Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Marsala Doc

Loading

Blog

 

Marsala Doc

05.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DELLA DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA DEL VINO "MARSALA"


Approvato con D.P.R. 02.04.1969 G.U. 143 – 10.06.1969
Modificato con D.P.R. 17.11.1986 G.U. 163 – 15.07.1987
Modificato con D.M. 21.12.1991 G.U. 3 -- 04.01.1992
Modificato con D.M. 28.02.1995 G.U. 62 -- 15.03.1995
Modificato con D.M. 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 12.07.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
(concernente correzione dei disciplinari) Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata "Marsala", "Vino Marsala" e "Vino di Marsala", che deve essere
integrata a seconda delle caratteristiche del prodotto dai qualificativi di legge "Fine", "Superiore",
"Superiore Riserva", "Vergine" o "Soleras", "Vergine Riserva" o "Soleras Riserva", oppure "Vergine
Stravecchio" o "Soleras Stravecchio", è riservata ai vini liquorosi, di colore oro, ambra e rubino, che
rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti nella legge 28 novembre 1984, n. 851, nonché a quelli
previsti dal presente disciplinare di produzione.
L'uso della suddetta denominazione è permesso solo con le qualifiche che indicano il periodo di
invecchiamento minimo, il colore ed il contenuto zuccherino, espresse ciascuna, in lingua italiana o
inglese.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini di cui al precedente art. 1 devono provenire dalle uve dei vitigni aventi, nell'ambito aziendale, la
seguente composizione varietale:
a) per i Marsala oro ed ambra: vitigni "Grillo" e/o "Catarratto" (tutte le varietà e tutti i cloni), e/o
"Ansonica" (detto localmente "Inzolia"), e/o "Damaschino";
b) Per i Marsala rubino: vitigni "Perricone" (localmente chiamato "Pignatello") e/o "Calabrese"
(localmente chiamato "Nero d'Avola") e/o "Nerello mascalese".
Possono concorrere fino al 30% delle uve impegnate in totale, le uve a bacca bianca provenienti dai
vigneti di cui al precedente punto a).


Articolo 3
Zona di produzione
La zona di produzione delle uve destinate alla preparazione dei vini liquorosi di cui al precedente art. 1,
comprende l'intero territorio della provincia di Trapani, esclusi i comuni di Pantelleria, Favignana ed
Alcamo.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei mosti e dei vini da
impiegare nella preparazione dei vini di cui all'art. 1, devono essere quelle tradizionali della zona di
produzione.
Sono, pertanto, da ritenersi idonei, ai fini della iscrizione allo schedario viticolo, esclusivamente i vigneti,
in coltura specializzata posti nella zona di produzione indicata all'art. 3, che fruiscono delle condizioni di
terreno e di clima idonee ad assicurare alle uve, ai mosti ed ai vini da essi ottenuti le tradizionali
caratteristiche di qualità.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura debbono essere quelli tradizionali o
comunque idonei ad assicurare alle uve, ai mosti ed ai vini derivanti le specifiche caratteristiche
qualitative.
Sono da ritenersi idonei tutti i sistemi di allevamento in verticale, ivi compresi l'alberello e la spalliera ed
esclusi quelli in orizzontale.
E' vietata ogni pratica di forzatura; tuttavia è ammessa l'irrigazione di soccorso.
La resa massima di uve ammessa per la produzione del vino "Marsala" non deve superare i 10 t per ettaro
per i vitigni a bacca bianca ed i 9 t per ettaro per i vitigni a bacca nera.
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, le rese dovranno essere riportate attraverso
una accurata cernita delle uve, purchè la produzione non superi del 20% i limiti medesimi.
La resa massima delle uve in mosto non deve essere superiore all'80% e quelle delle uve in vino base non
superiore al 75%.
La regione siciliana, con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate, può stabilire,
di anno in anno, prima della vendemmia, un limite massimo di produzione di uva per ettaro inferiore a
quello fissato nel presente disciplinare, dandone comunicazione immediata al Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali.
Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali può modificare i limiti di cui sopra.
Tuttavia i singoli viticoltori possono avviare alla produzione i mosti e i vini destinati alla elaborazione dei
vini liquorosi Marsala, tutte le uve dagli stessi vendemmiate nei limiti delle rese massime per ettaro
fissate dal presente disciplinare, a condizione che:
comunichino, in tempo utile all'effettuazione di eventuali controlli i dati concernenti il loro raccolto
superiore al limite ridotto fissato;
risulti che l'uva ha le caratteristiche prescritte dal disciplinare qualora tali controlli siano effettuati.
Le uve debbono assicurare al mosto un titolo alcolometrico volumico naturale minimo di 12,00% vol.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Tutte le operazioni di elaborazione a partire dalle uve che sono necessarie per ottenere un Marsala pronto
al consumo, debbono essere effettuate nella zona di produzione di cui all'art. 3.
Ai fini del presente disciplinare si intendono:
per mosti: i mosti propriamente detti ed i mosti parzialmente fermentati;
per sifone: il prodotto preparato con aggiunta al mosto, atto a dare Marsala, di alcole etilico di origine
viticola e/o di acquavite di vino.
Il mosto cotto, il mosto concentrato ed il sifone, da impiegarsi nella preparazione del Marsala, quando
consentiti, debbono anche essi essere ottenuti da uve coltivate nei vigneti di cui all'art. 2.
Nella preparazione del Marsala Fine dei tipi oro e rubino e del Marsala Superiore dei tipi oro è rubino è
vietata l'aggiunta di mosto cotto.
L'aggiunta, nel rispetto delle disposizioni di legge in materia di mosto cotto nella preparazione del
Marsala Fine ambra e del Marsala Superiore ambra non deve essere inferiore all'1%.
Nella preparazione dei Marsala Vergine è vietato l'impiego di mosto cotto, di mosto concentrato e di
sifone.
Sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai prodotti le loro
caratteristiche specifiche e, in particolare, l'aggiunta di alcole etilico di origine viticola o di acquavite di
vino.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I Marsala di cui all'art. 1 devono corrispondere alle seguenti caratteristiche:
1) Marsala Fine:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 17,50% vol;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
acidità volatile: non superiore a 15 meq/l;
invecchiamento minimo di un anno.
2) Marsala Superiore:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00% vol;
estratto non riduttore minimo: 17,0 g/l;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
acidità volatile: non superiore a 17 meq/l;
invecchiamento minimo due anni.
3) Marsala Superiore Riserva:
tutte le caratteristiche del Marsala Superiore ma con:
invecchiamento minimo di quattro anni;
acidità volatile: non superiore a 30 meq/l;
4) Marsala Vergine o Soleras:
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 18,00% vol;
gradazione in zuccheri naturali inferiore al 4,0%;
estratto non riduttore minimo: 21,0 g/l;
acidità totale minima: 3,5 g/l;
acidità volatile: non superiore 30 meq/l;
invecchiamento minimo cinque anni.
5) Marsala Vergine Stravecchio o Riserva:
le stesse caratteristiche del Marsala Vergine ma con:
invecchiamento minimo di dieci anni.
I Marsala denominati "oro" hanno colore dorato più o meno intenso;
i Marsala denominati "ambra" hanno colore giallo ambrato più o meno intenso;
i Marsala denominati "rubino" hanno colore rosso rubino che, con l'invecchiamento, acquista riflessi
ambrati.
I Marsala, secondo il contenuto zuccherino, si classificano in:
secco: con zuccheri riduttori inferiori a 40 g/l;
semisecco: con zuccheri riduttori superiori a 40 g/l, ma inferiori a 100 g/l;
dolce: con zuccheri riduttori superiori a 100 g/l.
Tutti i Marsala presentano sapore e profumo caratteristici.
Per i Marsala anche nel caso in cui non è consentito l'impiego del mosto cotto è ammessa la presenza di
tracce di ossi-metil-furfurolo derivante dai processi di affinamento e di invecchiamento.
I vini Marsala già idonei al consumo diretto come tali possono essere addizionati con alcole etilico di
origine viticola e/o con acquavite di vino senza ulteriore periodo di invecchiamento, onde adattarli a
particolari esigenze di mercato; essi in tal caso devono essere sottoposti ad un periodo di affinamento di
almeno un mese prima della commercializzazione.
Il periodo di invecchiamento minimo decorre dalla data di ultimazione delle operazioni di concia.
E' consentita la rilavorazione di una o più miscele di Marsala.
In tal caso il prodotto derivato deve essere sottoposto ad un nuovo periodo di invecchiamento in relazione
al tipo di Marsala che si intende ottenere.
L'invecchiamento deve avvenire in recipienti di legno, preferibilmente di rovere o di ciliegio, salvo che
per i primi quattro mesi di invecchiamento del Marsala Fine che possono essere effettuati in recipienti di
altro materiale.
Il Marsala Fine dopo i primi quattro mesi di invecchiamento può essere destinato alla trasformazione in
altre bevande o prodotti.
I Marsala Vergini in corso di invecchiamento possono essere commercializzati come Marsala Superiore o
Marsala Fine, purchè abbiano completato il periodo di invecchiamento previsto per dette categorie e ne
abbiano le caratteristiche.
Parimenti i Marsala Superiori in corso di invecchiamento possono essere commercializzati come Marsala
Fini, purchè abbiano completato il periodo di invecchiamento previsto per detta categoria e ne abbiano le
caratteristiche.
Il Ministro dell'agricoltura e delle foreste di concerto con quelli dell'industria, del commercio e
dell'artigianato, delle finanze e del commercio con l'estero, può consentire, su proposta della regione
siciliana la preparazione di vini Marsala destinati alla esportazione verso i Paesi Terzi, aventi limiti
percentuali di contenuto in alcole e/o in zuccheri diversi da quelli indicati nel presente disciplinare,
sempre che i prodotti così confezionati rispondano alla legislazione vigente negli Stati di destinazione.
L'autorizzazione sarà concessa sempre che sia consigliata da ragioni di interesse nazionale.
I prodotti di cui ai due precedenti comma, devono essere spediti dalle fabbriche direttamente all'estero o
ai depositi o magazzini doganali accompagnati da bolletta di cauzione.
Di tali prodotti è vietata la reimportazione nei Paesi della Comunità.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Le indicazioni relative al colore (oro, ambra, rubino) ed al contenuto zuccherino (secco semisecco, dolce)
possono essere indicate in etichetta.
In aggiunta alle specificazioni del tipo connesse all'invecchiamento, alle indicazioni relative al colore ed
a quelle relative al contenuto zuccherino, sono ammesse:
l'indicazione dell'annata di produzione, intendendosi per annata di produzione quella in cui ha avuto
luogo l'ultima concia;
l'indicazione "Vecchio", per i Marsala che possiedono almeno le caratteristiche minime per la
qualifica di Marsala Superiore;
l'indicazione delle sigle e/o del significato in esteso I.P. (Italia Particolare) per il Marsala Fine;
S.O.M. (Superiore Old Marsala), o G.D. (Garibaldi Dolce), o L.P. (London Particolar oppure Inghilterra)
per il Marsala Superiore riservate esclusivamente ai requisiti stabiliti per il tipo di cui trattasi.
Le specificazioni di tipo connesse all'invecchiamento (Fine, Superiore, Vergine) – eventualmente seguite
dalle sigle corrispondenti e/o dal loro significato in esteso – devono essere apposte di seguito sulla stessa
riga o in quella immediatamente seguente la riga dove è riportata la denominazione Marsala o vino
Marsala o vino di Marsala.
Le specificazioni del tipo connesse all'invecchiamento (Fine, Superiore, Vergine) le sigle corrispondenti
e/o il loro significato in esteso, devono essere riportate con caratteri non superiori – e non inferiori alla
metà – in ampiezza ed in evidenza, di quelli utilizzati per la designazione Marsala, vino Marsala o vino di
Marsala.
Le indicazioni relative al colore, al contenuto in zucchero e tutte le altre indicazioni aggiuntive di cui al
comma secondo devono essere riportate sulla etichetta principale o sulla etichetta apposta nello stesso
campo visivo della etichetta principale e con caratteri non inferiori ad un quarto in ampiezza ed in
evidenza, di quelli utilizzati per le designazioni Marsala, vino Marsala o vino di Marsala, né superiori, in
ampiezza ed in evidenza, a quelli utilizzati per queste stesse designazioni di base.
E' consentita l'indicazione in etichetta di marchi registrati a condizione che gli stessi non siano di natura
tale da trarre in inganno il consumatore circa la natura del prodotto e che siano specificate nell'etichetta
secondaria le motivazioni del loro impiego.
I marchi di cui trattasi, con l'esclusione delle figure, delle rappresentazioni grafiche, etc., non potranno
essere riportati con caratteri superiori in ampiezza ed in evidenza a quelli utilizzati per le designazioni di
base Marsala, vino Marsala o vino di Marsala.


Articolo 8
Confezionamento
I Marsala Vergini devono essere commercializzati al consumo soltanto in bottiglia.
Gli altri tipi devono essere commercializzati al consumo in recipienti di capacità non superiore a 60 litri,
confezionati da produttori della zona di produzione ed all'interno della stessa.
Conformemente all'art. 8 del Reg. 607/2009 l'imbottigliamento o il condizionamento deve aver luogo
nella predetta zona geografica per salvaguardare la qualità, la reputazione, garantire e assicurare
l'efficacia dei controlli.
I vini Marsala non confezionati come sopra detto possono circolare tra produttori in recipienti di servizio
solo nel territorio dove sono ammessi all'imbottigliamento.
Resta tuttavia salva la circolazione in recipienti superiori a 60 litri per la preparazione di altre bevande o
prodotti, purchè il loro particolare uso sia indicato in tutti i documenti che accompagnano la merce e nelle
fatture.
Le ditte produttrici ed imbottigliatrici di Marsala devono tenere i registri di carico e scarico su cui
annotare la produzione, gli imbottigliamenti e le spedizioni, secondo le norme stabilite con decreto del
Ministro dell'agricoltura e delle foreste di concerto con il Ministro delle finanze e con il Ministro
dell'industria, del commercio e dell'artigianato.


Articolo 9
La produzione del Marsala deve essere effettuata con impiego di alcole di origine vinicola e/o di
acquavite di vino, schiavi di imposta ed anche gli invecchiamenti minimi prescritti per i diversi tipi
devono essere effettuati sotto tale regime in depositi fiduciari ferme restando le disposizioni
sull'invecchiamento.
Nel quadro del regime suddetto devono essere effettuate anche le aggiunte integrative di cui all'art. 6,
comma sesto.
Durante tutte le fasi del processo di elaborazione sotto cauzione, possono essere effettuati controlli e
prelevamenti di campioni dei prodotti impiegati da parte dell'amministrazione finanziaria e degli
organismi dipendenti dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali preposti alla prevenzione
e repressione delle frodi agro-alimentari.
Gli organi di controllo di cui sopra possono effettuare prelevamenti e controlli analitici anche sulle
materie prime impiegate o in corso di impiego.
Il prelevamento dei campioni e la verifica dei risultati delle analisi non impediscono l'avvio ed il
completamento della lavorazione sotto la responsabilità dell'operatore.


Articolo 10
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame
La conformazione orografica della zona tipica di produzione è quasi interamente pianeggiante o di lieve
altitudine (dai 50 m. s.l.m. della fascia costiera a max 300 m. s.l.m. delle basse colline nell'immediato
entroterra).
I vigneti, generalmente affacciati sul mare e comunque esposti ad intensa assolazione, vengono allevati su
terreni aridi, poco fertili, che possono essere anche argillosi, di origine siliceo/calcarea (a volte ricchi di
terre rosse) e sabbiosi, spesso con falde superficiali.
Il clima è mediterraneo-insulare, con inverni anche piovosi ed estati calde ma asciutte, a volte torride a
causa dei frequenti venti caldi africani.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
E' l'uomo a rendere questa zona un unicum, una autentica culla della civiltà mediterranea della vite e del
vino.
Infatti, tutti i popoli che nei millenni vi si sono insediati, ne hanno implementato la naturale vocazione
vitivinicola: dando luogo ad una insieme di passione e di tradizione, di culture e di colture.
I fattori presenti nella zona tipica di produzione del vino a D.O. Marsala consistono in condizioni
specifiche che complessivamente determinano caratteristiche davvero esclusive.
Se ne può dedurre che le doti qualitative del vino rappresentano la risultante organolettica degli elementi
climatici e geologici propri di un'area geografica particolarmente vocata, ma anche dalle consuetudini che
vi si perpetuano da tempo immemorabile.
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale definizione dei
seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrale del vigente disciplinare di
produzione:
- base ampelografia dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione dei vini in questione, sono quelli
tradizionalmente coltivati nell'area geografica considerata;
- le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti, sono
quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle viti, sia
per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione della chioma,
permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben esposta e di contenere le rese di produzione
di vino entro i limiti fissati dal disciplinare;
- le pratiche relative all'elaborazione dei vini sono le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire
ai prodotti le loro caratteristiche specifiche e, in particolare, è ammessa soltanto l'aggiunta di alcole
etilico di origine viticola o di acquavite di vino.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare presentano, dal punto di vista analitico ed organolettico,
caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare, le doti qualitative dei vini liquorosi Marsala a d.o., quali intensità di corpo, consistente
tenore alcolico, elevata longevità, eccellente brillantezza, rappresentano la risultante organolettica degli
elementi climatici, eolici e geologici dell'area particolarmente vocata.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
Il microclima – comunque peculiare di tutta la porzione occidentale della Sicilia – permette alle uve
allevate anche ad alberello - di maturare, concentrando elevati tenori zuccherini e polifenolici che
consentiranno un affinamento di vini con elevati estratti.
Nei dintorni dei centri abitati sono ancora visibili i caratteristici "bagli" – risalenti, per lo più, agli ultimi
duecentocinquanta anni - nei quali veniva originariamente conferita e vinificata l'uva dei generosi feudi
circostanti.
Proprio in questa lunga fascia temporale plurisecolare, si colloca un proficuo connubio fra una diffusa
sapienza contadina e una riconosciuta plurima capacità imprenditoriale che, sinergicamente, hanno dato
luogo al vino Marsala.
Infatti la felice combinazione fra il descritto eco/sistema e le richiamate consuetudini agroviticole, ha
visto fin dalla fine del '700 il sorgere di numerosi stabilimenti e opifici industriali, in parte rimasti ai
giorni nostri e nei quali soltanto si può ottenere questo tradizionale vino liquoroso a denominazione
d'origine.


Articolo 11
Riferimenti alla struttura di controllo
Istituto Regionale Vini e Oli
Viale della Libertà n° 66
90143 - Palermo
Telefono 091 6278111
Fax 091 347870;
e-mail irvv@vitevino.it
L'Istituto Regionale della Vite e del Vino è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei
controlli, approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno
2012, pubblicato in G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |