Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Nebbiolo d'Alba Doc

Loading

Blog

 

Nebbiolo d'Alba Doc

12.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA "NEBBIOLO D'ALBA"


Approvato DPR 27.05.1970 GU 228 - 09.09.1970
Modificato DM 03.06.1985 GU 152 - 29.6.1985
Modificato DPR 13.11.1985 GU 146 - 26.06.86
Modificato DM 25.03.2010 GU 85-13.04.2010
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
1. La denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" é riservata ai vini che rispondono
alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione, per le seguenti
tipologie o menzioni:
- "Nebbiolo d'Alba"
- "Nebbiolo d'Alba" Superiore
- "Nebbiolo d'Alba" Spumante
- "Nebbiolo d'Alba" Spumante Rosè.


Articolo 2
Base ampelografia
1. La denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" è riservata ai vini ottenuti dalle uve
provenienti dai vigneti aventi la seguente composizione ampelografica:
vitigno Nebbiolo.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
1. Le uve destinate alla produzione del vino a denominazione di origine "Nebbiolo d'Alba" devono
essere prodotte nella zona di origine costituita dall'intero territorio dei comuni di: Canale,
Castellinaldo, Corneliano d'Alba, Monticello d'Alba, Piobesi d'Alba, Priocca, S. Vittoria d'Alba,
Vezza d'Alba, Sinio e Govone e da parte di quello dei comuni di Alba, Bra, Baldissero d'Alba,
Castagnito, Diano d'Alba, Grinzane Cavour, Guarene, La Morra, Magliano Alfieri, Monchiero,
Monforte d'Alba, Montà, Montaldo Roero, Montelupo Albese, Monteu Roero, Novello, Pocapaglia,
Roddi, Roddino, S. Stefano Roero, Sommariva Perno e Verduno, in provincia di Cuneo.
Tale zona è così delimitata:
partendo dal km 19 della s.s. n. 231 si segue interamente verso sud–est il confine comunale di
Govone che si identifica dopo un breve tratto col confine provinciale Cuneo–Asti che percorre
prima in direzione nord e poi ovest sino al bivio della frazione Gianoli in comune di Monta d'Alba.
Si immette quindi sulla strada provinciale per casc. Sterlotti in direzione sud e attraversata la
frazione S. Vito raggiunge la strada statale del Colle di Cadibona (strada statale n. 29).
La delimitazione coincide per breve tratto verso sud-est, con detta strada statale fino al ponte sul rio
Rollandi, poi, seguendo la corrente, giunge alla confluenza dei rio Rollandi con il rio Prasanino.
Risale il rio Prasanino, tocca quota 303 e successivamente quota 310; da dove verso sud-est segue
la strada provinciale verso Madonna delle Grazie toccando le quote 315, 316, 335, casc. Perona,
Carle; indi percorre a nord e poi ovest la carreggiabile dei rio Campetto che segue sino
all'intersezione con la provinciale Valle San Lorenzo - S. Stefano Roero a quota 313.
Risale lungo tale strada verso sud-est per S. Stefano Roero sino a incontrare la carreggiabile per C.
Baggioni e all'incrocio segue in direzione opposta e cioè a sud-ovest la strada che attraversata C.na
Molli (quota 376) raggiunge rio Prella, risale tale corso d'acqua fino all'altezza della carrareccia per
Furinetti e lungo questa verso sud raggiunge Furinetti da dove verso ovest segue la carrareccia fino
a Novarino per seguire poi verso sud la strada che superato Ami raggiunge in prossimità del km 9,
100 la provinciale dei Roeri (quota 336).
Da quota 336 prosegue verso sud-est sulla strada per la valle Serraniana fino alla quota 360 dove
prosegue verso ovest sulla strada per Valle Canemorto discendendola poi verso sud sino a
incrociare alla quota 362 la strada per Baldissero d'Alba che segue fino all'altezza della quota 410
all'inizio dei centro abitato.
Dalla strada la delimitazione prosegue verso sud-ovest lungo il crinale toccando le quote 402 e 394
per raggiungere il confine comunale tra Baldissero e Sommariva Perno a quota 417 e lungo questi
verso sud raggiunge la quota 402.
Da quota 402 segue il crinale verso ovest e raggiunge Villa di Sommariva da dove percorre, in
direzione nord-ovest, la strada in uscita fino al km 1, segue quindi una retta immaginaria verso sud
ovest che attraversa le Bocche dei Garbini e raggiunge quota 429 sul confine comunale tra
Pocapaglia e Sommariva Perno.
Da quota 429 segue una retta verso sud e raggiunge quota 408 per proseguire poi in direzione ovest
e quindi sud lungo il crinale della Bocca di Ghia fino a raggiungere l'oratorio di S. Sebastiano
(quota 391) sulla strada per Pocapaglia da dove segue in direzione ovest una linea spezzata che
passa per le quote 411, 351 e raggiunge quota 328 sulla strada per Bra, prosegue lungo quest'ultima
verso il centro abitato fino in prossimità dell'Ospedale, dove segue il concentrico a est di Bra
passando per le quote 290 e 280 e raggiunge la ferrovia; prosegue lungo questa verso ovest fino a
incrociare la strada Bra-Cherasco.
Segue tale strada per breve tratto a sud per prendere poi a est la strada degli orti e raggiungere il
canale Pertusata in prossimità della quota 220.
Risale verso nord-est il canale Pertusata fino a raggiungere la s.s. di S. Vittoria (n. 231) in
prossimità dei km 40,700.
Segue la s.s. verso est e a località Fornace (quota 202) prosegue verso sud per il confine comunale
tra S. Vittoria e Bra fino al ponte sul Tanaro.
Risale il corso dei fiume Tanaro fino a Case Bre nei pressi di Presa dalla quale risalendo verso est la
comunale dei Garassini tocca cascina Dabene e poi verso nord C. Ruggeri; proseguendo incontra il
confine comunale di La Morra e Verduno che segue poi verso sud sino a incrociare, in prossimità di
Cogni, la strada provinciale per seguirla verso nord–est fino all'abitato di Verduno.
Dall'abitato di Verduno la delimitazione scende in direzione nord-est lungo la vecchia strada del
Tanaro e fiancheggiando cascina Pradonio, raggiunge a quota 300 la vicinale di Movigliero.
Indi, sempre verso nord-est, percorre la vicinale dei Ronchi che da questo punto ha origine, fino a
incontrare (passando per quota 276), il confine tra Roddi e Verduno.
Segue tale confine verso est e raggiunge quello tra La Morra e Roddi sul quale prosegue, in
direzione sud-est, fino alla località Ciocchino, da Ciocchino la linea di delimitazione segue verso est
la strada vicinale di il Bric (Ambrogio) toccando le quote 248 e 252 fino a incontrare il rio Talloria
di Castiglione.
Risale il rio Talloria di Castiglione in direzione sud-ovest fino a incontrare la strada provinciale
Alba-Barolo in prossimità del bivio per Barolo e per Serralunga.
Da questo punto, segue la provinciale Alba-Barolo in direzione nord verso Alba fino al km 5, ove,
in prossimità di cascina Giuli, imbocca, in direzione sud-est, la strada per cascina Borzone e Giacco
e la segue fino a raggiungere, ai Farinetti, il confine tra i comuni di Grinzane Cavour e Diano
d'Alba.
Segue detto confine verso sud-est fino al torrente Carzello e poi il torrente medesimo sino alla
confluenza con il torrente Talloria di Sinio. Risale quindi il Talloria per tutto il tratto che questo
percorre in territorio di Diano d'Alba e poi nel successivo che fa da confine tra il comune di
Serralunga e i comuni di Montelupo e di Sinio.
Prosegue quindi verso sud lungo quest'ultimo confine e poi lungo quello di Serralunga con
Roddino, fino a incontrare, a quota 297 in prossimità di cascina Pian Romaldo, il confine fra
Serralunga e Monforte.
Discende dall'origine il rio di Pian Romaldo in direzione di Bricco del Rosso (quota 498), sotto il
quale raggiunge la provinciale Roddino Monforte in prossimità del km 1,900 per seguirla poi verso
nord-ovest fino al centro abitato di quest'ultimo comune.
Da Monforte d'Alba scende per una retta alla sorgente dei rio Cornaretta, discende tale corso
d'acqua e alla confluenza segue il primo tratto del rio di Monchiero, fino a raggiungere (per Case
Manzoni, C. Roca Nera e C. Vigliani) il confine comunale tra Monforte e Monchiero, segue verso
nord tale confine fino a incontrare il rio Rataldo e il punto d'incontro dei confini tra i comuni di
Novello, Monchiero e Monforte.
Discende lungo il rio Rataldo e, raggiunta la confluenza con il rio dei Mosca, a sud-ovest di C.
Mosca, risale quest'ultimo e alla sorgente segue il sentiero che verso nord raggiunge la strada per
Novello in prossimità dei km 3,800 e quindi lungo questa verso est raggiunge il centro abitato.
Da Novello, la linea di delimitazione prosegue, in direzione nord ovest, per la vicinale dei Corini, e
all'altezza di tale località, per quella dei Tarditi che attraversa raggiungendo C. Saccati (quota 339)
sul confine comunale tra Novello e Narzole.
Indi segue in direzione sud-ovest il confine comunale medesimo per raggiungere la ferrovia Bra
Ceva e seguirla in direzione di Ceva fino al rio Rataldo.
Appena superatolo segue verso est la strada per Via Garambo e sul proseguimento raggiunge la
provinciale Monchiero Monforte in prossimità della strada vicinale dei Bagnaschi; percorre
quest'ultima in direzione sud-est, attraversa il rio Monchiero e percorre nella stessa direzione la
vicinale dei Pilo raggiungendo il confine comunale tra Monchiero e Monforte che segue verso sud
sino a incrociare quello di Dogliani.
Percorre in direzione ovest il confine comunale Monforte Dogliani e Monforte Roddino fino alla
strada provinciale Monforte Roddino presso il km 4,300 circa a quota 515.
Segue tale strada verso Roddino fino al bivio, in prossimità dei km 5, con la provinciale per
Serralunga a quota 549, prosegue lungo quest'ultima in direzione di Serralunga sino a incontrare
prima di C. Coccio la strada comunale per Sinio che segue verso est fino a raggiungere il confine
comunale di Sinio in prossimità di casc. Castella.
Percorre il confine in direzione est tra Sinio e Roddino e poi Sinio-Albaretto-Torre, Sinio
Montelupo Albese sino alla confluenza del rio Brantegna con il rio Riolo; risale il rio Riolo fino alla
strada comunale di Brantegna che segue passando per quota 480 e raggiunge la provinciale Alba
Murazzano a quota 506 in prossimità dei km 11.
Da quota 506 la delimitazione prosegue in direzione nord-ovest per la strada vicinale dei Gorgassi
raggiungendo nuovamente al km 9,5 circa la provinciale Alba-Murazzano che segue fino al confine
comunale di Diano d'Alba.
Prosegue successivamente verso nord-est, est e poi nord sui confini comunali tra Diano d'Alba e
Montelupo, Diano d'Alba e Rodello, Diano d'Alba e Benevello, Alba e Benevello, Alba e
Borgomale, Alba e Trezzo Tinella, Alba e Treiso, fino al punto in cui il confine abbandona il Senio
d'Elvio, poco a sud di Meruzzano di C. Castellengo, dove proseguendo verso nord lungo il corso
d'acqua raggiunge all'altezza di Meruzzano la strada per Alba percorrendola nella stessa direzione
fino al ponte sul Senio d'Elvio all'altezza di C.dei Frati, discende quindi tale corso d'acqua fino alla
confluenza con il fiume Tanaro.
Risale lungo il Tanaro fino ai ponti stradale e ferroviario di Alba, prosegue in direzione nord lungo
la strada e in località il Rondò, imbocca la strada statale n. 231 che segue fino al km 19, da dove è
iniziata la delimitazione.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
1. Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino a
denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" devono essere quelle tradizionali della
zona e comunque atte a conferire all'uva ed al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità.
2. In particolare le condizioni di coltura dei vigneti devono rispondere ai requisiti esposti ai punti
che seguono:
- terreni: argillosi, calcarei, silicei e loro eventuali combinazioni;
- giacitura: esclusivamente collinare. Sono da escludere categoricamente i terreni di fondovalle,
umidi, pianeggianti e non sufficientemente soleggiati.
- altitudine: non superiore a 650 metri s.l.m.
- esposizione: adatta ad assicurare una idonea maturazione delle uve, ma con l'esclusione del
versante nord da -22,5° a +22,5° sessagesimali.
- densità d'impianto: quelle generalmente usate in funzione delle caratteristiche peculiari dell'uva e
del vino. I vigneti oggetto di nuova iscrizione o di reimpianto dovranno essere composti da un
numero di ceppi ad ettaro, calcolati sul sesto d'impianto, non inferiore a 3.300;
- forme di allevamento e sistemi di potatura: quelli tradizionali (forma di allevamento:
controspalliera; sistema di potatura: Guyot) e/o comunque atti a non modificare in negativo le
caratteristiche di qualità delle uve e del vino;
- è vietata ogni pratica di forzatura. E' consentita l'irrigazione di soccorso.
3. La resa massima di uva ad ettaro di vigneto in coltura specializzata per la produzione del vino a
denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" ed il titolo alcolometrico volumico minimo
naturale delle relative uve destinate alla vinificazione devono essere rispettivamente i seguenti:
vini Resa uva tonnellate per ettaro  |  Titolo alcolometrico volumico minimo naturale
"Nebbiolo d'Alba" 9 11,50 % vol
"Nebbiolo d'Alba" Superiore 9 12,00 % vol
"Nebbiolo d'Alba" Spumante 11 11,00 % vol
"Nebbiolo d'Alba" Spumante Rosè 11 11,00 % vol
La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino a denominazione di origine controllata
"Nebbiolo d'Alba" con menzione aggiuntiva "vigna" seguita dal relativo toponimo o nome
tradizionale deve essere di tonnellate 8,100.
Le uve destinate alla produzione del vino "Nebbiolo d'Alba" che intendano fregiarsi della menzione
aggiuntiva "vigna" seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale debbono presentare un titolo
alcolometrico volumico minimo naturale di 12,00 % vol .
Per la versione "Superiore" con menzione aggiuntiva "Vigna" seguita dal relativo toponimo o nome
tradizionale devono presentare un titolo alcolometrico volumico minimo naturale di 12,50 % vol.
La denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" può essere accompagnata dalla
menzione "vigna" purché tale vigneto abbia un'età d'impianto di almeno 7 anni. Se l'età del vigneto
è inferiore, la produzione di uve per ettaro ammessa è pari:
Anno di impianto
vino vino
"Nebbiolo d'Alba" "Nebbiolo d'Alba" Superiore
Resa uva t/ha Tit.alc. volumico
minimo naturale
Resa uva t/ha Tit.alc. volumico
minimo naturale
terzo 4,8 12,00 % vol. 4,8 12,50 % vol.
quarto 5,6 12,00 % vol. 5,6 12,50 % vol
quinto 6,4 12,00 % vol. 6,4 12,50 % vol
sesto 7,2 12,00 % vol. 7,2 12,50 % vol
Nelle annate favorevoli, il quantitativo di uva ottenuto e da destinare alla produzione del vino a
denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" deve essere riportato nel limite di cui sopra
purché la produzione globale non superi del 20% il limite medesimo, fermo restando il limite resa
uva/vino per il quantitativo di cui trattasi.
4. In caso di annata sfavorevole, che lo renda necessario, la Regione Piemonte fissa una resa
inferiore a quella prevista dal presente disciplinare anche differenziata nell'ambito della zona di
produzione di cui all'art. 3.
5. I conduttori interessati che prevedano di ottenere una resa maggiore rispetto a quella fissata dalla
Regione Piemonte, ma non superiore a quella fissata dal precedente punto 3, dovranno
tempestivamente, e comunque almeno 5 giorni prima della data d'inizio della propria vendemmia,
segnalare, indicando tale data, la stima della maggiore resa, mediante lettera raccomandata agli
organi competenti per territorio preposti al controllo, per consentire gli opportuni accertamenti da
parte degli stessi.
6. Nell'ambito della resa massima rivendicata fissata in questo articolo, la Regione Piemonte su
proposta del Consorzio di Tutela può fissare limiti massimi di uva rivendicabile per ettaro oppure
riduzioni di resa massima inferiori a quelli previsti dal presente disciplinare in rapporto alla
necessità di conseguire un miglior equilibrio di mercato. In questo caso non si applicano le
disposizioni di cui al comma 5.
7. La Regione Piemonte, su richiesta del Consorzio di Tutela e sentite le rappresentanze di filiera,
vista la situazione del mercato, può stabilire la sospensione e/o la regolamentazione anche
temporanea, delle iscrizioni allo schedario viticolo per i vigneti di nuovo impianto che aumentano
il potenziale produttivo della denominazione.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
1. Le operazioni di vinificazione e di invecchiamento obbligatorio dei vini a denominazione di
origine controllata "Nebbiolo d'Alba" devono essere effettuate nella provincia di Cuneo, Asti e
Torino.
2. La resa massima dell'uva in vino finito non dovrà essere superiore a:
vini Resa uva /vino Produzione massima
"Nebbiolo d'Alba" 70% 6.300 l/ha
"Nebbiolo d'Alba" Superiore 70% 6.300 l/ha
"Nebbiolo d'Alba" Spumante 70% 7.700 l/ha
"Nebbiolo d'Alba" Spumante Rosè 70% 7.700 l/ha
Per l'impiego della menzione "vigna", fermo restando la resa percentuale massima uva-vino di cui
al paragrafo sopra, la produzione massima di vino l/ha ottenibile è determinata in base alle rese uva
t/ha di cui all'articolo 4 punto 3.
Qualora tale resa superi la percentuale sopraindicata, ma non oltre il 75%, l'eccedenza non ha
diritto alla Doc; oltre detto limite percentuale decade il diritto alla denominazione di origine per
tutto il prodotto.
3. Nella vinificazione e invecchiamento devono essere seguiti i criteri tecnici più razionali ed
effettuate le pratiche enologiche atte a conferire al vino le migliori caratteristiche di qualità secondo
i metodi riconosciuti dalla legislazione vigente.
4. I periodi di invecchiamento e le date di immissione al consumo dei vini a denominazione
controllata "Nebbiolo d'Alba" devono essere quelli di seguito indicati:
vini Durata  invecchiamento mesi  a decorrere dal   Decorrenza immissione al consumo
"Nebbiolo d'Alba" 12  1° novembre dell'anno  di raccolta delle uve
1°novembre dell'anno  successivo a quello  di raccolta uve.
"Nebbiolo d'Alba"  Superiore 18 ( di cui almeno 6 in legno) 1° novembre dell'anno
di raccolta delle uve
1°maggio del secondo anno successivo a quello di raccolta uve.
"Nebbiolo d'Alba"  Spumante 6   1° novembre dell'anno di raccolta delle uve 1°maggio dell'anno
successivo a quello di raccolta uve.
"Nebbiolo d'Alba"  Spumante Rosè 6   1° novembre dell'anno di raccolta delle uve
1°maggio dell'anno successivo a quello di raccolta uve.
5. Nella produzione dei vini a denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" Spumante
e "Nebbiolo d'Alba" Spumante Rosè sono consentiti sia il metodo Martinotti sia il metodo
classico. Per entrambi i metodi occorre seguire le disposizioni di affinamento previste dalla legge
vigente per gli spumanti.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
1. I vini a denominazione di origine controllata "Nebbiolo d'Alba" all'atto dell'immissione al
consumo, devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Nebbiolo d'Alba"
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: fruttato e caratteristico;
sapore: secco, vellutato ed armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00 % vol; con menzione "vigna" 12,50 % vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 21 ,0 g/l .
"Nebbiolo d'Alba"Superiore:
colore: rosso rubino tendente al granato;
odore: fruttato e caratteristico con eventuale sentore di legno;
sapore: secco, vellutato ed armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50 % vol; con menzione "vigna" 13,00 % vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo : 22,0 g /l .
"Nebbiolo d'Alba" Spumante:
spuma: fine e persistente;
limpidezza: brillante;
colore: rosso rubino eventualmente tendente al granato più o meno intenso;
odore: netto, fruttato e complesso con sentori che ricordano il lievito e la crosta di pane;
sapore: secco, abboccato o amabile, sapido e ben strutturato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50 % vol; con menzione "vigna" 12,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo : 17,0 g/l .
"Nebbiolo d'Alba" Spumante Rosè:
spuma: fine e persistente;
limpidezza: brillante;
colore: rosato più o meno intenso;
odore: netto, fruttato e complesso con sentori che ricordano il lievito e la crosta di pane;
sapore: secco, abboccato o amabile, sapido e ben strutturato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50 % vol; con menzione "vigna" 12,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l .
2. E' facoltà del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali modificare con proprio
decreto i limiti minimi sopra indicati per l'acidità totale e l' estratto non riduttore minimo .


Articolo 7
Designazione e presentazione
1. Nella designazione e presentazione del vino a denominazione di origine controllata "Nebbiolo
d'Alba" è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da quelle previste dal presente
disciplinare di produzione, ivi compresi gli aggettivi extra, fine, naturale, scelto, selezionato
vecchio e similari.
2. Nella designazione e presentazione del vino a denominazione di origine controllata "Nebbiolo
d'Alba", è consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi o ragioni sociali o marchi
privati, purché non abbiano significato laudativo e non traggano in inganno il consumatore.
3. Nella designazione e presentazione del vino "Nebbiolo d'Alba", la denominazione di origine può
essere accompagnata dalla menzione "vigna" purché:
- le uve provengano totalmente dal medesimo vigneto;
- tale menzione figuri nell'apposito elenco regionale ai sensi dell'art. 6 comma 8, del decreto
legislativo n. 61/2010;
- coloro che, nella designazione e presentazione del vino "Nebbiolo d'Alba", intendono
accompagnare la denominazione di origine con la menzione "vigna" abbiano effettuato la
vinificazione delle uve e l'imbottigliamento del vino;
- la vinificazione delle uve e l'invecchiamento del vino siano stati svolti in recipienti separati e la
menzione "vigna" seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale sia stata riportata nella
denuncia delle uve, nei registri e nei documenti di accompagnamento;
- la menzione "vigna" seguita dal relativo toponimo o nome tradizionale sia riportata in caratteri di
dimensione uguale al 50% del carattere usato per la denominazione di origine o inferiore.
4. Nella designazione e presentazione dei vini a denominazione di origine controllata "Nebbiolo
d'Alba", con l'esclusione degli spumanti, è obbligatoria l'indicazione dell'annata di produzione
delle uve.


Articolo 8
Confezionamento
1. Le bottiglie in cui viene confezionato il vino a denominazione di origine controllata "Nebbiolo
d'Alba" e "Nebbiolo d'Alba" Superiore per la commercializzazione devono essere di forma
tradizionale o corrispondente ad antico uso, di vetro, di capacità consentita dalle vigenti
disposizioni di legge, ma comunque non inferiori a 18,7 cl e con l'esclusione del contenitore da
200 cl .
2.Le bottiglie in cui viene confezionato il vino a denominazione di origine controllata "Nebbiolo
d'Alba" Spumante e "Nebbiolo d'Alba" Spumante Rosè per la commercializzazione devono
preferibilmente essere di forma tradizionale per i vini spumanti, di capacità consentita dalle vigenti
disposizioni di legge ma comunque non inferiore a 20 cl.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
Il Nebbiolo è una delle varietà di vite che accomuna le sorti produttive delle colline alla destra ed
alla sinistra del fiume Tanaro. Il Nebbiolo d'Alba è l'esempio tangibile di questa comune vocazione
alla qualità, la sua zona d'origine, infatti, si estende sul territorio di 25 comuni situati su entrambe le
sponde. Viene coltivato con il sistema di allevamento che meglio si adatta a questo vitigno in questa
zona ovvero la spalliera che consente un'ottima attività fisiologica della vite con potatura a "guyot"
che favorisce l'equilibrio vegeto produttivo del vitigno. la zona di produzione è caratterizzata dalla
formazione delle rocche che va messa in relazione a quel fenomeno geologico che prende il nome di
"cattura del Tanaro", col quale si indica il cambiamento di percorso che tale fiume subì in
conseguenza di un movimento della crosta terrestre. Questa particolare evoluzione ha portato alla
formazione di strati alternati di Sabbie Argille e Calcare, che possono trovarsi miscelati in maniera
diversa tra loro a seconda delle zone. La presenza delle sabbie è determinante nei profumi e nelle
strutture dei vini che arrivano da quest'area.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
Il Nebbiolo d'Alba è un vino rosso ottenuto dalla vinificazione del vitigno Nebbiolo in purezza.
Viene coltivato sui versanti meglio esposti della zona al riparo dalle gelate e dai freddi di primavera
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
Negli anni si è raggiunto un ottimo equilibrio tra il vitigno, l'ambiente e la tecnica colturale dei
viticoltori che si manifesta in un vino dai toni austeri resistente nel tempo, il colore é rosso granato,
il profumo ricorda i sentori fruttati del lampone, del geranio, della fragolina selvatica e quelli
speziati di cannella e di vaniglia.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale:
Via Piave, 24
00187 - ROMA
Tel. +3906-45437975
mail: info@valoritalia.it
Sede operativa per l'attività regolamentata:
Corso Enotria, 2/C – Ampelion
12051 - ALBA (CN)
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |