Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Bettona Igt

Loading

Blog

 

Bettona Igt

22.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A INDICAZIONE GEOGRAFICA TIPICA
"BETTONA"


Approvato con DM 18.11.1995 G.U. 284 - 05.12.1995
Modificato con DM 24.07.2009 G.U. 184 - 10.08.2009
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione
La indicazione geografica tipica "Bettona" accompagnata o meno dalle specificazioni previste dal
presente disciplinare di produzione, è riservata ai mosti e ai vini che rispondono alle condizioni ed
ai requisiti in appresso indicati.


Articolo 2
Base ampelografica
L'indicazione geografica tipica "Bettona" è riservata ai seguenti vini:
bianchi, anche nella tipologia frizzante;
rossi, anche nella tipologia novello;
rosati, anche nella tipologia novello.
I vini ad Indicazione Geografica Tipica "Bettona" bianchi, rossi e rosati devono essere ottenuti da
uve provenienti da vigneti composti nell' ambito aziendale, da uno o più vitigni idonei alla
coltivazione nella Regione Umbria, iscritti nel registro nazionale delle varietà di vite per uve da
vino approvato con D.M. 7 maggio 2004 e successivi aggiornamenti, riportati nell'allegato 1 del
presente disciplinare.
L'indicazione geografica tipica «Bettona» con la specificazione di uno dei vitigni idonei alla
coltivazione nella Regione Umbria, così come identificati al comma 2, è riservata ai vini ottenuti da
uve provenienti da vigneti composti, nell'ambito aziendale, per almeno l'85% dal corrispondente
vitigno.
Possono concorrere, da sole o congiuntamente, le uve dei vitigni a bacca di colore analogo, idonei
alla coltivazione nella Regione Umbria fino ad un massimo del 15%.
L' indicazione geografica tipica "Bettona" con la specificazione di due vitigni, è riservata ai vini
ottenuti da uve provenienti da vigneti composti, nell' ambito aziendale, dai corrispondenti vitigni,
alle seguenti condizioni:
- il vino derivi esclusivamente da uve prodotte dai due vitigni ai quali si vuole fare riferimento;
- il quantitativo di uva prodotta di uno dei due vitigni deve essere comunque superiore al 15% del
totale;
- l'indicazione dei vitigni deve essere riportata in etichetta in ordine decrescente rispetto all'effettivo
apporto delle uve da essi ottenute.


Articolo 3
Zona di produzione
La zona di produzione delle uve per l'ottenimento dei mosti e dei vini atti ad essere designati con
l'indicazione geografica tipica "Bettona" comprende l'intero territorio amministrativo del comune
di Bettona, in provincia di Perugia.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini cui all'art 2
devono essere quelle tradizionali della zona.
La produzione massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata nell'ambito aziendale,
non deve essere superiore a:
18 t/ha con resa massima in vino dell'80% corrispondenti ad hl 144 per i vini ad indicazione
geografica tipica "Bettona" bianco;
17 t/ha con resa massima in vino dell'80% corrispondenti ad hl 136 per le tipologie rosso e rosato.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno della zona di produzione delle
uve delimitata all'art. 3.
E' fatta salva la deroga prevista all'art.6, comma 4, secondo capoverso, del Regolamento CE n.
607/2009 per effettuare la vinificazione al di fuori della predetta zona delimitata fino al 31
dicembre 2012.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
Le uve destinate alla produzione dei vini ad indicazione geografica tipica "Bettona", devono
assicurare ai vini un titolo alcolometrico volumico naturale minimo previsto dalla vigente
normativa.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore all' 80%,
per tutti i tipi di vino.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini a indicazione geografica tipica "Bettona", anche con la specificazione del nome del vitigno,
all'atto dell'immissione al consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Bettona" Bianco, anche nella tipologia frizzante:
colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli;
odore: vinoso, delicato, fruttato;
sapore: sapido, vivace, fresco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 1 0,00% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 3,0 g/l.
"Bettona" Rosso:
colore: rosso rubino, vivace, più o meno intenso, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: vinoso, delicato, gradevole; speziato quando sottoposto ad invecchiamento;
sapore: pieno, morbido, armonico, e piacevolmente amarognolo, fruttato, caratteristico,
delicatamente erbaceo; piacevolmente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 7,0 g/l.
"Bettona" Rosso novello:
colore: rosso rubino, vivace, più o meno intenso;
odore: vinoso, delicato, gradevole;
sapore: pieno, morbido, armonico, e piacevolmente amarognolo, fruttato, caratteristico,
delicatamente erbaceo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l.
"Bettona" Rosato:
colore: rosa cerasuolo luminoso ed intenso;
odore: vinoso, fresco e vivace, con sentori floreali e delicati richiami fruttati;
sapore: armonico, fresco e fragrante, sapido e con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 1 4,0 g/l.
I vini a indicazione geografica tipica "Bettona" con la specificazione del nome del vitigno, all'atto
dell'immissione al consumo, oltre alle caratteristiche sopra specificate per i vini del corrispondente
colore, devono presentare le caratteristiche organolettiche proprie del vitigno.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla indicazione geografica tipica "Bettona" è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa
da quelle previste nel presente disciplinare di produzione , ivi compresi gli aggettivi
extra,fine,scelto selezionato superiore e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi
privati purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il consumatore.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame
Il territorio, ricco di storia e cultura millenaria che parte dagli etruschi e passa attraverso i secoli ai
romani ed al Cristianesimo, è ubicato alle pendici del Monte Martano tra i 200 e 500 mt. s.l.m. e
incastonato nella fascia collinare est-ovest, costituita principalmente da una struttura geopedologica
arenarica e argilloso-calcarea con variabilità di profondità e scheletro, dove abbondano olivi, boschi
matricinati e viti.
La coltura della vite è presente nell'area pianeggiante posta su alluvioni terrazzate e in misura
minore sulle colline mioceniche che si affacciano sulla Pianura Umbra fino a circa 270 m. s.l.m., su
terreni mediamente profondi, con tessitura media o medio-fine, ben areati e con un moderato tenore
in sostanza organica. Tali suoli sono mediamente evoluti e possono essere classificati come
Inceptisuoli (Soil Survey Staff, 2010).
Il clima è condizionato da una piovosità, che salvo eccezioni, soddisfa pienamente l'evoluzione
eziologica della vite. Rispetto alla media del secolo di 897,54 mm, l'ultimo decennio (1991 -2010)
ha fatto registrare un aumento medio delle precipitazioni annuali (937,1mm) determinato da un
incremento delle precipitazioni registrate soprattutto nel periodo invernale.
Nell'analisi decennale della stagione primaverile emerge che la piovosità rimane sostanzialmente
costante così come la stagione estiva con un leggero aumento medio delle precipitazioni dell'ultimo
decennio (168,15 mm rispetto alla media del secolo di 1 62,66 mm) mentre per quella autunnale una
leggera flessione (295,82 mm rispetto alla media del secolo di 297,45mm). L'ultimo decennio
invernale 2001/2010, con 254 mm di media, risulta più piovoso di 35mm rispetto alla media del
secolo.
In particolare il 2010 è risultato uno degli anni più piovosi del secolo con punte di precipitazione
cumulata di 1300mm di pioggia mentre i primi mesi del 2011 sono stati caratterizzati da una
scarsità di pioggia soprattutto nei mesi estivi.
Per quanto riguarda il quadro termico, l'andamento degli ultimi anni è da ritenersi abbastanza in
linea con le medie stagionali. Durante l'inverno (mesi di dicembre-gennaio-febbraio) la temperatura
media dei valori minimi si attesta intorno ai 3,2°C, un valore leggermente superiore rispetto al dato
storico di circa 0,5°C. il fenomeno può essere collegato anche all'aumento della piovosità del
periodo che ha determinato una maggiore copertura nuvolosa che ha limitato il raffreddamento
notturno. Il periodo primaverile (marzo-aprile-maggio) negli ultimi anni si attesta su valori
constanti senza particolari variazioni con una temperatura media di 13,8°C. La temperatura
massima media degli ultimi 5 anni relativa al periodo estivo (31,46°C) e la temperatura media
(24,0°C) confermano un leggero aumento rispetti ai valori storici registrati.
Rare sono le annate in cui è necessario far ricorso all' irrigazione di soccorso. Tutte queste
condizioni garantiscono lo svolgimento regolare delle fasi vegetative e conseguentemente il
raggiungimento di un ottimale indice di maturazione i cui parametri analitici riflettono pienamente
quelli indicati nel disciplinare di produzione.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
Vari documenti storici indicano che la viticoltura del territorio Bettonese sia consolidata da decenni
in diverse aziende agrarie, alcune delle quali già nei primi anni del 900 avevano addirittura
introdotto varietà di uve provenienti dalla regione Alsaziana quali il Merlot e il Cabernet-Sauvignon
come miglioratori di vini ottenuti dal Sangiovese, Canaiolo e Ciliegiolo. Negli ultimi 10 anni i
produttori hanno sentito la necessità di valorizzare il connubio territorio–vite tenuto conto che le tre
varietà tradizionali Sangiovese, Trebbiano e Grechetto, grazie alle condizioni edafiche del tutto
particolari (l'esposizione al sole nel periodo estivo è di ben 15 ore), possono raggiungere livelli di
maturazione che, oltre condizionare la concentrazione zuccherina delle uve, influenzano
positivamente anche quella dei componenti minori e cioè le sostanze coloranti ed aromatiche
conferendo ai vini corrispondenti vere e proprie specificità organolettiche. E' proprio su queste basi
che sono stati elaborate delle schede tecniche mediante le quali i produttori possono seguire in
campo gli "indici di maturazione" e procedere così in maniera omogenea all'inizio della
vendemmia. I sistemi di allevamento e le tecniche agronomiche di coltivazione sono stati aggiornate
nel tempo, da una parte da trasformando gli impianti a guyot in cordone speronato corto, dall'altra,
aumentando il numero di ceppi ad ettaro (fino a 5000). La possibilità di incentivare la
meccanizzazione ha comportato l'esecuzione tempestiva delle operazioni gestionali del vigneto ivi
compresa una migliore e più efficace lotta anticrittogamica, consentendo di avviare alla
vinificazione uve rispondenti al disciplinare e perfettamente indenni da marciumi vari. In cantina
sono state adottate tecnologie le cui variabili di processo, definite specificatamente per le tre
tipologie di vini a I.G.T., da consentono di esaltare le caratteristiche analitiche chimiche e sensoriali
nel pieno rispetto del disciplinare. In particolare preme far presente l'introduzione della
"macerazione carbonica" e delle sue variabili di processo (temperatura e tempo) per la produzione
del "Novello di Bettona", e la definizione di due specifici "indici di maturazione fenolica" per la
destinazione rispettivamente di un "Rosso di Bettona" di pronta beva e di un "Rosso di Bettona"
ottenuto dopo lunga macerazione-fermentazione, maturazione di alcuni mesi in legno americano e
successivo affinamento di altrettanti mesi in bottiglia.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
Facendo riferimento ai due punti precedenti, i parametri analitici o descrittori specifici del prodotto
sono fortemente dipendenti dalle varietà di viti utilizzate. Le uve rosse sono caratterizzate da una
equilibrata concentrazione quantitativa e qualitativa delle componenti fenoliche responsabili del
colore e di alcuni aspetti gustativi come quelli più propriamente olfattivi in relazione alle sostanze
aromatiche di origine fermentativa conseguenza di evoluzione ottimale della maturazione fenolica e
azotata.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
Come già indicato, l'ambiente (microclima) unitamente ad un opportuno adattamento delle pratiche
viticole (sistema di allevamento e di conduzione del vigneto) che ha visto recentemente anche
l'introduzione della "vendemmia verde", consente di condizionare la composizione chimica del
frutto in relazione soprattutto agli aspetti organolettici del futuro vino. L'intervento umano
professionale dell'enologo completa la parte restante e cioè l'applicazione di pratiche enologiche
quali l'applicazione di variabili di processo tutte improntate a mantenere o meglio, esaltare le
componenti o i descrittori specifici della tipicità. In particolare la macerazione prefermentativa e la
"pulizia dei mosti" consente di sfruttare pienamente il potenziale aromatico delle uve bianche
mentre le tecnologie di vinificazione, in particolare la fase di macerazione-fermentazione,
soprattutto per quanto riguarda il "Rosso di Bettona" in funzione delle temperature, dei tempi e
delle modalità di esecuzione della macerazione (macerazione carbonica) e di alcuni interventi (ad
esempio la macrossigenazione), consentono di ottenere vini di pronta beva (vini novelli) o
addirittura di medio-lungo invecchiamento in botti di legno e maturazione in bottiglia.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e Indirizzo: 3A Parco Tecnologico Agroalimentare dell' Umbria soc. cons a r.l.
Fraz. Pantalla
06059 Todi (PG)
Telefono 075.89751 - Fax 075.8957257;
E-mail certificazione@parco3a.org
Il 3A Parco Tecnologico Agroalimentare dell'Umbria è l'Organismo di controllo autorizzato dal
Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto
legislativo n. 61/2010 (Allegato 2) che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni
del presente disciplinare, conformemente all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera b) e c), ed
all'articolo 26, par. 1, del Reg. CE n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della IGP, mediante una
metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera
6
produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par.
1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 3).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |