Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Colli Trevigiani Igt

Loading

Blog

 

Colli Trevigiani Igt

22.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE VINI INDICAZIONE GEOGRAFICA
TIPICA «COLLI TREVIGIANI»


Approvato con DM 21.11.1995 G.U. 297 - 21.12.1995
Modificato con DM 27.02.1996 G.U. 57 - 08.03.1996
Modificato con DM 13.08.1997 G.U. 210 - 09.09.1997
Modificato con DM 27.06.2008 G.U. 160 - 10.07.2008
Modificato con DM 17.09.2008 G.U. 229 - 30.09.2008
Modificato con DM 21.07.2009 G.U. 173 - 28.07.2009
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 08.10.2013 G.U. 253 – 28.10.2013
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Art. 1
La indicazione geografica «Colli Trevigiani», accompagnata o meno dalle specificazioni previste
dal presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle condizioni
ed ai requisiti in appresso indicati.


Art. 2
La indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» è riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante;
rossi, anche nelle tipologie frizzante e novello;
rosati, anche nella tipologia frizzante.
I vini ad indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» bianchi, rossi e rosati devono essere
ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei
alla coltivazione per la provincia di Treviso. di cui al Registro nazionale delle varietà di viti
approvato con DM 7 maggio 2004 (GU n. 242 del 14 ottobre 2004) e successivi aggiornamenti di
cui all'allegato 1 del presente disciplinare di produzione.
La indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» con la specificazione di uno dei seguenti vitigni,
o del relativo sinonimo il cui uso in etichetta è consentito dalla vigente normativa comunitaria e
nazionale: Bianchetta trevigiana, Incrocio Manzoni 2.14, Incrocio Manzoni 2.15, Incrocio Manzoni
2-3, Malvasia (da Malvasia istriana), Muller Thurgau, Pinot bianco, Pinot grigio, Glera, Riesling
renano, Riesling italico, Sauvignon, Traminer, Verdiso, Verduzzo (da Verduzzo friulano e/o
Verduzzo trevigiano), Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon, Manzoni bianco, Malbech, Marzemino,
Merlot, Pinot nero (anche vinificato in bianco), Raboso (da Raboso Piave e/o Raboso Veronese),
Refosco dal peduncolo rosso, Wildbacher, Tai (da Tocai friulano), Boschera, Carmenère, Syrah,
Marzemina bianca, Rebo, Petit Verdot, Glera lunga, Manzoni rosa e Manzoni moscato è riservata ai
vini ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dai
corrispondenti vitigni.
Nella preparazione del vino Cabernet possono concorrere, disgiuntamente o congiuntamente, le uve
dei vitigni Cabernet franc, Cabernet sauvignon e Carmenère.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, alla produzione dei mosti e vini sopra indicati, le
uve dei vitigni idonei alla coltivazione per la provincia di Treviso fino ad un massimo del 15%.
I vini ad indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» possono utilizzare la specificazione del
nome di due vitigni idonei alla coltivazione per l'area amministrativa sopra indicata, alle condizioni
previste dalla normativa comunitaria.
I vini ad indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» con la specificazione di uno o due dei
vitigni di cui al presente articolo, possono essere prodotti anche nelle tipologie frizzante; i soli vini
derivanti da vitigni a bacca rossa possono essere prodotti anche nella tipologia novello.


Art. 3
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e vini atti ad essere designati con la
indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani», ricadente in provincia di Treviso, comprende in
tutto o in parte il territorio dei comuni di:
Asolo, Caerano di San Marco, Cappella Maggiore, Castelcucco, Cavaso del Tomba, Cison di
Valmarino, Colle Umberto, Conegliano, Cordignano, Cornuda, Crocetta del Montello, Farra di
Soligo, Follina, Fonte, Fregona, Giavera del Montello, Maser, Miane, Monfumo, Montebelluna,
Nervesa della Battaglia, Paderno del Grappa, Pederobba, Pieve di Soligo, Possagno, Refrontolo,
Revine Lago, San Fior, San Pietro di Feletto, San Vendemiano, San Zenone degli Ezzelini,
Sarmede, Segusino, Sernaglia della Battaglia, Susegana, Tarzo, Valdobbiadene, Vidor, Vittorio
Veneto e Volpago del Montello. Tale zona è delimitata come segue:
«dalla località Ciano in comune di Crocetta del Montello il limite prosegue verso est lungo la
provinciale detta "panoramica del Montello" fino al punto di uscita sulla stessa della trasversale del
Montello contraddistinta con il n. 14; dall'incrocio segue una linea retta verticale rispetto alla
"panoramica" fino a raggiungere l'orlo del colle che dà sul fiume Piave.
Da questo punto il limite segue in direzione est la parte alta della scarpata del Montello che
costeggia il Piave fino alla località detta Case Saccardo in comune di Nervesa della Battaglia,
prosegue quindi verso sud-est, lungo il confine tra i comuni di Nervesa e Susegana lungo la
litoranea del Piave che passando per l'idrometro conduce all'abitato di Nervesa, da dove piega ad
ovest lungo la strada statale n. 248 "Schiavonesca Marosticana" che percorre fino al confine della
provincia di Treviso con quella di Vicenza, in prossimità del km 42,500 circa, nel comune di S.
Zenone degli Ezzelini. In corrispondenza di tale confine, segue verso nord la strada per Liedolo,
supera tale centro abitato in località Capitello, piega ad est lungo la strada per Mezzociel. Di qui
prosegue lungo la strada per Fonte Alto, da dove piega verso nord costeggiando la strada per
Paderno del Grappa. Superato il paese Paderno del Grappa, il limite segue la rotabile in direzione
nord per Possagno del Grappa, toccando Tuna, Rover e giunto in località Fornace piega a
nordovest per la località Roi di Possagno, da dove, costeggiando il torrentello raggiunge la località
Giustinet.
Prosegue, quindi verso est tenendosi a monte della "Pedemontana" del Grappa ad una quota di circa
300 metri e cioè al limite di vegetazione naturale della vite. Il confine passa pertanto sopra il paese
di Possagno in corrispondenza del tempio del Canova poco sopra l'abitato di Obledo e di Cavaso del
Tomba, mantenendosi ad una distanza media di circa 400 metri a nord della pedemontana del
Grappa.Riavvicinandosi a tale strada, il limite raggiunge la parte alta dell'abitato di Grenigo in
comune di Cavaso da dove in linea retta giunge alla località Costa Alta. Da qui, a quota 303, segue
dagli inizi la strada che passando nei pressi della colonia Pedemontana porta a sud est sulla
pedemontana del Grappa.
Scende quindi per tale strada e ritornando sulla pedemontana del Grappa, il limite costeggia
quest'ultima fino al suo punto di intersezione con la statale n. 348 "Feltrina", una volta superato il
centro abitato di Pederobba. Segue quindi detta strada fino ad Onigo di Pederobba, in
corrispondenza del quale piega ad est seguendo la strada per Covolo, tocca Pieve, Rive, costeggia il
canale Brentella fino a quota 160 e poi, verso nord-est raggiunge Covolo, lo supera e giunge a
Barche, dove raggiunge la quota 146 in prossimità della riva del Piave. Da quota 146 prosegue
lungo la strada verso sud fino ad incrociare quella per Crocetta del Montello in prossimità del km
27,800 circa. Lungo tale strada prosegue verso sud e all'altezza della località Fornace piega a sudest
per quella che raggiunge Rivasecca, la supera e seguendo sempre verso sud-est la strada che
costeggia il canale di Castelviero, raggiunge la località Ciano da dove è iniziata la delimitazione.
Il confine nord prende come punto di partenza località Fornace, prosegue lungo il greto della
sinistra del fiume Piave ai confini fino con la provincia di Belluno. Segue detto confine provinciale
fino a quota 582 sotto Crocra. Prosegue a est toccando Tomba, C. Spinazzè, C. Trenta e
proseguendo in linea retta nella stessa direzione raggiunge i confini con il comune di
Valdobbiadene. Scende lungo i medesimi fino a M. Perlo (quota 610) si stacca verso est fino a Casa
Simonetto per arrivare al Monte Castello, passando sotto le casere S. Maria, Zoppè, Geronazzo. Dal
Monte Castello entra nel borgo Val di Guietta costeggiando a 100 metti a monte la strada che porta
a Combai e raggiunge la piazza di detto paese.
Da qui il confine nord è delimitato da una linea a nord della strada pedemontana corrispondente alla
curva di livello di 500 metri. Passa a nord dei comuni di Miane, Follina, Cison di Valmarino,
Revine, Vittorio Veneto, fino ad incontrare la strada statale n. 51 di Alemagna in località Savassa.
Quindi riprende a est di detta strada statale, la curva di livello 500 metri passando a nord del
comune di Fregona e Sarmede fino ad incontrare il confine con la provincia di Pordenone in località
Valbona a quota 608.
Segue a sud detto confine provinciale fino a Torricello in comune di Cordignano.
Da qui attraversa il centro di Cordignano, prosegue verso ovest lungo la strada che conduce a
Vittorio Veneto fino all'incrocio con la linea di confine con il comune di Colle Umberto in località
S. Stefano.
Da qui si dirige a sud, seguendo il confine tra i comuni di Cordignano e Colle Umberto fino a
raggiungere la località 4 Strade sulla strada statale n. 13 Pontebbana. Segue quindi verso ovest detta
strada statale e passando per il centro storico di Conegliano, arriva a Susegana, passa la strada
provinciale della Barca a Colfosco e prosegue lungo la strada Colfosco-Pieve di Soligo fino in
località Colombere.
Segue poi la linea di delimitazione attraversando il quartier del Piave, il confine amministrativo del
comune di Farra di Soligo fino a raggiungere in località Palù a sud, di Campagnola i confini
amministrativi del comune di Vidor.
Segue a sud i medesimi fino al greto della sinistra del fiume Piave. Prosegue ad ovest lungo il
medesimo fino alla località Fornace».


Art. 4
Le condizioni. ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 2
devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata, nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore per i vini ad indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani», anche con
la specificazione del vitigno, a tonnellate 25, ad eccezione dei vitigni: Pinot bianco, Pinot grigio,
Pinot nero, Chardonnay, Cabernet franc, Riesling renano, Traminer, Manzoni bianco, Sauvignon,
Boschera, Carmenère, Marzemina bianca, Rebo, Petit Verdot, I.M. 2.14, I.M. 2.15, I.M. 2-3 e
Manzoni moscato, per i quali non deve essere superiore a tonnellate 19 e per Syrah e Manzoni rosa
rispettivamente a 15 e 12 tonnellate.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani», dopo
le eventuali operazioni di arricchimento, devono assicurare ai vini il titolo alcolometrico volumico
totale minimo indicato all'art. 6 per le diverse tipologie di prodotto.


Art. 5
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
La zona di vinificazione corrisponde con quella di produzione delle uve delimitata all'art. 3.
Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, le predette operazioni, possono
essere effettuate nell'intero territorio amministrativo dei comuni elencati all'art. 3. Inoltre, ai sensi
dell'articolo 6, comma 4, lettera b, del Regolamento CE n. 607/2009, tali operazioni possono essere
effettuate anche nell'ambito dell'intero territorio amministrativo dei comuni confinanti con la zona
di vinificazione delle uve di cui al capoverso precedente.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo non deve essere superiore all'80%,
per tutti i tipi di vino.


Art. 6
I vini ad indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» all'atto dell'immissione al consumo
devono avere le seguenti caratteristiche:
bianco, bianco frizzante, (anche con riferimento al nome di vitigno)
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9.00% vol.;
- acidità totale minima: 3.5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 13.0 g/l.
rosso, rosso frizzante, (anche con riferimento al nome di vitigno)
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9.50% vol.;
- acidità totale minima: 3.5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 17.0 g/l.
rosato, rosato frizzante, (anche con riferimento al nome di vitigno)
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 9.00% vol.;
- acidità totale minima: 3,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 14,00 g/l.
novello (anche con riferimento al nome di vitigno)
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11.00% vol.;
- acidità totale minima: 3,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 17,00 g/l.


Art. 7
Alla indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
diversa da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi extra,
fine, scelto, selezionato, superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.
L'indicazione geografica tipica «Colli Trevigiani» può essere utilizzata come ricaduta per i vini
ottenuti da uve prodotte da vigneti, coltivati nell'ambito del territorio delimitato nel precedente art.
3, ed idonei alla produzione dei vini a denominazione di origine, a condizione che vini per i quali si
intende utilizzare la indicazione geografica tipica di cui trattasi, abbiano i requisiti previsti per una o
più delle tipologie di cui al presente disciplinare.


Art. 8
Legame con l'ambiente geografico
a) Specificità della zona geografica
Fattori naturali
La morfologia dell'area di produzione della IGT "Colli Trevigiani" si compone di una serie di
rilievi collinari disposti con direzione nord-sud nella parte più meridionale e con direzione est-ovest
nella parte settentrionale.
Tali rilievi sono separati da una serie di valli percorse da piccoli corsi d'acqua.
L'area a nord si appoggia sulla catena prealpina che funge da barriera naturale all'ingresso di
correnti fredde, mentre a sud la zona gode delle temperature miti della laguna di Venezia, da cui
dista soli 40 Km.
La disposizione est-ovest dei terreni collinari, la forte pendenza, la conseguente giacitura rivolta a
sud dei vigneti, permette la massima intercettazione dei raggi solari, creando un areale ideale per la
coltivazione della vite.
I suoli della zona si sono originati dal sollevamento di fondali marini e sono stati successivamente
modificati dall'azione dei ghiacciai e dei fiumi.
I terreni sono costituiti in prevalenza da arenarie e marne, a cui si alternano strati morenici ed
alluvionali.
Tale profilo favorisce il costante drenaggio dell'acqua.
Il clima dell'area "Colli Trevigiani" è di tipo temperato, con stagioni ben delineate, caratterizzato da
un'inversione termica notturna che consente di avere, nel periodo di maturazione delle uve, marcate
escursioni di temperatura fra la notte ed il giorno, grazie alla discesa lungo i pendii della colline, di
aria fresca proveniente dalle Prealpi.
Le piogge frequenti del periodo estivo garantiscono l'apporto idrico sufficiente per l'ottimale
maturazione dell'uva.
Questa condizione particolare si realizza grazie alla forte acclività ed allo scarso spessore di suolo
esplorabile dalle radici delle viti.
Fattori umani e storici
L'area dei colli Trevigiani vanta un'antichissima tradizione legata alla coltura della vite, le cui
prime testimonianze scritte risalgono alle lapidi dei coloni romani.
In seguito la vocazione alla produzione di vini in questa zona è testimoniata da numerosissimi
documenti, a partire dagli "Statuti Coneglianesi" del 1282, a quelli relativi alla dominazione della
Repubblica Veneziana, alle testimonianze per l'apprezzamento del vino dei colli Trevigiani.
La tradizione vitivinicola di questo territorio e la cultura scientifica, trovano concreta applicazione
con la nascita nel 1876 a Conegliano della prima Scuola di Viticoltura ed Enologia d'Italia, dalla
quale si è sviluppata, nel 1923, la prima Stazione Sperimentale di Viticoltura ed Enologia, ancor
oggi sede di riferimento per la ricerca e sperimentazione viticola per il Ministero dell'Agricoltura
Italiana.
Il nome dei vini dei Colli Trevigiani era famoso e utilizzato fin dai primi anni del secolo,
specialmente a Venezia ma non solo per indicare i vini provenienti da questi colli.
"Colli Trevigiani", come indicazione geografica, è stata sistematicamente utilizzata dai produttori
vitivinicoli a partire dal 1977, a seguito del regolamento CEE 816/70 e delle normative nazionali di
recepimento che hanno stabilito le modalità per la dichiarazione, designazione e presentazione dei
vini definiti allora "vini da tavola con indicazione geografica".
Nel 1995, con il decreto del 21 novembre, è stato approvato l'attuale disciplinare di produzione
successivamente modificato ed adeguato al fine di adeguarlo al mercato dei vini a indicazione
geografica tipica e alle normative comunitarie.
b) Specificità del prodotto
I vini rossi della indicazione geografica tipica"Colli Trevigiani" sono caratterizzati da un rosso
tenue fino al rosso rubino talvolta al granato. In funzione delle zone e dei vitigni, possono talvolta
essere più accentuati i sentori di frutta e frutti di sottobosco oppure note erbacee. Nel complesso
sono vini da freschi ad un gusto pieno con una buona tannicità e un giusto equilibrio acido. Al
gusto, in relazione alla specificità del vitigno, ritornano le note di frutta e in relazione al grado di
maturità una buona struttura e una consistenza sapida.
Per i vini bianchi giovani il colore è normalmente giallo da chiaro a paglierino con riflessi
verdognoli talvolta carico a seconda dei vitigni. All'olfatto e al sapore presentano note tipiche delle
varietà, evidenziando talvolta note primarie floreali che richiamano nei vini strutturati con una
marcata sapidità e persistenza gustativa.
I vini della presente IGT presentano, dal punto di vista analitico una chiara individuazione e
tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le tipologie,
mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni.
c) Legame causa effetto fra ambiente e prodotto
Il legame dei vini alla zona di produzione é data dalla rinomanza del nome contenuto nella
"Indicazione geografica Colli Trevigiani" con la quale da oltre un secolo sono famosi e
commercializzati i vini provenienti da queste aree collinari della provincia di Treviso.


Art. 9
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 – ROMA
06 45437975
info@valoritalia.it
Valoritalia srl. Sede Amministrativa:
Via San Gaetano, 74
36016 - Thiene (Vicenza)
Tel. 0445 313088, Fax. 0445 313080;
e-mail: assicurazione.qualita@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |