Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Negroamaro di Terra d'Otranto Doc

Loading

Blog

 

Negroamaro di Terra d'Otranto Doc

12.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  "NEGROAMARO DI TERRA D'OTRANTO"


Approvato con DM 04.10.2011 GU n. 245 - 20.10.2011
Modificato con DM 30.11.2011 GU n. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto" è riservata ai vini che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione per le
seguenti tipologie:
Rosso, anche Riserva;
Rosato, anche Spumante e Frizzante.


Articolo 2
Base ampelografia
La denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosso, anche Riserva,
è riservata ai vini ottenuti dalla vinificazione delle uve provenienti da vigneti composti in ambito
aziendale dal medesimo vitigno Negroamaro per almeno il 90%;
possono concorrere alla produzione di detti vini, da sole o congiuntamente, anche le uve di altri
vitigni a bacca nera non aromatiche, idonei alla coltivazione nella regione Puglia, per la zona di
produzione omogenea "Salento - Arco Jonico – Salentino", presenti in ambito aziendale, nella
misura massima del 10%.
La denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosato, anche nella
tipologia Spumante e Frizzante è riservata ai vini ottenuti dalla vinificazione delle uve, provenienti
da vigneti composti in ambito aziendale dal medesimo vitigno Negroamaro per almeno il 90%;
possono concorrere alla produzione di detti vini, da sole o congiuntamente, anche le uve di altri
vitigni a bacca nera non aromatiche, idonee alla coltivazione nella regione Puglia, per la zona di
produzione omogenea "Salento - Arco Jonico – Salentino", presenti in ambito aziendale, nella
misura massima del 10 %.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini a denominazione di origine
controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto" comprende l'intero territorio amministrativo delle
province di Brindisi, Lecce e Taranto.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a
denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto" devono essere quelle
tradizionali delle zone di produzione e, comunque, atte a conferire alle uve ed ai vini derivati le
specifiche caratteristiche di qualità.
I sesti di impianto, le forme di allevamento e i sistemi di potatura consentiti sono quelli
generalmente usate nella zona. In particolare le forme di allevamento ammesse sono l'alberello e le
spalliere tenute a guyot e a cordone speronato e dovranno garantire al capo a frutto un'altezza dal
suolo non superiore ad un metro. Non sono ammesse forme espanse (es. pergola, tendone).
La densità di impianto per i nuovi vigneti e per i reimpianti non potrà essere inferiore a 4.000
ceppi per ettaro in coltura specializzata.
E' vietata ogni pratica di forzatura.
E' prevista l'irrigazione di soccorso. Le rese massime di uva ad ettaro di vigneto in coltura
specializzata per la produzione dei vini di cui all'Articolo 1 ed i titoli alcolometrici volumici minimi
naturali delle relative uve destinate alla vinificazione devono essere rispettivamente le seguenti:
vini resa uve
t/ha
titolo alcolometrico volumico
naturale minimo %Vol
Rosso 11,0 11,50
Rosato, anche Spumante e Frizzante 11,0 11,50
Rosso Riserva 11,0 12,00
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, i quantitativi di uva da destinare alla
produzione di vini a denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto" dovrà
essere riportata attraverso un'accurata cernita delle uve nei limiti di cui sopra, purché la produzione
globale non superi del 20% i limiti massimi stabiliti, fermo restando i limiti di resa uva/vino per i
quantitativi del presente disciplinare di produzione.
La regione Puglia, con proprio decreto, sentita la filiera vitivinicola interessata, può stabilire di
ridurre i quantitativi di uva per ettaro rivendicabile rispetto a quelli sopra fissati, dandone
comunicazione immediata al Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione ivi compreso l'invecchiamento e l'imbottigliamento, devono essere
effettuate nell'interno della zona di produzione di cui al precedente Articolo 3.
Conformemente all'articolo 8 del Reg. CE n. 607/2009, l'imbottigliamento o il condizionamento
deve aver luogo nella predetta zona geografica delimitata per salvaguardare la qualità o la
reputazione o garantire l'origine o assicurare l'efficacia dei controlli; inoltre, a salvaguardia dei
diritti precostituiti dei soggetti che tradizionalmente hanno effettuato l'imbottigliamento al di fuori
dell'area di produzione delimitata, sono previste autorizzazioni individuali alle condizioni di cui
all'articolo 10, comma 3 e 4 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1).
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire
ai vini le loro peculiari caratteristiche, pur tenendo opportunamente conto degli aggiornamenti della
ricerca e della tecnologia.
La resa massima dell'uva in vino finito per le tipologie Rosso e Rosso Riserva non deve essere
superiore al 70%.
Qualora tale resa superi il limite sopra riportato, ma non oltre il 75%, l'eccedenza non ha diritto
alla denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto", ma potrà essere
destinata, qualora sussistono i requisiti alla produzione di vini a indicazione geografica nell'ambito
geografico delimitato entro i limiti previsti dalla normativa vigente.
La resa massima dell'uva in vino per il tipo rosato non deve essere superiore al 50%. Il vino
residuo fino alla resa massima del 75%, non ha diritto alla denominazione di origine controllata, ma
potrà essere destinata, qualora sussistono i requisiti alla produzione di vini a indicazione geografica
protetta nell'ambito geografico delimitato entro i limiti previsti della normativa vigente.
Oltre il 75% decade il diritto alla denominazione di origine controllata per tutte le tipologie.
Per la trasformazione delle uve destinate alla produzione del vino denominazione di origine
controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto", Rosato deve attuarsi il tradizionale metodo di
vinificazione.
I vini a denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra d'Otranto", ottenuti da uve
che assicurino un titolo alcolometrico volumico naturale, minimo di 12,00%, dopo almeno due anni
di invecchiamento, a partire dal 1° dicembre dell'anno della vendemmia, possono riportare in
etichetta la menzione "Riserva".
I vini a denominazione di origine controllata denominazione di origine controllata "Negroamaro
di Terra d'Otranto", Rosso e Rosato possono essere immessi al consumo non prima del 1° gennaio
dell'anno successivo alla raccolta delle uve.
Per tutte le tipologie è consentito l'appassimento delle uve sulla pianta oppure su stuoie o in
cassette, anche in fruttaio in condizioni di temperatura, umidità e ventilazione controllate.
E' consentito l'arricchimento, nei limiti stabiliti dalle norme comunitarie e nazionali, con mosti
concentrati ottenuti da uve dei vigneti iscritti allo Schedario viticolo della stessa denominazione di
origine controllata oppure con mosto concentrato rettificato o a mezzo di concentrazione a freddo o
altre tecnologie consentite.
E' inoltre consentita la dolcificazione secondo la vigente normativa comunitaria e nazionale.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini di cui all'articolo 1, all'atto dell'immissione al consumo devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
"Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosso:
colore: rosso rubino più o meno intenso con eventuali riflessi tendenti al granato con
l'invecchiamento;
odore: gradevole, intenso;
sapore: pieno, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 1 2,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;
zuccheri riduttori residui: massimo 10,0 g/l.
"Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosato:
colore: rosato più o meno intenso;
odore: delicato, fruttato;
sapore: pieno,armonico, vivace;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non ridutttore minimo: 20,0 g/l;
zuccheri riduttori residui: massimo 10,0 g/l.
"Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosato Spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: rosato più o meno intenso;
odore: delicato, fruttato;
sapore: fresco, armonico, da extrabrut a extradry;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 1 1,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non ridutttore minimo: 15,0 g/l.
"Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosato Frizzante:
spuma: fine ed evanescente;
colore: rosato più o meno intenso;
odore: delicato, fruttato;
sapore: da secco ad amabile, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 ,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non ridutttore minimo: 15,0 g/l;
zuccheri riduttori residui: massimo 10,0 g/l.
"Negroamaro di Terra d'Otranto" Rosso Riserva:
colore: rosso rubino più o meno intenso con eventuali riflessi tendenti al granato con
l'invecchiamento
odore: gradevole, intenso
sapore: pieno, armonico
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l ;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l;
zuccheri riduttori residui: massimo 10, g/l.
È in facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, modificare con proprio
decreto i limiti minimi sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore minimo.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Ai vini di cui all'Articolo 1, è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa
da quelle previste nel presente disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi "extra", "fine",
"scelto", "selezionato" e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali,
marchi privati non aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno i consumatori.
Nella designazione dei vini a denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra
d'Otranto" di cui all'art.1 può essere utilizzata la menzione "vigna" a condizione che sia seguita dal
relativo toponimo o nome tradizionale, che la vinificazione e la conservazione del vino avvengano
in recipienti separati e che tale menzione, seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale, venga
riportata sia nella denuncia delle uve, sia nei registri e nei documenti di accompagnamento e che
figuri nell'apposito elenco regionale ai sensi dell'art. 6 comma 8, del decreto legislativo n. 61/2010.
Le indicazioni tendenti a specificare l'attività agricola dell'imbottigliatore quali: viticoltore,
masseria, tenuta, podere, ed altri termini similari, sono consentite dalle norme comunitarie e
nazionali in materia, oltre alle menzioni tradizionali, del modo di elaborazione e altre, purché
pertinenti ai vini di cui all'Articolo 1.
Le menzioni facoltative esclusi i marchi e i nomi aziendali possono essere riportate
nell'etichettatura soltanto in caratteri tipografici non più grandi o evidenti di quelli utilizzati per la
denominazione di origine del vino, salve le norme generali più restrittive.
Tutte le specificazioni aggiuntive della denominazione di origine controllata "Negroamaro di
Terra d'Otranto debbono essere indicate in etichetta con caratteri grafici di dimensione non
superiori a quelli usati per indicare la denominazione di origine stessa.
Nell'etichettatura dei vini a denominazione di origine controllata "Negroamaro di Terra
d'Otranto" l'indicazione dell'annata di produzione delle uve è obbligatoria ad esclusione delle
tipologie Spumante e Frizzante.


Articolo 8
Confezionamento
I vini di cui all'Articolo 1, possono essere confezionati nei seguenti tipi di contenitori:
bottiglie di vetro con capacità da litri 0,250 a litri 18, ad esclusione di dame e damigiane;
I sistemi di chiusura consentiti, per le tipologie Rosso e Rosato, sono i seguenti:
-tappo di sughero raso bocca
-tappo in polimero sintetico raso bocca
-tappo a vite per i recipienti di capacità non superiore a litri 1,5.
Per la tipologia Riserva è consentita la sola chiusura con tappo di sughero raso bocca.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1. Fattori naturali rilevanti
Il territorio in cui ricade l'areale di produzione della D.O.C. "Negroamaro di Terra d'Otranto" è
essenzialmente caratterizzato da due tipologie di paesaggio: l'Arco Jonico e la penisola Salentina.
Il toponimo Terra d'Otranto fu attribuito fin dal Medioevo all'insieme delle province di Lecce,
Brindisi e Taranto: un'area omogenea fisicamente e culturalmente, che tuttavia nel corso di
travagliate vicende storiche ha espresso fasi di unitarietà.
La morfologia dell'Arco Jonico deriva dai frequenti e brevi cicli sedimentari trasgressivo
regressivi che hanno interessato l'area sin dal Pliocene medio, conferendo al paesaggio il tipico
aspetto a "gradinata" costituito, appunto, da una serie di scarpate che progressivamente degradano
verso la linea di costa, lungo la quale è possibile osservare un sistema di dune cui sono associate
estese depressioni retrodunali. Il clima è di tipo mediterraneo con inverni abbastanza
miti(temperatura minima media 6-7°C)ed estati calde(temperatura massima media 25-26°C). La
piovosità si attesta attorno ai 650 mm di pioggia annui concentrati prevalentemente nel periodo
invernale.
La Penisola salentina si presenta come un territorio alquanto complesso in cui si alternano
superfici subpianeggianti (nelle aree localizzate tra Lecce e Brindisi) a rilievi calcarei (serre
salentine). Le serre presenti nella porzione più a sud sono caratterizzate da rilievi calcarei o
calcareo-dolomitici stretti ed allungati che si interrompono qua e là in solchi erosivi pianeggianti.
La penisola salentina, essendo protesa al mare, è caratterizzata da un clima più umido rispetto al
resto della Puglia, dove invece la presenza dell'Appennino riduce l'apporto di umidità dei venti
provenienti da ovest. L'umidità non si traduce in precipitazioni, comunque più cospicue rispetto alla
Puglia settentrionale, ma determina una più netta alterazione della temperatura percepita: le stagioni
estive, soprattutto nelle aree più meridionali, sono particolarmente afose, mentre le stagioni
invernali, sia pure molto miti e abbondantemente al di sopra dello zero anche nei periodi più freddi,
appaiono gelide soprattutto in presenza di vento.
In tutto il territorio della D.O.C. l'uso del suolo è mosaicato con vigneti alternati a seminativi ed
oliveti radi. Un'analisi più dettagliata dei suoli porta a considerare che nella parte occidentale
dell'area di produzione predominano i suoli franco-argillosi profondi che diventano sabbiosi e
sottili scendendo lungo la zona costiera permettendo quindi solo un ridotto approfondimento
radicale. I Comuni della Provincia di Brindisi, sono per lo più caratterizzati da suoli franco sabbiosi
argillosi, con media tessitura e buon drenaggio, leggermente asfittici nella fascia che interessa la
parte occidentale di Oria e il Comune di Torre S.Susanna. Erchie ha un territorio con suoli
tendenzialmente sottili che garantiscono buon drenaggio e disponibilità di ossigeno. Guardando alla
fascia costiera si nota la netta prevalenza di suoli franco argillosi o franco sabbiosi molto sottili con
substrato entro i 25-50 cm, quindi assolutamente poco adatti all'approfondimento radicale oltre i 50
cm. Man mano che ci si sposta verso l'interno i terreni diventano tendenzialmente più profondi, non
presentando quindi particolari limitazioni d'uso, se non, in casi sporadici, problemi di drenaggio e
conseguentemente asfissia radicale.
Sulla base delle caratteristiche podologiche non esistono particolari fattori limitanti alla
coltivazione della vite anzi l'intero areale ed i suoi terreni sono considerati estremamente vocati ad
una viticoltura di elevata qualità. Considerando il territorio essenzialmente pianeggiante e
notevolmente omogeneo dal punto di vista climatico, non esistono e conseguentemente non sono
riportate nel disciplinare di produzione particolari requisiti ed indicazioni sull'attitudine,
esposizione e giacitura dei vigneti.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per
consolidata tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino "Negroamaro di Terra d'Otranto".
Il Negromaro é di remota introduzione, le coltivazioni dell'area meridionale della Puglia infatti,
sin dal VI secolo a.C., erano caratterizzate quasi unicamente da questo vitigno. Questo vitigno trova
infatti il suo principale bacino viticolo nelle provincie di Brindisi e Lecce dove oggi rappresenta
circa il 72% della superficie vitata.
I vitigni idonei alla produzione del vino in questione sono quelli tradizionalmente coltivati
nell'area di produzione. Le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura che,
anche per i nuovi impianti, sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale
disposizione sulla superficie delle viti, sia per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia
per consentire la razionale gestione della chioma. le pratiche relative all'elaborazione dei vini sono
quelle tradizionalmente consolidate in zona per la vinificazione.
Due sono le forme di allevamento dei vigneti della DOC "Negroamaro di Terra d'Otranto" più
utilizzati:
a. Alberello pugliese; Si tratta di un sistema di allevamento più anticamente diffuso nell'Italia
meridionale e insulare e largamente diffuso anche in altre regioni a clima caldo-arido. È concepito
per sviluppare una vegetazione di taglia ridotta allo scopo di adattare la produttività del vigneto alle
condizioni sfavorevoli della scarsa piovosità del sud Italia. Il sesto d'impianto tradizionale va da
1,60 -1,80 m tra le file a 1,00 – 1,10 m. su la fila. La maggior parte dei vigneti allevati ad alberello
hanno in media più di trent'anni, infatti questa forma di allevamento è sempre meno utilizzata nei
nuovi impianti di vigneto.
b. Spalliera; Nell'ultimo ventennio l'allevamento a spalliera in termini di estensione ha
soppiantato quello ad alberello infatti l'alberello pugliese rappresenta massimo del 20 % della
superficie quando invece fino a gli anni 80' rappresentava il 90% della superficie.
Il sesto d'impianto utilizzando nella spalliera va da 2.00 -2,20 m tra le file a 0,80 – 1,20 m. su
la fila con una densità d'impianto che varia da un minimo di 3.800 piante per ettaro fino ad un
massimo di 6.250 piante per ettaro, questo sesto d'impianto ha permesso una maggiore
meccanizzazione della coltura con un notevole sgravio sui costi della manodopera. Nella spalliera si
utilizzano sistemi di potatura corta come il cordone speronato, guyot e ecc.
L'intero territorio è disseminato di testimonianze e reperti di quell'epoca che documentano la
presenza della vite e l'eccellente qualità dei vini ottenuti.
La coltivazione era praticata ancora prima dell'insediamento dei Fenici (2000 a.C). Nuovi
vitigni e tecniche di coltivazione, si svilupparono ulteriormente con l'arrivo dei coloni greci.
L'occupazione romana trovò vini eccellenti; anche in seguito alla caduta dell'Impero romano, lo
sviluppo viticolo della regione non si arrestò, ed ebbe con Federico II (XII sec.) la diffusione di
nuovi vitigni; nel '600 diventò la cantina d'Europa; erano i tempi della Compagnia delle Indie che
fece base a Brindisi.
Buone testimonianze enologiche e viticole non mancano nelle epoche successive, ma sempre
l'attività svolta intorno alla vigna interessa la piccolissima proprietà contadina ed in particolare la
colonia e la mezzadria, che trovano in questa coltura occasione di lavoro per tutta la famiglia;
attorno alla vigna ci saranno sempre piante fruttifere d'ogni sorta, attraverso cui il sostentamento
sarà assicurato quasi in regime autarchico, garantendo preziose riserve di prodotti da barattare. La
vigna stessa è concepita con differenti specie che potessero arrivare a maturazione in periodi
differenti ed anche per avere qualità diversificate. Il modello plurivarietale si affermerà nelle
antiche vigne antiche anticipando il recente sistema di blend atto a migliorare o ammorbidire le
asperità monovarietali. Con le moderne metodologie del dopo fillossera questo modello sarà
abbandonato e si preferirà il monovitigno intensivo. I primi scambi commerciali, preferenziali per
ragioni di dominazione, raggiungeranno Napoli e, subito dopo l'Unità d'Italia, il mercato
settentrionale; molti mediatori del nord faranno carico di vini pugliesi; infine i francesi, diverranno i
maggiori compratori. Sul finire dell'800 la Puglia diverrà la principale esportatrice di vini d'Italia.
Nella metà dell'ottocento sorsero moderni impianti per la pigiatura delle uve e la vinificazione in
prossimità della ferrovia per agevolare gli scambi commerciali.
Come riferito dal Falcone (2010), importanti fonti documentali si ritrovano nell'archivio storico
della Direzione Generale dell'Agricoltura riguardanti gli inizi del secolo, in particolare su
documentazione relativa alle cantine Sociali di Galatina, Gallipoli e Manduria, per una realzione
tecnica della Regia Prefettura di Terra D'Otranto, sulla condizione della viticoltura indirizzata
all'On. Ministro. In questo periodo e per le particolari condizioni si richiedeva un incremento della
coltivazione della vite e ciò si imponeva a causa della forte richiesta di vini da taglio da parte delle
regioni settentrionali costrette a rimediare alla crisi produttiva anche francese causata dalla
fillossera. Aglianico, Aleatico, Fiano, Verdeca, Greco, Primitivo, Negroamaro sono i vitigni più
rinomati della zona ma bisogna ricordare anche una notevole quantità di altri vitigni a bacca bianca
e nera, coltivati da sempre in tutta l'area molto spesso conosciuti solo con nomi locali, che hanno
sostenuto per tanto tempo un ruolo importante nella viticoltura locale.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le
tipologie, mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui
alla lettera B).
L'orografia del territorio di produzione e l'esposizione prevalente dei vigneti, e localizzati in
zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono a determinare un ambiente
adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole all'espletamento di tutte le funzioni vegetoproduttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti
ad una viticoltura di qualità.
La millenaria storia vitivinicola della regione, dalla Magna Grecia, al medioevo, fino ai giorni
nostri, attestata da numerosi documenti, è la fondamentale prova della stretta connessione ed
interazione esistente tra i fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche del vino
"Negroamaro di Terra d'Otranto"; ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel
particolare territorio abbia, nel corso dei secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione
della vite ed enologiche, le quali nell'epoca moderna e contemporanea sono state migliorate ed
affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico e tecnologico, fino ad ottenere gli attuali
rinomati vini.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Lecce
V.le Gallipoli, 39
73100 - Lecce
La C.C.I.A.A. di Lecce è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per
i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica
ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |