Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Blog – Aleatico di Gradoli Doc

Loading

Blog

 

Aleatico di Gradoli Doc

05.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  «ALEATICO DI GRADOLI»


Approvato con DPR 21.06.1972 G.U. 217 - 22.08.1972
Modificato con DM 05.06.1996 G.U. 160 - 10.07.1996
Modificato con DM 02.08.2011 G.U. 194 - 22.08.2011
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La denominazione d’origine controllata “Aleatico di Gradoli” è riservata ai vini che rispondono alle
condizioni e ai requisiti prescritti dal presente disciplinare di produzione per le tipologie:
- Aleatico di Gradoli;
- Aleatico di Gradoli liquoroso;
- Aleatico di Gradoli liquoroso riserva;
- Aleatico di Gradoli passito


Articolo 2
Base ampelografica
I vini a denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli», di cui all’art 1 , devono essere
ottenuti dalle uve prodotte dai vigneti aventi, nell’ambito aziendale, la seguente composizione
ampelografica:
- Aleatico minimo 95%;
- altri vitigni a bacca di colore analogo idonei alla coltivazione per la Regione Lazio, fino ad un
massimo del 5%.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
Le uve destinate alla produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Aleatico di
Gradoli» di cui all’art. 1 devono essere prodotte nell’intero territorio amministrativo dei comuni di:
Gradoli, Grotte di Castro e San Lorenzo Nuovo ed in parte del territorio del comune di Latera in
provincia di Viterbo.
La zona è così delimitata: partendo dalla riva del lago di Bolsena alla confluenza sulla medesima
del confine comunale di S. Lorenzo Nuovo e Bolsena in località Renano, la linea di delimitazione
segue verso nord tale confine comunale e successivamente verso ovest sino a incontrare quello tra
S. Lorenzo Nuovo e Grotte di Castro (q.439).
Da quota 439 la linea di delimitazione prosegue verso ovest lungo il confine di grotte di Castro per
poi scendere verso sud fino alla confluenza di questo confine con quello di Gradoli e Latera in
località La Buca. Da qui prosegue verso ovest lungo il confine di Latera fino al punto in cui questi
si allontana da quello provinciale, in prossimità di Poggio Sant’Anna.
Da tale punto di delimitazione prosegue in linea retta in direzione sud-est fino a quota 461 da dove,
per Madonna della Cava e C. le Coste, raggiunge il confine di Gradoli che segue verso est fino alla
sponda del lago di Bolsena.
Lungo la sponda, verso nord, la linea di delimitazione torna nuovamente alla località Renano, punto
di partenza.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione
di origine controllata «Aleatico di Gradoli» devono essere quelle tradizionali della zona o,
comunque, atte a conferire alle uve, ai mosti ed ai vini derivati le specifiche caratteristiche
tradizionali di qualità.
Sono, pertanto, da considerarsi idonei unicamente i vigneti situati ad un’altitudine non superiore ai
600 metri sul livello del mare.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura devono essere quelli
generalmente usati o, comunque, atti a non modificare le caratteristiche delle uve, dei mosti e dei
vini.
È vietata ogni pratica di forzatura. É consentita l’irrigazione di soccorso.
La produzione massima di uva ad ettaro e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo sono le
seguenti:
-Aleatico di Gradoli:
Produzione uva tonn/ettaro: 9,00
Titolo alcolometrico volumico naturale minimo: 11,50 vol.
- Aleatico di Gradoli liquorso e liquoroso riserva:
Produzione uva tonn/ettaro: 9,00
Titolo alcolometrico volumico naturale minimo: 12,00 vol.
- Aleatico di Gradoli passito:
Produzione uva tonn/ettaro: 9,00
Titolo alcolometrico volumico naturale minimo: 16,00% Vol.
Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare, alla produzione dei vini a
denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli» devono essere riportati nei limiti di cui
sopra purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, fermo restando i limiti
resa uva/vino per i quantitativi di cui trattasi.
La Regione Lazio, con proprio decreto, sentite le organizzazioni di categoria interessate, di anno in
anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni ambientali di coltivazione, può
modificare il limite massimo di produzione di uva per ettaro dandone immediata comunicazione
all’organismo di controllo incaricato.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione, di preparazione e di affinamento dei vini a denominazione di origine
controllata «Aleatico di Gradoli» di cui all’art. 1 devono essere effettuate nell’interno della zona di
produzione delimitata dal precedente art. 3.
Tuttavia, tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione, è consentito che tali operazioni
siano effettuate nell’intero territorio dei comuni anche se soltanto in parte compresi nella zona
delimitata.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti, atte a
conferire ai vini le sue peculiari caratteristiche.
Per i vini a denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli» la resa massima dell’uva in
vino finito non deve essere superiore al 70%.
Qualora la resa uva/vino superi detto limite, ma non oltre il 75%, l’eccedenza non ha diritto ad
alcuna denominazione di origine controllata; oltre il 75% decade il diritto alla denominazione di
origine controllata per tutto il prodotto.
Per la tipologia “passito” la resa uva/vino non deve essere superiore al 45%.
Le uve destinate alla produzione del vino “Aleatico di Gradoli” passito devono essere sottoposte ad
un periodo di appassimento che deve essere protratto fino a raggiungere un contenuto zuccherino
minimo di 280 grammi/litro.
I vini a denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli» liquoroso devono essere ottenuti
mediante alcolizzazione in conformità alle disposizioni delle norme vigenti.
Il vino a denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli» liquoroso deve aver subito un
periodo minimo di affinamento di sei mesi a decorrere dalla data di alcolizzazione.
Il vino a denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli» liquoroso riserva deve aver
subito un periodo di invecchiamento di almeno due anni dalla data di alcolizzazione in botti di
rovere di capacità non superiore a 250 litri ed un ulteriore affinamento in bottiglia di almeno un
anno.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini a denominazione di origine controllata «Aleatico di Gradoli» devono rispondere, all’atto
dell’immissione al consumo, rispettivamente alle seguenti caratteristiche:
«Aleatico di Gradoli»:
- colore: rosso granato con tonalità violacee;
- odore: finemente aromatico, caratteristico;
- sapore: di frutto fresco, morbido, vellutato, dolce;
- titolo alcolometrico minimo volumico complessivo: 12,00% vol di cui almeno 9,50% vol svolti;
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
«Aleatico di Gradoli» liquoroso:
- colore: rosso granato più o meno intenso, talvolta con riflessi violacei;
- odore: aromatico, delicato, caratteristico;
- sapore: pieno, dolce, armonico, gradevole;
- titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 17,50% vol di cui almeno 15,00% vol svolti;
- acidità totale minima: 4,0 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l.
«Aleatico di Gradoli» liquoroso riserva:
- colore: rosso granato più o meno intenso, tendente talvolta all’arancione con l’invecchiamento;
- odore: aromatico, caratteristico dell’invecchiamento in botte di rovere;
- sapore: pieno, dolce più o meno tannico, armonico, gradevole;
- titolo alcolometrico volumico minimo complessivo: 17,50% vol di cui almeno 15,00% vol svolti;
- acidità totale minima: 4,0 g/l;
- estratto secco netto minimo: 20,0 g/l.
«Aleatico di Gradoli» passito:
- colore: rosso rubino talvolta con riflessi violacei;
- odore: fruttato, finemente aromatico, caratteristico;
- sapore: di frutta matura, dolce;
- titolo alcolometrico minimo volumico complessivo: 16,00% vol di cui almeno 9,00% vol svolti;
- acidità totale minima: 4,5 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 28,0 g/l.
È facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali di modificare i sopraindicati
limiti di acidità totale e l’estratto non riduttore minimo.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alle denominazioni di cui all’art. 1 è vietata l’aggiunta di qualsiasi qualificazione ivi compresi gli
aggettivi: «extra», «superiore», «fine», «scelto», «selezionato» e similari.
Sulle bottiglie o altri recipienti contenenti il vino «Aleatico di Gradoli», di cui all’art 1, è
obbligatoria l’indicazione dell’annata di produzione delle uve.


Articolo 8
Confezionamento
Per le tipologie «Aleatico di Gradoli» passito, liquoroso e liquoroso riserva è consentito
l'imbottigliamento in recipienti di volume nominale fino a 0,750 litri, con tappo sughero.


Articolo 9
Legame con l’ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica.
1. Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica delimitata ricade nella parte settentrionale della regione Lazio, in Provincia di
Viterbo, si estende su una superficie di circa 8.500 ettari, e comprende un territorio di media e alta
collina, situato sulle pendici del distretto vulcanico Vulsino poste a settentrione.
I terreni sono di origine vulcanica e ricadono nella struttura principale del distretto che è quella
della vasta conca del lago di Bolsena, che si è creata come un ampio bacino di collasso dovuto al
verificarsi di una serie di esplosioni, avvenute in più fasi successive; lo sprofondamento della
caldera è stato controllato da un sistema di faglie a carattere regionale. L’attività vulcanica ebbe
inizio circa 800.000 anni fa con lo sviluppo di colate di lave e con la form azione di coni di scorie.
Successivamente, circa 600.000 mila anni fa, l’attività si sviluppò maggiormente in corrispondenza
di un primitivo centro, oggi non più evidente, in corrispondenza della conca lacustre. A questa
attività si riconducono i materiali vulcanici più antichi presenti sia ad est che a sud della conca
lacustre. Le rocce che appartengono a questo complesso sono particolarmente ricche in potassio.
Il territorio è prevalentemente pedomontano-collinare, con i terreni in dolce pendio. E’ possibile
suddividere l’area DOC nelle seguenti zone: zona ad andamento sub pianeggiante, con quote
altimetriche comprese tra i 300 e i 400 metri, dislocate soprattutto nella parte meridionale e
settentrionale; zona ad andamento collinare presenti soprattutto nella parte orientale dell’area con
quote altimetriche che raggiungono i 600 metri.
La natura dei terreni è di conseguenza condizionata dall’attività del vulcano, per cui è possibile
distingure due tipologie: nella zona nord ed in quella occidentale dell’area prevalgono materiali
dovuti all’attività intercalderica finale quali lave (tefriti fonolitiche e leucitiche), scorie saldate e
stratificate e banchi di lapilli alternati a lenti e strati di ceneri debolmente cementate; solo in alcune
zone si rinvengono tufi leucititici contenenti grossi proietti lavici; nella zona orientale ed in quella
meridionale prevalgono materiali quali i tufi leucititici grigiastri detti di Montefiascone e, con
alternanza di ceneri, sabbie vulcaniche e lapilli (talvolta a consistenza litoide), con inclusi lavici di
dimensione variabile in relazione alla loro distanza dai centri di emissione. Intercalate a questi si
rinvengono colate di lava leucitica, sempre di limitata estensione. Localmente sono stati rinvenuti
strati di pomici e ceneri con livelletti tifatici di sedimentazione lacustre. La permeabilità di questo
tipo di rocce è sempre piuttosto elevata sia per porosità (tufi, lapilli, sabbie) che per fessurazione
(lave).
L’altitudine dei terreni coltivati a vite è compresa tra i 305 e i 600 m s.l.m. con pendenza variabile e
l’esposizione generale è orientata verso ovest, sud-ovest e sud.
Il clima dell’area delimitata ricade nella regione temperata con caratteristiche riconducibili al
termotipo collinare inferiore/superiore – umido inferiore è caratterizzato da precipitazioni medie
annue comprese tra i 775 ed i 1214 mm, con debole aridità estiva (pioggia 112-152 mm) nei mesi di
luglio agosto e sporadicamente a giugno. La temperatura media è compresa tra i 12,4 ed i 13,8°C:
freddo prolungato da ottobre ad maggio, con temperatura media inferiore ai 10°C per 4-5 mesi
l’anno e temperatura media minima del mese più freddo dell’anno che oscilla tra 1,9 e 2,9° C.
La combinazione tra natura del terreno e fattori climatici fanno della zona delimitata come DOC Aleatico di
Gradoli un territorio altamente vocato alla produzione di vini di pregio.
2. Fattori umani rilevanti per il legame.
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere il vino “Aleatico di Gradoli”. La viticoltura dell’areale di
Gradoli si sviluppò sicuramente in epoche antiche anche grazie all’influenza positiva sul clima del
vasto bacino lacustre di Bolsena, e sul quale si affacciano la gran parte dei terreni vitati.
Presso gli Etruschi la coltivazione della vite raggiunse un notevole progresso, favorito anche da
evolute conoscenze tecniche e da materiale ampelografico di varia origine, raccolto attraverso gli
ampi rapporti commerciali di questo popolo. La coltivazione della vite continuò ed ebbe maggiore
espansione ad opera dei Romani, passò indenne attraverso i secoli bui, tanto che nel 1627 il Tassoni
nell’opera De’ pensieri diversi, discorrendo sul declino dei vini di Napoli presso i Romani riporta:
“..e trouano di preferire i vini loro più sani allo stomaco, e più grati al gusto di quelli di Napoli,
massimamente gli Albani, i Gianziani, quei di Marino, di Caprarola, di Graduli”.
Non mancano testimonianze di partecipazione a manifestazioni come l’Aleatico di Gradoli,
presentato nel 1861 all’Esposizione Italiana Agraria, Industriale e Artistica di Firenze, dal Sig.
Murzi Antonio di Orvieto.
Nel 1929, con la fondazione della Cantina Oleificio Sociale di Gradoli, la produzione dell’Aleatico
di Gradoli ha avuto un nuovo impulso conquistando i mercati nazionali ed internazionali, come
testimoniano i premi ed i riconoscimenti conquistati: 1932 Fiera del Levante (terza mostra
nazionale del vino) Bari diploma di medaglia Vermeil per il vino Aleatico, 1934 Terza Mostra
dell'Agricolture a Firenze Diploma con Medaglia d'Oro per i vini Aleatico e Grechetto, 1937
Exposition Internazionale des Arts ed des tecniques Parigi Diplome de Grand Prix, 1938 Fiera
Internazionale di Tripoli Diploma con Medaglia d'Oro, 1971 Esposizione dei vini prodotti dalle
Cantine Sociali delle Regione Lazio a Malta Attestato di Merito per la presentazione di Vini tipici e
di qualità superiore, 1971 Settima Mostra Mercato Nazionale Vini tipici e pregiati a Siena Diploma
di Merito per il Vino Aleatico, 2004 Selezione dei Vini del Lazio a Roma Diploma di Merito per il
Vino Aleatico annata 2002.
Nei corso dei secoli la viticoltura ha mantenuto il ruolo di coltura principe del territorio, fino
all’attualità, come testimoniano i Vendemmiali giunti all’ottantaseiesima edizione.
Grazie alle loro peculiarità, numerosi sono i riconoscimenti ottenuti dai vini a DOC Aleatico di
Gradoli sia in ambito locale, nazionale che internazionale; ben figurano inoltre sulle principali guide
nazionali. Anche nei concorsi sia nazionali, sia internazionali i vini hanno ricevuto e continuano a
ottenere numerosi riconoscimenti
L’incidenza dei fattori umani, nel corso della storia, è in particolare riferita alla puntuale
definizione dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del vigente
disciplinare di produzione:
- base ampelografica dei vigneti: il vitigno idoneo alla produzione del vino in questione, è quello
tradizionalmente coltivata nell’area geografica considerata: l’Aleatico;
- le forme di allevamento, i sesti d’impianto e i sistemi di potatura che, anche per i nuovi impianti,
sono quelli tradizionali e tali da perseguire la migliore e razionale disposizione sulla superficie delle
viti, sia per agevolare l’esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione
della chioma, permettendo di ottenere una adeguata superficie fogliare ben esposta e di contenere le
rese di produzione di vino entro i limiti fissati dal disciplinare (63 hl/ha per tutte la tipologie di
base, liquoroso e liquoroso riserva e 40,5 hl/ha per la tipologia passito);
- le pratiche relative all’elaborazione dei vini, che sono quelle tradizionalmente consolidate in zona
per la vinificazione in rosso dei vini tranquilli o liquorosi, adeguatamente differenziate per la
tipologia di base e le tipologie liquoroso, liquoroso riserva e passito, riferite quest’ultime a vini
rossi maggiormente strutturati, la cui elaborazione comporta determinati periodi di invecchiamento
ed affinamento in bottiglia obbligatori.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico.
La DOC “Aleatico di Gradoli” è riferita a 4 tipologie di vino rosso (“di base”, “liquoroso”, “liquoroso
riserva”, “passito”) che dal punto di vista analitico ed organolettico presentano caratteristiche molto
evidenti e peculiari, descritte all’articolo 6 del disciplinare, che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all’ambiente geografico.
Nello specifico le singole tipologie di vino si caratterizzano:
- “Aleatico di Gradoli”: buona struttura e presenza di buone dotazioni polifenoliche polimerizzate,
che conferiscono al vino carattere di pienezza di corpo e assenza di ruvidezza. Il prodotto presenta
un colore rosso granato con tonalità violacee, odore con sentori fruttati tipici della cultivar,
finemente aromatico, sapore di frutto fresco, morbido, vellutato, dolce.
- “Aleatico di Gradoli” liquoroso: buona struttura e presenza di buone dotazioni polifenoliche
polimerizzate, che conferiscono al vino carattere di pienezza di corpo, assenza di ruvidezza e buona
longevità. Il prodotto presenta un colore rosso granato più o meno intenso, talvolta con riflessi
violacei, odore con sentori fruttati tipici della cultivar, aromatico, delicato, caratteristico, sapore
pieno, dolce, armonico, gradevole.
- “Aleatico di Gradoli” liquoroso Riserva: buona struttura e presenza di buone dotazioni polifenoliche
polimerizzate, che conferiscono al vino carattere di pienezza di corpo, assenza di ruvidezza e buona
longevità. Il prodotto presenta un colore rosso granato più o meno intenso, tendente talvolta
all’arancione con l’invecchiamento, odore aromatico, caratteristico dell’invecchiamento in botte di
rovere, sapore pieno, dolce più o meno tannico, armonico, gradevole.
- “Aleatico di Gradoli” passito: buona struttura e presenza di buone dotazioni polifenoliche
polimerizzate, che conferiscono al vino carattere di pienezza di corpo, assenza di ruvidezza e buona
longevità. Il prodotto presenta un colore rosso rubino talvolta con riflessi violacei, odore intenso
con sentori fruttati tipici della cultivar, finemente aromatico, sapore di frutta matura, dolce.
Al sapore tutti i vini presentano un’acidità normale, un amaro poco percepibile, poca astringenza e
buona struttura, che contribuiscono al loro equilibrio gustativo.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla lettera
B).
L’orografia collinare dell’areale di produzione, nel distretto vulcanico Vulsino, e l’esposizione ad
ovest, sud-ovest e sud, concorrono a determinare un ambiente arioso, luminoso e con un suolo
naturalmente sgrondante dalle acque reflue, particolarmente vocato per la coltivazione dei vigneti del
“Aleatico di Gradoli”. Da tale area sono peraltro esclusi i terreni ubicati a quote troppo basse non
adatti ad una viticoltura di qualità.
Anche la tessitura e la struttura chimico-fisica dei terreni interagiscono in maniera determinante con la
coltura della vite, contribuendo all’ottenimento delle peculiari caratteristiche fisico chimiche ed
organolettiche del “Aleatico di Gradoli”.
In particolare, i terreni, riconducibili all’attività intercalderica finale del vulcano Vulsino, sono
costituiti in prevalenza da tufi leucititici grigiastri detti di Montefiascone, con alternanza di ceneri,
sabbie vulcaniche e lapilli e sono caratterizzati da una permeabilità piuttosto elevata sia per porosità
(tufi, lapilli, sabbie) che per fessurazione (lave). Presentano un normale contenuto di elementi nutritivi
e sono idonei ad una vitivinicoltura di qualità conferendo ai vini particolare equilibrio e complessità.
Anche il clima dell’areale di produzione, caratterizzato da precipitazioni sufficienti (mediamente
995 mm), con scarse piogge estive (130 mm) e debole aridità nei mesi di luglio e agosto,
sporadicamente anche a giugno, da una discreta temperatura media annuale (13,1 °C), unita ad una
temperatura relativamente elevata, un’ottima insolazione nei mesi di settembre ed ottobre, ma con
una elevata escursione termica tra notte e giorno, consente alle uve di maturare lentamente e
completamente, contribuendo in maniera significativa alle particolari caratteristiche organolettiche
del vino "Aleatico di Gradoli”.
In particolare, la combinazione tra le caratteristiche del terreno ed i fattori climatici, determina per i
vini rossi un’ottimale maturazione fenolica, che unita ad un ottimale rapporto tra zuccheri e acidi
permette di ottenere vini caratterizzati da elevata struttura, con un grande equilibrio fra le diverse
componenti.
La millenaria storia vitivinicola riferita alla terra di “Gradoli”, dagli etruschi, passando dall’epoca
romana, al medioevo, fino ai giorni nostri, attestata da numerosi documenti, è la generale e
fondamentale prova della stretta connessione ed interazione esistente tra i fattori umani e la qualità e
le peculiari caratteristiche del vino “Aleatico di Gradoli”.
Ovvero è la testimonianza di come l’intervento dell’uomo nel particolare territorio abbia, nel corso dei
secoli, tramandato le tradizionali tecniche di coltivazione della vite ed enologiche, le quali nell’epoca
moderna e contemporanea sono state migliorate ed affinate, grazie all’indiscusso progresso scientifico
e tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini “Aleatico di Gradoli”, le cui peculiari caratteristiche
sono descritte all’articolo 6 del disciplinare.
In particolare la presenza della viticoltura nella zona di “Gradoli” è attestata fin dall’epoca romana, in
molte opere dei georgici latini.
Nel medioevo: i contratti agrari ed i documenti di varia natura, conservati presso gli archivi monastici,
confermano la diffusione di tale coltura.
In tempi più recenti, nell’opera Viaggi ai vulcani spenti d’Italia nello Stato Romano verso il
Mediterraneo (1814), il Procaccini Ricci, esperto geologo, descrive un viaggio in cui passa nei
territori di Bolsena, Latera, Gradoli, ed oltre a descrivere le caratteristiche delle rocce e dei terreni
riporta anche l’agricoltura presente. A proposito di vitivinicoltura scrive: “Gradoli…I vigneti qui
attorno vi prosperano assai bene, e danno uve eccellenti, capaci di formare vini squisiti. L’Aleatico
vi è stato introdotto da qualche industre viticoltore, e vi ha provato a maraviglia, ed io stesso ho
bevuto questo vino così buono allo stomaco e soavissimo al palato, che mi è paruto non cedere al
tanto celebre ed a ragione encomiatissimo di Toscana, e di Firenze segnatamente”.
Successivamente il Moroni nel Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica (1854), nel parlare di
Gradoli riporta “..Il territorio è fertile, fruttifero di eccellenti vini bianchi e rossi, massimo
l’aleatico”.
Anche il Nigrisoli nella Rivista dei più importanti prodotti naturali e manifatturieri dello Stato
Pontificio (1857), parla dei prodotti naturali esistenti nella Delegazione di Viterbo e scrive: “.. La
cultura delle viti è giunta ad un alto grado di sviluppo, raccogliendosi dai campi, e dalle vigne vini
rossi, e bianchi vigorosi”, ed ancora “mentre tra i vini rossi sono in maggior credito quelli delle
Grotte di San Lorenzo, di Gradoli ,di Castro”.
Sempre nel 1857, nella Topografia statistica dello stato pontificio il Palmieri scrive per Gradoli “Il
ridetto popolo di Gradoli, ove sono molto belle le donne, è occupato con attività parte nella pesca,
parte in lavorare botti, tini, cerchi, ed il più negli agrarii lavori del proprio territorio della superficie
di tavole 131419, dove sono assai feraci le terre, in specie quelle dette del Piano del Lago di
Gradoli, ove raccolgono in copia castagne, legumi, tutta sorta di buone frutta, e vini bianchi e rossi
così prelibati, che si fa di essi grande commercio nella Capitale, ed in ispecie dell'eccellente
Alleatico vino”, per Latera “..vi si raccolgono buoni vini bianchi, e rossi” e per Grotte di Castro “il
territorio..assai ben coltivato, feracissimo, e abbonda di squisito vino”.
Negli Atti della Giunta per la Inchiesta Agraria e sulle condizioni della classe agricola (1883), si
riporta “Dei vini di lusso nella provincia di Roma, non se ne producono in quantità apprezzabile; e
soltanto l’Aleatico di Gradoli gode di una qualche reputazione”.
La storia recente è caratterizzata da un’evoluzione positiva della denominazione, dall’impianto di
nuovi vigneti, dalla nascita di nuove aziende che, unite alla professionalità degli operatori hanno
contribuito ad accrescere il livello qualitativo e la rinomanza del vino “Aleatico di Gradoli”.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Agroqualità S.p.A.
Viale Cesare Pavese, 305 - 00144 ROMA
Telefono +39 06 54228675
Fax +39 06 54228692
Website: www.agroqualita.it
e-mail: agroqualita@agroqualita.it
La Società Agroqualità è l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato
1), che effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare,
conformemente all’articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE
n. 607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli
combinata (sistematica ed a campione) nell’arco dell’intera filiera produttiva (viticoltura,
elaborazione, confezionamento), conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |