Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Fiano di Avellino Docg

Loading

Blog

 

Fiano di Avellino Docg

19.11.2015

Scheda riassuntiva

Denominazione: FIANO DI AVELLINO DOP/DOCG
Provincia: AVELLINO
Zona di produzione: intero territorio amministrativo dei comuni di Aiello del Sabato, Atripalda, Avellino, Candida, Capriglia Irpina, Cesinali, Contrada, Forino, Grottolella, Lapio, Manocalzati, Mercogliano, Montefalcione, Monteforte Irpino, Montefredane, Ospedaletto d' Alpinolo, Parolise, Pratola Serra, Salza Irpina, San Michele Di Serino, San Potito Ultra, Sant' Angelo a Scala, Santa Lucia Di Serino, Santo Stefano Del Sole, Sorbo Serpico, Summonte.
Tipologia: Bianco.
Le cifre
Superficie a vite presente nella zona di produzione: 1106,84 ettari.
Superficie per uva DO: 468,50 ettari.
Uva per vino DO: 26.968,30 quintali.
Vino DO prodotto: 18.877 quintali.

 

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DOCG "FIANO DI AVELLINO"


Approvato DOC con DPR 27.04.1978 G.U. 241 - 29.08.1978
Approvato DOCG con DM 18.07.2003 G.U. 180 - 05.08.2003
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione
La Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino", è riservata al vino bianco
che risponde alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
La Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino"e' riservata al seguente
vino:
"Fiano di Avellino" Bianco.
Il vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" deve essere
ottenuto dalle uve provenienti, in ambito aziendale, dal vitigno Fiano per un minimo dell'85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve provenienti dai vitigni Greco B, Coda di
Volpe B e Trebbiano toscano B, presenti nei vigneti in ambito aziendale, da soli o congiuntamente,
fino ad un massimo complessivo del 15%.


Articolo 3
Zona di produzione
La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di Origine
Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" comprende l'intero territorio amministrativo dei
seguenti comuni della provincia di Avellino: Avellino, Lapio, Atripalda, Cesinali, Aiello del
Sabato, S. Stefano del Sole, Sorbo Serpico, Salza Irpina, Parolise, S. Potito Ultra, Candida,
Manocalzati, Pratola Serra, Montefredane, Grottolella, Capriglia Irpina, S. Angelo a Scala,
Summonte, Mercogliano, Forino, Contrada, Monteforte Irpino, Ospedaletto D'Alpinolo,
Montefalcione, Santa Lucia di Serino e San Michele di Serino.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino a Denominazione
di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" devono essere quelli tradizionali della zona e
comunque atte a conferire alle uve e ai vini derivati le specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerare idonei ai fini dell'iscrizione all'Albo dei vigneti, unicamente i vigneti
collinari e di buona esposizione. Sono esclusi i terreni di fondovalle umidi e non sufficientemente
soleggiati.
I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
tradizionalmente usati nella zona e comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei
vini.
E' vietata ogni pratica di forzatura.
Per i reimpianti e i nuovi impianti i vigneti dovranno avere una forma di allevamento verticale, la
densità di impianto non potrà essere inferiore ai 2.500 ceppi per ettaro.
La resa massima di uva per ettaro di vigneto in coltura specializzata per la produzione del vino a
Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" non deve essere superiore
alle 10 tonnellate.
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro di vigneto in coltura promiscua
dovrà essere calcolata rispetto a quella specializzata, in rapporto all'effettiva superficie a vigneto.
A tali limiti, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la produzione globale dovrà essere
riportata, purché la stessa non superi di oltre il 20% i limiti massimi sopra stabiliti.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino a Denominazione di Origine
Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" un titolo alcolometrico volumico minimo naturale
dell'11,00% vol.
La Regione Campania, con proprio provvedimento, su proposta del Consorzio di Tutela, sentite le
Organizzazioni di Categoria interessate, di anno in anno, può stabilire di ridurre i quantitativi di uva
per ettaro rivendicabile rispetto a quelli sopra fissati, dandone immediata comunicazione
all'organismo di controllo.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione e di elaborazione del vino a Denominazione di Origine Controllata e
Garantita "Fiano di Avellino", devono essere effettuate nell'ambito del territorio amministrativo
della provincia di Avellino.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai
vini le loro peculiari caratteristiche.
La resa massima dell'uva in vino finito, pronto per il consumo, non deve essere superiore al 70%.
Oltre tale limite per tutta la produzione decade il diritto alla denominazione di origine controllata e
garantita.
L'arricchimento dei mosti o dei vini aventi diritto alla Denominazione di Origine Controllata e
Garantita "Fiano di Avellino" deve essere effettuato alle condizioni stabilite dalle norme
comunitarie e nazionali, fermo restando la resa massima del 70% dell'uva in vino.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1 Il vino a Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" all'atto
dell'immissione al consumo deve rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Fiano di Avellino" bianco
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: gradevole, intenso, fine, caratteristico;
sapore: fresco, armonico;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l.
E' facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con proprio decreto,
modificare i limiti sopra indicati per acidità totale ed estratto non riduttore.


Articolo 7
Etichettatura e designazione
L'indicazione della Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino" può
essere accompagnata dalla menzione tradizionale di origine classica "Apianum". Tale menzione
dovrà figurare in etichetta con caratteri tipografici non superiori alla metà di quelli utilizzati per
indicare la denominazione di origine controllata e garantita.
E' vietato usare assieme alla Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino"
qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quelle previste dal presente disciplinare, ivi compresi
gli aggettivi: extra, fine, superiore, scelto, selezionato, classico, riserva e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi
privati, non aventi significato laudativo o tali da trarre in inganno l'acquirente.
Nella designazione dei vini a Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di Avellino"
di cui all'art. 2 può essere utilizzata la menzione "vigna" a condizione che sia seguita dal relativo
toponimo o nome tradizionale, che la vinificazione e la conservazione del vino avvengano in
recipienti separati e che tale menzione, seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale, venga
riportata sia nella denuncia delle uve, sia nei registri e nei documenti di accompagnamento e che
figuri nell'apposito elenco regionale ai sensi dell'art. 6 comma 8, del decreto legislativo n. 61/2010.
Sulle bottiglie del vino o altri recipienti del vino a Denominazione di Origine Controllata e
Garantita "Fiano di Avellino" deve figurare l'indicazione dell'annata di produzione delle uve.
E' consentita l'immissione al consumo del vino a denominazione Denominazione di Origine Protetta
"Fiano di Avellino DOCG" esclusivamente in bottiglie o in altri recipienti di vetro di capacità non
superiore ai 5 litri, muniti di contrassegno di Stato.
I recipienti di cui al comma precedente devono essere chiusi con tappo raso bocca, di materiale al
momento previsto dalla normativa vigente, ad eccezione di quelli non superiori a 0,187 litri di
capacità, per i quali è consentito l'uso di dispositivo di chiusura a vite.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
a) Informazioni sulla zona geografica.
Fattori naturali
Il territorio di produzione della Denominazione di Origine Controllata e Garantita "Fiano di
Avellino", ubicato a nord di Avellino e si estende fino ai confini della provincia di Benevento. Si
identifica nell'area comprendente i comuni di: Atripalda, Avellino, Cesinali, Aiello del Sabato,
Santo Stefano del Sole, Sorbo Serpico, Salza Irpina, Parolise, San Potito Ultra, Candida,
Manocalzati, Pratola Serra, Montefredane, Grottolella, Capriglia Irpina, Sant'Angelo a Scala,
Summonte, Mercogliano, Forino, Contrada, Lapio, Monteforte Irpino, Ospedaletto d'Alpinolo, San
Michele di Serino, Santa Lucia di Serino e Montefalcione, tutti in provincia di Avellino. (tutti in
provincia di Avellino) e copre un a superficie territoriale totale di kmq 276. Il territorio ricade in
parte nell'ambito territoriale del parco regionale del Partenio.
L'attuale zona di produzione della docg Fiano di Avellino nella sua attuale conformazione fu così
già descritta nel 1642 dallo storico Fra' Scipione Bellabona nei "Raguagli della città di Avellino".
L'areale del Fiano di Avellino DOCG, si presenta, sotto il profilo delle caratteristiche litologiche
del substrato (Servizio Geologico d'Italia, Foglio 185 "Salerno"), notevolmente articolato, stante
anche la significativa estensione dello stesso.
La fascia più ampia, quella centrale, che comprende i territori comunali (da nord verso sud) di
Grottolella, Montefredane, Avellino, Forino, Contrada, Cesinali ed Aiello del Sabato, è
caratterizzata dalle stesse cineriti ocracee e livelli di pomici del II periodo flegreo, alternanti a
paleosuoli e materiale detritico sciolto e piroclastiti s.l. con rari livelli tufi tici e piccole pomici
dell'areale del Greco di Tufo, o dall'appoggio delle stesse sopra argille, argille marnose e sabbiose,
talora con gessi.
Nella fascia occidentale, i territori di S. Angelo a Scala e Summonte vedono la presenza di arenarie
con intercalazioni di marne; quelli di Ospedaletto d'Alpinolo, Mercogliano e Monteforte Irpino
delle stesse cineriti della fascia centrale, anche in appoggio su calcari.
Più articolata la fascia orientale: quelle stesse cineriti nei territori di Pratola Serra e Manocalzati
riposano sopra argille ed argille marnose, talora con gessi ed in quelli di Lapio ed Atripalda sopra
argille varicolori con intercalazioni lapidee, che rappresentano anche il solo litotipo presente nelle
aree di Montefalcione, Parolise e S. Potito Ultra.
Nei territori di Salza Irpina e Sorbo Serpico, prevalgono nettamente argille marnose e sabbiose ed
argille varicolori; in quello di S. Stefano del Sole, la successione litologica è caratterizzata da
depositi detritici, che poggiano sopra argille, a loro volta a tetto di calcari. Depositi detritici ed
alluvionali affi orano a S. Lucia di Serino e, a tetto dei calcari, a S. Michele di Serino.
Orograficamente, l'assetto morfologico si caratterizza per la presenza e la prevalenza di un'estesa
fascia collinare, interposta tra le pendici orientali dei rilievi del Gruppo M. Vergine–Monti di
Avella, a ovest, e quelle occidentali del Gruppo Terminio–Tuoro, ad est.
Il primo, dà luogo a dorsali allungate in senso appenninico, le cime più alte delle quali si
caratterizzano per presentare forme aspre sui versanti orientali e quote massime che decrescono
verso ovest/nordovest. Il secondo, che mostra pareti con le forme maggiormente tormentate sul
versante occidentale, degrada più dolcemente verso nord.
L'ampia fascia centrale presenta forme ben più dolci, in quanto modellata in sedimenti facilmente
erodibili, che formano un insieme di colline, la quota più alta delle quali si aggira intorno ai 600
metri, con dislivelli rispetto ai fondovalle che raggiungono, al massimo, i 300 metri. L'altro
elemento morfologico peculiare, la Piana di Serino, trova il limite occidentale in quelle colline;
quello orientale si identifi ca con la fascia pedemontana del Gruppo del Terminio–Tuoro.
Sotto il profi lo idrogeologico, entro l'areale del Fiano di Avellino sono presenti (Aquino et alii,
2006) i seguenti complessi: alluvionale; piroclastico; conglomeratico; arenaceo–argilloso–marnoso;
calcareo–marnoso–argilloso; argilloso e calcareo.
I terreni hanno profili giovani e immaturi e poggiano il più delle volte direttamente sui loro substrati
pedogenetici, sia roccia dura e compatta sia rocce tenere argillose e sabbiose.
Lo scheletro è presente in misura modesta e formato da frammenti e ciottoli silicei o calcarei. Per
contro, i terreni sono decisamente ricchi in argilla, che il costituente più importante, con
concertazioni anche fino al 50% della terra fina; in molti casi la frazione argillosa e attenuata da
sabbia e limo, presenti in misure notevoli oer cui gran parte dei terreni dell'areale risultano argillosi
o argillo limosi (terreni pesanti), oppure sabbio-argillosi.
Reazione: Prevalgono i terreni a reazione neutra e sub-alcalina con una punta di pH 8,02.
Calcare totale: In genere debole è la presenza di calcare, trattandosi di terreni formatisi in genere su
sabbie plioceniche, su marne eoceniche e terreni neozoici.
Humus: generalmente modeste, con sostanza organica inferiore al 2% e azoto fra 0,5 e 2,46g/kg.
Anidride fosforica assimilabile: Sebbene il contenuto in fosforo totale è di norma bastevole a volte
anche esuberante, in relazioni alle roccie madri di origine, il contenuto in fosforo assimilabile è
modesto, con tenori che variano da 21 a 70 mg/kg con medie superiori a 35 mg/kg.
In merito alla dotazione potassica, i terreni del Fiano di Avellino, qualunque sia l'origine, sono ben
provvisti. I valori di Ossido di potassio scambiabile è ricompreso tra 250-980 mg/kg con valori
medi intorno a 450-500 mg/kg
Prerogativa dei terreni è la ricchezza in magnesio scambiale con concentrazioni da 110 a 940
mg/kg. Questo elemento esplica un'azione fortemente positiva sull'attività vegetativa della vite,
favorendo sia i processi di lignificazione sia le caratteristiche organolettiche del vino. Altrettanto
buona dotazione di boro, rame, manganese e zinco.
La dotazione potassica dei terreni del Fiano di Avellino ed Irpini in generale, qualunque sia la loro
origine, è abbastanza elevata. Si riscontrano valori di potassio totale, espresso in termini di K2O
mai inferiori a 4,5 -5,0 g/kg, con medie superiori ai 12 g/kg. Il contenuto di potassio scambiabile
varia tra i 230 e 1000 mg/kh, con valori medi facilmente superiori ai 500 mg/kg. Nell'areale i
terreni a maggior dotazione si riscontrano nell'areale di Lapio e Montefalcione.
Enologicamente l'elevato contenuto elevato di argilla dei terreni del Fiano di Avellino ha influenza
positiva sulla qualità delle produzioni, particolarmente durante i periodi di siccità estiva,
consentendo una più regolare maturazione delle uve con una buon mantenimento dei livelli di
acidità. Altrettanto positiva la ricchezza in potassio e magnesio scambiabile che conferisce ai vini
intensità di profumi, buona struttura ed equilibrio.
Clima
Le condizioni termiche, idrometriche ed anemometriche che caratterizzano l'areale sono pressoché
ideali per un processo di maturazione caratterizzato da gradualità ed equilibrio tra tenore zuccherino
e acidità, consentendo l'ottenimento di produzioni enologiche pregiate. Tale favorevole situazione è
chiaramente dovuta alla posizione geografica e all'orografia del territorio.
L'andamento climatico sia dal punto di vista termico che delle precipitazione è fortemente
influenzato dai numerosi ettari di bosco che ricoprono i monti che caratterizzano l'ambiente
circostante e che ne sfavoriscono il surriscaldamento. In generale, il clima invernale è rigido, non di
rado ci sono precipitazioni a carattere nevoso, come il clima estivo è alquanto mite.
Temperature:
Di numero molto elevato i giorni di sole, abbastanza frequenti le gelate primaverili, talvolta anche
tardive. Molto pronunciate le escursioni termiche tra le temperature medie max e min durante il
periodo Luglio- Settembre.
Precipitazioni:
Buona la piovosità che di solito nell'arco dell'anno raggiunge, anche se di poco i 1100 mm. La
distribuzione delle piogge, si addensa nell'autunno-inverno concentrando ben oltre il 70% delle
precipitazioni con un periodo estivo particolarmente asciutto con in media il 6% del totale delle
precipitazioni.
Venti: i venti dominanti sono quelli meridionali e sudoccidentali, umidi e tiepidi. Per la sua
ubicazione e la sua orografia, l'area ha una protezione verso i venti orientali mentre e esposta a
quelli di origine tirrenica. Ne consegue che l'area è protetta dai venti freddi del quadrante nord-est,
mentre nessun ostacolo è frapposte alle correnti umide dei quadranti occidentali e meridionale.
Fattori umani
La coltivazione della vite nell'area è antica e connessa allo presenza del fiume Sabato che attraversa
le formazioni collinari che la caratterizzano e deriva il nome dal popolo dei Sabini, il cui eponimo
era Sabus (Cat. apd. DYONIS, II, 49; LIB. VIII, 41) o Sabatini, una tribù dei Sanniti stanziatasi nel
bacino del fiume Sabatus (Livio).
Nella zona di origine il comune di Lapio, sito nelle colline ad Est di Avellino ad un'altitudine di
590 m s.l.m., è ritenuto luogo che spiega la possibile origine "nativa" del vitigno come si reperisce
anche in una pubblicazione del 1642 del frate Scipione Bella Bona dal titolo: «Ragguagli della città
di Avellino», nella quale l'autore, parlando dell'antica Avellino, racconta che presso i suoi confini
esistevano tre castelli di cui uno a Monteforte, un altro a Serpico ed il terzo situato nell'area
agricola detta Apia (oggi Lapio) dove si produceva il vino chiamato Apiano.
Per questa DOP, la centralità produttiva e l'importanza vinicola del villaggio di Lapio è confermata
da una nota del 5 novembre del 1592, indirizzato al Capitano di Montefusco, capitale del Principato
d'Ultra – coincidente in larga parte all'odierna provincia di Avellino - : "L'Università ha ottenuto
Regio Assenso, su la gabella del vino per far pagare 4 carlini per ogni soma che entra nella terra.
Ora molti particolari di Lapio portano il vino, ma non vogliono pagare perché dicono di venderlo al
minuto. Il Capitano li costringa al pagamento."
Testimonianza della presenza costante della vite quale sostentamento economico delle popolazioni
locali è data dalla bibliografia che tratta dell'evoluzione sociale ed economica dell'area nel periodo
a cavallo del medioevo e l'ottocento.
Nel XIX secolo l'attività vitivinicola dell'intera provincia, con una produzione superiore a un
milione di ettolitri largamente esportati, e dell'area del Fiano di Avellino, sono l'asse economico
portante dell'economia agricola degli anni e del tessuto sociale tanto da portare alla costruzione
della prima strada ferrata d'Irpinia, da lì a poco chiamata propriamente "ferrovia del vino", che
collegava i migliori e maggiori centri di produzione vinicola delle Colline del Sabato e del Calore
direttamente con i maggiori mercati italiani ed europei. In particolare nell'area del Fiano, ancora
oggi, sono presenti le stazioni ancora esistenti di: Avellino e Lapio.
Contribuisce a far diventare l'area uno dei più importanti centri vitivinicoli italiani l'istituzione
della Regia Scuola di Viticoltura & Enologia di Avellino che sarà l'artefice della diffusione del
Fiano nell'hinterland di Avellino e in tutta l'area della media valle del Sabato.
La presenza della Scuola, quale propulsore del progresso socio-economico, porterà la filiera
vitivinicola Avellinese a divenire uno delle prime provincie italiane per produzione ed esportazioni
di vino, principalmente verso la Francia, come le fonti dimostrano.
Di conseguenza si genera lo sviluppo di un forte indotto con lo sviluppo di officine meccaniche
specializzate nella costruzione e commercializzazione sia di pompe irroratrici e attrezzature
specialistiche per la viticoltura sia di sistemi enologici.
A livello scientifico la valenza tecnico-economica delle produzioni del Fiano di Avellino viene
riconosciuto in tutti gli studi di ampelografia e enologia succedutesi nel tempo:
Nel 1882 il direttore della Scuola Enologica di Avellino Michele Carlucci, renderà pubbliche le
"osservazioni fatte in 14 di vinificazione in separazione dell'uva Fiano e i metodi di vinificazione
per essa sviluppati in onore colla richiesta commerciale".
Nel 1956, l'Office International du Vin pubblica integralmente lo studio ampelografico sul Fiano di
Violante e Ciarimboli, i quali confermano: "è vino del vitigno coltivato nelle provincie meridionali
e specialmente nell'avellinese fino dai tempi antichi".
Gli stessi autori, nel 1950, riferiranno che la produzione del Fiano è tra quelle che ha subito la
maggiore contrazione dopo l'invasione fillosserica e che la coltivazione del vitigno si e ridotta ad
appena 2 ettari in coltura specializzata e 53 ettari in coltura promiscua con una produzione
complessiva di circa 1000 quintali di uva. Gli stessi altrettanto evidenziano che la coltura è in
progressiva contrazione e individuano la causa nella bassissima produttività del vitigno e della
bassa resa per in vino (60-63%).
Nel 1970, in base ai dati del catasto viticolo, la superficie coltivata era di appena 17 ettari in coltura
specializzata e 10 in coltura promiscua. Oggi la superficie coltivata a Fiano per la produzione a
Fiano di Avellino di oltre 560 ettari per una produzione potenziale di 39.000 hl ed una effettiva di
circa 23.000 hl con una resa uva/vino del 65-70%.
La forma di allevamento prevalente nel vigneto specializzato, dell'area in questione, è la spalliera,
con potature a guyot e cordone speronato a ridotta di gemme per ceppo finalizzate all'ottenimento
di uve dal potenziale enologico qualitativamente ottimo e ben equilibrato. Tale sistema, negli ultimi
trentennio, ha progressivamente soppiantato l'antico "Sistema Avellinese". Il sesto d'impianto più
frequentemente utilizzato per i nuovi impianti è di m. 2.40 x m. 1.00.
Relativamente alle forme di allevamento l'obiettivo della qualità, ha indotto i produttori a realizzare
impianti ad alta densità e meccanizzabili e negli anni tali produzioni si sono modificate sempre più
a favore della qualità, aumentando significativamente il numero di viti per ettaro e con una resa
produttiva tra gli 80-100 ql/Ha.
Fattori storici
Di fondamentale rilievo i fattori storici – antropologici legati al territorio di produzione, che per
consolidata tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino FIANO DI AVELLINO.
La viticoltura nell'area di produzione del FIANO DI AVELLINO ha origini antichissime che
risalgono alle popolazioni locali e successivamente all'arrivo di colonizzatori romani i quali diedero
primo impulso alla millenaria coltivazione della vite nell'antico Sabazios e delle popolazioni native
locali.
Antico vitigno meridionale, la cui coltivazione risale all'epoca romana. Si ritiene originario della
zona di Lapio, sulle colline ad est di Avellino anticamente chiamata Apia.
II frate Scipione Bella Bona, nel 1642, nei suoi "Raguagli della città di Avellino", scriveva: "In detti
tempi in tre luoghi tre Castelli per difesa della lor città teneuano I'Auellinesi, uno doue è hora
Monteforte; onde fu poi edificata la terra, e quasi da quei primi secoli di pace: l'altro nel Monte
chiamato Serpico, doue parimente furono fatti edifici, e fatta Terra da per sé, nelli suoi tenimenti
edificati S. Stefano, e Sorbo, come si disse; ed il terzo, cue è ora I'Apia, vicino al Monastero di S.
Maria dell'Angioli nel luogo detto gli Mormori. In quel luogo, e quasi in tutto il territorio d'Avellino
si produceva il vino detto Apiano, do' Gentili Scrittori lodato, e tanto in detto luogo, quanto in
questa Città sin hora vi si produce, e per corrotta fauella chamato Afiano, e Fiano; il nome
d'Apiano, dall'Ape, che se mangianolluve, gli fu dato".
Così il termine "Fiano" deriverebbe da "Apiana", uva già conosciuta e decantata dai poeti latini.
Tale termine avrebbe subito modificazioni nel tempo, trasformandosi in "Apiano" prima, "Afianti"
poi e, successivamente, "Fiano".
Fonti fanno risalire l'origine del termine "Apiano" dall'area agricola "Apia", l'odierna Lapio; come
pure si fa rilevare che la parola "Apiano" può derivare da "Api", tenendo conto della facilità con cui
le api, attratte dalla dolcezza degli acini, attaccano il grappolo.
Se l'antica Lapio era il principale centro di produzione, Montefusco rappresentava il mercato più
importante, in quanto era capitale del Principato UItra ed era direttamente interessato alla
costruzione della via che unisce la Puglia alla Campania. Una conferma risale al 5 novembre 1592
in una nota indirizzata al Capitano di Montefusco: "L'Università ha ottenuto Regio Assenso su la
gabella del vino per far pagare carlini 4 per ogni soma che entra nella terra. Ora molti particolari di
Lapio portano il vino, ma non vogliono pagare perché dicono di venderlo al minuto. II Capitano li
costringa al pagamento, non siano molestati per l'acquata da essi ottenuta aggiungendo acqua alle
vinacce non del tutto premute, da servire per uso di famiglia; su questa non è imposta gabella
alcuna".
Anche nella prima metà del XII secolo il vino Fiano era già molto apprezzato. Infatti nel registro di
Federico II, nell'epoca in cui fu a Foggia, c'è un passaggio in cui vengono riportati gli ordini per
l'acquisizione di tre carichi di vini: il Greco e il Fiano.
Documenti risalenti al XIII secolo, fanno rilevare l'ordine impartito da re Carlo II d'Angiò al proprio
commissario, Guglielmo dei Fisoni, di trovare 1600 viti di fiano da spedire a Manfredonia, a) fine
di piantarle nelle proprie tenute.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
L'orografia collinare del territorio di produzione e l'esposizione prevalente dei vigneti, orientati ad
Sud-Est/Sud-Ovest, e localizzati in zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite,
concorrono a determinare un ambiente adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole
all'espletamento equilibrato di tutte le funzioni vegeto-produttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità.
La millenaria storia vitivinicola dell'area di produzione del Fiano di Avellino, iniziata in epoca
antica e portata al rango di vera attività socio-economica con l'avvento dell'Impero Romano, è
attestata da numerosi manoscritti e fonti storiche, è la fondamentale prova della stretta connessione
ed interazione esistente tra i fattori umani, la qualità e le peculiari caratteristiche del vino "Fiano di
Avellino".
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso
dei secoli, tramandato le tradizioni tecniche di coltivazione della vite e le competenze enologiche, le
quali nell'epoca moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso
processo scientifico e tecnologico.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
I vini di cui il presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne da una chiara
individuazione e tipizzazione legata all'ambiente pedo-climatico.
In particolare i vini Fiano di Avellino presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte
le tipologie, mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi armonici e gradevoli del vitigno di
origine e delle relative tecniche di vinificazione quale evidenza dell'interazione vitigno-ambienteuomo.
Per il Fiano di Avellino si individuano quattro "terroir" di elezione dove le caratteristiche varietali
del vitigno Fiano si esprimono, seguendo un comune filo conduttore, con accenti e sfumature
peculiari a seconda di altimetria, esposizioni e composizione dei terreni.
Lapio: si ottengo vini ricchi di struttura in gradi di esprimere doti non comuni di acidità e
mineralità. La spiccata connotazione aromatica, poi, fa sì che i vini fiano di avellino ottenuti in
queste zone assomiglino non di rado a veri e propri vini di montagna.
Summonte: terreni difficili da lavorare. I vini offrono concentrazione, potenza con note corredo
fruttato e poco minerale. Vini potenti e dotati, ripeto, di un notevole corredo fruttato.
Montefredane: collina arigllosa e cretosa che esalta le note minerali che caratterizzano vini di ottima
longevità ormai dimostrata.
Fascia collinare ad est di Avellino non può identificarsi con un solo comune essendo numerosi i
centri interessati alla produzione. Qui i terreni sabbiosi regalano note tipiche di nocciola tostata che
richiamano un carattere affumicato di origine non minerale. Vini pronti nel medio periodo.
Il Fiano di Avellino rappresenta la punta di diamante dell'enologia bianca meridionale: acidità e
finezza sono le due caratteristiche che lo rendono appetibile per la grande massa dei consumatori
mentre gli appassionati lo apprezzano per la sua incredibile propensione all'invecchiamento.
La tradizione viticola di questa area in provincia di Avellino ha radici profonde e consolidate da un
notevole e continuo apporto tecnico scientifico e da un impegno esemplare dei produttori che, con
costanti risultati colturali e tecnologici di rilievo, hanno contribuito a migliorare la qualità e a
diffondere ed a far affermare i vini Fiano di Avellino sui mercati nazionali e internazionali.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |