Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Romagna Doc

Loading

Blog

 

Romagna Doc

13.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA  "ROMAGNA"



Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali
DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA
DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DELLA QUALITÀ AGROALIMENTARE E DELL'IPPICA
PQAI IV

Prot. 22995

Provvedimento 22 marzo 2016 concernente la pubblicazione della proposta di modifica del disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Controllata dei vini "Romagna" e del relativo documento unico, a conclusione della procedura nazionale preliminare di esame della relativa richiesta, e trasmissione alla Commissione UE della medesima richiesta.


IL DIRETTORE GENERALE
VISTO il Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante organizzazione comune dei mercati dei prodotti agricoli e che abroga i Regolamenti (CEE) n. 922/72, (CEE) n. 234/79, (CE) n. 1037/2001 e (CE) n. 1234/2007 del Consiglio;
VISTO in particolare la parte II, titolo II, capo I, sezione 2, del citato Regolamento (UE) n. 1308/2013, recante norme sulle denominazioni di origine, le indicazioni geografiche e le menzioni tradizionali nel settore vitivinicolo;
VISTO il Regolamento (CE) n. 607/09 della Commissione, recante modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 479/2008 del Consiglio per quanto riguarda le denominazioni di origine protette e le indicazioni geografiche protette, le menzioni tradizionali, l'etichettatura e la presentazione di determinati prodotti vitivinicoli;
VISTO il Decreto legislativo 8 aprile 2010, n. 61, recante tutela de lle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche dei vini, in attuazione dell'articolo 15 della legge 7 luglio 2009, n. 88;
VISTO il D.M. 7 novembre 2012, recante la procedura a livello nazionale per la presentazione e l'esame delle domande di protezione delle DOP e IGP dei vini e di modifica dei disciplinari, ai sensi del Regolamento (CE) n. 1234/2007 e del D.lgs. n. 61/2010;
CONSIDERATO che il predetto D.M. 7 novembre 2012 contempla anche disposizioni applicative del citato Regolamento (CE) n. 607/2009, in particolare per quanto concerne talune modalità procedurali di esame e di comunicazione relative alle domande di protezione delle DOP e IGP dei vini e di modifica dei disciplinari;
CONSIDERATO che sono tuttora in corso le procedure per l'adozione degli atti delegati e di esecuzione della Commissione U.E. previsti dall'articolo 109, paragrafo 3, e dall'articolo 110 del citato Regolamento (UE) n. 1308/2013, in particolare per quanto concerne le modalità procedurali per l'esame delle domande di protezione delle DOP e IGP dei vini e di modifica dei disciplinari, con particolare riguardo alla relativa modulistica, nonché alle modalità e tempistiche di trasmissione delle stesse domande, nell'ambito dei quali sono da riprendere, opportunamente aggiornate e semplificate, talune disposizioni del citato Regolamento (CE) n. 607/2009;
RITENUTO pertanto che, nelle more dell'adozione da parte della Commissione U.E. dei citati atti delegati e di esecuzione, continuano ad essere applicabili per le modalità procedurali in questione le disposizioni del citato Regolamento (CE) n. 607/2009 e del predetto D.M. 7 novembre 2012;
VISTO il D.M. 22.09.2011 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 235 dell'8.10.2011, con il quale è stata riconosciuta la Denominazione di Origine Controllata "Romagna", ed è stato approvato il relativo disciplinare di produzione;
VISTO il D.M. 30.11.2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale delle Repubblica italiana n. 295 del 20.12.2011 e sul sito internet del Mipaaf – Sezione Prodotti DOP e IGP – Vini DOP e IGP, concernente l'approvazione dei disciplinari di produzione dei vini DOP e IGP consolidati con le modifiche introdotte per conformare gli stessi alla previsione degli elementi di cui all'articolo 118 quater, paragrafo 2, del Regolamento (CE) n. 1234/2007 e l'approvazione dei relativi fascicoli tecnici ai fini dell'inoltro alla Commissione U.E. ai sensi dell'articolo 118 vicies, paragrafi 2 e 3, del Regolamento (CE) n. 1234/2007, ivi compreso il disciplinare consolidato ed il relativo fascicolo tecnico della DOC "Romagna";
VISTO il D.M. 7.03.2014, pubblicato sul citato sito del Ministero, con il quale è stato da ultimo aggiornato il disciplinare di produzione della predetta DOC;
VISTA la domanda presentata in data 2 settembre 2015, tramite la Regione Emilia–Romagna, dall'Ente Tutela Vini di Romagna, con sede in Faenza (RA), intesa ad ottenere la modifica del disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata dei vini "Romagna", nel rispetto della procedura di cui all'art. 10 del citato D.M. 7 novembre 2012; 
ATTESO che la richiesta di modifica in questione è stata esaminata, nell'ambito della procedura nazionale preliminare prevista dal citato D.M. 7 novembre 2012, articolo 10, comma 1 , conformemente alle disposizioni di cui all'articolo 118 octodecies, paragrafo 2, del Regolamento (CE) n. 1234/2007 e, in particolare:
- è stato acquisito, ai sensi dell'articolo 7, comma 5, del citato  D.M. 7 novembre 2012, il parere favorevole del Comitato nazionale vini DOP e IGP di cui all'articolo 16 del Decreto legislativo n. 61/2010, espresso nella riunione del 15 dicembre 2015 sulla predetta proposta di modifica del disciplinare di produzione;
- la citata proposta di modifica del disciplinare, ai sensi dell'articolo 8 del citato D.M. 7 novembre 2012, è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 6 del 9 gennaio 2016; 
- entro il termine previsto di 60 giorni dalla predetta data di pubblicazione non sono pervenute  istanze, contenenti osservazioni sulla citata proposta di modifica del disciplinare, da parte di soggetti interessati;
RITENUTO che è stata conclusa con esito positivo, nei termini sopra specificati, la procedura nazionale preliminare relativa all'esame della richiesta di modifica del disciplinare in questione e che la stessa richiesta risulta conforme alle condizioni stabilite nella parte II, titolo II, capo I, sezione 2 del Regolamento (UE) n. 1308/2013, e che pertanto sussistono i requisiti per procedere alla pubblicazione della proposta di modifica del documento unico e del disciplinare di produzione della DOP dei vini "Romagna", nonché per trasmettere alla Commissione UE la richiesta di modifica in questione;


D I S P O N E

ai sensi dell'articolo 9 del D.M. 7 novembre 2012 richiamato in premessa:
1) la pubblicazione sul sito internet del Ministero dell'allegata proposta di modifica del disciplinare di produzione della DOP dei vini "Romagna", così come consolidato con il D.M. 30 novembre 2011 e da ultimo modificato con il D.M. 7 marzo 2014 richiamati in premessa, e della relativa modifica al documento unico;
2) la trasmissione alla Commissione UE della richiesta di modifica in questione e della relativa documentazione, tramite il sistema di informazione messo a disposizione dalla Commissione UE, ai sensi dell'articolo 70 bis, paragrafo 1, lettera a) del Regolamento (CE) n.607/2009. Roma, 22/03/2016
IL DIRETTORE GENERALE
F.to Emilio Gatto


ALLEGATO
A) Proposta di modifica del disciplinare di produzione consolidato della DOP dei vini "Romagna"
( le modifiche sono evidenziate con la funzione Word "revisione" )


Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La Denominazione di Origine Controllata "Romagna" è riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione, per le seguenti tipologie, specificazioni aggiuntive o menzioni geografiche aggiuntive:
Albana spumante dolce (categoria Vino Spumante);
Cagnina;
Pagadebit, anche nella versione frizzante;
Pagadebit con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Bertinoro, anche nella versione frizzante;
Sangiovese, anche con la specificazione novello e riserva;
Sangiovese passito (categoria Vino);
Sangiovese superiore, anche con la specificazione riserva;
Sangiovese con una delle seguenti menzioni geografiche aggiuntive (sottozone):
Bertinoro, solo con la menzione riserva;
Brisighella, anche con la menzione riserva;
Castrocaro - Terra del Sole, anche con la menzione riserva;
Cesena, anche con la menzione riserva;
Longiano, anche con la menzione riserva;
Meldola, anche con la menzione riserva;
Modigliana, anche con la menzione riserva;
Marzeno, anche con la menzione riserva;
Oriolo, anche con la menzione riserva;
Predappio, anche con la menzione riserva;
San Vicinio, anche con la menzione riserva;
Serra, anche con la menzione riserva;
Trebbiano, anche nella versione frizzante e spumante.
1.2. Le menzioni geografiche aggiuntive (sottozone) "Bertinoro", "Brisighella", "Castrocaro – Terra del Sole", "Cesena", "Longiano", "Meldola", "Modigliana", "Marzeno", "Oriolo", "Predappio", "San Vicinio" e "Serra" sono disciplinati tramite allegati in calce al presente disciplinare. Salvo quanto espressamente previsto nei predetti allegati, per la produzione dei vini delle relative menzioni geografiche aggiuntive (sottozone) devono essere applicate le norme previste dal presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
2.1. I vini di cui all'art. 1 devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
"Romagna" Albana Spumante:
- Albana: minimo 95%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 5%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Cagnina:
- Terrano: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Pagadebit e "Romagna" Pagadebit Bertinoro:
- Bombino bianco: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Sangiovese:
- Sangiovese: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Sangiovese con una delle menzione geografiche aggiuntive (sottozone) definite nel presente disciplinare:
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia Romagna, fino ad un massimo del 5%.
"Romagna" Trebbiano:
- Trebbiano Romagnolo: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia Romagna.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Albana Spumante comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Provincia di Forlì-Cesena: comuni di Castrocaro Terme e Terra del Sole, Forlì, Forlimpopoli, Meldola, Bertinoro, Cesena, Montiano, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Longiano.
Per i comuni di Savignano sul Rubicone, Cesena, Forlimpopoli e Forlì, il limite a valle è così delimitato: comune di Savignano sul Rubicone: dalla SS 9 Via Emilia.
Comune di Cesena: dal confine con il comune di Savignano segue la SS 9 Via Emilia fino all'incontro di questa con Via Pestalozzi, segue questa e quindi Via Marzolino Primo fino alla ferrovia Rimini – Bologna che segue fino all'incontro con la SS 71 – bis, da questa prende per Via Comunale Redichiaro, per Via Brisighella poi di nuovo percorre la SS 71 – bis, segue quindi le Vie Vicinale Cerchia, S. Egidio, Via Comunale Boscone, Via Madonna dello Schioppo, Via Cavalcavia, Via D'Altri sino al fiume Savio e l'ippodromo comunale per ricongiungersi poi alla statale n. 9 Emilia a nord della città (km. 30,650) che percorre fino al confine con il comune di Bertinoro. 
Comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro segue la SS 9 fino all'incontro con Via S. Leonardo che segue fino all'incontro con la ferrovia Rimini – Bologna, indi prosegue lungo la stessa fino a ricongiungersi alla SS 9 che percorre fino al confine del comune di Forlì. 
Comune di Forlì: dal confine con il comune di Forlimpopoli segue la SS 9 fino all'incontro con Via G. Siboni, segue questa via e poi le Vie Dragoni, Paganella, T. Baldoni, Gramsci, Bertini, G. Orceoli, Somalia, Tripoli, Bengasi, Cadore, Monte S. Michele, Gorizia, Isonzo, da quest'ultima segue la ferrovia Rimini – Bologna fino al casello km. 59, poi per Via Zignola si ricongiunge a nord della città alla SS 9 che percorre fino al confine con il comune di Faenza.
Provincia di Ravenna: comuni di: Castel Bolognese, Riolo Terme, Faenza, Casola Valsenio, Brisighella.
Per i comuni di Faenza e Castel Bolognese il limite a valle è delimitato come segue:
Comune di Faenza: dal confine con il comune di Forlì dove questo incontra la SS 9 segue il predetto confine fino alla ferrovia Rimini – Bologna che percorre fino ad incontrarsi con l'argine sinistro del fiume Lamone, e poi per Via S. Giovanni e per le Vie Formellino, Ravegnana, Borgo S. Rocco, Granarolo, Proventa, S. Silvestro, Scolo Cerchia, Convertite, si ricongiunge a nord della città a detta ferrovia che segue fino al confine comunale di Castel Bolognese.
Comune di Castel Bolognese: dalla ferrovia Rimini – Bologna.
Provincia di Bologna: comuni di: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel San Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Imola e Ozzano dell'Emilia i limiti a valle sono i seguenti: 
Comune di Imola: dalla ferrovia Rimini – Bologna sino all'incrocio con la statale Selice, segue la stessa sino all'incontro con la Via Provinciale Nuova che segue fino a riprendere il proprio confine comunale all'ingresso della predetta strada nel comune di Castel Guelfo;
Comune di Ozzano dell'Emilia: dalla ferrovia Rimini – Bologna.
3.2. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Cagnina comprende i comuni appresso descritti:
Provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza e Riolo Terme;
Provincia di Forlì - Cesena: comuni di Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Forlì, Forlimpopoli, Longiano, Montiano, Modigliana, Dovadola, Predappio, Mercato Saraceno, Meldola, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Gatteo e San Mauro Pascoli.
3.3. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Pagadebit comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti.
Tale zona è così delimitata:
Provincia di Ravenna: Comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza e Riolo Terme.
Per i Comuni di Castel Bolognese e Faenza il limite a valle è dato dalla SS 9 Via Emilia;
Provincia di Forlì – Cesena: Comuni di Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Longiano, Meldola, Montiano, Predappio, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone.
Il limite a valle per i comuni di Bertinoro, Cesena, Forlì, Forlimpopoli, Longiano, Savignano sul Rubicone, è il seguente:
Comune di Bertinoro: SS 9, Via Emilia;
Comune di Cesena: dall'incrocio con il Comune di Bertinoro sulla SS 9 (Via Emilia) si segue detta statale fino ad incontrare la SP 51 che porta sino a S. Vittore. Poi per Via San Vittore ex 71 fino alla frazione S. Carlo. Indi per Via Castiglione, Via Roversano S. Carlo, Via Comunale Roversano, Via IV Novembre fino a ritornare di nuovo sulla SS 9 (Via Emilia). Si prosegue di nuovo per detta strada statale verso Rimini sino ad incontrare la Via Ca' Vecchia. Poi per Via Montiano e per Via Malanotte sino al confine con il comune di Longiano;
Comune di Forlì: dal confine con il comune di Faenza sulla Via Emilia, si segue il rio Cosina sino al ponte della Bariletta sulla Via del Passo, indi per la stessa Via del Passo sino ad incontrare la Via Castel Leone che si percorre totalmente. Quindi per Via Ossi sino a Villagrappa, poi per Via del Braldo fino a Villa Rovere. Si imbocca poi la SS 67 verso Firenze sino alla frazione Terra del Sole. 
Quindi si ritorna verso Forlì dopo aver percorso Via Ladino, per la SP 56 sino ad incontrare la Via dell'Appennino (SS 9 ter) che si segue attraversando S. Martino in Strada. Nei pressi dell'uscita dal paese si imbocca la Via Monda, indi per Via Crocetta sino all'incrocio con la SP 4 del Bidente, km 4,100, che si segue fino ad incontrare la SP 37. Lungo questa fino al confine tra i comuni di Forlì e Bertinoro sul fiume Ronco;
Comune di Forlimpopoli: dal confine con il Comune di Bertinoro e Forlì, sulla SP 37, si segue quest'ultima in direzione di Forlimpopoli sino ad incontrare il rio Ausa, che si segue sino a ritornare sul confine tra i comuni di Bertinoro e Forlimpopoli;
Comune di Longiano: dall'incrocio con il comune di Cesena sulla Via Malanotte si prosegue fino a Badia. Poi per Via Cesena, Via Badia e Via Fratta passando per Cà Turchi e Cà Won Willer. Indi per Via Massa, che passando per le frazioni Massa, Bolignano, La Crocetta conduce fino al confine con il Comune di Savignano sul Rubicone in località Cà Ugolini;
Comune di Savignano sul Rubicone: dal confine con il comune di Longiano sulla Via Massa, si segue detto confine di comune indi Via Scodella, Via (Vecchia) Rio Salto sino ad incontrare il confine di comune con Sant'Arcangelo di Romagna, dopo aver percorso la Via Seibelle J.;
provincia di Rimini: comuni di Coriano, Misano Adriatico, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Rimini, Sant'Arcangelo di Romagna, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Torriana, Verucchio.
Il limite a valle per i comuni di Misano Adriatico, Rimini, Sant'Arcangelo di Romagna è il seguente:
Comune di Misano Adriatico: dal confine con il comune di Riccione sulla Via Capronte si prosegue per quest'ultima sino alla Via Grotta. Poi per Via Fontacce sino ad incontrare la SP 35 (Riccione Tavoletto). Indi per quest'ultima sino alla frazione Cella Simbeni. Poi per Via S. Giovanni sino al fiume Conca sul confine tra i comuni di Misano Adriatico e San Giovanni in Marignano;
Comune di Rimini: dal confine con il comune di Sant'Arcangelo di Romagna sulla statale Via Marecchiese si prosegue verso Rimini sino ad incontrare l'autostrada Bologna - Rimini che si segue sino ad incontrare il confine con il Comune di Riccione.
Comune di Sant'Arcangelo di Romagna: dal confine con il comune di Savignano sulla Via Seibelle J. si prosegue per detto confine, in direzione Canonica sino ad incontrare la Via Rio Salto e la frazione Canonica. Indi per Via Canonica, SP 13 sino ad incontrare il confine di comune che si segue fino sul fiume Marecchia. Lungo detto corso fino all'incontro con la trasversale Marecchia. 
Poi per Via Marecchia fino ad un nuovo incontro con il confine di comune. 
3.2 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Pagadebit con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Bertinoro comprende l'area di seguito delimitata:
Partendo dall'incrocio, a Forlimpopoli, tra la Via Armando Diaz e la SS 9 Via Emilia, si segue tale Statale in direzione Est sino ad incrociare la Via Settecrociari che si percorre fino alla frazione S. Vittore; ci si innesta poi sulla Via S. Vittore, la si segue sino ad incontrare Via Montebellino lungo la quale si prosegue in direzione Formignano; indi per Via Formignano sino all'incrocio per Teodorano; si continua a destra per la strada Teodorano - Montecavallo sino a Teodorano; poi per la strada Meldola - Teodorano fino a Meldola; quindi si prosegue per Via Meldola per Fratta; prima di Fratta Terme si gira a sinistra per Via Monte Fratta comprendendo l'intera collina; indi si prosegue fino a Via Tro Meldola fino all'incrocio con Via Meldola per ritornare al punto di partenza, sulla SS 9 Via Emilia, Via Meldola e Via Armando Diaz.
3.4. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Sangiovese comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Provincia di Forlì – Cesena: comuni di Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Galeata, Longiano, Meldola, Mercato Saraceno, Modigliana, Montiano, Portico – San Benedetto, Predappio, Rocca San Casciano, Roncofreddo, S. Sofia, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone, Sorbano - Sarsina, Tredozio.
Per i comuni di Cesena, Bertinoro, Forlimpopoli, Forlì, Montiano e Savignano sul Rubicone il limite a valle è così delimitato:
comune di Cesena: dal confine con il comune di Savignano segue la SS 9 fino all'incrocio di questa con via Pestalozzi, segue questa e quindi via Marzolino Primo fino alla ferrovia Rimini - Bologna, che segue fino all'incontro con la SS 71 -bis, da questa prende per via Comunale Redichiaro, per via Brisighella poi di nuovo percorre la SS 71 -bis, segue quindi le vie: Vicinale Cerchia, S. Egidio, via Comunale Boscone, via Madonna dello Schioppo, via Cavalcavia, via D'Altri sino al fiume Savio e l'ippodromo comunale, per ricongiungersi poi alla statale n. 9 Emilia a nord della città (km 30,650) che percorre fino al confine con il comune di Bertinoro;
comune di Bertinoro: SS 9 via Emilia; 
comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro segue la statale n. 9 fino all'incontro con Via S. Leonardo, che segue fino all'incontro con la ferrovia Rimini - Bologna, indi prosegue lungo la stessa fino a ricongiungersi alla SS 9 che percorre fino al confine del comune di Forlì;
comune di Forlì: dal confine con il comune di Forlimpopoli segue la SS 9 fino all'incontro con via G. Siboni, segue quindi questa via e poi le vie: Dragoni, Paganella, T. Baldoni, Gramsci, Bertini, G. Orceoli, Somalia, Tripoli, Bengasi, Cadore, Monte S. Michele, Gorizia, Isonzo, da questa ultima segue la ferrovia Rimini - Bologna fino al casello km 59 poi per via Zignola si ricongiunge a nord della città alla SS 9 che percorre fino al confine col comune di Faenza;
comuni di Montiano e Savignano sul Rubicone: dalla SS 9 via Emilia.
Provincia di Rimini: comuni di Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino, Monte Colombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Riccione, Rimini, Saludecio, S. Arcangelo di Romagna, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Torriana, Verucchio.
Per i comuni di Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Rimini, S. Arcangelo di Romagna, il limite a valle è così delimitato:
comuni di Cattolica, Misano Adriatico e Riccione: dalla SS 16 Adriatica;
comune di Rimini: dal confine col comune di Riccione segue la SS 16 Adriatica sino all'incrocio con la SS 9 Emilia e segue questa strada fino al confine col comune di S. Arcangelo di Romagna;
comune di S. Arcangelo di Romagna, dalla SS 9 via Emilia.
Provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza, Riolo Terme.
Per i comuni di Faenza e Castel Bolognese, il limite a valle è così delimitato:
comune di Faenza: dal confine col comune di Forlì dove questo incontra la SS 9 segue il predetto confine fino alla ferrovia Rimini - Bologna che percorre fino ad incontrarsi con l'argine sinistro del fiume Lamone e poi, per via S. Giovanni e per le vie: Formellino, Ravegnana, Borgo S. Rocco, Granarolo Provelta, S. Silvestro, Scolo Cerchia, Convertite, si ricongiunge a nord della città a detta ferrovia che segue fino al confine comunale di Castel Bolognese;
comune di Castel Bolognese: dalla ferrovia Rimini – Bologna.
Provincia di Bologna: comuni di Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Castel S. Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Imola e Ozzano dell'Emilia il limite a valle è così delimitato:
Comune di Imola: dalla ferrovia Rimini - Bologna sino all'incrocio con la statale Selice, segue la stessa sino all'incontro con la via Provinciale Nuova che segue sino a riprendere il proprio confine comunale all'ingresso della predetta strada nel comune di Castel Guelfo;
comune di Ozzano dell'Emilia: dalla ferrovia Rimini-Bologna.
4.2. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Bertinoro, solo con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Partendo dall'incrocio, a Forlimpopoli, tra la Via Armando Diaz e la SS 9 Via Emilia, si segue tale Statale in direzione Est sino ad incrociare la Via Settecrociari che si percorre fino alla frazione S. Vittore; ci si innesta poi sulla Via S. Vittore, la si segue sino ad incontrare Via Montebellino lungo la quale si prosegue in direzione Formignano; indi per Via Formignano sino all'incrocio per Teodorano; si continua a destra per la strada Teodorano – Montecavallo sino a Teodorano; poi per la strada Meldola - Teodorano fino a Meldola; quindi si prosegue per Via Meldola per Fratta; prima di Fratta Terme si gira a sinistra per Via Monte Fratta comprendendo l'intera collina; indi si prosegue fino a Via Tro Meldola fino all'incrocio con Via Meldola per ritornare al punto di partenza, sulla SS 9 Via Emilia, Via Meldola e Via Armando Diaz.
4.3 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Brisighella", anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comprende parte dei Comuni di Brisighella, Faenza e Casola Valsenio. Dal limite nord-est della zona delimitata, in località Budrio si segue il confine amministrativo tra i comuni di Casola Valsenio e Riolo Terme in direzione est; si continua seguendo i confini amministrativi tra il comune di Brisighella e Riolo Terme in direzione nord-est e si prosegue seguendo i confini amministrativi tra i comuni di Faenza e Castel Bolognese fino ad arrivare ad incrociare la via provinciale Tebano Villa Vezzano nei pressi della chiesa di Tebano. Da qui verso sud-est fino a Casale. Si prosegue in direzione sud lungo la strada provinciale, fino ad incrociare la Statale Brisighellese che si percorre in direzione sud fino alla frazione di Errano dove si prosegue per via Chiusa di Errano e poi sulla Provinciale Canaletta di Sarna in direzione sud est fino ai pressi di Villa Gessi. Si prosegue su via Canaletta di Sarna verso sud sino al confine amministrativo fra i comuni di Faenza e Brisighella nei pressi della chiesa di Sarna. Si procede sul confine dei sopradetti confini comunali verso sud est sino ad incrociare la via Pian di Vicchio che si percorre in direzione sud-ovest, poi si attraversa la strada provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato "Sentiero di Monte Gebolo", per arrivare alla località "Ca' Raggio" nei pressi del lago aziendale dove si prosegue per la località "Casa Ergazzina" poi in direzione sud-ovest in via Bicocca per poi proseguire lungo la carraia denominata "Ca' di La'" poi case Soglia e Soglietta fino ad arrivare sul ponte del torrente Marzeno. Si prosegue per detto torrente in direzione sud-est fino ad arrivare al confine della provincia di Ravenna con quella di Forlì – Cesena dove si segue in direzione ovest. Si prosegue
lungo il confine delle due provincie fino ad arrivare alla strada consorziale di Lago. Da qui in direzione sud-ovest si oltrepassa la chiesa di Valpiana sino ad incrociare la strada Statale Brisighellese nei pressi di S. Eufemia; segue la strada suddetta, in direzione nord verso Brisighella. 
Attraversa il fiume Lamone prima del passaggio a livello e continua, in direzione nord-est, lungo la strada consorziale per Santa Maria in Purocielo. Oltrepassata S. Maria in Purocielo , prosegue in direzione nord-est lungo la strada forestale elle Lagune fino alla Casa delle Lagune dove riprende a proseguire in direzione nord-ovest, attraversa Ca' Braghetto, il Tre, Donegaglia e dopo aver attraversato il torrente Sintria prosegue in direzione sud ovest lungo la strada consorziale Zattaglia – Monte Romano fino alla località Casetto dove continua in direzione nord-ovest sulla strada di S. Andrea e dopo aver attraversato Casone della Casa, Albergo, Pagnano, Soglia ed il fiume Senio, si immette sulla Statale Casolana, che si percorre in direzione nord verso Riolo Terme fino ad immettersi sulla strada provinciale per Fontanelice; da qui prosegue in direzione nord-est fino ad oltre il cimitero di Prugno per proseguire lungo la strada vicinale in direzione nord-ovest verso Ca' Bosco fino ad incrociare il confine di provincia tra Bologna e Ravenna; segue, quindi in direzione nord est il confine predetto fino alla località Budrio, punto dal quale la delimitazione ha avuto inizio.
4.4. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Castrocaro - Terra del Sole, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Comprende gli interi territori amministrativi dei Comuni di Rocca San Casciano, Dovadola, Castrocaro Terme e Terra del Sole e la seguente parte del Comune di Forlì: dall'incrocio di Via Borsano (SP 57) con Via del Tesoro, si procede per Via Tomba in direzione Massa, poi ancora per Via del Tesoro. Da questa si prosegue per Via Braga fino a rientrare in Via del Partigiano (SP 56). Si continua in direzione Forlì fino all'incrocio con Via del Gualdo, svoltando a sinistra su quest'ultima (SP 141) e proseguendo per Via Ossi. All'incrocio con Via Scaletta, a sinistra, si procede per quest'ultima fino a raggiungere Via Campagna di Roma, quindi ancora a sinistra e poi a destra per Via Framonta fino a Via Ciola, sita nel territorio del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole.
4.5. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Cesena, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
A valle il limite è stabilito dalla SS 9 via Emilia, dal confine del comune di Bertinoro all'incrocio con la via Ca' Vecchia, ad est con la suddetta via Cà Vecchia fino all'abitato di Calisese che si attraversa, si imbocca la via Calisese e si prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre fino all'incrocio con la via Fageto che si percorre fino all'incrocio con la via Rudigliano e questa attraverso l'abitato di Ardiano fino all'incrocio con la SP 75 e per questo fino all'incrocio con la SP 138, indi fino all'abitato di Borello che si attraversa fino all'imbocco della SP 48 per l'abitato di Luzzena che si attraversa e sempre lungo la SP 48 fino all'incrocio con la strada comunale per l'abitato di Formignano che si attraversa e per la via Comunale Montebellino si incrocia la via San Carlo e si attraversa l'abitato di San Carlo e per la Via San Vittore fino all'abitato di San Vittore nel
cui centro si devia per la SP 51 che si percorre fino alla località Diegaro; indi per la SS 9 via Emilia fino al confine con il comune di Bertinoro.
4.6. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Longiano, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Sono compresi gli interi territori amministrativi dei comuni di Montiano e Borghi. Il confine a valle per i Comuni di Longiano e Savignano sul Rubicone è delimitato dalla SS 9 via Emilia; ad ovest dal confine del comune di Longiano con il comune di Cesena si imbocca la via Cà Vecchia e si prosegue verso sud fino all'abitato di Calisese che si attraversa, si imbocca la via Calisese e si prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre fino all'incrocio con la via Fageto percorsa fino all'incrocio con la via Rudigliano ed attraverso l'abitato di Ardiano si prosegue fino all'incrocio con la via Garampa (SP 75) e per via Garampa fino all'abitato di Montecodruzzo da cui si discende fino al torrente Ansa e si risale in località Ca' di Quagliotto e si prosegue per la SP 11 attraversando gli abitati di Montegelli, Rontagnano, Barbotto e Savignano di Rigo fino al confine Regionale e del comune di Sarsina. Ad est dal confine con la provincia di Rimini sulla SS 9 via Emilia in località Ponte di Mezzo lungo il confine con la provincia di Rimini verso sud fino all'incrocio con il confine regionale e lungo questo fino all'incrocio con il confine del comune di Sarsina con la via Savignano di Rigo – Cicognaia (E/R) via Decio Raggi (Marche).
4.7. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Meldola, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Da Meldola si segue il confine della menzione geografica aggiuntiva Predappio sino al confine con il comune di S. Sofia; quindi per la SP 4 sino a S. Sofia; poi per via Spinello e le SP 96 e 127 sino a Civorio; quindi per la SP 95 sino a incontrare il confine della menzione geografica aggiuntiva San Vicinio che si segue per ritornare a Meldola lungo i confini della menzione geografica aggiuntiva Bertinoro.
4.8. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Modigliana, anche con la menzione riserva, comprende l'intero territorio amministrativo del Comune di Modigliana.
4.9. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Marzeno, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Confine Nord: si parte dalla SP 16 all'altezza di Via Bertella (riferimento ex scuole di Rivalta) proseguendo fino a Via Cornacchia. La si percorre fino all'incrocio con Via Tuliero all'altezza del civico 144. Si prosegue su Via Tuliero in direzione Sud verso Sarna, comprendendo il foglio di mappa 220. Si arriva in Via Sarna e la si percorre in direzione Brisighella fino al confine amministrativo di Brisighella. Ad Ovest ci si raccorda alla Via Pian di Vicchio e si prosegue fino all'incrocio con la Strada Provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato "Sentiero di Monte Gebolo", per arrivare alla località Cà Raggio, nei pressi del Lago Aziendale dove si prosegue per la località Casa Ergazzina, poi in direzione Sud-Ovest in Via Bicocca e di qui a seguire fino all'innesto con la Provinciale Faentina. Si prosegue in direzione Modigliana fino all'incrocio con Via Ceparano che segna il confine Sud. Si percorre tutta la Via Ceparano, che rappresenta il confine Sud – Est fino all'innesto con Via Albonello in corrispondenza dei Poderi Padernone, Paterna e Laguna. Da Via Albonello, attraverso il Rio Albonello, ci si raccorda a Via Gabellotta e da questa si prosegue in direzione Nord su Via Pietramora. Il confine a Est parte da Via Uccellina che si raccorda a Via Canovetta e prosegue su Via Samoggia fino a Via Sandrona e poi continua fino all'innesto con Via Pietramora, nei pressi dell'incrocio con Via Albonello. 
4.10 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Oriolo, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Comune di Faenza: dall'incrocio della Via S. Lucia con la SS 9 Via Emilia, si prosegue per tale Statale sino ad incontrare la Via del Braldo in località Villanova; indi per detta via sino al confine amministrativo del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole, che si segue fino al confine tra le province di Ravenna e Forlì – Cesena. Si prende quindi per Via Urbiano, Via Samoggia e Via S. Lucia per ricongiungersi con la SS 9 Via Emilia a Faenza.
4.11. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Predappio, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Comprende tutto il territorio del Comune di Predappio. Ad esso vanno aggiunte porzioni dei Comuni limitrofi di Forlì, Meldola, Civitella di Romagna e Galeata.
Tale territorio è così identificato: all'estremità settentrionale la zona è delimitata dal confine col Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole fino all'imbocco di via Tomba, e dalle vie Tomba, del Tesoro, Castel Latino, del Partigiano fino a Viale dell'Appennino (SP 3 del Rabbi, ex SS 9 ter). 
La fascia aggiuntiva rispetto al territorio comunale di Predappio risulta in seguito delimitata da via Monda (imboccata in località San Martino in Strada) e dalla SP 4 – ex SS 310 (detta Bidentina).
Raggiunto il comprensorio di Meldola, seguendo il percorso del fiume Bidente, passando per San Colombano e raggiungendo la località Gualdo, il territorio della sottozona di Predappio si espande fra la SP 4, la Strada delle Villette fino a raggiungere la Chiesa di Badia S. Paolo in Aquilano. Si imbocca poi la Strada Vicinale Prati – Tomba fino a raggiungere la SP 68 (Cusercoli – Voltre) fino all'intersezione con il torrente Sarsina (confine naturale). Da qui si sale poi verso il Podere Canova – Sasina per immettersi nella strada che porta da un lato a Bonalda e dall'altro a Monte Aglio. Da Monte Aglio si scende fino ad arrivare all'incrocio con la SP 4. Girando a sinistra si segue la SP 4 per Nespoli, si raggiunge Civitella di Romagna fino a Galeata e proseguendo, oltre la località Pianetto, fino al confine con il comune di Santa Sofia.
La linea prosegue identificandosi con il confine fra il territorio comunale di Galeata e quelli – da un lato – di Santa Sofia e Premilcuore (lungo il crinale che congiunge i monti Calcinari e Altaccio) e – dall'altro, al di là dell'intersezione con la SP 3 del Rabbi – di Rocca San Casciano. Il tutto sino ad intersecare la linea del confine comunale di Predappio.
4.12 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) San Vicinio, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata: 
Comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di Mercato Saraceno e Sarsina ed i territori dei comuni di Roncofreddo, Sogliano al Rubicone e Cesena così rispettivamente delimitati: in comune di Roncofreddo dal confine comunale con il comune di Cesena lungo la SP 138 fino al confine comunale con il comune di Sogliano al Rubicone, si risale il torrente Ansa per via Ansa ed al suo termine si prosegue fino ad incontrare l'abitato di Montecodruzzo; da Montecodruzzo si procede per via Garampa in Monteaguzzo fino al confine di Comune con il Comune di Cesena, seguendo verso valle detto confine si ritorna sulla SP 138 al confine del comune con il comune di Cesena.
Inoltre la porzione del territorio del comune di Roncofreddo compreso fra l'incrocio del confine del comune di Roncofreddo con la SP 75, lungo questa fino all'incrocio con la via Garampa; in Monteaguzzo e per questa fino all'incrocio con il confine del comune di Cesena lungo la via Garampa indi si discende seguendo detto confine fino alla SP 75.
In comune di Sogliano al Rubicone dal confine del comune di Roncofreddo lungo la SP 138 fino al confine di comune con il comune di Mercato Saraceno in località Cella; indi si prosegue per detto confine di comune fino ad incrociare la via Paderno, si prosegue per via Paderno, indi da Case il Pianetto lungo il confine comunale si risale fino ad incrociare via Palareto in località Case Monte; 
indi per il confine comunale fino all'incrocio con la SP 11 via Barbotto, che si percorre attraverso
gli abitati di Rontagnano e Montegelli fino alla località Cà di Quagliotto, indi lungo il confine
comunale si discende lungo il torrente Ansa e la via Ansa fino all'incrocio di questa con la SP 138
in corrispondenza del confine con il comune di Roncofreddo.
13
In comune di Cesena dall'incrocio della SP 138 con la SP 75 indi per questa si risale fino al confine
di Comune con il comune di Roncofreddo; per detto confine si prosegue fino ad incrociare la via
Garampa in Monteaguzzo e per questa si prosegue fino ad incontrare nuovamente il confine con il
comune di Roncofreddo e lungo questo si discende a valle fino all'incrocio con la SP 138 nei pressi
del cimitero di Gualdo; indi per la SP 131 si prosegue fino all'incrocio con la SP 75 ed inoltre, in
comune di Cesena, dall'imbocco della SP 48 in Borello si prosegue per detta SP attraverso l'abitato
di Luzzena, fino alla località Montecavallo, indi per via Casalbono si raggiunge località Il Palazzo,
indi la frazione S. Matteo ove si imbocca la SP 78 che si segue fino al confine del comune di
Cesena con il comune di Sarsina.
4.13 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine
controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Serra, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale
zona è così delimitata:
Dall'incrocio, a Castel Bolognese, tra la SS 9 Via Emilia e la SS 306 Via Casolana, si segue
quest'ultima sino ad incontrare Via Kennedy; indi per via Ghinotta fino ad incrociare Via
Biancanigo che si percorre sino a Via Boccaccio; per quest'ultima sino al Fiume Senio che si segue
finché non si incontra il confine amministrativo tra i Comuni di Riolo Terme e Brisighella. Si
prosegue su tale confine sino all'incrocio con Via Tomba; indi per Via Pediano, Via Chiesa di
Pediano, Via Bergullo e Via dei Colli sino alla SS 9 Via Emilia che si percorre fino a ritornare
all'incrocio, all'ingresso di Castel Bolognese, con la SS 306 Via Casolana.
3.5. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Trebbiano comprende in tutto o in parte i comuni appresso
descritti. Tale zona è così delimitata:
Provincia di Bologna: comuni di: Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Castel Guelfo, Castel S.
Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Mordano, Medicina, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Ozzano dell'Emilia, Medicina, Castel Guelfo, Imola, il limite a valle è così
delimitato:
comune di Ozzano dell'Emilia: dalla ferrovia Rimini - Bologna;
comune di Medicina: dal confine con il comune di Ozzano dell'Emilia segue la SP 253 sino
all'incrocio con la via del Piano che segue e poi per via del Lavoro, via del Canale, via S. Rocco per
ricongiungersi alla provinciale n 253 San Vitale;
comune di Castel Guelfo: dalla provinciale n 253 San Vitale;
comune di Imola: dalla provinciale n 253 San Vitale.
Per i comuni di Fontanelice e Casal Fiumanese il limite a monte è così delimitato:
comune di Fontanelice: dall'incrocio della strada Renana con il confine di provincia BolognaRavenna, si prosegue per la suddetta strada sino a via D. Alighieri; poi per la SP 610 di Fontanelice
che si percorre sino al km 16,950 per imboccare poi la via Gesso. Si segue quest'ultima sino ad
incrociare il confine del comune;
comune di Casal Fiumanese: dalla mulattiera che passando per Cà Salara congiunge i confini di
Fontanelice e Castel S. Pietro Terme.
Provincia di Forlì - Cesena: comuni di: Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole,
Cesena, Cesenatico, Civitella di Romagna, Forlì, Forlimpopoli, Gambettola, Gatteo, Longiano,
Meldola, Modigliana, Montiano, Predappio, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Savignano sul
Rubicone.
Per i comuni di Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, il limite a valle è così
delimitato:
14
comune di Gatteo: dal confine con il comune di Cesenatico, sulla via Cesenatico, si segue
quest'ultima sino all'incrocio con l'autostrada A14 Bologna - Rimini in località S. Angelo presso
Casa Bertorri. Quindi lungo l'autostrada sino ad incontrare il confine del comune di Savignano sul
Rubicone;
comune di San Mauro Pascoli: dall'autostrada A14 Bologna – Rimini;
comune di Savignano sul Rubicone: dall'autostrada A14 Bologna – Rimini;
comune di Cesenatico: sono compresi i territori a monte dell'area così delimitata: da Montaletto,
all'incrocio tra le province di Ravenna e Forlì – Cesena, si segue via S. Pellegrino e poi per via
Campone Sala fino alla frazione Sala; quindi per via Cesenatico fino ad incrociare il confine con il
comune di Savignano sul Rubicone.
Provincia di Rimini: comuni di Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino,
Montecolombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio
Berni, Riccione, Rimini, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Saludecio, Sant'Arcangelo di
Romagna, Torriana, Verucchio.
Per i comuni di Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Rimini, il limite a valle è così delimitato:
Comune di Cattolica: dalla SS 16 Adriatica;
Comune di Misano Adriatico: dalla SS 16 Adriatica;
Comune di Riccione: dalla SS 16 Adriatica;
Comune di Rimini: dall'incrocio dell'autostrada A14 Bologna - Rimini con il fiume Uso (confine tra
i comuni di San Mauro Pascoli e Rimini), si segue detta autostrada sino all'incrocio con la SS 9 via
Emilia in località S. Giustina presso il cimitero. Si continua per la statale sino al fiume Marecchia,
che si segue sino ad incontrare la ferrovia Bologna – Rimini. Indi lungo quest'ultima fino
all'incontro con il torrente Ausa che si segue sino all'incrocio con la SS 16 Adriatica. Poi per detta
statale fino al confine con il comune di Riccione;
Provincia di Ravenna: comuni di: Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Brisighella, Casola
Valsenio, Castel Bolognese, Cotignola, Faenza, Lugo, Massalombarda, Riolo Terme, Russi,
Ravenna, S. Agata sul Santerno, Solarolo.
Per i comuni di Bagnacavallo, Lugo, Massalombarda, Russi, S. Agata sul Santerno, il limite a valle
è così delimitato:
Comune di Bagnacavallo: dal confine con il comune di Lugo segue la SP 253 San Vitale sino
all'incrocio con la via Bagnoli Inferiore che segue poi per le vie: Pieve Masiera, Circonvallazione
Fossa, Stradello, Rotondi, Guarno, Colombaia, sinistra canale Inferiore sino al Km 17, destra canale
Inferiore, Strada Cogollo, Forma, vicolo privato, per ricongiungersi poi alla SP 253 San Vitale al
Km 57;
Comune di Lugo: dal confine con il comune di S. Agata sul Santerno segue la SP 253 San Vitale
sino all'incrocio con la via Bedazzo che segue poi le vie: Piratello, Delle Tombe, S. Andrea,
provinciale Quarantola, Piratello Viola, sino a ricongiungersi alla SP 253 San Vitale;
comune di Massalombarda: dal confine con la provincia di Bologna si segue la SP 253 San Vitale
sino all'incrocio con il viale della Repubblica che segue, e poi per le vie: 1° Maggio, Fornace,
Punta, Bagnarolo, Nuova, Cimitero, sino all'incrocio con la ferrovia Bologna – Ravenna che segue
sino ad incontrare di nuovo la SP 253 San Vitale;
Comune di Russi: dal confine con il comune di Bagnacavallo segue la SP 253 San Vitale sino
all'incrocio con la via Faentina che segue attraversando l'abitato di Godo (via Faentina Nord) e poi
per via Fringuellina, via Del Godo, via Fringuellina Nuova, via Naldi e via Molinaccio sino al
confine con il comune di Ravenna;
Comune di S. Agata sul Santerno: dal confine con il comune di Massalombarda si segue la SP 253
San Vitale sino all'incrocio con la via Bel Fiore e poi per via Angiolina e argine sinistro fiume
Santerno sino ad incrociare di nuovo la SP 253 San Vitale;
15
comune di Ravenna: sono compresi i territori a monte dell'area così delimitata: dal confine con il
comune di Russi la linea di delimitazione segue, verso est, la strada di Godo - San Marco fino a
raggiungere la SS 67 Tosco Romagnola. Segue detta strada statale, verso sud, sino al km 207,800 e
poi attraversando il fiume Ronco per via Gambellara sino a San Pietro in Vincoli. Quindi per via del
Sale e poi per la provinciale del Dismano in direzione sud fino al km 20,500, indi per via Civinelli e
via Mensa fino a Matelica, quindi per via Salaria e via Crociarone fino a Pisignano e poi per via
Confine sino ad incrociare il confine tra le province di Ravenna e Forlì-Cesena, che segue fino a
Montaletto.
Per i comuni di Brisighella e Casola Valsenio il limite a monte è così delimitato:
comune di Brisighella: dalla località Zattaglia in direzione est lungo la strada Valletta-Zattaglia sino
ad incrociare la via Firenze che si attraversa per poi immettersi nella strada privata Tredozi Paolo
che si segue fino ad incontrare il fiume Lamone. Indi lungo quest'ultimo sino alla confluenza con il
torrente Ebola che si segue sino all'incrocio con il confine tra le province di Forlì-Cesena e
Ravenna;
comune di Casola Valsenio: dal confine tra le province di Bologna e Ravenna lungo la strada
Renana, si segue quest'ultima fino alla località Prugno. Poi per via del Corso e via Macello fino ad
incontrare la SS 306 che si segue fino all'incrocio con la via Santa Martina. Indi si attraversa la
piazza della Chiesa e per via Meleto si prosegue fino ad incontrare il fiume Senio. Si prosegue
quest'ultimo sino all'incontro con la strada Valletta - Zattaglia che si percorre fino ad incontrare il
confine tra i comuni di Brisighella e Casola Valsenio in località Zattaglia.
Nella zona di produzione è compresa l'Isola di Savarna delimitata come appresso: partendo dalla
località "La Cilla" la linea di delimitazione segue verso est il canale di bonifica destra del Reno fino
a raggiungere la strada S. Alberto – Ravenna, in prossimità del km 13,500. Ripiega verso ovest e
segue, attraversando la bonifica di Valle Mezza Cà, il tracciato della vecchia ferrovia fino al C.
Berbarella. Da questo punto segue, verso ovest, la strada di bonifica che passando per C. Graziani,
raggiunge la strada Mezzano-S. Alberto, in prossimità della località Grattacoppa. Prosegue, verso
nord, per quest'ultima strada, fino a raggiungere la località "La Cilla" punto di inizio della
delimitazione.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui
all'art. 1 devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve ed al
vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità. In particolare sono da considerarsi idonei i
terreni collinari, pedecollinari e, fra quelli della zona di pianura delimitata, i sabbiosi – argillosi
anche profondi ma piuttosto asciutti, mentre sono da escludere i terreni alluvionali ad alto tenore
idrico e quelli di recente bonifica.
4.2. I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino. Per i
vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Trebbiano, "Romagna" Pagadebit,
"Romagna" Pagadebit Bertinoro, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 2.500 ceppi per
ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese,
"Romagna" Sangiovese novello, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 3.300 ceppi per
ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese superiore,
la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 3.700 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo
impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese con una delle menzioni geografiche
aggiuntive (sottozone) di seguito riportate, Bertinoro, Brisighella, Castrocaro - Terra del Sole, Cesena,
Longiano, Meldola, Modigliana, Marzeno, Oriolo, Predappio, San Vicinio, Serra, la densità minima di
piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre
16
uve per la DOC "Romagna" Cagnina, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 3.300 ceppi
per ettaro.
4.3. É vietata ogni pratica di forzatura. È ammessa l'irrigazione di soccorso.
4.4. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna", di
cui all'art. 1, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Albana spumante 9 13% vol
16% vol dopo l'appassimento
"Romagna" Cagnina 13 10,5% vol
"Romagna" Pagadebit 14 10,5% vol
"Romagna" Pagadebit Bertinoro 14 11,50 vol
"Romagna" Sangiovese 12 11,5% vol
"Romagna" Sangiovese novello 12 11% vol
"Romagna" Sangiovese passito 12 11,5% vol
"Romagna" Sangiovese superiore 10,5 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Brisighella 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Brisighella riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Cesena 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Cesena riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Longiano 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Longiano riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Marzeno 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Marzeno riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Meldola 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Meldola riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Modigliana 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Modigliana riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Oriolo 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Oriolo riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Predappio 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Predappio riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese San Vicinio 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva 8 13 vol
"Romagna" Sangiovese Serra 9 12,5 vol
"Romagna" Sangiovese Serra riserva 8 13 vol
"Romagna" Trebbiano 14 11% vol
"Romagna" Trebbiano frizzante 14 10% vol
"Romagna" Trebbiano spumante 14 10% vol.
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
17
4.5. Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione dei vini a
Denominazione di Origine Controllata "Romagna" definiti all'art.1 del presente disciplinare di
produzione, devono essere riportati nei limiti di cui al comma 4.14.4. purché la produzione globale
non superi del 20% i limiti medesimi.
4.6. La Regione Emilia Romagna, con proprio decreto, su proposta del Consorzio, sentite le
organizzazioni di categoria interessate, di anno in anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle
condizioni ambientali di coltivazione, può stabilire un limite massimo di produzione rivendicabile
di uva per ettaro inferiore a quello fissato dal presente disciplinare di produzione, dandone
immediata comunicazione al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ed
all'organismo di controllo.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Le operazioni di vinificazione, ivi comprese le operazioni di elaborazione delle tipologie
spumanti e frizzanti, ossia le pratiche enologiche per la presa di spuma e per la stabilizzazione,
devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione delimitata nel precedente art. 3
secondo gli usi tradizionali della zona stessa.
1.2. Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, é consentito che le
operazioni di cui al comma 1.1. siano effettuate:
- per il vino DOC "Romagna" Albana spumante, anche nell'ambito dell'intero territorio delle
province di Forlì – Cesena, Ravenna e per la provincia di Bologna nei Comuni di Borgo
Tossignano, Casalfiumanese, Castel S. Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola e Ozzano
Emilia;
- per il vino DOC "Romagna" Cagnina, nell'intero territorio delle province di Forlì - Cesena e
Ravenna;
- per il vino DOC "Romagna" Pagadebit, nell'intero territorio delle province di Forlì - Cesena,
Ravenna e Rimini;
- per i vini DOC "Romagna" Sangiovese, "Romagna" Sangiovese superiore e per i vini DOC
"Romagna" Trebbiano, nell'ambito dell'intero territorio delle province di Bologna, Forlì - Cesena,
Ravenna e Rimini;
- per i vini DOC "Romagna" Sangiovese designato con una delle menzioni geografiche aggiuntive
(sottozona) di cui all'articolo 1, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata
(cantine sociali), nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forlì - Cesena e Rimini;
- per i vini DOC "Romagna" Sangiovese designato con una delle menzioni geografiche aggiuntive
(sottozona) di cui all'articolo 1, limitatamente ai vinificatori acquirenti di uve, nel territorio
delimitato all'articolo 3, comma 4, per la rispettiva menzione geografica aggiuntiva.
5.2. Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, è consentito che le
operazioni di vinificazione siano effettuate nell'ambito dell'intero territorio delle province di Forlì –
Cesena, Ravenna, Bologna e Rimini e che le operazioni di elaborazione delle tipologie spumanti e
frizzanti, ossia le pratiche enologiche per la presa di spuma e per la stabilizzazione, siano effettuate
in tutto il territorio della Regione Emilia Romagna.
18
5.3. Le operazioni di imbottigliamento delle tipologie DOC "Romagna" Trebbiano frizzante e
spumante, "Romagna" Pagadebit frizzante e Pagadebit Bertinoro frizzante, "Romagna" Albana
spumante, "Romagna" Sangiovese designato con una delle menzioni geografiche aggiuntive
(sottozona) di cui all'articolo 1 , devono essere effettuate nell'ambito delle zone di vinificazione ed
elaborazione di cui ai precedenti comma 1.1.5.1. e 1.25.2.
Conformemente all'articolo 8 del Reg. CE n. 607/2009, l'imbottigliamento o il condizionamento
deve aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualità, la
reputazione, garantire l'origine e assicurare l'efficacia dei controlli.
5.4. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro a
denominazione di origine controllata sono le seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Albana spumante 50 4500
"Romagna" Cagnina 65 8450
"Romagna" Pagadebit 70 9800
"Romagna" Pagadebit Bertinoro 70 9800
"Romagna" Sangiovese 65 7800
"Romagna" Sangiovese vino passito 50 6000
"Romagna" Sangiovese novello 65 7800
"Romagna" Sangiovese superiore 65 6825
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Brisighella 65 5850
"Romagna" Sangiovese Brisighella riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole 65 5850
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Cesena 65 5850
"Romagna" Sangiovese Cesena riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Longiano 65 5850
"Romagna" Sangiovese Longiano riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Marzeno 65 5850
"Romagna" Sangiovese Marzeno riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Meldola 65 5850
"Romagna" Sangiovese Meldola riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Modigliana 65 5850
"Romagna" Sangiovese Modigliana riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Oriolo 65 5850
"Romagna" Sangiovese Oriolo riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Predappio 65 5850
"Romagna" Sangiovese Predappio riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese San Vicinio 65 5850
"Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Serra 65 5850
"Romagna" Sangiovese Serra riserva 65 5200
"Romagna" Trebbiano 70 9800
"Romagna" Trebbiano frizzante 70 9800
"Romagna" Trebbiano spumante 70 9800
19
Qualora la resa massima uva/vino superi detti limiti l'eccedenza non avrà diritto alla denominazione
di origine controllata.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese novello deve essere ottenuto con almeno il 50% di
vino proveniente dalla macerazione carbonica delle uve.
5.6. Per la DOC "Romagna" Sangiovese e "Romagna" Sangiovese superiore è consentito
effettuare un appassimento parziale delle uve utilizzando anche attrezzature per la ventilazione e la
deumidificazione.
Le uve destinate alla produzione della tipologia "Romagna" Sangiovese passito devono essere
sottoposte ad appassimento in pianta e/o dopo la raccolta in ambienti idonei, anche con l'ausilio di
impianti di condizionamento ambientale, purché operanti a temperature analoghe a quelle
riscontrabili nel corso dei processi tradizionali di appassimento escludendo qualsiasi sistema di
deumidificazione operante con l'ausilio del calore.
5.7. Per la DOC "Romagna" Albana spumante la fermentazione del mosto può essere effettuata,
anche in parte, in contenitori di legno.
5.8. Il vino a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Albana spumante deve essere
ottenuto ricorrendo alla pratica della fermentazione/rifermentazione naturale in bottiglia
("fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale" o "metodo tradizionale" o "metodo
classico" o "metodo tradizionale classico") o della fermentazione/rifermentazione naturale in
autoclave, secondo quanto previsto dalle norme Comunitarie e nazionali.
5.9. Per la DOC "Romagna" Albana Spumante la presa di spuma, nell'arco della intera annata,
deve effettuarsi con mosti di uve parzialmente appassite prodotte da vigneti ubicati nella zona di
produzione di cui all'articolo 3, comma 1.
5.10. I seguenti vini non possono essere immessi al consumo in data anteriore al:
- "Romagna" Sangiovese: 1° dicembre dell'anno di raccolta delle uve;
- "Romagna" Sangiovese superiore: 1° aprile dell'anno successivo all'anno di raccolta delle uve;
- "Romagna" Cagnina: 10 ottobre dell'anno di raccolta delle uve;
- "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva: 1° settembre dell'anno successivo
a quello di raccolta delle uve.
5.11. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese e il vino DOC "Romagna" Sangiovese superiore dopo
un periodo di invecchiamento non inferiore a 24 mesi, a decorrere dal 1° dicembre dell'anno di
raccolta delle uve, possono assumere la designazione "Romagna" Sangiovese riserva e "Romagna"
Sangiovese superiore riserva e la loro idoneità chimico fisica ed organolettica non potrà essere
valutata prima di 22 mesi di invecchiamento.
5.3. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese riserva con la menzione geografica aggiuntiva non può
essere immesso al consumo in data anteriore al 1 ° settembre del terzo anno successivo all'anno di
raccolta delle uve ed inoltre è obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi;
la sua idoneità chimico fisica ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del
terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.12. Per la DOC "Romagna" Trebbiano e "Romagna" Sangiovese, anche con le specificazioni
superiore, riserva e passito, è consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione,
conservazione e affinamento.
20
5.13. Per la DOC "Romagna" Sangiovese, "Romagna" Sangiovese novello e "Romagna"
Sangiovese superiore, è ammesso l'arricchimento nella misura massima dell'1% vol.
7.2. Nei vini a DOC "Romagna" Sangiovese con menzione geografica aggiuntiva è vietata
qualunque forma di arricchimento.
5.14. Fatto salvo quanto previsto al comma 5.11., per la vinificazione e l'elaborazione di tutti i
vini della DOC "Romagna" di cui all'art. 1, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse
dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Albana spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: giallo dorato;
odore: caratteristico, intenso, delicato;
sapore: dolce, gradevole, vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16% vol;
zuccheri riduttori residui: oltre 60 gr per litro;
acidità totale: non inferiore a 6 g/l;
estratto non riduttore: non inferiore a 21 g/l.
"Romagna" Cagnina:
colore: rosso violaceo;
odore: vinoso, caratteristico;
sapore: dolce, di corpo, un po' tannico, leggermente acidulo;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 8,50% vol;
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 11,50 % vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17 g/l.
"Romagna" Pagadebit:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit amabile:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
21
"Romagna" Pagadebit frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, fresco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro secco:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro amabile:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro secco frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
22
"Romagna" Sangiovese:
colore: rosso rubino talora con orli riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese novello:
colore: rosso rubino;
odore: vinoso, intenso fruttato;
sapore: secco o leggermente abboccato, sapido, armonico;
zuccheri riduttori residui: massimo 10,0 g/l;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese passito
colore: rosso rubino talora con riflessi violacei;
odore: fruttato, intenso, equilibrato;
sapore: da secco ad amabile armonico, leggermente tannico, talvolta con retrogusto amarognolo;
titolo alcolometrico volumico effettivo minimo: 12%vol;
zuccheri riduttori residui: da 6 a 20 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese superiore:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con orli riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con orli riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese superiore riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con orli riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
23
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese riserva con la menzione geografica aggiuntiva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Trebbiano:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Trebbiano spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: brut, extra dry in relazione alla specifica tipologia;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Trebbiano frizzante:
spuma: fine e persistente
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: armonico, fresco;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
24
É facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con proprio decreto,
modificare i limiti sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. Nella presentazione e designazione dei vini a Denominazione di Origine Controllata
"Romagna è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quella prevista dal
seguente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi "extra", "fine", "scelto", "selezionato" e similari.
7.2. È consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi
privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
7.3. Le indicazioni tendenti a specificare l'attività agricola dell'imbottigliatore quali "viticoltore",
"fattoria", "tenuta", "podere", "cascina" ed altri termini similari sono consentite in osservanza delle
disposizioni CE e nazionali in materia.
7.4. Nella presentazione e designazione dei vini DOC "Romagna", con l'esclusione delle
tipologie Trebbiano spumante e frizzante, è obbligatoria l'indicazione dell'annata di produzione
delle uve.
7.5. È consentito l'uso di indicazioni toponomastiche aggiuntive che facciano riferimento alle
"vigne", dalle quali effettivamente provengono le uve da cui il vino così qualificato alle condizioni
di cui all'art. 6, comma 8, del D.lgs. n. 61/2010;
7.6. La menzione "vigna" seguita dal relativo toponimo o nome, deve essere riportata in caratteri di
dimensione uguale o inferiore al carattere usato per la denominazione di origine.
7.7.6. Le specificazioni superiore e, riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC
"Romagna", della stessa evidenza e riportati sulla medesima base colorimetrica.
7.8. Per la tipologia "Romagna" Sangiovese Passito è consentito riportare in etichetta la
specificazione APPASSIMENTO, in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la
DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. É consentito il confezionamento del vino DOC "Romagna" Trebbiano e "Romagna"
Sangiovese anche in recipienti di ceramica.
8.2. Per i vini DOC "Romagna" Trebbiano, "Romagna" Pagadebit e "Romagna" Sangiovese è
consentito l'uso dei contenitori idonei a venire al contatto con gli alimenti, alternativi al vetro
costituiti da un otre in materiale plastico pluristrato di polietilene e poliestere racchiuso in un
involucro di cartone o di altro materiale rigido non inferiore a due litri e non superiore a 6 litri, in
conformità alle normative dell'UE e nazionali., ad esclusione della tipologia con la menzione
"vigna".
3. Per la DOC "Romagna" Sangiovese con menzione geografica aggiuntiva (sottozona) nella
versione riserva, la chiusura dei contenitori può essere effettuata unicamente con tappi di sughero
naturale monoblocco.
25
8.3. Esclusivamente per i vini DOC "Romagna" Trebbiano, anche frizzante, e Sangiovese è
consentito l'uso dei recipienti di acciaio inox e altri materiali idonei per capacità fra 6 e 60 litri.
8.4. Per tutte i vini della DOC "Romagna" di cui all'art.1 è consentito l'utilizzo di tutti i
dispositivi di chiusura previsti dalla normativa vigente.
8.5. Sulle bottiglie della DOC "Romagna" Cagnina deve figurare la specifica dolce.
Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame
Il disciplinare "Romagna" DOC tiene conto delle aree di insediamento storiche e tradizionali della
viti-vinicoltura romagnola, esaltando le migliori espressioni dell'interazione "vitigno/ambiente".
L'areale di coltivazione di Sangiovese, Albana, Trebbiano romagnolo, Bombino bianco e Terrano
comprende parte dei territori di quattro province (Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini), con
particolare riferimento alla collina, e si possono individuare due zone principali ben distinte: una
pre-collinare, che si estende dalle falde delle ultime formazioni collinari degli Appennini fino alla
via Emilia, comprendendo una fascia di terreni tendenzialmente piani appartenenti al Quaternario
recente, e una zona nettamente collinare ascrivibile all'era Terziaria. Il periodo più attivo
dell'emersione dei rilievi della Romagna è infatti riferibile a Miocene superiore, Pliocene e
Postpliocene. L'Appennino romagnolo ha un'origine geologica comune e si compone, in linea
generale, di formazioni calcaree e argillose. La formazione geologica che, per la sua estensione,
maggiormente caratterizza la Romagna è la "Marnoso-arenacea", una fascia più o meno ampia di
stratificazioni successive e alternate di arenarie torbiditiche e marne. Durante il periodo Messiniano,
quando il Mediterraneo rimase isolato dall'oceano Atlantico, si depositarono rocce evaporitiche
(gesso, anidrite, salgemma) che in Romagna sono ben visibili nella "Vena del gesso". Seguono poi
le deposizioni del Pliocene, a dominante argillosa, che si presentano spesso con la tipica morfologia
a "calanchi", riscontrabile nelle valli basse. Da questa successione di rocce è abbastanza naturale
che siano derivati, per effetto dell'erosione naturale e dell'intervento dell'uomo, terreni più o meno
calcarei, argillosi, misti e, dove sono intervenute azioni di dilavamento ed erosione chimica, terreni
residuali di costituzione diversa. In passato si distinguevano "terreni vergini o integrali", di
formazione recente e di composizione strettamente connessa alla roccia madre, e "terreni residuali",
decalcificati, ferrettizzati, antichi. Tra questi due estremi si ponevano i "terreni parzialmente
ferrettizzati" (mezze savanelle) e le "terre rosse" (savanelle), completamente decalcificate. Recenti
studi di zonazione hanno permesso di approfondire la conoscenza dei suoli e valutare anche
l'influenza di questi su alcuni dei vitigni principali. Partendo dalla SS 9, via Emilia, e risalendo
verso monte, si incontrano dapprima le "terre parzialmente decarbonatate della pianura
pedemontana", a pendenza molto debole (0,2-1%), che si sono formate in sedimenti fluviali a
tessitura media. Sono suoli molto profondi, con buona disponibilità di ossigeno, elevata capacità di
acqua disponibile e buona fertilità naturale; da scarsamente a moderatamente calcarei nell'orizzonte
lavorato e con contenuti in calcare decisamente più elevati negli orizzonti profondi. A seguire si
incontrano le "terre scarsamente calcaree del margine appenninico", costituite da suoli formatisi in
sedimenti argilloso-limosi deposti dai fiumi, profondi, a tessitura moderatamente fine o fine,
moderatamente calcarei in superficie e molto calcarei negli orizzonti profondi. Possono essere
soggetti a ristagno idrico. Le "terre limose dei terrazzi antichi" sono estese paleosuperfici,
pianeggianti o dolcemente inclinate, formate da sedimenti fluviali a varia tessitura, con una
componente superficiale talvolta di origine eolica. Sono terreni molto profondi, a tessitura fine o
26
media su fine, non calcarei, strutturalmente poco stabili e soggetti a ristagno idrico. Per conservare
o migliorare la fertilità fisico-idrologica necessitano di buoni apporti di sostanza organica.
Proseguendo verso i calanchi, tipicamente a quote comprese tra 130 e 380 m slm, si trovano le
"terre calcaree del basso Appennino, localmente associate a calanchi", suoli che si sono formati in
rocce prevalentemente argillose o pelitiche, con intercalazioni sabbiose di età pliocenica, e si
presentano con profondità variabile da moderata a molto profonda, a tessitura media, da
scarsamente a fortemente calcarei. Talora sono presenti orizzonti con accumulo di carbonati di
calcio e possono presentare il substrato di roccia tenera (peliti) entro i 100 cm di profondità. Infine
si arriva in prossimità della formazione Marnoso-arenacea, che ha dato origine alle "terre calcaree
del basso Appennino con versanti a franapoggio e reggipoggio". Le quote sono tipicamente tra 110
e 430 m slm. Sono suoli moderatamente ripidi, da moderatamente a molto profondi, a tessitura
media, calcarei e che possono presentare il substrato roccioso entro i 100 cm di profondità. Nel
basso Appennino romagnolo, l'unità geologica maggiormente diffusa, dall'Imolese al Forlivese, è la
formazione delle argille azzurre, mentre passando al Cesenate tendono a prevalere i terreni calcarei
riconducibili alla formazione Marnoso-arenacea, che poi tendono a diminuire sul territorio riminese,
dove la viticoltura si sviluppa in modo particolare sulle "terre calcaree del basso Appennino
riminese", che comprendono suoli formati in rocce prevalentemente argillose o pelitiche, con
intercalazioni sabbiose di età pliocenica (Formazione delle argille azzurre e formazione delle
arenarie di Borello). Un'area marginale delle viticoltura si trova sulle "terre dei Gessi del basso
Appennino riminese", con suoli che si sono formati in rocce stratificate di marne gessose e
tripolacee. Altra formazione degna di menzione è la "Vena dello Spungone" che caratterizza in
particolare il Forlivese, anche se parte dal Faentino-Brisighellese per arrivare fino a Bertinoro, una
delle aree di elezione dell'Albana. Per quanto riguarda il clima, partendo dalla via Emilia con
sommatorie termiche intorno ai 2000- 2200 gradi giorno (indice di Winkler), si arriva intorno al
1400-1600 gradi giorno delle aree più alte della viticoltura.
2) Fattori umani rilevanti per il legame.
La vite e il vino hanno sempre giocato ruoli economici, sociali, politici e ideologici fondamentali
nella storia di molti paesi e, come noto, la storia è in grado di modellare persone e paesaggi. E ciò è
vero anche per la Romagna, un'area i cui confini geografici sono stati dibattuti per secoli senza mai
arrivare ad una definizione unanime, ma che trova nel carattere della sua gente un filo conduttore
comune. Lucio Gambi scrisse che la "romagnolità, è in primo luogo uno stato d'animo, un'isola del
sentimento, un modo di vedere e di comportarsi" e forse è proprio per questo che la Romagna è
stata più spesso definita, non con limiti fisici o amministrativi bensì attraverso i comportamenti
umani, come quell'area in cui, chiedendo da bere, viene spontaneamente offerto vino e non acqua.
Indubbiamente si tratta di un retaggio legato alla particolare situazione del passato, per cui le acque
erano spesso non potabili e il vino svolgeva un'importante azione disinfettante. La storia e la
letteratura classica ci parlano spesso di una Romagna particolarmente produttiva, senza negare,
però, produzioni di eccellenza: i vini di Cesena in epoca Romana e anche successiva, l'Albana di
Bertinoro, come pure la "rosseggiante" Cagnina senza dimenticare il Pagadebito gentile. A seguire
alcune informazioni sulla diffusione e l'impiego dei principali vitigni tradizionali della Romagna,
contemplati dal presente Disciplinare. Terrano. La dominazione bizantina potrebbe essere stata il
momento in cui il Refosco d'Istria o Terrano d'Istria si è diffuso in Romagna. Sta di fatto che, in
tempi storici, ha dato origine ad un vino molto apprezzato chiamato "Cagnina", riconosciuto a DOC
con DPR 17-03-1988 (Cagnina di Romagna). Riferisce Giovanni Manzoni che la Cagnina è un'uva
probabilmente originaria della Jugoslavia, "tenuta in gran pregio sebbene anticamente fosse piccola
di grappolo e di acini radi. Coltivata in Romagna già nel 1200 in alcune piane del Cesenate, del
Forlivese e del Ravennate, fu poi limitata solamente a qualche modesto vigneto, come lo è ancora
oggi, per la sua scarsa resa". Diversi gli scritti e i componimenti poetici tra Ottocento e Novecento
che attestano la diffusione e l'apprezzamento della Cagnina in Romagna. Bombino bianco.
27
Localmente detto Pagadebito gentile, da cui il nome del vino. L'origine del vitigno non è nota, ma
si tratta di varietà diffusa lungo tutta la fascia adriatica della Penisola con nomi diversi nelle varie
regioni, ma che richiamano spesso la sua capacità produttiva. Secondo Hohnerlein-Buchinger
l'etimo sarebbe da "produce tanto da pagare i debiti", in realtà la produttività, specie in collina, non
è elevatissima ma costante negli anni; infatti si tratta di varietà rustica e con sottogemme fertili,
tanto che se una gelata tardiva può compromettere gravemente la produzione della maggior parte
degli altri vitigni, con il Pagadebito è comunque garantita una buona produzione. Nell'area di
Bertinoro un tempo si facevano vigneti misti di Albana gentile e Pagadebiti proprio per compensare
una eventuale carenza produttiva del primo vitigno. La prima citazione scritta di un "Pagadebito
bianco" tra le viti "de' contorni di Rimino" è dell'Acerbi e risale al 1825. Nell'ambito della mostra
ampelografica tenutasi a Forlì nel 1876 si ebbe la possibilità di confrontare tra loro grappoli di
Pagadebito provenienti da diversi areali e si convenne che "Il Pagadebito gentile di Forlì, di
Bertinoro, e di Predappio si differenzia dal Pagadebito verdone per gli acini più sferici, meno grossi,
meno verdi e più dolci". Storicamente è stata riconosciuta una particolare e pregevole tradizione di
coltivazione del Pagadebito nell'areale di Bertinoro, messa in evidenza anche nel Disciplinare della
DOC "Pagadebit di Romagna" accolto con DPR 17-03-1988. Sangiovese. La zona di diffusione
principale del Sangiovese si colloca tra Romagna e Toscana ed è in questi due territori che da tempi
storici si sono venuti a delineare vari biotipi, ma soprattutto vini differenti, frutto dell'interazione
specifica e peculiare di territori diversi con questo vitigno. Nello studio della storia di un vino si fa
spesso riferimento ai miti e alle religioni dei popoli, ma non bisogna trascurare un altro elemento
fondamentale, la "tipicità", poiché essa passa attraverso il territorio, la metodologia di produzione e
il contesto temporale e sociale. Per quanto riguarda il Sangiovese la prima attestazione scritta della
sua coltivazione in territorio Toscano risale alla fine del 1500 (Soderini), ma Cosimo Villifranchi
nella seconda metà del Settecento parla di un "San Gioveto romano" coltivato in particolare nel
Faentino. È conservato all'Archivio di Stato di Faenza l'atto notarile del 1672 che cita in podere
Fontanella di Pagnano, comune di Casola Valsenio, "tre filari di Sangiovese". Per alcuni linguisti
assunse in Appennino tosco-romagnolo il nome "Sangue dei gioghi" cioè dei monti, contratto in
dialetto locale in "sanzves". Secondo Beppe Sangiorgi, le prime citazioni del Sangiovese in
Romagna riguardano l'area faentina imolese. Tra Settecento e Ottocento sono poi numerosi i poemi
e ditirambi che lodano questo vino. Nel 1839, il conte Gallesio giunse a Forlì, da Firenze,
percorrendo la strada aperta dal granduca Pietro Leopoldo lungo il corso del fiume Montone ed
ebbe modo di descrivere i vigneti incontrati nel percorso: "le vigne ... sono tutte a ceppi bassi
attaccati ad un picciolo palo come in Francia, le uve che vi si coltivano sono per la maggior parte il
Sangiovese di Romagna". Nei vecchi testi, quindi, viene spesso identificato un Sangiovese coltivato
in Romagna con caratteristiche sue proprie che lo fanno distinguere da quelli coltivati in altre aree,
ma soprattutto va rimarcato come fosse diverso l'approccio enologico al vitigno rispetto alla
Toscana: in Romagna si vinificava in purezza, mentre in Toscana si trattava più spesso di uvaggi
(come il ben noto Chianti) o di tagli con altri vitigni. Questa caratteristica è stata contemplata nel
Disciplinare "Romagna" Sangiovese: l'uso della menzione geografica aggiuntiva per i vini di
Sangiovese è subordinata all'utilizzo di almeno il 95% di uve del vitigno. La DOC "Sangiovese di
Romagna", confluita nella DOC "Romagna", fu istituita con DPR 09-07-1967. Trebbiano
romagnolo. I "Trebbiani" sono una famiglia di vitigni molto antichi che hanno trovato alcune zone
di elezione che gli hanno tributato la seconda parte del nome: Trebbiano romagnolo, piuttosto che
toscano, modenese, abruzzese, per citarne alcuni. Nel Trecento il Trebbiano veniva annoverato tra i
vini "di lusso" del medioevo, mentre in tempi più recenti appare un'immagine più differenziata del
Trebbiano, che viene considerato anche un vino di carattere semplice. Lo citano il Soderini nel
Cinquecento, il Trinci Settecento e tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento diversi autori
cercano di mettere ordine tra le diverse tipologie e sinonimie. In Romagna si coltivava in prevalenza
il Trebbiano della fiamma, così detto perché i grappoli esposti al sole prendono una colorazione
giallo-rossastra. Nel Molon (1906) si legge che il vitigno era coltivato soprattutto nelle province di
Forlì e Ravenna, meno nel Cesenate, dove prevaleva l'Albana e si riporta quanto affermato da
28
Pasqualini e Pasqui in merito all'apprezzamento del Trebbiano nei filari di pianura, nonostante
l'elevata umidità. La sua vasta diffusione è dovuta alla capacità di adattarsi alle più diverse
tipologie di terreno e condizioni climatiche, alla costante produttività ed alle caratteristiche del vino:
gradevole, corretto e facilmente commerciabile. Con il DPR 31 -08-1973 viene istituita la DOC
"Trebbiano di Romagna", che ricomprende un'area di coltivazione che si estende dalla collina verso
quelle aree di pianura dove i terreni sono più argillosi o argilloso-sabbiosi. Vini amabili, frizzanti e
spumanti. La presenza in Romagna di vitigni tipicamente a maturazione medio-tardiva o tardiva
(Trebbiano, Pagadebiti) faceva sì che il sopraggiungere del freddo invernale bloccasse la
fermentazione lasciando nei vini residui zuccherini più o meno importanti. Da qui l'uso di bere vini
dolci o amabili nel periodo autunno-invernale e vini frizzanti e spumanti nell'estate successiva la
vendemmia. Infatti i vini con residuo zuccherino, una volta messi in bottiglia, riprendevano a
fermentare con l'arrivo dei primi caldi, originando una frizzantatura naturale. Vi era quindi una
tradizione, se si vuole involontaria, di spumanti e frizzanti, che con l'accrescersi delle conoscenze
enologiche è stata perfezionata: l'uso del freddo in cantina consente di preservare profumi e aromi e
l'uso di lieviti selezionati consente di ottimizzare le fermentazioni. B) Informazioni sulla qualità o
sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente attribuibili all'ambiente
geografico I diversi tipi di suolo che si incontrano negli areali di coltivazione della DOC Romagna,
dalle argille evolute di Predappio, alle sabbie molasse del Messiniano tra il Faentino e il Forlivese,
al calcare di Bertinoro o ancora alle arenarie e alle argille di Brisighella, non possono non
influenzare le note sensoriali dei vini su di essi prodotti. In particolare, il Sangiovese in purezza
tende ad acquisire caratteri distintivi ben percepibili a seconda delle aree di coltivazione delle uve e
già all'inizio del Novecento il dott. Savelli, sulla base delle numerose analisi chimiche effettuate nel
suo laboratorio, aveva suddiviso i vini di Sangiovese in tre gruppi: "uno speciale Sangiovese in
alcune località dell'ex circondario di Forlì (Predappio e Civitella); un tipo, molto vicino al
precedente per caratteri chimici ed organolettici, prodotto nell'ex circondario di Cesena; un tipo,
diverso dai due precedenti, prodotto nell'ex circondario di Rimini". Le differenze (minore grado
alcolico, minore estratto, maggiore acidità ed in particolare una maggiore sapidità del Sangiovese di
Rimini) derivavano dal fatto che nel Riminese l'uva Sangiovese veniva vinificata con una certa
quantità di Trebbiano, tradizione che si è ormai persa, anche se rimangono alcuni di questi tratti
distintivi. Altra nota importante per la coltivazione del Sangiovese è relativa al clima: per una
corretta maturazione occorre privilegiare altitudini medio-basse ed esposizioni nei quadranti da sud
a ovest, onde conseguire un perfetto soddisfacimento delle sue esigenze termiche (1800-2000 gradi
giorno). Per rendere merito delle differenze tra i vini di Sangiovese ottenuti in situazioni pedoclimatiche differenti, per quei produttori che intendono massimizzare l'interazione
vitigno/ambiente, nel rispetto di una tradizione tipicamente romagnola che vuole il Sangiovese
vinificato sostanzialmente da solo, sono state identificate le "sottozone" che possono fregiarsi di
una menzione geografica aggiuntiva rispetto a "Romagna DOC Sangiovese". L'interazione
"vitigno-ambiente-uomo", per il Sangiovese, verrà meglio specificata al punto C). I vini ottenuti
con la varietà Terrano si presentano in genere abbastanza freschi, profumati e con un certo residuo
zuccherino, come vuole la tradizione, anche se qualche viticoltore ha cercato di potenziarne la
struttura, come richiedeva il mercato del 2000. Anche per quanto riguarda i vini bianchi, la varietà
di suoli e di situazioni meso-climatiche riscontrabili sul territorio della Denominazione "Romagna",
consentono di ottenere tipologie differenti: da vini più freschi a prevalente componente floreale,
magari anche frizzanti o spumanti, a vini bianchi più strutturati, con sentori di frutta matura e talora
aromi terziari derivati dalla vinificazione e/o affinamento in legno. C) Descrizione dell'interazione
causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera B). A partire dagli anni '70 il
miglioramento della tecnica agronomica ed enologica è stato importante e la Romagna ha recepito
bene l'innovazione del settore viti-vinicolo, facendo perno, però, su una tradizione ormai
consolidata. Ne sono conseguiti una razionalizzazione nell'allestimento e nella gestione degli
impianti e un radicale miglioramento delle strutture e delle tecniche enologiche in cantina. Il
risultato è stato che anche nei vini della tradizione romagnola si è assistito ad un importante
29
miglioramento del livello qualitativo. Un altro cambiamento importante è legato agli studi di
zonazione viticola, che hanno contribuito ad una migliore definizione degli ambienti pedo-climatici
più idonei per i vari vitigni, ma soprattutto hanno aumentato la sensibilità dei viticoltori nei
confronti della scelta varietale, portandoli a porsi in maniera più critica di fronte a questa questione.
Per quanto riguarda il Sangiovese, l'esperienza e la perizia che i viti-vinicoltori hanno acquisito in
relazione ai vari contesti ambientali e culturali ha permesso di connotare in modo più preciso alcune
produzioni locali, definendo quelle che sono definite "sottozone". Partendo da ovest verso est si
incontrano le seguenti aree tipiche per la produzione del Sangiovese:
Serra. Storicamente è indicato in Romagna come un territorio molto vocato. Il clima è
tendenzialmente continentale e poco mitigato dalla rilevante distanza dal mare. In generale i vini
possiedono delicate note floreali e un frutto fresco, esaltati da una corretta esposizione delle vigne.
Brisighella. Comprensorio particolare anche per il microclima, che ha altresì consentito il
consolidarsi di una tradizione oleicola importante. L'areale ricomprende anche i terreni prossimi
alla vena del gesso, oltre a suoli ricchi di arenarie e argilla, che consentono di avere vini di buona
struttura, eleganti, con note floreali e fruttate spiccate e una buona freschezza.
Marzeno. In questo territorio si trova un primo affioramento importante della formazione dello
"Spungone" che si intercala alle argille azzurre plio-pleistoceniche. Territorio aspro e forte, che
imprime forza anche ai vini che qui si producono. Il fruttato tende a prevalere decisamente sul
floreale.
Modigliana. Qui il territorio si inasprisce ulteriormente consentendo di produrre vini dalla struttura
decisa, potenti, austeri e longevi.
Oriolo. Una zona con un terreno particolare, caratterizzato dalla presenza di sabbie gialle che spesso
affiorano tra terreni argillosi o limoso-argillosi. A seconda dell'esposizione e della prevalenza di
sabbia o argilla è possibile ottenere vini di grande struttura che acquisiscono la giusta morbidezza
solo dopo un certo affinamento, oppure vini fruttati e floreali più pronti e di buon equilibrio.
Castrocaro-Terra del Sole. Terre della cosiddetta Romagna Toscana, hanno risentito molto
dell'influenza del Granducato, tanto che la definizione dell'area deriva più dalla storia e tradizione
locale che non da una differenza sostanziale con i prodotti della limitrofa area di Oriolo.
Predappio. Il Sangiovese di questo territorio ha sempre goduto di una nomea importante tramandata
dalla tradizione popolare orale. Soprattutto dal biotipo locale ad acino allungato, si ottengono vini
dal fruttato molto evidente e con tannini piuttosto duri e austeri.
Meldola. L'areale era già coltivato in epoca romana e da allora si è evoluta e stratificata la tecnica
agricola che ha portato agli attuali risultati anche nel settore enologico. L'esposizione principale da
Nord-Ovest a Nord-Est consente di avere vini di Sangiovese fini e dal profilo aromatico fruttato.
Bertinoro. Tradizionalmente territorio di Albana (che qui vanta una lunga tradizione) ha scoperto
solo recentemente una buona vocazione anche per il Sangiovese, che presenta una struttura
importante che necessita di tempi di maturazione abbastanza lunghi.
Cesena. Citati anche dagli Autori classici latini, i vini di Cesena hanno sempre goduto di una chiara
fama. Il Sangiovese su queste colline riesce a ricomprendere in sé una struttura importante ma mai
eccessiva e un fruttato di ciliegia matura sempre ben percepibile. Struttura ed eleganza insieme.
San Vicinio. Comprende l'area in cui si esprime al massimo grado la formazione Marnoso-arenacea
romagnola. I suoli Celincordia "Celincordia" [CEL, in riferimento alla Carta dei suoli dell'Emilia
Romagna, scala 1:250.000. Classificazione Soil Taxonomy (Chiavi 1990): loamy, mixed, mesic
Typic Ustochrepts. Legenda FAO (1990): Haplic Calcisols)], specialmente ad altitudine inferiore ai
150-200 m slm, si sono rivelati quelli più vocati alla coltivazione del Sangiovese, che fornisce mosti
e vini molto equilibrati, con un buon rapporto tra alcolicità e acidità e una tannicità piuttosto dolce.
Longiano. I vini dell'area sono caldi e ricchi, con un fruttato molto evidente e una buona struttura,
che può essere guidata con adeguati accorgimenti agronomici anche verso espressioni molto forti,
che però finiscono per penalizzare la naturale eleganza del connubio tra il vitigno e il territorio.
Anche per gli altri vitigni l'interazione col suolo porta a varianti interessanti e talora
particolarmente significative. La predilezione del Bombino bianco, come del resto dell'Albana, per
30
l'areale bertinorese è sicuramente da mettere in relazione con i terreni poveri e calcarei derivati
dalla formazione geologica dello Spungone, che proprio in quest'area presenta le sue "emergenze"
più significative. I suoli riescono a contenere la naturale vigoria di questi vitigni, consentendo un
miglior equilibrio vegeto-produttivo e di conseguenza una più equilibrata composizione dei mosti;
mentre il calcare contribuisce alla maggiore finezza olfattiva dei vini. Nei terreni argillosi di
pianura, che limitano naturalmente la vigoria e la produttività del Trebbiano romagnolo, si riescono
ad ottenere vini di buona struttura e con una buona finezza aromatica, nonostante il vitigno sia
normalmente definito "neutro". Vini di Trebbiano con maggiore struttura si ottengono nei terreni
più poveri di collina. Buona finezza olfattiva anche per i vini ottenuti da uve coltivate su terreni
sabbiosi (Terrano e Trebbiano, ad esempio). Anche le Albane tendono a differenziarsi sui vari tipi
di suolo: vini strutturati e con sentori di miele e albicocca essiccata nei terreni più argillosi, fruttato
di albicocca più deciso nell'Imolese e sentori più floreali nelle Albane del Faentino. La tradizione di
vini frizzanti e spumanti ottenuta a partire dai vitigni bianchi romagnoli è stata molto migliorata
grazie all'introduzione del freddo e di altre tecnologie in cantina, senza dimenticare che la maggior
cura nella produzione e nella scelta delle uve in campo ha fatto comunque la sua parte.
Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Nome e Indirizzo: VALORITALIA società per la certificazione delle qualità e delle produzioni
vitivinicole italiane S.r.l.
Via Piave n. 24 – 00187 ROMA
Telefono 0039 0445 313088 Fax 0039 0445 313080
Mail info@valoritalia.it website www.valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).
31
ALLEGATO 1
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"BERTINORO"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Bertinoro" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese solo riserva e "Romagna" Pagadebit,
anche nella versione frizzante, prodotti nell'area di cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. Le denominazioni di origine controllata "Romagna" Sangiovese e "Romagna" Pagadebit
con la specificazione della menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Bertinoro" sono riservate
ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (solo riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Pagadebit (anche frizzante):
- Bombino bianco: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla
coltivazione per la regione Emilia Romagna
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Bertinoro solo con la menzione riserva e "Romagna" Pagadebit con la menzione geografica
aggiuntiva (sottozona) Bertinoro, anche frizzante, comprende l'area di seguito delimitata:
Partendo dall'incrocio, a Forlimpopoli, tra la Via Armando Diaz e la SS 9 Via Emilia, si segue tale
Statale in direzione Est sino ad incrociare la Via Settecrociari che si percorre fino alla frazione S.
Vittore; ci si innesta poi sulla Via S. Vittore, la si segue sino ad incontrare Via Montebellino lungo
la quale si prosegue in direzione Formignano; indi per Via Formignano sino all'incrocio per
Teodorano; si continua a destra per la strada Teodorano - Montecavallo sino a Teodorano; poi per la
strada Meldola - Teodorano fino a Meldola; quindi si prosegue per Via Meldola per Fratta; prima di
Fratta Terme si gira a sinistra per Via Monte Fratta comprendendo l'intera collina; indi si prosegue
fino a Via Tro Meldola fino all'incrocio con Via Meldola per ritornare al punto di partenza, sulla SS
9 Via Emilia, Via Meldola e Via Armando Diaz.
32
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Bertinoro
la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Pagadebit Bertinoro, la densità
minima di piante non dovrà essere inferiore a 2.500 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Bertinoro e "Romagna" Pagadebit Bertinoro sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva 8 13% vol
"Romagna" Pagadebit Bertinoro, 14 11,5% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Bertinoro le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Per il vino DOC "Romagna" Pagadebit Bertinoro le operazioni di vinificazione, nonché
quelle di elaborazione per la tipologia frizzante, devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3
del presente allegato. Tuttavia le predette operazioni possono essere effettuate nell'intero territorio
delle province di Bologna, Ravenna, Forlì – Cesena e Rimini.
5.3. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna Sangiovese" Bertinoro
riserva e "Romagna Pagadebit" Bertinoro devono essere effettuate nell'ambito della zona di
vinificazione ed elaborazione di cui ai precedenti comma 5.1. e 5.2.
5.4. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva 65 5200
"Romagna" Pagadebit Bertinoro 70 9800
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva non può essere immesso al consumo
in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
33
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Bertinoro è vietata qualunque forma di
arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva e "Romagna" Pagadebit
Bertinoro, anche frizzante, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa
vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Pagadebit Bertinoro secco:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro amabile:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro secco frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
34
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
35
ALLEGATO 2
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"BRISIGHELLA"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Brisighella" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Brisighella, anche riserva,
è riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Brisighella, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comprende parte dei Comuni di Brisighella, Faenza e Casola Valsenio. Dal limite nord-est della
zona delimitata, in località Budrio si segue il confine amministrativo tra i comuni di Casola
Valsenio e Riolo Terme in direzione est; si continua seguendo i confini amministrativi tra il comune
di Brisighella e Riolo Terme in direzione nord-est e si prosegue seguendo i confini amministrativi
tra i comuni di Faenza e Castel Bolognese fino ad arrivare ad incrociare la via provinciale Tebano
Villa Vezzano nei pressi della chiesa di Tebano. Da qui verso sud-est fino a Casale. Si prosegue in
direzione sud lungo la strada provinciale, fino ad incrociare la Statale Brisighellese che si percorre
in direzione sud fino alla frazione di Errano dove si prosegue per via Chiusa di Errano e poi sulla
Provinciale Canaletta di Sarna in direzione sud est fino ai pressi di Villa Gessi. Si prosegue su via
Canaletta di Sarna verso sud sino al confine amministrativo fra i comuni di Faenza e Brisighella nei
pressi della chiesa di Sarna. Si procede sul confine dei sopradetti confini comunali verso sud est
sino ad incrociare la via Pian di Vicchio che si percorre in direzione sud-ovest, poi si attraversa la
strada provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato "Sentiero di Monte
Gebolo", per arrivare alla località "Ca' Raggio" nei pressi del lago aziendale dove si prosegue per la
località "Casa Ergazzina" poi in direzione sud-ovest in via Bicocca per poi proseguire lungo la
carraia denominata "Ca' di La'" poi case Soglia e Soglietta fino ad arrivare sul ponte del torrente
Marzeno. Si prosegue per detto torrente in direzione sud-est fino ad arrivare al confine della
provincia di Ravenna con quella di Forlì - Cesena dove si segue in direzione ovest. Si prosegue
lungo il confine delle due provincie fino ad arrivare alla strada consorziale di Lago. Da qui in
36
direzione sud-ovest si oltrepassa la chiesa di Valpiana sino ad incrociare la strada Statale
Brisighellese nei pressi di S. Eufemia; segue la strada suddetta, in direzione nord verso Brisighella.
Attraversa il fiume Lamone prima del passaggio a livello e continua, in direzione nord-est, lungo la
strada consorziale per Santa Maria in Purocielo. Oltrepassata S. Maria in Purocielo, prosegue in
direzione nord-est lungo la strada forestale delle Lagune fino alla Casa delle Lagune dove riprende
a proseguire in direzione nord-ovest, attraversa Ca' Braghetto, il Tre, Donegaglia e dopo aver
attraversato il torrente Sintria prosegue in direzione sud ovest lungo la strada consorziale Zattaglia–
Monte Romano fino alla località Casetto dove continua in direzione nord-ovest sulla strada di S.
Andrea e dopo aver attraversato Casone della Casa, Albergo, Pagnano, Soglia ed il fiume Senio, si
immette sulla Statale Casolana, che si percorre in direzione nord verso Riolo Terme fino ad
immettersi sulla strada provinciale per Fontanelice; da qui prosegue in direzione nord-est fino ad
oltre il cimitero di Prugno per proseguire lungo la strada vicinale in direzione nord-ovest verso Ca'
Bosco fino ad incrociare il confine di provincia tra Bologna e Ravenna; segue, quindi in direzione
nord est il confine predetto fino alla località Budrio, punto dal quale la delimitazione ha avuto
inizio.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese
Brisighella, anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
5.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Brisighella, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Brisighella 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Brisighella Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Brisighella le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Brisighella,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Brisighella 65 5850
"Romagna" Sangiovese Brisighella Riserva 65 5200
37
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Brisighella non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Brisighella riserva non può essere immesso al
consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed
inoltre è obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità
chimico fisica ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno
successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" Brisighella, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna Sangiovese" Brisighella, anche riserva, è vietata qualunque forma
di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Brisighella, anche riserva, sono consentite
tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini
medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Brisighella:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Brisighella riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
38
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Brisighella riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
39
ALLEGATO 3
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"CASTROCARO E TERRA DEL SOLE"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Castrocaro e Terra del Sole" è riservata ai
vini a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti
nell'area di cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del
Sole, anche riserva, è riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito
aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Castrocaro e Terra del Sole, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comprende gli interi territori amministrativi dei Comuni di Rocca San Casciano, Dovadola,
Castrocaro Terme e Terra del Sole e la seguente parte del Comune di Forlì: dall'incrocio di Via
Borsano (SP 57) con Via del Tesoro, si procede per Via Tomba in direzione Massa, poi ancora per
Via del Tesoro. Da questa si prosegue per Via Braga fino a rientrare in Via del Partigiano (SP 56).
Si continua in direzione Forlì fino all'incrocio con Via del Gualdo, svoltando a sinistra su
quest'ultima (SP 141) e proseguendo per Via Ossi. All'incrocio con Via Scaletta, a sinistra, si
procede per quest'ultima fino a raggiungere Via Campagna di Roma, quindi ancora a sinistra e poi a
destra per Via Framonta fino a Via Ciola, sita nel territorio del Comune di Castrocaro Terme e
Terra del Sole.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro
e Terra del Sole, anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per
ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, sono le seguenti:
40
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole le operazioni di
vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia,
limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette
operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna,
Ravenna, Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro
Terme e Terra del Sole, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di
vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole 65 5850
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole non può essere immesso al
consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva non può essere
immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta
delle uve ed inoltre è obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua
idoneità chimico fisica ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo
anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, è
consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna Sangiovese" Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, è vietata
qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva,
sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della
produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
41
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna Sangiovese" Castrocaro e Terra del Sole riserva, la chiusura dei
contenitori può essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
42
ALLEGATO 4
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) "CESENA"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Cesena" è riservata ai vini a denominazione
di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo
articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Cesena, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Cesena, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
A valle il limite è stabilito dalla SS 9 via Emilia, dal confine del comune di Bertinoro all'incrocio
con la via Ca' Vecchia, ad est con la suddetta via Cà Vecchia fino all'abitato di Calisese che si
attraversa, si imbocca la via Calisese e si prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre
fino all'incrocio con la via Fageto che si percorre fino all'incrocio con la via Rudigliano e questa
attraverso l'abitato di Ardiano fino all'incrocio con la SP 75 e per questo fino all'incrocio con la SP
138, indi fino all'abitato di Borello che si attraversa fino all'imbocco della SP 48 per l'abitato di
Luzzena che si attraversa e sempre lungo la SP 48 fino all'incrocio con la strada comunale per
l'abitato di Formignano che si attraversa e per la via Comunale Montebellino si incrocia la via San
Carlo e si attraversa l'abitato di San Carlo e per la Via San Vittore fino all'abitato di San Vittore nel
cui centro si devia per la SP 51 che si percorre fino alla località Diegaro; indi per la SS 9 via Emilia
fino al confine con il comune di Bertinoro.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Cesena,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
43
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Cesena, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Cesena 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Cesena Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" Cesena le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Cesena, anche
riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente
comma 5.1.
5.2. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Cesena 65 5850
"Romagna" Sangiovese Cesena Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Cesena non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Cesena riserva non può essere immesso al consumo in
data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Cesena, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Cesena, anche riserva, è vietata qualunque forma di
arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Cesena, anche riserva, sono consentite tutte le
pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
44
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Cesena:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Cesena riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna Sangiovese" Cesena riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
45
ALLEGATO 5
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"LONGIANO"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Longiano" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Longiano, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Longiano, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Sono compresi gli interi territori amministrativi dei comuni di Montiano e Borghi. Il confine a valle
per i Comuni di Longiano e Savignano sul Rubicone è delimitato dalla SS 9 via Emilia; ad ovest dal
confine del comune di Longiano con il comune di Cesena si imbocca la via Cà Vecchia e si
prosegue verso sud fino all'abitato di Calisese che si attraversa, si imbocca la via Calisese e si
prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre fino all'incrocio con la via Fageto percorsa
fino all'incrocio con la via Rudigliano ed attraverso l'abitato di Ardiano si prosegue fino
all'incrocio con la via Garampa (SP 75) e per via Garampa fino all'abitato di Montecodruzzo da cui
si discende fino al torrente Ansa e si risale in località Ca' di Quagliotto e si prosegue per la SP 11
attraversando gli abitati di Montegelli, Rontagnano, Barbotto e Savignano di Rigo fino al confine
Regionale e del comune di Sarsina.
Ad est dal confine con la provincia di Rimini sulla SS 9 via Emilia in località Ponte di Mezzo lungo
il confine con la provincia di Rimini verso sud fino all'incrocio con il confine regionale e lungo
questo fino all'incrocio con il confine del comune di Sarsina con la via Savignano di Rigo Cicognaia (E/R) via Decio Raggi (Marche).
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Longiano,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
46
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Longiano, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Longiano 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Longiano Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Longiano le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Longiano,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Longiano 65 5850
"Romagna" Sangiovese Longiano Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna Sangiovese" Longiano non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Longiano riserva non può essere immesso al consumo
in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Longiano, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Longiano, anche riserva, è vietata qualunque forma
di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Longiano, anche riserva, sono consentite tutte
le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
47
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Longiano:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Longiano riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Longiano riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
48
ALLEGATO 6
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"MELDOLA"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Meldola" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Meldola, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Meldola, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Da Meldola si segue il confine della menzione geografica aggiuntiva Predappio sino al confine con
il comune di S. Sofia; quindi per la SP 4 sino a S. Sofia; poi per via Spinello e le SP 96 e 127 sino a
Civorio; quindi per la SP 95 sino a incontrare il confine della menzione geografica aggiuntiva San
Vicinio che si segue per ritornare a Meldola lungo i confini della menzione geografica aggiuntiva
Bertinoro.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Meldola,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Meldola, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Meldola 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Meldola Riserva 8 13% vol
49
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Meldola le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Meldola,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Meldola 65 5850
"Romagna" Sangiovese Meldola Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Meldola non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Meldola riserva non può essere immesso al consumo in
data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Meldola, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Meldola, anche riserva, è vietata qualunque forma di
arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Meldola, anche riserva, sono consentite tutte
le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Meldola:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
50
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Meldola riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Meldola riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
51
ALLEGATO 7
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"MODIGLIANA"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Modigliana" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Modigliana, anche riserva,
è riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Modigliana, anche con la menzione riserva, comprende l'intero territorio amministrativo del
Comune di Modigliana.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese
Modigliana, anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Modigliana, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Modigliana 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Modigliana Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
52
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" Modigliana le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna Sangiovese" Modigliana,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Modigliana 65 5850
"Romagna" Sangiovese Modigliana Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Modigliana non può essere immesso al consumo in
data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Modigliana riserva non può essere immesso al
consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed
inoltre è obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità
chimico fisica ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno
successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Modigliana, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Modigliana, anche riserva, è vietata qualunque forma
di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Modigliana, anche riserva, sono consentite
tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini
medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1 I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Modigliana:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
53
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Modigliana riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna Sangiovese" Modigliana riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
54
ALLEGATO 8
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"MARZENO"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Marzeno" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Marzeno, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Marzeno, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Confine Nord: si parte dalla SP 16 all'altezza di Via Bertella (riferimento ex scuole di Rivalta)
proseguendo fino a Via Cornacchia. La si percorre fino all'incrocio con Via Tuliero all'altezza del
civico 144. Si prosegue su Via Tuliero in direzione Sud verso Sarna, comprendendo il foglio di
mappa 220. Si arriva in Via Sarna e la si percorre in direzione Brisighella fino al confine
amministrativo di Brisighella.
Ad Ovest ci si raccorda alla Via Pian di Vicchio e si prosegue fino all'incrocio con la Strada
Provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato "Sentiero di Monte
Gebolo", per arrivare alla località Cà Raggio, nei pressi del Lago Aziendale dove si prosegue per la
località Casa Ergazzina, poi in direzione Sud-Ovest in Via Bicocca e di qui a seguire fino
all'innesto con la Provinciale Faentina. Si prosegue in direzione Modigliana fino all'incrocio con
Via Ceparano che segna il confine Sud. Si percorre tutta la Via Ceparano, che rappresenta il confine
Sud – Est fino all'innesto con Via Albonello in corrispondenza dei Poderi Padernone, Paterna e
Laguna. Da Via Albonello, attraverso il Rio Albonello, ci si raccorda a Via Gabellotta e da questa si
prosegue in direzione Nord su Via Pietramora.
Il confine a Est parte da Via Uccellina che si raccorda a Via Canovetta e prosegue su Via Samoggia
fino a Via Sandrona e poi continua fino all'innesto con Via Pietramora, nei pressi dell'incrocio con
Via Albonello.
55
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Marzeno, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Marzeno 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Marzeno Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Marzeno 65 5850
"Romagna" Sangiovese Marzeno Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno riserva non può essere immesso al consumo
in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno, anche riserva, è vietata qualunque forma di
arricchimento.
56
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Marzeno, anche riserva, sono consentite tutte
le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Marzeno:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Marzeno riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1 La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna Sangiovese" Marzeno riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
57
ALLEGATO 9
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) "ORIOLO"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Oriolo" è riservata ai vini a denominazione
di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo
articolo 3.
2.1. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Oriolo, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%.
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Oriolo, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comune di Faenza: dall'incrocio della Via S. Lucia con la SS 9 Via Emilia, si prosegue per tale
Statale sino ad incontrare la Via del Braldo in località Villanova; indi per detta via sino al confine
amministrativo del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole, che si segue fino al confine tra le
province di Ravenna e Forlì - Cesena. Si prende quindi per Via Urbiano, Via Samoggia e Via S.
Lucia per ricongiungersi con la SS 9 Via Emilia a Faenza.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Oriolo, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Oriolo 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Oriolo Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
58
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" Oriolo le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo, anche
riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente
comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Oriolo 65 5850
"Romagna" Sangiovese Oriolo Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo riserva non può essere immesso al consumo in
data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo, anche riserva, è vietata qualunque forma di
arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Oriolo, anche riserva, sono consentite tutte le
pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Oriolo:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
59
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Oriolo riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Oriolo riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
60
ALLEGATO 10
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA)
"PREDAPPIO"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Predappio" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Predappio, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Predappio, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comprende tutto il territorio del Comune di Predappio. Ad esso vanno aggiunte porzioni dei
Comuni limitrofi di Forlì, Meldola, Civitella di Romagna e Galeata.
Tale territorio è così identificato: all'estremità settentrionale la zona è delimitata dal confine col
Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole fino all'imbocco di via Tomba, e dalle vie Tomba,
del Tesoro, Castel Latino, del Partigiano fino a Viale dell'Appennino (SP 3 del Rabbi, ex SS 9 ter).
La fascia aggiuntiva rispetto al territorio comunale di Predappio risulta in seguito delimitata da via
Monda (imboccata in località San Martino in Strada) e dalla SP 4 – ex SS 310 (detta Bidentina).
Raggiunto il comprensorio di Meldola, seguendo il percorso del fiume Bidente, passando per San
Colombano e raggiungendo la località Gualdo, il territorio della sottozona di Predappio si espande
fra la SP 4, la Strada delle Villette fino a raggiungere la Chiesa di Badia S. Paolo in Aquilano. Si
imbocca poi la Strada Vicinale Prati – Tomba fino a raggiungere la SP 68 (Cusercoli – Voltre) fino
all'intersezione con il torrente Sarsina (confine naturale). Da qui si sale poi verso il Podere Canova
– Sasina per immettersi nella strada che porta da un lato a Bonalda e dall'altro a Monte Aglio. Da
Monte Aglio si scende fino ad arrivare all'incrocio con la SP 4. Girando a sinistra si segue la SP 4
per Nespoli, si raggiunge Civitella di Romagna fino a Galeata e proseguendo, oltre la località
Pianetto, fino al confine con il comune di Santa Sofia.
La linea prosegue identificandosi con il confine fra il territorio comunale di Galeata e quelli – da un
lato – di Santa Sofia e Premilcuore (lungo il crinale che congiunge i monti Calcinari e Altaccio) e –
dall'altro, al di là dell'intersezione con la SP 3 del Rabbi – di Rocca San Casciano. Il tutto sino ad
intersecare la linea del confine comunale di Predappio.
61
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Predappio,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Predappio, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Predappio 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Predappio Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" Predappio le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna Sangiovese" Predappio,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Predappio 65 5850
"Romagna" Sangiovese Predappio Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Predappio non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Predappio riserva non può essere immesso al consumo
in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Predappio, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Predappio, anche riserva, è vietata qualunque forma
di arricchimento.
62
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Predappio, anche riserva, sono consentite
tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini
medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Predappio:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Predappio riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Predappio riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
63
ALLEGATO 11
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) "SAN
VICINIO"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "San Vicinio" è riservata ai vini a
denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di
cui al successivo articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese San Vicinio, anche riserva,
è riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) San
Vicinio, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di Mercato Saraceno e Sarsina ed i territori
dei comuni di Roncofreddo, Sogliano al Rubicone e Cesena così rispettivamente delimitati: in
comune di Roncofreddo dal confine comunale con il comune di Cesena lungo la SP 138 fino al
confine comunale con il comune di Sogliano al Rubicone, si risale il torrente Ansa per via Ansa ed
al suo termine si prosegue fino ad incontrare l'abitato di Montecodruzzo; da Montecodruzzo si
procede per via Garampa in Monteaguzzo fino al confine di Comune con il Comune di Cesena,
seguendo verso valle detto confine si ritorna sulla SP 138 al confine del comune con il comune di
Cesena.
Inoltre la porzione del territorio del comune di Roncofreddo compreso fra l'incrocio del confine del
comune di Roncofreddo con la SP 75, lungo questa fino all'incrocio con la via Garampa; in
Monteaguzzo e per questa fino all'incrocio con il confine del comune di Cesena lungo la via
Garampa indi si discende seguendo detto confine fino alla SP 75.
In comune di Sogliano al Rubicone dal confine del comune di Roncofreddo lungo la SP 138 fino al
confine di comune con il comune di Mercato Saraceno in località Cella; indi si prosegue per detto
confine di comune fino ad incrociare la via Paderno, si prosegue per via Paderno, indi da Case il
Pianetto lungo il confine comunale si risale fino ad incrociare via Palareto in località Case Monte;
indi per il confine comunale fino all'incrocio con la SP 11 via Barbotto, che si percorre attraverso
gli abitati di Rontagnano e Montegelli fino alla località Cà di Quagliotto, indi lungo il confine
comunale si discende lungo il torrente Ansa e la via Ansa fino all'incrocio di questa con la SP 138
in corrispondenza del confine con il comune di Roncofreddo.
64
In comune di Cesena dall'incrocio della SP 138 con la SP 75 indi per questa si risale fino al confine
di Comune con il comune di Roncofreddo; per detto confine si prosegue fino ad incrociare la via
Garampa in Monteaguzzo e per questa si prosegue fino ad incontrare nuovamente il confine con il
comune di Roncofreddo e lungo questo si discende a valle fino all'incrocio con la SP 138 nei pressi
del cimitero di Gualdo; indi per la SP 131 si prosegue fino all'incrocio con la SP 75 ed inoltre, in
comune di Cesena, dall'imbocco della SP 48 in Borello si prosegue per detta SP attraverso l'abitato
di Luzzena, fino alla località Montecavallo, indi per via Casalbono si raggiunge località Il Palazzo,
indi la frazione S. Matteo ove si imbocca la SP 78 che si segue fino al confine del comune di
Cesena con il comune di Sarsina.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese San
Vicinio, anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese San Vicinio, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese San Vicinio 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese San Vicinio Riserva 8 13% vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" San Vicinio le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna Sangiovese" San Vicinio,
anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al
precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese San Vicinio 65 5850
"Romagna" Sangiovese San Vicinio Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese San Vicinio non può essere immesso al consumo in
data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva non può essere immesso al
consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed
65
inoltre è obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità
chimico fisica ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno
successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese San Vicinio, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese San Vicinio, anche riserva, è vietata qualunque
forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese San Vicinio, anche riserva, sono consentite
tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini
medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese San Vicinio:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva, la chiusura dei contenitori può
essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
66
ALLEGATO 12
DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) "SERRA"
Articolo 1
Denominazione e vini
1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) "Serra" è riservata ai vini a denominazione
di origine controllata "Romagna" Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo
articolo 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal
presente disciplinare di produzione.
Articolo 2
Base ampelografica
2.1. La denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese Serra, anche riserva, è
riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente
composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%
Articolo 3
Zona di produzione delle uve
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Serra, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Dall'incrocio, a Castel Bolognese, tra la SS 9 Via Emilia e la SS 306 Via Casolana, si segue
quest'ultima sino ad incontrare Via Kennedy; indi per via Ghinotta fino ad incrociare Via
Biancanigo che si percorre sino a Via Boccaccio; per quest'ultima sino al Fiume Senio che si segue
finché non si incontra il confine amministrativo tra i Comuni di Riolo Terme e Brisighella. Si
prosegue su tale confine sino all'incrocio con Via Tomba; indi per Via Pediano, Via Chiesa di
Pediano, Via Bergullo e Via dei Colli sino alla SS 9 Via Emilia che si percorre fino a ritornare
all'incrocio, all'ingresso di Castel Bolognese, con la SS 306 Via Casolana.
Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese Serra,
anche riserva, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di Origine Controllata, "Romagna"
Sangiovese Serra, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Sangiovese Serra 9 12,5% vol
"Romagna" Sangiovese Serra Riserva 8 13% vol
67
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1. Per il vino DOC "Romagna Sangiovese" Serra le operazioni di vinificazione devono
avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai
produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di
vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna,
Forlì – Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC "Romagna Sangiovese" Serra, anche
riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente
comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le
seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Sangiovese Serra 65 5850
"Romagna" Sangiovese Serra Riserva 65 5200
5.4. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Serra non può essere immesso al consumo in data
anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese Serra riserva non può essere immesso al consumo in
data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre è
obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi; la sua idoneità chimico fisica
ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla
raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC "Romagna" Sangiovese Serra, anche riserva, è consentito l'utilizzo di
contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC "Romagna" Sangiovese Serra, anche riserva, è vietata qualunque forma di
arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi, 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e
l'elaborazione del vino DOC "Romagna" Sangiovese Serra, anche riserva, sono consentite tutte le
pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.
Articolo 6
Caratteristiche al consumo
6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Sangiovese Serra:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
68
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese Serra riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in
etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC "Romagna".
Articolo 8
Confezionamento
8.1. Per il vino "Romagna" Sangiovese Serra riserva, la chiusura dei contenitori può essere
effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.
69
B) Proposta di modifica del documento unico riepilogativo (fascicolo tecnico) del
disciplinare di produzione della DOP dei vini "Romagna".
(Le modifiche sono evidenziate in giallo).
DRAFT-IT-A0507
Domanda di una nuova modifica
I. MODIFICA
1. TIPO DI MODIFICA:
Article_105_not_minor
2. Descrizione e motivi della modifica
Titolo:
Modifica della DOP "Romagna"
Descrizione e motivi
Viene inserita la tipologia Sangiovese "Passito". Ciò per consentire la valorizzazione
commerciale di tale tipologia che viene prodotta nel territorio con la varietà in questione. È
stata inserita la possibilità per le aziende produttrici delle tipologie spumanti e frizzanti di
avvalersi di stabilimenti di terzi, ubicati in tutto il territorio della Regione Emilia–Romagna,
in conformità alla vigente normativa U.E. (Reg. (CE) n. 607/2009, art. 6, par. 4).
OMISSIS
II. DOCUMENTO UNICO
OMISSIS
4. DESCRIZIONE DEI VINI:
"Romagna" Sangiovese
Il vino a denominazione di origine controllata "Romagna Sangiovese", ottenuto dalle uve del
vitigno omonimo, è un vino di colore rosso rubino con orli riflessi violacei, con odore ampio e
vinoso, arricchito da un sentore delicato che talvolta ricorda la viola, leggermente erbaceo da
giovane ed un sapore elegante, pieno, gradevolmente tannico in gioventù e con un altrettanto
gradevole retrogusto amarognolo.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
OMISSIS
"Romagna" Sangiovese Superiore
Il vino a denominazione di origine controllata "Romagna Sangiovese Superiore", ottenuto
dalle uve del vitigno omonimo, è un vino di colore rosso rubino tendente al granato, talora
con orli riflessi violacei, con odore vinoso arricchito da un sentore delicato che talvolta
70
ricorda la viola ed un sapore pieno, corposo, pur tuttavia morbido ed elegante, con una
leggera tannicità piacevole in gioventù, ed un gradevole accentuato retrogusto amarognolo.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,5 %vol
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
OMISSIS
Romagna Sangiovese passito
Il vino a denominazione di origine controllata "Romagna" Sangiovese passito, ottenuto dalle
uve del vitigno omonimo, è un vino di colore rosso rubino, a volte con riflessi violacei, con un
odore delicato che talvolta ricorda la viola ed un sapore armonico, con una gradevole tannicità
accompagnata da un piacevole e caratteristico retrogusto amarognolo; a volte è percettibile un
sentore di legno derivato dai contenitori utilizzati per l'affinamento.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol;
estratto non riduttore minimo: 26 g/l.
Caratteristiche analitiche generali
Titolo alcolometrico totale
massimo (in % vol):
Titolo alcolometrico
effettivo minimo (in % vol):
Acidità totale minima: 4,5 in grammi per litro espresso in acido tartarico
Acidità volatile massima (in
milliequivalenti per litro):
Tenore massimo di anidride
solforosa totale (in
milligrammi per litro):
OMISSIS
"Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva
Il vino a denominazione di origine controllata "Romagna Sangiovese con la menzione
geografica aggiuntiva", ottenuto dalle uve del vitigno omonimo in areali ben delimitati, è un
vino di colore rosso rubino con orli riflessi violacei, con odore ampio e vinoso, arricchito da
un sentore delicato che talvolta ricorda la viola, leggermente erbaceo da giovane ed un sapore
tipico dell'area di produzione, gradevolmente tannico in gioventù e con un altrettanto
gradevole retrogusto amarognolo.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12.5 % vol
zuccheri riduttori residui: oltre 60 g/l
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l
OMISSIS
5. PRATICHE DI VINIFICAZIONE
OMISSIS
b. Rese massime:
OMISSIS
71
Romagna Sangiovese passito
60 ettolitri per ettaro
OMISSIS
8. DESCRIZIONE DEL LEGAME/DEI LEGAMI
OMISSIS
Romagna Sangiovese (anche superiore, Riserva, novello e passito)
È conservato all'Archivio di Stato di Faenza l'atto notarile del 1672 che cita in podere
Fontanella di Pagnano, comune di Casola Valsenio, "tre filari di Sangiovese". Per alcuni
linguisti assunse in Appennino tosco-romagnolo il nome "Sangue dei gioghi" cioè dei monti,
contratto in dialetto locale in "sanzves". Secondo Beppe Sangiorgi, le prime citazioni del
Sangiovese in Romagna riguardano l'area faentina imolese. Nel 1839 il Gallesio giunse a
Forlì da Firenze e descrisse i vigneti incontrati "le vigne sono tutte a ceppi bassi e sono per la
maggior parte di Sangiovese di Romagna". Vecchi testi di viticoltura identificano un
Sangiovese in Romagna con caratteristiche proprie, vinificato in purezza, contrariamente a
quanto si faceva altrove.
Vitigno principe di Romagna il nome, secondo la tradizione locale, deriva da "Sanguis Jovis",
nei secoli mutò in "Sangue di Giove" e poi Sangiovese. Cosimo Villafranchi nella seconda
metà del Settecento parla di "Sangioveto" coltivato in particolare nel Faentino. Tra 1700 e
1800 numerosi poemi e ditirambi lodano il Sangiovese di Romagna. Nel 1839 il Gallesio
giunse a Forlì da Firenze e descrisse i vigneti incontrati "le vigne sono tutte a ceppi bassi e
sono per la maggior parte di Sangiovese di Romagna". In vecchi testi di viticoltura è spesso
identificato un Sangiovese in Romagna con caratteristiche proprie, vinificato in purezza,
contrariamente a quello che si faceva in altre Regioni.
OMISSIS

 


 

(Proposta di modifica del disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata dei vini «Romagna». GU n. 6 del 09/01/2016)


Approvato con DM 22.09.2011 G.U. 235 del 8.10.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 del 20.11.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
1. La Denominazione di Origine Controllata "Romagna" é riservata ai vini che rispondono alle
condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione, per le seguenti tipologie,
specificazioni aggiuntive o menzioni geografiche aggiuntive:
Albana spumante;
Cagnina;
Pagadebit, anche nella versione frizzante;
Pagadebit con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Bertinoro, anche nella versione
frizzante;
Sangiovese, anche con la specificazione novello e riserva;
Sangiovese superiore, anche con la specificazione riserva;
Sangiovese con una delle seguenti menzioni geografiche aggiuntive (sottozone):
Bertinoro, solo con la menzione riserva;
Brisighella, anche con la menzione riserva;
Castrocaro - Terra del Sole, anche con la menzione riserva;
Cesena, anche con la menzione riserva;
Longiano, anche con la menzione riserva;
Meldola, anche con la menzione riserva;
Modigliana, anche con la menzione riserva;
Marzeno, anche con la menzione riserva;
Oriolo, anche con la menzione riserva;
Predappio, anche con la menzione riserva;
San Vicinio, anche con la menzione riserva;
Serra, anche con la menzione riserva;
Trebbiano, anche nella versione frizzante e spumante.


Articolo 2
Base ampelografica
1. I vini di cui all'art. 1 devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi,
nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
"Romagna" Albana Spumante:
- Albana: minimo 95%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 5%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla
coltivazione per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Cagnina:
- Terrano: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione
per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Pagadebit e "Romagna" Pagadebit Bertinoro:
- Bombino bianco: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla
coltivazione per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Sangiovese:
- Sangiovese: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione
per la regione Emilia Romagna.
"Romagna" Sangiovese con una delle menzione geografiche aggiuntive (sottozone) definite
nel presente disciplinare:
- Sangiovese: minimo il 95%;
- possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia
Romagna, fino ad un massimo del 5%.
"Romagna" Trebbiano:
- Trebbiano Romagnolo: minimo 85%;
- possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla
coltivazione per la regione Emilia Romagna.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
1 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Albana Spumante comprende in tutto o in parte i comuni appresso
descritti. Tale zona è così delimitata:
Provincia di Forlì-Cesena: comuni di Castrocaro Terme e Terra del Sole, Forlì, Forlimpopoli,
Meldola, Bertinoro, Cesena, Montiano, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Longiano.
Per i comuni di Savignano sul Rubicone, Cesena, Forlimpopoli e Forlì, il limite a valle è così
delimitato: comune di Savignano sul Rubicone: dalla SS 9 Via Emilia.
Comune di Cesena: dal confine con il comune di Savignano segue la SS 9 Via Emilia fino
all'incontro di questa con Via Pestalozzi, segue questa e quindi Via Marzolino Primo fino alla
ferrovia Rimini – Bologna che segue fino all'incontro con la SS 71 – bis, da questa prende per Via
Comunale Redichiaro, per Via Brisighella poi di nuovo percorre la SS 71 – bis, segue quindi le Vie
Vicinale Cerchia, S. Egidio, Via Comunale Boscone, Via Madonna dello Schioppo, Via Cavalcavia,
Via D'Altri sino al fiume Savio e l'ippodromo comunale per ricongiungersi poi alla statale n. 9
Emilia a nord della città (km. 30,650) che percorre fino al confine con il comune di Bertinoro.
Comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro segue la SS 9 fino all'incontro con
Via S. Leonardo che segue fino all'incontro con la ferrovia Rimini – Bologna, indi prosegue lungo
la stessa fino a ricongiungersi alla SS 9 che percorre fino al confine del comune di Forlì.
Comune di Forlì: dal confine con il comune di Forlimpopoli segue la SS 9 fino all'incontro con Via
G. Siboni, segue questa via e poi le Vie Dragoni, Paganella, T. Baldoni, Gramsci, Bertini, G.
Orceoli, Somalia, Tripoli, Bengasi, Cadore, Monte S. Michele, Gorizia, Isonzo, da quest'ultima
segue la ferrovia Rimini – Bologna fino al casello km. 59, poi per Via Zignola si ricongiunge a nord
della città alla SS 9 che percorre fino al confine con il comune di Faenza.
Provincia di Ravenna: comuni di: Castel Bolognese, Riolo Terme, Faenza, Casola Valsenio,
Brisighella.
Per i comuni di Faenza e Castel Bolognese il limite a valle è delimitato come segue:
Comune di Faenza: dal confine con il comune di Forlì dove questo incontra la SS 9 segue il predetto
confine fino alla ferrovia Rimini – Bologna che percorre fino ad incontrarsi con l'argine sinistro del
fiume Lamone, e poi per Via S. Giovanni e per le Vie Formellino, Ravegnana, Borgo S. Rocco,
Granarolo, Proventa, S. Silvestro, Scolo Cerchia, Convertite, si ricongiunge a nord della città a detta
ferrovia che segue fino al confine comunale di Castel Bolognese.
Comune di Castel Bolognese: dalla ferrovia Rimini – Bologna.
Provincia di Bologna: comuni di: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel San Pietro Terme,
Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Ozzano Emilia.
Per i comuni di Imola e Ozzano Emilia i limiti a valle sono i seguenti:
Comune di Imola: dalla ferrovia Rimini – Bologna sino all'incrocio con la statale Selice, segue la
stessa sino all'incontro con la Via Provinciale Nuova che segue fino a riprendere il proprio confine
comunale all'ingresso della predetta strada nel comune di Castel Guelfo;
Comune di Ozzano Emilia: dalla ferrovia Rimini – Bologna.
2. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Cagnina comprende i comuni appresso descritti:
Provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza e Riolo
Terme;
Provincia di Forlì - Cesena: comuni di Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Forlì,
Forlimpopoli, Longiano, Montiano, Modigliana, Dovadola, Predappio, Mercato Saraceno, Meldola,
Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Gatteo e San Mauro Pascoli.
3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Pagadebit comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti.
Tale zona è così delimitata:
Provincia di Ravenna: Comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza e Riolo
Terme.
Per i Comuni di Castel Bolognese e Faenza il limite a valle è dato dalla SS 9 Via Emilia;
Provincia di Forlì - Cesena: Comuni di Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole,
Cesena, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Longiano, Meldola, Montiano, Predappio, Roncofreddo,
Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone.
Il limite a valle per i comuni di Bertinoro, Cesena, Forlì, Forlimpopoli, Longiano, Savignano sul
Rubicone, è il seguente:
Comune di Bertinoro: SS 9, Via Emilia;
Comune di Cesena: dall'incrocio con il Comune di Bertinoro sulla SS 9 (Via Emilia) si segue detta
statale fino ad incontrare la SP 51 che porta sino a S. Vittore. Poi per Via San Vittore ex 71 fino alla
frazione S. Carlo. Indi per Via Castiglione, Via Roversano S. Carlo, Via Comunale Roversano,
Via IV Novembre fino a ritornare di nuovo sulla SS 9 (Via Emilia). Si prosegue di nuovo per detta
strada statale verso Rimini sino ad incontrare la Via Ca' Vecchia. Poi per Via Montiano e per Via
Malanotte sino al confine con il comune di Longiano;
Comune di Forlì: dal confine con il comune di Faenza sulla Via Emilia, si segue il rio Cosina sino
al ponte della Bariletta sulla Via del Passo, indi per la stessa Via del Passo sino ad incontrare la Via
Castel Leone che si percorre totalmente. Quindi per Via Ossi sino a Villagrappa, poi per Via del
Braldo fino a Villa Rovere. Si imbocca poi la SS 67 verso Firenze sino alla frazione Terra del Sole.
Quindi si ritorna verso Forlì dopo aver percorso Via Ladino, per la SP 56 sino ad incontrare la Via
dell'Appennino (SS 9 ter) che si segue attraversando S. Martino in Strada. Nei pressi dell'uscita dal
paese si imbocca la Via Monda, indi per Via Crocetta sino all'incrocio con la SP 4 del Bidente, km
4,100, che si segue fino ad incontrare la SP 37. Lungo questa fino al confine tra i comuni di Forlì e
Bertinoro sul fiume Ronco;
Comune di Forlimpopoli: dal confine con il Comune di Bertinoro e Forlì, sulla SP 37, si segue
quest'ultima in direzione di Forlimpopoli sino ad incontrare il rio Ausa, che si segue sino a ritornare
sul confine tra i comuni di Bertinoro e Forlimpopoli;
Comune di Longiano: dall'incrocio con il comune di Cesena sulla Via Malanotte si prosegue fino a
Badia. Poi per Via Cesena, Via Badia e Via Fratta passando per Cà Turchi e Cà Won Willer. Indi
per Via Massa, che passando per le frazioni Massa, Bolignano, La Crocetta conduce fino al confine
con il Comune di Savignano sul Rubicone in località Cà Ugolini;
Comune di Savignano sul Rubicone: dal confine con il comune di Longiano sulla Via Massa, si
segue detto confine di comune indi Via Scodella, Via (Vecchia) Rio Salto sino ad incontrare il
confine di comune con Sant'Arcangelo di Romagna, dopo aver percorso la Via Seibelle J.;
provincia di Rimini: comuni di Coriano, Misano Adriatico, Morciano di Romagna, Poggio Berni,
Rimini, Sant'Arcangelo di Romagna, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Torriana,
Verucchio.
Il limite a valle per i comuni di Misano Adriatico, Rimini, Sant'Arcangelo di Romagna é il
seguente:
Comune di Misano Adriatico: dal confine con il comune di Riccione sulla Via Capronte si prosegue
per quest'ultima sino alla Via Grotta. Poi per Via Fontacce sino ad incontrare la SP 35 (Riccione
Tavoletto). Indi per quest'ultima sino alla frazione Cella Simbeni. Poi per Via S. Giovanni sino al
fiume Conca sul confine tra i comuni di Misano Adriatico e San Giovanni in Marignano;
Comune di Rimini: dal confine con il comune di Sant'Arcangelo di Romagna sulla statale Via
Marecchiese si prosegue verso Rimini sino ad incontrare l'autostrada Bologna - Rimini che si segue
sino ad incontrare il confine con il Comune di Riccione.
Comune di Sant'Arcangelo di Romagna: dal confine con il comune di Savignano sulla Via Seibelle
J. si prosegue per detto confine, in direzione Canonica sino ad incontrare la Via Rio Salto e la
frazione Canonica. Indi per Via Canonica, SP 13 sino ad incontrare il confine di comune che si
segue fino sul fiume Marecchia. Lungo detto corso fino all'incontro con la trasversale Marecchia.
Poi per Via Marecchia fino ad un nuovo incontro con il confine di comune.
3.2 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Pagadebit con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Bertinoro comprende l'area di seguito delimitata:
Partendo dall'incrocio, a Forlimpopoli, tra la Via Armando Diaz e la SS 9 Via Emilia, si segue tale
Statale in direzione Est sino ad incrociare la Via Settecrociari che si percorre fino alla frazione S.
Vittore; ci si innesta poi sulla Via S. Vittore, la si segue sino ad incontrare Via Montebellino lungo
la quale si prosegue in direzione Formignano; indi per Via Formignano sino all'incrocio per
Teodorano; si continua a destra per la strada Teodorano - Montecavallo sino a Teodorano; poi per la
strada Meldola - Teodorano fino a Meldola; quindi si prosegue per Via Meldola per Fratta; prima di
Fratta Terme si gira a sinistra per Via Monte Fratta comprendendo l'intera collina; indi si prosegue
fino a Via Tro Meldola fino all'incrocio con Via Meldola per ritornare al punto di partenza, sulla
SS 9 Via Emilia, Via Meldola e Via Armando Diaz.
4.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese comprende in tutto o in parte i comuni appresso
descritti. Tale zona è così delimitata:
Provincia di Forlì - Cesena: comuni di Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole,
Cesena, Civitella di Romagna, Dovadola, Forlì, Forlimpopoli, Galeata, Longiano, Meldola, Mercato
Saraceno, Modigliana, Montiano, Portico - San Benedetto, Predappio, Rocca San Casciano,
Roncofreddo, S. Sofia, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone, Sorbano - Sarsina,
Tredozio.
Per i comuni di Cesena, Bertinoro, Forlimpopoli, Forlì, Montiano e Savignano sul Rubicone il
limite a valle é così delimitato:
comune di Cesena: dal confine con il comune di Savignano segue la SS 9 fino all'incrocio di questa
con via Pestalozzi, segue questa e quindi via Marzolino Primo fino alla ferrovia Rimini - Bologna,
che segue fino all'incontro con la SS 71 -bis, da questa prende per via Comunale Redichiaro, per via
Brisighella poi di nuovo percorre la SS 71 -bis, segue quindi le vie: Vicinale Cerchia, S. Egidio, via
Comunale Boscone, via Madonna dello Schioppo, via Cavalcavia, via D'Altri sino al fiume Savio e
l'ippodromo comunale, per ricongiungersi poi alla statale n. 9 Emilia a nord della città (km 30,650)
che percorre fino al confine con il comune di Bertinoro;
comune di Bertinoro: SS 9 via Emilia;
comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro segue la statale n. 9 fino
all'incontro con Via S. Leonardo, che segue fino all'incontro con la ferrovia Rimini - Bologna, indi
prosegue lungo la stessa fino a ricongiungersi alla SS 9 che percorre fino al confine del comune di
Forlì;
comune di Forlì: dal confine con il comune di Forlimpopoli segue la SS 9 fino all'incontro con via
G. Siboni, segue quindi questa via e poi le vie: Dragoni, Paganella, T. Baldoni, Gramsci, Bertini, G.
Orceoli, Somalia, Tripoli, Bengasi, Cadore, Monte S. Michele, Gorizia, Isonzo, da questa ultima
segue la ferrovia Rimini - Bologna fino al casello km 59 poi per via Zignola si ricongiunge a nord
della città alla SS 9 che percorre fino al confine col comune di Faenza;
comuni di Montiano e Savignano sul Rubicone: dalla SS 9 via Emilia.
Provincia di Rimini: comuni di Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino, Monte
Colombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni,
Riccione, Rimini, Saludecio, S. Arcangelo di Romagna, San Clemente, San Giovanni in Marignano,
Torriana, Verucchio.
Per i comuni di Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Rimini, S. Arcangelo di Romagna, il limite a
valle é così delimitato:
comuni di Cattolica, Misano Adriatico e Riccione: dalla SS 16 Adriatica;
comune di Rimini: dal confine col comune di Riccione segue la SS 16 Adriatica sino all'incrocio
con la SS 9 Emilia e segue questa strada fino al confine col comune di S. Arcangelo di Romagna;
comune di S. Arcangelo di Romagna, dalla SS 9 via Emilia.
Provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza, Riolo
Terme.
Per i comuni di Faenza e Castel Bolognese, il limite a valle é così delimitato:
comune di Faenza: dal confine col comune di Forlì dove questo incontra la SS 9 segue il predetto
confine fino alla ferrovia Rimini - Bologna che percorre fino ad incontrarsi con l'argine sinistro del
fiume Lamone e poi, per via S. Giovanni e per le vie: Formellino, Ravegnana, Borgo S. Rocco,
Granarolo Provelta, S. Silvestro, Scolo Cerchia, Convertite, si ricongiunge a nord della città a detta
ferrovia che segue fino al confine comunale di Castel Bolognese;
comune di Castel Bolognese: dalla ferrovia Rimini - Bologna.
Provincia di Bologna: comuni di Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Castel S. Pietro Terme,
Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Imola e Ozzano il limite a valle é così delimitato:
comune di Imola: dalla ferrovia Rimini - Bologna sino all'incrocio con la statale Selice, segue la
stessa sino all'incontro con la via Provinciale Nuova che segue sino a riprendere il proprio confine
comunale all'ingresso della predetta strada nel comune di Castel Guelfo;
comune di Ozzano: dalla ferrovia Rimini-Bologna.
4.2. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Bertinoro, solo con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Partendo dall'incrocio, a Forlimpopoli, tra la Via Armando Diaz e la SS 9 Via Emilia, si segue tale
Statale in direzione Est sino ad incrociare la Via Settecrociari che si percorre fino alla frazione S.
Vittore; ci si innesta poi sulla Via S. Vittore, la si segue sino ad incontrare Via Montebellino lungo
la quale si prosegue in direzione Formignano; indi per Via Formignano sino all'incrocio per
Teodorano; si continua a destra per la strada Teodorano - Montecavallo sino a Teodorano; poi per la
strada Meldola - Teodorano fino a Meldola; quindi si prosegue per Via Meldola per Fratta; prima di
Fratta Terme si gira a sinistra per Via Monte Fratta comprendendo l'intera collina; indi si prosegue
fino a Via Tro Meldola fino all'incrocio con Via Meldola per ritornare al punto di partenza, sulla
SS 9 Via Emilia, Via Meldola e Via Armando Diaz.
4.3 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di
Origine Controllata "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
"Brisighella", anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
Comprende parte dei Comuni di Brisighella, Faenza e Casola Valsenio. Dal limite nord-est della
zona delimitata, in località Budrio si segue il confine amministrativo tra i comuni di Casola
Valsenio e Riolo Terme in direzione est; si continua seguendo i confini amministrativi tra il comune
di Brisighella e Riolo Terme in direzione nord-est e si prosegue seguendo i confini amministrativi
tra i comuni di Faenza e Castel Bolognese fino ad arrivare ad incrociare la via provinciale Tebano
Villa Vezzano nei pressi della chiesa di Tebano. Da qui verso sud-est fino a Casale. Si prosegue in
direzione sud lungo la strada provinciale, fino ad incrociare la Statale Brisighellese che si percorre
in direzione sud fino alla frazione di Errano dove si prosegue per via Chiusa di Errano e poi sulla
Provinciale Canaletta di Sarna in direzione sud est fino ai pressi di Villa Gessi. Si prosegue su via
Canaletta di Sarna verso sud sino al confine amministrativo fra i comuni di Faenza e Brisighella nei
pressi della chiesa di Sarna. Si procede sul confine dei sopradetti confini comunali verso sud est
sino ad incrociare la via Pian di Vicchio che si percorre in direzione sud-ovest, poi si attraversa la
strada provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato "Sentiero di Monte
Gebolo", per arrivare alla località "Ca' Raggio" nei pressi del lago aziendale dove si prosegue per la
località "Casa Ergazzina" poi in direzione sud-ovest in via Bicocca per poi proseguire lungo la
carraia denominata "Ca' di La'" poi case Soglia e Soglietta fino ad arrivare sul ponte del torrente
Marzeno. Si prosegue per detto torrente in direzione sud-est fino ad arrivare al confine della
provincia di Ravenna con quella di Forlì - Cesena dove si segue in direzione ovest. Si prosegue
lungo il confine delle due provincie fino ad arrivare alla strada consorziale di Lago. Da qui in
direzione sud-ovest si oltrepassa la chiesa di Valpiana sino ad incrociare la strada Statale
Brisighellese nei pressi di S. Eufemia; segue la strada suddetta, in direzione nord verso Brisighella.
Attraversa il fiume Lamone prima del passaggio a livello e continua, in direzione nord-est, lungo la
strada consorziale per Santa Maria in Purocielo. Oltrepassata S.Maria in Purocielo , prosegue in
direzione nord-est lungo la strada forestale elle Lagune fino alla Casa delle Lagune dove riprende
a proseguire in direzione nord-ovest, attraversa Ca' Braghetto, il Tre, Donegaglia e dopo aver
attraversato il torrente Sintria prosegue in direzione sud ovest lungo la strada consorziale
Zattaglia - Monte Romano fino alla località Casetto dove continua in direzione nord-ovest sulla
strada di S. Andrea e dopo aver attraversato Casone della Casa, Albergo, Pagnano, Soglia ed il
fiume Senio, si immette sulla Statale Casolana, che si percorre in direzione nord verso Riolo Terme
fino ad immettersi sulla strada provinciale per Fontanelice; da qui prosegue in direzione nord-est
fino ad oltre il cimitero di Prugno per proseguire lungo la strada vicinale in direzione nord-ovest
verso Ca' Bosco fino ad incrociare il confine di provincia tra Bologna e Ravenna; segue, quindi in
direzione nord est il confine predetto fino alla località Budrio, punto dal quale la delimitazione ha
avuto inizio.
4.4. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Castrocaro - Terra del Sole, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in
parte i comuni appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Comprende gli interi territori amministrativi dei Comuni di Rocca San Casciano, Dovadola,
Castrocaro Terme e Terra del Sole e la seguente parte del Comune di Forlì: dall'incrocio di Via
Borsano (SP 57) con Via del Tesoro, si procede per Via Tomba in direzione Massa, poi ancora per
Via del Tesoro. Da questa si prosegue per Via Braga fino a rientrare in Via del Partigiano (SP 56).
Si continua in direzione Forlì fino all'incrocio con Via del Gualdo, svoltando a sinistra su
quest'ultima (SP 141) e proseguendo per Via Ossi. All'incrocio con Via Scaletta, a sinistra, si
procede per quest'ultima fino a raggiungere Via Campagna di Roma, quindi ancora a sinistra e poi a
destra per Via Framonta fino a Via Ciola, sita nel territorio del Comune di Castrocaro Terme e
Terra del Sole.
4.5. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Cesena, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso
descritti. Tale zona è così delimitata:
A valle il limite é stabilito dalla SS 9 via Emilia, dal confine del comune di Bertinoro all'incrocio
con la via Ca' Vecchia, ad est con la suddetta via Cà Vecchia fino all'abitato di Calisese che si
attraversa, si imbocca la via Calisese e si prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre
fino all'incrocio con la via Fageto che si percorre fino all'incrocio con la via Rudigliano e questa
attraverso l'abitato di Ardiano fino all'incrocio con la SP 75 e per questo fino all'incrocio con la SP
138, indi fino all'abitato di Borello che si attraversa fino all'imbocco della SP 48 per l'abitato di
Luzzena che si attraversa e sempre lungo la SP 48 fino all'incrocio con la strada comunale per
l'abitato di Formignano che si attraversa e per la via Comunale Montebellino si incrocia la via San
Carlo e si attraversa l'abitato di San Carlo e per la Via San Vittore fino all'abitato di San Vittore nel
cui centro si devia per la SP 51 che si percorre fino alla località Diegaro; indi per la SS 9 via Emilia
fino al confine con il comune di Bertinoro.
4.6. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Longiano, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni
appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Sono compresi gli interi territori amministrativi dei comuni di Montiano e Borghi. Il confine a valle
per i Comuni di Longiano e Savignano sul Rubicone é delimitato dalla SS 9 via Emilia; ad ovest dal
confine del comune di Longiano con il comune di Cesena si imbocca la via Cà Vecchia e si
prosegue verso sud fino all'abitato di Calisese che si attraversa, si imbocca la via Calisese e si
prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre fino all'incrocio con la via Fageto percorsa
fino all'incrocio con la via Rudigliano ed attraverso l'abitato di Ardiano si prosegue fino
all'incrocio con la via Garampa (SP 75) e per via Garampa fino all'abitato di Montecodruzzo da cui
si discende fino al torrente Ansa e si risale in località Ca' di Quagliotto e si prosegue per la SP 11
attraversando gli abitati di Montegelli, Rontagnano, Barbotto e Savignano di Rigo fino al confine
Regionale e del comune di Sarsina.
Ad est dal confine con la provincia di Rimini sulla SS 9 via Emilia in località Ponte di Mezzo lungo
il confine con la provincia di Rimini verso sud fino all'incrocio con il confine regionale e
lungo questo fino all'incrocio con il confine del comune di Sarsina con la via Savignano di
Rigo - Cicognaia (E/R) via Decio Raggi (Marche).
4.7. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Meldola, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni
appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Da Meldola si segue il confine della menzione geografica aggiuntiva Predappio sino al confine con
il comune di S. Sofia; quindi per la SP 4 sino a S. Sofia; poi per via Spinello e le SP 96 e 127 sino a
Civorio; quindi per la SP 95 sino a incontrare il confine della menzione geografica aggiuntiva San
Vicinio che si segue per ritornare a Meldola lungo i confini della menzione geografica aggiuntiva
Bertinoro.
4.8. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Modigliana, anche con la menzione riserva, comprende l'intero territorio
amministrativo del Comune di Modigliana.
4.9. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Marzeno, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni
appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Confine Nord: si parte dalla SP 16 all'altezza di Via Bertella (riferimento ex scuole di Rivalta)
proseguendo fino a Via Cornacchia. La si percorre fino all'incrocio con Via Tuliero all'altezza del
civico 144. Si prosegue su Via Tuliero in direzione Sud verso Sarna, comprendendo il foglio di
mappa 220. Si arriva in Via Sarna e la si percorre in direzione Brisighella fino al confine
amministrativo di Brisighella.
Ad Ovest ci si raccorda alla Via Pian di Vicchio e si prosegue fino all'incrocio con la Strada
Provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato "Sentiero di Monte
Gebolo", per arrivare alla località Cà Raggio, nei pressi del Lago Aziendale dove si prosegue per la
località Casa Ergazzina, poi in direzione Sud-Ovest in Via Bicocca e di qui a seguire fino
all'innesto con la Provinciale Faentina. Si prosegue in direzione Modigliana fino all'incrocio con
Via Ceparano che segna il confine Sud. Si percorre tutta la Via Ceparano, che rappresenta il confine
Sud - Est fino all'innesto con Via Albonello in corrispondenza dei Poderi Padernone, Paterna e
Laguna. Da Via Albonello, attraverso il Rio Albonello, ci si raccorda a Via Gabellotta e da questa si
prosegue in direzione Nord su Via Pietramora.
Il confine a Est parte da Via Uccellina che si raccorda a Via Canovetta e prosegue su Via Samoggia
fino a Via Sandrona e poi continua fino all'innesto con Via Pietramora, nei pressi dell'incrocio con
Via Albonello.
4.10 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Oriolo, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso
descritti. Tale zona è così delimitata:
Comune di Faenza: dall'incrocio della Via S. Lucia con la SS 9 Via Emilia, si prosegue per tale
Statale sino ad incontrare la Via del Braldo in località Villanova; indi per detta via sino al confine
amministrativo del Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole, che si segue fino al confine tra le
province di Ravenna e Forlì - Cesena. Si prende quindi per Via Urbiano, Via Samoggia e Via
S. Lucia per ricongiungersi con la SS 9 Via Emilia a Faenza.
4.11. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) Predappio, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni
appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Comprende tutto il territorio del Comune di Predappio. Ad esso vanno aggiunte porzioni dei
Comuni limitrofi di Forlì, Meldola, Civitella di Romagna e Galeata.
Tale territorio è così identificato: all'estremità settentrionale la zona è delimitata dal confine col
Comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole fino all'imbocco di via Tomba, e dalle vie Tomba,
del Tesoro, Castel Latino, del Partigiano fino a Viale dell'Appennino (SP 3 del Rabbi, ex SS 9 ter).
La fascia aggiuntiva rispetto al territorio comunale di Predappio risulta in seguito delimitata da via
Monda (imboccata in località San Martino in Strada) e dalla SP 4 – ex SS 310 (detta Bidentina).
Raggiunto il comprensorio di Meldola, seguendo il percorso del fiume Bidente, passando per San
Colombano e raggiungendo la località Gualdo, il territorio della sottozona di Predappio si espande
fra la SP 4, la Strada delle Villette fino a raggiungere la Chiesa di Badia S. Paolo in Aquilano. Si
imbocca poi la Strada Vicinale Prati – Tomba fino a raggiungere la SP 68 (Cusercoli – Voltre) fino
all'intersezione con il torrente Sarsina (confine naturale). Da qui si sale poi verso il Podere
Canova – Sasina per immettersi nella strada che porta da un lato a Bonalda e dall'altro a Monte
Aglio. Da Monte Aglio si scende fino ad arrivare all'incrocio con la SP 4. Girando a sinistra si
segue la SP 4 per Nespoli, si raggiunge Civitella di Romagna fino a Galeata e proseguendo, oltre la
località Pianetto, fino al confine con il comune di Santa Sofia.
La linea prosegue identificandosi con il confine fra il territorio comunale di Galeata e quelli – da un
lato – di Santa Sofia e Premilcuore (lungo il crinale che congiunge i monti Calcinari e Altaccio) e –
dall'altro, al di là dell'intersezione con la SP 3 del Rabbi – di Rocca San Casciano. Il tutto sino ad
intersecare la linea del confine comunale di Predappio.
4.12 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva
(sottozona) San Vicinio, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni
appresso descritti. Tale zona è così delimitata:
Comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di Mercato Saraceno e Sarsina ed i territori
dei comuni di Roncofreddo, Sogliano al Rubicone e Cesena così rispettivamente delimitati: in
comune di Roncofreddo dal confine comunale con il comune di Cesena lungo la SP 138 fino al
confine comunale con il comune di Sogliano al Rubicone, si risale il torrente Ansa per via Ansa ed
al suo termine si prosegue fino ad incontrare l'abitato di Montecodruzzo; da Montecodruzzo si
procede per via Garampa in Monteaguzzo fino al confine di Comune con il Comune di Cesena,
seguendo verso valle detto confine si ritorna sulla SP 138 al confine del comune con il comune di
Cesena.
Inoltre la porzione del territorio del comune di Roncofreddo compreso fra l'incrocio del confine del
comune di Roncofreddo con la SP 75, lungo questa fino all'incrocio con la via Garampa; in
Monteaguzzo e per questa fino all'incrocio con il confine del comune di Cesena lungo la via
Garampa indi si discende seguendo detto confine fino alla SP 75.
In comune di Sogliano al Rubicone dal confine del comune di Roncofreddo lungo la SP 138 fino al
confine di comune con il comune di Mercato Saraceno in località Cella; indi si prosegue per detto
confine di comune fino ad incrociare la via Paderno, si prosegue per via Paderno, indi da Case il
Pianetto lungo il confine comunale si risale fino ad incrociare via Palareto in località Case Monte;
indi per il confine comunale fino all'incrocio con la SP 11 via Barbotto, che si percorre attraverso
gli abitati di Rontagnano e Montegelli fino alla località Cà di Quagliotto, indi lungo il confine
comunale si discende lungo il torrente Ansa e la via Ansa fino all'incrocio di questa con la SP 138
in corrispondenza del confine con il comune di Roncofreddo.
In comune di Cesena dall'incrocio della SP 138 con la SP 75 indi per questa si risale fino al confine
di Comune con il comune di Roncofreddo; per detto confine si prosegue fino ad incrociare la via
Garampa in Monteaguzzo e per questa si prosegue fino ad incontrare nuovamente il confine con il
comune di Roncofreddo e lungo questo si discende a valle fino all'incrocio con la SP 138 nei pressi
del cimitero di Gualdo; indi per la SP 131 si prosegue fino all'incrocio con la SP 75 ed inoltre, in
comune di Cesena, dall'imbocco della SP 48 in Borello si prosegue per detta SP attraverso l'abitato
di Luzzena, fino alla località Montecavallo, indi per via Casalbono si raggiunge località Il Palazzo,
indi la frazione S. Matteo ove si imbocca la SP 78 che si segue fino al confine del comune di
Cesena con il comune di Sarsina.
4.13 La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine
controllata "Romagna" Sangiovese, designati con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona)
Serra, anche con la menzione riserva, comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale
zona è così delimitata:
Dall'incrocio, a Castel Bolognese, tra la SS 9 Via Emilia e la SS 306 Via Casolana, si segue
quest'ultima sino ad incontrare Via Kennedy; indi per via Ghinotta fino ad incrociare Via
Biancanigo che si percorre sino a Via Boccaccio; per quest'ultima sino al Fiume Senio che si segue
finché non si incontra il confine amministrativo tra i Comuni di Riolo Terme e Brisighella. Si
prosegue su tale confine sino all'incrocio con Via Tomba; indi per Via Pediano, Via Chiesa di
Pediano, Via Bergullo e Via dei Colli sino alla SS 9 Via Emilia che si percorre fino a ritornare
all'incrocio, all'ingresso di Castel Bolognese, con la SS 306 Via Casolana.
5. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di Origine
Controllata "Romagna" Trebbiano comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale
zona è così delimitata:
Provincia di Bologna: comuni di: Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Castel Guelfo, Castel S. Pietro
Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Mordano, Medicina, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Ozzano dell'Emilia, Medicina, Castel Guelfo, Imola, il limite a valle é così delimitato:
comune di Ozzano dell'Emilia: dalla ferrovia Rimini - Bologna;
comune di Medicina: dal confine con il comune di Ozzano dell'Emilia segue la SP 253 sino all'incrocio
con la via del Piano che segue e poi per via del Lavoro, via del Canale, via S. Rocco per ricongiungersi
alla provinciale n 253 San Vitale;
comune di Castel Guelfo: dalla provinciale n 253 San Vitale;
comune di Imola: dalla provinciale n 253 San Vitale.
Per i comuni di Fontanelice e Casal Fiumanese il limite a monte é così delimitato:
comune di Fontanelice: dall'incrocio della strada Renana con il confine di provincia Bologna-Ravenna,
si prosegue per la suddetta strada sino a via D. Alighieri; poi per la SP 610 di Fontanelice che si percorre
sino al km 16,950 per imboccare poi la via Gesso. Si segue quest'ultima sino ad incrociare il confine del
comune;
comune di Casal Fiumanese: dalla mulattiera che passando per Cà Salara congiunge i confini di
Fontanelice e Castel S. Pietro Terme.
Provincia di Forlì - Cesena: comuni di: Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena,
Cesenatico, Civitella di Romagna, Forlì, Forlimpopoli, Gambettola, Gatteo, Longiano, Meldola,
Modigliana, Montiano, Predappio, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone.
Per i comuni di Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, il limite a valle é così delimitato:
comune di Gatteo: dal confine con il comune di Cesenatico, sulla via Cesenatico, si segue quest'ultima
sino all'incrocio con l'autostrada A14 Bologna - Rimini in località S. Angelo presso Casa Bertorri.
Quindi lungo l'autostrada sino ad incontrare il confine del comune di Savignano sul Rubicone;
comune di San Mauro Pascoli: dall'autostrada A14 Bologna - Rimini;
comune di Savignano sul Rubicone: dall'autostrada A14 Bologna - Rimini;
comune di Cesenatico: sono compresi i territori a monte dell'area così delimitata: da Montaletto,
all'incrocio tra le province di Ravenna e Forlì - Cesena, si segue via S. Pellegrino e poi per via Campone
Sala fino alla frazione Sala; quindi per via Cesenatico fino ad incrociare il confine con il comune di
Savignano sul Rubicone.
Provincia di Rimini: comuni di Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino,
Montecolombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni,
Riccione, Rimini, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Saludecio, Sant'Arcangelo di Romagna,
Torriana, Verucchio.
Per i comuni di Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Rimini, il limite a valle é così delimitato:
Comune di Cattolica: dalla SS 16 Adriatica;
Comune di Misano Adriatico: dalla SS 16 Adriatica;
Comune di Riccione: dalla SS 16 Adriatica;
Comune di Rimini: dall'incrocio dell'autostrada A14 Bologna - Rimini con il fiume Uso (confine tra i
comuni di San Mauro Pascoli e Rimini), si segue detta autostrada sino all'incrocio con la SS 9 via
Emilia in località S. Giustina presso il cimitero. Si continua per la statale sino al fiume Marecchia, che si
segue sino ad incontrare la ferrovia Bologna - Rimini. Indi lungo quest'ultima fino all'incontro con il
torrente Ausa che si segue sino all'incrocio con la SS 16 Adriatica. Poi per detta statale fino al confine
con il comune di Riccione;
Provincia di Ravenna: comuni di: Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Brisighella, Casola Valsenio,
Castel Bolognese, Cotignola, Faenza, Lugo, Massalombarda, Riolo Terme, Russi, Ravenna, S. Agata
sul Santerno, Solarolo.
Per i comuni di Bagnacavallo, Lugo, Massalombarda, Russi, S. Agata sul Santerno, il limite a valle è
così delimitato:
Comune di Bagnacavallo: dal confine con il comune di Lugo segue la SP 253 San Vitale sino
all'incrocio con la via Bagnoli Inferiore che segue poi per le vie: Pieve Masiera, Circonvallazione Fossa,
Stradello, Rotondi, Guarno, Colombaia, sinistra canale Inferiore sino al Km 17, destra canale Inferiore,
Strada Cogollo, Forma, vicolo privato, per ricongiungersi poi alla SP 253 San Vitale al Km 57;
Comune di Lugo: dal confine con il comune di S. Agata sul Santerno segue la SP 253 San Vitale sino
all'incrocio con la via Bedazzo che segue poi le vie: Piratello, Delle Tombe, S. Andrea, provinciale
Quarantola, Piratello Viola, sino a ricongiungersi alla SP 253 San Vitale;
comune di Massalombarda: dal confine con la provincia di Bologna si segue la SP 253 San Vitale sino
all'incrocio con il viale della Repubblica che segue, e poi per le vie: 1° Maggio, Fornace, Punta,
Bagnarolo, Nuova, Cimitero, sino all'incrocio con la ferrovia Bologna - Ravenna che segue sino ad
incontrare di nuovo la SP 253 San Vitale;
Comune di Russi: dal confine con il comune di Bagnacavallo segue la SP 253 San Vitale sino
all'incrocio con la via Faentina che segue attraversando l'abitato di Godo (via Faentina Nord) e poi per
via Fringuellina, via Del Godo, via Fringuellina Nuova, via Naldi e via Molinaccio sino al confine con il
comune di Ravenna;
Comune di S. Agata sul Santerno: dal confine con il comune di Massalombarda si segue la SP 253 San
Vitale sino all'incrocio con la via Bel Fiore e poi per via Angiolina e argine sinistro fiume Santerno sino
ad incrociare di nuovo la SP 253 San Vitale;
comune di Ravenna: sono compresi i territori a monte dell'area così delimitata: dal confine con il
comune di Russi la linea di delimitazione segue, verso est, la strada di Godo - San Marco fino a
raggiungere la SS 67 Tosco Romagnola. Segue detta strada statale, verso sud, sino al km 207,800 e
poi attraversando il fiume Ronco per via Gambellara sino a San Pietro in Vincoli. Quindi per via del
Sale e poi per la provinciale del Dismano in direzione sud fino al km 20,500, indi per via Civinelli e
via Mensa fino a Matelica, quindi per via Salaria e via Crociarone fino a Pisignano e poi per via
Confine sino ad incrociare il confine tra le province di Ravenna e Forlì-Cesena, che segue fino a
Montaletto.
Per i comuni di Brisighella e Casola Valsenio il limite a monte é così delimitato:
comune di Brisighella: dalla località Zattaglia in direzione est lungo la strada Valletta-Zattaglia sino
ad incrociare la via Firenze che si attraversa per poi immettersi nella strada privata Tredozi Paolo che
si segue fino ad incontrare il fiume Lamone. Indi lungo quest'ultimo sino alla confluenza con il
torrente Ebola che si segue sino all'incrocio con il confine tra le province di Forlì-Cesena e Ravenna;
comune di Casola Valsenio: dal confine tra le province di Bologna e Ravenna lungo la strada Renana, si
segue quest'ultima fino alla località Prugno. Poi per via del Corso e via Macello fino ad incontrare la SS
306 che si segue fino all'incrocio con la via Santa Martina. Indi si attraversa la piazza della Chiesa e per
via Meleto si prosegue fino ad incontrare il fiume Senio. Si prosegue quest'ultimo sino all'incontro con
la strada Valletta - Zattaglia che si percorre fino ad incontrare il confine tra i comuni di Brisighella e
Casola Valsenio in località Zattaglia.
Nella zona di produzione é compresa l'Isola di Savarna delimitata come appresso: partendo dalla località
"La Cilla" la linea di delimitazione segue verso est il canale di bonifica destra del Reno fino a
raggiungere la strada S. Alberto - Ravenna, in prossimità del km 13,500. Ripiega verso ovest e segue,
attraversando la bonifica di Valle Mezza Cà, il tracciato della vecchia ferrovia fino al C. Berbarella. Da
questo punto segue, verso ovest, la strada di bonifica che passando per C. Graziani, raggiunge la strada
Mezzano-S. Alberto, in prossimità della località Grattacoppa. Prosegue, verso nord, per quest'ultima
strada, fino a raggiungere la località "La Cilla" punto di inizio della delimitazione.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui
all'art. 1 devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve ed al
vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità. In particolare sono da considerarsi idonei i
terreni collinari, pedecollinari e, fra quelli della zona di pianura delimitata, i sabbiosi - argillosi
anche profondi ma piuttosto asciutti, mentre sono da escludere i terreni alluvionali ad alto tenore
idrico e quelli di recente bonifica.
2. I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino. Per i
vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Trebbiano, "Romagna" Pagadebit,
"Romagna" Pagadebit Bertinoro, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 2.500 ceppi per
ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese,
"Romagna" Sangiovese novello, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 3300 ceppi per
ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese superiore,
la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 3700 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo
impianto atti a produrre uve per la DOC "Romagna" Sangiovese con una delle menzioni geografiche
aggiuntive (sottozone) di seguito riportate, Bertinoro, Brisighella, Castrocaro - Terra del Sole, Cesena,
Longiano, Meldola, Modigliana, Marzeno, Oriolo, Predappio, San Vicinio, Serra, la densità minima
di piante non dovrà essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre
uve per la DOC "Romagna" Cagnina, la densità minima di piante non dovrà essere inferiore a 3300 ceppi
per ettaro.
3. É vietata ogni pratica di forzatura. È ammessa l'irrigazione di soccorso.
4.1. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione
minima naturale per la produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna", di
cui all'art. 1, sono le seguenti:
Produzione Titolo alcolometrico
massima (t) vol. naturale minimo
"Romagna" Albana spumante 9,0 13,00 vol
16,00 dopo l'appassimento
"Romagna" Cagnina 13,0 10,50 vol
"Romagna" Pagadebit 14,0 10,50 vol
"Romagna" Pagadebit Bertinoro 14,0 11,50 vol
"Romagna" Sangiovese 12,0 11,50 vol
"Romagna" Sangiovese novello 12,0 11,00 vol
"Romagna" Sangiovese superiore 10,5 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Brisighella 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Brisighella riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Cesena 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Cesena riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Longiano 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Longiano riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Marzeno 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Marzeno riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Meldola 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Meldola riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Modigliana 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Modigliana riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Oriolo 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Oriolo riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Predappio 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Predappio riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese San Vicinio 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Sangiovese Serra 9,0 12,50 vol
"Romagna" Sangiovese Serra riserva 8,0 13,00 vol
"Romagna" Trebbiano 14,0 11,00 vol
"Romagna" Trebbiano frizzante 14,0 10,00 vol
"Romagna" Trebbiano spumante 14,0 10,00 vol
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve
essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
4.2 Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione dei vini a
Denominazione di Origine Controllata "Romagna" definiti all'art.1 del presente disciplinare di
produzione, devono essere riportati nei limiti di cui al comma 4.1 purché la produzione globale non
superi del 20% i limiti medesimi.
4.3. La Regione Emilia Romagna, con proprio decreto, su proposta del Consorzio, sentite le
organizzazioni di categoria interessate, di anno in anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle
condizioni ambientali di coltivazione, può stabilire un limite massimo di produzione rivendicabile
di uva per ettaro inferiore a quello fissato dal presente disciplinare di produzione, dandone
immediata comunicazione al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ed
all'organismo di controllo.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1.1. Le operazioni di vinificazione, ivi comprese le operazioni di elaborazione delle tipologie
spumanti e frizzanti, ossia le pratiche enologiche per la presa di spuma e per la stabilizzazione,
devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione delimitata nel precedente art. 3
secondo gli usi tradizionali della zona stessa.
1.2. Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, é consentito che le
operazioni di cui al comma 1.1. siano effettuate:
- per il vino DOC "Romagna" Albana spumante, anche nell'ambito dell'intero territorio delle
province di Forlì – Cesena, Ravenna e per la provincia di Bologna nei Comuni di Borgo
Tossignano, Casalfiumanese, Castel S. Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola e Ozzano
Emilia;
- per il vino DOC "Romagna" Cagnina, nell'intero territorio delle province di Forlì - Cesena e
Ravenna;
- per il vino DOC "Romagna" Pagadebit, nell'intero territorio delle province di Forlì - Cesena,
Ravenna e Rimini;
- per i vini DOC "Romagna" Sangiovese, "Romagna" Sangiovese superiore e per i vini DOC
"Romagna" Trebbiano, nell'ambito dell'intero territorio delle province di Bologna, Forlì - Cesena,
Ravenna e Rimini;
- per i vini DOC "Romagna" Sangiovese designato con una delle menzioni geografiche aggiuntive
(sottozona) di cui all'articolo 1, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata
(cantine sociali), nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forlì - Cesena e Rimini;
- per i vini DOC "Romagna" Sangiovese designato con una delle menzioni geografiche aggiuntive
(sottozona) di cui all'articolo 1, limitatamente ai vinificatori acquirenti di uve, nel territorio
delimitato all'articolo 3, comma 4, per la rispettiva menzione geografica aggiuntiva.
2. Le operazioni di imbottigliamento delle tipologie DOC "Romagna" Trebbiano frizzante e
spumante , "Romagna" Pagadebit frizzante e Pagadebit Bertinoro frizzante, "Romagna" Albana
spumante, "Romagna" Sangiovese designato con una delle menzioni geografiche aggiuntive
(sottozona) di cui all'articolo 1, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione ed
elaborazione di cui ai comma 1.1. e 1.2.
Conformemente all'articolo 8 del Reg. CE n. 607/2009, l'imbottigliamento o il condizionamento
deve aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualità o la
reputazione o garantire l'origine o assicurare l'efficacia dei controlli.
3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro a
denominazione di origine controllata sono le seguenti:
Resa uva/vino Produzione
(%) massima (l/ha)
"Romagna" Albana spumante 50 4500
"Romagna" Cagnina 65 8450
"Romagna" Pagadebit 70 9800
"Romagna" Pagadebit Bertinoro 70 9800
"Romagna" Sangiovese 65 7800
"Romagna" Sangiovese novello 65 7800
"Romagna" Sangiovese superiore 65 6825
"Romagna" Sangiovese Bertinoro riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Brisighella 65 5850
"Romagna" Sangiovese Brisighella riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole 65 5850
"Romagna" Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Cesena 65 5850
"Romagna" Sangiovese Cesena riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Longiano 65 5850
"Romagna" Sangiovese Longiano riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Marzeno 65 5850
"Romagna" Sangiovese Marzeno riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Meldola 65 5850
"Romagna" Sangiovese Meldola riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Modigliana 65 5850
"Romagna" Sangiovese Modigliana riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Oriolo 65 5850
"Romagna" Sangiovese Oriolo riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Predappio 65 5850
"Romagna" Sangiovese Predappio riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese San Vicinio 65 5850
"Romagna" Sangiovese San Vicinio riserva 65 5200
"Romagna" Sangiovese Serra 65 5850
"Romagna" Sangiovese Serra riserva 65 5200
"Romagna" Trebbiano 70 9800
"Romagna" Trebbiano frizzante 70 9800
"Romagna" Trebbiano spumante 70 9800
Qualora la resa massima uva/vino superi detti limiti l'eccedenza non avrà diritto alla denominazione
di origine controllata.
4.1. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese novello deve essere ottenuto con almeno il 50% di
vino proveniente dalla macerazione carbonica delle uve.
4.2. Per la DOC "Romagna" Sangiovese e "Romagna" Sangiovese superiore è consentito
effettuare un appassimento parziale delle uve utilizzando anche attrezzature per la ventilazione e la
deumidificazione.
4.3. Per la DOC "Romagna" Albana spumante la fermentazione del mosto può essere effettuata,
anche in parte, in contenitori di legno.
4.4. Il vino a Denominazione di Origine Controllata "Romagna" Albana spumante deve essere
ottenuto ricorrendo alla pratica della fermentazione/rifermentazione naturale in bottiglia
("fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale" o "metodo tradizionale" o "metodo
classico" o "metodo tradizionale classico") o della fermentazione/rifermentazione naturale in
autoclave, secondo quanto previsto dalle norme Comunitarie e nazionali.
4.5. Per la DOC "Romagna" Albana Spumante la presa di spuma, nell'arco della intera annata, deve
effettuarsi con mosti di uve parzialmente appassite prodotte da vigneti ubicati nella zona di
produzione di cui all'articolo 3, comma 1.
5.1. I seguenti vini non possono essere immessi al consumo in data anteriore al:
- "Romagna" Sangiovese: 1° dicembre dell'anno di raccolta delle uve;
- "Romagna" Sangiovese superiore: 1° aprile dell'anno successivo all'anno di raccolta delle uve;
- "Romagna" Cagnina: 10 ottobre dell'anno di raccolta delle uve;
- "Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva: 1° settembre dell'anno successivo
a quello di raccolta delle uve;
5.2. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese e il vino DOC "Romagna" Sangiovese superiore dopo
un periodo di invecchiamento non inferiore a 24 mesi, a decorrere dal 1° dicembre dell'anno di
raccolta delle uve, possono assumere la designazione "Romagna" Sangiovese riserva e "Romagna"
Sangiovese superiore riserva e la loro idoneità chimico fisica ed organolettica non potrà essere
valutata prima di 22 mesi di invecchiamento.
5.3. Il vino DOC "Romagna" Sangiovese riserva con la menzione geografica aggiuntiva non può
essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di
raccolta delle uve ed inoltre è obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno 6 mesi;
la sua idoneità chimico fisica ed organolettica non potrà essere valutata prima del 1° febbraio del
terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
6. Per la DOC "Romagna" Trebbiano e "Romagna" Sangiovese, anche con le specificazioni
superiore e riserva e con la menzione geografica aggiuntiva, é consentito l'utilizzo di contenitori in
legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
7.1. Per la DOC "Romagna" Sangiovese, "Romagna" Sangiovese novello e "Romagna"
Sangiovese superiore, è ammesso l'arricchimento nella misura massima dell'1% vol.
7.2. Nei vini a DOC "Romagna" Sangiovese con menzione geografica aggiuntiva è vietata
qualunque forma di arricchimento.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Romagna" Albana spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: giallo dorato;
odore: caratteristico, intenso, delicato;
sapore: dolce, gradevole, vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16% vol.
zuccheri riduttori residui: oltre 60 gr per litro;
acidità totale: non inferiore a 6 g/l;
estratto non riduttore: non inferiore a 21 gr/l.
"Romagna" Cagnina:
colore: rosso violaceo;
odore: vinoso, caratteristico;
sapore: dolce, di corpo, un po' tannico, leggermente acidulo;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 8,50% vol;
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 11,50 % vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17 g/l.
"Romagna" Pagadebit:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit amabile:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 1 1,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, fresco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro secco:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro amabile:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro secco frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Pagadebit Bertinoro amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol;
acidità totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese:
colore: rosso rubino talora con orli violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12%vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese novello:
colore: rosso rubino;
odore: vinoso, intenso fruttato;
sapore: secco o leggermente abboccato, sapido, armonico;
zuccheri riduttori residui: massimo 10,0 g/l;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese superiore:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con orli violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con orli violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese superiore riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con orli violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l.
"Romagna" Sangiovese riserva con la menzione geografica aggiuntiva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.
"Romagna" Trebbiano:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Trebbiano spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: brut, extra dry in relazione alla specifica tipologia;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
"Romagna" Trebbiano frizzante:
spuma: fine e persistente
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: armonico, fresco;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.
É facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, con proprio decreto, modificare i
limiti sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.


Articolo 7
Etichettatura e presentazione
1. Nella presentazione e designazione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Romagna é
vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quella prevista dal seguente
disciplinare, ivi compresi gli aggettivi "extra", "fine", "scelto", "selezionato" e similari.
2. È consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi
privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
3. Le indicazioni tendenti a specificare l'attività agricola dell'imbottigliatore quali "viticoltore",
"fattoria", "tenuta", "podere", "cascina" ed altri termini similari sono consentite in osservanza delle
disposizioni CE e nazionali in materia.
4. Nella presentazione e designazione dei vini DOC "Romagna", con l'esclusione delle
tipologie Trebbiano spumante e frizzante, è obbligatoria l'indicazione dell'annata di produzione
delle uve.
5.1. È consentito l'uso di indicazioni toponomastiche aggiuntive che facciano riferimento alle
"vigne", dalle quali effettivamente provengono le uve da cui il vino così qualificato alle condizioni
di cui all'art. 6, comma 8, del DLgs n. 61/2010;
5.2. La menzione "vigna" seguita dal relativo toponimo o nome, deve essere riportata in caratteri
di dimensione uguale o inferiore al carattere usato per la denominazione di origine.
6. Le specificazioni superiore, riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono
figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC
"Romagna", della stessa evidenza e riportati sulla medesima base colorimetrica.


Articolo 8
Confezionamento
1. É consentito il confezionamento del vino DOC "Romagna" Trebbiano e "Romagna"
Sangiovese anche in recipienti di ceramica.
2. Per i vini DOC "Romagna" Trebbiano e "Romagna" Sangiovese è consentito l'uso dei
contenitori alternativi al vetro costituiti da un otre in materiale plastico pluristrato di polietilene e
poliestere racchiuso in un involucro di cartone o di altro materiale rigido non inferiore a due litri, ad
esclusione della tipologia con la menzione "vigna".
3. Per la DOC "Romagna" Sangiovese con menzione geografica aggiuntiva (sottozona) nella
versione riserva, la chiusura dei contenitori può essere effettuata unicamente con tappi di sughero
naturale monoblocco.
4. Sulle bottiglie della DOC "Romagna" Cagnina deve figurare la specifica dolce.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame
Il disciplinare "Romagna" DOC tiene conto delle aree di insediamento storiche e tradizionali della
viti-vinicoltura romagnola, esaltando le migliori espressioni dell'interazione "vitigno/ambiente".
L'areale di coltivazione di Sangiovese, Albana, Trebbiano romagnolo, Bombino bianco e Terrano
comprende parte dei territori di quattro province (Bologna, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini), con
particolare riferimento alla collina, e si possono individuare due zone principali ben distinte: una
pre-collinare, che si estende dalle falde delle ultime formazioni collinari degli Appennini fino alla
via Emilia, comprendendo una fascia di terreni tendenzialmente piani appartenenti al Quaternario
recente, e una zona nettamente collinare ascrivibile all'era Terziaria. Il periodo più attivo
dell'emersione dei rilievi della Romagna è infatti riferibile a Miocene superiore, Pliocene e
Postpliocene. L'Appennino romagnolo ha un'origine geologica comune e si compone, in linea generale,
di formazioni calcaree e argillose. La formazione geologica che, per la sua estensione,
maggiormente caratterizza la Romagna è la "Marnoso-arenacea", una fascia più o meno ampia di
stratificazioni successive e alternate di arenarie torbiditiche e marne. Durante il periodo Messiniano,
quando il Mediterraneo rimase isolato dall'oceano Atlantico, si depositarono rocce evaporitiche
(gesso, anidrite, salgemma) che in Romagna sono ben visibili nella "Vena del gesso". Seguono poi
le deposizioni del Pliocene, a dominante argillosa, che si presentano spesso con la tipica morfologia
a "calanchi", riscontrabile nelle valli basse.
Da questa successione di rocce è abbastanza naturale che siano derivati, per effetto dell'erosione
naturale e dell'intervento dell'uomo, terreni più o meno calcarei, argillosi, misti e, dove sono
intervenute azioni di dilavamento ed erosione chimica, terreni residuali di costituzione diversa.
In passato si distinguevano "terreni vergini o integrali", di formazione recente e di composizione
strettamente connessa alla roccia madre, e "terreni residuali", decalcificati, ferrettizzati, antichi. Tra
questi due estremi si ponevano i "terreni parzialmente ferrettizzati" (mezze savanelle) e le "terre
rosse" (savanelle), completamente decalcificate.
Recenti studi di zonazione hanno permesso di approfondire la conoscenza dei suoli e valutare anche
l'influenza di questi su alcuni dei vitigni principali. Partendo dalla SS 9, via Emilia, e risalendo
verso monte, si incontrano dapprima le "terre parzialmente decarbonatate della pianura
pedemontana", a pendenza molto debole (0,2-1%), che si sono formate in sedimenti fluviali a
tessitura media. Sono suoli molto profondi, con buona disponibilità di ossigeno, elevata capacità di
acqua disponibile e buona fertilità naturale; da scarsamente a moderatamente calcarei nell'orizzonte
lavorato e con contenuti in calcare decisamente più elevati negli orizzonti profondi. A seguire si
incontrano le "terre scarsamente calcaree del margine appenninico", costituite da suoli formatisi in
sedimenti argilloso-limosi deposti dai fiumi, profondi, a tessitura moderatamente fine o fine,
moderatamente calcarei in superficie e molto calcarei negli orizzonti profondi. Possono essere
soggetti a ristagno idrico.
Le "terre limose dei terrazzi antichi" sono estese paleosuperfici, pianeggianti o dolcemente
inclinate, formate da sedimenti fluviali a varia tessitura, con una componente superficiale talvolta di
origine eolica. Sono terreni molto profondi, a tessitura fine o media su fine, non calcarei,
strutturalmente poco stabili e soggetti a ristagno idrico. Per conservare o migliorare la fertilità
fisico-idrologica necessitano di buoni apporti di sostanza organica.
Proseguendo verso i calanchi, tipicamente a quote comprese tra 130 e 380 m slm, si trovano le
"terre calcaree del basso Appennino, localmente associate a calanchi", suoli che si sono formati in
rocce prevalentemente argillose o pelitiche, con intercalazioni sabbiose di età pliocenica, e si
presentano con profondità variabile da moderata a molto profonda, a tessitura media, da
scarsamente a fortemente calcarei. Talora sono presenti orizzonti con accumulo di carbonati di
calcio e possono presentare il substrato di roccia tenera (peliti) entro i 100 cm di profondità.
Infine si arriva in prossimità della formazione Marnoso-arenacea, che ha dato origine alle "terre
calcaree del basso Appennino con versanti a franapoggio e reggipoggio". Le quote sono tipicamente
tra 110 e 430 m slm. Sono suoli moderatamente ripidi, da moderatamente a molto profondi, a
tessitura media, calcarei e che possono presentare il substrato roccioso entro i 100 cm di profondità.
Nel basso Appennino romagnolo, l'unità geologica maggiormente diffusa, dall'Imolese al
Forlivese, è la formazione delle argille azzurre, mentre passando al Cesenate tendono a prevalere i
terreni calcarei riconducibili alla formazione Marnoso-arenacea, che poi tendono a diminuire sul
territorio riminese, dove la viticoltura si sviluppa in modo particolare sulle "terre calcaree del basso
Appennino riminese", che comprendono suoli formati in rocce prevalentemente argillose o
pelitiche, con intercalazioni sabbiose di età pliocenica (Formazione delle argille azzurre e
formazione delle arenarie di Borello). Un'area marginale delle viticoltura si trova sulle "terre dei
Gessi del basso Appennino riminese", con suoli che si sono formati in rocce stratificate di marne
gessose e tripolacee.
Altra formazione degna di menzione è la "Vena dello Spungone" che caratterizza in particolare il
Forlivese, anche se parte dal Faentino-Brisighellese per arrivare fino a Bertinoro, una delle aree di
elezione dell'Albana.
Per quanto riguarda il clima, partendo dalla via Emilia con sommatorie termiche intorno ai 2000-
2200 gradi giorno (indice di Winkler), si arriva intorno al 1 400-1600 gradi giorno delle aree più alte
della viticoltura.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
La vite e il vino hanno sempre giocato ruoli economici, sociali, politici e ideologici fondamentali
nella storia di molti paesi e, come noto, la storia è in grado di modellare persone e paesaggi. E ciò è
vero anche per la Romagna, un'area i cui confini geografici sono stati dibattuti per secoli senza mai
arrivare ad una definizione unanime, ma che trova nel carattere della sua gente un filo conduttore
comune. Lucio Gambi scrisse che la "romagnolità, è in primo luogo uno stato d'animo, un'isola del
sentimento, un modo di vedere e di comportarsi" e forse è proprio per questo che la Romagna è
stata più spesso definita, non con limiti fisici o amministrativi bensì attraverso i comportamenti
umani, come quell'area in cui, chiedendo da bere, viene spontaneamente offerto vino e non acqua.
Indubbiamente si tratta di un retaggio legato alla particolare situazione del passato, per cui le acque
erano spesso non potabili e il vino svolgeva un'importante azione disinfettante. La storia e la
letteratura classica ci parlano spesso di una Romagna particolarmente produttiva, senza negare,
però, produzioni di eccellenza: i vini di Cesena in epoca Romana e anche successiva, l'Albana di
Bertinoro, come pure la "rosseggiante" Cagnina senza dimenticare il Pagadebito gentile. A seguire
alcune informazioni sulla diffusione e l'impiego dei principali vitigni tradizionali della Romagna,
contemplati dal presente Disciplinare.
Terrano. La dominazione bizantina potrebbe essere stata il momento in cui il Refosco d'Istria o
Terrano d'Istria si è diffuso in Romagna. Sta di fatto che, in tempi storici, ha dato origine ad un vino
molto apprezzato chiamato "Cagnina", riconosciuto a DOC con DPR 17-03-1988 (Cagnina di
Romagna). Riferisce Giovanni Manzoni che la Cagnina è un'uva probabilmente originaria della
Jugoslavia, "tenuta in gran pregio sebbene anticamente fosse piccola di grappolo e di acini radi.
Coltivata in Romagna già nel 1200 in alcune piane del Cesenate, del Forlivese e del Ravennate, fu
poi limitata solamente a qualche modesto vigneto, come lo è ancora oggi, per la sua scarsa resa".
Diversi gli scritti e i componimenti poetici tra Ottocento e Novecento che attestano la diffusione e
l'apprezzamento della Cagnina in Romagna.
Bombino bianco. Localmente detto Pagadebito gentile, da cui il nome del vino. L'origine del
vitigno non è nota, ma si tratta di varietà diffusa lungo tutta la fascia adriatica della Penisola con
nomi diversi nelle varie regioni, ma che richiamano spesso la sua capacità produttiva. Secondo
Hohnerlein-Buchinger l'etimo sarebbe da "produce tanto da pagare i debiti", in realtà la
produttività, specie in collina, non è elevatissima ma costante negli anni; infatti si tratta di varietà
rustica e con sottogemme fertili, tanto che se una gelata tardiva può compromettere gravemente la
produzione della maggior parte degli altri vitigni, con il Pagadebito è comunque garantita una
buona produzione. Nell'area di Bertinoro un tempo si facevano vigneti misti di Albana gentile e
Pagadebiti proprio per compensare una eventuale carenza produttiva del primo vitigno. La prima
citazione scritta di un "Pagadebito bianco" tra le viti "de' contorni di Rimino" è dell'Acerbi e risale
al 1825. Nell'ambito della mostra ampelografica tenutasi a Forlì nel 1876 si ebbe la possibilità di
confrontare tra loro grappoli di Pagadebito provenienti da diversi areali e si convenne che "Il
Pagadebito gentile di Forlì, di Bertinoro, e di Predappio si differenzia dal Pagadebito verdone per
gli acini più sferici, meno grossi, meno verdi e più dolci". Storicamente è stata riconosciuta una
particolare e pregevole tradizione di coltivazione del Pagadebito nell'areale di Bertinoro, messa in
evidenza anche nel Disciplinare della DOC "Pagadebit di Romagna" accolto con DPR 17-03-1988.
Sangiovese. La zona di diffusione principale del Sangiovese si colloca tra Romagna e Toscana ed è
in questi due territori che da tempi storici si sono venuti a delineare vari biotipi, ma soprattutto vini
differenti, frutto dell'interazione specifica e peculiare di territori diversi con questo vitigno. Nello
studio della storia di un vino si fa spesso riferimento ai miti e alle religioni dei popoli, ma non
bisogna trascurare un altro elemento fondamentale, la "tipicità", poiché essa passa attraverso il
territorio, la metodologia di produzione e il contesto temporale e sociale. Per quanto riguarda il
Sangiovese la prima attestazione scritta della sua coltivazione in territorio Toscano risale alla fine
del 1500 (Soderini), ma Cosimo Villifranchi nella seconda metà del Settecento parla di un "San
Gioveto romano" coltivato in particolare nel Faentino. Tra Settecento e Ottocento sono poi
numerosi i poemi e ditirambi che lodano questo vino. Nel 1839, il conte Gallesio giunse a Forlì, da
Firenze, percorrendo la strada aperta dal granduca Pietro Leopoldo lungo il corso del fiume
Montone ed ebbe modo di descrivere i vigneti incontrati nel percorso: "le vigne ... sono tutte a
ceppi bassi attaccati ad un picciolo palo come in Francia, le uve che vi si coltivano sono per la
maggior parte il Sangiovese di Romagna". Nei vecchi testi, quindi, viene spesso identificato un
Sangiovese coltivato in Romagna con caratteristiche sue proprie che lo fanno distinguere da quelli
coltivati in altre aree, ma soprattutto va rimarcato come fosse diverso l'approccio enologico al
vitigno rispetto alla Toscana: in Romagna si vinificava in purezza, mentre in Toscana si trattava più
spesso di uvaggi (come il ben noto Chianti) o di tagli con altri vitigni. Questa caratteristica è stata
contemplata nel Disciplinare "Romagna" Sangiovese: l'uso della menzione geografica aggiuntiva
per i vini di Sangiovese è subordinata all'utilizzo di almeno il 95% di uve del vitigno. La DOC
"Sangiovese di Romagna", confluita nella DOC "Romagna", fu istituita con DPR 09-07-1967.
Trebbiano romagnolo. I "Trebbiani" sono una famiglia di vitigni molto antichi che hanno trovato
alcune zone di elezione che gli hanno tributato la seconda parte del nome: Trebbiano romagnolo,
piuttosto che toscano, modenese, abruzzese, per citarne alcuni. Nel Trecento il Trebbiano veniva
annoverato tra i vini "di lusso" del medioevo, mentre in tempi più recenti appare un'immagine più
differenziata del Trebbiano, che viene considerato anche un vino di carattere semplice. Lo citano il
Soderini nel Cinquecento, il Trinci Settecento e tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento
diversi autori cercano di mettere ordine tra le diverse tipologie e sinonimie. In Romagna si coltivava
in prevalenza il Trebbiano della fiamma, così detto perché i grappoli esposti al sole prendono una
colorazione giallo-rossastra. Nel Molon (1906) si legge che il vitigno era coltivato soprattutto nelle
province di Forlì e Ravenna, meno nel Cesenate, dove prevaleva l'Albana e si riporta quanto
affermato da Pasqualini e Pasqui in merito all'apprezzamento del Trebbiano nei filari di pianura,
nonostante l'elevata umidità. La sua vasta diffusione è dovuta alla capacità di adattarsi alle più
diverse tipologie di terreno e condizioni climatiche, alla costante produttività ed alle caratteristiche
del vino: gradevole, corretto e facilmente commerciabile. Con il DPR 31 -08-1973 viene istituita la
DOC "Trebbiano di Romagna", che ricomprende un'area di coltivazione che si estende dalla collina
verso quelle aree di pianura dove i terreni sono più argillosi o argilloso-sabbiosi.
Vini amabili, frizzanti e spumanti. La presenza in Romagna di vitigni tipicamente a maturazione
medio-tardiva o tardiva (Trebbiano, Pagadebiti) faceva sì che il sopraggiungere del freddo invernale
bloccasse la fermentazione lasciando nei vini residui zuccherini più o meno importanti. Da qui l'uso
di bere vini dolci o amabili nel periodo autunno-invernale e vini frizzanti e spumanti nell'estate
successiva la vendemmia. Infatti i vini con residuo zuccherino, una volta messi in bottiglia,
riprendevano a fermentare con l'arrivo dei primi caldi, originando una frizzantatura naturale. Vi era
quindi una tradizione, se si vuole involontaria, di spumanti e frizzanti, che con l'accrescersi delle
conoscenze enologiche è stata perfezionata: l'uso del freddo in cantina consente di preservare
profumi e aromi e l'uso di lieviti selezionati consente di ottimizzare le fermentazioni.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
I diversi tipi di suolo che si incontrano negli areali di coltivazione della DOC Romagna, dalle
argille evolute di Predappio, alle sabbie molasse del Messiniano tra il Faentino e il Forlivese, al
calcare di Bertinoro o ancora alle arenarie e alle argille di Brisighella, non possono non influenzare
le note sensoriali dei vini su di essi prodotti.
In particolare, il Sangiovese in purezza tende ad acquisire caratteri distintivi ben percepibili a
seconda delle aree di coltivazione delle uve e già all'inizio del Novecento il dott. Savelli, sulla base
delle numerose analisi chimiche effettuate nel suo laboratorio, aveva suddiviso i vini di Sangiovese
in tre gruppi: "uno speciale Sangiovese in alcune località dell'ex circondario di Forlì (Predappio e
Civitella); un tipo, molto vicino al precedente per caratteri chimici ed organolettici, prodotto nell'ex
circondario di Cesena; un tipo, diverso dai due precedenti, prodotto nell'ex circondario di Rimini".
Le differenze (minore grado alcolico, minore estratto, maggiore acidità ed in particolare una
maggiore sapidità del Sangiovese di Rimini) derivavano dal fatto che nel Riminese l'uva
Sangiovese veniva vinificata con una certa quantità di Trebbiano, tradizione che si è ormai persa,
anche se rimangono alcuni di questi tratti distintivi.
Altra nota importante per la coltivazione del Sangiovese è relativa al clima: per una corretta
maturazione occorre privilegiare altitudini medio-basse ed esposizioni nei quadranti da sud a ovest,
onde conseguire un perfetto soddisfacimento delle sue esigenze termiche (1800-2000 gradi giorno).
Per rendere merito delle differenze tra i vini di Sangiovese ottenuti in situazioni pedo-climatiche
differenti, per quei produttori che intendono massimizzare l'interazione vitigno/ambiente, nel
rispetto di una tradizione tipicamente romagnola che vuole il Sangiovese vinificato sostanzialmente
da solo, sono state identificate le "sottozone" che possono fregiarsi di una menzione geografica
aggiuntiva rispetto a "Romagna DOC Sangiovese". L'interazione "vitigno-ambiente-uomo", per il
Sangiovese, verrà meglio specificata al punto C).
I vini ottenuti con la varietà Terrano si presentano in genere abbastanza freschi, profumati e con un
certo residuo zuccherino, come vuole la tradizione, anche se qualche viticoltore ha cercato di
potenziarne la struttura, come richiedeva il mercato del 2000.
Anche per quanto riguarda i vini bianchi, la varietà di suoli e di situazioni meso-climatiche
riscontrabili sul territorio della Denominazione "Romagna", consentono di ottenere tipologie
differenti: da vini più freschi a prevalente componente floreale, magari anche frizzanti o spumanti, a
vini bianchi più strutturati, con sentori di frutta matura e talora aromi terziari derivati dalla
vinificazione e/o affinamento in legno.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
A partire dagli anni '70 il miglioramento della tecnica agronomica ed enologica è stato importante e
la Romagna ha recepito bene l'innovazione del settore viti-vinicolo, facendo perno, però, su una
tradizione ormai consolidata. Ne sono conseguiti una razionalizzazione nell'allestimento e nella
gestione degli impianti e un radicale miglioramento delle strutture e delle tecniche enologiche in
cantina. Il risultato è stato che anche nei vini della tradizione romagnola si è assistito ad un
importante miglioramento del livello qualitativo.
Un altro cambiamento importante è legato agli studi di zonazione viticola, che hanno contribuito ad
una migliore definizione degli ambienti pedo-climatici più idonei per i vari vitigni, ma soprattutto
hanno aumentato la sensibilità dei viticoltori nei confronti della scelta varietale, portandoli a porsi
in maniera più critica di fronte a questa questione.
Per quanto riguarda il Sangiovese, l'esperienza e la perizia che i viti-vinicoltori hanno acquisito in
relazione ai vari contesti ambientali e culturali ha permesso di connotare in modo più preciso alcune
produzioni locali, definendo quelle che sono definite "sottozone". Partendo da ovest verso est si
incontrano le seguenti aree tipiche per la produzione del Sangiovese:
Serra. Storicamente è indicato in Romagna come un territorio molto vocato. Il clima è
tendenzialmente continentale e poco mitigato dalla rilevante distanza dal mare. In generale i vini
possiedono delicate note floreali e un frutto fresco, esaltati da una corretta esposizione delle vigne.
Brisighella. Comprensorio particolare anche per il microclima, che ha altresì consentito il
consolidarsi di una tradizione oleicola importante. L'areale ricomprende anche i terreni prossimi
alla vena del gesso, oltre a suoli ricchi di arenarie e argilla, che consentono di avere vini di buona
struttura, eleganti, con note floreali e fruttate spiccate e una buona freschezza.
Marzeno. In questo territorio si trova un primo affioramento importante della formazione dello
"Spungone" che si intercala alle argille azzurre plio-pleistoceniche. Territorio aspro e forte, che
imprime forza anche ai vini che qui si producono. Il fruttato tende a prevalere decisamente sul
floreale.
Modigliana. Qui il territorio si inasprisce ulteriormente consentendo di produrre vini dalla struttura
decisa, potenti, austeri e longevi.
Oriolo. Una zona con un terreno particolare, caratterizzato dalla presenza di sabbie gialle che spesso
affiorano tra terreni argillosi o limoso-argillosi. A seconda dell'esposizione e della prevalenza di
sabbia o argilla è possibile ottenere vini di grande struttura che acquisiscono la giusta morbidezza
solo dopo un certo affinamento, oppure vini fruttati e floreali più pronti e di buon equilibrio.
Castrocaro-Terra del Sole. Terre della cosiddetta Romagna Toscana, hanno risentito molto
dell'influenza del Granducato, tanto che la definizione dell'area deriva più dalla storia e tradizione
locale che non da una differenza sostanziale con i prodotti della limitrofa area di Oriolo.
Predappio. Il Sangiovese di questo territorio ha sempre goduto di una nomea importante tramandata
dalla tradizione popolare orale. Soprattutto dal biotipo locale ad acino allungato, si ottengono vini
dal fruttato molto evidente e con tannini piuttosto duri e austeri.
Bertinoro. Tradizionalmente territorio di Albana (che qui vanta una lunga tradizione) ha scoperto
solo recentemente una buona vocazione anche per il Sangiovese, che presenta una struttura
importante che necessita di tempi di maturazione abbastanza lunghi.
Cesena. Citati anche dagli Autori classici latini, i vini di Cesena hanno sempre goduto di una chiara
fama. Il Sangiovese su queste colline riesce a ricomprendere in sé una struttura importante ma mai
eccessiva e un fruttato di ciliegia matura sempre ben percepibile. Struttura ed eleganza insieme.
San Vicinio. Comprende l'area in cui si esprime al massimo grado la formazione Marnoso-arenacea
romagnola. I suoli Celincordia "Celincordia" [CEL, in riferimento alla Carta dei suoli dell'Emilia
Romagna, scala 1:250.000. Classificazione Soil Taxonomy (Chiavi 1990): loamy, mixed, mesic
Typic Ustochrepts. Legenda FAO (1990): Haplic Calcisols)], specialmente ad altitudine inferiore ai
150-200 m slm, si sono rivelati quelli più vocati alla coltivazione del Sangiovese, che fornisce mosti
e vini molto equilibrati, con un buon rapporto tra alcolicità e acidità e una tannicità piuttosto dolce.
Longiano. I vini dell'area sono caldi e ricchi, con un fruttato molto evidente e una buona struttura,
che può essere guidata con adeguati accorgimenti agronomici anche verso espressioni molto forti,
che però finiscono per penalizzare la naturale eleganza del connubio tra il vitigno e il territorio.
Anche per gli altri vitigni l'interazione col suolo porta a varianti interessanti e talora
particolarmente significative. La predilezione del Bombino bianco, come del resto dell'Albana, per
l'areale bertinorese è sicuramente da mettere in relazione con i terreni poveri e calcarei derivati
dalla formazione geologica dello Spungone, che proprio in quest'area presenta le sue "emergenze"
più significative. I suoli riescono a contenere la naturale vigoria di questi vitigni, consentendo un
miglior equilibrio vegeto-produttivo e di conseguenza una più equilibrata composizione dei mosti;
mentre il calcare contribuisce alla maggiore finezza olfattiva dei vini.
Nei terreni argillosi di pianura, che limitano naturalmente la vigoria e la produttività del Trebbiano
romagnolo, si riescono ad ottenere vini di buona struttura e con una buona finezza aromatica,
nonostante il vitigno sia normalmente definito "neutro". Vini di Trebbiano con maggiore struttura si
ottengono nei terreni più poveri di collina.
Buona finezza olfattiva anche per i vini ottenuti da uve coltivate su terreni sabbiosi (Terrano e
Trebbiano, ad esempio).
Anche le Albane tendono a differenziarsi sui vari tipi di suolo: vini strutturati e con sentori di miele
e albicocca essiccata nei terreni più argillosi, fruttato di albicocca più deciso nell'Imolese e sentori
più floreali nelle Albane del Faentino.
La tradizione di vini frizzanti e spumanti ottenuta a partire dai vitigni bianchi romagnoli è stata
molto migliorata grazie all'introduzione del freddo e di altre tecnologie in cantina, senza
dimenticare che la maggior cura nella produzione e nella scelta delle uve in campo ha fatto
comunque la sua parte.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Nome e Indirizzo: VALORITALIA società per la certificazione delle qualità e delle produzioni
vitivinicole italiane S.r.l.
Via Piave n. 24 – 00187 ROMA
Telefono 0039 0445 313088 Fax 0039 0445 313080
Mail info@valoritalia.it website www.valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).


 

Gazzetta n. 6 del 9 gennaio 2016 (vai al sommario)
MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI
COMUNICATO
Proposta di modifica del disciplinare di produzione della denominazione di origine controllata dei vini «Romagna».

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi del decreto ministeriale 7 novembre 2012, recante la procedura a livello nazionale per l'esame delle domande di protezione delle DOP e IGP dei vini e di modifica dei disciplinari, ai sensi del regolamento (UE) n. 1308/2013 e del decreto legislativo n. 61/2010:
visto il vigente disciplinare di produzione della Denominazione di origine controllata «Romagna», da ultimo modificato con decreto ministeriale 7 marzo 2014, pubblicato sul sito internet del Mipaaf - Sezione prodotti DOP e IGP, sottosezione vini DOP e IGP;
esaminata la documentata domanda presentata dal Consorzio vini di Romagna, con sede in Faenza (Ravenna), intesa ad ottenere la modifica del disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Romagna», con allegata la relativa proposta di disciplinare di produzione, nel rispetto della procedura di cui all'art. 10 del citato decreto ministeriale 7 novembre 2012;
visto il parere favorevole della regione Emilia-Romagna sulla citata proposta di modifica del disciplinare di produzione;
acquisito il parere favorevole del Comitato nazionale vini DOP ed IGP, di cui all'art. 16 del decreto legislativo n. 61/2010, espresso nella riunione del 15 dicembre 2015 sulla predetta proposta di modifica del disciplinare di produzione;
provvede, ai sensi dell'art. 8, comma 1, del citato decreto ministeriale 7 novembre 2012, alla pubblicazione dell'allegata proposta di modifica del disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Romagna».
Le eventuali istanze e controdeduzioni alla suddetta proposta di modifica del disciplinare di produzione, in regola con le disposizioni contenute nel decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 642 «Disciplina dell'imposta di bollo» e successive modifiche ed integrazioni, dovranno essere inviate dagli interessati al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali - Ufficio EX PQA IV, via XX Settembre n. 20 - 00187 Roma, entro sessanta giorni dalla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della predetta proposta.

Annesso

PROPOSTA DI MODIFICA DEL DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «ROMAGNA»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La Denominazione di origine controllata «Romagna» e' riservata ai vini che rispondono alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione, per le seguenti tipologie, specificazioni aggiuntive o menzioni geografiche aggiuntive:
Albana spumante dolce (categoria vino spumante);
Cagnina;
Pagadebit, anche nella versione frizzante; Sangiovese, anche con la specificazione novello e riserva;
Sangiovese passito (categoria vino);
Sangiovese superiore, anche con la specificazione riserva;
Trebbiano, anche nella versione frizzante e spumante.
1.2. Le menzioni geografiche aggiuntive (sottozone) «Bertinoro», «Brisighella», «Castrocaro - Terra del Sole», «Cesena», «Longiano», «Meldola», «Modigliana», «Marzeno», «Oriolo», «Predappio», «San Vicinio» e «Serra» sono disciplinati tramite allegati in calce al presente disciplinare. Salvo quanto espressamente previsto nei predetti allegati, per la produzione dei vini delle relative menzioni geografiche aggiuntive (sottozone) devono essere applicate le norme previste dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. I vini di cui all'art. 1 devono essere ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
«Romagna» Albana spumante:
Albana: minimo 95%;
possono concorrere, fino ad un massimo del 5%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna;
«Romagna» Cagnina:
Terrano: minimo 85%;
possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna;
«Romagna» Pagadebit:
Bombino bianco: minimo 85%;
possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna;
«Romagna» Sangiovese:
Sangiovese: minimo 85%;
possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca nera idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna;
«Romagna» Trebbiano:
Trebbiano Romagnolo: minimo 85%;
possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di origine controllata «Romagna» Albana spumante comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona e' cosi' delimitata: provincia di Forli-Cesena: comuni di Castrocaro Terme e Terra del Sole, Forli', Forlimpopoli, Meldola, Bertinoro, Cesena, Montiano, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Longiano.
Per i comuni di Savignano sul Rubicone, Cesena, Forlimpopoli e Forli', il limite a valle e' cosi' delimitato: comune di Savignano sul Rubicone: dalla s.s. 9 via Emilia.
Comune di Cesena: dal confine con il comune di Savignano segue la s.s. 9 via Emilia fino all'incontro di questa con via Pestalozzi, segue questa e quindi via Marzolino Primo fino alla ferrovia Rimini-Bologna che segue fino all'incontro con la s.s. 71-bis, da questa prende per via Comunale Redichiaro, per via Brisighella poi di nuovo percorre la s.s. 71-bis, segue quindi le vie Vicinale Cerchia, S. Egidio, via Comunale Boscone, via Madonna dello Schioppo, via Cavalcavia, via D'Altri sino al fiume Savio e l'ippodromo comunale per ricongiungersi poi alla statale n. 9 Emilia a Nord della citta' (km 30,650) che percorre fino al confine con il comune di Bertinoro.
Comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro segue la s.s. 9 fino all'incontro con via S. Leonardo che segue fino all'incontro con la ferrovia Rimini-Bologna, indi prosegue lungo la stessa fino a ricongiungersi alla s.s. 9 che percorre fino al confine del comune di Forli'.
Comune di Forli': dal confine con il comune di Forlimpopoli segue la s.s. 9 fino all'incontro con via G. Siboni, segue questa via e poi le vie Dragoni, Paganella, T. Baldoni, Gramsci, Bertini, G. Orceoli, Somalia, Tripoli, Bengasi, Cadore, Monte S. Michele, Gorizia, Isonzo, da quest'ultima segue la ferrovia Rimini-Bologna fino al casello km 59, poi per via Zignola si ricongiunge a Nord della citta' alla s.s. 9 che percorre fino al confine con il comune di Faenza.
Provincia di Ravenna: comuni di: Castel Bolognese, Riolo Terme, Faenza, Casola Valsenio, Brisighella.
Per i comuni di Faenza e Castel Bolognese il limite a valle e' delimitato come segue:
comune di Faenza: dal confine con il comune di Forli' dove questo incontra la s.s. 9 segue il predetto confine fino alla ferrovia Rimini-Bologna che percorre fino ad incontrarsi con l'argine sinistro del fiume Lamone, e poi per via S. Giovanni e per le vie Formellino, Ravegnana, Borgo S. Rocco, Granarolo, Proventa, S. Silvestro, Scolo Cerchia, Convertite, si ricongiunge a Nord della citta' a detta ferrovia che segue fino al confine comunale di Castel Bolognese;
comune di Castel Bolognese: dalla ferrovia Rimini-Bologna.
Provincia di Bologna: comuni di: Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel San Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Ozzano Emilia.
Per i comuni di Imola e Ozzano Emilia i limiti a valle sono i seguenti:
comune di Imola: dalla ferrovia Rimini-Bologna sino all'incrocio con la statale Selice, segue la stessa sino all'incontro con la via provinciale Nuova che segue fino a riprendere il proprio confine comunale all'ingresso della predetta strada nel comune di Castel Guelfo;
comune di Ozzano Emilia: dalla ferrovia Rimini-Bologna.
3.2. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino a Denominazione di origine controllata «Romagna» Cagnina comprende i comuni appresso descritti:
provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza e Riolo Terme;
provincia di Forli-Cesena: comuni di Bertinoro, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Forli', Forlimpopoli, Longiano, Montiano, Modigliana, Dovadola, Predappio, Mercato Saraceno, Meldola, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Gatteo e San Mauro Pascoli.
3.3. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Pagadebit comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona e' cosi' delimitata:
provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza e Riolo Terme;
per i comuni di Castel Bolognese e Faenza il limite a valle e' dato dalla s.s. 9 via Emilia;
provincia di Forli-Cesena: comuni di Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Dovadola, Forli', Forlimpopoli, Longiano, Meldola, Montiano, Predappio, Roncofreddo, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone.
Il limite a valle per i comuni di Bertinoro, Cesena, Forli', Forlimpopoli, Longiano, Savignano sul Rubicone, e' il seguente:
comune di Bertinoro: s.s. 9, via Emilia;
comune di Cesena: dall'incrocio con il comune di Bertinoro sulla s.s. 9 (via Emilia) si segue detta statale fino ad incontrare la s.p. 51 che porta sino a S. Vittore. Poi per via San Vittore ex 71 fino alla frazione S. Carlo. Indi per via Castiglione, via Roversano S. Carlo, via Comunale Roversano, via IV Novembre fino a ritornare di nuovo sulla s.s. 9 (via Emilia). Si prosegue di nuovo per detta strada statale verso Rimini sino ad incontrare la via Ca' Vecchia. Poi per via Montiano e per via Malanotte sino al confine con il comune di Longiano;
comune di Forli': dal confine con il comune di Faenza sulla via Emilia, si segue il Rio Cosina sino al ponte della Bariletta sulla via del Passo, indi per la stessa via del Passo sino ad incontrare la via Castel Leone che si percorre totalmente. Quindi per via Ossi sino a Villagrappa, poi per via del Braldo fino a Villa Rovere. Si imbocca poi la s.s. 67 verso Firenze sino alla frazione Terra del Sole. Quindi si ritorna verso Forli' dopo aver percorso via Ladino, per la s.p. 56 sino ad incontrare la via dell'Appennino (s.s. 9-ter) che si segue attraversando S. Martino in Strada. Nei pressi dell'uscita dal paese si imbocca la via Monda, indi per via Crocetta sino all'incrocio con la s.p. 4 del Bidente, km 4,100, che si segue fino ad incontrare la s.p. 37. Lungo questa fino al confine tra i comuni di Forli' e Bertinoro sul fiume Ronco;
comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro e Forli', sulla s.p. 37, si segue quest'ultima in direzione di Forlimpopoli sino ad incontrare il Rio Ausa, che si segue sino a ritornare sul confine tra i comuni di Bertinoro e Forlimpopoli;
comune di Longiano: dall'incrocio con il comune di Cesena sulla via Malanotte si prosegue fino a Badia. Poi per via Cesena, via Badia e via Fratta passando per Ca' Turchi e Ca' Won Willer. Indi per via Massa, che passando per le frazioni Massa, Bolignano, La Crocetta conduce fino al confine con il comune di Savignano sul Rubicone in localita' Ca' Ugolini;
comune di Savignano sul Rubicone: dal confine con il comune di Longiano sulla via Massa, si segue detto confine di comune indi via Scodella, via (Vecchia) Rio Salto sino ad incontrare il confine di comune con Sant'Arcangelo di Romagna, dopo aver percorso la via Seibelle J.;
provincia di Rimini: comuni di Coriano, Misano Adriatico, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Rimini, Sant'Arcangelo di Romagna, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Torriana, Verucchio.
Il limite a valle per i comuni di Misano Adriatico, Rimini, Sant'Arcangelo di Romagna e' il seguente:
comune di Misano Adriatico: dal confine con il comune di Riccione sulla via Capronte si prosegue per quest'ultima sino alla via Grotta. Poi per via Fontacce sino ad incontrare la s.p. 35 (Riccione-Tavoletto). Indi per quest'ultima sino alla frazione Cella Simbeni. Poi per via S. Giovanni sino al fiume Conca sul confine tra i comuni di Misano Adriatico e San Giovanni in Marignano;
comune di Rimini: dal confine con il comune di Sant'Arcangelo di Romagna sulla statale via Marecchiese si prosegue verso Rimini sino ad incontrare l'autostrada Bologna-Rimini che si segue sino ad incontrare il confine con il comune di Riccione;
comune di Sant'Arcangelo di Romagna: dal confine con il comune di Savignano sulla via Seibelle J. si prosegue per detto confine, in direzione Canonica sino ad incontrare la via Rio Salto e la frazione Canonica. Indi per via Canonica, s.p. 13 sino ad incontrare il confine di comune che si segue fino sul fiume Marecchia. Lungo detto corso fino all'incontro con la trasversale Marecchia. Poi per via Marecchia fino ad un nuovo incontro con il confine di comune.
3.4. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona e' cosi' delimitata:
provincia di Forli-Cesena: comuni di Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Civitella di Romagna, Dovadola, Forli', Forlimpopoli, Galeata, Longiano, Meldola, Mercato Saraceno, Modigliana, Montiano, Portico-San Benedetto, Predappio, Rocca San Casciano, Roncofreddo, S. Sofia, Savignano sul Rubicone, Sogliano al Rubicone, Sorbano-Sarsina, Tredozio.
Per i comuni di Cesena, Bertinoro, Forlimpopoli, Forli', Montiano e Savignano sul Rubicone il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Cesena: dal confine con il comune di Savignano segue la s.s. 9 fino all'incrocio di questa con via Pestalozzi, segue questa e quindi via Marzolino Primo fino alla ferrovia Rimini-Bologna, che segue fino all'incontro con la s.s. 71-bis, da questa prende per via Comunale Redichiaro, per via Brisighella poi di nuovo percorre la s.s. 71-bis, segue quindi le vie: Vicinale Cerchia, S. Egidio, via Comunale Boscone, via Madonna dello Schioppo, via Cavalcavia, via D'Altri sino al fiume Savio e l'ippodromo comunale, per ricongiungersi poi alla statale n. 9 Emilia a Nord della citta' (km 30,650) che percorre fino al confine con il comune di Bertinoro;
comune di Bertinoro: s.s. 9 via Emilia;
comune di Forlimpopoli: dal confine con il comune di Bertinoro segue la statale n. 9 fino all'incontro con via S. Leonardo, che segue fino all'incontro con la ferrovia Rimini-Bologna, indi prosegue lungo la stessa fino a ricongiungersi alla s.s. 9 che percorre fino al confine del comune di Forli';
comune di Forli': dal confine con il comune di Forlimpopoli segue la s.s. 9 fino all'incontro con via G. Siboni, segue quindi questa via e poi le vie: Dragoni, Paganella, T. Baldoni, Gramsci, Bertini, G. Orceoli, Somalia, Tripoli, Bengasi, Cadore, Monte S. Michele, Gorizia, Isonzo, da questa ultima segue la ferrovia Rimini-Bologna fino al casello km 59 poi per via Zignola si ricongiunge a Nord della citta' alla s.s. 9 che percorre fino al confine col comune di Faenza;
comuni di Montiano e Savignano sul Rubicone: dalla s.s. 9 via Emilia.
Provincia di Rimini: comuni di Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino, Monte Colombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Riccione, Rimini, Saludecio, S. Arcangelo di Romagna, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Torriana, Verucchio.
Per i comuni di Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Rimini, S. Arcangelo di Romagna, il limite a valle e' cosi' delimitato:
comuni di Cattolica, Misano Adriatico e Riccione: dalla s.s. 16 Adriatica;
comune di Rimini: dal confine col comune di Riccione segue la s.s. 16 Adriatica sino all'incrocio con la s.s. 9 Emilia e segue questa strada fino al confine col comune di S. Arcangelo di Romagna;
comune di S. Arcangelo di Romagna, dalla s.s. 9 via Emilia.
Provincia di Ravenna: comuni di Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Faenza, Riolo Terme.
Per i comuni di Faenza e Castel Bolognese, il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Faenza: dal confine col comune di Forli' dove questo incontra la s.s. 9 segue il predetto confine fino alla ferrovia Rimini-Bologna che percorre fino ad incontrarsi con l'argine sinistro del fiume Lamone e poi, per via S. Giovanni e per le vie: Formellino, Ravegnana, Borgo S. Rocco, Granarolo Provelta, S. Silvestro, Scolo Cerchia, Convertite, si ricongiunge a Nord della citta' a detta ferrovia che segue fino al confine comunale di Castel Bolognese;
comune di Castel Bolognese: dalla ferrovia Rimini-Bologna.
Provincia di Bologna: comuni di Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Castel S. Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Imola e Ozzano il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Imola: dalla ferrovia Rimini-Bologna sino all'incrocio con la statale Selice, segue la stessa sino all'incontro con la via provinciale Nuova che segue sino a riprendere il proprio confine comunale all'ingresso della predetta strada nel comune di Castel Guelfo;
comune di Ozzano: dalla ferrovia Rimini-Bologna.
3.5. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Trebbiano comprende in tutto o in parte i comuni appresso descritti. Tale zona e' cosi' delimitata:
provincia di Bologna: comuni di: Borgo Tossignano, Casal Fiumanese, Castel Guelfo, Castel S. Pietro Terme, Dozza Imolese, Fontanelice, Imola, Mordano, Medicina, Ozzano dell'Emilia.
Per i comuni di Ozzano dell'Emilia, Medicina, Castel Guelfo, Imola, il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Ozzano dell'Emilia: dalla ferrovia Rimini-Bologna;
comune di Medicina: dal confine con il comune di Ozzano dell'Emilia segue la s.p. 253 sino all'incrocio con la via del Piano che segue e poi per via del Lavoro, via del Canale, via S. Rocco per ricongiungersi alla provinciale n. 253 San Vitale;
comune di Castel Guelfo: dalla provinciale n. 253 San Vitale;
comune di Imola: dalla provinciale n. 253 San Vitale.
Per i comuni di Fontanelice e Casal Fiumanese il limite a monte e' cosi' delimitato:
comune di Fontanelice: dall'incrocio della strada Renana con il confine di provincia Bologna-Ravenna, si prosegue per la Suddetta strada sino a via D. Alighieri; poi per la s.p. 610 di Fontanelice che si percorre sino al km 16,950 per imboccare poi la via Gesso. Si segue quest'ultima sino ad incrociare il confine del comune;
comune di Casal Fiumanese: dalla mulattiera che passando per Ca' Salara congiunge i confini di Fontanelice e Castel S. Pietro Terme.
Provincia di Forli-Cesena: comuni di: Bertinoro, Borghi, Castrocaro Terme e Terra del Sole, Cesena, Cesenatico, Civitella di Romagna, Forli', Forlimpopoli, Gambettola, Gatteo, Longiano, Meldola, Modigliana, Montiano, Predappio, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone.
Per i comuni di Gatteo, San Mauro Pascoli, Savignano sul Rubicone, il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Gatteo: dal confine con il comune di Cesenatico, sulla via Cesenatico, si segue quest'ultima sino all'incrocio con l'autostrada A14 Bologna-Rimini in localita' S. Angelo presso Casa Bertorri. Quindi lungo l'autostrada sino ad incontrare il confine del comune di Savignano sul Rubicone;
comune di San Mauro Pascoli: dall'autostrada A14 Bologna-Rimini;
comune di Savignano sul Rubicone: dall'autostrada A14 Bologna-Rimini;
comune di Cesenatico: sono compresi i territori a monte dell'area cosi' delimitata: da Montaletto, all'incrocio tra le province di Ravenna e Forli-Cesena, si segue via S. Pellegrino e poi per via Campone Sala fino alla frazione Sala; quindi per via Cesenatico fino ad incrociare il confine con il comune di Savignano sul Rubicone.
Provincia di Rimini: comuni di Cattolica, Coriano, Gemmano, Misano Adriatico, Mondaino, Montecolombo, Montefiore Conca, Montegridolfo, Montescudo, Morciano di Romagna, Poggio Berni, Riccione, Rimini, San Clemente, San Giovanni in Marignano, Saludecio, Sant'Arcangelo di Romagna, Torriana, Verucchio.
Per i comuni di Cattolica, Misano Adriatico, Riccione, Rimini, il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Cattolica: dalla s.s. 16 Adriatica;
comune di Misano Adriatico: dalla s.s. 16 Adriatica;
comune di Riccione: dalla s.s. 16 Adriatica;
comune di Rimini: dall'incrocio dell'autostrada A14 Bologna-Rimini con il fiume Uso (confine tra i comuni di San Mauro Pascoli e Rimini), si segue detta autostrada sino all'incrocio con la s.s. 9 via Emilia in localita' S. Giustina presso il cimitero. Si continua per la statale sino al fiume Marecchia, che si segue sino ad incontrare la ferrovia Bologna-Rimini. Indi lungo quest'ultima fino all'incontro con il torrente Ausa che si segue sino all'incrocio con la s.s. 16 Adriatica. Poi per detta statale fino al confine con il comune di Riccione.
Provincia di Ravenna: comuni di: Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Brisighella, Casola Valsenio, Castel Bolognese, Cotignola, Faenza, Lugo, Massalombarda, Riolo Terme, Russi, Ravenna, S. Agata sul Santerno, Solarolo.
Per i comuni di Bagnacavallo, Lugo, Massalombarda, Russi, S. Agata sul Santerno, il limite a valle e' cosi' delimitato:
comune di Bagnacavallo: dal confine con il comune di Lugo segue la s.p. 253 San Vitale sino all'incrocio con la via Bagnoli Inferiore che segue poi per le vie: Pieve Masiera, Circonvallazione Fossa, Stradello, Rotondi, Guarno, Colombaia, sinistra canale Inferiore sino al km 17, destra canale Inferiore, Strada Cogollo, Forma, vicolo privato, per ricongiungersi poi alla s.p. 253 San Vitale al km 57;
comune di Lugo: dal confine con il comune di S. Agata sul Santerno segue la s.p. 253 San Vitale sino all'incrocio con la via Bedazzo che segue poi le vie: Piratello, Delle Tombe, S. Andrea, provinciale Quarantola, Piratello Viola, sino a ricongiungersi alla s.p. 253 San Vitale;
comune di Massalombarda: dal confine con la provincia di Bologna si segue la s.p. 253 San Vitale sino all'incrocio con il viale della Repubblica che segue, e poi per le vie: 1° Maggio, Fornace, Punta, Bagnarolo, Nuova, Cimitero, sino all'incrocio con la ferrovia Bologna-Ravenna che segue sino ad incontrare di nuovo la s.p. 253 San Vitale;
comune di Russi: dal confine con il comune di Bagnacavallo segue la s.p. 253 San Vitale sino all'incrocio con la via Faentina che segue attraversando l'abitato di Godo (via Faentina Nord) e poi per via Fringuellina, via Del Godo, via Fringuellina Nuova, via Naldi e via Molinaccio sino al confine con il comune di Ravenna;
comune di S. Agata sul Santerno: dal confine con il comune di Massalombarda si segue la s.p. 253 San Vitale sino all'incrocio con la via Bel Fiore e poi per via Angiolina e argine sinistro fiume Santerno sino ad incrociare di nuovo la s.p. 253 San Vitale;
comune di Ravenna: sono compresi i territori a monte dell'area cosi' delimitata: dal confine con il comune di Russi la linea di delimitazione segue, verso Est, la strada di Godo-San Marco fino a raggiungere la s.s. 67 Tosco Romagnola. Segue detta strada statale, verso Sud, sino al km 207,800 e poi attraversando il fiume Ronco per via Gambellara sino a San Pietro in Vincoli. Quindi per via del Sale e poi per la provinciale del Dismano in direzione Sud fino al km 20,500, indi per via Civinelli e via Mensa fino a Matelica, quindi per via Salaria e via Crociarone fino a Pisignano e poi per via Confine sino ad incrociare il confine tra le province di Ravenna e Forli-Cesena, che segue fino a Montaletto.
Per i comuni di Brisighella e Casola Valsenio il limite a monte e' cosi' delimitato:
comune di Brisighella: dalla localita' Zattaglia in direzione Est lungo la strada Valletta-Zattaglia sino ad incrociare la via Firenze che si attraversa per poi immettersi nella strada privata Tredozi Paolo che si segue fino ad incontrare il fiume Lamone. Indi lungo quest'ultimo sino alla confluenza con il torrente Ebola che si segue sino all'incrocio con il confine tra le province di Forli-Cesena e Ravenna;
comune di Casola Valsenio: dal confine tra le province di Bologna e Ravenna lungo la strada Renana, si segue quest'ultima fino alla localita' Prugno. Poi per via del Corso e via Macello fino ad incontrare la s.s. 306 che si segue fino all'incrocio con la via Santa Martina. Indi si attraversa la piazza della Chiesa e per via Meleto si prosegue fino ad incontrare il fiume Senio. Si prosegue quest'ultimo sino all'incontro con la strada Valletta-Zattaglia che si percorre fino ad incontrare il confine tra i comuni di Brisighella e Casola Valsenio in localita' Zattaglia.
Nella zona di produzione e' compresa l'Isola di Savarna delimitata come appresso: partendo dalla localita' «La Cilla» la linea di delimitazione segue verso Est il canale di bonifica destra del Reno fino a raggiungere la strada S. Alberto-Ravenna, in prossimita' del km 13,500. Ripiega verso Ovest e segue, attraversando la bonifica di Valle Mezza Ca', il tracciato della vecchia ferrovia fino al C. Berbarella. Da questo punto segue, verso Ovest, la strada di bonifica che passando per C. Graziani, raggiunge la strada Mezzano-S. Alberto, in prossimita' della localita' Grattacoppa. Prosegue, verso Nord, per quest'ultima strada, fino a raggiungere la localita' «La Cilla» punto di inizio della delimitazione.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini di cui all'art. 1 devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire alle uve ed al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualita'. In particolare sono da considerarsi idonei i terreni collinari, pedecollinari e, fra quelli della zona di pianura delimitata, i sabbiosi-argillosi anche profondi ma piuttosto asciutti, mentre sono da escludere i terreni alluvionali ad alto tenore idrico e quelli di recente bonifica.
4.2. I sesti d'impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Trebbiano, «Romagna» Pagadebit, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 2.500 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese, «Romagna» Sangiovese novello, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 3.300 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese superiore, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 3.700 ceppi per ettaro. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Cagnina, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 3.300 ceppi per ettaro.
4.3. E' vietata ogni pratica di forzatura. E' ammessa l'irrigazione di soccorso.
4.4. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna», di cui all'art. 1, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | 13% vol. 16% vol. dopo | |Albana spumante| 9 | l'appassimento | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Cagnina | 13 | 10,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Pagadebit | 14 | 10,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | 12 | 11,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | novello | 12 | 11% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | passito | 12 | 11,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | superiore | 10,5 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Trebbiano | 14 | 11% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Trebbiano | | | | frizzante | 14 | 10% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Trebbiano | | | | spumante | 14 | 10% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
4.5. Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» definiti all'art.1 del presente disciplinare di produzione, devono essere riportati nei limiti di cui al comma 4.1 purche' la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi.
4.6. La regione Emilia-Romagna, con proprio decreto, su proposta del Consorzio, sentite le organizzazioni di categoria interessate, di anno in anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni ambientali di coltivazione, puo' stabilire un limite massimo di produzione rivendicabile di uva per ettaro inferiore a quello fissato dal presente disciplinare di produzione, dandone immediata comunicazione al Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ed all'organismo di controllo.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Le operazioni di vinificazione, ivi comprese le operazioni di elaborazione delle tipologie spumanti e frizzanti, ossia le pratiche enologiche per la presa di spuma e per la stabilizzazione, devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione delimitata nel precedente art. 3.
5.2. Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, e' consentito che le operazioni di vinificazione siano effettuate nell'ambito dell'intero territorio delle province di Forli-Cesena, Ravenna, Bologna e Rimini e che le operazioni di elaborazione delle tipologie spumanti e frizzanti, ossia le pratiche enologiche per la presa di spuma e per la stabilizzazione, siano effettuate in tutto il territorio della regione Emilia-Romagna.
5.3. Le operazioni di imbottigliamento delle tipologie DOC «Romagna» Trebbiano frizzante e spumante, «Romagna» Pagadebit frizzante e «Romagna» Albana spumante, devono essere effettuate nell'ambito delle zone di vinificazione ed elaborazione di cui ai precedenti commi 5.1 e 5.2.
Conformemente all'art. 8 del regolamento CE n. 607/2009, l'imbottigliamento o il condizionamento deve aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualita', la reputazione, garantire l'origine e assicurare l'efficacia dei controlli.
5.4. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro a denominazione di origine controllata sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
| «Romagna» Albana | | |
| spumante | 50 | 4500 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Cagnina | 65 | 8450 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Pagadebit | 70 | 9800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | 65 | 7800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| vino passito | 50 | 6000 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| novello | 65 | 7800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| superiore | 65 | 6825 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Trebbiano | 70 | 9800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Trebbiano | | |
| frizzante | 70 | 9800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Trebbiano | | |
| spumante | 70 | 9800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

Qualora la resa massima uva/vino superi detti limiti l'eccedenza non avra' diritto alla denominazione di origine controllata.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese novello deve essere ottenuto con almeno il 50% di vino proveniente dalla macerazione carbonica delle uve.
5.6. Per la DOC «Romagna» Sangiovese e «Romagna» Sangiovese superiore e' consentito effettuare un appassimento parziale delle uve utilizzando anche attrezzature per la ventilazione e la deumidificazione.
Le uve destinate alla produzione della tipologia «Romagna» Sangiovese passito devono essere sottoposte ad appassimento in pianta e/o dopo la raccolta in ambienti idonei, anche con l'ausilio di impianti di condizionamento ambientale, purche' operanti a temperature analoghe a quelle riscontrabili nel corso dei processi tradizionali di appassimento escludendo qualsiasi sistema di deumidificazione operante con l'ausilio del calore.
5.7. Per la DOC «Romagna» Albana spumante la fermentazione del mosto puo' essere effettuata, anche in parte, in contenitori di legno.
5.8. Il vino a Denominazione di origine controllata «Romagna» Albana spumante deve essere ottenuto ricorrendo alla pratica della fermentazione/rifermentazione naturale in bottiglia («fermentazione in bottiglia secondo il metodo tradizionale» o «metodo tradizionale» o «metodo classico» o «metodo tradizionale classico») o della fermentazione/rifermentazione naturale in autoclave, secondo quanto previsto dalle norme comunitarie e nazionali.
5.9. Per la DOC «Romagna» Albana spumante la presa di spuma, nell'arco della intera annata, deve effettuarsi con mosti di uve parzialmente appassite prodotte da vigneti ubicati nella zona di produzione di cui all'art. 3, comma 1.
5.10. I seguenti vini non possono essere immessi al consumo in data anteriore al:
«Romagna» Sangiovese: 1° dicembre dell'anno di raccolta delle uve;
«Romagna» Sangiovese superiore: 1° aprile dell'anno successivo all'anno di raccolta delle uve;
«Romagna» Cagnina: 10 ottobre dell'anno di raccolta delle uve.
5.11. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese e il vino DOC «Romagna» Sangiovese superiore dopo un periodo di invecchiamento non inferiore a ventiquattro mesi, a decorrere dal 1° dicembre dell'anno di raccolta delle uve, possono assumere la designazione «Romagna» Sangiovese riserva e «Romagna» Sangiovese superiore riserva e la loro idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima di ventidue mesi di invecchiamento.
5.12. Per la DOC «Romagna» Trebbiano e «Romagna» Sangiovese, anche con le specificazioni superiore, riserva e passito, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.13. Per la DOC «Romagna» Sangiovese, «Romagna» Sangiovese novello e «Romagna» Sangiovese superiore, e' ammesso l'arricchimento nella misura massima dell'1% vol.
5.14. Fatto salvo quanto previsto al comma 5.11., per la vinificazione e l'elaborazione di tutti i vini della DOC «Romagna» di cui all'art. 1, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
«Romagna» Albana spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: giallo dorato;
odore: caratteristico, intenso, delicato;
sapore: dolce, gradevole, vellutato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 16% vol.;
zuccheri riduttori residui: oltre 60 g per litro;
acidita' totale: non inferiore a 6 g/l;
estratto non riduttore: non inferiore a 21 g/l;
«Romagna» Cagnina:
colore: rosso violaceo;
odore: vinoso, caratteristico;
sapore: dolce, di corpo, un po' tannico, leggermente acidulo;
titolo alcolometrico volumico effettivo: minimo 8,50% vol.;
titolo alcolometrico volumico totale: minimo 11,50% vol.;
acidita' totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 17 g/l;
«Romagna» Pagadebit:
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
«Romagna» Pagadebit amabile:
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
«Romagna» Pagadebit frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
«Romagna» Pagadebit amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, fresco, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese:
colore: rosso rubino talora con riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l; acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese novello:
colore: rosso rubino;
odore: vinoso, intenso fruttato;
sapore: secco o leggermente abboccato, sapido, armonico;
zuccheri riduttori residui: massimo 10,0 g/l; titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese passito:
colore: rosso rubino talora con riflessi violacei;
odore: fruttato, intenso, equilibrato;
sapore: da secco ad amabile armonico, leggermente tannico, talvolta con retrogusto amarognolo;
titolo alcolometrico volumico effettivo minimo: 12% vol.;
zuccheri riduttori residui: da 6 a 20 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese superiore:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l; acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l; acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese superiore riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato, talora con riflessi violacei;
odore: vinoso con profumo delicato che talvolta ricorda la viola;
sapore: armonico, leggermente tannico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l; acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l;
«Romagna» Trebbiano:
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: vinoso, gradevole;
sapore: sapido, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l; acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
«Romagna» Trebbiano spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: brut, extra dry in relazione alla specifica tipologia;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol.;
acidita' totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l;
«Romagna» Trebbiano frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: gradevole, caratteristico;
sapore: armonico, fresco;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 10 g/l; acidita' totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 14,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. Nella presentazione e designazione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» e' vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quella prevista dal seguente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi «extra», «fine», «scelto», «selezionato» e similari.
7.2. E' consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno l'acquirente.
7.3. Le indicazioni tendenti a specificare l'attivita' agricola dell'imbottigliatore quali «viticoltore», «fattoria», «tenuta», «podere», «cascina» ed altri termini similari sono consentite in osservanza delle disposizioni CE e nazionali in materia.
7.4. Nella presentazione e designazione dei vini DOC «Romagna», con l'esclusione delle tipologie Trebbiano spumante e frizzante, e' obbligatoria l'indicazione dell'annata di produzione delle uve.
7.5. E' consentito l'uso di indicazioni toponomastiche aggiuntive che facciano riferimento alle «vigne», dalle quali effettivamente provengono le uve da cui il vino cosi' qualificato alle condizioni 21 di cui all'art. 6, comma 8, del decreto legislativo n. 61/2010. 5.2. La menzione «vigna» seguita dal relativo toponimo o nome, deve essere riportata in caratteri di dimensione uguale o inferiore al carattere usato per la denominazione di origine.
7.6. Le specificazioni superiore e riserva devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».
7.7. Per la tipologia «Romagna» Sangiovese passito e' consentito riportare in etichetta la specificazione «Appassimento», in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. E' consentito il confezionamento del vino DOC «Romagna» Trebbiano e «Romagna» Sangiovese anche in recipienti di ceramica.
8.2. Per i vini DOC «Romagna» Trebbiano, «Romagna» Pagadebit e «Romagna» Sangiovese e' consentito l'uso di contenitori idonei a venire al contatto con gli alimenti, non inferiori a due litri e non superiori a 6 litri, in conformita' alle vigenti normative dell'UE e nazionali.
8.3. Esclusivamente per i vini DOC «Romagna» Trebbiano, anche frizzante, e Sangiovese e' consentito l'uso dei recipienti di acciaio inox e altri materiali idonei per capacita' fra 6 e 60 litri.
8.4. Per tutte i vini della DOC «Romagna» di cui all'art. 1 e' consentito l'utilizzo di tutti i dispositivi di chiusura previsti dalla normativa vigente.
8.5. Sulle bottiglie della DOC «Romagna» Cagnina deve figurare la specifica dolce.

Art. 9.
Legame con l'ambiente geografico

A) Informazioni sulla zona geografica.
1) Fattori naturali rilevanti per il legame: il disciplinare «Romagna» DOC tiene conto delle aree di insediamento storiche e tradizionali della viti-vinicoltura romagnola, esaltando le migliori espressioni dell'interazione «vitigno/ambiente». L'areale di coltivazione di Sangiovese, Albana, Trebbiano romagnolo, Bombino bianco e Terrano comprende parte dei territori di quattro province (Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini), con particolare riferimento alla collina, e si possono individuare due zone principali ben distinte: una pre-collinare, che si estende dalle falde delle ultime formazioni collinari degli Appennini fino alla via Emilia, comprendendo una fascia di terreni tendenzialmente piani appartenenti al Quaternario recente, e una zona nettamente collinare ascrivibile all'era Terziaria. Il periodo piu' attivo dell'emersione dei rilievi della Romagna e' infatti riferibile a Miocene superiore, Pliocene e Postpliocene. L'Appennino romagnolo ha un'origine geologica comune e si compone, in linea generale, di formazioni calcaree e argillose. La formazione geologica che, per la sua estensione, maggiormente caratterizza la Romagna e' la «Marnoso-arenacea», una fascia piu' o meno ampia di stratificazioni successive e alternate di arenarie torbiditiche e marne. Durante il periodo Messiniano, quando il Mediterraneo rimase isolato dall'oceano Atlantico, si depositarono rocce evaporitiche (gesso, anidrite, salgemma) che in Romagna sono ben visibili nella «Vena del gesso». Seguono poi le deposizioni del Pliocene, a dominante argillosa, che si presentano spesso con la tipica morfologia a «calanchi», riscontrabile nelle valli basse. Da questa successione di rocce e' abbastanza naturale che siano derivati, per effetto dell'erosione naturale e dell'intervento dell'uomo, terreni piu' o meno calcarei, argillosi, misti e, dove sono intervenute azioni di dilavamento ed erosione chimica, terreni residuali di costituzione diversa. In passato si distinguevano «terreni vergini o integrali», di formazione recente e di composizione strettamente connessa alla roccia madre, e «terreni residuali», decalcificati, ferrettizzati, antichi. Tra questi due Estremi si ponevano i «terreni parzialmente ferrettizzati» (mezze savanelle) e le «terre rosse» (savanelle), completamente decalcificate. Recenti studi di zonazione hanno permesso di approfondire la conoscenza dei suoli e valutare anche l'influenza di questi su alcuni dei vitigni principali. Partendo dalla s.s. 9, via Emilia, e risalendo verso monte, si incontrano dapprima le «terre parzialmente decarbonatate della pianura pedemontana», a pendenza molto debole (0,2-1%), che si sono formate in sedimenti fluviali a tessitura media. Sono suoli molto profondi, con buona disponibilita' di ossigeno, elevata capacita' di acqua disponibile e buona fertilita' naturale; da scarsamente a moderatamente calcarei nell'orizzonte lavorato e con contenuti in calcare decisamente piu' elevati negli orizzonti profondi. A seguire si incontrano le «terre scarsamente calcaree del margine appenninico», costituite da suoli formatisi in sedimenti argilloso-limosi deposti dai fiumi, profondi, a tessitura moderatamente fine o fine, moderatamente calcarei in superficie e molto calcarei negli orizzonti profondi. Possono essere soggetti a ristagno idrico. Le «terre limose dei terrazzi antichi» sono Estese paleosuperfici, pianeggianti o dolcemente inclinate, formate da sedimenti fluviali a varia tessitura, con una componente superficiale talvolta di origine eolica. Sono terreni molto profondi, a tessitura fine o media su fine, non calcarei, strutturalmente poco stabili e soggetti a ristagno idrico. Per conservare o migliorare la fertilita' fisico-idrologica necessitano di buoni apporti di sostanza organica. Proseguendo verso i calanchi, tipicamente a quote comprese tra 130 e 380 m s.l.m., si trovano le «terre calcaree del basso Appennino, localmente associate a calanchi», suoli che si sono formati in rocce prevalentemente argillose o pelitiche, con intercalazioni sabbiose di eta' pliocenica, e si presentano con profondita' variabile da moderata a molto profonda, a tessitura media, da scarsamente a fortemente calcarei. Talora sono presenti orizzonti con accumulo di carbonati di calcio e possono presentare il substrato di roccia tenera (peliti) entro i 100 cm di profondita'. Infine si arriva in prossimita' della formazione Marnoso-arenacea, che ha dato origine alle «terre calcaree del basso Appennino con versanti a franapoggio e reggipoggio». Le quote sono tipicamente tra 110 e 430 m s.l.m. Sono suoli moderatamente ripidi, da moderatamente a molto profondi, a tessitura media, calcarei e che possono presentare il substrato roccioso entro i 100 cm di profondita'. Nel basso Appennino romagnolo, l'unita' geologica maggiormente diffusa, dall'Imolese al Forlivese, e' la formazione delle argille azzurre, mentre passando al Cesenate tendono a prevalere i terreni calcarei riconducibili alla formazione Marnoso-arenacea, che poi tendono a diminuire sul territorio riminese, dove la viticoltura si sviluppa in modo particolare sulle «terre calcaree del basso Appennino riminese», che comprendono suoli formati in rocce prevalentemente argillose o pelitiche, con intercalazioni sabbiose di eta' pliocenica (formazione delle argille azzurre e formazione delle arenarie di Borello). Un'area marginale delle viticoltura si trova sulle «terre dei Gessi del basso Appennino riminese», con suoli che si sono formati in rocce stratificate di marne gessose e tripolacee. Altra formazione degna di menzione e' la «Vena dello Spungone» che caratterizza in particolare il Forlivese, anche se parte dal Faentino-Brisighellese per arrivare fino a Bertinoro, una delle aree di elezione dell'Albana. Per quanto riguarda il clima, partendo dalla via Emilia con sommatorie termiche intorno ai 2000- 2200 gradi giorno (indice di Winkler), si arriva intorno al 1400-1600 gradi giorno delle aree piu' alte della viticoltura.
2) Fattori umani rilevanti per il legame: la vite e il vino hanno sempre giocato ruoli economici, sociali, politici e ideologici fondamentali nella storia di molti paesi e, come noto, la storia e' in grado di modellare persone e paesaggi. E cio' e' vero anche per la Romagna, un'area i cui confini geografici sono stati dibattuti per secoli senza mai arrivare ad una definizione unanime, ma che trova nel carattere della sua gente un filo conduttore comune. Lucio Gambi scrisse che la «romagnolita', e' in primo luogo uno stato d'animo, un'isola del sentimento, un modo di vedere e di comportarsi» e forse e' proprio per questo che la Romagna e' stata piu' spesso definita, non con limiti fisici o amministrativi bensi' attraverso i comportamenti umani, come quell'area in cui, chiedendo da bere, viene spontaneamente offerto vino e non acqua. Indubbiamente si tratta di un retaggio legato alla particolare situazione del passato, per cui le acque erano spesso non potabili e il vino svolgeva un'importante azione disinfettante. La storia e la letteratura classica ci parlano spesso di una Romagna particolarmente produttiva, senza negare, pero', produzioni di eccellenza: i vini di Cesena in epoca Romana e anche successiva, l'Albana di Bertinoro, come pure la «rosseggiante» Cagnina senza dimenticare il Pagadebito gentile. A seguire alcune informazioni sulla diffusione e l'impiego dei principali vitigni tradizionali della Romagna, contemplati dal presente Disciplinare.
Terrano - La dominazione bizantina potrebbe essere stata il momento in cui il Refosco d'Istria o Terrano d'Istria si e' diffuso in Romagna. Sta di fatto che, in tempi storici, ha dato origine ad un vino molto apprezzato chiamato «Cagnina», riconosciuto a DOC con decreto del Presidente della Repubblica 17 marzo 1988 (Cagnina di Romagna). Riferisce Giovanni Manzoni che la Cagnina e' un'uva probabilmente originaria della Jugoslavia, «tenuta in gran pregio sebbene anticamente fosse piccola di grappolo e di acini radi. Coltivata in Romagna gia' nel 1200 in alcune piane del Cesenate, del Forlivese e del Ravennate, fu poi limitata solamente a qualche modesto vigneto, come lo e' ancora oggi, per la sua scarsa resa». Diversi gli scritti e i componimenti poetici tra Ottocento e Novecento che attestano la diffusione e l'apprezzamento della Cagnina in Romagna. Bombino bianco. Localmente detto Pagadebito gentile, da cui il nome del vino. L'origine del vitigno non e' nota, ma si tratta di varieta' diffusa lungo tutta la fascia adriatica della Penisola con nomi diversi nelle varie regioni, ma che richiamano spesso la sua capacita' produttiva. Secondo Hohnerlein-Buchinger l'etimo sarebbe da «produce tanto da pagare i debiti», in realta' la produttivita', specie in collina, non e' elevatissima ma costante negli anni; infatti si tratta di varieta' rustica e con sottogemme fertili, tanto che se una gelata tardiva puo' compromettere gravemente la produzione della maggior parte degli altri vitigni, con il Pagadebito e' comunque garantita una buona produzione. Nell'area di Bertinoro un tempo si facevano vigneti misti di Albana gentile e Pagadebiti proprio per compensare una eventuale carenza produttiva del primo vitigno. La prima citazione scritta di un «Pagadebito bianco» tra le viti «de' contorni di Rimino» e' dell'Acerbi e risale al 1825. Nell'ambito della mostra ampelografica tenutasi a Forli' nel 1876 si ebbe la possibilita' di confrontare tra loro grappoli di Pagadebito provenienti da diversi areali e si convenne che «Il Pagadebito gentile di Forli', di Bertinoro, e di Predappio si differenzia dal Pagadebito verdone per gli acini piu' sferici, meno grossi, meno verdi e piu' dolci». Storicamente e' stata riconosciuta una particolare e pregevole tradizione di coltivazione del Pagadebito nell'areale di Bertinoro, messa in evidenza anche nel Disciplinare della DOC «Pagadebit di Romagna» accolto con decreto del Presidente della Repubblica 17 marzo 1988.
Sangiovese - La zona di diffusione principale del Sangiovese si colloca tra Romagna e Toscana ed e' in questi due territori che da tempi storici si sono venuti a delineare vari biotipi, ma soprattutto vini differenti, frutto dell'interazione specifica e peculiare di territori diversi con questo vitigno. Nello studio della storia di un vino si fa spesso riferimento ai miti e alle religioni dei popoli, ma non bisogna trascurare un altro elemento fondamentale, la «tipicita'», poiche' essa passa attraverso il territorio, la metodologia di produzione e il contesto temporale e sociale. Per quanto riguarda il Sangiovese la prima attestazione scritta della sua coltivazione in territorio Toscano risale alla fine del 1500 (Soderini), ma Cosimo Villifranchi nella seconda meta' del Settecento parla di un «San Gioveto romano» coltivato in particolare nel Faentino. E' conservato all'Archivio di Stato di Faenza l'atto notarile del 1672 che cita in podere Fontanella di Pagnano, comune di Casola Valsenio, «tre filari di Sangiovese». Per alcuni linguisti assunse in Appennino tosco-romagnolo il nome «Sangue dei gioghi» cioe' dei monti, contratto in dialetto locale in «sanzves». Secondo Beppe Sangiorgi, le prime citazioni del Sangiovese in Romagna riguardano l'area faentina imolese. Tra Settecento e Ottocento sono poi numerosi i poemi e ditirambi che lodano questo vino. Nel 1839, il conte Gallesio giunse a Forli', da Firenze, percorrendo la strada aperta dal granduca Pietro Leopoldo lungo il corso del fiume Montone ed ebbe modo di descrivere i vigneti incontrati nel percorso: «le vigne ... sono tutte a ceppi bassi attaccati ad un picciolo palo come in Francia, le uve che vi si coltivano sono per la maggior parte il Sangiovese di Romagna». Nei vecchi testi, quindi, viene spesso identificato un Sangiovese coltivato in Romagna con caratteristiche sue proprie che lo fanno distinguere da quelli coltivati in altre aree, ma soprattutto va rimarcato come fosse diverso l'approccio enologico al vitigno rispetto alla Toscana: in Romagna si vinificava in purezza, mentre in Toscana si trattava piu' spesso di uvaggi (come il ben noto Chianti) o di tagli con altri vitigni. Questa caratteristica e' stata contemplata nel Disciplinare «Romagna» Sangiovese: l'uso della menzione geografica aggiuntiva per i vini di Sangiovese e' subordinata all'utilizzo di almeno il 95% di uve del vitigno. La DOC «Sangiovese di Romagna», confluita nella DOC «Romagna», fu istituita con decreto del Presidente della Repubblica 9 luglio 1967. Trebbiano romagnolo. I «Trebbiani» sono una famiglia di vitigni molto antichi che hanno trovato alcune zone di elezione che gli hanno tributato la seconda parte del nome: Trebbiano romagnolo, piuttosto che toscano, modenese, abruzzese, per citarne alcuni. Nel Trecento il Trebbiano veniva annoverato tra i vini «di lusso» del medioevo, mentre in tempi piu' recenti appare un'immagine piu' differenziata del Trebbiano, che viene considerato anche un vino di carattere semplice. Lo citano il Soderini nel Cinquecento, il Trinci Settecento e tra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento diversi autori cercano di mettere ordine tra le diverse tipologie e sinonimie. In Romagna si coltivava in prevalenza il Trebbiano della fiamma, cosi' detto perche' i grappoli esposti al sole prendono una colorazione giallo-rossastra. Nel Molon (1906) si legge che il vitigno era coltivato soprattutto nelle province di Forli' e Ravenna, meno nel Cesenate, dove prevaleva l'Albana e si riporta quanto affermato da Pasqualini e Pasqui in merito all'apprezzamento del Trebbiano nei filari di pianura, nonostante l'elevata umidita'. La sua vasta diffusione e' dovuta alla capacita' di adattarsi alle piu' diverse tipologie di terreno e condizioni climatiche, alla costante produttivita' ed alle caratteristiche del vino: gradevole, corretto e facilmente commerciabile. Con il decreto del Presidente della Repubblica 31 agosto 1973 viene istituita la DOC «Trebbiano di Romagna», che ricomprende un'area di coltivazione che si estende dalla collina verso quelle aree di pianura dove i terreni sono piu' argillosi o argilloso-sabbiosi. Vini amabili, frizzanti e spumanti. La presenza in Romagna di vitigni tipicamente a maturazione medio-tardiva o tardiva (Trebbiano, Pagadebiti) faceva si' che il sopraggiungere del freddo invernale bloccasse la fermentazione lasciando nei vini residui zuccherini piu' o meno importanti. Da qui l'uso di bere vini dolci o amabili nel periodo autunno-invernale e vini frizzanti e spumanti nell'estate successiva la vendemmia. Infatti i vini con residuo zuccherino, una volta messi in bottiglia, riprendevano a fermentare con l'arrivo dei primi caldi, originando una frizzantatura naturale. Vi era quindi una tradizione, se si vuole involontaria, di spumanti e frizzanti, che con l'accrescersi delle conoscenze enologiche e' stata perfezionata: l'uso del freddo in cantina consente di preservare profumi e aromi e l'uso di lieviti selezionati consente di ottimizzare le fermentazioni.
B) Informazioni sulla qualita' o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico: i diversi tipi di suolo che si incontrano negli areali di coltivazione della DOC Romagna, dalle argille evolute di Predappio, alle sabbie molasse del Messiniano tra il Faentino e il Forlivese, al calcare di Bertinoro o ancora alle arenarie e alle argille di Brisighella, non possono non influenzare le note sensoriali dei vini su di essi prodotti. In particolare, il Sangiovese in purezza tende ad acquisire caratteri distintivi ben percepibili a seconda delle aree di coltivazione delle uve e gia' all'inizio del Novecento il dott. Savelli, sulla base delle numerose analisi chimiche effettuate nel suo laboratorio, aveva Suddiviso i vini di Sangiovese in tre gruppi: «uno speciale Sangiovese in alcune localita' dell'ex circondario di Forli' (Predappio e Civitella); un tipo, molto vicino al precedente per caratteri chimici ed organolettici, prodotto nell'ex circondario di Cesena; un tipo, diverso dai due precedenti, prodotto nell'ex circondario di Rimini». Le differenze (minore grado alcolico, minore estratto, maggiore acidita' ed in particolare una maggiore sapidita' del Sangiovese di Rimini) derivavano dal fatto che nel Riminese l'uva Sangiovese veniva vinificata con una certa quantita' di Trebbiano, tradizione che si e' ormai persa, anche se rimangono alcuni di questi tratti distintivi. Altra nota importante per la coltivazione del Sangiovese e' relativa al clima: per una corretta maturazione occorre privilegiare altitudini medio-basse ed esposizioni nei quadranti da Sud a Ovest, onde conseguire un perfetto soddisfacimento delle sue esigenze termiche (1800-2000 gradi giorno). Per rendere merito delle differenze tra i vini di Sangiovese ottenuti in situazioni pedo-climatiche differenti, per quei produttori che intendono massimizzare l'interazione vitigno/ambiente, nel rispetto di una tradizione tipicamente romagnola che vuole il Sangiovese vinificato sostanzialmente da solo, sono state identificate le «sottozone» che possono fregiarsi di una menzione geografica aggiuntiva rispetto a «Romagna DOC Sangiovese». L'interazione «vitigno-ambiente-uomo», per il Sangiovese, verra' meglio specificata al punto C). I vini ottenuti con la varieta' Terrano si presentano in genere abbastanza freschi, profumati e con un certo residuo zuccherino, come vuole la tradizione, anche se qualche viticoltore ha cercato di potenziarne la struttura, come richiedeva il mercato del 2000. Anche per quanto riguarda i vini bianchi, la varieta' di suoli e di situazioni meso-climatiche riscontrabili sul territorio della Denominazione «Romagna», consentono di ottenere tipologie differenti: da vini piu' freschi a prevalente componente floreale, magari anche frizzanti o spumanti, a vini bianchi piu' strutturati, con sentori di frutta matura e talora aromi terziari derivati dalla vinificazione e/o affinamento in legno.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera B): a partire dagli anni '70 il miglioramento della tecnica agronomica ed enologica e' stato importante e la Romagna ha recepito bene l'innovazione del settore viti-vinicolo, facendo perno, pero', su una tradizione ormai consolidata. Ne sono conseguiti una razionalizzazione nell'allestimento e nella gestione degli impianti e un radicale miglioramento delle strutture e delle tecniche enologiche in cantina. Il risultato e' stato che anche nei vini della tradizione romagnola si e' assistito ad un importante miglioramento del livello qualitativo. Un altro cambiamento importante e' legato agli studi di zonazione viticola, che hanno contribuito ad una migliore definizione degli ambienti pedo-climatici piu' idonei per i vari vitigni, ma soprattutto hanno aumentato la sensibilita' dei viticoltori nei confronti della scelta varietale, portandoli a porsi in maniera piu' critica di fronte a questa questione. Per quanto riguarda il Sangiovese, l'esperienza e la perizia che i viti-vinicoltori hanno acquisito in relazione ai vari contesti ambientali e culturali ha permesso di connotare in modo piu' preciso alcune produzioni locali, definendo quelle che sono definite «sottozone». Partendo da Ovest verso Est si incontrano le seguenti aree tipiche per la produzione del Sangiovese:
Serra: storicamente e' indicato in Romagna come un territorio molto vocato. Il clima e' tendenzialmente continentale e poco mitigato dalla rilevante distanza dal mare. In generale i vini possiedono delicate note floreali e un frutto fresco, esaltati da una corretta esposizione delle vigne;
Brisighella: comprensorio particolare anche per il microclima, che ha altresi' consentito il consolidarsi di una tradizione oleicola importante. L'areale ricomprende anche i terreni prossimi alla vena del gesso, oltre a suoli ricchi di arenarie e argilla, che consentono di avere vini di buona struttura, eleganti, con note floreali e fruttate spiccate e una buona freschezza;
Marzeno: in questo territorio si trova un primo affioramento importante della formazione dello «Spungone» che si intercala alle argille azzurre plio-pleistoceniche. Territorio aspro e forte, che imprime forza anche ai vini che qui si producono. Il fruttato tende a prevalere decisamente sul floreale;
Modigliana: qui il territorio si inasprisce ulteriormente consentendo di produrre vini dalla struttura decisa, potenti, austeri e longevi;
Oriolo: una zona con un terreno particolare, caratterizzato dalla presenza di sabbie gialle che spesso affiorano tra terreni argillosi o limoso-argillosi. A seconda dell'esposizione e della prevalenza di sabbia o argilla e' possibile ottenere vini di grande struttura che acquisiscono la giusta morbidezza solo dopo un certo affinamento, oppure vini fruttati e floreali piu' pronti e di buon equilibrio;
Castrocaro-Terra del Sole: terre della cosiddetta Romagna Toscana, hanno risentito molto dell'influenza del Granducato, tanto che la definizione dell'area deriva piu' dalla storia e tradizione locale che non da una differenza sostanziale con i prodotti della limitrofa area di Oriolo;
Predappio: il Sangiovese di questo territorio ha sempre goduto di una nomea importante tramandata dalla tradizione popolare orale. Soprattutto dal biotipo locale ad acino allungato, si ottengono vini dal fruttato molto evidente e con tannini piuttosto duri e austeri;
Meldola: l'areale era gia' coltivato in epoca romana e da allora si e' evoluta e stratificata la tecnica agricola che ha portato agli attuali risultati anche nel settore enologico. L'esposizione principale da Nord-Ovest a Nord-Est consente di avere vini di Sangiovese fini e dal profilo aromatico fruttato;
Bertinoro: tradizionalmente territorio di Albana (che qui vanta una lunga tradizione) ha scoperto solo recentemente una buona vocazione anche per il Sangiovese, che presenta una struttura importante che necessita di tempi di maturazione abbastanza lunghi;
Cesena: citati anche dagli autori classici latini, i vini di Cesena hanno sempre goduto di una chiara fama. Il Sangiovese su queste colline riesce a ricomprendere in se' una struttura importante ma mai eccessiva e un fruttato di ciliegia matura sempre ben percepibile. Struttura ed eleganza insieme;
San Vicinio: comprende l'area in cui si esprime al massimo grado la formazione Marnoso-arenacea romagnola. I suoli Celincordia «Celincordia» [CEL, in riferimento alla Carta dei suoli dell'Emilia-Romagna, scala 1:250.000. Classificazione Soil Taxonomy (Chiavi 1990): loamy, mixed, mesic Typic Ustochrepts. Legenda FAO (1990): Haplic Calcisols)], specialmente ad altitudine inferiore ai 150-200 m s.l.m., si sono rivelati quelli piu' vocati alla coltivazione del Sangiovese, che fornisce mosti e vini molto equilibrati, con un buon rapporto tra alcolicita' e acidita' e una tannicita' piuttosto dolce;
Longiano: i vini dell'area sono caldi e ricchi, con un fruttato molto evidente e una buona struttura, che puo' essere guidata con adeguati accorgimenti agronomici anche verso espressioni molto forti, che pero' finiscono per penalizzare la naturale eleganza del connubio tra il vitigno e il territorio.
Anche per gli altri vitigni l'interazione col suolo porta a varianti interessanti e talora particolarmente significative. La predilezione del Bombino bianco, come del resto dell'Albana, per l'areale bertinorese e' sicuramente da mettere in relazione con i terreni poveri e calcarei derivati dalla formazione geologica dello Spungone, che proprio in quest'area presenta le sue «emergenze» piu' significative. I suoli riescono a contenere la naturale vigoria di questi vitigni, consentendo un miglior equilibrio vegeto-produttivo e di conseguenza una piu' equilibrata composizione dei mosti; mentre il calcare contribuisce alla maggiore finezza olfattiva dei vini. Nei terreni argillosi di pianura, che limitano naturalmente la vigoria e la produttivita' del Trebbiano romagnolo, si riescono ad ottenere vini di buona struttura e con una buona finezza aromatica, nonostante il vitigno sia normalmente definito «neutro». Vini di Trebbiano con maggiore struttura si ottengono nei terreni piu' poveri di collina. Buona finezza olfattiva anche per i vini ottenuti da uve coltivate su terreni sabbiosi (Terrano e Trebbiano, ad esempio). Anche le Albane tendono a differenziarsi sui vari tipi di suolo: vini strutturati e con sentori di miele e albicocca essiccata nei terreni piu' argillosi, fruttato di albicocca piu' deciso nell'Imolese e sentori piu' floreali nelle Albane del Faentino. La tradizione di vini frizzanti e spumanti ottenuta a partire dai vitigni bianchi romagnoli e' stata molto migliorata grazie all'introduzione del freddo e di altre tecnologie in cantina, senza dimenticare che la maggior cura nella produzione e nella scelta delle uve in campo ha fatto comunque la sua parte.

Art. 10.
Riferimenti alla struttura di controllo

«Valoritalia S.r.l.»:
nome e indirizzo: «Valoritalia» Societa' per la certificazione delle qualita' e delle produzioni vitivinicole italiane S.r.l. - via Piave n. 24 - 00187 Roma;
telefono: 0039 0445 313088 - fax 0039 0445 313080;
mail: info@valoritalia.it - website: www.valoritalia.it.
«Valoritalia S.r.l.» e' l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'art. 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (allegato 1) che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente all'art. 25, paragrafo 1, primo capoverso, lettere a) e c), ed all'art. 26 del regolamento CE n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli sistematica nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento), conformemente al citato art. 25, paragrafo 1, secondo capoverso, lettera c).
In particolare, tale verifica e' espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli, approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il decreto ministeriale 2 novembre 2010, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 271 del 19 novembre 2010 (allegato 2 ).

Allegato 1

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «BERTINORO»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Bertinoro» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese solo riserva e «Romagna» Pagadebit, anche nella versione frizzante, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. Le denominazioni di origine controllata «Romagna» Sangiovese e «Romagna» Pagadebit con la specificazione della menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Bertinoro» sono riservate ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (solo riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%;
Pagadebit (anche frizzante):
Bombino bianco: minimo 85%;
possono concorrere, fino ad un massimo del 15%, altri vitigni a bacca bianca idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Bertinoro solo con la menzione riserva e «Romagna» Pagadebit con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Bertinoro, anche frizzante, comprende l'area di seguito delimitata: partendo dall'incrocio, a Forlimpopoli, tra la via Armando Diaz e la s.s. 9 via Emilia, si segue tale Statale in direzione Est sino ad incrociare la via Settecrociari che si percorre fino alla frazione S. Vittore; ci si innesta poi sulla via S. Vittore, la si segue sino ad incontrare via Montebellino lungo la quale si prosegue in direzione Formignano; indi per via Formignano sino all'incrocio per Teodorano; si continua a destra per la strada Teodorano-Montecavallo sino a Teodorano; poi per la strada Meldola-Teodorano fino a Meldola; quindi si prosegue per via Meldola per Fratta; prima di Fratta Terme si gira a sinistra per via Monte Fratta comprendendo l'intera collina; indi si prosegue fino a via Tro Meldola fino all'incrocio con via Meldola per ritornare al punto di partenza, sulla s.s. 9 via Emilia, via Meldola e via Armando Diaz.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Bertinoro la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Pagadebit Bertinoro, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 2.500 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione dei vini a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Bertinoro e «Romagna» Pagadebit Bertinoro sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Bertinoro | | | | riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Pagadebit | | | | Bertinoro | 14 | 11,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Bertinoro le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Per il vino DOC «Romagna» Pagadebit Bertinoro le operazioni di vinificazione, nonche' quelle di elaborazione per la tipologia frizzante, devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia le predette operazioni possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.3. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna Sangiovese» Bertinoro riserva e «Romagna Pagadebit» Bertinoro devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione ed elaborazione di cui ai precedenti comma 5.1. e 5.2.
5.4. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Bertinoro riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Pagadebit | | |
| Bertinoro | 70 | 9800 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Bertinoro riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Bertinoro riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Bertinoro e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Bertinoro riserva e «Romagna» Pagadebit Bertinoro, anche frizzante, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Pagadebit Bertinoro secco:
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol.;
acidita' totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l;
«Romagna» Pagadebit Bertinoro amabile:
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, gradevole, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol.;
acidita' totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l;
«Romagna» Pagadebit Bertinoro secco frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: secco, erbaceo, fresco, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol.;
acidita' totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l;
«Romagna» Pagadebit Bertinoro amabile frizzante:
spuma: fine e persistente;
colore: paglierino piu' o meno intenso;
odore: caratteristico, di biancospino;
sapore: amabile, erbaceo, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12% vol.;
acidita' totale minima: 5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Bertinoro riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico.
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Bertinoro riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 2

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «BRISIGHELLA»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Brisighella» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Brisighella, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Brisighella, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: comprende parte dei comuni di Brisighella, Faenza e Casola Valsenio. Dal limite Nord-Est della zona delimitata, in localita' Budrio si segue il confine amministrativo tra i comuni di Casola Valsenio e Riolo Terme in direzione Est; si continua seguendo i confini amministrativi tra il comune di Brisighella e Riolo Terme in direzione Nord-Est e si prosegue seguendo i confini amministrativi tra i comuni di Faenza e Castel Bolognese fino ad arrivare ad incrociare la via provinciale Tebano Villa Vezzano nei pressi della chiesa di Tebano. Da qui verso Sud-Est fino a Casale. Si prosegue in direzione Sud lungo la strada provinciale, fino ad incrociare la Statale Brisighellese che si percorre in direzione Sud fino alla frazione di Errano dove si prosegue per via Chiusa di Errano e poi sulla provinciale Canaletta di Sarna in direzione Sud-Est fino ai pressi di Villa Gessi. Si prosegue su via Canaletta di Sarna verso Sud sino al confine amministrativo fra i comuni di Faenza e Brisighella nei pressi della chiesa di Sarna. Si procede sul confine dei sopradetti confini comunali verso Sud-Est sino ad incrociare la via Pian di Vicchio che si percorre in direzione Sud-Ovest, poi si attraversa la strada provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato «Sentiero di Monte Gebolo», per arrivare alla localita' «Ca' Raggio» nei pressi del lago aziendale dove si prosegue per la localita' «Casa Ergazzina» poi in direzione Sud-Ovest in via Bicocca per poi proseguire lungo la carraia denominata «Ca' di La'» poi case Soglia e Soglietta fino ad arrivare sul ponte del torrente Marzeno. Si prosegue per detto torrente in direzione Sud-Est fino ad arrivare al confine della provincia di Ravenna con quella di Forli-Cesena dove si segue in direzione Ovest. Si prosegue lungo il confine delle due provincie fino ad arrivare alla strada consorziale di Lago. Da qui in direzione Sud-Ovest si oltrepassa la chiesa di Valpiana sino ad incrociare la strada Statale Brisighellese nei pressi di S. Eufemia; segue la strada Suddetta, in direzione Nord verso Brisighella. Attraversa il fiume Lamone prima del passaggio a livello e continua, in direzione Nord-Est, lungo la strada consorziale per Santa Maria in Purocielo. Oltrepassata S. Maria in Purocielo, prosegue in direzione Nord-Est lungo la strada forestale elle Lagune fino alla Casa delle Lagune dove riprende a proseguire in direzione Nord-Ovest, attraversa Ca' Braghetto, il Tre, Donegaglia e dopo aver attraversato il torrente Sintria prosegue in direzione Sud Ovest lungo la strada consorziale Zattaglia-Monte Romano fino alla localita' Casetto dove continua in direzione Nord-Ovest sulla strada di S. Andrea e dopo aver attraversato Casone della Casa, Albergo, Pagnano, Soglia ed il fiume Senio, si immette sulla Statale Casolana, che si percorre in direzione Nord verso Riolo Terme fino ad immettersi sulla strada provinciale per Fontanelice; da qui prosegue in direzione Nord-Est fino ad oltre il cimitero di Prugno per proseguire lungo la strada vicinale in direzione Nord-Ovest verso Ca' Bosco fino ad incrociare il confine di provincia tra Bologna e Ravenna; segue, quindi in direzione Nord Est il confine predetto fino alla localita' Budrio, punto dal quale la delimitazione ha avuto inizio.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Brisighella, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Brisighella, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +================+=========================+========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Brisighella | 9 | 12,5% vol. | +----------------+-------------------------+------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Brisighella | | | | riserva | 8 | 13% vol. | +----------------+-------------------------+------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Brisighella le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Brisighella, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

===================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=======================+=================+=======================+
| «Romagna» Sangiovese | | |
| Brisighella | 65 | 5850 |
+-----------------------+-----------------+-----------------------+
| «Romagna» Sangiovese | | |
| Brisighella riserva | 65 | 5200 |
+-----------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Brisighella non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Brisighella riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» Brisighella, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna Sangiovese» Brisighella, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Brisighella, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti
«Romagna» Sangiovese Brisighella:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Brisighella riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Brisighella riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 3

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «CASTROCARO E TERRA DEL SOLE»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. commi, 5.6menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Castrocaro e Terra del Sole» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Castrocaro e Terra del Sole, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: comprende gli interi territori amministrativi dei comuni di Rocca San Casciano, Dovadola, Castrocaro Terme e Terra del Sole e la seguente parte del comune di Forli': dall'incrocio di via Borsano (s.p. 57) con via del Tesoro, si procede per via Tomba in direzione Massa, poi ancora per via del Tesoro. Da questa si prosegue per via Braga fino a rientrare in via del Partigiano (s.p. 56). Si continua in direzione Forli' fino all'incrocio con via del Gualdo, svoltando a sinistra su quest'ultima (s.p. 141) e proseguendo per via Ossi. All'incrocio con via Scaletta, a sinistra, si procede per quest'ultima fino a raggiungere via Campagna di Roma, quindi ancora a sinistra e poi a destra per via Framonta fino a via Ciola, sita nel territorio del comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Castrocaro e | | | |Terra del Sole | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Castrocaro e | | | |Terra del Sole | | | | riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro Terme e Terra del Sole, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Castrocaro e Terra | | |
| del Sole | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Castrocaro e Terra | | |
| del Sole riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna Sangiovese» Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Castrocaro e Terra del Sole riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna Sangiovese» Castrocaro e Terra del Sole riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 4

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «CESENA»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Cesena» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Cesena, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Cesena, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: a valle il limite e' stabilito dalla s.s. 9 via Emilia, dal confine del comune di Bertinoro all'incrocio con la via Ca' Vecchia, ad Est con la suddetta via Ca' Vecchia fino all'abitato di Calisese che si attraversa, si imbocca la via Calisese e si prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre fino all'incrocio con la via Fageto che si percorre fino all'incrocio con la via Rudigliano e questa attraverso l'abitato di Ardiano fino all'incrocio con la s.p. 75 e per questo fino all'incrocio con la s.p. 138, indi fino all'abitato di Borello che si attraversa fino all'imbocco della s.p. 48 per l'abitato di Luzzena che si attraversa e sempre lungo la s.p. 48 fino all'incrocio con la strada comunale per l'abitato di Formignano che si attraversa e per la via Comunale Montebellino si incrocia la via San Carlo e si attraversa l'abitato di San Carlo e per la via San Vittore fino all'abitato di San Vittore nel cui centro si devia per la s.p. 51 che si percorre fino alla localita' Diegaro; indi per la s.s. 9 via Emilia fino al confine con il comune di Bertinoro.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Cesena, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Cesena, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Cesena | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | |Cesena riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» Cesena le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Cesena, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Cesena | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Cesena riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Cesena non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Cesena riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Cesena, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Cesena, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Cesena, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Cesena:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l:
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Cesena riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna Sangiovese» Cesena riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 5

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «LONGIANO»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Longiano» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Longiano, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Longiano, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: sono compresi gli interi territori amministrativi dei comuni di Montiano e Borghi. Il confine a valle per i comuni di Longiano e Savignano sul Rubicone e' delimitato dalla s.s. 9 via Emilia; ad Ovest dal confine del comune di Longiano con il comune di Cesena si imbocca la via Ca' Vecchia e si prosegue verso Sud fino all'abitato di Calisese che si attraversa, si imbocca la via Calisese e si prosegue per questa fino alla via Casale che si percorre fino all'incrocio con la via Fageto percorsa fino all'incrocio con la via Rudigliano ed attraverso l'abitato di Ardiano si prosegue fino all'incrocio con la via Garampa (s.p. 75) e per via Garampa fino all'abitato di Montecodruzzo da cui si discende fino al torrente Ansa e si risale in localita' Ca' di Quagliotto e si prosegue per la s.p. 11 attraversando gli abitati di Montegelli, Rontagnano, Barbotto e Savignano di Rigo fino al confine regionale e del comune di Sarsina. Ad Est dal confine con la provincia di Rimini sulla s.s. 9 via Emilia in localita' Ponte di Mezzo lungo il confine con la provincia di Rimini verso Sud fino all'incrocio con il confine regionale e lungo questo fino all'incrocio con il confine del comune di Sarsina con la via Savignano di Rigo - Cicognaia (E/R) via Decio Raggi (Marche).

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Longiano, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Longiano, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Longiano | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Longiano | | | | riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Longiano le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Longiano, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Longiano | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Longiano riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna Sangiovese» Longiano non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Longiano riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Longiano, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Longiano, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Longiano, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Longiano:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Longiano riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Longiano riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 6

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «MELDOLA»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Meldola» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Meldola, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Meldola, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: da Meldola si segue il confine della menzione geografica aggiuntiva Predappio sino al confine con il comune di S. Sofia; quindi per la s.p. 4 sino a S. Sofia; poi per via Spinello e le s.p. 96 e s.p. 127 sino a Civorio; quindi per la s.p. 95 sino a incontrare il confine della menzione geografica aggiuntiva San Vicinio che si segue per ritornare a Meldola lungo i confini della menzione geografica aggiuntiva Bertinoro.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Meldola, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Meldola, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Meldola | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | |Meldola riserva| 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Meldola le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Meldola, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Meldola | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Meldola riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Meldola non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Meldola riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Meldola, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Meldola, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Meldola, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Meldola:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Meldola riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Meldola riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 7

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «MODIGLIANA»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Modigliana» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Modigliana, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Modigliana, anche con la menzione riserva, comprende l'intero territorio amministrativo del comune di Modigliana.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Modigliana, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Modigliana, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Modigliana | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Modigliana | | | | riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» Modigliana le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna Sangiovese» Modigliana, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Modigliana | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Modigliana riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Modigliana non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Modigliana riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Modigliana, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Modigliana, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Modigliana, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Modigliana:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Modigliana riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna Sangiovese» Modigliana riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 8

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «MARZENO»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Marzeno» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Marzeno, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Marzeno, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: confine Nord: si parte dalla s.p. 16 all'altezza di via Bertella (riferimento ex scuole di Rivalta) proseguendo fino a via Cornacchia. La si percorre fino all'incrocio con via Tuliero all'altezza del civico 144. Si prosegue su via Tuliero in direzione Sud verso Sarna, comprendendo il foglio di mappa 220. Si arriva in via Sarna e la si percorre in direzione Brisighella fino al confine amministrativo di Brisighella. Ad Ovest ci si raccorda alla via Pian di Vicchio e si prosegue fino all'incrocio con la Strada provinciale Carla per proseguire tenendo il crinale superiore denominato «Sentiero di Monte Gebolo», per arrivare alla localita' Ca' Raggio, nei pressi del Lago aziendale dove si prosegue per la localita' Casa Ergazzina, poi in direzione Sud-Ovest in via Bicocca e di qui a seguire fino all'innesto con la provinciale Faentina. Si prosegue in direzione Modigliana fino all'incrocio con via Ceparano che segna il confine Sud. Si percorre tutta la via Ceparano, che rappresenta il confine Sud-Est fino all'innesto con via Albonello in corrispondenza dei Poderi Padernone, Paterna e Laguna. Da via Albonello, attraverso il Rio Albonello, ci si raccorda a via Gabellotta e da questa si prosegue in direzione Nord su via Pietramora. Il confine a Est parte da via Uccellina che si raccorda a via Canovetta e prosegue su via Samoggia fino a via Sandrona e poi continua fino all'innesto con via Pietramora, nei pressi dell'incrocio con via Albonello.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Marzeno, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Marzeno | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | |Marzeno riserva| 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Marzeno | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Marzeno riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Marzeno, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Marzeno:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Marzeno riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1 La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna Sangiovese» Marzeno riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 9

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «ORIOLO»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Oriolo» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
2.1. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Oriolo, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Oriolo, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata:
comune di Faenza: dall'incrocio della via S. Lucia con la s.s. 9 via Emilia, si prosegue per tale Statale sino ad incontrare la via del Braldo in localita' Villanova; indi per detta via sino al confine amministrativo del comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole, che si segue fino al confine tra le province di Ravenna e Forli-Cesena. Si prende quindi per via Urbiano, via Samoggia e via S. Lucia per ricongiungersi con la s.s. 9 via Emilia a Faenza.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Oriolo, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Oriolo | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | |Oriolo riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» Oriolo le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Oriolo | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Oriolo riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Oriolo, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Oriolo:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Oriolo riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Oriolo riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 10

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA
AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «PREDAPPIO»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Predappio» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Predappio, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Predappio, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: comprende tutto il territorio del comune di Predappio. Ad esso vanno aggiunte porzioni dei comuni limitrofi di Forli', Meldola, Civitella di Romagna e Galeata.
Tale territorio e' cosi' identificato: all'estremita' settentrionale la zona e' delimitata dal confine col comune di Castrocaro Terme e Terra del Sole fino all'imbocco di via Tomba, e dalle vie Tomba, del Tesoro, Castel Latino, del Partigiano fino a viale dell'Appennino (s.p. 3 del Rabbi, ex s.s. 9-ter). La fascia aggiuntiva rispetto al territorio comunale di Predappio risulta in seguito delimitata da via Monda (imboccata in localita' San Martino in Strada) e dalla s.p. 4 - ex s.s. 310 (detta Bidentina).
Raggiunto il comprensorio di Meldola, seguendo il percorso del fiume Bidente, passando per San Colombano e raggiungendo la localita' Gualdo, il territorio della sottozona di Predappio si espande fra la s.p. 4, la Strada delle Villette fino a raggiungere la Chiesa di Badia S. Paolo in Aquilano. Si imbocca poi la Strada Vicinale Prati - Tomba fino a raggiungere la s.p. 68 (Cusercoli-Voltre) fino all'intersezione con il torrente Sarsina (confine naturale). Da qui si sale poi verso il Podere Canova-Sasina per immettersi nella strada che porta da un lato a Bonalda e dall'altro a Monte Aglio. Da Monte Aglio si scende fino ad arrivare all'incrocio con la s.p. 4. Girando a sinistra si segue la s.p. 4 per Nespoli, si raggiunge Civitella di Romagna fino a Galeata e proseguendo, oltre la localita' Pianetto, fino al confine con il comune di Santa Sofia.
La linea prosegue identificandosi con il confine fra il territorio comunale di Galeata e quelli - da un lato - di Santa Sofia e Premilcuore (lungo il crinale che congiunge i monti Calcinari e Altaccio) e - dall'altro, al di la' dell'intersezione con la s.p. 3 del Rabbi - di Rocca San Casciano. Il tutto sino ad intersecare la linea del confine comunale di Predappio.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Predappio, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Predappio, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Predappio | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Predappio | | | | riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» Predappio le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna Sangiovese» Predappio, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Predappio | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Predappio riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Predappio non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Predappio riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Predappio, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Predappio, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Predappio, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Predappio:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Predappio riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Predappio riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 12

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA
AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «SERRA»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «Serra» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese Serra, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) Serra, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: dall'incrocio, a Castel Bolognese, tra la s.s. 9 via Emilia e la s.s. 306 via Casolana, si segue quest'ultima sino ad incontrare via Kennedy; indi per via Ghinotta fino ad incrociare via Biancanigo che si percorre sino a via Boccaccio; per quest'ultima sino al Fiume Senio che si segue finche' non si incontra il confine amministrativo tra i comuni di Riolo Terme e Brisighella. Si prosegue su tale confine sino all'incrocio con via Tomba; indi per via Pediano, via Chiesa di Pediano, via Bergullo e via dei Colli sino alla s.s. 9 via Emilia che si percorre fino a ritornare all'incrocio, all'ingresso di Castel Bolognese, con la s.s. 306 via Casolana.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese Serra, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese Serra, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Serra | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | | Sangiovese | | | | Serra riserva | 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» Serra le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna Sangiovese» Serra, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Serra | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| Serra riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Serra non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese Serra riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese Serra, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese Serra, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese Serra, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese Serra:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese Serra riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese Serra riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

Allegato 11

DISCIPLINARE MENZIONE GEOGRAFICA
AGGIUNTIVA (SOTTOZONA) «SAN VICINIO»
Art. 1.
Denominazione e vini

1.1. La menzione geografica aggiuntiva (sottozona) «San Vicinio» e' riservata ai vini a denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese, anche riserva, prodotti nell'area di cui al successivo art. 3.
1.2. Per quanto non espressamente previsto in questo allegato si applicano le norme stabilite dal presente disciplinare di produzione.

Art. 2.
Base ampelografica

2.1. La denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese San Vicinio, anche riserva, e' riservata ai vini derivanti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
Sangiovese (anche riserva):
Sangiovese: minimo il 95%;
possono concorre altri vitigni a bacca nera, idonei alla coltivazione per la regione Emilia-Romagna, fino ad un massimo del 5%.

Art. 3.
Zona di produzione delle uve

3.1. La zona di produzione delle uve destinate alla produzione dei vini a Denominazione di origine controllata «Romagna» Sangiovese con la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) San Vicinio, anche con la menzione riserva, comprende l'area di seguito delimitata: comprende l'intero territorio amministrativo dei comuni di Mercato Saraceno e Sarsina ed i territori dei comuni di Roncofreddo, Sogliano al Rubicone e Cesena cosi' rispettivamente delimitati: in comune di Roncofreddo dal confine comunale con il comune di Cesena lungo la s.p. 138 fino al confine comunale con il comune di Sogliano al Rubicone, si risale il torrente Ansa per via Ansa ed al suo termine si prosegue fino ad incontrare l'abitato di Montecodruzzo; da Montecodruzzo si procede per via Garampa in Monteaguzzo fino al confine di comune con il comune di Cesena, seguendo verso valle detto confine si ritorna sulla s.p. 138 al confine del comune con il comune di Cesena.
Inoltre la porzione del territorio del comune di Roncofreddo compreso fra l'incrocio del confine del comune di Roncofreddo con la s.p. 75, lungo questa fino all'incrocio con la via Garampa; in Monteaguzzo e per questa fino all'incrocio con il confine del comune di Cesena lungo la via Garampa indi si discende seguendo detto confine fino alla s.p. 75.
In comune di Sogliano al Rubicone dal confine del comune di Roncofreddo lungo la s.p. 138 fino al confine di comune con il comune di Mercato Saraceno in localita' Cella; indi si prosegue per detto confine di comune fino ad incrociare la via Paderno, si prosegue per via Paderno, indi da Case il Pianetto lungo il confine comunale si risale fino ad incrociare via Palareto in localita' Case Monte; indi per il confine comunale fino all'incrocio con la s.p. 11 via Barbotto, che si percorre attraverso gli abitati di Rontagnano e Montegelli fino alla localita' Ca' di Quagliotto, indi lungo il confine comunale si discende lungo il torrente Ansa e la via Ansa fino all'incrocio di questa con la s.p. 138 in corrispondenza del confine con il comune di Roncofreddo.
In comune di Cesena dall'incrocio della s.p. 138 con la s.p. 75 indi per questa si risale fino al confine di comune con il comune di Roncofreddo; per detto confine si prosegue fino ad incrociare la via Garampa in Monteaguzzo e per questa si prosegue fino ad incontrare nuovamente il confine con il comune di Roncofreddo e lungo questo si discende a valle fino all'incrocio con la s.p. 138 nei pressi del cimitero di Gualdo; indi per la s.p. 131 si prosegue fino all'incrocio con la s.p. 75 ed inoltre, in comune di Cesena, dall'imbocco della s.p. 48 in Borello si prosegue per detta s.p. attraverso l'abitato di Luzzena, fino alla localita' Montecavallo, indi per via Casalbono si raggiunge localita' Il Palazzo, indi la frazione S. Matteo ove si imbocca la s.p. 78 che si segue fino al confine del comune di Cesena con il comune di Sarsina.

Art. 4.
Norme per la viticoltura

4.1. Per i vigneti di nuovo impianto atti a produrre uve per la DOC «Romagna» Sangiovese San Vicinio, anche riserva, la densita' minima di piante non dovra' essere inferiore a 4.000 ceppi per ettaro.
4.2. La produzione massima di uva ad ettaro dei vigneti in coltura specializzata e la gradazione minima naturale per la produzione del vino a Denominazione di origine controllata, «Romagna» Sangiovese San Vicinio, sono le seguenti:

===================================================================== | | | Titolo alcolometrico | | | Produzione massima (t) | vol. naturale minimo | +===============+=========================+=========================+ | «Romagna» | | | |Sangiovese San | | | | Vicinio | 9 | 12,5% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+ | «Romagna» | | | |Sangiovese San | | | |Vicinio riserva| 8 | 13% vol. | +---------------+-------------------------+-------------------------+

Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro nella coltura promiscua deve essere calcolata in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.

Art. 5.
Norme per la vinificazione

5.1. Per il vino DOC «Romagna Sangiovese» San Vicinio le operazioni di vinificazione devono avvenire nel territorio delimitato all'art. 3 del presente allegato. Tuttavia, limitatamente ai produttori delle uve in forma singola od associata (cantine sociali), le predette operazioni di vinificazione possono essere effettuate nell'intero territorio delle province di Bologna, Ravenna, Forli-Cesena e Rimini.
5.2. Le operazioni di imbottigliamento dei vini DOC «Romagna Sangiovese» San Vicinio, anche riserva, devono essere effettuate nell'ambito della zona di vinificazione di cui al precedente comma 5.1.
5.3. La resa massima dell'uva in vino, e la produzione massima di vino per ettaro sono le seguenti:

=================================================================
| | | Produzione massima |
| |Resa uva/vino (%)| (l/ha) |
+=====================+=================+=======================+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| San Vicinio | 65 | 5850 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+
|«Romagna» Sangiovese | | |
| San Vicinio riserva | 65 | 5200 |
+---------------------+-----------------+-----------------------+

5.4. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese San Vicinio non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre dell'anno successivo a quello di raccolta delle uve.
5.5. Il vino DOC «Romagna» Sangiovese San Vicinio riserva non puo' essere immesso al consumo in data anteriore al 1° settembre del terzo anno successivo all'anno di raccolta delle uve ed inoltre e' obbligatorio documentare l'affinamento in bottiglia di almeno sei mesi; la sua idoneita' chimico fisica ed organolettica non potra' essere valutata prima del 1° febbraio del terzo anno successivo alla raccolta delle uve.
5.6. Per il vino DOC «Romagna» Sangiovese San Vicinio, anche riserva, e' consentito l'utilizzo di contenitori in legno nelle fasi di vinificazione, conservazione e affinamento.
5.7. Nel vino DOC «Romagna» Sangiovese San Vicinio, anche riserva, e' vietata qualunque forma di arricchimento.
5.8. Fatto salvo quanto previsto ai commi 5.6 e 5.7 sopra indicati, per la vinificazione e l'elaborazione del vino DOC «Romagna» Sangiovese San Vicinio, anche riserva, sono consentite tutte le pratiche enologiche ammesse dalla normativa vigente all'atto della produzione dei vini medesimi.

Art. 6.
Caratteristiche al consumo

6.1. I vini di cui all'art. 1, all'atto dell'immissione al consumo, devono rispondere alle seguenti:
«Romagna» Sangiovese San Vicinio:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
«Romagna» Sangiovese San Vicinio riserva:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: vinoso, intenso, caratteristico;
sapore: secco, pieno, armonico, leggermente tannico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol.;
zuccheri riduttori residui: massimo 4 g/l;
acidita' totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l.

Art. 7.
Designazione e presentazione

7.1. La specificazione riserva e la menzione geografica aggiuntiva (sottozona) devono figurare in etichetta in caratteri di dimensioni non superiori a quelli utilizzati per la DOC «Romagna».

Art. 8.
Confezionamento

8.1. Per il vino «Romagna» Sangiovese San Vicinio riserva, la chiusura dei contenitori puo' essere effettuata unicamente con tappi di sughero naturale monoblocco.

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |