Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Valdinievole Doc

Loading

Blog

 

Valdinievole Doc

16.11.2015

DISCIPLNARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA DEI VINI  "VALDINIEVOLE"


Approvato con DPR 09.01.1976 GU 140 - 28.05.1976
Modificato con DM 14.05.2007 GU 121 - 26.05.2007
Modificato con DM 30.12.2009 GU24-30.01.2010
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
(Denominazione e vini)
1.1 La denominazione di origine controllata "Valdinievole" è riservata ai vini che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:
Bianco, Bianco superiore, Rosso, Rosso superiore, Sangiovese e Vinsanto / Vin Santo


Articolo 2
(Base ampelografica)
2.1 I vini a denominazione di origine controllata "Valdinievole" devono essere ottenuti dalle uve
prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, le seguenti composizioni ampelografiche:
"Valdinievole" Bianco:
Trebbiano toscano minimo 70%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve dei vitigni a bacca bianca, idonei alla
coltivazione nella Regione Toscana, da soli o congiuntamente, nella misura massima del 30%.
"Valdinievole" Bianco superiore:
Trebbiano toscano minimo 70%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve dei vitigni a bacca bianca, idonei alla
coltivazione nella Regione Toscana, da soli o congiuntamente, nella misura massima del 30%.
"Valdinievole" Rosso
Sangiovese: minimo 35%, Canaiolo nero minimo 20%.
Sangiovese e Canaiolo congiuntamente devono raggiungere minimo il 70%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni, idonei alla coltivazione per la Regione
Toscana, per un massimo del 30% purchè i vitigni a bacca bianca non superino il 10% del totale.
"Valdinievole" Rosso superiore:
Sangiovese: minimo 35%, Canaiolo nero minimo 20%.
Sangiovese e Canaiolo congiuntamente devono raggiungere minimo il 70%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni, idonei alla coltivazione per la Regione
Toscana, per un massimo del 30%.
"Valdinievole" Sangiovese
Sangiovese: minimo 85%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino altri vitigni, idonei alla coltivazione per la Regione
Toscana, per un massimo del 15% purchè i vitigni a bacca bianca non superino il 5% del totale.
"Valdinievole" Vinsanto / Vin Santo
Trebbiano toscano minimo 70%
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve dei vitigni a bacca bianca, idonei alla
coltivazione nella Regione Toscana, da soli o congiuntamente, nella misura massima del 30%.
2.2 Si riportano, all'allegato 1, i vitigni complementari che possono concorrere alla produzione dei vini
sopra indicati, iscritti nel Registro nazionale delle varietà di vite per uve da vino, approvato con D.M.
7 maggio 2004 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 242 del 14 ottobre 2004), e successivi
aggiornamenti.


Articolo 3
(Zona di Produzione)
3.1 La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origina
controllata "Valdinievole" comprende gli interi territori amministrativi dei comuni di: Buggiano,
Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Marliana, Massa e Cozzile, Monsummano Terme,
Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese e Uzzano, in Provincia di Pistoia.


Articolo 4
(Norme per la viticoltura)
4.1- Condizioni di coltura dei vigneti
Le condizioni di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino a denominazione di origine
controllata di cui all'articolo 1 devono essere quelle tradizionali della zona di produzione.
4.2 - I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura
I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli generalmente
usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche dell'uva e del vino.
4.3 – Densità d'impianto
I nuovi impianti devono essere realizzati con almeno 3.300 ceppi per ettaro. Per gli impianti
antecedenti l'entrata in vigore del disciplinare annesso al DM 30 dicembre 2009 e per i vigneti
promiscui si deve tenere presente la resa massima a ceppo prevista al comma 4.4.
È vietata ogni pratica di forzatura. È consentita l'irrigazione di soccorso.
4.4 Resa ad ettaro e titolo alcolometrico naturale minimo
La resa massima di uva ad ettaro non deve essere superiore ai seguenti quantitativi:
Produzione uva t./ha
"Valdinievole" Bianco 11,5
"Valdinievole" Bianco superiore 10,5
"Valdinievole" Rosso 10
"Valdinievole" Rosso superiore 8,5
"Valdinievole" Sangiovese 10
"Valdinievole" Vinsanto / Vin Santo 11,5
Fermi restando i limiti sopra indicati per la produzione a ettaro, la resa a ceppo non deve essere
superiore a:
Chilogrammi di uva per pianta (kg/pianta)
"Valdinievole" Bianco 3,5
"Valdinievole" Bianco superiore 3
"Valdinievole" Rosso 3
"Valdinievole" Rosso superiore 2,6
"Valdinievole" Sangiovese 3
"Valdinievole" Vinsanto /Vin Santo 3,5
In annate eccezionalmente favorevoli, la resa dovrà essere riportata nei limiti di cui sopra purchè la
produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, ferma restando la resa uva/vino per i
quantitativi di cui trattasi.
Per i vigneti in coltura promiscua la produzione massima di uva ad ettaro deve essere rapportata alla
superficie effettivamente impegnata dalla vite. Per l'entrata in produzione dei nuovi impianti la
produzione massima di uva ad ettaro è la seguente:
1° e 2° anno vegetativo 0%, 3° anno vegetativo 60%, 4° anno vegetativo 100%.
4.5 Titolo alcolometrico naturale minimo
Titolo alcolometrico volumico naturale minimo
(% Vol)
"Valdinievole" Bianco 10,00
"Valdinievole" Bianco superiore 10,50
"Valdinievole" Rosso 10,50
"Valdinievole" Rosso superiore 11,00
"Valdinievole" Sangiovese 10,50
"Valdinievole" Vinsanto / Vin santo 10,50


Articolo 5
(Norme per la vinificazione)
5.1 – Zona di vinificazione e di imbottigliamento
Le operazioni di vinificazione, ivi compreso l'appassimento delle uve, l'invecchiamento obbligatorio,
l'affinamento, il condizionamento e le operazioni di imbottigliamento devono essere effettuate
all'interno della zona di produzione di cui all'articolo 3. Conformemente all'articolo 8 del Reg. CE
607/09, l'imbottigliamento e il confezionamento devono avere luogo nella predetta zona geografica
delimitata per maggiore tutela del prodotto al fine di garantirne meglio l'origine, ridurre i costi di
controllo e per ragioni tradizionali.
Conformemente al medesimo articolo 8 del regolamento (CE) 607/09, a salvaguardia dei diritti
precostituiti dei soggetti che tradizionalmente hanno effettuato l'imbottigliamento fuori dall'area di
produzione delle uve delimitata all'articolo 3, è consentito che le operazioni di cui sopra siano
effettuate anche nel territorio amministrativo dei seguenti comuni limitrofi alla zona di produzione:
Pistoia, Piteglio, Porcari, Serravalle Pistoiese, Quarrata, Vinci, Cerreto Guidi, Fucecchio, Altopascio,
Montecarlo, Capannori, Villa Basilica, Bagni di Lucca.
5.2 - Governo all'uso toscano
Per tutte le tipologie Valdinievole Rosso anche con l'indicazione del vitigno Sangiovese è consentita
la pratica del Governo all'uso Toscano.
5.3 – Vinsanto / Vin Santo
La tipologia Vinsanto deve essere ottenuta da uve appositamente scelte e fatte appassire in locali idonei
fino a raggiungere un contenuto zuccherino non inferiore al 28% .
L'appassimento delle uve deve avvenire in ambienti idonei e può essere condotto con l'ausilio di
impianti di condizionamento ambientale purchè operanti a temperature analoghe a quelle riscontrabili
nel corso dei processi tradizionali di appassimento escludendo qualsiasi sistema di deumidificazione
operante con l'ausilio del calore.
5.4 - Resa uva/vino e vino/ettaro
Le rese massime dell'uva in vino e le produzioni massime di vino per ettaro, sono le seguenti:
RESA UVA/VINO HL/ETTARO
"Valdinievole" Bianco 70% 80,50
"Valdinievole" Bianco superiore 70% 73,50
"Valdinievole" Rosso 70% 70
"Valdinievole" Rosso superiore 70% 59,50
"Valdinievole" Sangiovese 70% 70
"Valdinievole" Vinsanto / Vin Santo 35% 40,25 con riferimento al vino giunto al terzo anno di
invecchiamento
Qualora la resa uva/vino superi i limiti di cui sopra ma non il 75%, il 40% per la tipologia Vinsanto /
Vin Santo, anche se la produzione ad ettaro resta al di sotto del massimo consentito, l'eccedenza non ha
diritto alla denominazione d'origine controllata.
Oltre detti limiti decade il diritto alla denominazione d'origine controllata per tutta la partita.
5.5 Immissione al consumo
Per i seguenti vini l'immissione al consumo è consentita solo a partire dalla data per ciascuno di essi di
seguito indicata:
Tipologia Data (anno successivo alla vendemmia)
Bianco superiore 1° Marzo
Rosso superiore 1° Marzo
Sangiovese 1° Marzo
Vinsanto / Vin Santo 1° Dicembre (terzo anno successivo alla vendemmia)


Articolo 6
(Caratteristiche al consumo)
6.1 I vini a Denominazione di origine controllata " Valdinievole", all'atto dell'immissione al consumo
devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
Valdinievole Bianco
Colore: giallo tendente al paglierino dorato chiaro;
Odore: gradevole, con sentori di fiori e frutta:
Sapore: secco, armonico, persistente;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
Acidità totale minima: 5,5 g/l;
Estratto non riduttore minimo 17,5 g/l.
Valdinievole Bianco superiore
Colore: giallo paglierino tendente al dorato chiaro;
Odore: gradevole, con sentori di fiori e frutta:
Sapore: secco, armonico, persistente;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
Acidità totale minima: 5,5 g/l;
Estratto non riduttore minimo 17,5 g/l.
Valdinievole Rosso
Colore: rosso rubino tendente al violaceo con riflessi granati con l'invecchiamento;
Odore: vinoso, intenso, con profumi di frutti rossi;
Sapore: secco, armonico, pieno ben strutturato;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol.;
Acidità totale minima: 5,0 g/l;
Estratto non riduttore minimo 21,0 g/l.
Valdinievole Rosso superiore
Colore: rosso rubino tendente al violaceo con riflessi granati con l'invecchiamento;
Odore: vinoso, intenso, con profumi di frutti rossi;
Sapore: secco, armonico, pieno ben strutturato;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
Acidità totale minima: 4,5 g/l;
Estratto non riduttore minimo 23,0 g/l.
Valdinievole Sangiovese
Colore: rosso rubino tendente al violaceo con riflessi granati con l'invecchiamento;
Odore: vinoso, intenso, con profumi di frutti rossi;
Sapore: secco, armonico, pieno ben strutturato;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
Acidità totale minima: 4,5 g/l;
Estratto non riduttore minimo 22,0 g/l.
Valdinievole Vinsanto / Vin Santo
Colore: dal dorato all'ambrato intenso più o meno fulvo;
Odore: intenso, etereo, tipico;
Sapore: armonico, dal secco al dolce, morbido con retrogusto amarognolo caratteristico;
Titolo alcolometrico volumico totale minimo: 17,00% vol.;
Acidità totale minima: 4,5 g/l;
Acidità volatile massima: 1,5 g/l;
Estratto non riduttore minimo 21,0 g/l.
6.2 È facoltà del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali modificare con proprio
decreto i limiti minimi sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.


Articolo 7
(Etichettatura designazione e presentazione)
7.1 - Qualificazioni
Alla denominazione di cui all'articolo 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva
diversa da quella prevista nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi "extra",
"fine", "scelto", "selezionato" e similari.
È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati
non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
Le indicazioni tendenti a specificare l'attività agricola dell'imbottigliatore quali viticoltore, fattoria,
tenuta, podere, cascina ed altri termini similari sono consentite in osservanza delle disposizioni UE e
nazionali in materia.
7.2 - Riferimenti geografici
E'consentito l'uso di riferimenti geografici relativi ai Comuni compresi nella zona delimitata nel
precedente articolo 3 e più precisamente quelli di seguito riportati: Buggiano, Chiesina Uzzanese,
Lamporecchio, Larciano, Marliana, Massa e Cozzile, Monsummano Terme o Monsummano,
Montecatini Terme o Montecatini, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese e Uzzano e dal cui
territorio effettivamente provengono le uve il cui vino così qualificato è stato ottenuto.
7.3 - Vigna
Nella designazione dei vini a denominazione di origine controllata "Valdinievole" di cui all'articolo1
può essere utilizzata la menzione "vigna" a condizione che sia seguita dal relativo toponimo o nome
tradizionale, che la vinificazione e la conservazione del vino avvengano in recipienti separati e che tale
menzione venga riportata sia nella denuncia delle uve, sia nei registri e nei documenti di
accompagnamento e che figuri nell'apposito elenco regionale ai sensi dell'art. 6 comma 8, del Decreto
Legislativo 8 aprile 2010, n. 61, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 96 del 26.04.2010.
7.4 Annata
Sulle bottiglie ed altri recipienti contenenti i vini a Denominazione di origine controllata
"Valdinievole", di cui al presente disciplinare, deve figurare l'indicazione dell'annata di produzione
delle uve.


Articolo 8
(Confezionamento)
8.1 Volumi nominali
I vini di cui all'articolo 1, con l'esclusione della tipologia Vinsanto / Vin santo, devono essere
confezionati in bottiglie di vetro, compreso il tradizionale fiasco toscano, aventi le seguenti capacità:
litri 0,375, litri 0,500, litri 0,750, litri 1, litri 1,5, litri 2. È consentito per scopi promozionali l'utilizzo
di bottiglie o fiaschi toscani di capacità fino a litri 3.
Per la denominazione di origine controllata Valdinievole Vinsanto / Vin Santo sono consentiti solo
recipienti in vetro, compreso il tradizionale fiasco toscano, di capacità da 0,250 a 0,750 litri.
8.2 Tappatura recipienti
Per il confezionamento dei vini di cui all'articolo 1, con l'esclusione delle tipologie Valdinievole
superiore e Valdinievole Vinsanto, è obbligatorio l'uso del tappo a raso bocca con le caratteristiche
previste dalla vigente normatica.
Per le tipologie Superiore e Vinsanto è obbligatorio il tappo a rasobocca in sughero.


Articolo 9
(Legame con l'ambiente geografico)
A. Informazioni sulla zona Geografica
A.1 Fattori naturali rilevanti per il legame
La Valdinievole, il cui nome deriva dal latino "Vallis Nebulae" (valle delle nebbie o delle nuvole), è un
territorio omogeneo per caratteristiche pedoclimatiche e idrogeologiche. Costituiscono l'area i territori
di undici comuni: Pescia, Uzzano, Buggiano, Chiesina Uzzanese, Ponte Buggianese, Massa e Cozzile,
Montecatini Terme, Pieve a Nievole, Monsummano Terme, Larciano e Lamporecchio. Nella zona di
produzione è compreso anche il Comune di Marliana, che, sebbene non faccia parte dell'elenco dei
comuni storicamente appartenenti alla Valdinievole, è legato al territorio valdinievolino in quanto
appartenente, in parte, allo stesso bacino idrografico; inoltre il Comune di Marliana è limitrofo ai
comuni di Pescia, Massa e Cozzile e Montecatini Terme; per tale motivo ha sempre fatto parte del
territorio di produzione della presente denominazione di origine.
La storia evolutiva del territorio ha determinato una notevole uniformità geologica, in particolare
nell'area collinare-montana, dove l'ossatura dei rilievi è quasi ovunque costituita da arenarie tipo
"macigno" di età terziaria.
La pianura della Valdinievole è costituita in modo sostanzialmente omogeneo, da terreni di
riempimento alluvionali, trasportati dai corsi d'acqua che la attraversano.
Tutta la Valdinievole è ricca di acqua e il suo clima è caratterizzato dalla presenza del bacino del
Padule di Fucecchio che riceve le acque dalle pendici meridionali dei rilievi che sovrastano le valli di
Pescia, Collodi e Marliana.
Il clima della Valdinievole è più mite rispetto ad altre Aree della Provincia di Pistoia e limitrofe, sia per
la presenza del Padule di Fucecchio che fa da volano termico, sia perché la Valdinievole risente
positivamente degli influssi dei venti provenienti dal mare che si fermano alla catena del Montalbano,
con effetti benefici per l'agricoltura.
L'area è caratterizzata da una piovosità sostanzialmente uniforme che varia tra 800 e 1.000 mm
d'acqua/anno per la pianura e 1.000-1.400 mm per la zona collinare.
L'altimetria nelle aree di pianura più depresse, in prossimità del bacino idrografico del Padule di
Fucecchio, si aggira intorno ai 13-20 metri sul livello del mare, mentre sui rilievi più alti dei comuni
pedimontani si arriva a superare di poco gli 800 metri sul livello del mare. Le aree pianeggianti con
maggiore diffusione delle coltivazione della vite presentano altimetrie intorno ai 50 metri sul livello del
mare; salendo sulle pendici delle colline che circondano la Valdinievole, difficilmente si superano i 500
metri sul livello del mare. La fascia del territorio con la massima concentrazione della coltivazione
della vite è la fascia che va da 50 a 300 metri sul livello del mare.
A.2 Fattori umani rilevanti per il legame
Nella bibliografia storica dei vini di Valdinievole si trovano molti riferimenti ai vini di quest'area come
vini importanti, non soltanto a livello locale, ma anche per il commercio in altre città toscane e
dell'Italia, tanto che nel 1300 i vini della Valdinievole entravano a Firenze senza pagare dazi doganali,
per favorirne l'esclusiva ai territori fiorentini.
Dagli scritti di un commerciante di vini di Prato, tal Francesco Datini, che operava i suoi traffici a
cavallo fra 1300 e 1400, si desume che Pescia era uno dei più importanti mercati alimentari esistenti fra
Firenze e Pisa, che i vini, sia bianchi che rossi, dell'area della Valdinievole riuscivano a spuntare prezzi
elevati, di poco inferiori ai vini del Valdarno superiore, e ciò significa che erano vini molto apprezzati.
Nel catasto fiorentino del 1427 viene definito "regno della vite" il territorio delle colline delle zone di
Pescia e della Valdinievole per i vini bianchi.
Guardando i registri dei commercianti, dei trasportatori e anche delle famiglie ricche locali, che
tenevano contabilità scritta delle vendite, dei commerci, ecc. si ha traccia della produzione di vini sia
bianchi che rossi.
Testimonianze della qualità dei vini di Valdinievole sono presenti nell'arco di tutta la storia economica
dell'area, fino ai giorni attuali.
L'apprezzamento dei vini di Valdinievole emerge anche dagli scritti di alcuni autori originari dell'area.
Famoso è il componimento di Paolo Francesco Carli da Montecarlo, vissuto nel XVIII secolo, autore di
un famoso idillio giocoso intitolato "La svinatura in Valdinievole" dove si parla dei vini della regione
come "onor di Valdinievole".
Altro compomimento (ditirambo), contenente riferimenti ai vini di Valdinievole, è quello di Francesco
Redi che scrive nel 1685: "... io di Pescia il buriano/ il trebbiano, il colombano,/Mi tracanno a piena
mano...", Tali righe sono state scelte da Carlo Palamidessi, per la copertina del suo libro "I vini di
Valdinievole, Studio chimico e considerazioni relative alla loro industria e al loro commercio" (1887).
Nel territorio, dopo l'avvento della fillossera, che comportò la necessità di sostituire le viti con piede
europeo con quelle innestate su piede americano, si sono affermate sempre più, rispetto alla
coltivazione promiscua della vite (tradizionalmente presente in questo territorio), coltivazioni
specializzate, che testimoniano la riconosciuta qualità della produzione vinicola locale. Questa
tradizione qualitativa ha trovato un primo riconoscimento con l'istituzione della denominazione di
origine controllata "Bianco della Valdinievole" nel 1976, trasformata, nel 2010, in Denominazione di
Origine "Valdinievole" a seguito dell'inserimento di tipologie di vino rosso.
I vini Valdinievole vengono prodotti da vitigni tipici toscani quali il Trebbiano per i bianchi e il
Sangiovese e il Canaiolo che rappresentano i vitigni predominanti nei vini rossi. A questi vitigni
principali sono tradizionalmente abbinati altri vitigni toscani minori per i bianchi possiamo trovare:
Canaiolo bianco, Verdea, Malvasia bianca, Verdicchio; per i vini rossi alcuni di questi vitigni minori,
comunemente diffusi sono: Ciliegiolo, Buonamico, Colorino, Malvasia nera, Foglia tonda ed altri. Fra i
vitigni ammessi sono presenti anche vitigni internazionali che si sono affermati nella viticoltura locale
nel corso del XX secolo.
La Valdinievole è, per tradizione vitivinicola secolare e storia recente, un serbatoio naturale di varietà
autoctone, di vitigni minori, che caratterizzano fortemente i vini locali rispetto ai vini con
predominanza di Sangiovese comuni in tutta la Toscana.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
I vini Valdinievole presentano, dal punto di vista analitico e sensoriale, caratteristiche di indubbia
peculiarità, descritte all'articolo 6, che ne permettono una chiara individuazione e tipicizzazione legata
all'ambiente geografico e agli uvaggi tipici della Valdinievole.
In particolare tutti i vini, sia rossi che bianchi, presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in
tutte le tipologie, mentre al gusto e all'olfatto si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni di base.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L'orografia collinare che degrada nella pianura alluvionale del territorio di produzione, l'esposizione
dell'area aperta ai venti di mare provenienti da sud-ovest che mitigano, insieme al bacino del Padule di
Fucecchio, il clima della Valdinievole, creando condizioni climatiche ottimali per la viticoltura, la
natura pedologica dei suoli vocati alla coltivazione della vite, concorrono a creare condizioni favorevoli
alla maturazione dell'uva.
Sicuramente il clima dell'area oltre a influire nella maturazione delle uve, condiziona le temperature
delle cantine e le condizioni di lavorazione del prodotto in vendemmia, divenendo elemento
caratterizzante e intrinseco del vino finito.
Oltre a ciò la cultura vitivinicola dell'area vede i vini rossi ottenuti da uvaggi misti, polivitigno. Infatti
la viticoltura locale è caratterizzata dalla presenza di molti vitigni della tradizione Toscana, anche
minori, come Ciliegiolo, Colorino, Buonamico, Foglia tonda, Malvasia nera e altri; esiste tuttavia un
elemento caratterizzante: la presenza congiunta e predominante di Sangiovese e Canaiolo nero.
Da quanto scritto sopra si desume l'interazione causale fra ambiente e uomo, che sono elementi
inscindibili alla tipicizzazione del prodotto.
Che i prodotti vitivinicoli della Valdinievole siano prodotti apprezzati è documentato dalla loro
tracciabilità storica: sono annotati in molti documenti commerciali in quanto, sul mercato, sin dal
medioevo, riuscivano a spuntare buoni prezzi.
I i vini delle zone considerate sono sicuramente, anche nell'attualità, vini qualitativamente validi:
rispetto al medioevo l'unico mutamento è il miglioramento costante della loro qualità in quanto la
moderna selezione dei vitigni, le tecnologie enologiche e i sistemi di coltivazione sono elementi
migliorativi di cui disponiamo. Le aziende che attualmente producono vino Valdinievole, intendono
mantenere viva questa tradizione secolare.
A tale fine già nel 1976 fu ottenuto il primo riconoscimento della DOC Bianco della Valdinievole.
L'attenzione al prodotto è stata costante, e il territorio sentendo forte l'esigenza di valorizzare tutta la
tradizione viticola ed enologica locale, ha lavorato per il riconoscimento dei vini rossi, ufficialmente
entrati nella denominazione nel 2010.


Articolo 10
(Riferimenti alla Struttura di controllo)
10.1 Nome e indirizzo dell'organismo di controllo:
Toscana Certificazione Agroalimentare
Viale Belfiore, 9
50144 Firenze
Tel.: +39 055 368850
Fax: +39 055 330368
e-Mail: info@tca-srl.org
Toscana Certificazione Agroalimentare è l'organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle
politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010, che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli, approvato
dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in G.U. n. 150
del 29.06.2012.


Allegato 1 – Elenco vitigni complementari idonei alla produzione del vino a DOC
VALDINIEVOLE
1. Abrusco N.
2. Albana B.
3. Albarola B.
4. Aleatico N.
5. Alicante Bouschet N.
6. Alicante N.
7. Ancellotta N.
8. Ansonica B.
9. Barbera N.
10. Barsaglina N.
11. Biancone B.
12. Bonamico N.
13. Bracciola Nera N.
14. Cabernet Franc N.
15. Cabernet Sauvignon N.
16. Calabrese N.
17. Caloria N.
18. Canaiolo Bianco B.
19. Canina Nera N.
20. Carignano N.
21. Carmenere N.
22. Cesanese D'Affile N.
23. Chardonnay B.
24. Ciliegiolo N.
25. Clairette B.
26. Colombana Nera
27. Colorino N.
28. Durella B.
29. Fiano B.
30. Foglia Tonda N.
31. Gamay N.
32. Grechetto B.
33. Greco B.
34. Groppello di Santo Stefano N.
35. Groppello Gentile N.
36. Incrocio Bruni 54 B.
37. Lambrusco Maestri N.
38. Livornese Bianca B.
39. Malbech N.
40. Malvasia Bianca di Candia B.
41. Malvasia Bianca lunga B.
42. Malvasia Istriana B.
43. Malvasia N.
44. Malvasia Nera di Brindisi N.
45. Malvasia Nera di Lecce N.
46. Mammolo N.
47. Manzoni Bianco B.
48. Marsanne B.
49. Mazzese N.
50. Merlot N.
51. Mondeuse N.
52. Montepulciano N.
53. Moscato Bianco B.
54. Muller Thurgau B.
55. Orpicchio B.
56. Petit manseng B.
57. Petit verdot N.
58. Pinot Bianco B.
59. Pinot Grigio G.
60. Pinot Nero N.
61. Pollera Nera N.
62. Prugnolo Gentile N.
63. Pugnitello N.
64. Rebo N.
65. Refosco dal Peduncolo rosso N.
66. Riesling Italico B.
67. Riesling Renano B.
68. Roussane B.
69. Sagrantino N.
70. Sanforte N.
71. Sauvignon B.
72. Schiava Gentile N.
73. Semillon B.
74. Syrah N.
75. Tempranillo N.
76. Teroldego N.
77. Traminer Aromatico Rs
78. Trebbiano Toscano B.
79. Verdea B.
80. Verdello B.
81. Verdicchio Bianco B.
82. Vermentino B.
83. Vermentino Nero N.
84. Vernaccia di San Gimignano B.
85. Viogner B.

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |