso dei Fenici (IX-VIII secolo a.C), ai quali si faceva
derivare l'introduzione delle primi viti domestiche nell'isola.
Sono stati ritrovati vari contenitori "da vino" che caratterizzano il repertorio vascolare
estremamente ricco ed originale, con le tipiche brocche askoidi e piccoli "askos" in ferro, bronzo e
ceramica di pregevole fattura.
Dell'Età Romana imperiale e tardo antica, sono state rinvenute decine di anfore vinarie da trasporto.
A riprova della continuità di coltivazione della vite nella zona per alcuni millenni, è opportuno
riportare la voce di un registro delle spese dell'Archivio Vaticano, dei primi anni del '600, in cui è
menzionato l'acquisto di vino bianco di Telavé del villaggio di Triei.
Nel corso del periodo giudicale (900 – 1400) vennero emanate le prime norme a difesa delle colture
agricole, presenti anche nella "Carta de Logu" di Eleonora di Arborea (1392), codice legislativo che
rimase in vigore sino al periodo piemontese. L'uso della vite selvatica da parte dei Sardi ci viene
confermato dalla stessa Carta de Logu in cui vi sono disposizioni anche contro il commercio
dell'uva selvatica. Venditore ed acquirente potevano avere seri problemi: pena pecuniaria e
reclusione "a voluntadi nostra", cioè del re.
Vari toponimi in uso in Sardegna fanno riferimento alla vite, si ritrovano molti sinonimi dialettali di
evidente origine latina, come "su laccu" per la vasca di pigiatura e "pastinai sa bingia" nel senso di
impiantare un nuovo vigneto.
All'inizio del 1300 in epoca medioevale la Sardegna è sotto il dominio pisano e il Sarrabus e
l'Ogliastra vengono individuati dai nuovi dominatori come serbatoi vinicoli.
Sulla quantità, qualità e provenienza dei vini nella capitale del regno tra il tre e il quattrocento le
notizie non mancano, i flussi di approvvigionamento delineano due correnti: una dalle campagne
verso la città; l'altra di vino navigato introdotto in città attraverso il porto. Le campagne circostanti
e le ville più o meno vicine, quando la guerra non infuriava, alimentavano Cagliari di mosto e di
vino imbottato, il generico bianco e rosso sardesco.
Qualche secolo più tardi, il BACCI, nel 1596, scrive dell'abitudine dei sardi a produrre vino dalla
vite selvatica.
Lo storico Angius, nel XVIII secolo, narra che il "salto di Nurri potrebbe a taluno parere una
regione, dove la vite fosse indigena; così essa è sparsa per tutto e con tanta prosperità vegeta
porgendo in suo tempo questa spurra, ..., grappoli di acini variocolorati e deliziosi. Essa trovasi in
tutte le parti arrampicata alle altre piante, e principalmente sulle amenissime sponde de' rivi."
Nel 1746 un'ampia relazione storico geografica redatta dall'Intendente Generale del Regno,
Francesco Giuseppe de la Perrière conte di Viry dava una particolareggiata descrizione della
Sardegna rurale riproponendo l'immagine di una viticoltura capillarmente diffusa in diverse zone
dell'isola.
Un capitolo a parte meritano gli studi di biologia molecolare che hanno permesso di stabilire i
rapporti genetici di parentela tra la vite domestica (Vitis vinifera L. ssp. sativa) e la sua progenitrice
vite selvatica (Vitis vinifera L. ssp. sylvestris), diffusa ancora oggi lungo i corsi d'acqua.
Tratti genetici condivisi (alleli microsatelliti) tra la vite selvatica ed alcune cultivar locali (il
Muristellu molto diffuso nel Nuorese) suggeriscono un legame di parentela tra le due sottospecie e
supportano l'ipotesi di un centro secondario di domesticazione in Sardegna.
Episodi di domesticazione di vite selvatica da parte di viticultori sono stati individuati dal CRAS (il
Centro Regionale Agrario Sperimentale della Regione Sardegna) ora confluito in AGRIS Sardegna
(l'Agenzia per la ricerca in agricoltura della Sardegna).
La particolare qualità dei vini della Sardegna è conosciuta da tempo notevole. Dalla fine dell'800
queste particolarità erano state rilevate su basi scientifiche. Il Cettolini, infatti, rileva sia l'elevata
densità di impianto per ettaro (7000-7600 ceppi per ettaro, che sono le densità ancora presenti nei
vigneti più vecchi e capaci di produrre grandissima qualità) seguita da una ridotta carica di gemme
sia " un fatto importante che venne già altra volta segnalato per le uve del Nuorese si è quella della
elevata proporzionalità acidimetrica che accompagna le uve coltivate in posizioni alte".
La tecnica di coltivazione e le forme di allevamento sono quelle tradizionali della Sardegna; i
vigneti vengono allevati ad alberello o impostati a controspalliera e potati a guyot o cordone
speronato, mantenendo l'equilibrio vegeto-produttivo della pianta contenendo lo sviluppo delle viti,
garantendo quindi produzioni di particolare pregio qualitativo.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
I vini IGP "Isola dei Nuraghi" presentano dal punto di vista analitico ed organolettico le proprietà
descritte all'articolo 6 del presente disciplinare di produzione; sono il risultato della coltivazione
della vite sui caratteristici terreni della zona di produzione, in cui essa cresce fiancheggiata dalle
diverse essenze della macchia mediterranea che spontaneamente crescono nella zona geografica di
coltivazione.
L'ambiente geografico della Sardegna, nelle sue molteplici diversità, si rispecchia nelle
caratteristiche dei vini IGT Isola dei Nuraghi, nelle diverse tipologie producibili, vini bianco, rosso,
rosato, anche nelle tipologie frizzante, novello, spumanti, da uve stramature e passiti, con la
specificazione o meno del nome del vitigno che, all'atto dell'immissione al consumo, oltre alle
caratteristiche per i vini del corrispondente colore, presentano le caratteristiche organolettiche
proprie del vitigno di provenienza, e della zona di coltivazione.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
Gli elementi storici e genetici conformano ancora una volta la valenza ambientale che questi luoghi
hanno per la viticoltura. L'ambiente, associato ad un clima mite e favorevole insieme ad una buona
tecnica agronomica ed enologica hanno permesso ai vini IGT Isola dei Nuraghi di rinnovarsi senza
perdere la loro identità e originalità.
L'interazione tra l'ambiente e l'uomo ha portato alla specializzazione della coltura della vite in
Sardegna, che nelle sue diversità ambientali e tradizionalità locali, ha consentito di ottenere
produzioni di qualità.
Questa interazione è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel territorio abbia, nel corso
dei secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite e della vinificazione che ai
giorni nostri sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico e
tecnologico, fino ad ottenere gli eccellenti vini prodotti attualmente con la IGT Isola dei Nuraghi.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 ROMA
Tel. 0445 313088 Fax. 0445 313080
info@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |