Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Disciplinari di produzione vini – Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese o Sangue di Giuda Doc

Loading

Disciplinari di produzione vini

Disciplinare di produzione dei vini

Denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta

Per denominazione di origine protetta (DOP) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualita' e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all'ambiente naturale ed ai fattori umani. Costituiscono altresi' una denominazione di origine taluni termini usati tradizionalmente, alle condizioni previste dall'articolo 118-ter, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007.

Per indicazione geografica protetta (IGP) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualita', notorieta' e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona.

Classificazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche

1. Le denominazioni di origine protetta (DOP) con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto, si classificano in:
a) denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG);
b) denominazioni di origine controllata (DOC).

2. Le DOCG e le DOC sono le menzioni specifiche tradizionali utilizzate dall'Italia per designare i prodotti vitivinicoli DOP, come regolamentati dalla Comunita' europea. Le menzioni «Kontrollierte Ursprungsbezeichnung» e «Kontrollierte und garantierte Ursprungsbezeichnung» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco. Le menzioni «Appellation d'origine contrôlee» e «Appellation d'origine contrôlee et garantie» possono
essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella regione Valle d'Aosta, di bilinguismo francese. Le menzioni «kontrolirano poreklo» e «kontrolirano in garantirano poreklo» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla legge 23 febbraio 2001, n. 38, recante norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli-Venezia Giulia.

3. Le IGP con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). L'indicazione geografica tipica costituisce la menzione specifica tradizionale utilizzata dall'Italia per designare i vini IGP come regolamentati dalla Comunita' europea. La menzione «Vin de pays» puo' essere utilizzata per i vini IGT prodotti in Val d'Aosta, di bilinguismo francese, la menzione «Landwein» per i vini IGT prodotti in provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco, e la menzione «deželma oznaka» per i vini IGT prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla richiamata legge 23 febbraio 2001, n. 38. 

4. Le menzioni specifiche tradizionali italiane di cui al presente articolo, anche con le relative sigle DOC, DOCG e IGT, possono essere indicate in etichettatura da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea.

 N° DENOMINAZIONE VINO  Espressione comunitaria  Menzione tradizionale art. 112, lett. a) del Reg. (UE) 1308/2013  Numero fascicolo Numero e-Bacchus Regione o Provincia Autonoma


1 Aglianico del Taburno DOP DOCG PDO-IT-A0277 CAMPANIA
2 Aglianico del Vulture Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0527 BASILICATA
3 Alta Langa DOP DOCG PDO-IT-A1252 PIEMONTE
4 Amarone della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0435 VENETO
5 Asti DOP DOCG PDO-IT-A1396 PIEMONTE
Bagnoli Friularo Friularo di Bagnoli DOP DOCG PDO-IT-A0467 VENETO
7 Barbaresco DOP DOCG PDO-IT-A1399 PIEMONTE
8 Barbera d'Asti DOP DOCG PDO-IT-A1398 PIEMONTE
9 Barbera del Monferrato Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1397 PIEMONTE
10 Bardolino Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0437 VENETO
11 Barolo DOP DOCG PDO-IT-A1389 PIEMONTE
12 Brachetto d'Acqui Acqui DOP DOCG PDO-IT-A1382 PIEMONTE
13 Brunello di Montalcino DOP DOCG PDO-IT-A1199 TOSCANA
14 Cannellino di Frascati DOP DOCG PDO-IT-A0678 LAZIO
15 Carmignano DOP DOCG PDO-IT-A1220 TOSCANA
16 Castel del Monte Bombino Nero DOP DOCG PDO-IT-A0537 PUGLIA
17 Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0538 PUGLIA
18 Castel del Monte Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0539 PUGLIA
19 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0483 MARCHE
20 Cerasuolo di Vittoria DOP DOCG PDO-IT-A0773 SICILIA
21 Cesanese del Piglio Piglio DOP DOCG PDO-IT-A0680 LAZIO
22 Chianti DOP DOCG PDO-IT-A1228 TOSCANA
23 Chianti Classico DOP DOCG PDO-IT-A1235 TOSCANA
24 Colli Asolani - Prosecco Asolo - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0514 VENETO
25 Colli Bolognesi Classico Pignoletto DOP DOCG PDO-IT-A0284 EMILIA ROMAGNA
26 Colli di Conegliano DOP DOCG PDO-IT-A0453 VENETO
27 Colli Euganei Fior d'Arancio Fior d'Arancio Colli Euganei DOP DOCG PDO-IT-A0455 VENETO
28 Colli Orientali del Friuli Picolit DOP DOCG PDO-IT-A0938 FRIULI VENEZIA GIULIA
29 Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Conegliano - Prosecco Valdobbiadene - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0515 VENETO
30 Cònero DOP DOCG PDO-IT-A0449 MARCHE
31 Dogliani DOP DOCG PDO-IT-A1330 PIEMONTE
32 Dolcetto di Diano d'Alba Diano d'Alba DOP DOCG PDO-IT-A1324 PIEMONTE
33 Dolcetto di Ovada Superiore Ovada DOP DOCG PDO-IT-A1319 PIEMONTE
34 Elba Aleatico Passito Aleatico Passito dell'Elba DOP DOCG PDO-IT-A1237 TOSCANA
35 Erbaluce di Caluso Caluso DOP DOCG PDO-IT-A1315 PIEMONTE
36 Fiano di Avellino DOP DOCG PDO-IT-A0232 CAMPANIA
37 Franciacorta DOP DOCG PDO-IT-A1034 LOMBARDIA
38 Frascati Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0682 LAZIO
39 Gattinara DOP DOCG PDO-IT-A1311 PIEMONTE
40 Gavi Cortese di Gavi DOP DOCG PDO-IT-A1310 PIEMONTE
41 Ghemme DOP DOCG PDO-IT-A1263 PIEMONTE
42 Greco di Tufo DOP DOCG PDO-IT-A0236 CAMPANIA
43 Lison DOP DOCG PDO-IT-A0457 FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO
44 Montecucco Sangiovese DOP DOCG PDO-IT-A1246 TOSCANA
45 Montefalco Sagrantino DOP DOCG PDO-IT-A0833 UMBRIA
46 Montello rosso Montello DOP DOCG PDO-IT-A0461 VENETO
47 Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOP DOCG PDO-IT-A0876 ABRUZZO
48 Morellino di Scansano DOP DOCG PDO-IT-A1260 TOSCANA
49 Offida DOP DOCG PDO-IT-A0477 MARCHE
50 Oltrepò Pavese metodo classico DOP DOCG PDO-IT-A0958 LOMBARDIA
51 Piave Malanotte Malanotte del Piave DOP DOCG PDO-IT-A0463 VENETO
52 Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOP DOCG PDO-IT-A0535 PUGLIA
53 Ramandolo DOP DOCG PDO-IT-A0939 FRIULI VENEZIA GIULIA
54 Recioto della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0441 VENETO
55 Recioto di Gambellara DOP DOCG PDO-IT-A0470 VENETO
56 Recioto di Soave DOP DOCG PDO-IT-A0465 VENETO
57 Roero DOP DOCG PDO-IT-A1261 PIEMONTE
58 Romagna Albana DOP DOCG PDO-IT-A0285 EMILIA ROMAGNA
59 Rosazzo DOP DOCG PDO-IT-A0367 FRIULI VENEZIA GIULIA
60 Ruchè di Castagnole Monferrato DOP DOCG PDO-IT-A1258 PIEMONTE
61 Scanzo Moscato di Scanzo DOP DOCG PDO-IT-A0949 LOMBARDIA
62 Sforzato di Valtellina Sfursat di Valtellina DOP DOCG PDO-IT-A1035 LOMBARDIA
63 Soave Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0473 VENETO
64 Suvereto DOP DOCG PDO-IT-A1266 TOSCANA
65 Taurasi DOP DOCG PDO-IT-A0237 CAMPANIA
66 Torgiano Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0834 UMBRIA
67 Val di Cornia Rosso Rosso della Val di Cornia DOP DOCG PDO-IT-A1262 TOSCANA
68 Valtellina Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1036 LOMBARDIA
69 Verdicchio di Matelica Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0480 MARCHE
70 Vermentino di Gallura DOP DOCG PDO-IT-A0903 SARDEGNA
71 Vernaccia di San Gimignano DOP DOCG PDO-IT-A1292 TOSCANA
72 Vernaccia di Serrapetrona DOP DOCG PDO-IT-A0445 MARCHE
73 Vino Nobile di Montepulciano DOP DOCG PDO-IT-A1308 TOSCANA

 

Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese o Sangue di Giuda Doc

14.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA  "SANGUE DI GIUDA DELL'OLTREPÒ PAVESE" O "SANGUE DI GIUDA"


Approvata come tipologia della DOC "Oltrepò Pavese" con D.P.R. 6.08.70 G.U. 273 – 27.10.1970
Approvato DOC con D.M. 3.08.2010 G.U. 191 – 17.08.2010
Modificato con D.M. 3.11.2010 G.U. 269 – 17.11.2010
Modificato con D.M. 30.11.2011 G.U. 295 – 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con D.M. 7.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda" è riservata ai vini, anche nelle tipologie "frizzante" e "spumante", che rispondono alle
condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
I vini "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese o Sangue di Giuda", devono essere ottenuti dalle uve
prodotte dai vigneti aventi, nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica:
- Barbera: dal 25% al 65%;
- Croatina: dal 25% al 65%;
- Uva rara, Ughetta (Vespolina) e Pinot nero: congiuntamente o disgiuntamente, fino a un
massimo del 45%.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione delle uve destinate alla produzione del vino "Sangue di Giuda dell'Oltrepò
Pavese" o "Sangue di Giuda" è delimitata come segue:
dalla strada statale n. 10 al km 162+700 segue quale confine a est la strada comunale per
Bosnasco, Costamontefedele, fraz. Casotti. Da qui segue in direzione fraz. Braccio fino al bivio per
la fraz. Villa Marone, si prosegue fino alla fraz. Barbaleone fino a raggiungere la via Marconi,
quindi a ovest fino a raggiungere Boffalora, Poggiolo e ancora per Cerisola, Donelasco e Santa
Maria della Versa. Da qui scende a nord per la provinciale Santa Maria-Stradella, sino alla frazione
Begoglio, dove devia a ovest per la comunale che tocca le frazioni: Squarzine, Gaiasco, Cella, Ca'
di Paglia sino al ponte del torrente Scuropasso in località Molino Sacrista. Quindi scende a valle
lungo il torrente Scuropasso, sino a incontrare il confine comunale tra Lirio e Pietra de' Giorgi a
comprendere per intero quest'ultimo territorio comunale e quello di Cigognola a sud della strada
statale n. 10 che costituisce il confine nord sino al chilometro n. 162+700, all'imbocco della strada
comunale per Bosnasco.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
4.1) Condizioni naturali dell'ambiente
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a
Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda", devono essere quelle tradizionali della zona di produzione e, comunque, atte a conferire
alle uve e ai vini le specifiche tradizionali caratteristiche di qualità.
I vigneti devono essere posti su terreni di natura calcarea o calcareo-argillosa e su pendici collinari
ben soleggiate escludendo comunque i fondovalle e i terreni di pianura.
4.2) Densità di impianto
Per i nuovi impianti ed i reimpianti la densità dei ceppi per ettaro non può essere inferiore a 4.000.
Per gli appezzamenti di croatina la densità di ceppi per ettaro non può essere inferiore a 3.200.
4.3) Sesti d'impianto e forme d'allevamento
I sesti d'impianto, le forme di allevamento (controspalliera) e i sistemi di potatura devono essere
quelli di tipo tradizionale e, comunque, i vigneti devono essere governati in modo da non
modificare le caratteristiche dell'uva, del mosto e del vino. Per i vigneti esistenti alla data di
pubblicazione del presente disciplinare sono consentite le forme di allevamento già usate nella
zona, con esclusione delle forme di allevamento espanse.
4.4) Irrigazione
É consentita l'irrigazione di soccorso.
4.5) Rese ad ettaro e gradazione minima naturale
Le produzioni massime di uva per ettaro in coltura specializzata dei vigneti destinati alla
produzione dei vini a Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò
Pavese" o "Sangue di Giuda" ed i titoli alcolometrici volumici naturali minimi devono essere i
seguenti:
Tipologia Produzione massima Titolo alc. vol. nat. min.
(t/ha) (% vol)
1. Sangue di Giuda 10,50 11,50
2. Sangue di Giuda frizzante 10,50 11,50
3. Sangue di Giuda spumante 10,50 11,50
Anche in annate eccezionalmente favorevoli, la resa uva ad ettaro dovrà essere riportata nei limiti
di cui sopra purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, ferma restando la
resa uva/vino per i quantitativi di cui trattasi. Oltre detto limite del 20% decade il diritto alla
Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda", per tutta la partita.
La Regione Lombardia, sentito il parere del Consorzio di Tutela, annualmente, con proprio
decreto, tenuto conto delle condizioni ambientali di coltivazione, può fissare produzioni massime
per ettaro inferiori a quelle stabilite dal presente disciplinare di produzione, o limitare, per talune
zone geografiche, l'utilizzo delle menzioni aggiuntive, dandone immediata comunicazione
all'organismo di controllo.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
5.1) Zona di vinificazione
Le operazioni di vinificazione devono essere effettuate nella zona di produzione delimitata dall'art.
3. Tenuto conto delle situazioni tradizionali di produzione é consentito che tali operazioni siano
effettuate nell'intero territorio della provincia di Pavia, nonché nelle frazioni di Vicobarone e Casa
Bella nel comune di Ziano Piacentino in provincia di Piacenza.
5.2) Resa massima uva/vino
Le rese massime dell'uva in vino devono essere le seguenti:
Tipologia Resa uva/vino
1. Sangue di Giuda 70%
2. Sangue di Giuda frizzante 70%
2. Sangue di Giuda spumante 70%
Qualora la resa uva/vino superi i limiti sopra riportati, ma non oltre il 5%, l'eccedenza non avrà
diritto alla denominazione di origine controllata; oltre tale limite decade il diritto alla
denominazione di origine per tutta la partita.
5.3) Modalità di vinificazione e di elaborazione
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche corrispondenti agli usi locali,
leali e costanti, atte a conferire ai vini le loro rispettive caratteristiche.
Nel caso della vinificazione disgiunta, il coacervo dei vini facenti parte della medesima partita,
deve avvenire nella cantina del vinificatore entro il periodo di completo affinamento e comunque
prima della richiesta della certificazione della relativa partita prevista dalla vigente normativa o
prima della eventuale commercializzazione, all'interno della zona contemplata dall'art. 5.1, come
vino atto a "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda".


Articolo 6
Caratteristiche dei vini al consumo
I vini di cui all'art. 1 devono rispondere, all'atto dell'immissione al consumo, alle seguenti
caratteristiche:
1) "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda":
- colore: rosso rubino intenso;
- odore: vinoso intenso;
- sapore: pieno, di corpo e dolce, talvolta vivace e leggermente tannico;
- residuo zuccherino minimo: 80 g/l;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol di cui almeno 5,50% vol svolto;
- acidità totale minima: 4,50 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
Il vino a denominazione di origine "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda"
all'atto dell'immissione al consumo può essere caratterizzato, alla stappatura del recipiente, da uno
sviluppo di anidride carbonica proveniente esclusivamente dalla fermentazione, che conservato
alla temperatura di 20° centigradi in recipienti chiusi, presenta una sovrapressione dovuta
all'anidride carbonica in soluzione, non superiore a 1,7 bar.
2) "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda" frizzante:
- colore: rosso rubino intenso;
- odore: vinoso intenso;
- sapore: dolce, di corpo, pieno;
- spuma: vivace, evanescente;
- residuo zuccherino minimo: 80 g/l;
- titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,00% vol di cui almeno 7,00% vol svolto;
- acidità totale minima: 4,50 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
3) "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda" spumante dolce:
- colore: rosso rubino intenso;
- odore: vinoso intenso;
- sapore: pieno, di corpo, dolce;
- spuma: vivace, persistente;
- titolo alcolometrico volumico effettivo 9,00% vol;
- acidità totale minima: 4,50 g/l;
- estratto non riduttore minimo: 22,00 g/l.
E' facoltà del Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, con proprio decreto,
modificare per i vini di cui sopra i limiti indicati per l'acidità totale e l'estratto non riduttore.


Articolo 7
Designazione e presentazione
7.1) Qualificazioni
Alla Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda", anche nelle tipologie frizzante e spumante, è vietata l'aggiunta di qualsiasi menzione
diversa da quelle previste dal presente disciplinare ivi compresi gli aggettivi superiore, extra, fine,
scelto, selezionato, vecchio, riserva e similari.
E' tuttavia consentito l'uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi o ragioni sociali o
marchi privati, purché non abbiano significato laudativo e non siano tali da trarre in inganno il
consumatore.
7.2) Etichettatura
Sulle bottiglie o altri recipienti contenenti "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda", anche nelle tipologie "frizzante" e "spumante", è obbligatorio riportata l'indicazione
dell'annata di vendemmia da cui il vino deriva.
7.3) Caratteri e posizioni in etichetta
La denominazione "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda" deve essere
indicata nella designazione del prodotto in maniera consecutiva, anche su più righe, seguita
immediatamente al di sotto dalla menzione specifica tradizionale "denominazione di origine
controllata".
Le menzioni facoltative, escluse i marchi e i nomi aziendali, possono essere riportate
nell'etichettatura soltanto in caratteri tipografici non più grandi o evidenti di quelli utilizzati per la
denominazione di origine del vino, salvo le norme generali più restrittive.
7.4) Marchio collettivo
La Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda" è contraddistinta obbligatoriamente dal marchio collettivo espresso nella forma grafica e
letterale allegata al presente disciplinare, in abbinamento inscindibile con la denominazione.
L'utilizzo del marchio collettivo è curato direttamente dal Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese
che deve distribuirlo anche ai non associati, alle medesime condizioni di utilizzo riservate ai propri
associati.


Articolo 8
Confezionamento
I vini a Denominazione di Origine Controllata "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di
Giuda", anche nelle tipologie "frizzante" e "spumante", devono essere immessi al consumo in
bottiglie di vetro di capacità non superiore a litri 5.
Per la tappatura del "Sangue di Giuda" spumante è obbligatorio il tappo di sughero a fungo munito
del tradizionale ancoraggio a gabbietta, ad eccezione dei recipienti di volume nominale uguale o
inferiore a ml 200 per i quali sono consentite le chiusure ammesse dalla vigente normativa in
materia.
Per la versione frizzante è tuttavia ammessa la chiusura con tappo a fungo in sughero ancorato con
gabbietta, utilizzato tradizionalmente nella zona, con eventuale capsula non superiore a 7
centimetri.


Articolo 9
Legame con l'ambiente geografico
A) Informazioni sulla zona geografica
1. Fattori naturali rilevanti per il legame
L'area del "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda" è compresa all'interno del
territorio dell'Oltrepò Pavese, il quale, a sua volta, si colloca all'interno del bacino padano,
delimitato dalle catene alpina ed appenninica e con una apertura principale verso est; in particolare
la fascia collinare pavese si inserisce nella fascia appenninica che dal Piemonte si spinge verso
l'Emilia. L'area è caratterizzata da solchi vallivi con direzione prevalente da sud verso nord.
Analisi pedopaesaggistica
L'Oltrepò Pavese, in larga misura, presenta un'orografia preappenninica.
I terreni collinari, nei quali si trova la maggior parte della superficie coltivata a vite dell'Oltrepò,
appartengono al Cenozoico. In Oltrepò Pavese le formazioni mioceniche sono complesse ed
importanti, presentano piani diversi compresi nelle colline e nelle prime montagne. Per i territori
della DOC "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" il piano più significativo è dato dal Messiniano,
caratterizzato da marne gialle chiare, con lenti calcaree in una continuità molto precisa.
Appartengono a questa formazione i terreni di Montù Beccaria, Rovescala, Montescano, Castana,
Canneto Pavese, Pietra de' Giorgi e Cigognola.
Dal punto di vista agronomico le zone viticole con caratteristiche litologiche omogenee sono:
• Depositi alluvionali terrazzati: si sviluppano principalmente lungo la fascia pedecollinare da Broni
a Stradella, inserendosi lungo l'alveo dei principali corsi d'acqua. Questi depositi formano i primi
dolci rilievi costituendo il raccordo tra la pianura e l'area collinare. Si tratta di depositi elastici
incoerenti a granulometria eterogenea, generalmente ricoperti da una coltre di alterazione di varia
potenza e colore.
• Alternanze eterogenee di conglomerati, arenarie, siltiti e argille: unità che raggruppa tutte quelle
formazioni caratterizzate da una estrema variabilità litologica di cui è difficile la suddivisione in
litofacies. È costituita da arenaria, brecce, calcari, calcari cariati, marne, conglomerati gessiferi,
conglomerati e argille, che generalmente costituiscono corpi lentiformi variamente interstratificati.
Un affioramento si trova nella zona di Pietra de' Giorgi che continua tra i comuni di Montescano e
Montù Beccaria e tra Montù Beccaria, Broni e Stradella.
• Alternanze a dominante arenacea: litofacies caratterizzata da alternanze più o meno regolari di
arenarie variamente cementate, sabbie, marne-siltose e argille, generalmente di colore grigio.
Solitamente hanno maggiore diffusione le fitte sequenze di straterelli arenacei, marno-siltosi e
argillosi, ma localmente si può avere predominanza della parte psamamitica o di quella pelitica. Nel
primo caso gli strati arenacei assumono spessori intorno a 80-100 cm; nel secondo si hanno spessori
di pochi centimetri. La morfologia dei rilievi, costituita da questa unità, è assai varia con pareti
verticali e pendii a modesta acclività, ove si possono accumulare spessori anche notevoli di coltre
eluvio-colluviale. Frequenti in questa unità sono i fenomeni di scoscendimento al contatto con
formazioni argillose. Questa tipologia è presente lungo le valli dei torrenti Versa e Scuropasso.
La radiazione solare
La radiazione solare che giunge su un terreno in piano è funzione della latitudine, mentre nelle zone
collinari bisogna considerare anche gli effetti della pendenza, dell'esposizione e dell'orizzonte
orografico tipico di ciascun vigneto.
La zona di produzione della DOC "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" è caratterizzata
mediamente da un valore di radiazione solare, compreso tra 2.250 e 3.000 MJ/m2 all'anno.
La temperatura dell'aria
Nella fascia compresa fra la base delle colline ed i 400 m di quota la temperatura media annua
presenta valori di circa 12°C e la temperatura media del mese più freddo (gennaio) è di circa 1°C.
La media delle minime è per lo più inferiore a 0°C. Le temperature medie del mese più caldo (luglio
o agosto) sono 22/24°C mentre le massime mensili sono di circa 28/30°C.
Le precipitazioni
La distribuzione delle precipitazioni all'interno dell'area della DOC "Sangue di Giuda dell'Oltrepò
Pavese" mostra un gradiente altitudinale, con piogge che aumentano al crescere della quota, e
dall'altro una diminuzione progressiva da est verso ovest. I comuni del "Sangue di Giuda" si
suddividono fra le seguenti classi di precipitazioni: Cigognola, Broni e Pietra de' Giorgi, nonché
l'area occidentale dei comuni di Canneto Pavese, Montescano, Castana e Santa Maria della Versa,
fra gli 800 e gli 850 mm/anno; questi ultimi nei loro territori più orientali, insieme con i comuni di
Stradella, Montù Beccaria, Zenevredo e parte dei comuni di Bosnasco e San Damiano al Colle, fra
gli 850 e i 900 mm/anno. Come per il resto dell'Oltrepò, la distribuzione media delle precipitazioni
nel corso dell'anno è caratterizzata da un massimo ed un minimo rispettivamente nei mesi di
novembre e di luglio. In media il mese più piovoso nella stagione primaverile risulta essere maggio.
2. Fattori umani rilevanti per il legame
Di fondamentale rilievo sono i fattori umani legati al territorio di produzione, che per consolidata
tradizione hanno contribuito ad ottenere i vini a Denominazione di Origine "Sangue di Giuda
dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda".
Considerato, sin dai tempi di Strabone, una zona di produzione di vini di qualità, l'Oltrepò Pavese è
quel lembo di terra collinoso a sud della Lombardia noto per essere il punto d'incontro di quattro
regioni: Lombardia, Piemonte, Liguria ed Emilia Romagna. Tale peculiare caratteristica rende
l'Oltrepò Pavese ricco di culture, lingue, tradizioni e cucine differenti, ma ben integrate tra loro.
Questa terra è anche, anzi soprattutto, antica dimora della vite. Un'importante testimonianza arriva
dal reperto di un tralcio di vite, risalente ai tempi preistorici, trovato in Oltrepò Pavese. Strabone,
nel I secolo a.C., attribuì all'Oltrepò Pavese l'invenzione della botte. Nei suoi testi fu descritta di
dimensioni più grandi delle case. Nei secoli successivi s'incontrano poi altre testimonianze. Andrea
Bacci, per esempio, nel XVI secolo, descrisse i vini di tale zone con il termine "eccellentissimi".
L'Oltrepò Pavese vitivinicolo attuale trova le sue radici nel secolo scorso, come conseguenza dei
danni portati dalla fillossera, e nel rinnovamento globale del mondo vinicolo italiano di quel
periodo. E' sufficiente ricordare che nel 1884 l'Oltrepò Pavese vantava ben 225 vitigni autoctoni.
Oggi sono circa una dozzina quelli di maggior diffusione, seppur non mancano produttori
collezionisti che hanno raccolto qualche testimonianza del passato, come Moradella o Uva della
Cascina o altro ancora. Nonostante tale decimazione, il panorama vinicolo oltrepadano è ancora
molto ricco, soprattutto per quanto concerne le tipologie di vino prodotte, fra cui quelle previste dal
presente disciplinare.
Nel corso dei decenni la viticoltura ha mantenuto il ruolo di coltura principale del territorio, tanto
che nel 1970 il vino Oltrepò Pavese, e con esso la tipologia "Sangue di Giuda", è stato riconosciuto
come DOC con DPR del 6 agosto.
L'incidenza dei fattori umani nel corso della storia è in particolare riferita alla puntuale definizione
dei seguenti aspetti tecnico produttivi, che costituiscono parte integrante del presente disciplinare di
produzione:
 la base ampelografica dei vigneti: i vitigni idonei alla produzione dei vini in questione sono
quelli tradizionalmente coltivati nell'area geografica considerata, ovvero Barbera, Croatina, Uva
rara, Vespolina e Pinot nero;
 le forme di allevamento, i sesti d'impianto ed i sistemi di potatura, anche per i nuovi impianti:
sono quelli tradizionali e permettono la migliore e più razionale disposizione delle viti, sia per
agevolare l'esecuzione delle operazioni colturali, sia per consentire la razionale gestione della
chioma, permettendo di ottenere una adeguata e bene esposta superficie fogliare e di contenere le
rese di produzione entro i limiti fissati dal presente disciplinare;
 le pratiche relative all'elaborazione dei vini: sono quelle tradizionalmente consolidate in zona
per la vinificazione in rosso di vini tranquilli, vivaci, frizzanti e spumanti.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o esclusivamente
attribuibili all'ambiente geografico
La DOC "Sangue di Giuda dell'Oltrepò Pavese" o "Sangue di Giuda" è riferita a diverse tipologie
di vino rosso: fermo, frizzante e spumante. Dal punto di vista analitico ed organolettico ciascuna
tipologia presenta caratteristiche molto evidenti e peculiari (descritte all'Articolo 6), che ne
permettono una chiara individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
Il "Sangue di Giuda" è di fatto una particolare versione da dessert dell'"Oltrepò Pavese Rosso", il
vino tradizionalmente ottenuto da uvaggio di vitigni locali otrepadani. Il "Sangue di Giuda" si
presenta di colore rosso rubino carico, con brillanti riflessi violacei; l'aroma è fine, con una
piacevole fragranza di spezie e frutta fresca; ha una spuma abbondante e persistente; al palato offre
un gusto dolce, carezzevole, con un buon corpo.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui alla
lettera B)
Le condizioni microambientali, geologiche e non ultime quelle storiche mettono il territorio
dell'Oltrepò Pavese, tagliato a metà dal 45° parallelo, e in particolare quello dei comuni del
"Sangue di Giuda", fra le zone del mondo più vocate per la produzione di vini rossi.
Grazie alle indagini condotte sul territorio dell'Oltrepò Pavese iniziate con lo studio di zonazione
realizzato a partire dal 1999 con il contributo dell'Amministrazione provinciale di Pavia, coordinato
dall'Università di Milano e con la collaborazione dell'Università di Piacenza e dell'ERSAF e
conclusesi con esperienze di monitoraggio del territorio condotte dall'Università di Milano e dal
Consorzio Tutela Vini Oltrepò Pavese, è stato possibile ottenere una mappa delle unità territoriali
che rappresenta la sintesi delle informazioni scientifiche raccolte.
L'intero areale di produzione del "Sangue di Giuda" si presta alla coltivazione delle uve Croatina,
Barbera, Uva rara e Vespolina, per la produzione dei vini a DOC descritti dal presente disciplinare.
L'area è costituita da valli ed è caratterizzata da ripidi versanti e fitti crinali con substrati rocciosi
relativamente soffici che risultano in buona parte lavorabili. La maggior parte dell'area è adibita
alla coltivazione a vigneto. il substrato è costituito prevalentemente da rocce calcaree limoso
argillose. il suolo si presenta con una tessitura da grossolana a media, con scarsa presenza di
scheletro e moderatamente profondo. Sono presenti strati rocciosi profondi di facile lavorabilità.
L'area è molto calcarea con pH alcalino e drenaggio buono. Essa interessa esclusivamente la prima
fascia collinare con altitudini comprese tra 150 e 350 m; è caratterizzata da valori di radiazione
fotosinteticamente attiva medi e da tenori pluviometrici compresi tra 800 e 900 mm/anno. Il clima è
condizionato dall'elevata inerzia termica del bacino padano che, con effetto tampone, mantiene nel
corso di tutto l'anno temperature costanti. L'area è soggetta all'effetto del vento di föhn che
favorisce l'abbassamento dell'umidità dell'aria aumentando l'evapotraspirazione e la diminuzione
dell'acqua nel suolo. L'inverno è mite e induce una certa precocità nella ripresa vegetativa mentre
le estati sono molto calde. Data l'eterogeneità della distribuzione orografica delle valli non vi è una
esposizione di versante prevalente; le pendenze sono importanti e possono assumere anche valori
prossimi al 35%.
Questa fascia collinare è particolarmente adatta per la produzione di uve da vinificare in rosso
anche per vini da dessert con un importante residuo zuccherino. Il "Sangue di Giuda" si presenta di
colore rosso rubino carico con riflessi violacei, è brillante, viscoso; al naso è fine, penetrante, netto
e si nota la fragranza della frutta fresca, un ampio speziato e un garbato floreale; al palato dimostra
buon corpo, è morbido, equilibrato, con una lunga persistenza.
L'Oltrepò Pavese è da sempre un territorio di elezione per la viticoltura, in particolare per la
tradizione relativa alla produzione di vini rossi dolci, tranquilli e mossi, come il "Sangue di Giuda".
L'origine del suo nome è legata sia al suo colore rosso rubino, impreziosito da riflessi purpureo
violacei, sia a una leggenda.
La leggenda narra che Giuda, passato a peggior vita di quella tristemente condotta sulla terra, si
fosse amaramente pentito di aver tradito Gesù, il quale, in segno di perdono, lo avrebbe fatto
resuscitare. Giuda sarebbe ricomparso in carne ed ossa in Oltrepò, precisamente a Broni.
Riconosciutolo, i cittadini del posto decisero di ucciderlo, essendo il traditore di Gesù. Giuda si
salvò grazie a un dono che fece ai viticoltori locali: risanò le loro viti dalla malattia che a quel
tempo le aveva colpite. Per ringrazialo, i viticoltori gli dedicarono il nome del loro vino dolce rosso.
Il "Sangue di Giuda" gode di un elevato grado di tipicità: si tratta di un prodotto che può nascere
solo ed esclusivamente nel territorio dell'Oltrepò Pavese.
Si riporta di seguito una descrizione della vitivinicoltura dall'800 ai primi del '900, ricavata dal
testo di Fabrizio Bernini "Che cos'è la vita se non spumeggia il vino – storia della vitivinicoltura in
Oltrepò Pavese" edito nel 2001 da Ponzio Olona servizi grafici.
Capitolo XIX- Il primo Novecento vitivinicolo oltre il Po: la rustica croatina
Il professor Arturo Marescalchi, esperto ampelografo, asseriva nella sua dotta monografia sui vini
tipici d'Italia, pubblicato nel 1924, che il Barbacarlo, il Sangue di Giuda, prodotti a Broni e
Canneto, nonché il Buttafuoco e il Montenapoleone erano fra "i migliori vini rossi d'Italia"...
... Il Sangue di Giuda invece, prodotto con gli stessi vitigni, è così definito per il suo colore rosso
intenso, forse un po' traditore per chi ne abusa che era prodotto originariamente nella frazione di
Colombarone di Canneto Pavese ed era generalmente "ammandorlato" ossia amarognolo e dolce
nel contempo.
Il vino "Sangue di Giuda", dapprima tipologia della DOC Oltrepò Pavese, nata nel 1970, è stato
elevato alla categoria di DOC autonoma, con disciplinare proprio, nel 2010 (DM 3 agosto 2010) per
la notorietà e la tradizione che lo caratterizzano.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
VALORITALIA S.r.l.
Sede legale: Via Piave, 24 – 00187 – ROMA
telefono: 0445 313088 / fax: 0445 313080
e-mail: info@valoritalia.it
Valoritalia S.r.l. è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del Decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, paragrafo 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Regolamento (CE) n.
607/2009, per i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata
(sistematica ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione,
confezionamento), conformemente al citato articolo 25, paragrafo 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il D.M. 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).
10

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |