Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Bosco Eliceo Doc

Loading

Blog

 

Bosco Eliceo Doc

11.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA DEI VINI “BOSCO ELICEO”


Approvato con DPR 03.01.1989 G.U. 144 - 22.06.1989
Modificato con DM 18.01.1996 G.U. 25 - 31.01.1996
Modificato con Di 10.07.2002 G.U. 182 - 05.08.2002
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 28.11.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e Tipologie
La denominazione di origine controllata “Bosco Eliceo” accompagnata da una delle specificazioni di
cui all’art. 2 è riservata ai vini bianchi e rossi che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal
presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
La denominazione di origine controllata “Bosco Eliceo” con una delle specificazioni sotto indicate è
riservata ai vini ottenuti da uve di vigneti aventi, rispettivamente, la seguente composizione
ampelografica:
- Bosco Eliceo Fortana (anche nelle tipologie vivace e frizzante): Fortana minimo 85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino anche le uve provenienti da altri vitigni a bacca rossa
non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Emilia-Romagna, presenti nei vigneti in misura
non superiore al 15% del totale.
- Bosco Eliceo Merlot (anche nella tipologia vivace): Merlot minimo 85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino anche le uve provenienti da altri vitigni a bacca rossa
non aromatici, idonei alla coltivazione nella Regione Emilia-Romagna, presenti nei vigneti in misura
non superiore al 15% del totale.
- Bosco Eliceo Sauvignon (anche nelle tipologie vivace e frizzante): Sauvignon minimo 85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino anche le uve provenienti dal vitigno Trebbiano
romagnolo presente nei vigneti in misura non superiore al 15% del totale.
Bosco Eliceo Bianco (anche nella tipologia frizzante): Trebbiano romagnolo minimo 70%.
Sauvignon, Malvasia bianca di Candia da sole o congiuntamente massimo 30%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino anche le uve provenienti da vitigni a bacca bianca,
idonei alla coltivazione nella Regione Emilia-Romagna, presenti nei vigneti nella misura massima del
5%.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
Le uve destinate alla produzione dei vini "Bosco Eliceo" devono essere prodotte nell'interno della zona
comprendente per la provincia di Ferrara l'intero territorio comunale di Goro, Mesola, Lago Santo e
parte dei comuni di Comacchio, Argenta e Codigoro, e per la provincia di Ravenna parte dei comuni di
Ravenna e Cervia.
Tale zona è così delimitata:
di poco a sud delle Bocche del Po di Goro, il limite segue dalla costa il confine della provincia di
Ferrara in direzione nord-ovest fino a raggiungere il confine comunale di Berra (località Bosca) e lungo
questi prosegue verso sud, sino ad incrociare il confine di Codigoro sulla strada che conduce al centro
abitato di questo comune (km 61,500 circa). Segue tale strada in direzione sud per intersecare
nuovamente il confine di Codigoro in località Tenuta Varano, segue il confine in direzione sud-ovest
sino al suo incrocio con il confine comunale di Massa Fiscaglia e lungo questi, verso sud, raggiunge il
confine di Comacchio che segue nella stessa direzione sino al punto in cui abbandona l'argine dei
Borgazzi.
Da qui segue una retta verso sud sino a Cascine le Fosse e quindi, sempre verso sud, segue l'argine
Agosta fino all'idrovoro Umana e segue verso ovest il canale circondariale Mezzano sud sino ad
intersecare la canaletta di irrigazione n. 3 verso sud e attraverso la via circondariale pioppa ed il ca nale
dominante "pioppa". Seguendo il confine di frazione di Filo in direzione ovest e scendendo fino ad
incrociare la via Campazzo Oca e successivamente arriva al ponte Tamerischi per poi seguire in
direzione nord-ovest lo scolo Bindella fino all'incrocio di via Parata e l’omonimo scolo.
Prosegue in linea retta sud fino ad incrociare il confine di provincia Ferrara Ravenna, in prossimità
della strada provinciale S. Biagio - Anita alla progressiva chilometrica 41.
Prosegue lungo il confine di provincia in direzione est fino al Passo di Po, da questa località il confine
scende a sud lungo le vie Nigrisoli e Guerrini fino ad intersecare la strada provinciale n. 24
Conventello-Savarna che la segue fino all'incrocio con la s.s. n. 16 Adriatica; da questo punto si
prosegue verso sud-est lungo detta statale e la circonvallazione esterna di Ravenna fino al confine
comunale di Cervia. Proseguendo nella stessa direzione si giunge al confine con la provincia di Forlì in
località Tagliata e lungo questo verso est raggiunge la costa per risalire da essa verso nord sino al
confine con la provincia di Ferrara che la segue fino al passo Po da dove è iniziata la delimitazione per
la provincia di Ravenna.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini “Bosco Eliceo” devono
essere quelle tradizionali della zona di produzione e, comunque, atte a conferire alle uve e ai vini
derivati le specifiche caratteristiche.
Sono pertanto da considerarsi idonei unicamente i vigneti coltivati su terreni prevalentemente sabbiosi.
I sesti di impianto, le forme di allevamento e i sistemi di potatura devono essere quelli generalmente
usati e, comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei vini.
La produzione massima di uva dei vigneti in coltura specializzata, avente le caratteristiche previste
dall’art. 2, non deve superare i 15 tonn. ettaro.
A detto limite, anche in annate favorevoli, la produzione dovrà essere riportata attraverso un’accurata
cernita delle uve, purché la produzione non superi del 20% il limite indicato.
La resa massima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%. Qualora superi questo limite, ma
non il 75%, l’eccedenza non ha diritto alla denominazione di origine controllata. Oltre il 75% decade il
diritto alla denominazione di origine controllata per tutto il prodotto.
La Regione Emilia-Romagna, con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate di
anno in anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni ambientali di coltivazione, può
stabilire un limite massimo di produzione di uva per ettaro inferiore a quello fissato dal presente
disciplinare di produzione, dandone immediata comunicazione al Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione, ivi comprese quelle previste dal successivo art. 7, devono essere
effettuate nell’interno della zona di produzione delimitata nell’art. 3.
Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, è consentito che tali operazioni siano
effettuate nell’ambito dell’intero territorio delle province di Ferrara e Ravenna.
È facoltà del Ministero delle politiche agricole e forestali, sentito il consorzio di tutela competente per
la denominazione di origine, consentire, in deroga a quanto stabilito al comma 1, con specifiche
autorizzazioni, che le operazioni di frizzantatura possano avvenire anche nel territorio delle regioni
Emilia–Romagna e Veneto. Tali deroghe possono essere rilasciate a quelle ditte che avendo già
imbottigliato il vino a DOC “Bosco Eliceo”, ne facciano espressa documentata richiesta.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare un titolo alcolometrico volumico naturale minimo
di 9,50% vol. ai vini “Fortana” e “Bianco” e di 10% vol. ai vini “Merlot” e “Sauvignon”.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti comunque atte ad
assicurare ai vini le loro peculiari caratteristiche.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini di cui all’art. 2, all’atto dell’immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
“Bosco Eliceo” Fortana:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: secco o abboccato o amabile o dolce (zucchero residuo massimo 75 g/l) corposo,
moderatamente tannico, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Fortana vivace:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: secco o abboccato o amabile o dolce (zucchero residuo massimo 75 g/l), corposo,
moderatamente tannico, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Fortana frizzante:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: secco o abboccato o amabile o dolce, corposo, moderatamente tannico, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
zuccheri residui, per il tipo secco: da 0 a 15,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo abboccato: da 12,00 g/l a 35,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo amabile: da 30,00 g/l a 50,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo dolce, massimo: 75,00 g/l;
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Merlot:
colore: rosso rubino con riflessi violacei;
odore: leggermente erbaceo, caratteristico;
sapore: secco o abboccato, sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Merlot vivace:
colore: rosso rubino con riflessi violacei;
odore: leggermente erbaceo, caratteristico;
sapore: secco o abboccato, sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Sauvignon:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, quasi aromatico;
sapore: secco o abboccato o amabile, caldo, vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Sauvignon vivace:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, quasi aromatico;
sapore: secco o abboccato o amabile, caldo, vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Sauvignon frizzante:
colore: giallo paglierino;
odore: delicato, quasi aromatico;
sapore: secco o abboccato o amabile, caldo, vellutato, tranquillo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00%
zuccheri residui per il tipo secco: da 0 a 15,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo abboccato: da 12,00 g/l a 35,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo amabile: da 30,00 g/l a 50,00 g/l;
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Bianco:
colore: giallo paglierino chiaro;
odore: delicato, gradevole, caratteristico, non molto intenso;
sapore: secco o abboccato o amabile o dolce (zucchero residuo massimo 75 g/l), fresco, gradevole,
armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,00 g/l.
“Bosco Eliceo” Bianco frizzante:
colore: giallo paglierino chiaro;
odore: delicato, gradevole, caratteristico, non molto intenso;
sapore: secco o abboccato o amabile o dolce, fresco, gradevole, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50%
zuccheri residui, per il tipo secco,: da 0 a 15,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo abboccato: da 12,00 g/l a 35,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo amabile: da 30,00 g/l a 50,00 g/l;
zuccheri residui per il tipo dolce, massimo: 75,00 g/l;
acidità totale minima: 5,00 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,00 g/l.
È facoltà del Ministero delle politiche agricole e forestali modificare i limiti dell’acidità totale e
dell’estratto non riduttore con proprio decreto.
I vini a Denominazione di Origine Controllata “Bosco Eliceo” di cui al presente articolo, elaborati
secondo pratiche tradizionali in recipienti di legno, possono essere caratterizzati da leggero sentore di
legno.


Articolo 7
Etichettatura designazione e presentazione
I vini a DOC “Bosco Eliceo Fortana”, “Bosco Eliceo Sauvignon” e “Bosco Eliceo Bianco” possono
essere prodotti nel tipo “frizzante” con le medesime caratteristiche di cui all’art 6.


Articolo 8
Confezionamento
Alla Denominazione di Origine Controllata “Bosco Eliceo” è vietata l’aggiunta di qualsiasi
qualificazione diversa da quelle previste dal presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi: “extra”,
“fine”, “scelto”, “selezionato” e similari.
È tuttavia consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi aziendali o ragioni sociali o
marchi privati purchè non abbiano significato laudativo.
In etichetta sono obbligatorie le indicazioni “amabile”, “dolce”, per le tipologie di vino per le quali
sono previste tali caratteristiche.


Articolo 9
Legame con l’ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1. Fattori naturali rilevanti per il legame. Le condizioni ambientali che si riscontrano nell’area a DOC
“Bosco Eliceo” sono veramente peculiari, visto che si tratta di suoli sostanzialmente sabbiosi (fino al
95-97% di sabbia) che si estendono lungo una fascia molto stretta a ridosso del litorale adriatico. Unica
eccezione, l’areale intorno ad Argenta, che si spinge maggiormente verso l’entroterra e si caratterizza
per suoli di bonifica recente con una maggiore presenza di limo e argilla in superficie (FrancoSabbiosi)
e sabbiosi oltre i 50 cm di profondità (es. Suoli Garusola del Catalogo dei suoli di pianura
dell’Emilia-Romagna).
I terreni dell’areale della DOC “Bosco Eliceo” si sono originati in gran parte per bonifiche successive
e/o sedimentazione delle alluvioni fluviali di Po e Reno. Elemento caratterizzante sono i “cordoni di
dune marine” (in parte sommersi dai sedimenti) che si sono originati a seguito del modificarsi della
linea di costa in epoche storiche successive. L’azione combinata di questi eventi geologici e
pedogenetici ha portato alla definizione di un ambiente compreso tra le “Valli” e il mare in cui si è
insediata dapprima una vegetazione “colonizzatrice” fino ad arrivare al bosco di leccio, all’interno del
quale cresceva anche la Vitis vinifera subsp. sylvestris, di cui ancora oggi sono presenti rari esemplari
dioici nelle pinete storiche di Ravenna.
Specifici lavori di zonazione hanno consentito di verificare come la maggior parte dei vigneti che
danno vini a DOC “Bosco Eliceo” si collochino su suoli riconducibili all’Unità Tipologica di Suolo
“Cerba, sabbioso fine” [CER1, in riferimento al Catalogo dei suoli di pianura dell’Emilia-Romagna.
Classificazione Soil Taxonomy (Chiavi 2003): Aquic Ustipsamments, mixed, mesic. Classificazione
WRB (1998): Calcaric Arenosols (Gleyic)], ad esplicitare quanto sintetizzato all’art. 4 del presente
disciplinare (Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a DOC
“Bosco Eliceo” devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e, comunque atte a conferire
alle uve ed ai vini derivati le specifiche caratteristiche. Sono pertanto da considerarsi idonei unicamente
i vigneti coltivati su terreni sabbiosi).
Per quanto riguarda il clima, l’area del “Bosco Eliceo” è una delle più calde della viticoltura
dell’Emilia-Romagna, come attesta l’indice di Winkler che mediamente varia tra 1950 e 2250 Gradi
Giorno. La vicinanza del mare consente, però, di avere una buona escursione termica tra il giorno e la
notte, situazione positiva per la formazione e il mantenimento del quadro aromatico delle uve. La
particolarità del clima spiega come una varietà a maturazione tardiva quale “Fortana” (detta anche
“Uva d’oro”) si sia connaturata a quest’ambiente sin da tempi remoti. Lo stesso si dica per Trebbiano
romagnolo e Malvasia bianca di Candia, mentre per quanto riguarda l’introduzione più recente di
varietà a maturazione media o precoce come Sauvignon e Merlot, si può mettere in relazione con la
necessità di ampliare il calendario di raccolta sfruttando il carattere varietale dei vitigni in questione e
la proprietà dei suoli sabbiosi di privilegiare la componente aromatica rispetto alla struttura dei vini
(vini leggeri e floreali).
2. Fattori umani rilevanti per il legame. Diversi documenti attestano la presenza della coltivazione della
vite e il suo uso enologico sin dall’antichità, nel litorale adriatico dell’Emilia-Romagna. I Georgici
latini parlano addirittura di una specifica varietà di vite che cresceva nelle aree paludose intorno
all’emporio di Spina (uva Spionia o Spinea). Nel 1300 Pier de’ Crescenzi scrive di un’uva Duracla
coltivata in queste aree, le cui caratteristiche non erano così distanti da quelle della Fortana con cui si
produce il cosiddetto “Vino di Bosco”. La base ampelografica si è poi ampliata a Trebbiano
romagnolo, Malvasia bianca di Candia, Merlot e Sauvignon, anche se Fortana rimane ancora oggi il
vitigno più tipico e coltivato dell’areale.
Le viti, nonostante l’arrivo della fillossera, sono ancora oggi spesso franche di piede e il portinnesto
viene impiegato più per problemi legati alla salinità che non al parassita. La forma di allevamento
tradizionale è il Guyot, ma si possono trovare anche Cordone speronato e GDC.
La maturazione tardiva del vitigno Fortana e la sua tolleranza ai marciumi, facevano sì che la
vendemmia venisse procrastinata il più possibile verso il tardo autunno, con la conseguenza che le
fermentazioni spesso si arrestavano a causa delle basse temperature dell’inverno incipiente. Questa
situazione portava ad avere vini con un contenuto di zuccheri residui più o meno importante durante il
periodo invernale e, se messi in bottiglia, davano origine a vini frizzanti per effetto della ripresa delle
fermentazioni nella primavera-estate successiva alla vendemmia.
Le tecniche e tecnologie enologiche recenti hanno consentito di mettere a punto linee di vinificazione
moderne e corrette, ma le tipologie della tradizione sono state mantenute; infatti i vini della DOC
“Bosco Eliceo” si presentano fermi o frizzanti, con diversi livelli di zuccheri residui (secco, abboccato,
amabile, dolce) e, talora, anche con un periodo di affinamento in legno.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
I vini della DOC “Bosco Eliceo”, per le caratteristiche ambientali dell’area di coltivazione delle uve,
tendono a non avere una struttura particolarmente importante e puntano soprattutto alla freschezza e
alla fragranza degli aromi e del gusto, specie nelle versioni frizzanti. In genere si tratta di vini non
particolarmente alcolici, ma piuttosto sapidi, grazie anche alla presenza di una falda superficiale spesso
salmastra.
I vini “Bosco Eliceo Fortana” si presentano di un bel colore rosso rubino, più o meno intenso, con
riflessi violacei. All’olfatto spicca una certa vinosità che si accompagna a note fiorali, ma soprattutto
fruttate (bacche rosse, con particolare riferimento a ciliegie e more di rovo). Talora possono essere
presenti anche note resinose e speziate. Al gusto si rileva una buona acidità e il giusto tannino, per
l’abbinamento con i piatti grassi e succulenti della tradizione gastronomica ferrarese.
I “Merlot” della DOC “Bosco Eliceo” hanno una bella colorazione rosso rubino, abbastanza intensa e
accompagnata da riflessi violacei. All’olfatto, l’erbaceo tipico del vitigno non è invadente e si
accompagna ad un buon fruttato che richiama le more e le prugne o meglio i prugnoli selvatici.
Al gusto sono moderatamente acidi e poco tannici.
Il vino “Bosco Eliceo Sauvignon” è di colore giallo paglierino. Il profumo è piuttosto delicato, quasi
aromatico, con note fruttate prevalenti. In bocca risulta di giusta acidità e sapidità.
“Bosco Eliceo Bianco” è un vino di colore giallo paglierino chiaro, con profumo delicato, con note di
fiori di acacia e un fruttato più o meno spiccato a seconda dei vitigni che accompagnano il Trebbiano
romagnolo. Al gusto risulta di giusta acidità e sapidità.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B)
La DOC “Bosco Eliceo” è nata intorno al vitigno Fortana che è connaturato all’ambiente sabbioso e
salmastro del litorale adriatico dell’Emilia-Romagna: si tratta infatti di un vitigno che è presente da così
tanto tempo nella zona che è cresciuto e si è evoluto con le sue terre e la sua gente.
Si tratta di un ambiente con suoli prevalentemente sabbiosi, che non consentono di ottenere strutture
importanti, e un clima caratterizzato da sommatorie termiche elevate che meglio si addicono a vitigni
tardivi, come Fortana e Trebbiano. La vicinanza del mare, comunque, favorisce una certa escursione
termica tra il giorno e la notte a favore dello sviluppo di aromi anche in vitigni più precoci, come
Merlot, Sauvignon e Malvasia. L’impossibilità di ottenere struttura nei vini derivati da suoli sabbiosi e
la tradizione locale di vini frizzanti ha fatto sì che i viti-vinicoltori locali si siano concentrati soprattutto
su questa tipologia, migliorando la filiera con l’introduzione di nuove tecnologie in cantina ed in
particolare di strumenti per la fermentazione a temperatura controllata.
Non mancano anche esempi di elaborazione in legno di vini derivati da uve ottenute ricorrendo a
tecniche agronomiche più spinte (diradamento, defogliazione, ecc.).


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 – ROMA
+3906-45437975
Tel. +390445 313088 Fax. +390445 313080
info@valoritalia.it
VALORITALIA s.r.l. è l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle Politiche Agricole
Alimentari e Forestali, ai sensi dell’articolo 13 del DLgs n. 61/2010 (Allegato 1) che effettua la verifica
annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente all’articolo 25, par. 1,
1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della
DOP, mediante una metodologia dei controlli sistematica nell’arco dell’intera filiera produttiva
(viticoltura, elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso,
lettera c).
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controll i, approvato
dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 2 novembre 2010, pubblicato in GU n. 271
del 19-11-2010 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |