Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Gravina Doc

Loading

Blog

 

Gravina Doc

02.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA "GRAVINA"


Approvato con DPR 04.06.1983 GU n. 23 - 24.01.1984
Modificato con DM 25.10.2010 GU n. 262 - 09.11.2010 (S.O. n. 245)
Modificato con DM 30.11.2011 GU n. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione di origine controllata «Gravina», è riservata ai vini che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti del presente disciplinare di produzione per le seguenti tipologie:
"Gravina" bianco, "Gravina" spumante, "Gravina" passito, "Gravina" rosso, "Gravina" rosato.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini a denominazione di origine controllata "Gravina" devono essere ottenuti dalle uve provenienti
dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la composizione ampelografica appresso specificata:
Gravina "bianco", anche nella tipologia "Gravina" spumante:
Greco almeno 50%;
Malvasia Bianca e/o Bianca Lunga almeno 20%.
Possono concorrere alla produzione di detto vino le uve provenienti dalle varietà di Fiano, Verdeca,
Bianco di Alessano e Chardonnay per non oltre il 30%.
Gravina "rosso" e "Gravina" "rosato":
Montepulciano almeno 40%
Primitivo almeno 20%.
Possono concorrere alla produzione di detti vini le uve provenienti dalle varietà di Aglianico, Uva
di Troia, Merlot e Cabernet Sauvignon per non oltre il 30%.
Gravina "Passito"
Malvasia 100%.


Articolo 3
Zona di produzione uve
Le uve devono essere prodotte nella zona di produzione che comprende tutto il territorio
amministrativo dei comuni di:Gravina di Puglia Poggiorsini e in parte il territorio dei comuni di:
Altamura Spinazzola tutti in provincia di Bari.
Tale zona è così delimitata: a sud – est del centro abitato di Spinazzola il limite segue in direzione
est la strada per masseria Santeramo e giunta alla quota 330 segue in direzione nord – est il sentiero
che raggiunge la strada per masseria Spada, seguendo questa attraversa la strada ferrata (quota 393)
e proseguendo passa per le quote 438, 441, 438, 426.
A quota 426 segue in direzione sud – est la strada per la località Garagnone e prima di giungervi a
quota 416 prosegue in direzione est per una retta immaginaria che unisce quota 416 con la masseria
Calderoni; dalla masseria Calderoni segue in direzione sud – est la strada che passando per le quote
452, 450, 451, 454, 469, va ad incrociare in prossimità della quota 489 il confine comunale tra
Spinazzola e Poggiorsini, prosegue lungo questi in direzione nord – est e a La Rocca incrocia il
confine del comune di Gravina in Puglia, prosegue lungo tale confine prima in direzione nord e poi
sud – est per lungo tratto fino a raggiungere la quota 487 a nord di Monte Castiglione.
Da quota 487 verso sud – est segue una retta immaginaria che raggiunge la masseria Calderoni
quota (432) da dove prosegue verso est lungo la strada che passa a sud della masseria Pallone e
della località Azzoriddo toccando le quote 417, 422, 414, 409, 402, 407 fino a raggiungere a quota
400 la strada per Altamura; prosegue lungo questa in direzione sud – est fino alla stazione
ferroviaria di Altamura.
Dalla stazione di Altamura segue il tracciato della linea ferroviaria a scartamento ridotto che
inizialmente si dirige verso Gravina di Puglia e che superata la loc alità Pacciarella piega in
direzione sud – est costeggiando poi la strada statale di Matera (n. 99), sempre lungo tale strada
ferrata raggiunge il confine di provincia in località di Rienzo, prosegue quindi in direzione ovest per
il confine di provincia che discende verso sud fino a lambire la masseria Miccolis e quindi
proseguendo verso ovest lungo il confine della provincia di Bari raggiunge in località Cucinella,
lungo la strada che costeggia il torrente Basentello (km 7,200), all'incrocio con la strada che in
direzione nord si immette nella strada statale di Venosa (n. 168 al km 43,100) prosegue quindi
dall'incrocio in direzione nord lungo tale strada toccando le quote 391, 412, 441, 428 e raggiunta la
strada statale di Venosa prosegue lungo questa verso ovest per circa 400 metri, quindi segue per
breve tratto in direzione nord la strada per il sottopassaggio ferroviario e poi la strada ferrata che in
direzione nord ed attraversando la località Gadone raggiunge a sud il centro abitato di Spinazzola da
dove è iniziata la delimitazione.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione del vino a denominazione
di origine controllata di cui all'art. 1 devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e
comunque atte a conferire alle uve ed al vino derivato le specifiche caratteristiche di qualità.
Sono pertanto da considerarsi esclusi, ai fini dell'iscrizione allo schedario viticolo, i vigneti ubicati
su terreni di natura eccessivamente argillosa e con alto tenore di umidità e comunque non adatti.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati e comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
È vietato ogni pratica di forzatura.
La resa massima di uva ammessa alla produzione del vino di cui all'art. 1 non deve essere superiore
a tonnellate 12 per ettaro di vigneto in coltura specializzata.
Le uve destinate alla vinificazione devono assicurare un titolo alcolometrico volumico naturale
minimo di 10,50% vol.
Fermo restando il limite massimo sopra indicato, la produzione per ettaro in coltura promiscua deve
essere calcolata rispetto a quella specializzata, in rapporto alla effettiva superficie coperta dalla vite.
A detto limite, anche in annate eccezionalmente favorevoli, la resa dovrà essere riportata attraverso
un'accurata cernita delle uve.
La Regione, su proposta del Consorzio di tutela, sentite le organizzazioni di categoria interessate, di
anno in anno, prima della vendemmia, può stabilire un limite massimo di produzione di uva per
ettaro inferiore a quello fissato nel presente disciplinare dandone immediata comunicazione al
Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nell'interno della zona di produzione di cui
all'art. 3.
Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali, è consentito che tali operazioni siano effettuate
nell'intero territorio dei comuni anche se soltanto in parte compresi nella zona di cui all'art 3.
Le operazioni di elaborazione e di presa di spuma per la produzione della DOC «Gravina
spumante» devono essere effettuate in stabilimenti situati nell'ambito della provincia di bari nel
rispetto delle norme nazionali e comunitarie in materia.
La resa massima dell'uva in vino non deve essere superiore al 70%.
Per la tipologia «Gravina» passito la resa massima di uva fresca da trasformare in vino finito non
può superare il 50%.
Le uve destinate alla produzione dei vini a D.O.C. «Gravina» Passito, devono subire un leggero
appassimento che assicuri alle uve stesse un contenuto minimo di zuccheri riduttori non inferiore al
23%.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire al
vino le sue peculiari caratteristiche.


Articolo 6
Caratteristiche del vino al consumo
I vini a denominazione di origine controllata «Gravina», all'atto dell'immissione al consumo deve
rispondere alle seguenti caratteristiche:
"Gravina" Bianco
colore: paglierino tendente al verdolino;
odore: caratteristico, gradevole;
sapore: secco o amabile, fresco, sapido, armonico, delicato, talvolta lievemente vivace;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
"Gravina" Rosato
colore: rosato brillante;
odore: caratteristico, gradevole, fruttato;
sapore: secco, fresco, sapido, minerale, armonico, delicato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
"Gravina" Rosso
colore: rosso rubino brillante;
odore: tipico, fruttato, con sentori di more;
sapore: secco, armonico, rotondo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 23,0 g/l.
"Gravina" Spumante
spuma: fine e persistente;
colore: giallo più o meno intenso talvolta con riflessi verdolini;
odore: caratteristico con delicato sentore di lievito;
sapore: vivace, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
"Gravina" Passito
colore: giallo dorato con tendenza all'ambrato;
odore: intenso caratteristico;
sapore: vellutato, gradevolmente amabile o dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 15,00% vol;
titolo alcolometrico volumico minimo svolto: 12,00%vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l
acidità volatile massima: 25 meq/l;
estratto non riduttore minimo: 23,0 g/l.
È in facoltà del Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali modificare, con proprio
decreto, i limiti minimi sopra indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore minimo.
Le operazioni di elaborazione e di presa di spuma per la produzione della DOC "Gravina spumante"
devono essere effettuate in stabilimenti situati nell'ambito della provincia di bari nel rispetto delle
norme nazionali e comunitarie in materia.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla denominazione di cui all'art. 1 è vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione diversa da
quelle previste nel presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi «extra», «fine», «scelto»,
«selezionato», «superiore», «vecchio» e simili.
È tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi o ragioni sociali o marchi
privati, nomi di fantasia, purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in
inganno il consumatore.
Le qualificazioni: Bianco, Rosato, Rosso, Spumante, Passito devono figurare in etichetta
e sono consentite ai diversi tipi di "Gravina" che presentano le rispettive caratteristiche
precisate negli articoli precedenti.
Nella presentazione e designazione dei vini di cui all'art.1, con l'esclusione della tipologia
spumante, è obbligatoria l'indicazione dell'annata di produzione delle uve.
Articolo 8
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazione sulla zona geografica
1) Fattori naturali rilevanti per il legame
La zona geografica delimitata comprende tutto il territorio amministrativo dei comuni di: Gravina di
Puglia Poggiorsini e in parte il territorio dei comuni di: Altamura, Spinazzola, caratterizzati da una
grande unità morfologica e geologica.
La relazione parte dalla natura dei terreni i quali nella zona interessata presentano innanzi tutto un
alto tasso di omogeneità, infatti da un punto di vista geologico le Murge nord-occidentali sono
formate da calcari compatti dell'unità litologica del calcare di Bari e di Altamura (formazione del
cretaceo, risalente a circa 130 milioni di anni fa, il cui spessore raggiunge i 3000 m.). L'altopiano da
noi considerato, comprende le cosiddette Murge nord-occidentali dove si notano le quote più
elevate dell'intero rilievo (M. Caccia 680 m., Torre Disperata 686 m.) con un altezza media che
difficilmente scende al disotto del 350 m s.l.m.
Dal punto di vista strutturale le Murge corrispondono ad un rilievo tabulare allungato nello stesso
senso della Fossa Bradanica, delimitato sul margine sud orientale da una estesa scarpata; verso N-E,
procedendo cioè verso l'Adriatico, il rilievo murgiano degrada sino al livello del mare.
La lunghissima azione di erosione da parte dei venti e soprattutto dalle acque piovane ricche di
anidride carbonica ha modellato le forme di questo esteso altopiano calcareo, creando un
eccezionale patrimonio di fenomeni di origine carsica. Data la costituzione litologica dell'altopiano
su di esso mancano corsi d'acqua perenni, a fronte di una falda sotterranea che, nel settore delle
Murge Alte, dove il carsismo raggiunge il suo massimo sviluppo, può spingersi fino a 400 metri
sotto il livello del mare.
Questa conformazione fa, di questo altipiano, l'habitat ideale per la vigna che affonda le sue radici
nello strato calcareo immediatamente sottostante il sottile strato di terreno fertile, con la
conseguenza che i vigneti qui impiantati hanno rese per ettaro naturalmente basse ed una grande
mineralità sostenuta da una buona acidità in quanto è risaputo che le massime espressioni
qualitative della vite si hanno su terreni minerali, con poca sostanza organica e non troppo ricchi di
acqua, elemento che la natura carsica del terreno rappresenta in maniera ideale. La buona piovosità
dell'area, accompagnata alla pratica dell'irrigazione di sostegno per mezzo di acqua artesiana di cui
il sottosuolo profondo è ricco, compensa la relativa aridità del suolo stesso.
L'elemento distintivo, rispetto al comprensorio circostante esterno all'area a DOC e che ne
caratterizza ulteriormente l'unicità, è dato dall'altitudine media a cui si trovano i vigneti, tutti al
disopra dei 400 metri s.l.m. in aree naturalmente ventilate costantemente, il che rende
particolarmente difficile l'attacco da parte dei più comuni parassiti.
Oltre alla composizione dei terreni, all'andamento pluviometrico ed alla natura collinare dei terreni,
estrema importanza ha l'andamento climatico stagionale che, fatti salvi eventi eccezionali, vede
temperature medie più basse rispetto al resto della regione durante tutto l'anno, con la conseguenza
che le uve che allignano in loco hanno maturazione tardiva rispetto a quelle delle zone limitrofe con
la conseguenza che è estremamente facile produrre vini di grande finezza ed eleganza con minore
potenza alcolica, rispetto ai vini prodotti nelle parti più meridionali della regione.
Il clima è tipicamente pseudo steppico, con temperature estreme quasi mai nella media. Il processo
vegetativo non è molto rigoglioso a causa degli sbalzi climatici, com'è noto questo diventa l'habitat
naturale per la vite che, tradizionalmente, per produrre grande qualità ha bisogno di "soffrire"; per
questa ragione l'equilibrio vegeto-produttivo in questa zona è ottimale e vede le rese, naturalmente
ridotte a quantità che difficilmente superano i 100 quintali per ettaro. La temperatura media annuale
è compresa tra i 10 C° ed i 19 C°, con una temperatura media nei mesi più freddi, compresa tra 0 e
4 C°. Le precipitazioni nel periodo aprile-ottobre dell'ultimo decennio ammontano a circa 300 mm
e cioè circa la metà del totale annuo.
2) Fattori umani rilevanti per il legame
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino "GRAVINA".
L'ampia presenza di vasi a figure rosse, oggi custodite nel Museo Fondazione Pomarici Santomasi
di Gravina in Puglia, raffiguranti baccanali, scene di vendemmia risalenti al IV secolo avanti Cristo,
e tutti i tipi di vasi da vino del periodo.
L'antico insediamento di Gravina, sorgeva sul colle Botromagno lungo la strada che era la via
Appia; originariamente ebbe il nome di Sidion, di estrazione greca e Sidini erano chiamati i suoi
abitanti, come testimoniano alcune monete conservate nel nostro Museo "E.P. Santomasi"; ciò
attesta che Gravina fu una colonia greca che assunse il nome di Silvium successivamente quando fu
colonizzata dai Romani, la viticoltura era di chiara importazione Greca (Malvasia, Greco,
Aglianico, sono tutti vitigni di chiara derivazione dalla Magna Grecia).
La sua strategica posizione sulla via Appia, che ne faceva stazione di posta sulla via che collegava
Roma a Brindisi (porto principale per i commerci con la Grecia) e la successiva sovrapposizione
con la cosiddetta "VIA FRANCIGENA", che rappresentava il corridoio per le crociate in
Terrasanta, rappresentano con certezza le ragioni per cui questo centro fu crocevia di differenti
culture che portarono con se diverse varietà viticole;
Come testimoniano le evidenze sullo studio della "via Francigena" (1) poco prima dell'anno 1000
una comunità di monaci costruì in zona una Chiesa Monastero, ancor oggi visibile ed introdotto le
principali varietà francesi di cui erano custodi, è stata ritrovata, in agro di Gravina presso l'azienda
agricola Lagreca una vite, prefilossera dell'apparente età di 200 anni che testimonia ulteriormente la
presenza già in tempi antichi dei suddetti vitigni.
Le prove sperimentali, condotte dal Consorzio di Tutela in collaborazione con le Cantine
Botromagno, ne hanno attestato la grande compatibilità con gli uvaggi tradizionali ai quali viene
però lasciata dominanza onde non stravolgere le caratteristiche tradizionali della denominazione.
Ulteriore testimonianza dell'importanza dell'agricoltura e della coltura della vite in particolare e
della presenza importante di uve a bacca rossa in zona viene data dallo stesso stemma e dal
gonfalone cittadino risalente al 1542 da in cui compaiono, con evidenza, spighe di grano ed un
tralcio di vite con bacche di colore scuro.
L'incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale definizione
dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente disciplinare di
produzione:
base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione del vino in questione sono quelli
tradizionalmente coltivati nell'area di produzione;
le forme di allevamento, i sesti d'impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti,
sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle
viti, sia per agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione
della chioma. Il sesto d'impianto tradizionale era il tendone, il quale oggi rappresenta circa il 5%
del totale della superficie vitata, soppiantato dalla più moderna spalliera in filari, con interfila tra i
2,20 ed i 2,50 m ed una distanza tra le piante che varia tra 1,10 ed 1,30 m, ovviamente resistono
anche piccoli vigneti con oltre 50 anni di età coltivati ad alberello o a vite maritata. Le forme di
allevamento più comuni sono il guyot ed il cordone speronato con poche gemme per pianta;
le pratiche relative all'elaborazione dei vini sono quelle tradizionalmente consolidate in zona per la
vinificazione.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
I vini di cui al presente disciplinare di produzione presentano, dal punto di vista analitico ed
organolettico, caratteristiche molto evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6, che ne permettono
una chiara individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
In particolare tutti i vini presentano caratteristiche chimico-fisiche equilibrate in tutte le tipologie,
mentre al sapore e all'odore si riscontrano aromi prevalenti tipici dei vitigni.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B).
L'orografia collinare del territorio di produzione e l'esposizione prevalente dei vigneti, orientati ad
est sud est, e localizzati in zone particolarmente vocate alla coltivazione della vite, concorrono a
determinare un ambiente adeguatamente ventilato, luminoso, favorevole all'espletamento di tutte le
funzioni vegeto-produttive della pianta.
Nella scelta delle aree di produzione vengono privilegiati i terreni con buona esposizione adatti ad
una viticoltura di qualità.
La millenaria storia vitivinicola della zona, dalla Magna Grecia, al medioevo, fino ai giorni nostri,
attestata da numerosi documenti, è la fondamentale prova della stretta connessione ed interazione
esistente tra i fattori umani e la qualità e le peculiari caratteristiche del vino "Gravina".
L'antico insediamento di Gravina, sorgeva sul colle Botromagno lungo la strada che era la via
Appia; originariamente ebbe il nome di Sidion, di estrazione greca e Sidini erano chiamati i suoi
abitanti, come testimoniano alcune monete conservate nel nostro Museo "E.P. Santomasi"; ciò
attesta che Gravina fu una colonia greca che assunse il nome di Silvium successivamente quando fu
colonizzata dai Romani, la viticoltura era di chiara importazione Greca (Malvasia, Greco,
Aglianico, sono tutti vitigni di chiara derivazione dalla Magna Grecia).
La sua strategica posizione sulla via Appia, che ne faceva stazione di posta sulla via che collegava
Roma a Brindisi (porto principale per i commerci con la Grecia) e la successiva sovrapposizione
con la cosiddetta "VIA FRANCIGENA", che rappresentava il corridoio per le crociate in
Terrasanta, rappresentano con certezza le ragioni per cui questo centro fu crocevia di differenti
culture che portarono con se diverse varietà viticole.
Come testimoniano le evidenze sullo studio della "via Francigena" poco prima dell'anno 1000 una
comunità di monaci costruì in zona una Chiesa Monastero, ancor oggi visibile ed introdotto le
principali varietà francesi di cui erano custodi, è stata ritrovata, in agro di Gravina presso l'azienda
agricola Lagreca una vite, prefilossera dell'apparente età di 200 anni che testimonia ulteriormente la
presenza già in tempi antichi dei suddetti vitigni.
Per dare l'idea dell'importanza delle uve di questa zona, si citano "Il Tractatus de Vinea, Vindemia
et Vino" del 1603 dove il celebre scienziato agronomico Monopolitano Prospero Rendella, cita la
zona di Gravina come una delle più importanti di tutta la regione.
Oppure il Canonico e studioso don Tobia Stamelluti nel suo manoscritto "Opinioni sulle origini di
Gravina" del 1871, oggi custodito presso il Museo della Fondazione Pomarici Santomasi di
Gravina, il quale cita testualmente "Estesissimi sono i vigneti in tutte le parti, abbondanti e buoni i
vini, ed è celebrata la cosiddetta verdeca, che se si sapesse meglio manifatturare, non sarebbe
diversa dalla vera sciampagna, avendone il colore, la limpidezza e gran quantità di alcool".
Il tutto segno di una costanza nel riconoscimento della importanza della zona vitivinicola che ha
saputo cavalcare non solo i secoli bensì i millenni.
L'intervento dell'uomo nel particolare territorio ha, nel corso dei secoli, tramandato le tradizionali
tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell'epoca moderna e contemporanea sono
state migliorate ed affinate, grazie all'indiscusso progresso scientifico e tecnologico, fino ad
ottenere gli attuali rinomati vini. L'elemento che emerge è la costanza qualitativa, dal punto di vista
analitico, delle produzioni anche in presenza di annate molto diverse tra loro per andamento
climatico, questo evidenzia una elevata adattabilità delle colture ed una elevatissima
specializzazione dei viticoltori della zona nella prevenzione e nella cura della vite.


Articolo 9
Riferimenti alla struttura di controllo
Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Bari
C.so Cavour n. 2
70121 - BARI
La C.C.I.A.A. di Bari è l'Autorità pubblica designata dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per
i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica
ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in

  1. G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |