Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Docg

Loading

Blog

 

Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Docg

19.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A
DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA E GARANTITA
"CONEGLIANO VALDOBBIADENE - PROSECCO"


Approvato con DM 17.07.2009 G.U. 173 - 28.07.2009
Modificato con DM 20.09.2010 G.U. 232 - 04.10.2010
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Prodotti DOP e IGP - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 28.07.2014 G.U. 183 - 08.08.2014


Articolo 1
Denominazione e vini
1. La denominazione d'origine controllata e garantita "Conegliano Valdobbiadene Prosecco", o
"Conegliano - Prosecco" o "Valdobbiadene - Prosecco", è riservata ai
vini che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare
di produzione, per le seguenti tipologie:
- "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco";
- "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" frizzante;
- "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" spumante, accompagnato dalla menzione
superiore.
2. La menzione "Superiore di Cartizze" è riservata al vino spumante della
denominazione di cui al comma 1, ottenuto nella tradizionale sottozona nei limiti ed
alle condizioni stabilite nel presente disciplinare.


Articolo 2
Base ampelografica
1. I vini "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" devono essere ottenuti dalle uve
provenienti dai vigneti costituiti dal vitigno Glera; possono concorrere, in ambito
aziendale, fino ad un massimo del 15% le uve delle seguenti varietà, utilizzate da
sole o congiuntamente: Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera e Glera lunga.
2. I vini destinati alla pratica tradizionale disciplinata all'articolo 5, comma 3, devono
essere ottenuti dalle uve provenienti dai vigneti, ricadenti nell'ambito della zona di
cui all'articolo 3, comma 1 lett. C), iscritti all'albo DOCG, costituiti dai vitigni
Pinot bianco, Pinot nero, Pinot grigio e Chardonnay, presi da soli o congiuntamente.


Articolo 3
Zone di produzione delle uve
1. La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini della denominazione di
origine controllata e garantita "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco", ricadente
nell'ambito della zona di produzione della denominazione di origine controllata
"Prosecco", è delimitata come segue:
A) La zona di produzione delle uve atte ad ottenere i vini "Conegliano
Valdobbiadene - Prosecco" di cui all'articolo 1, punto 1), comprende il territorio
collinare dei comuni di: Conegliano - San Vendemiano - Colle Umberto - Vittorio
Veneto – Tarzo - Cison di Valmarino - San Pietro di Feletto - Refrontolo -
Susegana - Pieve di Soligo - Farra di Soligo -- Follina - Miane – Vidor Valdobbiadene.
In particolare tale zona è così delimitata: si prende come punto di partenza per la
descrizione dei confini la località Fornace (q. 175) a tre chilometri circa da
Valdobbiadene verso ovest, dove il confine amministrativo tra i comuni di
Valdobbiadene e Segusino incontra la strada Valdobbiadene-Segusino.
Segue quindi il confine amministrativo tra questi comuni fino a Col Antich, dove
incontra la curva di livello di quota 500, che segue fino a Ca' Pardolin, nei pressi di
Combai, da qui lascia la quota 500 e prosegue sul sentiero, che porta fino alla piazza
del paese attraverso prima via Cimavilla e quindi per via Trieste. Quivi, seguendo la
strada che porta alla chiesa, raggiunge la casera Duel, poi, percorrendo il crinale
della collina, attraversa la strada Miane-Campea, risale per monte Tenade e, sempre
seguendo il crinale del colle, raggiunge località Tre Ponti sulla strada Follina-Pieve
di Soligo.
Attraversata la strada, il confine risale sulla collina Croda di Zuel e percorrendo il
crinale passa a monte della chiesetta di S. Lucia a q. 356 a monte di «Zuel di là», ed
a monte di Resera; il confine segue quindi la strada Resera-Tarzo fino
all'inserimento con la RevineTarzo. Dal suddetto bivio il confine, sempre seguendo
tale strada, raggiunge Tarzo e quindi Corbanese fino, all'incrocio con la strada
Refrontolo-Cozzuolo, in località Ponte Maset, segue quindi il confine tra il comune
di Tarzo e di Vittorio Veneto fino a raggiungere la strada vicinale detta «dei Piai» e
delle Perdonanze, segue detta strada fino all'incrocio di questa con il rio Cervada,
scende lungo il Cervada fino al punto di incrocio con la strada Cozzuolo-Vittorio
Veneto, prosegue verso questa citta' fino all'incrocio con la strada che da
Conegliano conduce al centro di Vittorio Veneto; scende quindi verso Conegliano
fino a S. Giacomo di Veglia e di qui si dirige verso S. Martino di Colle Umberto.
Dopo borgo Campion gira a destra per la strada comunale di S. Martino e raggiunge
Colle Umberto per scendere sulla statale n. 51 (detta anche di Alemagna), al casello
n. 5 e di qui prosegue verso Conegliano.
Al bivio Gai superato l'incrocio con la Pontebbana o statale 13 segue la nuova
circonvallazione della città di Conegliano per inserirsi sulla stessa statale 13 in
località Ferrera.
Da tale inserimento il confine raggiunge Susegana per deviare subito dopo il paese
verso ovest lungo la strada che porta a Colfosco, chiamata anche strada della Barca.
Da Colfosco, seguendo la strada «Mercatelli», il confine procede fino al bivio per
Falze' per piegare e raggiungere Pieve di Soligo lungo la vecchia strada (Ponte
Priula - Pieve di Soligo e che fa capo a via Chisini).
Attraversato il centro urbano, il confine, seguendo la via Schiratti giunge a Soligo
per deviare a sinistra e continuare lungo la strada maestra Soligo - Ponte di Vidor
attraversando Farra di Soligo, Col S. Martino, Colbertaldo, Vidor, giunge a Ponte di
Vidor, lasciandolo a sinistra per giungere a Bigolino. Dopo Bigolino il confine
lascia la strada che porta a Valdobbiadene per raggiungere, deviando a sinistra e
seguendo la strada comunale della centrale ENEL, la borgata di Villanova fino
all'attraversamento del torrente La Roggia. Segue detto torrente fino al terrazzo
alluvionale che si erge bruscamente sul Piave, corre sul bordo del terrazzo (vedi
allegata cartografia regionale "Definizione limite terrazza alluvionale") per risalire
sulla strada Valdobbiadene-Segusino, in corrispondenza della chiesetta di S.
Giovanni dopo S. Vito; da qui, percorrendo la strada maestra Valdobbiadene
Segusino, tocca di nuovo la località Fornace chiudendo così il perimetro della zona
delimitata.
B) Il vino spumante ottenuto da uve raccolte nel territorio della frazione di S. Pietro
di Barbozza, denominato Cartizze, del Comune di Valdobbiadene, ha diritto alla
sottospecificazione "Superiore di Cartizze".
Tale sottozona e così delimitata: si prende come punto di partenza il ponte sulla
Teva ad ovest di Soprapiana sulla strada comunale Piovine-Soprapiana, fra casa C.
Boret (q. 184) e Soprapiana (q. 197). Da questo punto il confine sale verso nord
seguendo il fiume Teva fino alla confluenza con il fosso delle Zente che segue fino
alla confluenza con il fosso Piagar; segue ancora il fosso di Piagar fino al punto di
congiungimento dei mappali nn. 63.71 (comune di S. Pietro di Barbozza, sez. B,
foglio VII).
Dal punto di congiunzione dei suddetti mappali il confine corre tra i mappali nn. 547
e 735, taglia i mappali nn. 540 e 543, seguendo la stessa direzione dell'ultimo tratto
di divisione tra i mappali nn. 547 e 735 fino a raggiungere il limite nord del mappale
a 542 fino all'incrocio con la strada comunale dei Vettorazzi.
Il confine percorre verso nord la strada anzidetta, indi al primo incrocio (fontana del
bicio) segue la strada vicinale dei Menegazzi fino al punto d'intersezione della
strada con il crinale del monte Vettoraz, corre lungo il crinale della collina, passa a
monte della casa Miotto e raggiunge la strada vicinale della Tresiese (tre siepi).
Il confine prosegue lungo la strada ora citata fino a raggiungere la strada vicinale dei
Mont, la percorre e alla prima curva (mappale n. III del comune di S. Pietro di
Barbozza, sez. b, foglio X) sale per costeggiare a monte il terreno vitato, quindi
discende nuovamente sulla strada dei Mont nei pressi del capitello.
Il confine percorre la strada fino all'incrocio con quella comunale di Piander, scende
lungo la strada vicinale dello Strett e prosegue nella stessa direzione per raggiungere
la strada Saccol-Follo ad est della casa Agostinetto Sergio, scende per cal de Sciap e
raggiunge il torrente Valle della Rivetta (rio Borgo); il confine si accompagna al
torrente fino al limite di divisione dei mappali nn. 149 e 151 del comune di
Valdobbiadene, sez. B, foglio XI, proseguendo a nord tra i mappali nn. 149-151, nn.
148-151 attraversa la strada vicinale del Campion, passa tra i mappali nn. 178-184,
179-184, 179-167, 179-182, 181-185 e raggiunge il fosso della Tevicella,
comprendendo nella zona Col Zancher e Pra Ospitale, corre tra i mappali 21 -65
della frazione di S. Pietro di Barbozza, sez. B, foglio XIII, indi nn. 22-67, numeri
66-67, attraversa la strada dei Bisoi (fordera) e raggiunge la strada comunale del
Cavalier tra i mappali nn. 24-28, per congiungersi, proseguendo lungo la strada, con
il punto di partenza (ponte sulla Teva).
C) La zona di produzione delle uve delle varietà Pinot bianco, Pinot nero, Pinot
grigio e Chardonnay da destinare alla tradizionale pratica di cui all'art. 5, comma 3,
comprende il territorio amministrativo dei seguenti comuni in provincia di Treviso:
Cappella Maggiore; Cison di Valmarino; Colle Umberto; Conegliano; Cordignano;
Farra di Soligo; Follina; Fregona; Miane; Pieve di Soligo; Refrontolo; Revine Lago;
San Fior; San Pietro di Feletto; San Vendemiano; Sarmede; Segusino; Susegana;
Tarzo; Valdobbiadene; Vidor; Vittorio Veneto; Asolo; Caerano S. Marco:
Castelcucco; Cavaso del Tomba; Cornuda; Crocetta del Montello; Fonte; Giavera
del Montello; Maser; Monfumo; Montebelluna; Nervesa della Battaglia, Paderno del
Grappa; Pederobba; Possagno; S. Zenone degli Ezzelini; Volpago del Montello;
Borso del Grappa e Crespano del Grappa.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Condizioni naturali dell'ambiente. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti
destinati alla produzione del vino "Conegliano-Valdobbiadene - Prosecco ", devono
essere quelle tradizionali della zona e, in ogni caso, atte a conferire alle uve ed al
vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerare idonei, ai fini dell'iscrizione all'albo, soltanto i vigneti
ben esposti ubicati su terreni collinari con esclusione dei vigneti di fondovalle, di
quelli esposti a tramontana e di quelli di bassa pianura.
2. Densità d'impianto. I vigneti in coltura specializzata, a decorrere dal 16 giugno 2007
devono avere una densità minima di 2500 ceppi per ettaro, calcolati sul sesto
d'impianto.
3. Forme di allevamento. I sesti d'impianto e le forme di allevamento consentiti sono
quelli già in uso nella zona, a spalliera semplice o doppia. Sono vietate le forme di
allevamento espanse (tipo raggi).
La Regione può consentire diverse forme di allevamento, qualora siano tali da
migliorare la gestione dei vigneti senza determinare effetti negativi sulle
caratteristiche delle uve.
4. Sistemi di potatura. Con riferimento ai suddetti sistemi di allevamento della vite, la
potatura deve essere quella tradizionale e, comunque i vigneti devono essere
governati in modo da non modificare le caratteristiche dell'uva, del mosto e del vino.
5. E' vietata ogni pratica di forzatura. E' consentita l'irrigazione di soccorso.
6. Operazioni di vendemmia. Le uve destinate alla produzione della tipologia spumante
che riporta in etichetta la menzione "rive" devono essere raccolte esclusivamente a
mano.
7. Resa a ettaro e gradazione minima naturale.
Per i vini a Denominazione di origine controllata e garantita "Conegliano
Valdobbiadene - Prosecco" di cui all'articolo 1, comma 1, la resa massima di uva per
ettaro in coltura specializzata non deve essere superiore a tonnellate 13,50, ed il titolo
alcolomentrico volumico naturale minimo delle uve destinate alla vinificazione deve
essere di 9,50 vol.
Per i vini DOCG "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" spumante superiore designati
con la menzione "Rive" di cui all'art. 7 comma 7, la resa massima di uva per ettaro in
coltura specializzata non deve essere superiore a tonnellate 13,00 ed il titolo
alcolomentrico volumico naturale minimo delle uve destinate alla vinificazione deve
essere di 9,50 vol.
Le uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine "Conegliano
Valdobbiadene - Prosecco " spumante superiore e frizzante possono avere un titolo
alcolometrico volumico minimo naturale del 9,00% vol, purché la destinazione delle
uve atte ad essere elaborate, venga espressamente indicata nei documenti ufficiali di
cantina e nella denuncia annuale delle uve. Tuttavia qualora si verifichino condizioni
climatiche sfavorevoli può essere concessa la deroga di cui all'allegato II, punto C,
comma 2, del Reg. CE n. 606/2009.
Per i vino spumante avente diritto alla menzione "Superiore di Cartizze", di cui
all'articolo 1, comma 2, la resa massima di uva per ettaro in coltura specializzata non
deve essere superiore a tonnellate 12,00, ed il titolo alcolomentrico volumico naturale
minimo delle uve destinate alla vinificazione deve essere di 9,50 vol.
Anche in annate eccezionalmente favorevoli, i quantitativi di uva per ettaro da destinare
alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata e garantita "Conegliano
Valdobbiadene - Prosecco" dovranno essere riportati nei limiti di cui sopra, purché la
produzione non superi del 20% i limiti medesimi.
Fatte salve le altre destinazioni consentite dalla normativa vigente, tale quota di
prodotto non può in ogni caso essere destinata alla produzione di vini a indicazione
geografica tipica con riferimento al nome della varietà Glera, oppure vino spumante
varietale, sempre con il nome della medesima varietà. Inoltre, con riferimento sempre
al prodotto di cui al precedente capoverso, la Regione Veneto, su richiesta motivata del
Consorzio di tutela della presente denominazione di origine e sentite le organizzazioni
di categoria interessate, con proprio provvedimento da emanarsi ogni anno nel periodo
immediatamente precedente la vendemmia, può stabilire ulteriori diverse
utilizzazioni/destinazioni delle succitate uve.
La Regione Veneto, su richiesta motivata del Consorzio di tutela della presente
denominazione di origine e sentito il parere delle categorie interessate, con proprio
provvedimento da emanarsi ogni anno nel periodo immediatamente precedente la
vendemmia, può, in attuazione a quanto stabilito dall'Art. 14, commi 10 e 11 del
Decreto Legislativo 61/2010:
- ridurre i quantitativi di uva per ettaro rivendicabile, anche con riferimento a singole
zone geografiche, rispetto a quelli fissati nel presente comma;
- adottare altre disposizioni per migliorare o stabilizzare il funzionamento del mercato
dei vini, comprese le uve, i mosti da cui sono ottenuti o per superare squilibri
congiunturali, dandone immediata comunicazione al Ministero delle politiche agricole,
alimentari e forestali.
Limitatamente alle tipologie spumante in annate particolarmente favorevoli la Regione
Veneto, su proposta del Consorzio di Tutela, sentite le organizzazioni di categoria
interessate, può aumentare sino ad un massimo del 20% la resa massima ad ettaro,
fermo restando il limite massimo di cui al quinto capoverso, oltre il quale non è
consentito ulteriore supero. L'utilizzo dei mosti e dei vini ottenuti dai quantitativi di uva
eccedenti la resa massima per ettaro di cui al presente comma ed in particolare al
quinto capoverso è regolamentata secondo quanto previsto al successivo art. 5.
Per i vigneti in coltura promiscua la produzione massima di uva a ettaro deve essere
rapportala alla superficie effettivamente impegnata dalla vite.
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1. Vinificazione.
Le operazioni di vinificazione delle uve, di cui all'articolo 2, devono essere
effettuate all'interno dei comuni della zona di produzione delimitata all'art. 3,
comma 1, lett. A), anche se compresi soltanto in parte nella zona delimitata.
Le uve delle varietà Pinot bianco, Pinot nero, Pinot grigio e Chardonnay, da
destinare alla tradizionale pratica di cui al comma 3 del presente articolo, possono
essere vinificate in tutta la zona prevista dall'articolo 3, comma 1, lett. C); inoltre,
tenuto conto delle situazioni tradizionali, le predette operazioni di vinificazione
possono essere effettuate nell'intero territorio amministrativo del Comune di Orsago
e Arcade in provincia di Treviso.
Per quanto riguarda la sottozona "Superiore di Cartizze", le operazioni di
vinificazione devono essere effettuate entro il territorio del Comune di
Valdobbiadene.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti,
tradizionali della zona atte a conferire ai vini le caratteristiche peculiari.
2. Elaborazione. Le operazioni di preparazione del vino spumante e frizzante, ossia le
pratiche enologiche per la presa di spuma e per la stabilizzazione, la dolcificazione
nelle tipologie ove ammessa, nonché le operazioni di imbottigliamento e di
confezionamento, devono essere effettuate nel territorio della provincia di Treviso.
I vini della denominazione di origine controllata e garantita "Conegliano
Valdobbiadene - Prosecco" elaborati nella versione spumante possono essere messi
in commercio in tutte le tipologie ammesse dalla normativa vigente, con esclusione
dei tipi "extra-brut" e "dolce".
I vini della denominazione di origine controllata e garantita "Conegliano
Valdobbiadene - Prosecco " elaborati nella versione frizzante devono essere messi in
commercio nelle tipologie da "Secco" ad "Amabile" comprese, come previste dalla
normativa vigente.
E' in facoltà del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali - Comitato
nazionale per la tutela e la valorizzazione delle denominazioni di origine e delle
indicazioni geografiche tipiche dei vini di consentire che le suddette operazioni di
preparazione siano effettuate in stabilimenti situati nella provincia di Venezia, a
condizione che in detti stabilimenti le ditte interessate producano - da almeno 10
anni prima dell'entrata in vigore del decreto del Presidente della Repubblica 12
luglio 1963, n. 930 - i vini spumanti e frizzanti, utilizzando come vino base il
"Conegliano Valdobbiadene - Prosecco", reso spumante o frizzante con i metodi
tradizionali in uso nel territorio previsto nel comma precedente.
3. Pratiche tradizionali. Nei vini destinati alla preparazione del vino spumante di cui
all'art. 1 è consentita la tradizionale pratica correttiva con vini ottenuti dalla
vinificazione di uve Pinot bianco, Pinot grigio, Pinot nero e Chardonnay, da sole o
congiuntamente, in quantità non superiore al 15%, provenienti dai vigneti iscritti
all'apposito albo, ubicati nella zona delimitata nel precedente art. 3, comma 1,
lettera C), a condizione che il vigneto, dal quale provengono le uve di Glera usate
nella vinificazione, sia coltivato in purezza varietale e, comunque, che la presenza di
uve della varietà minori, di cui all'articolo 2, sommata a quelle dei Pinot e
Chardonnay, non superi la percentuale del 15% sopra indicata. Per il prodotto
tranquillo, il vino aggiunto con l'esecuzione di tale tradizionale pratica correttiva
dovrà, comunque, sempre sostituire un'eguale aliquota di vino di cui all'art. 1, che
non potrà essere preso in carico per la produzione di vini a indicazione geografica
tipica con riferimento al nome della varietà Glera, oppure vino spumante varietale,
sempre con il nome della medesima varietà.
4. Resa uva/vino e vino/ettaro. La resa massima di uva in vino non deve essere
superiore al 70% per tutte le tipologie. Qualora la resa uva/vino superi il limite di
cui sopra, ma non il 75%, l'eccedenza non ha diritto alla denominazione d'origine.
Tale quota di prodotto non può in ogni caso essere destinata alla produzione di vini
a indicazione geografica tipica con riferimento al nome della varietà Glera, oppure
vino spumante varietale, sempre con il nome della medesima varietà. Oltre detto
limite decade il diritto alla denominazione d'origine per tutta la partita.
5. I mosti ed i vini ottenuti dai quantitativi di uva eccedenti la resa di cui
all'articolo 4, comma 7, ottavo capoverso, sono bloccati sfusi e non possono essere
utilizzati prima delle disposizioni regionali di cui al successivo comma.
6. La Regione Veneto, con proprio/i provvedimento/i da assumere entro la
vendemmia successiva a quella di produzione dei mosti e dei vini interessati, su
proposta del Consorzio di Tutela conseguente alle verifiche delle condizioni
produttive e di mercato, provvede a destinare tutto o parte i quantitativi dei mosti e
vini di cui al precedente comma, alla certificazione a Denominazione di Origine
Controllata e Garantita. In assenza di provvedimento/i della Regione Veneto tutti i
mosti e vini eccedenti la resa di cui sopra, oppure la parte di esse non interessata da
provvedimento, sono classificati secondo le disposizioni di cui al comma 7 dell'art.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini "Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" di cui all'articolo 1 all'atto
dell'immissione al consumo devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Conegliano Valdobbiadene - Prosecco"
colore: giallo paglierino più o meno intenso, brillante;
odore: vinoso, caratteristico con profumo leggero di fruttato;
sapore: gradevolmente amarognolo e giustamente sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
"Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" frizzante
colore: giallo paglierino più o meno intenso, brillante, con evidente sviluppo di
bollicine.
odore: gradevole e caratteristico di fruttato;
sapore: fresco, armonico, piacevolmente frizzante, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm,
Sporgente 0,75 cm, Nessun elenco
puntato o numerato, Tabulazioni:
-3,25 cm, Allineato a sinistra + Non a
0,75 cm
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman, Non
Grassetto
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman, Non
Grassetto
Formattato: Rientro: Sinistro: 0 cm,
Sporgente 0,75 cm, Nessun elenco
puntato o numerato, Tabulazioni: Non
a 0,75 cm
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
Nella tipologia prodotta tradizionalmente per fermentazione in bottiglia, è possibile
la presenza di una velatura. In tal caso è obbligatorio riportare in etichetta la dicitura
"rifermentazione in bottiglia". Le caratteristiche dell'odore e del sapore per detto
vino e l'acidità totale minima sono le seguenti:
odore: gradevole e caratteristico di fruttato con possibili sentori di crosta di pane e
lievito;
sapore: fresco, armonico, piacevolmente frizzante, fruttato con possibili sentori di
crosta di pane e lievito;
acidità totale minima: 4,0 g/l;
"Conegliano Valdobbiadene - Prosecco" spumante superiore
colore: giallo paglierino più o meno intenso brillante con spuma persistente;
odore: gradevole e caratteristico di fruttato;
sapore: fresco, armonico, gradevolmente fruttato, caratteristico
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Conegliano Valdobbiadene" Superiore di Cartizze o " Valdobbiadene" Superiore di
Cartizze
colore: giallo paglierino più o meno intenso, brillante, con spuma persistente;
odore: gradevole e caratteristico di fruttato;
sapore: fresco, armonico, gradevolmente fruttato, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
E' in facoltà del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali modificare,
con proprio decreto, i limiti dell'acidità totale minima e dell'estratto non riduttore
minimo.


Articolo 7
Etichettatura
1. Nell'etichettatura della sola tipologia spumante DOCG "Conegliano Valdobbiadene
Prosecco" può essere omesso il riferimento alla denominazione "Prosecco" ed alla
menzione "superiore".
2. La designazione e presentazione del vino spumante ottenuto nella sottozona
delimitata all'articolo 3 deve riportare in etichetta la dizione: "Conegliano
Valdobbiadene" Superiore di Cartizze o più semplicemente "Valdobbiadene"
Superiore di Cartizze.
3. Nella designazione e presentazione dei vini di cui all'articolo 1 è vietata l'aggiunta di
qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste nel presente disciplinare, ivi
compresi gli aggettivi "extra", "fine", "scelto", "selezionato" e simili.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni
sociali, marchi privati, non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in
inganno l'acquirente.
4. Sono consentite le menzioni facoltative previste dalle norme comunitarie, oltre alle
menzioni tradizionali purché pertinenti ai vini di cui all'articolo 1.
5. Nella designazione del vino spumante è consentito riportare il termine millesimato,
purché il prodotto sia ottenuto con almeno l'85% del vino dell'annata di riferimento,
che va indicata in etichetta.
6. Nella designazione e presentazione del vino spumante è consentito fare riferimento
a comuni o frazioni di cui all'allegato elenco A, a condizione che il nome del
comune o frazione in cui sono state ottenute le uve sia accompagnato dalla
menzione "Rive" e che detti riferimenti siano riportati nell'albo vigneti. In
etichettatura è obbligatorio indicare l'anno di produzione delle uve.
7. Nell'etichettatura la denominazione "Prosecco" deve seguire il nome della
denominazione "Conegliano Valdobbiadene" o "Conegliano" o "Valdobbiadene" ed
avere caratteri di dimensioni uguali o inferiori alla stessa.
La menzione "Rive", seguita dal nome del comune o frazione, e "superiore" nonché
i riferimenti al "millesimo", dovranno figurare in caratteri con dimensioni massime
pari a due terzi del nome della denominazione "Conegliano Valdobbiadene" o
"Conegliano" o "Valdobbiadene".
8. La denominazione di origine controllata e garantita "Conegliano Valdobbiadene –
Prosecco" è contraddistinta in via esclusiva ed obbligatoria da un marchio collettivo
di dimensioni e colori stabiliti nel manuale d'uso, di cui all'allegato B del presente
disciplinare.
Tale marchio è sempre inserito nella fascetta sostitutiva del contrassegno di Stato.
Tutti gli elaboratori iscritti all'albo degli imbottigliatori, hanno inoltre facoltà di
apporre separatamente il marchio, distribuito esclusivamente dal Consorzio di tutela,
sulle bottiglie.
L'utilizzo del marchio è curato direttamente dal Consorzio di tutela, che deve
distribuirlo a tutti gli imbottigliatori/confezionatori che ne fanno richiesta, alle
medesime condizione economiche e di utilizzo riservate ai propri associati.


Articolo 8
Confezionamento
1. I vini a Denominazione di origine controllata e garantita "ConeglianoValdobbiadene
- Prosecco" devono essere immessi al consumo come previsto dalle norme nazionali
e comunitarie, nei recipienti in vetro tradizionali per la zona.
2. Volumi nominali, forma e colore. I vini a Denominazione di origine controllata e
garantita "ConeglianoValdobbiadene - Prosecco" possono essere presentati al
consumo in recipienti di vetro di qualunque capienza prevista per legge.
Fino a 12 litri sono ammesse solo le bottiglie in vetro, per colore e forma,
tradizionalmente usate nella zona, la cui gamma colorimetrica può variare nelle
diverse tonalità dal trasparente bianco/mezzo bianco, al giallo foglia morta, al
verde, al marrone, al nero di varia intensità.
Non è ammesso l'uso di materiali/dispositivi di alcuna forma e dimensione (es.
slive) che modifichino la gamma colorimetrica sopra prevista.
Inoltre, su richiesta degli operatori interessati o del Consorzio di Tutela, può essere
consentito, con apposita autorizzazione del Ministero delle politiche agricole
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman
Formattato: Rientro: Sporgente 0,75
cm
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman
Formattato: Tipo di carattere:
(Predefinito) Times New Roman
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Rientro: Prima riga: 0
cm
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
alimentari e forestali, l'utilizzo di contenitori tradizionali della capacità superiore a
12 litri, in occasione di eventi espositivi o promozionali.
3. Chiusure. Per i vini tranquilli sono consentite le chiusure con tappo raso bocca in
sughero.
Per i frizzanti è consentito l'uso delle chiusure sopra menzionate o del tappo a fungo
in sughero, inoltre è consentito che il tappo cilindrico di sughero sia trattenuto dalla
tradizionale chiusura in spago.
Per la tipologia spumante i recipienti devono essere chiusi con il tappo a fungo di
sughero marchiato con il nome della denominazione. Per la tipologia spumante
confezionata in recipienti di capacita' non superiore a 0,200 litri e' consentito l'uso
del tappo a vite, o di altra forma di chiusura autorizzata ad esclusione del tappo
corona, provviste o meno di sovratappo a fungo in plastica.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
a) Specificità della zona geografica
Fattori naturali
La morfologia dell'area di produzione della DOCG Conegliano Valdobbiadene
Prosecco si compone di una serie di rilievi collinari allungati "a cordonata", definito
sistema ad "hogback, disposti con direzione nord-sud nella parte più meridionale e con
direzione est-ovest nella parte settentrionale. Tali rilievi sono separati da una serie di
valli percorse da piccoli corsi d'acqua.
L'area a nord si appoggia sulla catena prealpina che funge da barriera naturale
all'ingresso di correnti fredde, mentre a sud la zona gode delle temperature miti della
Laguna di Venezia, da cui dista soli 40 Km.
La disposizione est-ovest dei terreni collinari, la forte pendenza, la conseguente
giacitura rivolta a sud dei vigneti, permette la massima intercettazione dei raggi solari,
creando un areale ideale per la coltivazione delle uve bianche destinate al Conegliano
Valdobbiadene Prosecco.
I suoli della zona si sono originati dal sollevamento di fondali marini e sono stati
successivamente modificati dall'azione dei ghiacciai e dei fiumi.
I terreni sono costituiti in prevalenza da arenarie e marne, a cui si alternano strati
morenici ed alluvionali.
Tale profilo favorisce il costante drenaggio dell'acqua.
Il clima dell'area del Conegliano Valdobbiadene è di tipo temperato, con stagioni ben
delineate, caratterizzato da un'inversione termica notturna che consente di avere, nel
periodo di maturazione delle uve, marcate escursioni di temperatura fra la notte ed il
giorno, grazie alla discesa lungo i pendii della colline, di aria fresca proveniente dalle
Prealpi.
Le piogge frequenti del periodo estivo garantiscono l'apporto idrico sufficiente per il
vitigno Glera, sensibile nel contempo sia al ristagno idrico che alla siccità. Questa
condizione particolare si realizza grazie alla forte acclività ed allo scarso spessore di
suolo esplorabile dalle radici delle viti.
Nel cuore della Denominazione è presente una piccola sottozona denominata Cartizze,
di soli 106 ha, i cui terreni presentano una particolare pendenza ed esposizione verso
sud che crea una sorta di anfiteatro naturale, molto apprezzato a livello qualitativo e
paesaggistico. La grande variabilità pedologica e climatica della denominazione trova
espressione grazie alla menzione comunale "Rive", che mette in luce la peculiare
vocazione che esprimono le diverse località della zona di produzione.
Fattori storici
Formattato: Tipo di carattere: 12 pt,
Non Grassetto
Formattato: Tipo di carattere: Non
Grassetto
L'area collinare del Conegliano Valdobbiadene Prosecco vanta un'antichissima
tradizione legata alla coltura della vite, le cui prime testimonianze scritte risalgono alle
lapidi dei coloni romani. Già alla fine del VI secolo, il vescovo di Poitier, Venanzio
Fortunato, nato a Valdobbiadene, ricordava le sue colline come "la terra in cui
eternamente fiorisce la vite sotto la montagna dalla nuda sommità ove il verde ombroso
protegge e ristora".
Successivamente la vocazione alla produzione di vini bianchi nella zona di Conegliano
Valdobbiadene è testimoniata da numerosissimi documenti, a partire dagli "Statuti
Coneglianesi" del 1282, a quelli relativi alla dominazione della Repubblica Veneziana,
alle testimonianze per l'apprezzamento del "vino bianco delle colline di Conegliano
Valdobbiadene" dei regnanti inglesi, asburgici e polacchi dei secoli successivi.
La prima citazione scritta della coltivazione del Prosecco nelle colline di Conegliano
Valdobbiadene, è opera del nobile coneglianese Francesco Maria Malvolti, che
nell'VIII numero del Giornale d'Italia del 1772, parla della coltivazione della vite in
quest'area. Da questo periodo le citazioni e la fama del Prosecco crebbero in tutto il
comprensorio del Conegliano Valdobbiadene, tanto che, verso la metà dell'800, iniziò
ad essere coltivato in purezza. Importanti in questo senso sono le citazioni di due
studiosi; il Conte Balbi Valier, selezionatore del biotipo chiamato Prosecco Balbi "con
acini tondi e dal sapore e gusto fine, tendente all'aromatico", ancor oggi apprezzato e
largamente coltivato in tutto il comprensorio e quello dello storico Semenzi che, cita in
un suo scritto "...squisitissimi vini bianchi sono la verdisa, la Prosecco e la bianchetta",
vitigni che ancora oggi compongono l'uvaggio del Conegliano Valdobbiadene.
La tradizione vitivinicola di questo territorio e la cultura scientifica, trovano concreta
applicazione con la nascita nel 1876 a Conegliano della prima Scuola di Viticoltura ed
Enologia d'Italia, dalla quale si è sviluppata, nel 1923, la prima Stazione Sperimentale
di Viticoltura ed Enologia, ancor oggi sede di riferimento per la ricerca e
sperimentazione viticola per il Ministero dell'Agricoltura Italiana.
Nel 1962 i produttori, al fine di tutelare il territorio e il vino, si riuniscono in Consorzio
di tutela per definire il disciplinare di produzione, che consente di ottenere, nel 1969 dal
Ministero dell'Agricoltura, il riconoscimento a Denominazione di Origine Controllata
del "Prosecco dei Colli di Conegliano Valdobbiadene".
Nel 1966, nasce la prima Strada del vino Italiana, a conferma della tradizione produttiva
e della rinomanza e bellezza di questo territorio.
Il particolare valore del Conegliano Valdobbiadene viene riconosciuto dalla Regione
Veneto, nel 2003, con l'istituzione del primo distretto spumantistico italiano,
certificando anche sotto il profilo economico la rilevanza nazionale della
denominazione.
Nel 2009, grazie al continuo miglioramento della qualità e alla notorietà che ha
raggiunto in 40 anni di successi nazionali ed internazionali, la Denominazione
Conegliano Valdobbiadene, è stata riconosciuta dal Ministero delle Politiche Agricole e
Forestali, a Denominazione di Origine Controllata e Garantita, ponendo questo territorio
al vertice qualitativo della Denominazione Prosecco.
Nel 2010, i Ministeri dell'Agricoltura e dei Beni Culturali, inseriscono il Conegliano
Valdobbiadene Prosecco nella lista Prioritaria delle candidature italiane per il
riconoscimento come Patrimonio dell'umanità dell'Unesco.
Fattori umani
L'area di coltivazione da cui si ottiene il vino Conegliano Valdobbiadene, è costituita da
colline fortemente acclivi i cui pendii, nel corso dei secoli, sono stati modellati
dall'opera manuale e dall'ingegno dell'uomo.
Le operazioni in vigneto sono principalmente effettuate a mano, poiché la forte
pendenza dei terreni permette un uso solo parziale delle macchine agricole. Il termine
"Rive", di uso tradizionale, è una menzione che distingue i vigneti posti in singoli
comuni o frazioni: qui la vendemmia manuale obbligatoria, consente di preservare
l'integrità delle bucce degli acini, fondamentale per la conservazione e il successivo
trasferimento degli aromi nei vini spumanti. Le colline sono coltivate con filari a
"girapoggio", una scelta sviluppata nei secoli dai viticoltori per conservare la fertilità
dei suoli e contenere i fenomeni erosivi dovuti alla pendenza. Gli sforzi compiuti
dall'uomo nell'arco dei millenni hanno creato e conservato un paesaggio di rara
bellezza: vigneti che avvolgono le colline alternati a macchie arboree ed arbustive di
essenze autoctone, intervengono ad aumentare il patrimonio di biodiversità naturalistica,
creando uno degli ambienti viticoli più singolari d'Italia.
Nei secoli l'esperienza dei viticoltori ha caratterizzato la Denominazione: la base
ampelografica costituita dalla selezione e conservazione di antichi vitigni autoctoni,
coltivati nell'area fin dal 1500, (Bianchetta, Verdiso, Perera) è utilizzata dai produttori
per comporre le cuveé da avviare alla spumantizzazione. Un'altra pratica storica e
tradizionale, prevede l'utilizzo di piccole percentuali di Pinot e Chardonnay nella
produzione dello spumante.
La spumantizzazione, che avviene in autoclave con il metodo Martinotti, è stata
perfezionata e codificata nella seconda metà del '900 a Conegliano dal Prof. De Rosa,
permettendo di esaltare al meglio le specificità dello spumante di questa zona.
Conegliano è da sempre culla della ricerca e oltre all'antica Scuola Enologica e al
Centro di Ricerche Viticole, è presente una sede Universitaria per la laurea in
Viticoltura ed Enologia, strutture che consentono di tramandare alle nuove generazioni,
l'enorme patrimonio umano e scientifico sviluppato nei secoli in questo territorio.
b) Specificità del prodotto
Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco viene prodotto con un vitigno principale, la
Glera, e con altri vitigni minori, Verdiso, Bianchetta, Perera e Glera lunga, che si
aggiungono a questa per un massimo del 15%.
L'unione di queste varietà di antica coltivazione nella zona, consente di ottenere un vino
bianco, di colore paglierino con riflessi verdognoli, gradevolmente aromatico e sapido.
La Glera è un vitigno vigoroso, che nei secoli ha trovato nelle colline della
Denominazione le condizioni ambientali più adatte per un buon accumulo di zuccheri
ed una contemporanea conservazione dell'acidità malica e delle sostanze aromatiche.
Il Conegliano Valdobbiadene Prosecco viene preparato per più del 90% nella versione
spumante.
Si caratterizza per un profumo leggermente aromatico, con sentori fruttati e floreali, di
frutta bianca e fiori di campo ed acacia.
Di gusto secco, equilibrato, minerale, di vivace acidità, viene prodotto nelle versioni
Brut, Extra Dry e Dry che si distinguono per il residuo zuccherino.
La tipologia Brut si caratterizza per profumi freschi e fruttati, con sfumature di agrumi.
La tipologia Extra Dry è la versione tradizionale che combina l'aromaticità con la
sapidità. Fresco, elegante ricco di profumi di fiori e frutta bianca, al palato è morbido ed
al tempo stesso asciutto.
La tipologia Dry si caratterizza per la maggiore aromaticità, per profumi più complessi
ed una maggiore pienezza gustativa.
La tipologia Rive, prodotta esclusivamente con uve provenienti da un unico Comune o
frazione, è in grado di esaltare tutte le peculiarità dello spumante, ottenuto nei singoli
territori.
L'area del Conegliano Valdobbiadene possiede una sottozona che riassume tutte le
caratteristiche più tipiche dello spumante: il Cartizze. Sapido ed equilibrato al gusto, ha
note molto distintive, un fruttato che ricorda la mela, la pera e un floreale che ricorda i
fiori bianchi, il glicine e la rosa.
Il Conegliano Valdobbiadene viene prodotto anche nella versione frizzante, con
fermentazione in autoclave, che esprime appieno la vivacità e la freschezza del prodotto
e con rifermentazione naturale in bottiglia; sapido e minerale al gusto, si caratterizza per
i profumi più maturi e per il leggero sentore di lievito.
Il Tranquillo rappresenta una particolarità locale che si distingue per la "facilità di beva"
e le note vinose tipiche del vitigno.
c) Legame causa effetto fra ambiente e prodotto
La naturale vocazione alla produzione di vini bianchi è stata nei secoli il tratto distintivo
dell'area Conegliano Valdobbiadene Prosecco; già nel 1936 uno studio pedologico
dell'Istituto Sperimentale di Conegliano, individua le caratteristiche pedoclimatiche
dell'area della Denominazione e la sua vocazione alla produzione di vini bianchi,
fruttati, floreali, sapidi ed asciutti.
Il sistema collinare "hogback" favorisce l'intercettazione luminosa, il drenaggio
costante dell'acqua e temperature più elevate che permettono al Prosecco, varietà a
scarso accumulo zuccherino, di raggiungere il giusto equilibrio fra la componente
zuccherina ed acida.
I suoli, composti da arenarie e marne, frammiste a rocce conglomeratiche e moreniche,
conferiscono alle uve note aromatiche molto intense e fini, oltre ad una mineralità e
sapidità tipiche del Conegliano Valdobbiadene Prosecco.
Il clima temperato e le forti escursioni termiche tipiche di queste zone collinari,
determinano nell'uva un accumulo di composti aromatici complessi, che consente di
ottenere le caratteristiche note vinose e floreali.
Tali fattori inoltre determinano la conservazione dell'acidità fissa, soprattutto nella sua
frazione malica, che nel Conegliano Valdobbiadene Prosecco assicurano allo spumante
una freschezza ed un'acidità mai aggressiva.
I fattori pedoclimatici di quest'area collinare, infatti, determinano una lenta maturazione
dei grappoli, consentendo un accumulo più completo sia delle sostanze aromatiche che
una degradazione molto più lenta della componente acida.
La piovosità estiva, che nella zona è significativamente superiore alla restante parte
della provincia di Treviso, permette alla Glera e alle altre varietà minori di vegetare in
modo equilibrato e di creare una parete fogliare capace sia di sostenere l'accumulo di
componenti glucidiche e aromatiche sia di proteggere i grappoli nel periodo estivo da
eventuali scottature solari salvaguardando così la frazione acida e aromatica che
caratterizza il Prosecco di Conegliano Valdobbiadene.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Valoritalia Srl
Sede Amministrativa: Via San Gaetano, 74
36016 - Thiene (Vicenza)
Tel. 0445 313088
Fax. 0445 313080
e-mail: assicurazione.qualita@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle
politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo
n. 61/2010 (Allegato 1), che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni
del presente disciplinare, conformemente all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a)
e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP,
mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a campione) nell'arco
dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei
controlli, approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno
2012, pubblicato in G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).


ALLEGATO A
ELENCO DEI COMUNI E DELLE FRAZIONI CHE ACCOMPAGNANO LA
MENZIONE "RIVE"
Elenco Comuni: Elenco Frazioni:
1. Cison di Valmarino
2. Colle Umberto
3. Farra di Soligo
4. Follina
5. Miane
6. Pieve di Soligo
7. Refrontolo
8. San Pietro di Feletto
9. San Vendemiano
10. Susegana
11. Tarzo
12. Vidor
1. Arfanta
2. Bagnolo
3. Barbisano
4. Bigolino
5. Campea
6. Carpesica
7. Col San Martino
8. Colbertaldo
9. Colfosco
10. Collalto
11. Combai
12. Corbanese
13. Cozzuolo
14. Farrò
15. Formeniga
16. Guia
17. Manzana
18. Ogliano
19. Premaor
20. Resera
21. Rolle
22. Rua
23. San Giovanni
24. San Michele
25. San Pietro di Barbozza
26. San Vito
27. Santa Maria
28. Santo Stefano
29. Scomigo
30. Solighetto
31. Soligo

 

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |