Vini, cantine e disciplinari dei vini italiani

Ti trovi in:   Home > Disciplinari di produzione vini – Arcole doc

Loading

Disciplinari di produzione vini

Disciplinare di produzione dei vini

Denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta

Per denominazione di origine protetta (DOP) dei vini si intende il nome geografico di una zona viticola particolarmente vocata utilizzato per designare un prodotto di qualita' e rinomato, le cui caratteristiche sono connesse essenzialmente o esclusivamente all'ambiente naturale ed ai fattori umani. Costituiscono altresi' una denominazione di origine taluni termini usati tradizionalmente, alle condizioni previste dall'articolo 118-ter, paragrafo 2, del regolamento (CE) n. 1234/2007.

Per indicazione geografica protetta (IGP) dei vini si intende il nome geografico di una zona utilizzato per designare il prodotto che ne deriva e che possieda qualita', notorieta' e caratteristiche specifiche attribuibili a tale zona.

Classificazione delle denominazioni di origine e delle indicazioni geografiche

1. Le denominazioni di origine protetta (DOP) con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto, si classificano in:
a) denominazioni di origine controllata e garantita (DOCG);
b) denominazioni di origine controllata (DOC).

2. Le DOCG e le DOC sono le menzioni specifiche tradizionali utilizzate dall'Italia per designare i prodotti vitivinicoli DOP, come regolamentati dalla Comunita' europea. Le menzioni «Kontrollierte Ursprungsbezeichnung» e «Kontrollierte und garantierte Ursprungsbezeichnung» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco. Le menzioni «Appellation d'origine contrôlee» e «Appellation d'origine contrôlee et garantie» possono
essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nella regione Valle d'Aosta, di bilinguismo francese. Le menzioni «kontrolirano poreklo» e «kontrolirano in garantirano poreklo» possono essere utilizzate per designare rispettivamente i vini DOC e DOCG prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla legge 23 febbraio 2001, n. 38, recante norme a tutela della minoranza linguistica slovena della regione Friuli-Venezia Giulia.

3. Le IGP con riguardo ai prodotti di cui al presente decreto comprendono le indicazioni geografiche tipiche (IGT). L'indicazione geografica tipica costituisce la menzione specifica tradizionale utilizzata dall'Italia per designare i vini IGP come regolamentati dalla Comunita' europea. La menzione «Vin de pays» puo' essere utilizzata per i vini IGT prodotti in Val d'Aosta, di bilinguismo francese, la menzione «Landwein» per i vini IGT prodotti in provincia di Bolzano, di bilinguismo tedesco, e la menzione «deželma oznaka» per i vini IGT prodotti nelle provincie di Trieste, Gorizia e Udine, in conformita' alla richiamata legge 23 febbraio 2001, n. 38. 

4. Le menzioni specifiche tradizionali italiane di cui al presente articolo, anche con le relative sigle DOC, DOCG e IGT, possono essere indicate in etichettatura da sole o congiuntamente alla corrispondente espressione europea.

 N° DENOMINAZIONE VINO  Espressione comunitaria  Menzione tradizionale art. 112, lett. a) del Reg. (UE) 1308/2013  Numero fascicolo Numero e-Bacchus Regione o Provincia Autonoma


1 Aglianico del Taburno DOP DOCG PDO-IT-A0277 CAMPANIA
2 Aglianico del Vulture Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0527 BASILICATA
3 Alta Langa DOP DOCG PDO-IT-A1252 PIEMONTE
4 Amarone della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0435 VENETO
5 Asti DOP DOCG PDO-IT-A1396 PIEMONTE
Bagnoli Friularo Friularo di Bagnoli DOP DOCG PDO-IT-A0467 VENETO
7 Barbaresco DOP DOCG PDO-IT-A1399 PIEMONTE
8 Barbera d'Asti DOP DOCG PDO-IT-A1398 PIEMONTE
9 Barbera del Monferrato Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1397 PIEMONTE
10 Bardolino Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0437 VENETO
11 Barolo DOP DOCG PDO-IT-A1389 PIEMONTE
12 Brachetto d'Acqui Acqui DOP DOCG PDO-IT-A1382 PIEMONTE
13 Brunello di Montalcino DOP DOCG PDO-IT-A1199 TOSCANA
14 Cannellino di Frascati DOP DOCG PDO-IT-A0678 LAZIO
15 Carmignano DOP DOCG PDO-IT-A1220 TOSCANA
16 Castel del Monte Bombino Nero DOP DOCG PDO-IT-A0537 PUGLIA
17 Castel del Monte Nero di Troia Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0538 PUGLIA
18 Castel del Monte Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0539 PUGLIA
19 Castelli di Jesi Verdicchio Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0483 MARCHE
20 Cerasuolo di Vittoria DOP DOCG PDO-IT-A0773 SICILIA
21 Cesanese del Piglio Piglio DOP DOCG PDO-IT-A0680 LAZIO
22 Chianti DOP DOCG PDO-IT-A1228 TOSCANA
23 Chianti Classico DOP DOCG PDO-IT-A1235 TOSCANA
24 Colli Asolani - Prosecco Asolo - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0514 VENETO
25 Colli Bolognesi Classico Pignoletto DOP DOCG PDO-IT-A0284 EMILIA ROMAGNA
26 Colli di Conegliano DOP DOCG PDO-IT-A0453 VENETO
27 Colli Euganei Fior d'Arancio Fior d'Arancio Colli Euganei DOP DOCG PDO-IT-A0455 VENETO
28 Colli Orientali del Friuli Picolit DOP DOCG PDO-IT-A0938 FRIULI VENEZIA GIULIA
29 Conegliano Valdobbiadene - Prosecco Conegliano - Prosecco Valdobbiadene - Prosecco DOP DOCG PDO-IT-A0515 VENETO
30 Cònero DOP DOCG PDO-IT-A0449 MARCHE
31 Dogliani DOP DOCG PDO-IT-A1330 PIEMONTE
32 Dolcetto di Diano d'Alba Diano d'Alba DOP DOCG PDO-IT-A1324 PIEMONTE
33 Dolcetto di Ovada Superiore Ovada DOP DOCG PDO-IT-A1319 PIEMONTE
34 Elba Aleatico Passito Aleatico Passito dell'Elba DOP DOCG PDO-IT-A1237 TOSCANA
35 Erbaluce di Caluso Caluso DOP DOCG PDO-IT-A1315 PIEMONTE
36 Fiano di Avellino DOP DOCG PDO-IT-A0232 CAMPANIA
37 Franciacorta DOP DOCG PDO-IT-A1034 LOMBARDIA
38 Frascati Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0682 LAZIO
39 Gattinara DOP DOCG PDO-IT-A1311 PIEMONTE
40 Gavi Cortese di Gavi DOP DOCG PDO-IT-A1310 PIEMONTE
41 Ghemme DOP DOCG PDO-IT-A1263 PIEMONTE
42 Greco di Tufo DOP DOCG PDO-IT-A0236 CAMPANIA
43 Lison DOP DOCG PDO-IT-A0457 FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO
44 Montecucco Sangiovese DOP DOCG PDO-IT-A1246 TOSCANA
45 Montefalco Sagrantino DOP DOCG PDO-IT-A0833 UMBRIA
46 Montello rosso Montello DOP DOCG PDO-IT-A0461 VENETO
47 Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane DOP DOCG PDO-IT-A0876 ABRUZZO
48 Morellino di Scansano DOP DOCG PDO-IT-A1260 TOSCANA
49 Offida DOP DOCG PDO-IT-A0477 MARCHE
50 Oltrepò Pavese metodo classico DOP DOCG PDO-IT-A0958 LOMBARDIA
51 Piave Malanotte Malanotte del Piave DOP DOCG PDO-IT-A0463 VENETO
52 Primitivo di Manduria Dolce Naturale DOP DOCG PDO-IT-A0535 PUGLIA
53 Ramandolo DOP DOCG PDO-IT-A0939 FRIULI VENEZIA GIULIA
54 Recioto della Valpolicella DOP DOCG PDO-IT-A0441 VENETO
55 Recioto di Gambellara DOP DOCG PDO-IT-A0470 VENETO
56 Recioto di Soave DOP DOCG PDO-IT-A0465 VENETO
57 Roero DOP DOCG PDO-IT-A1261 PIEMONTE
58 Romagna Albana DOP DOCG PDO-IT-A0285 EMILIA ROMAGNA
59 Rosazzo DOP DOCG PDO-IT-A0367 FRIULI VENEZIA GIULIA
60 Ruchè di Castagnole Monferrato DOP DOCG PDO-IT-A1258 PIEMONTE
61 Scanzo Moscato di Scanzo DOP DOCG PDO-IT-A0949 LOMBARDIA
62 Sforzato di Valtellina Sfursat di Valtellina DOP DOCG PDO-IT-A1035 LOMBARDIA
63 Soave Superiore DOP DOCG PDO-IT-A0473 VENETO
64 Suvereto DOP DOCG PDO-IT-A1266 TOSCANA
65 Taurasi DOP DOCG PDO-IT-A0237 CAMPANIA
66 Torgiano Rosso Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0834 UMBRIA
67 Val di Cornia Rosso Rosso della Val di Cornia DOP DOCG PDO-IT-A1262 TOSCANA
68 Valtellina Superiore DOP DOCG PDO-IT-A1036 LOMBARDIA
69 Verdicchio di Matelica Riserva DOP DOCG PDO-IT-A0480 MARCHE
70 Vermentino di Gallura DOP DOCG PDO-IT-A0903 SARDEGNA
71 Vernaccia di San Gimignano DOP DOCG PDO-IT-A1292 TOSCANA
72 Vernaccia di Serrapetrona DOP DOCG PDO-IT-A0445 MARCHE
73 Vino Nobile di Montepulciano DOP DOCG PDO-IT-A1308 TOSCANA

 

Arcole doc

07.10.2015

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA «ARCOLE»

Approvato con DM 04.09.2000 G.U. 214 - 13.09.2000
Modificato con DM 02.11.2006 G.U. 267 - 16.11.2006
Modificato con DM 30.11.2011 G.U. 295 - 20.12.20 11
Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP
Modificato con DM 07.03.2014 Pubblicato sul sito ufficiale del Mipaaf
Sezione Qualità e Sicurezza Vini DOP e IGP


Articolo 1
Denominazione e vini

La denominazione di origine controllata «Arcole», è riservata ai vini che corrispondono alle
condizioni ed ai requisiti stabiliti dal presente disciplinare di produzione, per le seguenti tipologie:
«Arcole» bianco (anche nelle versioni passito, frizzante e spumante);
«Arcole» rosso (anche nelle versioni frizzante e novello);
«Arcole» rosato (anche nelle versioni frizzante e novello);
«Arcole» Garganega (anche nella versione vendemmia tardiva);
«Arcole» seguito da uno dei nomi di vitigno: Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay (quest'ultimo
anche in versione frizzante), Sauvignon, Merlot, Carmenère, Cabernet Sauvignon e Cabernet (da
Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Carmenère);
«Arcole» nero.
La menzione «riserva» è riservata alle tipologie «Arcole» rosso, Merlot, Cabernet Sauvignon,
Cabernet e Carmenère.

Articolo 2
Base ampelografica

I vini a denominazione di origine controllata «Arcole» con uno dei seguenti riferimenti Garganega,
Pinot bianco, Pinot grigio, Chardonnay (anche in versione frizzante), Sauvignon, Merlot, Cabernet
Sauvignon, Carmenère e Cabernet (da Cabernet franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Carmenère)
devono essere ottenuti da uve provenienti da vigneti coltivati, in ambito aziendale, con i
corrispondenti vitigni per almeno l’85%. Possono concorrere, fino a un massimo del 15%, le uve di
altri vitigni di colore analogo, non aromatiche, rispettivamente idonei alla coltivazione per le
province di Vicenza e Verona.
I vigneti della varietà Cabernet franc devono essere iscritti in un albo distinto.
Il vino a denominazione di origine controllata «Arcole» bianco (anche nelle versioni passito,
frizzante e spumante) è ottenuto dalle uve, dai mosti e dai vini, delle seguenti varietà, provenienti
dai vigneti di un unico ambito aziendale, idonei alla produzione dei vini di cui al comma 1, nella
seguente composizione:
Garganega per almeno il 50%, altre varietà a bacca bianca, non aromatiche, congiuntamente o
disgiuntamente, elencate al precedente comma 1, fino a un massimo del 50%.
Il vino a denominazione di origine controllata «Arcole» rosso (anche nelle versioni frizzante,
novello), «Arcole» rosato (anche nelle versioni frizzante e novello) e «Arcole» nero, è ottenuto
dalle uve, dai mosti e dai vini, delle seguenti varietà, provenienti dai vigneti di un unico ambito
aziendale, idonei alla produzione dei vini di di cui al comma 1, nella seguente composizione:

Merlot per almeno il 50%, altre varietà a bacca nera, non aromatiche, congiuntamente o
disgiuntamente, elencate al precedente comma 1, fino a un massimo del 50%.

Articolo 3
Zona di produzione delle uve

La zona di produzione dei vini a denominazione di origine controllata «Arcole» comprende:
provincia di Verona: l ’intero territorio amministrativo dei comuni di: Arcole, Cologna Veneta,
Albaredo d ’Adige, Zimella, Veronella, Zevio, Belfiore d ’Adige, e, parzialmente, il territorio
amministrativo dei comuni di Caldiero, San Bonifacio, Soave, Colognola ai Colli, Monteforte,
Lavagno, Pressana, Vago e San Martino Buon Albergo;
provincia di Vicenza: gli interi territori amministrativi dei comuni di Lonigo, Sarego, Alonte,
Orgiano, Sossano e Rovereto di Guà.
L’area è così delimitata: a partire dal km 322 della strada statale il limite segue verso ovest la
suddetta strada in direzione di Caldiero intersecando il territorio comunale di Soave e Colognola ai
Colli, per piegare a sud seguendo l’unghia di collina dei monti Rocca e Gazzo sopra la quota 40 e
ritornando verso nord sulla strada statale 11. Da qui il limite prosegue verso ovest lungo la strada
statale 11 fino ad incrociare in territorio di Lavagno l’autostrada Serenissima che segue in comune
di San Martino Buon Albergo, fino alla località Mulino Vecchio, da qui continua verso sud lungo il
confine comunale di San Martino Buon Albergo fino in prossimità della località Pontoncello dove
segue il confine del comune di Zevio per tutto il suo sviluppo a sud del paese e raggiungendo a
Porto della Bova il confine comunale di Belfiore; lo segue lungo l’Adige verso Albaredo fino alla
località Moggia.
Da qui si dirige verso est lungo il confine comunale di Albaredo fino a raggiungere il confine
comunale di Veronella in località Boschirolle e da qui proseguendo lungo il Dugale Ansòn per
dirigersi verso nord alla località Gallinara, quindi di nuovo ad est lungo il Dugale Gatto per
raggiungere verso nord il confine comunale di Cologna Veneta. La delimitazione segue quindi il
confine comunale di Cologna Veneta passando per la località Pra fino a congiungersi col confine
comunale di Pressana sul fiume Fratta che segue la direzione sud-est oltrepassando la strada ferrata
in disarmo e la località Ponte Rosso.
Prosegue lungo tale linea fino ad incontrare il confine comunale fra Pressana e Minerbe; percorre
quindi tale delimitazione fino a collegarsi con il confine provinciale padovano in località Rovenega.
Si dirige quindi lungo questo confine provinciale delimitando prima la via Rovenega, poi la via
Argine Padovano, quindi via Argine Padovano, entrando nel comune di Rovereto di Guà, oltrepassa
la località Caprano fino ad incontrare il fiume Guà.
Il limite prosegue quindi lungo il fiume Guà in direzione nord-ovest fino ad intersecare il confine
comunale fra Rovereto di Guà e Cologna Veneta in località Boara. Da qui viene seguito il confine
del comune di Cologna verso est fino alla località Salboro, dirigendosi quindi verso nord-ovest,
lungo il confine provinciale con Vicenza sino presso S. Sebastiano e passando dalla località Orlandi
e proseguendo a nord fino allo scolo Ronego ed al confine del comune di Orgiano. Da qui lungo lo
scolo Alonte il limite si dirige verso est passando per Case Como per raggiungere il confine
comunale di Sossano passando per la località Pozza fino al Ponte Sbuso.
Da qui si dirige a nord passando per la località Termine, quindi Ponte Mario fino a raggiungere lo
scolo Fiumicello e da qui dirigendosi per breve tratto verso nord e quindi verso est, sempre lungo il
confine comunale di Sossano, passando per la località Campagnola e quindi alla località Pozza. Da
qui il confine ridiscende verso sud passando dalla località Fontanella, quindi Pontelo fino al confine
comunale di Orgiano che segue verso nord lungo lo scolo Liona, per piegare a est passando dalla
località Dossola fino al confine comunale di Alonte che segue per breve tratto verso nord fino al
confine comunale di Lonigo per Ca Bandia fino alla località Ciron per poi dirigersi verso sud-est e
presso il monte Crearo si congiunge col confine comunale di Sarego che segue verso nord passando
per la località Giacomelli raggiungendo infine il fiume Bredola che costeggia verso sud-est per poi
continuare verso nord passando per la località Canova e Navesella.
Da qui il confine comunale di Sarego prosegue verso est passando per la località Frigon basso e la
località Muraro dove si ricongiunge al confine comunale di Lonigo. Questo viene seguito verso
nord fino alla ferrovia Milano-Venezia che costeggia fino alla località Dovaro per poi proseguire a
nord e piegare verso est in prossimità della strada statale 11, passando raggiungendo il confine
comunale di San Bonifacio in località Fossacan. Da qui la delimitazione continua verso nord lungo
il confine provinciale tra Verona e Vicenza fino alla strada statale 11 a Torri di Confine e
continuare verso nord fino all’autostrada Serenissima. Questa viene seguita verso ovest
intersecando il torrente Aldegà ed entrando in comune di Monteforte per proseguire sempre lungo
l’autostrada fino alla strada per San Lorenzo che segue verso sud fino a raggiungere la strada statale
11 vicino al ponte sul torrente Alpone in prossimità dello zuccherificio di San Bonifacio. La strada
statale 11 viene seguita infine verso ovest fino al punto di partenza al Km. 322.

Articolo 4
Norme per la viticoltura

Le condizioni ambientali di coltura dei vigneti destinati alla produzione dei vini a denominazione di
origine controllata «Arcole» devono essere quelle tradizionali della zona e, comunque, atte a
conferire alle uve e al vino derivato le specifiche caratteristiche.
I terreni devono presentare composizione argillosa o argilloso-sabbiosa o sabbiosa.
Sono pertanto da considerarsi esclusi ai fini dell'idoneità alla produzione dei vini di cui all’articolo
1, quelli ubicati in terreni di natura torbosa, limosa o eccessivamente umidi e fertili.
Le viti devono essere allevate esclusivamente a spalliera semplice o doppia, ad esclusione della
varietà Garganega per la quale è consentito l'uso della pergola semplice o doppia, o della pergoletta
veronese aperta.
Per i vigneti piantati prima dell'approvazione del presente disciplinare e non allevati a spalliera,
l'idoneità alla produzione è consentita per un periodo massimo di 15 anni. Trascorso tale periodo,
per i vigneti di cui al paragrafo precedente sarà revocata automaticamente l’idoneità a produrre i
vini DOC “Arcole”. È fatto obbligo nella conduzione delle pergole la tradizionale potatura, a secco
ed in verde, che assicuri l'apertura della vegetazione nell'interfila.
È fatto obbligo per tutti i vigneti piantati dopo l'approvazione del presente disciplinare, qualsiasi sia
la varietà coltivata, prevedere un numero di ceppi per ettaro non inferiore a 3.500, ad esclusione
della varietà Garganega per la quale il numero di ceppi per ettaro non può essere inferiore a 3.000.
I sesti d'impianto, le forme d'allevamento ed i sistemi di potatura, devono essere comunque atti a
non modificare le caratteristiche delle uve e del vino.
È vietata ogni pratica di forzatura; è tuttavia consentita l'irrigazione di soccorso.
La produzione massima di uva per ettaro in coltura specializzata delle varietà di viti destinate alla
produzione dei vini di cui all'art. 2 e i rispettivi titoli alcolometrici volumici naturali minimi sono i
seguenti:
prod/max titolo alc
Vitigni uva vol. nat.
ton/ha minimo
Garganega 16 9.50
Pinot bianco 13 10.00
Pinot Grigio 13 10.00
Chardonnay 14 10.00
Sauvignon 14 10.00
Merlot 15 10.00
Cabernet (*) 14 10.00
(*) Cabernet Franc, Cabernet Sauvignon e Carmenère.


Per la produzione massima ad ettaro e il titolo alcolometrico volumico naturale minimo delle uve
destinate alla produzione dei vini delle tipologie «Bianco» (anche nelle versioni passito, frizzante e
spumante) e «Rosso» (anche nelle versioni frizzante e novello) e «Rosato» (anche nelle versioni
frizzante e novello), si fa riferimento ai limiti stabiliti per ciascuna delle varietà che le compongono.
Le uve destinate alla produzione delle tipologie Rosso, Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet
designate con il termine «riserva» devono avere un titolo alcolometrico volumico naturale minimo
di 11,00% e una produzione di uva di 12 ton per ettaro.
Le uve destinate alla produzione della tipologia «Arcole» Nero devono avere un titolo
alcolometrico volumico naturale minimo di 11,00% e una produzione di uva di 12 ton per ettaro.
Le uve della varietà Garganega, qualora siano destinate alla produzione di vini designati con il
termine «vendemmia tardiva» devono avere una resa non superiore a 12 ton per ettaro.
Le uve dei vini destinati alla produzione dei vini spumanti potranno avere un titolo alcolometrico
volumico naturale minimo inferiore dello 0,5% rispetto a quello sopra specificato, purchè la
destinazione delle uve atte ad essere elaborate, venga espressamente indicata nella denuncia annuale
delle uve.
In annate con andamenti climatici particolarmente sfavorevoli è ammessa, con provvedimento della
regione Veneto, adottato secondo le procedure di cui al D.lgs n. 61/2010 ed al successivo paragrafo
12, la riduzione del titolo alcolometrico volumico naturale minimo delle uve destinate alla
produzione dei vini di cui alla presente denominazione.
Nelle annate favorevoli, i quantitativi di uva ottenuti da destinare alla produzione del vino a
denominazione di origine controllata «Arcole», devono essere riportati nei limiti di cui sopra purchè
la produzione globale non superi del 20% i limiti medesimi, fermo restando i limiti resa uva/vino
per i quantitativi di cui trattasi.
La regione Veneto con proprio decreto, ai sensi dell'articolo 14 del D.lgs n. 61/2010, su proposta
del consorzio di tutela, di anno in anno, prima della vendemmia può stabilire i limiti massimi di resa
di uva ad ettaro, classificabile per la produzione dei vini destinati a produrre la denominazione di
origine controllata «Arcole», inferiori a quelli fissati nel presente disciplinare di produzione,
dandone comunicazione immediata al Ministero per le politiche agricole alimentari e forestali.
I rimanenti quantitativi fino al raggiungimento del limite massimo previsto dal presente articolo,
saranno presi in carico per la produzione di vino da tavola a indicazione geografica tipica se ne
hanno le caratteristiche.

Articolo 5
Norme per la vinificazione

Le operazioni di appassimento, di vinificazione delle uve e di invecchiamento obbligatorio dei vini
destinati alla produzione della denominazione di origine controllata «Arcole» devono essere
effettuate nell’ambito delle province di Verona e Vicenza.
Nella vinificazione sono ammesse soltanto le pratiche enologiche locali, leali e costanti atte a
conferire al vino le sue peculiari caratteristiche.
È consentito l’arricchimento, nel rispetto della normativa nazionale e comunitaria, ad esclusione dei
passiti.
La resa massima dell ’uva in vino non deve essere superiore al 70% per tutti i vini. Qualora la resa
uva/vino superi i limiti di cui sopra, ma non il 75%, l’eccedenza non ha diritto alla denominazione
d’origine controllata. Oltre detto limite decade il diritto alla denominazione d’origine controllata per
tutta la partita.
I mosti ed i vini idonei alla produzione del vino a denominazione di origine controllata «Arcole»
Bianco nel rispetto di quanto disposto dal presente disciplinare, possono essere utilizzati per
produrre vini spumanti ottenuti secondo le metodologie di elaborazione previste dalle normative
nazionali e comunitarie.

I mosti ed i vini idonei alla produzione del vino «Arcole» nelle tipologie Arcole Bianco, Arcole
Rosato e Arcole Chardonnay, nel rispetto di quanto disposto dal presente disciplinare, possono
essere utilizzati per produrre vini frizzanti ottenuti secondo le metodologie di elaborazione previste
dalle normative nazionali e comunitarie.
La vinificazione delle uve destinate alla produzione dell ’«Arcole» Bianco Passito o «Arcole»
Passito può avvenire solo dopo che le stesse siano state sottoposte ad appassimento naturale, per un
periodo non inferiore ai due mesi, avvalendosi anche di sistemi e/o tecnologie che comunque non
aumentino la temperatura dell’appassimento rispetto al processo naturale.
La resa massima dell’uva in vino per ottenere l ’«Arcole» Passito non deve essere superiore al 40%.
La vinificazione delle uve destinate alla produzione del «Arcole» Nero può avvenire solo dopo un
appassimento naturale di almeno trenta giorni avvalendosi anche di sistemi e/o tecnologie che
comunque non alterino le temperature rispetto al processo naturale.
La resa massima dell’uva in vino per ottenere l ’«Arcole» Nero non deve essere superiore al 45%.
I vini delle tipologie «Arcole» Nero, «Arcole» Passito e «Arcole» Vendemmia Tardiva non possono
essere immessi al consumo prima del 1° novembre dell’anno successivo alla vendemmia.
L’affinamento deve essere di almeno tre mesi in botti di legno.
La elaborazione dei vini spumanti e frizzanti deve avvenire solo all ’interno del territorio della
regione Veneto.
La specificazione vendemmia tardiva è riservata esclusivamente al vino «Arcole» Garganega
prodotto con le uve raccolte dopo l ’estate di S. Martino (11 novembre).
I vini a denominazione origine controllata «Arcole» con indicazione di vitigno, ottenuti da uve
raccolte nella parte di territorio di cui all’art. 3, ubicato in provincia di Vicenza, possono a norma
del D.lgs n. 61/2010, essere riclassificati nelle analoghe tipologie della denominazione di origine
controllata «Vicenza», se compatibili con il disciplinare di produzione della predetta denominazione
di origine.

Articolo 6
Caratteristiche al consumo

I vini di cui all'art. 1 all'atto dell'immissione al consumo devono rispondere alle seguenti
caratteristiche:
«Arcole» Pinot Bianco:
colore: giallo paglierino;
odore: fine caratteristico, tendente al fruttato;
sapore: asciutto, talvolta morbido, vellutato, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima:5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16 g\l;

«Arcole» Chardonnay:
colore: giallo paglierino;
odore: fine caratteristico, elegante;
sapore: asciutto, talvolta morbido e fine;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16 g\l;

«Arcole» Chardonnay Frizzante:
colore: giallo paglierino tendente a volte al verdognolo, brillante;
odore: caratteristico con profumo intenso e delicato;
sapore: di medio corpo, armonico, leggermente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
acidità totale minima: 5,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16 g/l;

«Arcole» Pinot Grigio:
colore: da giallo paglierino ad ambrato, talvolta con riflessi ramati;
odore: delicato, caratteristico, fruttato;
sapore: asciutto, armonico, caratteristico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16 g/l;

«Arcole» Garganega:
colore: giallo paglierino tendente al verdognolo;
odore: caratteristico con profumo intenso e delicato;
sapore: asciutto, leggermente amarognolo, acidulo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
acidità totale minima: 5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16 g\l;

«Arcole» Merlot:
colore: rosso rubino se giovane, tendente al granato se invecchiato;
odore: piuttosto intenso, caratteristico;
sapore: asciutto, leggermente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,5% vol e 12% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 18 g\l e 22 g\l nella versione riserva;

«Arcole» Cabernet Sauvignon:
colore: rosso rubino intenso, tendente al granato con l'invecchiamento;
odore: caratteristico, con profumo più intenso se invecchiato;
sapore: asciutto, armonico, austero e vellutato se invecchiato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,5% vol e 12% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 20 g\l e 22 g\l nella versione riserva;

«Arcole» Cabernet:
colore: rosso rubino carico, talvolta tendente al granato;
odore: gradevole, con profumo più intenso se invecchiato;
sapore: asciutto, armonico, vellutato se invecchiato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,5% vol. e 12% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 20 g\l e 22 g\l nella versione riserva;

«Arcole» Carmenère:
colore: rosso rubino carico, talvolta tendente al granato;
odore: gradevole e caratteristico, con profumo più intenso se invecchiato;
sapore: asciutto, armonico, vellutato se invecchiato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,50% vol e 12,00% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l e 22,0 g/l nella versione riserva;

«Arcole» Bianco:
colore: giallo paglierino a volte tendente al verdognolo;
odore: caratteristico con profumo intenso e delicato;
sapore: asciutto, di medio corpo, armonico, leggermente amarognolo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,5% vol;
acidità totale minima: 4,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g/l;

«Arcole» Bianco spumante o Arcole spumante:
spuma: fine e persistente;
colore: giallo paglierino più o meno intenso,
odore: caratteristico, leggermente fruttato;
sapore: sapido, caratteristico, delicato, nei tipi extra brut, brut, extra dry, dry, abboccato e dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11% vol;
acidità totale minima: 4,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g\l;

«Arcole» Rosso:
colore: rosso rubino;
odore: intenso e delicato;
sapore: asciutto di medio corpo e armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol e 12,00% vol nella versione riserva;
acidità totale minima: 4,5 g\l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g\l e 22,0 g/l nella versione riserva;

«Arcole» Rosso Frizzante:
colore: rosso rubino;
odore: intenso e delicato;
sapore: di medio corpo, armonico, secco o abboccato;
titolo alcolometrico volumico totale minimo:11,00% vol;
acidità totale minima:5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,00 g/l;

«Arcole» Novello:
colore: rosso rubino chiaro;
odore: intenso fruttato caratteristico con sentore di ciliegia;
sapore: asciutto, sapido, leggermente acidulo;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11 % vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 18,0 g/l;

«Arcole» Sauvignon:
colore: giallo paglierino più o meno intenso;
odore: delicato, caratteristico;
sapore: asciutto, pieno, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 11,00% vol;
acidità totale minima: 4,5, g\l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g\l;

«Arcole» Bianco Frizzante o «Arcole» Frizzante:
colore: giallo paglierino tendente talvolta al verdognolo brillante;
odore: caratteristico con profumo intenso e delicato;
sapore: di medio corpo, armonico, leggermente amarognolo, secco, abboccato o dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g\l;
estratto non riduttore minimo: 15,0 g\l;

«Arcole» Rosato:
colore: rosso rubino chiaro, brillante;
odore: caratteristico con profumo intenso e delicato;
sapore: di medio corpo, armonico;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g\l;

«Arcole» Rosato Frizzante:
odore: caratteristico con profumo intenso e delicato;
colore: rosso rubino chiaro;
sapore: di medio corpo, armonico, secco, abboccato o dolce;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 10,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g\l;
estratto non riduttore minimo: 16,0 g\l;

«Arcole» Bianco Passito o «Arcole» Passito:
colore: giallo dorato più o meno intenso;
odore: gradevole, intenso e fruttato;
sapore: amabile, dolce, vellutato, armonico di corpo con eventuale percezione di legno;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 14,50% vol;
acidità totale minima: 5,0 g/l;
estratto non riduttore minimo: 24,0 g/l;

«Arcole» Garganega Vendemmia Tardiva:
colore: giallo paglierino intenso con possibili riflessi verdognoli e dorati;
odore: ampio, profondo e intenso;
sapore: rotondo, pieno, intenso a volte con una vena amarognola nel finale, nei prodotti maturati in
legno può presentare anche note di vaniglia;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 12,50% vol;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 20,0 g/l;

«Arcole» Nero:
colore: rosso intenso con l'invecchiamento tendente al granato;
odore: caratteristico, accentuato, delicato;
sapore: pieno, vellutato, caldo, di buona struttura e persistenza;
titolo alcolometrico volumico totale minimo: 13,50% vol.;
acidità totale minima: 4,5 g/l;
estratto non riduttore minimo: 26,0 g/l;
I vini a denominazione di origine controllata «Arcole» di cui al presente articolo, possono essere
elaborati, secondo pratiche tradizionali, anche in recipienti di legno; in tal caso possono essere
caratterizzati da leggero sentore di legno.
È facoltà del Ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali, modificare con proprio
decreto i limiti dell'acidità e dell'estratto non riduttore minimo.

Articolo 7
Etichettatura designazione e presentazione

Nella presentazione e designazione dei vini a denominazione di origine controllata «Arcole» nelle
varie tipologie, è vietata l ’aggiunta di qualsiasi qualificazione aggiuntiva diversa da quella prevista
dal presente disciplinare, ivi compresi gli aggettivi «extra», «fine», «scelto», «selezionato» e
similari.
È consentito l’uso di indicazioni che facciano riferimento a nomi, ragioni sociali, marchi privati non
aventi significato laudativo e non idonei a trarre in inganno il consumatore.
I vini a denominazione di origine controllata «Arcole» Rosso, Cabernet Sauvignon, Merlot e
Cabernet ottenuti da uve con una produzione per ettaro di 12 tonnellate aventi un titolo
alcolometrico volumico minimo naturale di 11%, qualora vengano sottoposti ad un periodo di
invecchiamento di almeno due anni, di cui almeno tre mesi in botti di legno, possono portare in
etichetta la qualificazione aggiuntiva di «Riserva», purchè le relative partite siano specificate nella
dichiarazione del raccolto come «destinate a riserva».
Il periodo di invecchiamento decorre dal 1° novembre dell ’anno di produzione delle uve.
Nella presentazione e designazione della tipologia «Arcole» Bianco Passito, «Arcole» Bianco
Spumante, «Arcole» Bianco Frizzante, «Arcole» Garganega Vendemmia Tardiva, «Arcole» Rosso,
e «Arcole» Rosso Novello può essere omesso il riferimento al colore e al vitigno.
Le menzioni facoltative esclusi i marchi e i nomi aziendali possono essere riportate
nell ’etichettatura soltanto in caratteri tipografici non più grandi o evidenti di quelli utilizzati per la
denominazione di origine del vino, salve le norme generali più restrittive.
Nella designazione dei vini a denominazione di origine controllata «Arcole» con vitigno può essere
utilizzata la menzione «vigna» a condizione che sia seguito dal corrispondente toponimo, che la
relativa superficie sia distintamente specificata nello Schedario viticolo veneto, che la vinificazione,
elaborazione e conservazione del vino avvengano in recipienti separati e che tale menzione, seguita
dal toponimo venga riportata sia nella denuncia delle uve, sia nei registri, sia nei documenti di
accompagnamento.

Articolo 8
Confezionamento

Per i vini a denominazione di origine controllata «Arcole» immessi al consumo in contenitori fino a
5 litri, è obbligatorio l'utilizzo delle tradizionali bottiglie di vetro chiuse con tappo di sughero raso
bocca.
Tuttavia per le bottiglie da 0,375 fino a 1,5 litri è consentito anche l'uso del tappo a vite.
La tappatura dei vini frizzanti e spumanti deve essere conforme alla normativa vigente.

Articolo 9
Legame con l’ambiente geografico

a) Specificità della zona geografica

Fattori storici e umani
La Doc Arcole prende il nome da uno dei Comuni che ricadono nell’ambito della Denominazione.
Il Comune di Arcole, infatti, sia per la localizzazione geografica al centro del comprensorio, sia per
lo specifico interesse produttivo che per l’importante bagaglio storico legato alle campagne
napoleoniche che tanto hanno segnato la vita e la storia di questa zona, è il punto di riferimento di
tutto il comprensorio. Uno dei simboli più significativi è il ponte sul torrente Alpone e l’obelisco
commemorativo del confronto tra gli eserciti francesi e austriaci tra il 15 e il 17 novembre 1796.
Oggi questo ponte può essere ritenuto il simbolo dell’Arcole Doc perché esprime la tradizione e
l’intimo orgoglio di questa terra.
Qui la diffusione della vite ha certamente più di 2000 anni , grazie anche alle due vie di
comunicazione che rendevano appetibile l’area alla colonizzazione romana: l’Adige (via fluviale) e
la Porcilana (via stradale), ma avrà nel Medioevo nuovo vigore. La possibilità del trasporto del vino
proveniente dalle zone attorno ad Arcole, contribuiva ad espandere ovunque la coltura della vite.
Tutta la zona dell’Arcole veniva indicata con il toponimo di Fiumenovo, che si identifica con gran
parte della piattaforma alluvionale dove un tempo erano diffusi boschi e sterpaglie insieme a
laghetti. Negli inventari delle proprietà e nei singoli documenti di donazione, di affitto e di
compravendita, sono immancabili i riferimenti al vino e alla sua produzione sviluppata dalla rete di
abbazie quali San Pietro di Villanova e Lepia.
Le viti furono tenute in grande considerazione anche dalla Repubblica di Venezia. Il Colognese,
compreso nella zona dell’Arcole, è stato, per la Repubblica Veneziana, una terra prediletta molto
legata alla città lagunare, forniva in abbondanza vino, granaglie e canapa, di cui i veneziani non
potevano fare a meno.
La DOC Arcole viene riconosciuta nel 2000 con D.M. 4/9/2000 - G.U. n.214 del 4/9/2000, per
raccogliere questo rilevante patrimonio di storia e di viticoltura e per qualificare ulteriormente un
importante territorio di grande tradizione tra le province di Verona e Vicenza. La particolarità di
questo territorio è il terreno limoso sabbioso che conferisce ai vini caratteristiche uniche. Con la
necessità di gestire e valorizzare questo importante momento di trasformazione ed evoluzione
produttiva, è nato l’8 febbraio 2001 il Consorzio di Tutela.
L’evoluzione della viticoltura in questo areale è tipica di una viticoltura da pianura caratterizzata
tradizionalmente da forme di allevamento piuttosto espanse con vitigni di diversa origine. Solo le
professionalità degli operatori nel corso degli ultimi anni ha permesso di selezionare le varietà che
meglio di altre si esprimono in questo areale. Sono stati selezionati i suoli migliori e sono stati
adottati sistemi di impianto di nuova concezione proprio per esaltare al meglio le caratteristiche dei
vini. I produttori ha opertao un’importante trasformazione del tessuto produttivo nel quale
selezione, attenzione e competitività sono diventati valori caratterizzanti dell’azione dei viticoltori.
Questi progressi sono stati stimolati e valorizzati dal sistema organizzativo proprio di questo
territorio da sempre coordinato dalle cantine cooperative, strutture che oltre a generare valore,
sanno indirizzare i produttori verso quei vitigni maggiormente apprezzati dal mercato. I produttori
che hanno deciso di investire in questa zona puntano al rinnovamento in vigna, rivedendo forme di
allevamento e densità di impianti, il tutto a vantaggio di una grande qualità dell’uva.

Fattori naturali
Il territorio si presenta uniformemente pianeggiante nella parte sud occidentale, secondo i caratteri
tipici di una pianura alluvionale, mentre la zona collinare inizia con il rilievo Motta a San Bonifacio
e ad oriente con una parte dei Colli Berici.
I terreni di pianura, vocati a vigna, sono quelli di natura prevalentemente "sabbioso-argilloso".
Infatti la pianura risulta morfologicamente movimentata dalla presenza di dossi, terrazzi e di
scarpate con non più di una decina di metri di dislivello; i terreni sono profondi, talora dotati anche
in maniera rilevante di sabbia.
La morfologia del suolo di produzione del vino Arcole DOC può essere attribuita, sostanzialmente,
ai fenomeni di erosione e di sedimentazione, legati principalmente ai fiume Adige e,
secondariamente, ai corsi d'acqua locali.
Questi terreni sono composti prevalentemente da depositi sabbiosi e secondariamente ghiaiosi;
localmente, i depositi sabbiosi contengono percentuali variabili di limo. Le aree dove affiorano
dossi limoso-sabbiosi, che si sviluppano in varie direzioni, corrispondono alle antiche divagazioni
del fiume stesso. Mentre i depositi limosi di origine lessinea presentano una colorazione marron-
rossastra, i depositi limosi di origine atesina, invece, assumono una colorazione marron chiaro-
nocciola.
Nell'area vicentina della zona di produzione del vino Arcole DOC, il fiume Frassine avrebbe
deposto, sopra i terreni formati nell'epoca quaternaria dal ghiacciaio Adige-Sarca, uno strato di
terreno alluvionale colore rosso-scuro, derivante dal dilavamento di dolomie marnose, basalti,
porfidi, calcari gessosi, ecc.
L'area dell'Arcole DOC presenta un clima relativamente omogeneo di tipo continentale, con estati
molto calde e afose e inverni rigidi e nebbiosi. Le temperature massime si collocano fra la seconda
decade di luglio e la prima di agosto e le minime tra la prima e la terza decade di gennaio.
L'escursione termica annua è abbastanza elevata, mentre la piovosità risulta contenuta anche se ben
distribuita durante l'anno.

b) Specificità del prodotto

Pur essendo numerose le tipologie di vino previste nel disciplinare di produzione, possiamo per
semplicità ricondurle a tre:
• I vini bianchi: l’Arcole Bianco, l’Arcole Chardonnay e l’Arcole Pinot Grigio sono caratterizzati da
un colore giallo paglierino con riflessi verdognoli quando giovane e più dorati durante
l’invecchiamento. I profumi sono eleganti e sottili soprattutto per i vigneti situati sui terreni più
sabbiosi. Al gusto hanno corpo snello, fragrante, sapido ed aromatico, mai eccessivamente fruttati
proprio per le caratteristiche dettate dal suolo e dall’ambiente.
• I vini rossi, ottenuti con Merlot e Cabernet Sauvignon e Carmenere, hanno da giovani colore rosso
rubino intenso con tonalità tendenti al viola. Con l’affinamento il colore assume tonalità più
granato. Il profumo è sempre intenso, con spiccate note di cacao, violette e lampone. Il sapore è
generalmente asciutto, secco, e nel caso del Cabernet, spiccatamente più erbaceo. Con
l’invecchiamento aumentano la complessità e la sensazione di giusta morbidezza del vino.
• Arcole Nero: si ottiene con l’appassimento delle uve per circa due mesi nelle varietà Merlot e
Cabernet Sauvignon e il periodo di affinamento di almeno due anni e di almeno tre mesi in botti di
legno determina un colore che passa dal rosso rubino con riflessi violacei al colore rosso rubino
tendente al granato e, per quelli molto invecchiati, al granato. Il bouquet è complesso e somma alle
caratteristiche varietali piacevoli note di vaniglia, di legno e talvolta di fumo. Il corpo è ricco, con
tannini morbidi e bouquet più delicato e fine rispetto ai vini non affinati in legno.

c) Legame causa effetto fra ambiente e prodotto

In un contesto pedologico alquanto variegato, è la componente limoso-sabbiosa a caratterizzare con
più continuità questo territorio dando ai vini caratteristiche e riconoscibilità ben definite.
I vini bianchi dei terreni più sabbiosi esprimono profumi eleganti e sottili, un’importante
espressione aromatica e un moderato contenuto alcolico; essi manifestano il massimo della loro
piacevolezza nei primi anni di vita. Solo la tipologia Vendemmia Tardiva riesce ad esprimere vini
più strutturati e longevi.
I vini rossi dei suddetti suoli, associati al clima molto caldo fra luglio e agosto, e ad una piovosità
contenuta, esprimono vini di buona struttura ma in genere bisognosi di arrotondare il loro carattere
con qualche anno in bottiglia.
Sono infatti le competenze specifiche dei produttori che permettono di ottimizzare i risultati
enologici e di valorizzare al meglio le diverse varietà coltivate nell’area.
Per le tipologie Arcole Nero e Passito, il metodo tradizionale dell’appassimento e dell’affinamento
utilizzato tradizionalmente dai produttori determina in modo significativo il risultato finale del vino.
I vini come questi, ottenuti dopo uno-due anni in botti di legno o serbatoi hanno un colore carico
con tonalità violacee, il profumo diviene fruttato ed etereo. Il gusto è ampio, armonico, con
sensazioni speziate e balsamiche perfettamente amalgamate alla presenza di tannini morbidi.

Durante l’affinamento in bottiglia il colore evolve al classico granato e i profumi e le sensazioni
retro nasali assumono note eteree di frutta rossa sotto spirito.

Articolo 10
Riferimenti alla struttura di controllo

Siquria Srl
Vicolo A. Mattielli, 11
37038 - Soave (VR) Italy
Tel. 045 4857514
Fax: 045 6190646
e-mail: info@siquria.it

La Società Siquria è l’Organismo di controllo autorizzato dal Ministero delle politiche agricole
alimentari e forestali, ai sensi dell’articolo 13 del decreto legislativo n. 61/2010 (Allegato 1), che
effettua la verifica annuale del rispetto delle disposizioni del presente disciplinare, conformemente
all’articolo 25, par. 1, 1° capoverso, lettera a) e c), ed all’articolo 26 del Reg. CE n. 607/2009, per i
prodotti beneficianti della DOP, mediante una metodologia dei controlli combinata (sistematica ed a
campione) nell’arco dell’intera filiera produttiva (viticoltura, elaborazione, confezionamento),
conformemente al citato articolo 25, par. 1, 2° capoverso.
In particolare, tale verifica è espletata nel rispetto di un predeterminato piano dei controlli,
approvato dal Ministero, conforme al modello approvato con il DM 14 giugno 2012, pubblicato in
G.U. n. 150 del 29.06.2012 (Allegato 2).

 


PROPONI LA NOTIZIA

OkNotizie     

 

Immagini e/o testi possono essere tratti dal web. In nessun caso i testi riportati sostituiscono i documenti ufficiali


 

 


NOVITA

NOVITA

NOVITA

Inizio pagina |Tv15 è un sito amatoriale creato da appassionati dei vini italiani. Pertanto i riferimenti riguardanti le informazioni riportatesono tratte principalmente dal web. Per errori o informazioni incomplete Vi preghiamo di darcene comunicazione per modificarle non appena possibile | Note legali | Powered by CMSimple_XH |