Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna Doc

Loading

Blog

 

Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna Doc

08.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEL VINO A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA "MONTECOMPATRI-COLONNA" o "MONTECOMPATRI" o
"COLONNA"


Approvato con DPR 29.05.1973 G.U. 212 - 17.08.1973
Modificato con DPR 19.10.1987 G.U. 104 - 05.05.1988
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata «Montecompatri-Colonna» o più semplicemente
«Montecompatri» o «Colonna» è riservata al vino bianco, che risponde alle condizioni ed ai
requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione per le seguenti tipologie
«Montecompatri-Colonna» o «Montecompatri» o «Colonna»;
«Montecompatri-Colonna» o «Montecompatri» o «Colonna» frizzante;
«Montecompatri-Colonna» o «Montecompatri» o «Colonna» superiore.


Articolo 2
Base ampelografica
Il vino «Montecompatri-Colonna» deve essere ottenuto dalle uve provenienti da viti dei vitigni
presenti nei vigneti nella proporzione indicata a fianco di ciascuno di essi:
Malvasia (bianca di Candia e puntinata) fino ad un massimo del 70%;
Trebbiano (toscano, verde e giallo) in misura non inferiore al 30%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino anche le uve bianche provenienti dai vitigni
Bellone e Bombino presenti nei vigneti fino ad un massimo del 10% del totale delle viti esistenti.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione del vino «Montecompatri-Colonna» comprende il territorio già delimitato
con decreto ministeriale 2 maggio 1933, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 137, del 13 giugno
1933, nonché quelli per i quali ricorrono le condizioni di cui al secondo comma dell'articolo 1 del
decreto del Presidente della Repubblica 12 luglio 1963, n. 930.
Tale zona pertanto comprende tutto il territorio comunale di Colonna e parte di quelli di
Montecompatri, Zagarolo e Roccapriora, ed è delimitata come appresso:
partendo dal ponte di Pantano sulla via Casilina in prossimità del km 21 la linea di delimitazione
segue per circa 3 km la strada che, in direzione nord- est, si dirige verso la via Prenestina, fino a
incrociare il confine comunale di Zagarolo. Segue questo confine verso sud fino a incontrare la via
Casilina in prossimità del km 23,800, prosegue lungo la medesima e, superato il km 24, segue verso
est la strada per Pallavicina, raggiunge questa località, la supera e prosegue per la strada che
conduce al laghetto di Mondo fino al suo incrocio con il fosso di Pallavicina; segue questo corso
d'acqua in direzione sud sino a incrociare, prima di raggiungere la via di Gallicano, l'impluvio che
attraversa la tenuta di S. Cesareo. Segue la linea d'impluvio verso sud fino alla ferrovia e da qui una
retta che raggiunge al km 27 la via Casilina (strada statale n. 6). Dal km 27 sulla Casilina segue una
retta, verso sud, fino a incrociare la via Maremmana inferiore al km 2, prosegue quindi su
quest'ultima verso est fino a incrociare di nuovo la via Casilina, percorrendola sino al km 29,500
circa; quindi segue verso sud la strada che, costeggiando S. Cesareo, conduce a Valle Clementina,
fino a incrociare il confine comunale tra Zagarolo e Roccapriora. Segue questo confine verso ovest
e poi verso sud, prosegue quindi verso il confine comunale tra Roccapriora e Palestrina sino a
incrociare la strada che attraversa Valle Isoletta e conduce a Carchitti. Da detto punto di incrocio,
segue questa strada verso nord, passando a ovest di colle di Fuori e prosegue lungo il sentiero che,
percorre, in direzione ovest, la Valle Clementina. Superato Colle S. Giovanni, segue, in direzione
nord, il sentiero che, passando alle pendici orientali di Colle Romano e M. dell'Orso, costeggia, a
nord di quest'ultimo, il confine di Zagarolo fino a incrociare la strada per Fontana Chiusa, che segue
per un breve tratto verso nord fino a raggiungere il confine comunale di Zagarolo. Prosegue lungo
quest'ultimo verso ovest fino a incontrare, in prossimità del Colle Fontana Molara, la confluenza dei
confini dei comuni di Montecompatri, Zagarolo e Roccapriora. Prosegue quindi lungo il confine di
Montecompatri in direzione sud e poi nord fino a incrociare al km 4,300 circa, in località Pallotta, la
strada per Colonna; la segue, verso est, fino al bivio con la strada per la stazione di Montecompatri
Colonna (km 5,300); segue quest'ultima in direzione nord fino ad incrociare il confine comunale di
Roma lungo il quale prosegue in direzione est e poi nord sino a raggiungere, in località C.li Nuovi
del Corvio, la strada che si allaccia alla via Casilina in prossimità del km 21, percorre questa strada
e quindi la strada statale n. 6 sino al ponte di Pantano chiudendo così la delimitazione.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino
«Montecompatri Colonna» devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a conferire
alle uve ed al vino le specifiche caratteristiche di qualità. In ogni caso sono pertanto da considerare esclusi i
terreni situati oltre i 480 metri sul livello del mare.
I sesti di impianti, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati o, comunque, atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei vini.
È vietata ogni pratica di forzatura.
Le uve destinate alla vinificazione del vino a denominazione di origine controllata «Montecompatri
Colonna» devono assicurare il seguente titolo alcolometrico volumico naturale minimo:
- «Montecompatri-Colonna», anche nella tipologia frizzante: 10,50% vol;
- «Montecompatri-Colonna» Superiore: 11,50% vol.
La resa massima di uva ammessa per la produzione del vino «Montecompatri-Colonna» non deve
essere superiore a 15 t per ettaro di vigneto in coltura specializzata.
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la resa dovrà essere riportata attraverso
un'accurata cernita delle uve purché la produzione non superi del 20% il limite medesimo.
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la resa per ettaro, in coltura promiscua deve essere
calcolata, rispetto a quella specializzata, in rapporto all'effettiva superficie coperta dalle viti.
La resa medesima delle uve in vino non deve essere superiore al 70%. Qualora la resa uva-vino
superi il limite sopra riportato l'eccedenza non avrà diritto alla D.O.C.
La regione Lazio, con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate, di anno in
anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni ambientali di coltivazione, può stabilire
un limite massimo di produzione di uva per ettaro inferiore a quello fissato dal presente disciplinare,
dandone immediata comunicazione all'organismo di controllo incaricato.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione
delimitata nel precedente articolo 3.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, tradizionali della
zona, atte a conferire ai vini le loro peculiari caratteristiche.
Il vino «Montecompatri-Colonna» frizzante potrà essere immesso al consumo soltanto nei tipi
amabile e dolce, rispettando i relativi limiti di tenore zuccherino residuo previsti a titolo generale
dalla regolamentazione comunitaria.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
Il vino «Montecompatri-Colonna» all'atto dell'immissione al consumo deve rispondere alle
seguenti caratteristiche:
colore: paglierino più o meno intenso;
odore: vinoso, delicato, gradevole;
sapore: secco o asciutto (zuccheri riduttori indecomposti fino al 4 g/l), amabile o dolce,
caratteristico armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol (12,00% vol per il Superiore);
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l.
E' prevista la tipologia frizzante.
E' in facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali modificare i limiti
dell'acidità totale e dell'estratto non riduttore minimo con proprio decreto.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Sulle bottiglie o altri recipienti deve sempre figurare l'annata di produzione delle uve.
Alla denominazione di cui all'articolo 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione non
espressamente prevista dal presente disciplinare di produzione.
Tutti i vini a denominazione di origine controllata «Montecompatri-Colonna» debbono riportare in
etichetta le locuzioni secco o asciutto o amabile o dolce per designare i relativi tipi previsti dal
presente disciplinare.
È consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi o ragioni sociali o marchi privati.
È altresì, consentita l'indicazione di nomi di fattorie e vigneti dai quali effettivamente provengono
le uve da cui il vino, così qualificato, è stato ottenuto, purché non abbiano significato laudativo.


Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
1. Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica delimitata ricade nella parte centrale della regione Lazio, in Provincia di Roma:
si estende su una superficie di circa 3.200 ettari, e comprende parte dei terreni pedocollinari e delle
pendici settentrionali dei Colli Albani.
I terreni dei Colli albani e quelli pedocollinari hanno avuto origine da formazioni vulcaniche
generate dalle eruzioni del Vulcano laziale: L'attività endogena che ha generato il Vulcano Laziale
è iniziata circa 600 mila anni fa, con la costruzione di un edificio centrale accresciutosi via via in
estensione e in altezza (oltre 2000 metri), sino al collasso della camera magmatica che ha provocato
in superficie la formazione della grande depressione calderica che comprende i Pratoni di Vivaro.
Successivamente, ripetute esplosioni freatomagmatiche concentrate nel settore occidentale
dell'edificio vulcanico lungo un sistema di faglie distensive di direzione appenninica, hanno
prodotto numerosi crateri: quelli più antichi (Ariccia, Pantano Secco e Prata Porci) sono ricoperti di
sedimenti e attivamente coltivati, mentre gli ultimi in ordine di età, hanno conservato i caratteri
morfologici tipici di forme giovanili, ad imbuto, e sono occupati da profondi bacini lacustri come
quelli Albano e di Nemi. Le eruzioni del Vulcano Laziale sono continuate fino al Paleolitico
superiore (Aurignaciano), ossia fra i 29.000 ed i 25.000 anni fa. Le formazioni vulcaniche sono
costituite soprattutto da ceneri e lapilli depositati in strati di notevole spessore e cementati in misura
diversa.
Si possono distinguere: pozzolane (localmente dette "terrinelle"), cioè ceneri vulcaniche del tutto
prive di cementazione: si riscontrano nelle zone più lontane dalle bocche di eruzione e danno luogo
a terreni sabbiosi, profondi, permeabili all'acqua e senza ristagni né superficiali né profondi; tufi
litoidi, più o meno duri, derivati dalla cementazione delle ceneri e dei lapilli, con diverse
denominazioni locali (cappellacci, cappellacci teneri, occhio di pesce, occhio di pernice, ecc.),
coprono la parte maggiore del territorio considerato. Sono di scarsa o nulla permeabilità all'acqua e
alle radici ed è necessario pertanto procedere a scassi profondi per permettere agli agenti
atmosferici di attivare la pedogenesi e mettere a disposizione delle colture, in particolare della vite,
uno strato sufficiente di terreno agrario per lo sviluppo radicale e la nutrizione idrica e minerale;
rocce laviche, dure, poco attaccabili dai mezzi meccanici e dagli agenti atmosferici. Coprono una
minima parte del territorio in zone vicine ai crateri di eruzione. In generale danno origine a terreni
di scarso spessore dove s'insedia il pascolo o il bosco; alluvioni recenti formatesi nelle zone
pianeggianti per deposito alluvionale proveniente dalle pendici sovrastanti. I terreni derivati sono
profondi, tendenzialmente argillosi, spesso umidi. Sono presenti anche formazioni argillosoarenacea,
composte da un'alternanza di argille e arenarie che sono preponderanti verso l'alto della
formazione, dove si passa da una giacitura stratificata a una massiva con vulcaniti di età Quaternaria
costituite da scorie, alternate a pomici e cineriti, derivanti da più fasi esplosive del Vulcano Laziale.
L'altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra i 19 e i 480 m s.l.m., con pendenza variabile:
l'esposizione generale è orientata verso ovest, nordovest.
Il clima dell'area è di tipo temperato mediterraneo ed è caratterizzato da precipitazioni medie annue
comprese tra i 822 ed i 1110 mm, con aridità estiva non molto pronunciata (pioggia 84-127 mm) nei
mesi estivi, più intensa alle quote più basse. Temperatura media piuttosto elevata compresa tra i
13,7 ed i 15,2°C: freddo prolungato ma non intenso da novembre ad aprile, con temperatura media
inferiore ai 10°C per 3-4 mesi l'anno e temperatura media minima del mese più freddo dell'anno
che oscilla tra 2,1 e 4,0° C.
La combinazione tra natura del terreno e fattori climatici fanno della zona delimitata come DOC
Montecompatri-Colonna, o Montecompatri, o Colonna un territorio altamente vocato alla
produzione di vini di pregio.
2. Fattori umani rilevanti per il legame.
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o
"Colonna".
La presenza della viticoltura nell'area delimitata risale all'epoca romana: le più importanti ville
situate nei dintorni di Roma, nell'area dei Colli Albani, corrispondente agli odierni Castelli Romani,
possedevano grandi spazi dedicati alla conservazione del vino: molti vini famosi all'epoca dei
romani molti provenivano dai Colli Albani.
Nei corso dei secoli la viticoltura ha mantenuto il ruolo importante nell'economia agricola del
territorio contribuendo in modo significativo allo sviluppo sociale ed economico dell'area, come
testimonia la Sagra dell'Uva di Colonna giunta alla cinquntunesima edizione .
Grazie alle loro peculiarità, numerosi sono i riconoscimenti che hanno ricevuto e continuano a
ottenere, i vini a DOC "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" sia in ambito
locale, nazionale che internazionale; ben figurano inoltre sulle principali guide nazionali.
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale
definizione dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente
disciplinare di produzione:
- base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino in questione, sono quelli
tradizionalmente coltivati nell'area geografica considerata: la Malvasia bianca di Candia, la
Malvasia del Lazio, il Trebbiano toscano, verde e giallo, il Bellone ed il Bombino bianco;
- le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti,
sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle
viti, sia per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione
della chioma, permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben esposta e di contenere le
rese di produzione di vino entro i limiti fissati dal disciplinare (105 hl/ha per tutte le tipologie);
- le pratiche relative all'elaborazione dei vini, che sono quelle tradizionalmente consolidate in zona
per la vinificazione di vini bianchi, complessi ed equilibrati.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
La DOC "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna"è riferita a otto tipologie di
vino bianco ("Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna secco", "Montecompatri-Colonna
o Montecompatri o Colonna amabile", "Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna dolce",
"Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna Superiore secco", "Montecompatri-Colonna o
Montecompatri o Colonna Superiore amabile", "Montecompatri-Colonna o Montecompatri o
Colonna Superiore dolce", "Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna frizzante amabile",
"Montecompatri-Colonna o Montecompatri o Colonna frizzante dolce") che dal punto di vista
analitico ed organolettico presentano caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6
del disciplinare, che ne permettono una chiara individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente
geografico.
Nello specifico le singole tipologie di vino si caratterizzano:
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" secco: vino fresco ed equilibrato con
colore dal giallo paglierino più o meno intenso, odore delicato e gradevole, sapore secco,
caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" amabile: vino fresco ed equilibrato
con colore dal giallo paglierino più o meno intenso, odore delicato e gradevole, sapore amabile,
caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" dolce: vino fresco ed equilibrato con
colore dal giallo paglierino più o meno intenso, odore delicato e gradevole, sapore dolce,
caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" Superiore secco: vino fresco ed
equilibrato con colore dal giallo paglierino più o meno intenso, odore delicato e gradevole, sapore
secco, caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" Superiore amabile: vino fresco ed
equilibrato con colore dal giallo paglierino più o meno intenso, odore delicato e gradevole, sapore
amabile, caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" Superiore dolce: vino fresco ed
equilibrato con colore dal giallo paglierino più o meno intenso, odore delicato e gradevole, sapore
dolce, caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" frizzante amabile: vino fresco ed
equilibrato con colore dal giallo paglierino più o meno intenso, perlage vivace ed evanescente,
odore delicato e gradevole, sapore amabile, caratteristico e armonico.
- "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna" frizzante dolce: vino fresco ed
equilibrato con colore dal giallo paglierino più o meno intenso, perlage vivace ed evanescente,
odore delicato e gradevole, sapore dolce, caratteristico e armonico.
Al sapore i vini presentano un'acidità normale, un amaro poco percepibile, poca astringenza e
buona struttura, che contribuiscono all'equilibrio gustativo.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
L'orografia collinare dell'areale di produzione costituita dalle pendici settentrionali del vulcano
Laziale, e l'esposizione a ovest e nordovest, concorrono a determinare un ambiente arioso, luminoso e
con un suolo naturalmente sgrondante dalle acque reflue, particolarmente vocato per la coltivazione
dei vigneti del "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna". Da tale area sono
peraltro esclusi i terreni ubicati a quote troppo basse non adatti ad una viticoltura di qualità.
Anche la tessitura e la struttura chimico-fisica dei terreni interagiscono in maniera determinante con la
coltura della vite, contribuendo all'ottenimento delle peculiari caratteristiche fisico chimiche ed
organolettiche del "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna".
In particolare, i terreni prevalentemente di origine vulcanica, sono costituiti da pozzolane (localmente
dette "terrinelle"), cioè ceneri vulcaniche del tutto prive di cementazione: si riscontrano nelle zone più
lontane dalle bocche di eruzione e danno luogo a terreni sabbiosi, profondi, permeabili all'acqua e
senza ristagni né superficiali né profondi; si hanno anche limi e sabbie gialle mescolate a ciottolini
calcarei e silicei sparsi o concentrati e argille azzurre e grigie di ambiente lacustre e terreni
riconducibili alle terre rosse con tessitura argillo-limosa che presentano, in genere, limitato spessore
ed un sottosuolo coerente. Trattasi di terreni con caratteristiche tali da renderli idonei ad una
vitivinicoltura di qualità
Anche il clima dell'areale di produzione, caratterizzato da precipitazioni abbondanti (965 mm), con
scarse piogge estive (105 mm) e con aridità estiva non molto pronunciata, più intensa alle quote più
basse, da una buona temperatura media annuale (14,6°C), unita ad una temperatura relativamente
elevata e ottima insolazione nei mesi di settembre ed ottobre, consente alle uve di maturare
lentamente e completamente, contribuendo in maniera significativa alle particolari caratteristiche
organolettiche del vino ""Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna".
In particolare, la combinazione tra le caratteristiche del terreno ed i fattori climatici, determina per i
vini bianchi, la produzione di significative quantità di precursori aromatici che consentono di esaltare
le caratteristiche organolettiche e i sentori tipici dei diversi vitigni.
La millenaria storia vitivinicola riferita alla terra "Albana", dall'epoca romana, al medioevo, fino ai
giorni nostri, attestata da numerosi documenti, è la generale e fondamentale prova della stretta
connessione ed interazione esistente tra i fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche del
"Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o "Colonna".
Ovvero è la testimonianza di come l'intervento dell'uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei
secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell'epoca
moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico
e tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini "Montecompatri-Colonna", o "Montecompatri", o
"Colonna", le cui peculiari caratteristiche sono descritte all'articolo 6 del disciplinare.
In particolare la presenza della viticoltura nella zona del "Montecompatri-Colonna" è attestata fin
dall'epoca romana, in molti reperti dei georgici latini.
Nel medioevo i contratti agrari ed i documenti di varia natura, conservati presso gli archivi monastici,
confermano la diffusione di tale coltura.
Con la caduta dell'impero romano e la fine delle invasioni barbariche, la viticoltura in queste terre,
nonostante i danni subiti, non perde la sua continuità con il passato e mantiene sempre un ruolo
importante; come testimoniano i numerosi atti notarili, inerenti i terreni vitati, custoditi negli archivi
monastici.
Nei secoli successivi la viticoltura ha rappresentato la coltura principale dell'area, tanto che nelle
Memorie Colonnesi (1855), il Coppi riporta che nel 1297 il Papa Bonifazio VIII nel sottomettere i
Colonnesi assoldò delle truppe che dovevano agire "distruggendo anche e devastando le vigne, gli
alberi e tutte le altre cose". In La Gerarchia cardinalizia (1703), il Carlo Bartolomeo Piazza riporta
per Rocca Priora "il territorio.. e nella copia di vini" e per Monte dei Compiti (Montecompatri)
"..territorio abbondante di frutti, e copioso di vini". Anche il Marocco, in Monumenti dello Stato
pontificio e relazione topografica di ogni paese (1835), riporta per Montecompatri "Il territorio è
abbondante di vini, ne manca degli altri generi alla vita necessari, oltre il terreno di natura ferace ve
anche zelo negli abitanti che lo coltivano", e per Rocca Priora "abbonda di vino".
La storia recente, a causa della chiusura della Cantina Sociale, è caratterizzata da una situazione di
stasi della Denominazione che, nonostante l'impegno delle aziende, non riesce ancora ha
riconquistare appieno la notorietà passata.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e Indirizzo: Valoritalia srl
Via Piave, 24 – 00187 Roma
Telefono 06/45437975 - Fax 06/45438908; E-mail info@valoritalia.it
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per
i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica
ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |