Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Vicenza Doc

Loading

Blog

 

Vicenza Doc

16.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA "VICENZA"


Approvato con DM 18.09.2000 G.U. 225 - 26.09.2000
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione di origine controllata
La denominazione di origine controllata «Vicenza» è riservata ai vini derivati dai vigneti coltivati
nella zona di produzione di cui al successivo art. 3 e che rispondono alle condizioni ed ai requisiti
stabiliti nel presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Vitigni ammessi
I vini a denominazione di origine controllata «Vicenza» con uno dei seguenti riferimenti Sauvignon,
Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay, Manzoni bianco, Moscato (da Moscato bianco e/o Moscato
giallo), Garganego (da Garganega), Riesling (da Riesling renano e/o Riesling italico), Merlot,
Cabernet Sauvignon, Pinot nero, Raboso (da Raboso veronese) e Cabernet (da Cabernet franc,
Cabernet Sauvignon e Carmenére), (i vini rossi anche in versione riserva) devono essere ottenuti da
uve provenienti dai corrispondenti vitigni per almeno l'85%. Possono concorrere, fino a un massimo
del 15%, le uve di altri vitigni di colore analogo non aromatici, raccomandati o autorizzati per la
provincia di Vicenza.
Il vino a denominazione di origine controllata «Vicenza» bianco (anche in versione frizzante,
spumante e passito) è ottenuto dalle uve, dai mosti e dai vini delle seguenti varietà, provenienti dai
vigneti di un unico ambito aziendale, idonei alla produzione dei vini di cui al comma 1 per la
seguente composizione:
Garganega per almeno il 50%,
altre varietà a bacca bianca congiuntamente o disgiuntamente, non aromatiche, elencate al
precedente comma 1, fino a un massimo del 50%.
Il vino a denominazione di origine controllata «Vicenza» rosso (anche in versione novello rosato e
rosato frizzante) è ottenuto dalle uve, dai mosti e dai vini delle seguenti varietà, provenienti dai
vigneti di un unico ambito aziendale, idonei alla produzione dei vini di cui al comma 1 per la
seguente composizione:
Merlot, per almeno il 50%,
altre varietà a bacca rossa congiuntamente o disgiuntamente, non aromatiche, elencate al precedente
comma 1, fino a un massimo del 50%.
Inoltre potranno essere designati come Cabernet, le uve o i vini provenienti da vigneti idonei alla
produzione delle varietà Cabernet Sauvignon, purché siano stati oggetto di scelta vendemmiale,
evidenziando tale operazione nella denuncia delle uve, oppure mediante scelta di cantina,
evidenziando in tal caso l'operazione nei registri di commercializzazione.


Articolo 3
Zona di produzione
La zona di produzione dei vini a denominazione di origine controllata di origine controllata
«Vicenza» di cui all'art. 1 è così delimitata:
a) comprende l'intero territorio dei comuni di:
Albettone, Alonte, Altavilla Vicentina, Arcugnano, Arzignano, Asigliano Veneto, Barabarano
Vicentino, Breganze, Brendola, Cassola, Carrè, Cartigliano, Castegnero, Castelgomberto,
Chiuppano, Creazzo, Fara Vicentina, Gambellara, Gambugliano, Grancona, Lonigo, Longare, Malo,
Marano Vicentino, Marostica, Mason Vicentino, Molvena, Montebello Vicentino, Montecchio
Maggiore, Montecchio Precalcino, Montegalda, Montegaldella, Monteviale, Montorso Vicentino,
Mossano, Mussolente, Nanto, Nove, Orgiano, Pianezze, Rosà, Rossano Veneto, Salcedo, Sandrigo,
San Germano dei Berici, San Vito di Leguzzano, Sarego, Sarcedo, Schiavon, Sossano, Sovizo,
Tezze sul Brenta, Thiene, Villaga, Zanè, Zermienghedo, Zovencedo, Zugliano,
ed in parte il territorio dei comuni di:
Agugliaro, Bassano del Grappa, Brogliano, Caltrano, Calvene, Chiampo, Costabissara, Cogollo
del Cengio, Campiglia dei Berici, Costabissara, Cormedo, Dueville, Grumolo delle Abbadesse,
Isola Vicentina, Lugo vicentino, Monte di Malo, Nogarole vicentino, Piovene Rocchette, Pove del
Grappa, Poiana Maggiore, Romano d'Ezzelino, Quinto vicentino, Schio, Santorso, Torri di
Quartesolo, Trissino, Vicenza, Villaverla.
Tale zona è così delimitata:
Al termine della SS 46 Pasubio località Albera in comune di Vicenza si gira a sinistra lungo
viale Diaz e successivamente in proseguo viale del Verme fino a via Cricoli, da qui verso est lungo
via Ragazzi del 99 fino all'incrocio con via Quadri che si percorre in direzione sud-est fino
all'incrocio con Strada Bertesina si prosegue verso est fino ad incrociare la strada di via Quintarello
da qui si prosegue la stessa fino ad incrociare nel cavalcavia l'autostrada Valdastico che funge da
confine e nuovamente fino a reincrociare la strada provinciale di Cà Balbi; si prosegue
attraversando il Ponte sul fiume Tesina e qui si gira immediatamente a sinistra attraversa località
Marola proseguendo per via Stradone fino al ponte sul rio Tergola che si segue in direzione Sud
fino alla località Tribolo dove al ponte ci si immette sulla Strada provinciale delle Abbadesse fino
alla località Vancimuglio e prosegue per via Longare incrociando il fiume Settimo che delimita il
confine di Grumolo delle Abbadesse con Longare. Proseguendo lungo il confine comunale di
Montegalda con la delimitazione Grisignano di Zocco fino al confine con la provincia di Padova.
Segue quindi tale confine provinciale sino in località Punta di Vò; percorre quindi la strada per
Agugliaro denominata via Punta sino all'incrocio con via Roma che si segue verso ovest per circa
50 metri, e girando poi a destra si prosegue per via Mottarelle sino all'incrocio con via Finale. Si
percorre via Finale verso ovest entrando quindi in via Ponte Alto; si gira a sinistra seguendo la S.S.
247 «Riviera» per 50 metri e svoltando verso destra si percorre via Giotto oltrepassando il confine
comunale di Agugliaro ed entrando nel territorio comunale di Campiglia dei Berici. Si arriva
all'incrocio con via Galileo Galilei, si gira a sinistra per via Crocetta fino ad incrociare il confine
con il territorio del comune di Noventa Vicentina che si segue sino all'intersecazione con lo scolo
Alonte. La delimitazione procede seguendo lo scolo Alonte in direzione sud, incrociando la strada
provinciale S. Feliciano in località ponte Murello e successivamente la strada provinciale Poianese
in località ponte Cazzola; si prosegue fino ad immettersi nello scolo Roneghetto, lo si segue per
circa 100 metri verso sud-est fino al confine tra il comune di Poiana Maggiore e Noventa Vicentina
che si percorre sino allo scolo Ronego. Si segue poi verso nord-ovest il corso del Ronego sino al
confine comunale di Asigliano veneto. La delimitazione segue poi il confine provinciale di Vicenza
oltrepassando l'abitato di Spessa, Bagnolo di Lonigo e Lobia Vicentina e proseguendo lungo il
medesimo confine provinciale arriva sino alla S.S. n. 11 «Padana Superiore» in località Torri di
Confine in comune di Gambellara. Segue il confine di Gambellara a ridosso del confine provinciale
con Verona, tocca la contrada Sarmazza, sempre sul confine provinciale risale in località Calderina
(quota 45); risale in località Cavaggioni per arrivare a quota 348 m. segue sempre il confine
provinciale fino ad arrivare a quota 504 m. di Monte Segan seguendo sempre il confine
interprovinciale si arriva a quota 608 m. fino ad arrivare in località Rubeldi. Da qui segue la strada
per Motti fino a località Maglio di Chiampo per arrivare alla contrà Sgargeri, qui segue la strada per
il cento di Nogarole. Si prosegue per la strada fino a Selva di Trissino, e si arriva seguendo la strada
di Selva di Trissino fino al Capitello posto dopo la quota 543 s.l.m., si dirige a sinistra lungo il
sentiero fino all'incrocio di questo con l'acquedotto. Di qui corre lungo il sentiero attraversando la
contrada Pizi congiungendosi poi a quota 530 s.l.m. con la strada per Cornedo vicentino, che segue
attraversando le contrade Pellizzari e Duello fino al bivio con la strada comunale che conduce alle
contrade Caliari, Stella, Savegnago, Ambrosi fino a raggiungere nuovamente la provinciale per
Cornedo toccando la località Grigio. Si innesta qui a Cornedo sulla S.S. 246 che segue fino a poco
prima del ponte dei Nori. Gira quindi verso est e prende posto la strada comunale che tocca le
contrade Colombara, Bastianci, Muzolon, Milani (quota 547); di qui segue la carrareccia con
direzione nord-est fino alla contrada Crestani a quota 532. Segue quindi la strada comunale che
conduce alle contrade Mieghi, Milani a quota 626, Casare di sopra, Casare di sotto, Godeghe, fino
alla strada comunale Monte di Malo - Monte Magrè che percorre appunto fino a questo centro
abitato. Da qui segue la strada per Magrè fino a quota 294 proseguendo successivamente in
direzione nord-ovest toccando quota 218, segue poi la Valfreda raggiungendo località Raga a quota
414 e da qui prosegue fino al confine comunale fra Schio e Torrebelvicino, segue lo stesso fino a
quota 216. Da qui segue il torrente Leogra fino al ponte della statale n. 46. Sale per la statale 46
località Poleo, proseguendo verso nord-est località Folgare quota 287, San Martino quota 273,
Sessegolo quota 289 sino a quota 226 in località Timonchio. Segue la strada comunale dalla località
Timonchio passando per località Murello, Grimola, Santorso quota 292, località Inderle, confine
Santorso-Piovene Rocchette saliamo fino ad incrociare il Torrente Astico, e seguendone il percorso
verso monte, arriviamo a quota 150. Prende la strada comunale per Cogollo del Cengio passando
per località Scalzanella, giunge a Cogollo del Cengio, prendendo la strada comunale che porta in
località Falon e di seguito località Mosson quota 302 e segue sino al centro di Caltrano. Si innesta
con la provinciale Caltrano - Calvene passando per località Camisino, la Costa fino al centro di
Calvene da cui prende la strada comunale per Mortisa, Lore e Capitello delle Mare in comune di
Lugo Vicentino a quota 416; poi segue il confine comunale tra Salcedo e Lusiana fino al punto in
cui detto divisiorio amministrativo raggiunge in località Ponte (quota 493) la strada provinciale
Breganze - Lusiana. Segue il confine comunale fino a località Lavarda quota 229, quota 346, quota
4l0 quota 510, raggiungendo la strada per Crosara che sale sino al centro della stessa, da qui lungo
via Pianari raggiunge contrada Erta quota 456, prosegue verso est e ridiscende verso località Capo
di sopra, Piazzette quota 263. Percorrendo poi la strada provinciale che da Valle San Floriano, porta
a Valrovina e Caluga a quota 388, si raggiungono le case Vallison a quota 285 e di qui correndo
lungo il corso dell'acqua Vallison si raggiunge il fiume Brenta nel punto in cui il primo confluisce
nel secondo. Dalla confluenza del torrente Vallison con il fiume Brenta segue da valle a monte il
fiume Brenta sino al ponte di Campese. Passa per località Albertoni, Zanchetta Pove del Grappa,
Rivagge; segue verso nord-est il confine comunale Pove del Grappa-Romano d'Ezzelino, quota 342,
quota 250, località Signori, la Statale 141 che percorre verso il confine provinciale fino a quote 236
e 217. Scende seguendo il confine provinciale Vicenza - Treviso fino ad incontrare il confine
provinciale di Padova e continua verso Ovest ad incrociare il fiume Brenta. Sale il fiume stesso sino
a località San Michele, Scaldaferro, Bassanese confine comunale di Sandrigo verso sud sino a
contrà Salvetti, incrociando e seguendo il confine comunale verso nord fino a località Rozzola,
prende la strada comunale per Povolaro, località le Buse, il centro del paese di Dueville, poi località
Villanova raggiungendo il confine comunale di Dueville che segue verso sud sino ad incrociare il
confine comunale di Villaverla sul torrente Timonchio; segue il confine comunale di Villaverla sino
ad incontrare il confine comunale di Isola Vicentina. Proseguendo verso sud detto confine di Isola
Vicentina sino ad incrociare la strada comunale fino a località Ponte che raggiunge la statale 46 e
prosegue sino a Vicenza.


Articolo 4
Condizioni ambientali e rese
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione
di origine controllata «Vicenza» devono essere quelle atte a conferire alle uve e al vino derivato le
specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi esclusi ai fini dell' idoneità alla produzione dei vini di cui all'articolo
1, quelli ubicati in terreni di natura torbosa, limosa o eccessivamente umidi e fertili.
Le viti devono essere allevate esclusivamente a spalliera semplice o doppia, ad esclusione delle
varietà Garganega e Raboso per il quale è consentito l'uso della pergola semplice o doppia, o della
pergoletta.
Per vigneti piantati prima dell'approvazione del presente disciplinare e non allevati a spalliera,
l'idoneità alla produzione è consentita per un periodo massimo di 15 anni.
Trascorso tale periodo, per i vigneti di cui al paragrafo precedente sarà revocata automaticamente
l'idoneità a produrre i vini DOC "Vicenza".
È fatto obbligo nella conduzione delle pergole la tradizionale potatura, a secco ed in verde, che
assicuri l'apertura della vegetazione nell'interfila e una carica massima di gemme ad ettaro in
funzione della varietà tra le 60 e le 80 mila gemme
È fatto obbligo per tutti vigneti piantati dopo l'approvazione del presente disciplinare, qualsiasi sia
la varietà coltivata, un numero di ceppi per ettaro non inferiore a 2.500.
I sesti d'impianto, le forme d'allevamento ed i sistemi di potatura, devono essere comunque atti a
non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
È vietata ogni pratica di forzatura; è tuttavia consentita l'irrigazione di soccorso.
La produzione massima di uva per ettaro dei vigneti destinati alla produzione dei vini a
denominazione di origine «Vicenza» di cui all'articolo 2 e le rispettive rese massime di uva in vino
e titolo alcolometrico volumico naturale devono essere le seguenti:
vitigni  prod/max  uva  ton/ha titolo alc vol. nat. minimo
Cabernet 14 10,50 (11,50 nella versione riserva)
Cabernet sauvignon 14 10,50 (11,50 nella versione riserva)
Chardonnay 15 10,00
Garganego 16 9,50
Manzoni bianco 13 10,50
Merlot 14 10,50 (11,50 nella versione riserva)
Moscato 13 9,50
Pinot bianco 14 10,00
Pinot grigio 13 10,00
Pinot nero 13 10,50 (11,50 nella versione riserva)
Raboso 15 10,00 (11,00 nella versione riserva)
Riesling 13,5 9,50
Sauvignon 13,5 10,00
Le rese, nella versione «riserva», devono essere inferiori di 2 tonn/ha.
Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione di detti vini
devono essere riportati nei limiti di cui sopra purché la produzione globale non superi del 20% i
limiti medesimi.
Il vino a denominazione di origine controllata «Vicenza» passito è ottenuto dalla cernita delle uve
atte a produrre la tipologia «Vicenza» bianco fino ad un massimo dell'80% della produzione
massima ammessa ad ettaro.
La Regione Veneto, su richiesta motivata del Consorzio di tutela e sentite le Organizzazioni
professionali di categoria interessate può, con proprio provvedimento, stabilire di ridurre i
quantitativi di uva per ettaro rivendicabile rispetto a quelli sopra fissati, dandone immediata
comunicazione al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
I rimanenti quantitativi fino al raggiungimento del limite massimo ad ettaro, saranno presi in carico
per la produzione di vino da tavola o vino a indicazione geografica tipica se ne hanno le
caratteristiche.


Articolo 5
Vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all'interno del territorio amministrativo della
Provincia di Vicenza e nei Comuni della Provincia di Padova e Verona confinanti con la zona di
produzione di cui all'art. 3.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai
vini le loro peculiari caratteristiche.
È consentito l'arricchimento, nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, con mosto
concentrato rettificato, oppure con mosto concentrato se proveniente da uve prodotte nei vigneti
idonei alla produzione dei vini della presente denominazione, oppure a mezzo concentrazione a
freddo o altre tecnologie consentite.
Le rese massime delle uve in vino finito per i prodotti di cui all'articolo 2 non deve essere superiore
al 70%.
Qualora tale resa superi la percentuale sopra indicata, ma non oltre il 75%, l'eccedenza non avrà
diritto alla denominazione di origine «Vicenza». Se la resa, infine, supera anche il 75% decade il
diritto alla denominazione di origine controllata per tutto il prodotto.
Le uve della denominazione di origine controllata «Vicenza» possono essere destinate alla
produzione della tipologia passito.
La vinificazione delle uve destinate alla produzione del «Vicenza» passito può avvenire solo dopo
che le stesse siano state sottoposte a leggero appassimento naturale avvalendosi anche di sistemi e/o
tecnologia che comunque non aumentino la temperatura dell'appassimento rispetto al processo
naturale. Dette uve devono assicurare un titolo alcolometrico naturale complessivo minimo di 13%
vol.
La resa massima dell'uva in vino relativa al prodotto «Vicenza» passito non deve essere superiore al
50%.
Le operazioni di conservazione e vinificazione delle uve destinate alla produzione di vino
«Vicenza» passito devono aver luogo unicamente nell'ambito della delimitazione territoriale della
zona di produzione di cui all'art. 3.
La elaborazione dei vini spumanti e frizzanti deve avvenire solo all'interno del territorio della
regione Veneto.
I vini «Vicenza» rosso Merlot, Cabernet Sauvignon, Pinot nero, Raboso e Cabernet, designati con la
qualifica «Riserva» devono essere sottoposti ad un periodo di affinamento obbligatorio di almeno
due anni, di cui almeno 3 mesi in botti di legno a partire dal 1° novembre dell'annata di produzione
delle uve.


Articolo 6
Caratteristiche vini al consumo
I vini a denominazione di origine controllata «Vicenza» all'atto dell'immissione al consumo devono
corrispondere alle seguenti caratteristiche:
«Vicenza» Chardonnay:
colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli;
odore: delicato, caratteristico, fine, gradevole;
sapore: secco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
«Vicenza» Garganego:
colore: giallo paglierino;
odore: leggermente vinoso, con delicato profumo caratteristico;
sapore: asciutto, delicatamente amarognolo, di medio corpo e giusta acidità, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14 g/l;
«Vicenza» Riesling:
colore: giallo paglierino con riflessi verdognoli;
odore: delicato, fruttato, caratteristico;
sapore: asciutto, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
«Vicenza» Sauvignon:
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: delicato, tendente all'aromatico;
sapore: asciutto, fresco, armonico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
«Vicenza» Manzoni bianco:
colore: bianco paglierino chiaro con riflessi verdognoli;
odore: delicatamente intenso, caratteristico;
sapore: armonico, pieno;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
«Vicenza» Pinot bianco:
colore: paglierino chiaro;
odore: delicatamente intenso;
sapore: armonico, pieno, vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
«Vicenza» Pinot grigio:
colore: dal paglierino al giallo dorato, talvolta con riflessi ramati;
odore: delicato, gradevole;
sapore: secco, armonico e vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
«Vicenza» Moscato:
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: intenso e caratteristico di moscato;
sapore: da amabile a dolce intenso e caratteristico di moscato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 13 g/l;
«Vicenza» Chardonnay spumante:
spuma: sottile con grana fine e persistente;
colore: paglierino brillante più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: secco, fine, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
elaborato nei tipi: «extra brut», «brut», «extra dry», «dry» o «demi sec».
«Vicenza» Garganego spumante:
spuma: sottile con grana fine e persistente;
colore: paglierino brillante più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: da secco ad amabile, fresco, fine;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
elaborato nei tipi: «extra brut», «brut», «extra dry», «dry» o «demy sec».
«Vicenza» Pinot bianco spumante:
spuma: sottile con grana fine e persistente;
colore: paglierino brillante più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l;
elaborato nei tipi: «extra brut», «brut», «extra dry», «dry» o «demy sec».
«Vicenza» Moscato spumante:
spuma: sottile con grana fine e persistente;
colore: paglierino brillante;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: da secco a dolce, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol.;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 13 g/l;
«Vicenza» Cabernet:
colore: rosso rubino carico talvolta tendente al granato;
odore: gradevole intenso, caratteristico;
sapore: asciutto caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol e 12% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l e 22 g/l nella versione riserva;
«Vicenza» Cabernet Sauvignon:
colore: rosso rubino carico, talvolta tendente al granato;
odore: gradevole intenso, caratteristico;
sapore: asciutto, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol e 12% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l e 22 g/l nella versione riserva;
«Vicenza» Merlot:
colore: rosso rubino;
odore: vinoso, piacevolmente intenso, caratteristico;
sapore: armonico morbido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol. e 12% vol. nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l e 22 g/l nella versione riserva;
«Vicenza» Pinot nero:
colore: rosso rubino;
odore: profumo delicato;
sapore: asciutto, sapido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol e 12% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l e 22 g/l nella versione riserva;
«Vicenza» Raboso:
colore: rosso rubino più o meno intenso, talvolta con riflessi violacei;
odore: vinoso, piacevolmente intenso, caratteristico;
sapore: armonico, di corpo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol e 11,50% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20 g/l e 22 g/l nella versione riserva;
«Vicenza» bianco:
colore: giallo paglierino anche carico;
odore: vinoso, delicatamente intenso;
sapore: asciutto o rotondo, fresco;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
«Vicenza» bianco frizzante:
colore: giallo paglierino;
odore: caratteristico, gradevole;
sapore: da secco ad amabile, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5 % vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14 g/l.
«Vicenza» bianco spumante:
spuma: sottile, con grana fine e persistente;
colore: paglierino brillante più o meno intenso;
odore: caratteristico, gradevole;
sapore: da secco a dolce, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 % vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
«Vicenza» passito:
colore: da giallo paglierino a giallo dorato;
odore: caratteristico di passito, fine, gradevole;
sapore: amabile o dolce, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13 % vol;
acidità totale minima: 5,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l.
«Vicenza» rosso:
colore: rosso rubino più o meno intenso;
odore: vinoso;
sapore: asciutto, armonico, robusto, giustamente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol e 12% vol. nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18 g/l e 22 g/l nella versione riserva.
«Vicenza» rosato:
colore: rosato più o meno intenso;
odore: leggero gradevole;
sapore: da secco ad amabile, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
«Vicenza» rosato frizzante:
colore: rosato più o meno intenso;
odore: leggero gradevole;
sapore: da secco ad amabile, fruttato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15 g/l.
«Vicenza» novello:
colore: rosso rubino talvolta con riflessi violacei;
odore: vinoso intenso fruttato;
sapore: rotondo, sapido, morbido;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: l8 g/l;
I vini «Vicenza» di cui al presente articolo, possono essere elaborati, secondo pratiche tradizionali,
anche in recipienti di legno; in tal caso possono essere caratterizzati da leggero sentore di legno.
È facoltà del Ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali modificare con proprio decreto
i limiti sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.


Articolo 7
Etichettatura
Alla denominazione di origine controllata «Vicenza» è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione
diversa da quella prevista dal presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi «extra», «fine»,
«scelto», «selezionato», e simili.


Articolo 8
Recipienti
Per i vini a denominazione di origine controllata di origine controllata «Vicenza» immessi al
consumo in recipienti di capacità pari o inferiore a litri 5, è obbligatorio l'uso della tradizionale
bottiglia di vetro chiusa con tappo raso bocca, salvo che per le bottiglie fino a 0,375 litri per le quali
è consentito l'uso del tappo a vite a vestizione lunga.
La tappatura dei vini frizzanti e spumanti deve essere conforme alla normativa vigente.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
a) Specificità della zona geografica
Fattori naturali
La denominazione Vicenza copre una zona che va dall'area Berica a sud della città di Vicenza fino
a quella pedemontana nel nord-est del territorio vicentino.
La vocazionalità di questo territorio è dovuta alla sua particolare posizione geografica dove i rilievi
montani a nord la proteggono dai venti freddi invernali, mentre i Colli Berici a sud mitigano le
correnti d'aria calda provenienti dalla pianura Padana. Inoltre Vicenza ha il vantaggio di avere una
rete idrografica, elemento fondamentale per lo sviluppo della viticoltura e dell'agricoltura in
generale.
La vasta area DOC Vicenza è caratterizzata da terreni di diversa natura a seconda della zona
considerata.
Quella collinare e pedemontana è di origine vulcanica ricca di basalti (sasso moro), vulcaniti e tufi.
Nella zona pianeggiante, invece, il terreno è caratterizzato da rocce sedimentarie di origine
alluvionale ricche di argilla.
Il clima è tipicamente continentale, con una limitata piovosità estiva e le temperature presentano
una sensibile escursione termica tra giorno e notte che favorisce lo sviluppo aromatico delle uve.
Fattori umani e storici
Una grande tinaia contenente vinaccioli ben conservati fu ritrovata nel 1910 a Montebello in una
villa romana risalente al I°-II° secolo.
Nel Basso Medioevo verso il 1000-1200 D.C, a Vicenza e Bassano, esistevano norme legate alla
vendemmia e al commercio di uve e vini. Della forte tradizione vitivinicola di Vicenza si ritrova
testimonianza anche nel 1250 quando, grazie alla Podestà di Vicenza, il Monte Berico venne
interamente coperto di viti. Nel 1264 a Vicenza e nel 1290 a Costozza, vennero emanate norme
commerciali, tecniche e protettive legate alla vite e al vino.
Attorno al 1600 "i vini preziosissimi di Vicenza, che chiamavano Marzemini" venivano
costantemente inviati dalla famiglia Tiepolo ai re di Polonia.
Un'altra forte testimonianza della vocazionalità di questo territorio e del suo forte legame con la
viticoltura la possiamo ritrovare in un importante opera poetica del XVIII° secolo di Aureliano
Acanti Il Roccolo che attraverso i suoi versi conduce il lettore alla scoperta dei prodotti vinicoli
vicentini di quell'epoca. Il Volume è conservato attualmente presso la Biblioteca Internazionale "La
Vigna" di Vicenza, la più importante al mondo per quanto riguarda la raccolta di testi di
vitivinicoltura.
Nel corso di tutto il '900 importanti studi ampelografici vennero svolti in territorio vicentino, grazie
a questi si consolidò la convinzione del potenziale qualitativo di questa zona storicamente vocata
per la viticoltura. Mossi da questi risultati e dalla forte volontà dei viticoltori vicentini, viene
riconosciuta nel 2000 la la denominazione di origine "Vicenza DOC" da parte del Ministero
nazionale; tale riconoscimento ha stimolato ulteriormente i produttori a trasformare e ammodernare
gli impianti produttivi e diversificare il numero di varietà coltivate, in modo da adeguare le loro
produzioni alle nuove richieste di mercato e di consumo. La possibilità di sfruttare il potenziale
produttivo del territorio attraverso la produzioni di vini della DOC "Vicenza" è stata favorita e colta
soprattutto dalle cooperative di produzione diffuse nel territorio, le quali hanno incentivato i loro
soci viticoltori a mettere a dimora nuove varietà per miglirare costantemente la qualità e affrontare
nuovi mercati.
b) Specificità del prodotto
All'interno della Doc Vicenza i vitigni coltivati sono soprattutto gli internazionali. I vini che ne
derivano sono caratterizzati da medio tenore zuccherino e alcolico e spiccata acidità fissa, la quale
contribuisce ad esaltarne i profumi e a mantenerli nel tempo. Ad esempio, i bianchi Riesling,
Chardonnay e Pinot bianco sono vini delicatamente floreali, armonici e di vivace freschezza unita
ad una spiccata mineralità. Invece, i rossi, come ad esempio i Cabernet, Merlot e Pinot nero
evidenziano note di frutti rossi, spezie e una buona struttura. Si caratterizzano per un colore che va
dal rosso rubino intenso fino al granato con l'invecchiamento, accompagnati da una media
morbidezza e un giusto equilibro.
Le produzioni enologiche di punta sono in particolare il Pinot Grigio, pressoché assente nel
territorio vicentino prima della nascita della Doc Vicenza e che ha trovato in questo territorio un
areale particolarmente adatto alla produzione sia di vini fermi, in grado di evolversi e affinarsi nel
tempo, sia di vini spumante. Il Riesling è un'altra perla tra i bianchi, in grado di generare vini di
grande aromaticità e bouquet ricco e complesso. Infine i rossi di taglio bordolese, ovvero un
uvaggio di Merlot e Cabernet, sono proposti soprattutto in versione riserva e caratterizzati da
particolare aromaticità, persistenza e corpo anche dopo lunghi periodi di affinamento in legno.
c) Legame causa effetto fra ambiente e prodotto
L'area della DOC Vicenza, nella sua parte collinare, è caratterizzata da suoli di origine vulcanica
che conferiscono ai vini particolari sensazioni di freschezza e mineralità. Queste peculiarità danno
ai vini anche una notevole longevità, la quale consente lo svilupparsi, col passare degli anni, della
loro struttura e potenziale aromatico.
Nelle zone collinari dove il terreno è esclusivamente basaltico e il clima è ventilato con escursioni
termiche tra giorno e notte in grado di garantire sanità e perfetta maturazione alle uve coltivate. I
vini ottenuti, come ad esempio il Riesling ed il Pinot grigio, richiamano inconfondibilmente a note
minerali accompagnate da una spiccata ma piacevole acidità.
Nella zona pianeggiante, i suoli, caratterizzati da rocce sedimentarie di origine alluvionale ricchi di
argilla, ed in presenza di buona dotazione idrica, permettono di ottenere vini dai profumi delicati e
floreali con una buona sapidità.
Il clima con estati calde ed inverni abbastanza rigidi, la buona escursione termica e le precipitazioni
poco abbondanti ma ripartite in modo piuttosto omogeneo nel corso dell'anno, favoriscono lo
sviluppo di precursori aromatici importanti soprattutto nei vini bianchi, mentre nei vini rossi
l'emergere di note di frutti rossi e spezie, con tannini morbidi e vellutati come nel caso del
Cabernet.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Siquria Srl
Vicolo A. Mattielli, 11
37038 - Soave (VR) Italy
Tel. 045 4857514
Fax: 045 6190646
e-mail: info@siquria.it
La Società Siquria è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |