Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Aversa Doc

Loading

Blog

 

Aversa Doc

08.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA “AVERSA”


Approvato con DM 31.07.1993 G.U. 188 - 12.08.1993
Modificato con DM 09.02.1994 G.U. 42 - 21.02.1994
Modificato con DM 28.02.2000 G.U. 59 - 11.03.2000
Modificato con DM 09.01.2002 G.U. 22 - 26.01.2002
Modificato con DM 05.07.2006 G.U. 164 - 17.07.2006
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
1. La denominazione di origine controllata “Aversa”, seguita dal nome del vitigno Asprinio è riservata
ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione
per le seguenti tipologie:
“Aversa” Asprinio
“Aversa” Asprinio spumante


Articolo 2
Base ampelografica
Il vino a denominazione di origine controllata “Aversa” Asprinio deve essere ottenuto da uve
provenienti da vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione varietale:
Asprinio minimo 85%;
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve di altri vitigni a bacca bianca, non
aromatici, idonei alla coltivazione per le rispettive province di Caserta e di Napoli, da soli o
congiuntamente, fino ad un massimo del 15%.
Il vino a denominazione di origine controllata “Aversa” Asprinio spumante deve essere ottenuto da
uve provenienti da vigneti aventi, in ambito aziendale, la seguente composizione varietale:
Asprinio minimo 100%;


Articolo 3
Zona di produzione uve
1. Le uve destinate alla produzione del vino a DOC “Aversa Asprinio” devono essere prodotte nella
zona che comprende tutto il territorio amministrativo dei comuni di:
In provincia di Caserta:
Aversa, Carinaro, Casal di Principe, Casaluce, Casapesenna, Cesa, Frignano, Gricignano di Aversa,
Lusciano, Orta di Atella, Parete, San Cipriano d’Aversa, San Marcellino, Sant’Arpino, Succivo,
Teverola, Trentola – Ducenta, Villa di Briano, Villa Literno.
In provincia di Napoli:
Giugliano, Qualiano, Sant’Antimo.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino a DOC “Aversa”
Asprinio devono essere quelle tradizionali della zona e comunque atte a conferire alle uve ed ai vini
derivati le specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi idonei ai fini dell’iscrizione allo Schedario viticolo unicamente quelli
allevati in controspalliera con esclusione dei vigneti ubicati nei fondovalle e su terreni
particolarmente umidi. In deroga al paragrafo precedente, per salvaguardare la tipica forma di
allevamento ad “alberata aversana”, da considerarsi bene ambientale e culturale della zona, sono
consentiti gli impianti allevati in forma verticale e ubicati su terreni sciolti, leggeri, facilmente
lavorabili, profondi, purché con adeguata sistemazione idraulica.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati nella zona e comunque atti a non modificare le caratteristiche dell’uva e dei vini.
E’ vietata ogni pratica di forzatura.
2. La resa massima, nel caso di impianti allevati ad alberata, non dovrà essere superiore ai 4 kg di uva
per metro quadrato di parete e i 240 kg per ceppo con un numero massimo di 50 ceppi/ettaro. Nel
caso di vigneti specializzati allevati a contro spalliera, la resa massima di uva per ettaro non deve
essere superiore ai 12,00 tonn/ettaro. A tali limiti, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la
produzione dovrà essere riportata, attraverso un’accurata cernita delle uve, purché la produzione
non superi del 20% i limiti medesimi sopra stabiliti.
3. La regione Campania con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate, di anno
in anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni ambientali climatiche, di
coltivazione e di mercato, può stabilire un limite massimo di produzione di uva per ettaro inferiore a
quello fissato dal presente disciplinare di produzione, dandone immediata comunicazione
all’organismo di controllo.
4. Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare al vino a DOC “Aversa” Asprinio un titolo
alcolometrico volumico naturale minimo di: 10,50% vol. Le uve destinate alla produzione del “vino
spumante” oppure provenienti dalle “alberate” dovranno assicurare un titolo alcolometrico
volumico naturale minimo di: 9,50% vol. purché la destinazione alla spumantizzazione o la
provenienza dall’alberata vengano espressamente indicate nella denuncia annuale delle uve.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1. Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche atte a conferire ai vini le proprie peculiari
caratteristiche.
2. Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate all’interno della zona di produzione di cui
all’art. 3.
3. E’ tuttavia facoltà del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali su conforme parere
della regione Campania, consentire che le suddette operazioni di vinificazione siano effettuate in
stabilimenti siti nel territorio amministrativo delle province di Caserta, Napoli e Benevento, a
condizione che le ditte interessate che ne fanno richiesta, dimostrino di aver vinificato, nelle
vendemmie precedenti a quella di entrata in vigore del presente disciplinare di produzione, vini del
tipo di quelli qui regolamentati.
4. La resa massima dell’uva in vino finito non deve essere superiore al 70%. Gli eventuali superi sono
da classificarsi, se ne hanno le caratteristiche, fra i vini da tavola, anche ad indicazione geografica
tipica.
5. Le operazioni di elaborazione del vino a DOC “Aversa” Asprinio spumante, ossia le pratiche
enologiche per la presa di spuma e la stabilizzazione, devono essere effettuate in stabilimenti situati
nell’ambito del territorio delimitato nel precedente art. 3 o autorizzati ai sensi del terzo comma del
presente articolo.
Per il solo tipo spumantizzato in autoclave è facoltà del Ministero per le politiche agricole
alimentari e forestali su conforme parere della regione Campania, consentire per un periodo di anni
dieci a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente disciplinare di produzione (31/07/1993),
che le operazioni sopra indicate siano effettuate in stabilimenti siti al di fuori della zona delimitata
nell’art. 3 o autorizzati ai sensi del secondo comma di questo stesso articolo.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini a DOC “Aversa” di cui all’art. 1, all’atto dell’immissione al consumo, devono rispondere alle
seguenti caratteristiche:
“Aversa” Asprinio
colore: giallo paglierino più o meno carico;
profumo: intenso, fruttato, caratteristico;
sapore: secco, fresco, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol.;
acidità totale minima: 6,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l;
“Aversa” Asprinio spumante
spuma: fine e persistente;
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
profumo: fine, fragrante, caratteristico;
sapore: secco, fresco, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 7,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l;
E’ facoltà del Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali modificare, con proprio
decreto, i limiti sopra indicati per l’acidità totale e l’estratto non riduttore minimo.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Nella designazione dei vini a DOC “Aversa” in deroga alle misure stabilite a titolo generale dagli
articoli 1 e 6 del presente disciplinare può figurare il nome del vitigno “Asprinio” seguito dalla
specificazione di origine “Aversa”, in caratteri della medesima ampiezza, colorimetria e forma
grafica.
Per il vino a DOC “Aversa” ottenuto dalle uve provenienti dai vigneti allevati ad “alberata” è
obbligatorio indicare sulla denuncia di produzione delle uve, sui registri e sui documenti previsti
dalla normativa vigente, nonché nell’etichettatura, la menzione aggiuntiva “alberata o vigneti ad
alberata”.
Nella designazione tale menzione deve essere riportata immediatamente al di sotto della dicitura
“denominazione di origine protetta”.
Nella designazione e presentazione del vino a DOC “Aversa” è vietato l’uso di qualsiasi
qualificazione aggiuntiva diversa da quelle previste dal presente disciplinare di produzione, ivi
compresi gli aggettivi: extra, fine, scelto, superiore, riserva, selezionato e similari.
E’ consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali e marchi privati
non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l’acquirente.
Le indicazioni tendenti a specificare l’attività agricola dell’imbottigliatore quali: viticoltore, fattoria,
podere, tenuta, cascina ed altri termini similari, sono consentite in osservanza delle disposizioni
comunitarie e nazionali in materia.
Sulle bottiglie o altri recipienti contenenti vini a DOC “Aversa” deve figurare l’indicazione
dell’annata di produzione delle uve, tale indicazione è facoltativa per il tipo “spumante”.


Articolo 8
Legame con l’ambiente geografico
A) Informazione sulla zona geografica
1) Fattori naturali
La zona geografica delimitata comprende una pianura geologicamente omogenea posta a Nord dei
campi Flegrei in quelli che un tempo erano denominati Regi Lagni. L'area è compresa tra Orta di
Atella ad Est, Casal di Principe a Nord, Villa Literno ad Ovest, Qualiano a Sud.
L'area dell'Asprinio di Aversa è totalmente pianeggiante e l'altimetria è compresa tra i 10 m. slm di
Villa Literno e i 101 m. slm di Qualiano. L'esposizione prevalente dei vigneti è sud.
Il clima della regione rientra nell’area di influenza mediterranea; l’andamento delle temperature è
caratterizzato da medie escursioni, con estati calde e inverni temperati.
La precipitazione media annua è di 702 mm. (ultimi 12 anni)
La distribuzione stagionale delle piogge ha caratteri tipicamente mediterranei concentrandosi per
circa il 60% nel periodo autunno-inverno.
Nel complesso i terreni rilevati nell'area in studio, presentano in sommità uno spessore
variabile, di alcuni metri, di materiali riconducibili al secondo periodo flegreo che
rappresentano le facies incoerenti (pozzolane) e coerenti o pseudo coerenti (tufo giallo);
in profondità uno spessore di materiali riconducibili al primo periodo flegreo (tufo grigio).
Tali formazioni sciolte o litoidi, prov engono da una stessa tipologia di terreni, le
piroclastici.
La composizione mineralogica delle piroclastici, prevalendo i prodotti dei Campi Flegrei è
trachitica di natura alcalina ed inquadrabile nelle associazioni magmatiche potassiche.
Detti terreni a seconda dei grado di litificazione e di "autopneumatolisi" a cui sono stati
soggetti, si presentano scotte o litificate.
Le pozzolane hanno una diversa classificazione geologica, in quanto possono essere in
sede, rimaneggiate e alluvionali. Le prime sono di colore grigio chiaro e sono costituite
da ceneri, lapilli pomiceì e in misura assai ridotta, da lapilli lapidei.
Questi terreni talvolta sono stati rimossi dalle acque superficiali, trasportati rimaneggiati e
ridepositati formando così le pozzolane rimane ggiate.
Queste ultime sono di colore giallognolo marrone, si differenziano da quelle in sede
per la maggiore presenza di lapilli lapidei e per la granulometria che è in genere più
fine; inoltre molto spesso è presente negli strati più superficiali e negli orizzonti di
paleosuoli, della sostanza organica sotto forma dí humus da cui ne consegue una certa
plasticità e deformabilità degli stessi.
Le pozzolane alluvionali hanno subito processi simili a quelle rimaneggiate ma di
intensità nettamente maggiore. Si sono verificate così variazioni nella granulometria,
precisamente è stata asportata la frazione più grossolana costituita da pomici, mentre è
aumentata la frazione di lapilli lapidei di dimensioni ridotte.
Il rilevamento geologico di superficie, e le risul tanze delle indagini, hanno
evidenziato per l'area investigata, la presenza di depositi tali piroclastici depositatisi in
tempi diversi, pertanto il sottosuolo in oggetto in base:
a) al r ilevamento di dettagliato
b) a lle in d a g in i a c q u is ite
c) a ll e i n d a g i n i e s e g u ite
r isulta in per f etto accor do con la geologia gener ale dell'ar ea, pr ecedentemente
descritta; cioè i litotipi riconosciuti sono essenzialmente prodotti piroclastici ascrivibili ad
attività vulcanica degli apparati del Roccamonfina, dei Campi Flegrei e del Somma Vesuvio, sia in deposizione primaria, sciolti o litoidi che secondaria (alluvionali), questi
ultimi sempre sciolti.
Premesso ciò, per semplicità di esposizione, i terr eni attr aversati dalle ter ebr azioni
(sondaggi), vengono distinti, in base alla lor o consistenza, in tre formazioni
piroclastiche;
1) superficiale di tipo pozzolanico (sciolto) fino a max. 12 m dal p.c.
2) di tipo tufitico (pseudolitoide) fino a circa 21 m dal p.c. - 3) di tipo cìneritico sabbioso
oltre tale profondità.
La I formazione si presenta incoerente, policroma, a granulometría sabbiosa, ma con
inclusi lapilli, pomici e scorie
La II formazione appare spesso litoide o semilitoide Tufo Grigio (nella variazione da
Giallo a Grigio — potenza massima di 10 - 12 m)
La III formazione è in effetti una cinerite sabbioso ghiaiosa di origine vulcanica talvolta
alternate a orizzontì tufacei. Il loro spessore può raggiungere varie decine di metri, ed è
quella che ospita la falda acquifera.
2) Fattori umani
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino “ Aversa”.
L’agro aversano, ricadente nelle province di Napoli e Caserta, è delimitato, a guisa di barriere
vegetali, dalle tipiche alberate (o festoni) che ne caratterizzano il paesaggio.
La vite maritata a tutori vivi, in genere il pioppo, raggiunge anche i venti metri di altezza dando
origine a prodotti di pregio e spiccata tipicità che possono vantare una tradizione antichissima e
saldamente radicata nelle popolazioni locali.
Infatti il vitigno Asprinio è presente in Campania da epoca remota ma varie e diversificate sono le
ipotesi formulate sulla sua origine, come pure diverse sono le sinonimie da più parti segnalate.
3) Fattori storici
Secondo alcuni ampelografi in Puglia il vitigno riceverebbe il nome di “Olivese”, “Ragusano” e
“Ragusano bianco”. Nelle aree aversane, maddalonese e casertana, invece, è ricorrente la
denominazione di “Asprinio” – “Asprino” – “Uva Asprinia”. Più consona risulta, comunque, la
terminologia di “Asprinio di Aversa”, la cui codificazione è ormai accettata dagli operatori agricoli
dagli Enti locali preposti alla tutela ed alla valorizzazione della produzione viticola. La coltura del
vitigno Asprinio, diffusa un po’ dappertutto nel Mezzogiorno d’Italia, ha sempre trovato in
Campania, e più specificatamente in Agro Aversano, la più ampia collocazione.
Circa l’ introduzione in Italia di tale vitigno, le ipotesi formulate sono molto diverse ed anche il
particolare sistema di allevamento è oggetto delle più svariate considerazioni, non esclusa qualcuna
chiaramente frutto di pura fantasia, in quanto collegata ad una probabile funzione di più o meno
valida barriera bellica per contrastare le cariche della cavalleria degli eserciti avversi ai Borboni.
Più consono, ci sembra invece, collocare il particolare sistema di allevamento della vite alla coltura
della canapa, tipica dell’area di Terra di Lavoro. La canapa, infatti, raggiungendo altezze variabili
intorno ai due metri dal suolo, creava condizioni sfavorevoli ad un allevamento basso della vite,
soprattutto in considerazione che la coltura della vite veniva condotta in consociazione.
Secondo Violante e Bordignon sembra che la diffusione della coltura dell’Asprinio abbia avuto la
maggiore espansione nelle Puglie ed in Campania. In particolare, poi, l’incidenza più elevata si
sarebbe registratta nella provincia di Caserta, un po’ meno in quella di Napoli.
Secondo Giampaglia, il vitigno Asprinio deriverebbe dalla “tribù dei Pinot” e sarebbe stato
introdotto nel Napoletano nel secolo scorso durante la dominazione francese. A sostegno di questa
ipotesi vale la considerazione avallata dagli stessi agricoltori, secondo i quali, nel passato, l’uva
asprinia veniva acquistata da commercianti francesi e ungheresi, per poi utilizzarla nella
preparazione di vino spumante.
Altri sostengono che il vitigno in parola derivi direttamente dal “Greco” e ciò verrebbe confermato
da quanto scriveva, nel 1804, Nicola Columella Onorati che elencando le principali varietà di uva
che si coltivano nell’agro alifano, cosi si esprimeva: “L’uva asprinia, della quale varietà di uva
bianca si fa il Greco in buona parte in Campania è conosciuta sotto il nome di Asprinio di Aversa”.
Ma gli stessi cultori dell’epoca non sembrano condividere tali affermazioni, perché le differenze
morfologiche tra “Greco” ed “Asprinio” risulterebbero tali da non lasciare alcun dubbio.
Secondo notizie tramandate da Sante Lancerio, cantiniere di S.S. Papa Paolo III Farnese, la coltura
del vitigno risalirebbe agli inizi del ‘500, cioè in un’epoca anteriore alla dominazione francese.
Infatti, ne “I Viaggi di Papa Paolo III”, il Lancerio dice che S.S. usava l’Asprinio come bevanda
dissetante servendosene prima di coricarsi. Lo stesso autore facendo le lodi a questo vino
“diuretico” dice che il migliore è quello di Aversa, apprezzato dai commercianti perché “li
cortigiani et cortigiane corrono volentieri alla foglietta” (la “foglietta” è una misura di capacità del
vino, circa mezzo litro).
Questa la descrizione: “Il vino Asprinio vien da un luogo vicino Napoli. Li migliori sono quelli di
Aversa, città unica e buona. Ce ne sono delli bianchi et delli rossi, ma questi sono meglio. Tali vini
sono molto crudi, sono vini da podagrosi. L’estate è sana bevanda. Di questa sorta di S.S. usava
bere alcuna volta per cacciare la sete avanti che andasse a dormire, et diceva farlo per rosicare la
flemma. A volere conoscere la sua perfetta bontà vuole essere odorifero, di colore dorato, et non del
tutto crudo. Volendolo per le state, bisogna metterelo, la primavera, nella cantina, et sia si crudo che
il caldo lo maturi, et prima faccisi la prova del colore. Tali vini sono stimati assai dagli osti, che li
Cortigiani et Cortigiane corrono volentieri alla foglietta. Anco questo vino è lodato dai Medici,
sicchè e buono.”
Anche la tradizione popolare vuole far risalire la coltivazione dell’Asprinio nella zona ai primi del
‘500. Si vuole, ma senza alcuna prova storica, che Luigi XII di Valais, Re di Francia detto “P adre
del Popolo” (nato a Blais 1462 – morto a Parigi 1515), disceso nella penisola italiana all’inizio del
1500 ed impadronitosi prima del Ducato di Milano e quindi del Regno di Napoli che, poi, dovette
cedere agli Spagnoli (1504), importasse dalla Francia una certa quantità di vitigni che, avendoli fatti
mettere a sito nelle terre del Casertano, ne ottenne l’Asprinio.
Questo vino chiaro, color verdolino, asciutto e frizzante è gradevolissimo e dissetante per cui i
napoletani presero a berne ben fresco anche fuori pasto per meglio sopportare le arsure estive. Sta di
fatto che questo vino giovane, prodotto all’epoca di bassa gradazione alcoolica (dagli 8 ai 10 gradi),
ebbe vasta diffusione nel napoletano talché nelle antiche e più rinomate taverne della Napoli prima
spagnola e poi borbonica quali quelle: del Cerriglio: della Vicaiola: di Porta Capuana: di Florio a
Chiaia e del Crispano, la bionda bevanda “scorreva a fiumi” con grande sussiego dei tavernari e
grande gioia dei festosi chiassosi consumatori.
A convalidare l’antichità di questo gradevole prodotto enologico va ricordato che da un “Assisa del
vino” in data 15 febbraio 1640 risulta che il prezzo dell’Asprinio era di denari nove la caraffa, (la
“caraffa” equivalente a trentatre once di liquido, poco meno di un litro).
Questo tipico prodotto partenopeo che, forse, aveva in un certo qual modo colpito l’attenzione della
moglie del Re Gioacchino Murat, portò la Regina Carolina a scrivere in una lettera: “Questa e la
terra promessa, nella campagna si vedono festoni di viti attaccati agli alberi con sparsi grappoli di
uva assai più belli di quelli che gli Ebrei portarono a Mosè. Spero che quanto ti dico ti ispiri il
desiderio di venire a vedere questo paese, vale la pena di fare cinquecento leghe per vederlo.”
Non si può escludere che la principessa napoleonica fosse stata attratta proprio dal vitigno Asprinio
allevato secondo il sistema classico ad alberata, detto anche “Sistema Aversano”.
E poiché, se è vero, che tutto torna alle origini giova ricordare che dall’Asprinio si ottennero i primi
spumanti secchi che, prodotti con le più pregiate uve dei Siti Reali dell’aversano, trovarono
favorevole accoglienza nella vicina Francia.
Pare che lo stesso Garibaldi lo abbia apprezzato in una rustica colazione dopo la battaglia del
Volturno.
Diversamente dagli altri il Redi evidenzia , con un certo dispregio, la caratteristica acidità del Vini
Asprinio, definendolo “bevanda agreste”: ma, ricorda il Monelli, forse per ripicca a seguito di
contrasti con l’Avvocato napoletano Francesco d’Andrea.
Rendella, a sua volta, riferisce di un vino Asprinio facile a digerirsi, ma poco serbevole per cui ne
consiglia il consumo prima dei forti calori estivi, raccomandandone la conservazione in grotte
scavate nel tufo a profondità di 15-20 metri, affinché la temperatura si mantenga costantemente
bassa. In queste cantine, tutt’ora esistenti, il vino si conserva bene e si presenta frizzante a causa
dell’anidride carbonica che si svolge dalla fermentazione lenta che, favorita dall’ambiente fresco, si
dissolve facilmente nella massa.
Da rilevare, la testimonianza di Vincenzo Sammola, secondo il quale il maggior consumo di vino a
Napoli era appannaggio del tipo rosso mentre “solo nell’estate avanzata” la preferenza era accordata
al vino bianco “Asprinio di Aversa”.
Nel 1839 nel suo “Corricolo”, interessante tra l’altro per una classificazione delle pizze d’epoca,
Alessandro Dumas, definì l'Asprinio come l’unico vino capace di andar bene con la pizza e gli
spaghetti.
Il Bruno Bruno, invece lo definisce atto su lucci e anguille, riportando un giudizio di Veronelli, che
è rimasto affascinato dall’Asprinio di Aversa:
“Quando l’ho bevuto, mi sono emozionato. Ero in campagna da un contadino, dalle parti di Aversa,
e quell’ Asprinio era eccezionalmente buono. Ben lavorato, fragile, elegante. Quello che i fa rabbia
è la consapevolezza di non poterlo ritrovare. L’Asprinio di Aversa sarebbe un vino splendido se
venisse valorizzato”.
È questo è l’obbiettivo che si prefigge la proposta di conferimento della Denominazione di Origine
Protetta per il vino “Asprinio di Aversa”, dare dignità ed un futuro ad un vino di grande pregio e
tradizione.
- base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino in questione sono quelli
tradizionalmente coltivati nell’area di produzione
- le forme di allevamento,i sesti di impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti,
sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle
viti, sia per agevolare l’esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione
della chioma.
- le pratiche relative all’elaborazione dei vini sono quelle tradizionalmente consolidate in zona per la
vinificazione dei vini bianchi e dei bianchi spumanti.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all’ambiente geografico
I vini di cui il presente disciplinare di produzione presentato, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all’articolo 6, che ne una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all’ambiente geografico.
In particolare i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le tipologie,
mentre al sapore e all’odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni.
C) Descrizione all’interazione casuale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui
alla lettera B).
L’orografia pianeggiante del territorio di produzione e l’esposizione prevalente dei vigneti, orientati
a sud, e localizzati in zone storicamnete vitate, concorrono a determinare un ambiente
adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole all’espletamente di tutte le funzioni vegetoproduttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità e ad una notevole tipicità.
La millenaria storia vitivinicola dell'area, come descritto al capoverso 2 è la fondamentale prova
della stretta connessione ad interazione esistente fra i fattori umani e la qualità e le peculiari
caratteristiche del vino “Asprinio”.
Ovvero è la testimonianza di come l’intervento dell’uomo nel particolare territorio abbia, nel corso
dei secoli, tramandato le tradizioni tecniche di coltivazione della vite, le quali nell’epoca moderna e
contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all’indiscusso processo scientifico e
tecnologico, fino ad ottenere gli attuali rinomati vini.
La presenza stessa di una particolare forma di allevamento che prende il nome da quest'area
(alberata aversana) e la conservazione di alcuni esemplari centenari di vite prefillossera sono la
prova tangibile del rapporto storico culturale che lega questo vino al suo territorio.
La DOC “ Aversa “ è stata riconosciuta con Decreto ministeriale del 31 luglio 1993.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all’articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell’arco dell’intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |