Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Disciplinari di produzione vini – San Ginesio Doc

Loading

Disciplinari di produzione vini

Disciplinare di produzione dei vini

Denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta

Per denominazione di origine protetta (DOP) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualita' e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all'ambiente naturale ed ai fattori umani. Costituiscono altresi' una denominazione di origine taluni termini usati tradizionalmente, alle condizioni previste dall'articolo 118-ter, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007.

Per indicazione geografica protetta (IGP) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualita', notorieta' e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona.

Classificazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche

1. Le denominazioni di origine protetta (DOP) con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto, si classificano in:
a) denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG);
b) denominazioni di origine controllata (DOC).

2. Le DOCG e le DOC sono le menzioni specifiche tradizionali utilizzate dall'Italia per designare i prodotti vitivinicoli DOP, come regolamentati dalla Comunita' europea. Le menzioni «Kontrollierte Ursprungsbezeichnung» e «Kontrollierte und garantierte Ursprungsbezeichnung» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco. Le menzioni «Appellation d'origine contrôlee» e «Appellation d'origine contrôlee et garantie» possono
essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella regione Valle d'Aosta, di bilinguismo francese. Le menzioni «kontrolirano poreklo» e «kontrolirano in garantirano poreklo» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla legge 23 febbraio 2001, n. 38, recante norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli-Venezia Giulia.

3. Le IGP con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). L'indicazione geografica tipica costituisce la menzione specifica tradizionale utilizzata dall'Italia per designare i vini IGP come regolamentati dalla Comunita' europea. La menzione «Vin de pays» puo' essere utilizzata per i vini IGT prodotti in Val d'Aosta, di bilinguismo francese, la menzione «Landwein» per i vini IGT prodotti in provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco, e la menzione «deželma oznaka» per i vini IGT prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla richiamata legge 23 febbraio 2001, n. 38. 

4. Le menzioni specifiche tradizionali italiane di cui al presente articolo, anche con le relative sigle DOC, DOCG e IGT, possono essere indicate in etichettatura da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea.

 N° DENOMINAZIONE VINO  Espressione comunitaria  Menzione tradizionale art. 112, lett. a) del Reg. (UE) 1308/2013  Numero fascicolo Numero e-Bacchus Regione o Provincia Autonoma


1 Aglianico del Taburno DOP DOCG PDO-IT-A0277 CAMPANIA
2 Aglianico del Vulture Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0527 BASILICATA
3 Alta Langa DOP DOCG PDO-IT-A1252 PIEMONTE
4 Amarone della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0435 VENETO
5 Asti DOP DOCG PDO-IT-A1396 PIEMONTE
Bagnoli Friularo Friularo di Bagnoli DOP DOCG PDO-IT-A0467 VENETO
7 Barbaresco DOP DOCG PDO-IT-A1399 PIEMONTE
8 Barbera d'Asti DOP DOCG PDO-IT-A1398 PIEMONTE
9 Barbera del Monferrato Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1397 PIEMONTE
10 Bardolino Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0437 VENETO
11 Barolo DOP DOCG PDO-IT-A1389 PIEMONTE
12 Brachetto d'Acqui Acqui DOP DOCG PDO-IT-A1382 PIEMONTE
13 Brunello di Montalcino DOP DOCG PDO-IT-A1199 TOSCANA
14 Cannellino di Frascati DOP DOCG PDO-IT-A0678 LAZIO
15 Carmignano DOP DOCG PDO-IT-A1220 TOSCANA
16 Castel del Monte Bombino Nero DOP DOCG PDO-IT-A0537 PUGLIA
17 Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0538 PUGLIA
18 Castel del Monte Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0539 PUGLIA
19 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0483 MARCHE
20 Cerasuolo di Vittoria DOP DOCG PDO-IT-A0773 SICILIA
21 Cesanese del Piglio Piglio DOP DOCG PDO-IT-A0680 LAZIO
22 Chianti DOP DOCG PDO-IT-A1228 TOSCANA
23 Chianti Classico DOP DOCG PDO-IT-A1235 TOSCANA
24 Colli Asolani - Prosecco Asolo - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0514 VENETO
25 Colli Bolognesi Classico Pignoletto DOP DOCG PDO-IT-A0284 EMILIA ROMAGNA
26 Colli di Conegliano DOP DOCG PDO-IT-A0453 VENETO
27 Colli Euganei Fior d'Arancio Fior d'Arancio Colli Euganei DOP DOCG PDO-IT-A0455 VENETO
28 Colli Orientali del Friuli Picolit DOP DOCG PDO-IT-A0938 FRIULI VENEZIA GIULIA
29 Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Conegliano - Prosecco Valdobbiadene - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0515 VENETO
30 Cònero DOP DOCG PDO-IT-A0449 MARCHE
31 Dogliani DOP DOCG PDO-IT-A1330 PIEMONTE
32 Dolcetto di Diano d'Alba Diano d'Alba DOP DOCG PDO-IT-A1324 PIEMONTE
33 Dolcetto di Ovada Superiore Ovada DOP DOCG PDO-IT-A1319 PIEMONTE
34 Elba Aleatico Passito Aleatico Passito dell'Elba DOP DOCG PDO-IT-A1237 TOSCANA
35 Erbaluce di Caluso Caluso DOP DOCG PDO-IT-A1315 PIEMONTE
36 Fiano di Avellino DOP DOCG PDO-IT-A0232 CAMPANIA
37 Franciacorta DOP DOCG PDO-IT-A1034 LOMBARDIA
38 Frascati Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0682 LAZIO
39 Gattinara DOP DOCG PDO-IT-A1311 PIEMONTE
40 Gavi Cortese di Gavi DOP DOCG PDO-IT-A1310 PIEMONTE
41 Ghemme DOP DOCG PDO-IT-A1263 PIEMONTE
42 Greco di Tufo DOP DOCG PDO-IT-A0236 CAMPANIA
43 Lison DOP DOCG PDO-IT-A0457 FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO
44 Montecucco Sangiovese DOP DOCG PDO-IT-A1246 TOSCANA
45 Montefalco Sagrantino DOP DOCG PDO-IT-A0833 UMBRIA
46 Montello rosso Montello DOP DOCG PDO-IT-A0461 VENETO
47 Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOP DOCG PDO-IT-A0876 ABRUZZO
48 Morellino di Scansano DOP DOCG PDO-IT-A1260 TOSCANA
49 Offida DOP DOCG PDO-IT-A0477 MARCHE
50 Oltrepò Pavese metodo classico DOP DOCG PDO-IT-A0958 LOMBARDIA
51 Piave Malanotte Malanotte del Piave DOP DOCG PDO-IT-A0463 VENETO
52 Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOP DOCG PDO-IT-A0535 PUGLIA
53 Ramandolo DOP DOCG PDO-IT-A0939 FRIULI VENEZIA GIULIA
54 Recioto della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0441 VENETO
55 Recioto di Gambellara DOP DOCG PDO-IT-A0470 VENETO
56 Recioto di Soave DOP DOCG PDO-IT-A0465 VENETO
57 Roero DOP DOCG PDO-IT-A1261 PIEMONTE
58 Romagna Albana DOP DOCG PDO-IT-A0285 EMILIA ROMAGNA
59 Rosazzo DOP DOCG PDO-IT-A0367 FRIULI VENEZIA GIULIA
60 Ruchè di Castagnole Monferrato DOP DOCG PDO-IT-A1258 PIEMONTE
61 Scanzo Moscato di Scanzo DOP DOCG PDO-IT-A0949 LOMBARDIA
62 Sforzato di Valtellina Sfursat di Valtellina DOP DOCG PDO-IT-A1035 LOMBARDIA
63 Soave Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0473 VENETO
64 Suvereto DOP DOCG PDO-IT-A1266 TOSCANA
65 Taurasi DOP DOCG PDO-IT-A0237 CAMPANIA
66 Torgiano Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0834 UMBRIA
67 Val di Cornia Rosso Rosso della Val di Cornia DOP DOCG PDO-IT-A1262 TOSCANA
68 Valtellina Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1036 LOMBARDIA
69 Verdicchio di Matelica Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0480 MARCHE
70 Vermentino di Gallura DOP DOCG PDO-IT-A0903 SARDEGNA
71 Vernaccia di San Gimignano DOP DOCG PDO-IT-A1292 TOSCANA
72 Vernaccia di Serrapetrona DOP DOCG PDO-IT-A0445 MARCHE
73 Vino Nobile di Montepulciano DOP DOCG PDO-IT-A1308 TOSCANA

 

San Ginesio Doc

14.11.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE
CONTROLLATA "SAN GINESIO" 


Approvato con DM 25.07.2007 G.U. 180 - 04.08.2007
Modificato con DM 05.10.2010 G.U. 245 - 19.10.2010
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.2011
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 06.11.2013 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza - Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini
La Denominazione d'origine controllata «San Ginesio» è riservata ai vini «San Ginesio» rosso,
«San Ginesio» spumante, nelle tipologie secco o dolce, che corrispondono alle condizioni ed ai
requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione.


Articolo 2
Base ampelografica
La Denominazione d'origine controllata «San Ginesio» è riservata ai vini di cui all'art. 1 ottenuti da
uve provenienti da vigneti, aventi nell'ambito aziendale, la seguente composizione ampelografica
«SAN GINESIO» rosso:
Sangiovese minimo 50%;
Vernaccia Nera, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Ciliegiolo, da soli o
congiuntamente per un minimo del 35%, possono concorrere altri vitigni a bacca nera non
aromatici, presenti in ambito aziendale, idonei alla coltivazione nella Regione Marche, anche
congiuntamente per un massimo del 15%.
SAN GINESIO spumante (secco o dolce):
Vernaccia Nera: minimo 85%, possono concorrere da soli o congiuntamente, fino ad un massimo
del 15% tutti gli altri vitigni non aromatici, a bacca nera.


Articolo 3
Zona di produzione delle uve
La zona di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «San Ginesio» comprende i
territori dei comuni di San Ginesio, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Ripe
San Ginesio, Gualdo, Colmurano, Sant'Angelo in Pontano, Loro Piceno, situati nella provincia di
Macerata ed e' come di seguito delimitato: partendo dall'incrocio tra la strada statale Picena 78 con
la s.p. 61 che conduce a Loro Piceno in prossimità di Passo Loro, la delimitazione prosegue lungo
detta s.s. 78 in direzione nord verso Passo Colmurano fino al secondo incrocio, oltrepassato Passo
Colmurano, subito dopo la Casa cantoniera in prossimità della cabina Enel, dall'incrocio prosegue
lungo la strada in direzione nord-ovest per circa 180 m per poi continuare in direzione ovest lungo
l'impluvio fino all'incrocio (a quota 373 m s.l.m.) con la strada bianca che segue fino ad incrociare
la s.p. 129 che collega Urbisaglia con Colmurano, da qui la delimitazione prosegue prima in
direzione ovest/nord-ovest fino a quota 420 m s.l.m. (lungo il crinale), quindi in direzione
ovest/sud-ovest fino all'incrocio con l'affluente del torrente Entogge (450 m s.l.m.) e continua in
direzione sud fino ad incrociare la strada comunale che prosegue in direzione ovest fino all'incrocio
con l'altra strada comunale che conduce il confine fino ad incrociare il torrente Entogge, il limite
percorre il tracciato del torrente Entogge fino a che questo incrocia per seguirla, la strada che segue
parallela il confine comunale tra Tolentino e Colmurano questa strada e' seguita fino all'incrocio in
località la Villa e prosegue in direzione ovest sul limite comunale tra Tolentino e San Ginesio,
segue tale confine fino in prossimità dell'affluente in destra idrografica del fosso San Rocco, da
questo continua in direzione sud-ovest a quota 280 m s.l.m. per poi proseguire in direzione della
località Baroncia risalendo di quota il versante esposto ad est/nord-est fino all'incrocio con la strada
che attraversa la località Baroncia, da qui prosegue lungo la strada in direzione ovest/sud-ovest fino
all'incrocio con la strada che in direzione sud prosegue fino alla località Sant'Andrea
Vecchio/Colvenale, dall'incrocio la delimitazione prosegue prima fino al limite comunale poi
proseguire lungo l'affluente in destra idrografica del fiume Fiastrone che viene seguito parzialmente
in direzione ovest per poi proseguire in direzione sud lungo il suo affluente in sinistra idrografica
fino ad incrociare il confine comunale del comune di Camporotondo di Fiastrone con Belforte del
Chienti, quindi prosegue in direzione sud fino all'incrocio con il limite comunale tra Camporotondo
di Fiastrone e Caldarola fino in prossimità di case Bocci e quindi parallelamente al Fosso Savini
fino ad incrociare il limite comunale di Caldarola con Belforte del Chienti, segue tale limite fino in
prossimità di case Gratani da dove segue la strada comunale in direzione nord-est (sottopasso della
s.s. 77) e quindi fino al fiume Chienti, quindi prosegue risalendo il fiume Chienti fino a giungere
sulla diga del lago di Caccamo; a questo punto la delimitazione segue la sponda sud del lago di
Caccamo e prosegue sullo spartiacque verso Pievefavera fino ad incontrare la strada comunale
asfaltata nell'abitato di Pievefavera; la delimitazione segue detta strada in direzione sud/sud-est
attraversando le frazioni di Croce e Vestignano quindi prosegue fino all'abitato Valle di Montalto,
frazione del comune di Cessapalombo; al primo incrocio il confine prosegue in direzione sud-ovest
direzione Tribbio; nell'abitato del Tribbio il confine prosegue in direzione sud lungo la strada
bianca (che delimita l'area a bosco) fino in prossimità del fosso Vallone che si segue parallelamente
lungo la strada in direzione nord-est per circa 480 m fino ad incrociare la strada principale in
direzione sud fino all'incrocio con la strada che conduce alla località Roccaccia, da qui si prosegue
in direzione est (per circa 960 m) lungo il limite comunale tra Cessapalombo e San Ginesio quindi
prima in direzione sud-est poi in direzione nord-est fino ad incontrare l'abitato di Morichella; da
Morichella si prosegue in direzione sud-est lungo la s.s. 502 percorre detta strada statale in
direzione sud fino incontrare la s.s. 78 Picena quindi dall'incrocio della s.s. 502 con la s.s. Picena 78
si segue la s.s. 78 in direzione nord-est fino all'incrocio con la strada comunale che conduce alla
località Colle, la strada e' seguita fino a quota 470 m s.l.m. per poi proseguire in direzione est/sudest
lungo il limite dell'area boschiva (posta ad ovest) fino alla località case Carotondo numero civico 47
a quota 548.2 m s.l.m., qui percorre per un breve tratto il confine comunale tra San Ginesio e
Sarnano fino ad incontrare la strada asfaltata che collega Cerreto a Vecciola segue la strada fino ad
imboccare la s.p. 119 in prossimità del numero civico 87, prosegue su detta provinciale in direzione
di Gualdo, in prossimità del km 6 la delimitazione lascia la provinciale e prosegue in direzione est
seguendo l'area boschiva fino in prossimità dell'affluente in destra idrografica del fosso Bastano; si
segue parallelamente il fosso Bastano e quindi da questo si risale il versante lungo lo spartiacque in
direzione est verso case Orlandi quindi il confine prosegue in direzione nord parallelamente
all'affluente in sinistra idrografica del torrente Tennacola quindi continua attraverso la macchia
boschiva in direzione nord-ovest fino alla s.p. 54 da qui prosegue in direzione nord-est attraverso
case Fabioli a quota 602.4 m s.l.m., da prosegue lungo il fosso Cornuto fino a casa Quarantini in
prossimità di contrada Sant'Angelo qui il confine riprende la strada provinciale che collega Gualdo
a Sant'Angelo in Pontano fino ad incrociare la s.p. 45 Faleriense e prosegue in direzione del centro
abitato di Sant'Angelo in Pontano, prosegue su detta strada fino all'incrocio posto in prossimità di
quota 452.2 m s.l.m. e svolta in direzione nord est verso case Rieti e quindi prosegue in direzione
nord prima sul torrente Ete Morto poi sul limite comunale tra Sant'Angelo in Pontano e Falerone e
quindi nuovamente lungo il torrente Ete Morto fino ad incrociare il «Fosso Bagnere» da qui si risale
il versante sullo spartiacque fino alla strada comunale che conduce a Loro Piceno fino all'incrocio
con la s.p. 44, a questo punto il confine risale il versante lungo lo spartiacque fino ad incrociare la
s.p. 61 in prossimità del tornante collocato precisamente sulla curva di livello posta a quota 342.6 m
s.l.m. prosegue su questa strada provinciale in direzione del centro abitato di Loro Piceno,
oltrepassato il centro abitato il confine prosegue lungo la stessa strada fino all'incrocio con la strada
provinciale Picena 78 in località Passo Loro.


Articolo 4
Norme per la viticoltura
Le condizioni ambientali e di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione
di origine controllata «San Ginesio» devono essere quelle tradizionali della zona o comunque, atte a
conferire alle uve ed ai vini derivati le specifiche caratteristiche.
I sesti di impianto, le forme di allevamento ed i sistemi di potatura, devono essere quelli
generalmente usati o comunque atti a non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
È vietata la forma di allevamento a pergola detta «tendone».
È vietata ogni pratica di forzatura. È consentita l'irrigazione di soccorso.
I vigneti impiantati successivamente all'entrata in vigore del presente disciplinare, dovranno avere
una densità di almeno 2500 ceppi per ettaro.
La produzione massima di uva a ettaro, per tutte le tipologie dei vini a denominazione di origine
controllata «San Ginesio», di cui all'art. 1, e' di 11 t.
Nelle annate favorevoli i quantitativi di uve ottenuti e da destinare alla produzione dei vini a
denominazione di origine controllata «San Ginesio» devono essere riportati nei limiti di cui sopra,
purché la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, fermi restando i limiti resa uva
vino per i quantitativi di cui trattasi.
Le uve destinate alla vinificazione, devono assicurare ai vini a denominazione di origine controllata
«San Ginesio» il seguente titolo alcolometrico volumico naturale minimo:
Vino % vol.
«San Ginesio» Rosso 10,50
«San Ginesio» Spumante 9,50
La resa massima dell'uva in vino finito, per tutte le tipologie, non deve essere superiore al 70%.
Qualora superi questo limite, ma non il 75%, l'eccedenza non ha diritto alla denominazione di
origine controllata; oltre il 75% decade il diritto alla denominazione di origine controllata per tutto
il prodotto.
La Regione Marche, sentite le organizzazioni di categoria, con proprio provvedimento, di anno in
anno, prima della vendemmia, tenuto conto delle condizioni climatiche e per conseguire l'equilibrio
di mercato, può stabilire un limite massimo di produzione per ettaro inferiore a quello fissato dal
presente disciplinare, dandone immediata comunicazione al competente organismo di controllo.


Articolo 5
Norme per la vinificazione
Le operazioni di vinificazione della tipologia San Ginesio rosso devono essere effettuate all'interno
del territorio delimitato nel precedente art. 3.
Le operazioni di vinificazione e di elaborazione della tipologia "San Ginesio" spumante devono
essere effettuate all'interno della zona di produzione della uve, delimitata nel precedente art. 3 e
nelle immediate vicinanze della stessa, ma non oltre un raggio di km 2,5 in linea d'aria dal confine
della zona di produzione.
Tuttavia, su richiesta delle ditte interessate, può essere concessa dal Ministero delle politiche
agricole alimentari e forestali, specifica autorizzazione alla elaborazione della sola tipologia
spumante (secco e dolce) nei propri stabilimenti ubicati entro un raggio di 35 km dalla
delimitazione della zona di produzione di cui al precedente art. 3, purché le ditte medesime
dimostrino di possedere stabilimenti nei quali hanno tradizionalmente effettuato tale operazione da
almeno 10 anni antecedenti l'entrata in vigore del presente disciplinare.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche leali e costanti, atte a conferire ai
vini le loro peculiari caratteristiche.
Per la tipologia San Ginesio rosso è autorizzata la pratica della dolcificazione ai sensi e nei limiti
della legislazione vigente.


Articolo 6
Caratteristiche al consumo
I vini a denominazione di origine controllata «San Ginesio», all'atto della immissione al consumo,
devono rispondere alle seguenti caratteristiche:
"San Ginesio" rosso
colore: rosso rubino, più o meno intenso;
odore: caratteristico, delicato;
sapore : armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l;
zuccheri riduttori: fino ad un massimo di 15,0 g/l.
"San Ginesio" spumante secco:
spuma: persistente a grana fine;
colore: rosso rubino con riflessi da violacei a granati;
odore: caratteristico, fruttato;
sapore: caratteristico, con retrogusto gradevolmente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l;
zuccheri riduttori: da 17,0 g/l a 35,0 g/l.
"San Ginesio" spumante dolce:
spuma: persistente a grana fine;
colore: rubino con riflessi da violacei a granati;
odore: caratteristico, fruttato;
sapore: caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l;
zuccheri riduttori: minimo 50,0 gr/l.
È facoltà del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, modificare con proprio decreto
i limiti dell' acidità totale e dell'estratto non riduttore minimo.


Articolo 7
Designazione e presentazione
Alla denominazione di origine controllata «San Ginesio» è vietata l'aggiunta delle seguenti
qualificazioni: «superiore», «extra», «fine», «scelto», «selezionato» e similari.
È tuttavia consentito l'uso delle indicazioni facoltative ammesse dalla normativa vigente.
Sulle confezioni contenenti i vini a denominazione di origine controllata «San Ginesio» rosso deve
figurare l'annata di produzione delle uve.


Articolo 8
Confezionamento
Per il confezionamento della denominazione di origine controllata "San Ginesio" sono ammessi
tutti i contenitori consentiti dalle vigenti norme.
Per la tipologia "San Ginesio" rosso possono essere usati anche contenitori alternativi al vetro
costituiti da un otre in materiale plastico pluristrato di polietilene e poliestere racchiuso in un
involucro di cartone o di altro materiale rigido non inferiore a due litri.
Sono ammessi tutti i sistemi di chiusura vigenti.


Articolo 9
Legame con l'ambiente
A) Informazioni sulla zona geografica.
1. Fattori naturali rilevanti per il legame.
La zona geografica di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «San Ginesio»,
nelle due tipologie descritte all'articolo 6 del presente disciplinare, comprende il territorio dei
comuni di San Ginesio, Caldarola, Camporotondo di Fiastrone, Cessapalombo, Ripe San Ginesio,
Gualdo, Colmurano, Sant'Angelo in Pontano, Loro Piceno, situati nella provincia di Macerata. Il
Comune di San Ginesio rappresenta il fulcro della zona.
Si tratta di un'area collinare non molto estesa, delimitata dalla riva destra del fiume Chienti, dalla
catena dei Monti Sibillini e dal fiume Fiastra ed è posta ad una distanza dal mare compresa tra i 25
e i 50 km. L'area si colloca nella fascia collinare sub-appenninica, ovvero nella terza fascia
longitudinale delineata procedendo da ovest verso est nel territorio delle Marche.
Il clima appartiene al piano fitoclimatico "Alto Collinare" ed è caratterizzato da precipitazioni
annue mediamente superiori a 800 mm e da temperature medie annue di 12-15 °C.
La temperatura media del mese più freddo è di 3-5°C, mentre quella del mese più caldo si colloca
sui 21 -23°C. L'area può essere classificata pertanto come zona a clima temperato caldo (Classe C di
Koppen), con attenuata stagione secca ed estate calda.
Il mesoclima di questa fascia collinare mostra marcati effetti topoclimatici dovuti alla giacitura, alle
pendenze ed all'esposizione dei versanti.
I suoli dell'area di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «San Ginesio» sono il
risultato dell'origine calcarea della roccia madre. La genesi dei depositi è Olocenica e l'evoluzione
dei suoli risente degli effetti delle attività antropiche più recenti che hanno portato a limitare la
presenza del bosco a favore dell'attività agricola. I suoli, che presentano di norma un'alta
percentuale di argilla e di carbonato di calcio e una scarsa permeabilità, sono facilmente erodibili e
possono andare incontro a fenomeni di dissesto idrogeologico. Prevalgono le rocce
calcareniticopelitiche e quelle marnose, ma sono presenti anche substrati conglomeratici ed arenitici.
L'altimetria dell'area è in massima parte compresa tra 300 e 700 m s.l.m. e le classi di pendenza
media variano generalmente tra il 2% ed il 35%.
L'esposizione è equamente distribuita verso le otto sezioni dei quattro punti cardinali ad eccezione
di ovest, sud-ovest, alquanto ridotte.
L'area di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «San Ginesio» si presenta
alquanto omogenea sotto il profilo pedo-climatico e con un paesaggio agrario contrassegnato dalla
presenza di boschi, colture erbacee e vite, elementi tipici dell'agricoltura alto-collinare marchigiana.
2. Fattori umani rilevanti per il legame.
Dopo la caduta dell'Impero Romano, che aveva visto il diffondersi della coltivazione della vite, le
invasioni barbariche e la presenza dei Longobardi spinsero la popolazione del territorio interessato
alla produzione dell'attuale vino a denominazione d'origine "San Ginesio" a trasferirsi sulle alture
destinate a divenire il fulcro di successivi insediamenti. Lo sviluppo dell'area ebbe slancio nel
periodo medievale, come si può ben desumere dalle numerose testimonianze architettoniche tuttora
presenti a Colmurano, Loro Piceno e San Ginesio, che iniziò ben presto a esercitare una forte
influenza sugli insediamenti dei territori limitrofi.
A partire dal 900, "l'incastellamento" dei luoghi collinari, più facilmente difendibili dagli attacchi
esterni indusse una trasformazione delle vigne e le alberate, diffuse in epoca romana, vennero
sostituite da piccoli appezzamenti protetti da recinti dove la vite veniva spesso consociata con gli
alberi da frutto.
Nell'età dei Comuni, le migliorate condizioni economiche portarono ad aumenti della popolazione e
dei fabbisogni alimentari, contribuendo al recupero e al consolidamento del ruolo della viticoltura.
Le più antiche testimonianze della presenza della vite nel territorio interessato alla produzione
dell'attuale vino a denominazione d'origine "San Ginesio" ci giungono grazie al lavoro degli storici
ginesini Salvi e Severini che nel 1541, trascrivendo le cronache dell'epoca, riferiscono di donazioni
di fondi rustici coltivati a vigneto avvenute nel 1040. Del permanere dell'ampia diffusione della
viticoltura nella zona, destinata alla produzione di vini bianchi e rossi, è fatta menzione nel testo
storico "Caldarola e i suoi anni – Ritagli storici" di Giuseppe Caramelli (Camerino, 1881), in cui
viene citato il riconoscimento ottenuto da un produttore locale nell'esposizione enologica
camerinese svoltasi nei primi dell'800. Nei secoli successivi e fino alla metà del 1900, la viticoltura
nell'area era caratterizzata dalla coltivazione della vite maritata all'acero campestre disposta in
filari, come testimonia l'ampia documentazione storica, consistente in foto panoramiche del XIX
secolo e prima metà del XX di viti nelle sistemazioni dei pendii collinari a rittochino e nel Catasto
Gregoriano del Comune di San Ginesio. Nella seconda metà del XIX secolo i metodi di coltivazione
della vite erano pertanto ancora molto simili a quelli impiegati in epoca romana, ma, dopo l'unità
d'Italia e in seguito all'epoca fillosserica, iniziò in tutto il territorio un'intensa attività di studio e
valutazione delle migliori varietà di viti da impiegare nei nuovi impianti.
Come si può desumere dall'analisi dei Bollettini ampelografici e dall'ampelografia della provincia
di Macerata del Santini (1875), risale a tale periodo lo studio del comportamento di Vernaccia nera
e la valutazione dell'adattamento del Sangiovese e dei vitigni di importazione alle condizioni
ambientali delle diverse aree del Maceratese.
All'inizio del XX secolo ebbe inizio una fase intensa di ricostituzione viticola nelle Marche, che
interessò anche l'alto maceratese e che vide il diffondersi di Sangiovese e di altre varietà a bacca
nera, come Vernaccia. Occorre attendere l'intervento pubblico, nazionale e comunitario degli anni
60 e 70 affinché giunga a compimento il processo di rinnovamento della viticoltura della zona
attraverso la ristrutturazione degli impianti e una precisa scelta varietale con impiego di vitigni a
bacca nera di qualità.
Tale rinnovamento e la conseguente specializzazione hanno dato origine ad un nuovo modello di
vitivinicoltura e di organizzazione aziendale, non più basato sulla mezzadria e sul mercato locale,
ma incentrato su imprese di piccola e media dimensione che si avvalgono delle scoperte scientifiche
e tecnologiche per migliorare la qualità dei loro prodotti e incidere su mercati più ampi.
La nuova realtà imprenditoriale, sebbene fortemente legata alla sua storia e ai suoi valori, è in grado
di proiettarsi su mercati nazionali ed internazionali per proporre i prodotti della tradizione. La
vivace realtà agricola e la nuova consapevolezza hanno stimolato la valorizzazione delle produzioni
locali attivando il processo che ha portato nel 2007 al riconoscimento della DOC "San Ginesio" i
cui vini sono espressione della storia e tradizione di un territorio modellato dall'agricoltura
identificabile con lo specifico paesaggio agrario.
B) Informazioni sulla qualità o sulle caratteristiche del prodotto essenzialmente o
esclusivamente attribuibili all'ambiente geografico.
La denominazione di origine «San Ginesio» è riferita a 2 tipologie di vino rosso ("base" e
"Spumante") che dal punto di vista analitico ed organolettico presentano caratteristiche molto
evidenti e peculiari, descritte all'articolo 6 del presente disciplinare e che ne permettono una chiara
individuazione e tipicizzazione legata all'ambiente geografico.
Nello specifico le singole tipologie di vino si caratterizzano:
- «San Ginesio» rosso: buona struttura, colore rosso rubino più o meno intenso. Odore
caratteristico, delicato, sapore armonico, gradevolmente asciutto.
- «San Ginesio» spumante nelle tipologie secco e dolce: buona struttura, colore rosso rubino
con riflessi da violacei a granati, spuma persistente a grana fine. Odore caratteristico, fruttato;
sapore caratteristico, da secco a dolce con fondo gradevolmente amarognolo nella tipologia secco.
C) Descrizione dell'interazione causale fra gli elementi di cui alla lettera A) e quelli di cui
alla lettera B).
L'interazione esistente tra i fattori ambientali (naturali ed umani) e le peculiari caratteristiche
qualitative dei vini DOC "San Ginesio" è attestata da numerosi documenti (richiamati alla lettera A)
riferiti alla millenaria storia vitivinicola del relativo territorio, che va dall'epoca romana, al
medioevo, fino ai giorni nostri.
In tali documenti è testimoniato come i saperi delle persone operanti in questo particolare territorio
vitivinicolo, nel corso dei secoli, siano stati tramandati alle generazioni successive che li hanno
elaborati e affinati: le tradizionali tecniche di coltivazione della vite e di vinificazione delle uve
sono state oggetto di continuo miglioramento, attingendo anche alle nuove conoscenze derivanti dal
progresso scientifico e tecnologico, fino ad ottenere i rinomati vini DOC "San Ginesio", le cui
peculiari caratteristiche sono descritte all'articolo 6 del presente disciplinare.
L'orografia collinare dell'area di produzione della DOC "San Ginesio", posta a ridosso dei monti e
attraversata da molti piccoli torrenti e fiumi, il clima mite, la natura calcarea ed argillosa dei suoli,
la struttura fondiaria hanno favorito l'attività agricola e la costante presenza della vite.
L'appoderamento diffuso e la presenza di piccole estensioni vitate hanno segnato il paesaggio
agrario ed hanno creato le basi delle prime forme di economia agricola aziendale.
L'elevata capacità di ritenzione idrica dei suoli, i discreti livelli di piovosità e una quasi regolare
distribuzione delle precipitazioni nell'arco dell'anno possono garantire un'adeguata disponibilità
idrica del suolo per buona parte della stagione vegetativa e il verificarsi di brevi periodi di siccità
estiva favorevoli alla maturazione delle uve. I regimi idrici dei suoli sono considerati xeratici o più
raramente ustici.
Il regime termico dell'area di San Ginesio, particolarmente adatto alla coltivazione di Vernaccia
nera, ha permesso la diffusione e l'acclimatazione di Sangiovese e di vitigni di origine francese,
inseriti nell'elenco delle varietà idonee alla coltivazione nella Regione Marche. In questa zona alto
collinare e pedemontana le uve maturano lentamente e mantengono un sostenuto livello di acidità
fissa.
La diffusione di Sangiovese nell'area di San Ginesio, avvenuta a partire dalla seconda metà del
1800, è stata facilitata dalla buona capacità di questa cultivar di adattarsi a suoli di bassa fertilità
producendo uve di elevata qualità, sebbene in quantità limitata.
Le altre varietà ammesse dal disciplinare di produzione del vino "San Ginesio" rosso hanno avuto
una buona diffusione poiché le condizioni climatiche permettevano il conseguimento di un grado di
maturazione elevato tale da produrre un vino di qualità per struttura, per sapore e serbevolezza e
idoneo al trasporto e alla commercializzazione non solo nei vicini territori.
La Vernaccia nera, descritta per la prima volta nei Bollettini Ampelografici nella seconda metà del
1800, è da sempre presente nel territorio ed è capace di adattarsi a climi temperati-caldi, con
escursioni termiche anche elevate e ai terreni poco fertili. In queste condizioni le uve presentano
elevati livelli di acidità fissa, tanto che in passato venivano utilizzate per il taglio di vini provenienti
dalle regioni dell'Italia meridionale destinati all'immissione nel sistema distributivo costituito dalla
vendita diretta al dettaglio da parte delle cantine presenti nei vari comuni della zona.
Occorre inoltre richiamare la tradizione vitivinicola che in quel territorio vede l'applicazione della
tecnica della rifermentazione fatta in casa anche da non viticoltori. Questa tecnica consisteva
nell'aggiungere al vino in bottiglia da poco fermentato una piccola quantità di zucchero e un seme
di orzo al fine di riattivare la fermentazione, la formazione di biossido di carbonio e la conseguente
spumantizzazione.
Nel caso della Vernaccia spumante, la presenza di acidità fissa, la buona struttura, l'ottimale
contenuto in zucchero, consentono di ottenere un prodotto adatto al consumo famigliare e alla
commercializzazione a largo raggio.
In sintesi, le complesse interazioni tra caratteristiche del terreno, elementi del clima, scelte di
tecnica colturale e dei vitigni, unite a tecniche di vinificazione raffinate quali la spumantizzazione,
portano all'ottenimento dei vini con caratteristiche chimico-fisiche adeguate alle differenti tipologie
di vini di cui all'art. 6 del presente disciplinare.
In particolare:
nel caso di "San Ginesio" rosso, il connubio tra il Sangiovese, i vitigni di origine francese
Cabernet sauvignon, Cabernet franc e Merlot e il Ciliegiolo consentono di raggiungere
adeguati livelli di acidità e gradevolezza;
nel caso del "San Ginesio" Spumante, ottenuto con almeno l'85% di Vernaccia nera è
raccolta la grande tradizione spumantistica largamente diffusa nella zona di produzione.
Nel 2007 viene riconosciuta la DOC "San Ginesio" ad attestare la qualità dei vini prodotti
nell'area e la professionalità degli operatori che hanno tratto vantaggio dalla vocazionalità
dell'ambiente e dalle peculiarità dei vitigni impiegati.


Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo
Nome e indirizzo:
Valoritalia società per la certificazione delle qualità e delle produzioni vitivinicole italiane S.r.l.
Via Piave, 24 – 00187 Roma
La Società Valoritalia è l'Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell'articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all'articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all'articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per
i prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica
ed a campione) nell'arco dell'intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |